Hopitutuqaiki

The Hopi School

PO Box 56
Hotevilla, Arizona 86030

928-734-2433
www.hopischool.net

Scholar’s Library


Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language

Download this book: [ ASCII ]

Test

Title: Storia dei musulmani di Sicilia, vol. III, parte II
Author: Amari, Michele
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia dei musulmani di Sicilia, vol. III, parte II" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



was produced from images generously made available by
Bayerische Staatsbibliothek / Bavarian State Library.)



                                 STORIA
                                  DEI
                               MUSULMANI
                               DI SICILIA


                                SCRITTA

                           DA MICHELE AMARI.


                              VOLUME TERZO
                             Parte Seconda.



                                FIRENZE.
                         SUCCESSORI LE MONNIER.
                                 1872.



                         Proprietà letteraria.



LIBRO SESTO.



CAPITOLO I.


Trapasserei di molto i limiti ch’io mi proposi mettendo mano a
quest’opera, s’io continuassi a trattare per filo e per segno la storia
della Sicilia fino al tempo che vi rimasero abitatori musulmani. Nel
presente libro io dunque toccherò per sommi capi le vicende della corte
e de’ popoli cristiani, quanto basti a rischiarar quelle de’ Musulmani,
delle quali noterò ben tutti i particolari che siano pervenuti infino a
noi. Aggiugnerò le relazioni del principato co’ Musulmani di fuori; sì
per la connessione del subietto, e sì per la novità dei fatti che, la
più parte, si raccolgon ora per la prima volta negli scritti arabici.

Mancano gli annali cristiani della Sicilia dal primo al ventunesimo
anno del duodecimo secolo, quando Ruggiero il giovane comparisce a
un tratto uom di Stato, potente per armi e ricchezze, conquistatore
del ducato di Puglia e nemico audacissimo de’ papi. Riscontrando co’
diplomi le poche parole che ne dicono i cronisti, ritraggiamo appena
in questo periodo che, morto il primo conte Ruggiero (1101) rimasero
di lui due bambini, Simone e Ruggiero, l’uno di otto anni, l’altro
di sei; che la contessa Adelaide resse la Sicilia e la Calabria a
nome del primo, infino al millecento cinque[1] ed a nome di Ruggiero
infino al cento dodici;[2] e che l’anno appresso, il giovanetto rimanea
padrone di sè medesimo e dello Stato. La madre andava in Palestina a
rimaritarsi con Baldovino I, re di Gerusalemme; gli recava i tesori
della Sicilia: ma il Crociato, quando gli ebbe sciupati, sciolse il
matrimonio, connivente il papa, il patriarca ed un concilio (1116); sì
chè l’Adelaide tornossi oltraggiata in Sicilia, dove poco stante (1118)
morì.[3] Una cronica dice vagamente che Simone nel “breve suo consolato
avea durate gravi molestie da’ Pugliesi;[4]” ond’e’ parrebbe che baroni
di quella provincia, o forse il duca, si fossero provati ad occupare le
Calabrie. Orderico Vitale, monaco francese di quella età, asseriva che
un Roberto figlio del duca di Borgogna, fu dalla Adelaide chiamato in
Sicilia, adoperato a reprimere i baroni, maritato ad una sua figliuola
e poi scelleratamente morto di veleno:[5] ma il nome non torna nei
ricordi siciliani;[6] nè un misfatto, sì leggermente supposto in tutti
i tempi, può credersi a quel frate, ghiotto di favole e punto benigno
all’Italia. L’abate di Telese, biografo del re, dice poco della sua
fanciullezza: che lo Stato fu governato dalla prudentissima Adelaide
sua madre; che Ruggiero non vedea mendico nè pellegrino che non gli
desse tutti i danari ch’egli avea in tasca e que’ che domandava alla
madre; e che, vivente il padre, giocando a battagliare con gli altri
bambini, ei sgarava sempre il maggior fratello e lo scherniva: “lascia
a me la corona e le armi, ch’io ti farò vescovo o papa di Roma.[7]”
Cotesti aneddoti mostrano, oltre gli alti spiriti del fanciullo, che a
corte non si parlasse de’ papi con tanta riverenza, e che si tenesse in
gran pregio la carità, precipua virtù dei Musulmani; ma non delineano
di certo la storia del tempo.

La penuria de’ racconti pur vale a provare che sotto la reggenza
non seguì alcuno strepitoso avvenimento; cioè che la contessa e i
suoi consiglieri seppero usare, e forse compiere, i buoni ordini
posti dal primo Ruggiero; e ch’e’ tennero salda la mano su quella
nuova mescolanza di uomini, la quale parrebbe proprio il simbolo
della discordia. La feudalità che tosto volse ad anarchia nel ducato
di Puglia, non osò levar la testa in Sicilia: la quale generalità
è compendiata, s’io ben mi appongo, nelle parole dei notabili di
Traina, Centorbi ed altre terre della Sicilia centrale, i quali il
millecenquarantadue attestavano in giudizio il seguente fatto de’
tempi della reggenza. Querelandosi un Eleazar,[8] signore di San
Filippo d’Argirò, che il vescovo di Traina, signore di Regalbuto, gli
avesse usurpato un tratto di terreno, Adelaide commetteva il giudizio
a Roberto Avenel e ad altri nobili uomini; i quali andati su i luoghi
co’ notabili e i litiganti, Eleazar proruppe ch’ei volea dividere i
confini con la spada; ma ripreso da Roberto e da tutti si acquetò: onde
fu proceduto alla prova testimoniale ed alla decisione, come in tempi
civili.[9] Tal forza del governo venìa dall’assetto che avea dato alla
feudalità il conquistatore; ed anco dal prudente ardire dell’Adelaide e
de’ suoi consiglieri, i quali, facendo assegnamento in su i Musulmani,
fermarono la sede del principato in Palermo.

Da Mileto nè da Traina non si potea reggere a lungo il nuovo Stato.
Ragion volea che la capitale stesse in Sicilia e in sul mare. Sembra
anzi che il primo Conte, finch’ei non ebbe signoria in Palermo, avesse
eletta Messina; poichè non solamente ei rafforzolla e vi tramutò la
sede vescovile di Traina;[10] ma va riferita al suo tempo, ovvero
ai primordii della reggenza, la fondazione della zecca,[11] della
reggia,[12] e credo anco dell’arsenale, in quella città. Se non che
acquistata (1093) la metà di Palermo e cominciato con gran lucro a
maneggiare l’azienda della città per sè medesimo e per lo duca di
Puglia,[13] Ruggiero trovò in Palermo le basi da rifabbricare tutta
l’azienda dell’isola.

I _diwani_ istituiti da’ primi emiri e riordinati da’ Kelbiti, non
erano al certo distrutti quando i Normanni presero la città: rimaneano,
fossero anco stati negletti per alcun tempo, i casamenti, gli archivii,
la zecca, gli arsenali;[14] rimanea qualche segretario e computista:
nè Roberto era uomo da lasciare inoperosa macchina così fatta, nè
Ruggiero. I diwani, serbati e ristorati, attiravano la corte di
Adelaide; l’attirava una città di due o trecentomila abitatori, con
quei suoi maestosi edifizii, industrie fiorenti, lusso e ricchezze che
la facean rivale di Cordova. L’esperienza dovea mostrare a’ governanti
che se da Messina avrebbero tenuta meglio la Calabria, poteano
all’incontro, da Palermo far sentire più pronta e più forte la mano in
Sicilia; e che l’oro, il ferro e la necessaria fedeltà dei Musulmani
di Palermo avrebbero rinforzato il principe contro i baroni: ch’era
il gran problema di governo nel medio evo. D’altronde quella corte
latina non avea cagione d’amar meglio il soggiorno di Messina popolata
di Greci, che di Palermo scarsissima di Cristiani. Adelaide, senza
lasciar del tutto la sede di Messina, prese a stanziare in Palermo, e
la rifece veramente capitale dell’isola. Ciò avvenne ne’ principii del
secolo, e direi appunto il millecentododici; poichè la confermazione
dei privilegi dell’arcivescovo e capitolo di Palermo, accordata
solennemente il primo giugno di quell’anno, da «Adelaide contessa e
dal suo figliuolo Ruggiero, ormai cavaliere e conte di Sicilia e di
Calabria, sedenti in Palermo, nell’aula del palagio di sopra, con molti
lor chierici, baroni e cavalieri,» mi sembra proprio il compimento
d’una cerimonia inaugurale. Soscrissero questo diploma da testimonii,
parecchi baroni italiani e francesi noti nelle carte del primo Conte e
con essi un Cristoforo, ammiraglio.[15]

È qui il luogo di ricercare l’origine di cotesto ufizio, il quale per
la prima volta comparve tra Cristiani alla corte di Palermo, e lì,
mutando natura, divenne quel ch’oggi suona in tutte le lingue d’Europa.
Ammiraglio è corruzione della voce arabica emîr, che i Bizantini
trascrissero fedelmente al nominativo, ma ne fecero al genitivo
ἀμήραδος;[16] onde passò con tal desinenza a’ Cristiani occidentali,
sì com’egli è avvenuto ad altre voci greche. E veramente gli scrittori
della bassa latinità non altrimenti chiamarono gli emiri musulmani che
_amiratus_; se non ch’e’ raddolcirono talvolta il suono in _amiralius_,
talvolta lo resero più aspro in _admirarius_, o _admiratus_ per dargli
alcun significato in loro linguaggio.[17] Come già dicemmo, Roberto
Guiscardo, assettando il reggimento in Palermo vi prepose un de’
suoi con titolo di _ammiraglio_.[18] A città musulmana ei lasciava
magistrati musulmani, chè altrimenti non potea fare; tra i quali era
primo l’emir di provincia, capo politico e militare, giudice sopra i
reati di Stato:[19] e torna allo stesso ufizio ed allo stesso titolo
ch’ebbero i governatori della Sicilia sotto gli Aghlabiti e i Fatemiti.
E’ par che il conte Ruggiero, quand’ei prese a mezzeria la città di
Palermo, v’abbia fatto emir un suo segretario, greco di Calabria o di
Sicilia, per nome Eugenio; del quale ritraggiam solo ch’egli ebbe quel
titolo, ch’ei possedette beni in Palermo e che fondò un monastero in
Traina.[20] Dopo lui, Cristoforo ammiraglio testè ricordato, soscrive,
quasi ministro di Stato, una donazione data di Messina nel febbraio
1110;[21] e poi, con gli altri grandi della corte, il citato diploma
del giugno 1112;[22] si sa in fine ch’egli ebbe una casa in Messina,
la quale tornò, dopo la sua morte, al regio demanio.[23] Segue un
Cristodulo ammiraglio, nominato in varii diplomi dal 1123, o forse
dal 1119, al 1139, qual ministro civile ed ufiziale di corte, onorato
alfine col gonfio titolo di protonobilissimo.[24] Ma questo somiglia
forte al benservito che suol darsi agli invalidi; perocchè ormai
da parecchi anni primeggiava nel governo dello Stato quel Giorgio
di Antiochia, che fu ammiraglio di nome e di fatto, come s’intende
oggidì. Lo veggiamo il 1123 aiutante o guida del capitano dell’armata
siciliana, chiamato dagli Arabi Abd-er-Rahman-en-Nasrani, ossia il
Cristiano; il quale potrebbe essere per avventura lo stesso Cristodulo
testè nominato;[25] e l’identità della persona darebbe ragione di
parecchi fatti, come or or si vedrà. Giorgio, secondo i diplomi,
era a Corte il 1126, ammiraglio al par di Cristodulo o Crisiodoro e
del proprio figliuolo Giovanni; il 1132 ei s’intitolava ammiraglio
delli ammiragli e arconte degli arconti, e tal rimanea sino alla sua
morte.[26] Egli esercitò, al par che i predecessori, atti di ministro
di Stato e delegato del principe in cause civili, e capitanò l’armata;
ma non si ritrae quale uficio tenessero gli altri ammiragli soscritti
in qualche carta insieme con lui,[27] se di capitani o di ministri
subalterni, e se alcuno non ebbe altro che il titolo, sì come abbiam
detto de’ kâid.[28] Sol veggiamo preposto alle navi del re nella guerra
dell’Italia meridionale, Giovanni figliuolo di Giorgio.[29] Dopo la
morte di Giorgio gli si ragguagliò di titoli e di ufizio Majone; il
quale ebbe ammiragli contemporanei e fu quasi padrone del re e dello
Stato, come gli _emir-el-omrâ_, ossia emir degli emiri, di Baghdad al
declinare del califato; ma non capitanò mai il navilio in guerra.[30] E
finì con Majone l’autorità ed il titolo d’ammiraglio delli ammiragli.
Divenuto primo ministro il cancelliere, o esercitato l’ufizio da un
consiglio di tre _famigliari_ del re, l’ammiraglio rimase ministro
regio per le cose del mare;[31] ed entro un secolo passò quel vocabolo
in altri paesi, col significato esclusivo di capitano del navilio;[32]
talchè gli eruditi arabi del XIV secolo, trovando sì diverso il suono
del vocabolo e la giurisdizione dell’ufizio, non riconobbero più l’emir
loro, nell’ammiraglio degli Italiani o delli Spagnuoli.[33]

In Sicilia dunque ed alla metà del duodecimo secolo mutossi l’ufizio
dell’emir, lungo tempo dopo che il vocabolo avea presa sembianza
greca e latina. La quale trasformazione come avvenisse non risulta
da documenti, non è detto da cronisti, ma sendo nata di certo dalle
condizioni particolari dell’amministrazione pubblica in Sicilia,
ne possiam noi rintracciare l’origine senza troppa audacia di
conghietture. L’autorità dell’ammiraglio cristiano di Palermo,
viceregia sotto Roberto e il primo Ruggiero, limitata pure alla città
e al suo territorio, dovea necessariamente alterarsi quando la corte
stanziò nella capitale e vi s’accrebbe la popolazione cristiana.
Conforme all’assioma del diritto siciliano di quel tempo, che ogni
gente si governasse con sua legge, dovea ristringersi l’autorità
dell’ammiraglio da un lato, allargarsi dall’altro; lasciare agli
altri ministri del principe le cose dei Cristiani della città; ed
estendersi a quelle de’ Musulmani in tutta l’isola, secondo la
propria sua natura, cioè di comando militare e di piena potestà
civile, fuorchè nei giudizii riserbati ai cadì. Ma nel reggimento
militare de’ vinti Musulmani di Sicilia era ormai di momento il solo
navilio. I fanti e i cavalli non si chiamavano in arme se non che
al bisogno, e in piccol numero al paragon delle milizie feudali; e
finita l’impresa rimandavansi a lor case, eccetto qualche compagnia
stanziale: possiam supporre inoltre che Palermo, come altre città
demaniali, fosse esente dal servizio militare di terra ed obbligata
soltanto al marittimo. Con ciò egli è da riflettere che l’armata,
unica forza permanente dello Stato, richiedea continua vigilanza su
la disciplina de’ marinai e sul mantenimento di navi, attrezzi, armi,
vettovaglie: e ch’essa era montata in parte da uomini musulmani[34] e
le cose affidavansi alla cura de’ Musulmani di Palermo, essendo stato
secondario di certo, infino alla metà del XII secolo, l’arsenale di
Messina.[35] Indi l’ammiraglio, oltre il suo ufizio civile, tornava
a quel ch’oggi sarebbe il ministro della marina e inoltre capitanava
in guerra il navilio, quand’egli era uomo da ciò; e sempre esercitava
giurisdizione civile e criminale sopra i soldati e’ marinai.[36] Nel
regno intanto del secondo Ruggiero, accentrandosi e ordinandosi ogni
ramo di amministrazione pubblica, s’accrebbe il numero de’ funzionarii;
gli affari della popolazione musulmana ne richiesero parecchi, ai
quali fu dato anco il titolo di emir; e il ministro di Stato per
gli affari musulmani, ch’era Giorgio d’Antiochia, come superiore
agli altri, fu detto emir degli emiri. Abilissimo amministratore e
fortunato capitano d’armata, Giorgio tenne veramente l’ufizio di primo
ministro, il doppio visirato della spada e della penna come lo si
chiamava in parecchi Stati musulmani, dell’undecimo e duodecimo secolo:
nè sembra poi cosa tanto strana che un cristiano, ministro per gli
affari musulmani, fosse quel ch’or diremmo presidente del Consiglio.
Ma gli ufizii di grande ammiraglio e di Cancelliere urtavansi per
la natura stessa e per lo incerto confine loro, variabile secondo
l’arrivo di nuovi coloni e la conversione degli antichi. Il quale
antagonismo, s’e’ non nocque al tempo di Ruggiero e di Giorgio, mandò
sossopra lo Stato nel regno di Guglielmo primo e, spento Majone, gli
sopravvisse quel disordine. Alfine par che il Cancelliere e poi il
consiglio di Cancelleria, prendessero a trattar le faccende civili dei
Musulmani, le quali scemavano insieme col numero e con la ricchezza
loro. Scomparvero allora i meri ammiragli, sorgendo in vece loro altri
ufiziali con titoli europei; e solo rimase in piè quel saldo reggimento
delle cose del mare, insieme con l’ammiraglio che vi era preposto.
Questa unione, poi, del comando, del ministero e del tribunale, come
noi diremmo in oggi, questa unica volontà che preparava nella pace,
conduceva in guerra e presedeva a’ giudizii speciali su le persone
e le cose appartenenti alla marina, parve buona agli altri Stati;
ond’essi imitarono più o meno fedelmente il grande ufizio e gli dettero
lo stesso nome che avea in Sicilia. Così io suppongo e ritorno al
filo degli avvenimenti, nel quale occorre in primo luogo l’ammiraglio
Giorgio.

Le memorie arabiche degli ultimi principi ziriti suonano molto diverse
dagli annali siciliani su la origine di costui. Non si ritrae su
quale autorità il Pirro l’abbia supposto figliuolo dell’ammiraglio
Cristodoro o Cristoforo, ed abbia aggiunto il casato di Rozio, che
mi par lezione erronea di qualche sigla veduta ne’ diplomi greci.[37]
Secondo gli scrittori arabi, Giorgio fu di que’ ministri di ventura,
giudei o cristiani, ai quali i principi orientali sovente commetteano
l’amministrazione dell’erario, per difetto di sudditi musulmani
versati in quelle materie. Egli e il suo padre per nome Michele,
cristiani d’Antiochia, capitarono a corte di Temîm, principe di Mehdia
(1062-1108), amante di così fatti avventurieri;[38] appo il quale
Giorgio si fè strada, sapendo per bene l’arabico ed avendo con molta
lode esercitata in Siria la computisteria,[39] o, come io credo,
la pratica dell’azienda pubblica di quella provincia. Temîm indi il
prepose ad ufizio simile nello Stato di Mehdia: dove crebbero sua mercè
le entrate. Ma alla morte di quel principe (marzo 1108), temendo la
vendetta di Iehia che gli succedette, il quale odiava, come avvenir
suole, il ministro favorito dal padre, Giorgio s’indettò con la corte
di Ruggiero,[40] che ricercava di così fatti strumenti, avendo sudditi
musulmani da mugnere e principi vicini da insidiare. Mandatagli apposta
di Sicilia una nave, sotto specie di recare spacci alla corte di
Mehdia, Giorgio, un venerdì, colse il tempo della preghiera solenne,
e mentre i musulmani salmeggiavano, egli e tutti i suoi, travestiti da
marinai, andarono sul legno siciliano sì destramente che i terrazzani
s’accorsero della fuga quando e’ videro veleggiar quello in alto
mare. Arrivati gli avventurieri antiocheni in Sicilia, Abd-er-Rahman
il cristiano, ministro di finanza,[41] come noi diremmo, adoperolli
nella riscossione de’ tributi; nella quale guadagnaron fama di
solerzia e probità. Occorrendo intanto al re di mandare uom fidato in
Egitto, Abd-er-Rahman gli propose Giorgio; e questi compiè sì bene la
commissione e riportonne tanto guadagno, ch’egli entrò subito in grazia
del re.[42] Così il Tigiani: ond’e’ si vede che il negozio commesso a
Giorgio fu mercatantesco, di que’ che fruttarono denari e potenza ai
principi di Sicilia nel XII e XIII secolo.[43] Con la narrazione degli
Arabi s’accordano i diplomi, assai meglio che coi supposti del Pirro.
Giorgio d’Antiochia comparisce verso il 1111 nell’umile ufizio di
stratigoto di Giattini;[44] il 1123 accompagna Abd-er-Rahman capitano
dell’armata siciliana nella infelice impresa del Capo Dimas;[45] il
1126 è soscritto in un diploma col titolo d’ammiraglio e nulla più;
indi lo veggiamo per la prima volta il 1132[46] ammiraglio delli
ammiragli. Da un’altra mano i supremi uficii d’azienda e di guerra che
i cronisti musulmani attribuiscono al cristiano Abd-er-Rahman tra il
1108 e il 1123, non si adatterebbero in Sicilia ad altro personaggio
notevole che all’ammiraglio Cristodulo, il qual nome anco torna
con poco divario ad Abd-er-Rahman.[47] E parrebbe un de’ musulmani
siciliani di schiatta italica o greca, ritornati al cristianesimo dopo
il conquisto e adoperati dal principe negli ufizii pubblici.

La testimonianza degli scrittori arabi al par che de’ diplomi cristiani
della Sicilia intorno Giorgio di Antiochia, conferma l’autorità civile
delli ammiragli, che che si pensi de’ miei supposti su l’origine sua.
Questa particolarità del diritto pubblico siciliano alla quale si è
badato assai poco fin qui, ci aiuta a comprendere le vicissitudini
dello Stato sotto i due Guglielmi, assai meglio che non faremmo col
mero ordinamento dei sette grandi ufizii della Corona,[48] supponendo
col Gregorio, che fosse stato fin da’ tempi di re Ruggiero qual si
ritrae negli ultimi di Guglielmo il Buono, e che l’autorità di quegli
ufizii si fosse estesa a tutti i sudditi, cristiani o musulmani. Erano
gli elementi dell’azienda musulmana che tornavano a galla quando
fu ristorata l’antica capitale. E dico delle istituzioni ed anco
degli uomini. Guerrieri che avessero seguito in Terraferma il primo
conte, uomini di mare, giuristi, segretarii, mercatanti, pedagoghi,
camerieri; qual più qual meno caritatevoli, dissoluti e picchiapetto;
bilingui e trilingui, barcheggianti tra due o tre religioni, versati
nella letteratura arabica e nella scienza greca, dilettanti dell’arte
bizantina e delle forme che prese in Siria, in Egitto o in Spagna: tali
mi sembrano que’ Musulmani e Greci di Sicilia che la novella corte
attirava, senza volerlo, nel castel di sopra di Palermo, insieme co’
Levantini della tempra di Giorgio e coi prelati, i chierici e i nobili
d’Italia e di Francia. Que’ costumi dissonanti s’armonizzaron pure un
gran pezzo e produssero, nel corso del duodecimo secolo, due grandi
Statisti: orfani entrambi, maturati precocemente tra le agitazioni
della corte di Palermo, somiglianti anco l’uno all’altro per tempra e
cultura dell’intelletto, legislatori, buon massai, vaghi d’ogni scienza
e filosofi più che cristiani: Ruggiero primo re e Federigo secondo
imperatore; i due sultani battezzati di Sicilia, a’ quali l’Italia dee
non piccola parte dell’incivilimento suo.

L’educazione orientale del novello principe non giovò a’ vicini Stati
musulmani. Mentr’egli in casa ordinava l’amministrazione, l’esercito
e l’armata, e mantenea severamente la sicurezza pubblica;[49] mentre
attaccava briga col duca di Puglia, e maggior pericolo minacciavagli
con l’amistà,[50] Ruggiero agognava in Affrica all’eredità d’un altro
principato moribondo. I Ziriti di Mehdia s’erano sforzati invano,
dallo scoglio loro, a ristorare l’antico dominio contro i Ziriti di
Bugia, gli Arabi nomadi e i regoli di schiatta arabica o berbera che
usurparono a volta a volta le città della costiera.[51] Temîm, invero,
dopo l’assalto della Lega italiana (1087) avea ridotti, perduti e
ripresi varii luoghi,[52] e perfino, mostrato il viso a’ Cristiani,
non sappiamo di qual nazione, i quali del quattrocentonovantotto (22
sett. 1104 a 11 sett. 1105) riassaltarono Mehdia, chiusero la darsena
con formidabile ordinanza di galee spalleggiate da ventitrè navi; ma
l’armata zirita, rompendo la fila, non senza strage li rincacciò.[53]
Iehia, figliuolo e successore di Temîm, racquistò anch’egli qualche
pezzo del territorio; mandò l’armata in corso contro Cristiani, con
vario successo;[54] fornilla di fuoco greco;[55] e tanta molestia diè,
o tanti comodi offerse al commercio bizantino, che Alessio Comneno,
l’anno cinquecentonove dell’egira (1115-6) inviava ambasciatori
in Mehdia a presentare doni, e trattare un accordo.[56] Continuava
intanto la pace che il primo conte di Sicilia fermò con Temîm:[57]
s’accresceano i commerci al segno che, il millecendiciassette, Ruggiero
secondo tenea parecchi fattori in Mehdia a maneggiar grosse somme di
danaro, sì come vedrassi nel seguito della narrazione. Questa mostrerà
anco gli effetti delle pratiche fatte dalla corte di Palermo appo
gli Arabi occupatori dello Stato e’ governatori ribelli delle città
marittime. E perchè gli Ziriti di Mehdia non avessero avversario
che amico non fosse di Ruggiero, anco i Beni-Hammâd gareggiavano
con essolui di cortesia. De’ monaci Benedettini, al dir di Pietro
Diacono, tornando di Sardegna in Terraferma erano stati presi da
corsari affricani, ed era stata la nave cacciata da’ venti in Sicilia,
quando il conte, pregato di liberar que’ frati, in vece di strapparli
a dirittura dalle mani degli Infedeli, mandò ambasciatori al re della
città Calamense detta da’ Saraceni Al-Chila; il quale immantinenti
rilasciava i prigioni.[58] Indi gli è manifesto che un trattato legasse
i principi normanni della Sicilia con quel ramo di casa zirita. Dopo
la fuga degli Antiocheni, tutte queste mene di Ruggiero non poteano
essere occulte alla corte di Mehdia: pur si manteneano, per interesse
reciproco, le apparenze dell’amistà.[59]

Venuto a morte Iehia (aprile 1116), Alì, giovane d’alti spiriti, non
imitò la prudenza del padre. Rafi’-ibn-Makkan-ibn-Kâmil, capo d’Arabi,
mezzo governatore e mezzo usurpatore di Kâbes, avea fatta costruire
una grossa nave mercatantesca, con assentimento di Iehia; il quale
financo gli fornì legname e ferro: ed era in punto ogni cosa, quando
il nuovo principe, arrogandosi il diritto privativo del commercio di
mare,[60] fece intendere a Rafi’ che, se la nave uscisse dal porto,
ei sì la farebbe pigliare. E mandò con questo in Kâbes sei _harbiè_
e quattro galee.[61] Rafi’ allora si volse a Ruggiero, fingendo, come
ci dicono, ch’egli avesse allestita la nave per mandargli certi suoi
presenti; ma più verisimile è che i ministri di Sicilia avessero già
appiccate pratiche in Kâbes per condurvi i traffichi del fisco: e
quali che fossero i particolari, ognun vede che Ruggiero stava lì alle
vedette, come il potente quand’ei vuol entrare in casa de’ vicini.
Promesse dunque aiuto a Rafi’ e tosto mandò una squadra di ventiquattro
galee che, tolta seco la nave, scortassela in Sicilia. Correa l’anno
cinquecentoundici dell’egira (4 maggio 1117 a’ 22 aprile 1118). Pareva
a Ruggiero che il principe zirita non avrebbe osato di risentirsi. E
veramente, quando fu vista da Mehdia l’armata siciliana veleggiare nel
golfo, quando Alì toccò con mano la connivenza di Ruggiero che poc’anzi
gli era parsa una fola, i grandi dello Stato, consultati, avvisarono si
dissimulasse, piuttosto che spezzare i patti con la corte di Palermo.
Alì die’ loro su la voce: comandò che il rimanente dell’armata corresse
dietro a’ Siciliani per mantenere il divieto ad ogni costo. Seguinne,
secondo il Tigiani, sanguinosa zuffa tra i marinai ziriti e que’ di
Ruggiero, arrivati pria di loro e assisi già ad un banchetto, che
Rafi’ loro aveva imbandito;[62] secondo altri i due navigli entrarono
insieme; onde Rafi’ non osò far salpare la sua nave, nè si venne
altrimenti alle mani:[63] tutti affermano poi che i Siciliani, non
potendo usare aperta violenza, scornati si ritrassero.[64] Indi i
cortigiani d’Alì a lodare la sapienza e valore del principe; i poeti ad
ammontar metafore sopra metafore, come veggiamo in una kasîda scritta
allora dal siciliano Ibn-Hamdîs, irridendo agli Infedeli che non aveano
saputo affrontare il taglio delle sciabole d’Alì, nè le lingue di
fuoco lanciate dalle sue navi.[65] I brani di memorie contemporanee che
troviamo qua e là nelle compilazioni musulmane più moderne, danno con
evidenti interruzioni il seguito degli avvenimenti. Narrano che Rafi’,
chiaritosi ribelle, condusse alcune tribù d’Arabi a campo a Mehdia; che
Alì corruppe quegli Arabi; e che, dopo varie fazioni, i due musulmani,
spossati si rappattumarono.[66] Ruggiero, intanto, avea mandato il
naviglio in aiuto di Rafi’, con ordine d’infestare la costiera e tenere
in rispetto il naviglio zirita; ma questo gli diè una sconfitta; e
par n’abbia anco toccate, aggiugnendosi dopo ciò che il signore di
Mehdia riforniva l’armata.[67] La varia fortuna de’ combattimenti
navali apparisce anco dalle pratiche delle quali abbiamo ragguaglio
più particolare: che il principe di Sicilia mandò a richiedere
imperiosamente la rinnovazione del trattato e la restituzione de’
danari staggiti in Mehdia a’ suoi fattori; che Alì assentivvi e
liberò i fattori imprigionati; che Ruggiero, non soddisfatto, reiterò
l’ambasciata, fuor d’ogni uso cancelleresco, con parole aspre e
villane; che il musulmano sdegnò di rispondere, e che indi sfogaronsi a
minacce; l’uno di venire con l’armata a Mehdia, l’altro di collegarsi
con gli Almoravidi per assaltare la Sicilia.[68] Entrambi già si
apparecchiavano a grossa guerra. Alì muniva sue fortezze, armava dieci
navi harbîe e trenta corvette, le empiva d’uomini, di munizioni e di
nafta; e tenne pratiche veramente con gli Almoravidi. Scorsero così
quattro anni, tanto che l’audace zirita morì (10 luglio 1121), nè in
guerra nè in pace con la Sicilia.[69]

La potenza che Alì incautamente stava per attirarsi in casa a fine
d’allontanare i Siciliani, era surta come un turbine dalle profondità
del Sahra: occupate in brev’ora le regioni ch’or diciamo del Marocco e
dell’Algeria, avea passato il Mediterraneo e portati via, la più parte,
i regoli musulmani della Spagna. Il nome attesta l’origine di quella
dominazione. Alla metà dell’XI secolo, mentr’era venuta meno ogni forza
vitale negli splendidi califati di Baghdad, del Cairo e di Cordova,
l’islam ripullulò con l’antica violenza ne’ Berberi di Sanhagia, i
quali si diceano musulmani perchè sapeano il nome del profeta e il
precetto di rubare e ammazzare i Negri finitimi. Il capo de’ Lamtuna,
tribù della nazione di Sanhagia, per dirozzare i suoi, chiamò (1039) un
dottore di Segelmessa. Il quale, deriso e poi scacciato, in odio delle
virtù ch’ei predicava e non delle favole religiose di che le condìa,
si ritrasse con pochi proseliti in un isolotto del Senegal, per vivere
a suo modo e adescar altri co’ prestigii della penitenza: il qual
eremo appellarono, all’uso arabico, _ribât_, e sè medesimi _morâbit_,
ch’è derivato di quella voce: _marabutti_, come son detti in oggi i
santocchi in Affrica; e gli Spagnuoli d’allora, premesso l’articolo e
fatte le solite permutazioni di consonanti, pronunziarono Almoravidi.
Ingrossata l’associazione e venuta in fama per miracoli, die’ mano
alla guerra contro forastieri e connazionali che non intendessero
l’islam al modo professato nel _ribât_ (1042); nè andò guari che gli
Infedeli, combattuti e spogliati, presero anch’essi l’utile mestiere di
santi. Per la forza dell’ordinamento e della volontà, i pochi vinsero,
al solito, i molti disgregati; le affinità di schiatta favorirono il
movimento sociale vestito di religione; e la confederazione aggressiva
fu pattuita agevolmente tra i barbari pastori del Sahra, che riferivano
al Settentrione tutte le dolcezze e i comodi della vita, nè soleano
veder pane se non quando n’avea seco un pezzo qualche mercatante di
que’ paesi, venuto a comperare, credo io, schiavi negri. Una carestia
spinse gli Almoravidi (1058) sopra Sus dell’Oceano. Rivoltisi, prima
e poi, alla catena dell’Atlante, occuparono alfine (1061) Segelmessa;
dove sottentrò ai primi un capo politico e guerriero, per nome
Iûsuf-ibn-Tasciufin. Questi seppe stringere più fortemente i legami
della confederazione; s’intitolò emiro dei Musulmani; vinse altre
battaglie; gittò le prime fondamenta dalla città di Marocco (1062);
si fece ubbidire da’ deserti al Mediterraneo, e dall’Atlantico a’
confini occidentali dell’odierna provincia di Costantina. I Musulmani
di Spagna, incalzati dalle armi di Alfonso di Castiglia, chiesero aiuto
a Iûsuf; ond’ei, valicato lo Stretto, ruppe i Cristiani a Talavera
(1086), ma poco stante spense ad uno ad uno que’ che l’avean chiamato
(1090- 1100) e quand’ei morì (1106) si pregava a suo nome in mille e
novecento moschee cattedrali: quasi tutto l’Occidente musulmano, del
quale ei s’era fatta dar l’investitura dal povero califo di Baghdad.
Alì figliuolo di Iûsuf, estese i confini a levante infino a Bugia; ed
aggiunse all’impero le isolette che fecero suonare terribile in Italia
questo nome di Almoravidi.[70]

Dico le isole Baleari, le quali, dopo la morte di Mogêhid,[71]
ubbidirono, insieme con Denia, al suo figlio Alì e indi al nipote
Abu-’Amir e rimasero solo retaggio della dinastia, quando fu Denia
occupata da Moktadir di Saragozza.[72] I successori di Mogêhid
scansarono dapprima il giogo almoravide, sia che Iûsuf non pensasse
alla Baleari, sia ch’ei non avesse forze navali da affrontare
que’ pirati. Ma, provocati da loro correrie, i Pisani, il conte
di Barcellona, quello di Montpellier, il visconte di Narbona ed
altri signori cristiani, fatta lega tra loro, assalivano (1113) le
Baleari, tenute allor dall’eunuco Mobascer, liberto dei Mogehiditi.
Dopo ostinatissima difesa, morto l’eunuco, espugnavano il castello
di Majorca (1115), prendeano il giovane Burabe (Abu-Rebi’a?) ultimo
rampollo della dinastia, il quale fu condotto in Pisa, come il suo
antenato Alì un secolo innanzi: se non che, ritornato a casa il navilio
pisano, Alì-ibn-Iûsuf occupò le Baleari senza contrasto.[73] Il che
par sia avvenuto per procaccio d’una valente famiglia di corsari di
Denia, i Beni Meimûn, un uom della quale è ricordato tra i difensori di
Majorca e dopo la morte di Mobascer fu mandato a Denia, per chiedere
aiuto al principe almoravide.[74] I Beni Meimûn, pochi anni appresso,
capitanavano l’armata di Alì-ibn-Iusuf, ordinata e forse creata da
loro;[75] e nella precipitosa decadenza della dinastia, rifornirono
l’esercito suo di giovani cristiani ch’essi andavano rubando ne’ mari
e su per le costiere di Spagna, d’Italia e de’dominii bizantini.[76]
Quando nulla valse a cansare la caduta degli Almoravidi, i Beni
Meimûn affrettaronla, qual gittandosi co’ ribelli spagnuoli[77] e qual
passando (1145) con l’armata sotto la bandiera d’Abd-el-Mumen, capo
degli Almohadi.[78] Tra coteste vicende, la casa loro salita era a tale
potenza che, per gran tratto del duodecimo secolo, gli annali nostri
ricordano i combattimenti o gli accordi dei Beni Meimûn con Siciliani,
Genovesi e Pisani.[79]

Or nella state del millecentoventidue, un Ibn-Meimûn, suddito degli
Almoravidi, piombò con sua armatetta sopra Nicotra di Calabria:
saccheggiò, arse, uccise, rapì le donne e i bambini; assalì qualche
altro luogo e illeso tornossene in Ponente.[80] Gli scrittori musulmani
da’ quali sappiamo i casi della guerra che Ruggiero portò incontanente
in Affrica,[81] appongonla a dirittura a questa fazione di Nicotra;
dicendo che il conte di Sicilia la credè primo frutto delle istigazioni
d’Ali, anzi della sua lega con gli Almoravidi.[82] E veramente cotesta
guerra ci pare più tosto subita vendetta, che meditata impresa di
conquisto; poichè i disegni di Ruggiero a tal effetto non sembrano ben
maturi, ed all’incontro, in quel medesimo tempo, l’Italia meridionale
lo chiamava a maggiori travagli e maggior premio.[83] Fors’egli sperò
di fare, entro poche settimane, un colpo di mano sopra Mehdia, tramato
con gli Arabi, e agevole in ogni modo contro Hasan, fanciullo di
tredici anni, succeduto poc’anzi ad Ali.[84]

Affrettossi Ruggiero, adunò navi ed uomini di varie parti d’Italia,[85]
ritenne entro i suoi porti i legni mercantili che caricavano per
Affrica o Spagna; e nel mese di giumadi primo del cinquecento
diciassette, (27 giugno a 26 luglio 1123) fece salpare dal porto di
Marsala trecento legni, tra di carico e di battaglia, con trentamila
uomini e mille cavalli.[86] De’ quali numeri è da accettare
l’ultimo soltanto: l’altro significa solo che l’armamento fu grosso.
Capitanavano l’impresa, Abd-er-Rahman-en-Nasrani e Giorgio d’Antiochia,
nominati di sopra.[87] La corte di Mehdia, dal suo canto, sapendo i
preparamenti di Ruggiero, avea risarcite le fortezze della capitale,
assoldata gente, raccolte armi e bandita la guerra sacra. Onde turbe
infinite d’Affricani ed alcune tribù degli Arabi occupatori del paese,
accorreano a Mehdia; attendavansi fuor le mura,[88] con gran sospetto
de’ cittadini[89] che non si capacitavano come que’ ladroni veramente
venissero a difender le loro vite e sostanze.

Così trepidavano gli animi, quando un legno siciliano gittato su la
spiaggia da fortuna di mare, portò nuove dell’armata.[90] Battuta dalla
tempesta e scema di assai legni che fecero naufragio, s’era l’armata
siciliana ridotta alla spicciolata in Pantellaria,[91] com’avveniva il
più delle volte, nelle spedizioni mosse dalla Sicilia contro l’Affrica
o viceversa:[92] e però tanto uman sangue fu sparso in quella terra
mezzo italiana e mezzo affricana, dove, alla fine dell’undecimo secolo,
vedeansi biancheggiare ancora in una landa le ossa de’ Cristiani
immolati dal furor musulmano.[93] Il furore crociato adesso ne prendea
la vendetta. I Siciliani sbarcati in Pantellaria davano di piglio
nelle persone e nella roba degli abitatori; finchè ragunate le navi,
agognando maggior preda, salparon di nuovo alla volta dell’Affrica. Il
sabato venticinque[94] di giumadi primo (24 luglio 1123), al tramonto
del dì, gittarono le ancore, una diecina di miglia a tramontana di
Mehdia, nell’isolotto di sabbia or nominato “Le Sorelle” ed allor
Ahâsi,[95] che un breve passo, guadoso a cavalli ed a fanti,[96]
disgiugnea dal Capo Dimas. Questo par abbia preso il nome da alcun
antico edifizio che vi rimanesse; e s’appellava anco Dimas la terra
murata che sorgea proprio in su lo Stretto, e racchiudeva in sè un
castello fortissimo.[97]

Al dir degli Arabi, avea comandato Ruggiero che, occupata la terra
e il castello, i cavalli e i fanti movessero in ordinanza sopra
Mehdia, e le galee vi si appresentassero al tempo stesso; in guisa da
assalirla a un tratto dalla terra e dal mare.[98] Chiaro egli è che i
Siciliani fecero assegnamento sopra alcun capo d’Arabi, indettato da
Abd-er-Rahman-en-Nasrani; che gli Arabi non poterono dare a’ Siciliani
la terra di Dimas, perchè le milizie di Media li prevennero; e che,
impedita perciò la mossa rapida di tutte le genti, il colpo di mano
sopra Mehdia fallì. La notte stessa dello sbarco, piantate le tende
de’ due capitani e de’ baroni dell’oste nell’isola di Ahâsi, un grosso
di cavalli innoltrossi per parecchie miglia nel paese;[99] sorto
poi il nuovo dì, i capitani con ventitrè galee[100] navigarono verso
Mehdia, sopravvidero la fortezza, corsero fino al lido di Zawila: e per
ogni luogo lor si appresentavano formidabili difese e grosse schiere
d’armati; ma non si vedeano spuntar le insegne di Sicilia. Frustrati
dunque, se ne tornarono ad Ahâsi; e seppero, per giunta, che una mano
di soldati di Mehdia e d’Arabi aveano osato assalire il campo, uccider
gente e far bottino, mentre i cavalli cristiani scorazzavano indarno
la Terraferma.[101] A questo, i capitani fanno mettere a terra gli
altri cinquecento cavalli;[102] attendano tutta l’oste in Ahâsi. Il dì
appresso, che fu il terzo dopo lo sbarco, ebbero, per tradimento di
un capo d’Arabi, il castello di Dimas, dove posero presidio di cento
uomini;[103] la terra no, perchè vi trassero d’ogni luogo le turbe
degli Arabi fedeli all’islam, e da Mehdia vi andò anco un grosso di
soldati, per condurre l’assedio del castello.[104] Mutate le veci,
gli assalitori siciliani si difendeano nel castello e nell’isolotto di
Ahâsi, dal quale al capo Dimas non si passava senza fatica, sull’istmo
inondato o Stretto guadoso che dir si voglia.

Quando una notte che fu la quarta dallo sbarco[105] e la
trentesima[106] di giumadi primo (26 luglio), le turbe musulmane che
occupavano Dimas, movendo assalto al castello, diedero a un tratto nel
grido di _Akbar Allah_, che fece tremar tutte le piagge. Risentendosi a
quel tuono, i Siciliani son presi da timor panico, si credono assaliti
proprio nel campo; nè pensano allo Stretto, o lo tengono varcato già
da tutta l’Affrica in arme. Gridano alle navi, alle navi; e corronvi
senza guardare s’altri li insegua: i più valorosi arrestansi tanto da
uccidere i proprii cavalli, perchè non se li abbia il nemico. Il quale,
risaputa la rotta, passò in Ahâsi quando l’isolotto era pressochè
sgombro; fece bottino di macchine da guerra, arnesi, armi, robe e
di quattrocento cavalli, chè secento eran lì morti ed un solo n’era
stato rimbarcato: due soli, disse un altro de’ retori che narrarono
cotesto prospero successo dell’islam, gareggiando tra loro di tropi,
arzigogoli, assonanze e ampollosità d’ogni maniera. Per otto dì,
l’armata rimanea spettatrice degli assalti mossi contro il castello:
ma non trovando modo di aiutare il valoroso presidio, nè potendo
stare più lungamente tra quelle secche, diè le vele ai venti e man
mano si allontanò, a vista di centomila pedoni e diecimila cavalieri,
che le imprecavano da lungi:[107] il qual numero non sembra troppo,
quand’altra fatica non rimanea che gridare _Akbar Allah_, raccogliere
il bottino e scannar poche vittime. Rifiniti dal combattere dì e notte
scarseggiando d’acque e di vitto, i cento chiesero d’uscire salva la
vita; alcun di loro profferse larghissimo riscatto;[108] e la corte
di Mehdia, per umanità, o timore che avesse tuttavia della Sicilia,
pendeva allo accordo;[109] ma le fu vietato dalla moltitudine, fanatica
e sanguinaria, degli Arabi. Dopo sedici giorni, i cento, affamati, arsi
di sete, irruppero fuor del castello con la spada alla mano, e furon
morti dal primo all’ultimo. Cento navi sole ritornarono in Sicilia
delle trecento che n’erano partite.[110]

Sappiam noi le allegrezze che allor si fecero nella corte di Mehdia;
abbiamo squarci d’una delle relazioni in prosa rimata che Hasan mandò
per tutti i paesi musulmani;[111] abbiamo una kasîda d’Ibn-Hamdîs,
che chiama eroe il fanciullo assiso sul trono di Mehdia e gioisce
della desolazione di que’ medesimi Rûm che avean desolata la patria
sua.[112] Ma nessuno scrittore nostrale ci descrive il lutto della
Sicilia e dobbiam anco agli Arabi un racconto che dipinge al vivo
l’onta e la rabbia della popolazione cristiana. Abu-s-Salt che poetava
in quel tempo alla corte di Mehdia, dice essergli stato riferito da un
Abd-er-Rahman-ibn-Abd-el-Azîz, che un dì, nelle sale di re Ruggiero,
gli venne visto un cavaliere franco, il quale lisciando la lunga sua
barba, dicea fieramente: “per la santa fè di Cristo non ne raderò un
pelo, se prima non piglierò vendetta di que’ cani di Mehdia.” “Che ha
costui?” domandò Abd-er-Rahman: e gli fu risposto che nella rotta di
Ahâsi ei s’era strappati i baffi con tal furore, da insanguinarsi tutto
il volto.[113] Maggiore sdegno ardeva in cuore al magnanimo principe,
che vide finir con tanto danno la prima impresa grossa del suo regno.
Ma il disastro, anzi che sgomentarlo e spuntarlo dai suoi propositi,
gli insegnò a scansare gli errori: e sì felice conoscitore degli uomini
fu Ruggiero, ch’ei non tenne da meno l’ammiraglio Giorgio d’Antiochia,
dopo la sventura del capo Dimas.

La guerra continuò debolmente d’ambo le parti; poichè tacciono
gli annali dell’una come dell’altra. Avvenne, sì, del luglio
millecenventisette, che uno dei Beni Meimûn, ritornato con l’armata
almoravide ne’ mari di Sicilia, assalì Patti, minacciò Catania e
sbarcato in Siracusa, appiccò fuoco alle case, ammazzò, prese roba,
donne, fanciulli, e riportonne quanto capìano le navi; scampato a mala
pena il vescovo con molti cittadini.[114] A questa impresa probabil
è che avessero partecipato i Musulmani d’Affrica; poichè Guglielmo di
Tiro l’attribuisce del tutto a loro, ancorchè le memorie siciliane e le
musulmane faccian parola de’ soli Spagnuoli. Ruggiero uscì incontanente
con l’armata ad affrontare gli assalitori della sua terra; sapendosi
ch’ei, nelli ultimi giorni di luglio, avea ripresa Malta e poneva ogni
studio a togliere altre isole e terre a’ Musulmani, quando conobbe per
tardo avviso la morte di Guglielmo Duca di Puglia: ond’ei lasciata
a mezzo l’impresa, navigò in furia alla volta di Salerno con sette
galee.[115]

E, tra le fatiche della nuova guerra, ei pensò pure ai Musulmani
della costiera orientale di Spagna. Un documento degnissimo di fede
ci fa sapere che l’inverno seguente, posando Ruggiero in Palermo
e riordinando le forze, trattò una lega con Raimondo III, conte di
Barcellona; per la quale cinquanta galee siciliane doveano andare la
prossima state a combattere contro i Saraceni spagnuoli, insieme con
le genti di Raimondo, a patto che le terre conquistate e sì i prigioni
e il bottino, fossero divisi in parti uguali tra i due principi. Il
conte di Barcellona avea mandati a questo effetto oratori in Palermo
un Pietro Arcidiacono e un Raimondo; e Ruggiero, con lettere date
dal palazzo di Palermo il diciassette gennaio millecenventotto,
gli rinviava, ambasciatori suoi, Guglielmo di Pincinniaco e Sansone
di Sordavalle; in man de’ quali il Barcellonese dovesse giurare le
condizioni della lega, secondo una minuta che fu distesa lo stesso
dì.[116] Se Raimondo III abbia ratificato, non si ritrae. Di certo
l’impresa non fu eseguita; nè potea, perchè Ruggiero, al tempo
prefisso, fronteggiava ancora l’esercito papale.



CAPITOLO II.


«Siccome un tempo Iddio volle o permesse che la violenza de’
sopravvegnenti Normanni calcasse la dominante malvagità dei Longobardi,
così ora è stato di lassù conceduto o sofferto a Ruggiero di
abbattere con la spada l’immensa iniquità di cotesti nostri paesi.
Quale scelleratezza qui ci mancava? Perpetravansi continuamente,
senza ritegno di timore alcuno, omicidii, furti, rapine, sacrilegi,
adulterii, spergiuri, oppressioni di chiese e di monasteri, dispregi
a’ servi di Dio e cento altri misfatti: perfino i pellegrini che
viaggiano per amor di Dio, erano svaligiati e talvolta uccisi, per
nascondere il ladroneccio. Da’ quali eccessi gravemente offeso,
Iddio ha tratto Ruggiero dall’isola di Sicilia, come tagliente spada
dal fodero; e, impugnatala, ha percossi i prevaricatori a fine di
reprimerli; ha ricondotti con quel terrore, alle vie della giustizia,
gli incorreggibili, tollerati sì a lungo.» Così l’abate di Telese;[117]
il cui criterio teologico non toglie fede alla testimonianza dei fatti.
Ne’ principii del duodecimo secolo, il ducato di Puglia e tutta la
terra che stendesi fino allo Stretto di Messina, era caduto in pretta
anarchia. Tra il papa, il duca, i grandi suoi feudatarii e i principi
o municipii rimasi indipendenti, non si sapea pur chi fosse il sovrano;
onde ognun volea fare a suo modo e nessuno ubbidire.

I signori della Sicilia ch’aveano tronca ormai da molti anni la
quistione della sovranità,[118] entrarono in quelle brighe per cagion
della Calabria; dove i baroni, imitando i lor vicini di Puglia, si
provavano a chiamare il duca per sottrarsi al conte.[119] Ma il secondo
Ruggiero non solamente domolli, ei colse anco il destro a ingrandirsi.
Or passava in Calabria con grande esercito ad ardere le castella de’
contumaci (1121); ora, negoziando col duca Guglielmo, ricusava la
mediazione del pontefice romano (1122) per fermare gli accordi da solo
a solo (1123). Ne’ quali, parte con danari, parte con aiuti di milizie,
fece rinunziare il duca ad ogni diritto su la Calabria: poscia comperò
da lui l’altra metà di Palermo; e in fine la successione al ducato, se
morisse Guglielmo senza figliuoli.[120]

Avverassi questo caso entro un anno. Ruggiero allora (agosto
1127) lasciata, come dicemmo, l’impresa navale contro i Musulmani,
sopraccorse a Salerno, principale città del ducato; piaggiò municipii
e feudatarii; combattè quei che non s’acconciavano; e fu riconosciuto
duca di Puglia da tutti, fuorchè dal papa, che ambiva anch’egli quelle
province. Indi le scomuniche; l’andata di Onorio II a Troia, dov’ei si
fece dar dai baroni giuramento di cacciare o uccidere Ruggiero;[121]
e, seriamente, rimesse tutte le peccata a chi morisse in questa guerra
e la metà delle peccata a chi n’uscisse vivo.[122] Divampando a tali
incitamenti la guerra civile, Ruggiero andò a rifornirsi di gente
in Sicilia e ripassò in Terraferma; Onorio mossegli incontro con più
grosso esercito di Romani e dissidenti Pugliesi: ma tenuti a bada dal
siciliano, si diradarono a poco a poco; e il gran sacerdote combattente
miglior partito non ebbe che di concedere a Ruggiero l’investitura
del ducato (agosto 1128). Ruggiero domò poi i baroni più ostinati;
vide riconosciuta l’autorità sua dal principe di Capua e dal duca di
Napoli: convocato un parlamento a Melfi, bandì la pace pubblica; che
i baroni non guerreggiassero l’un contro l’altro; e non opprimessero,
nè lasciassero opprimere i prelati, frati, pellegrini, mercatanti,
artigiani, agricoltori (1129). Tenuto non guari dopo un convegno
di ottimati pugliesi a Salerno e un parlamento generale in Palermo,
Ruggiero si fece dar titolo di re, e ne prese la corona, con lusso
orientale, nel duomo della metropoli siciliana, il venticinque dicembre
del millecentotrenta.[123]

Atto audace, parso temerario a contemporanei in Italia e fuori, e pur
consigliato da senno politico e dalle idee di governo che prevaleano a
corte di Palermo, tolte dal diritto pubblico bizantino, dal musulmano e
dalla riforma degli ordini feudali che quella generazione stessa avea
inaugurata in Inghilterra ed a Gerusalemme. Il principe della Sicilia
gareggiava ormai per territorio e forze militari coi primari monarchi
d’Europa e vinceali tutti di ricchezza: ond’era giusto si ragguagliasse
in dignità a loro, ed al papa nel poter temporale, e s’innalzasse
di molto sopra i baroni. A ciò s’aggiunga che l’opinione del secolo
attribuiva singolari prerogative ai re unti e coronati; e tra quelle la
suprema giurisdizione criminale, ch’era appunto il massimo bisogno dei
popoli in Puglia e la più nobile ambizione di Ruggiero. Non volle egli
forse costituire quel che or diremmo Stato unitario, ma vi si accostò
di molto, creando un reame di Sicilia e di province annesse, alle quali
poi dette il nome d’Italia, com’avean talvolta fatto i duchi di Puglia
suoi predecessori. Attribuì il titolo regio alla Sicilia soltanto; e
scusossi quasi dell’ardire, pretestando ch’egli, lungi dal far novità,
ripigliasse l’antica prerogativa dell’isola: con che, s’io mal non
mi appongo, si alluse agli emiri Kelbiti, piuttosto che ai tiranni
greci. Del rimanente mancano molti particolari di questa transizione
di diritto pubblico, perchè Ruggiero, studioso d’offendere la corte
di Roma il men ch’ei potesse, mutò volentieri le parole, mantenendo
sempre il fatto, il quale mandava a monte la pretesa sovranità feudale
del papa su la Puglia e la Calabria.[124] E però le precauzioni
cancelleresche, nè l’arte di gittar questo dado mentre la Chiesa romana
si travagliava in uno scisma, non tolsero che Innocenzo II, succeduto
ad Onorio, ridestasse immantinenti la guerra civile contro Ruggiero, il
quale seguì le parti di Anacleto antipapa. E sursero contro il re molti
di que’ medesimi baroni e municipii di Terraferma che gli aveano testè
assentita la corona.

Durò da nove anni la guerra, nella quale Ruggiero ebbe ad affrontare
or le grandi città, or i baroni collegati, or i navilii pisani, or
i grossi eserciti dell’imperatore Lotario, or le filippiche di san
Bernardo e sempre il braccio spirituale e temporale del papa. Combattè
Ruggiero per mare e per terra; conseguì vittorie e toccò sanguinose
sconfitte; s’aiutò con le arti non meno che con la forza, e con la
strategia più che con l’impeto; spaventò i ribelli con atti crudeli
e con la feroce licenza delle sue genti. Usava ogni anno svernare
in Sicilia, raccogliervi forze e tornare in Terraferma all’entrar
di primavera; e molto gli giovarono le numerose navi da guerra, e le
compagnie stanziali; molto la fierezza de’ Musulmani di Sicilia e la
perizia de’ loro ingegneri. Rimaso al re l’avvantaggio, papa Innocenzo
volle ritentare per l’ultima volta la fortuna delle armi. E fu
sconfitto e preso il ventidue luglio del millecentrentanove, presso San
Germano: dove il vincitore e i suoi figli umilmente gli si gettarono a’
piedi; ma con ciò gli fecero soscrivere il dì venticinque la pace e il
dì ventisette la bolla che investiva Ruggiero e i successori del regno
di Sicilia, ducato di Puglia e principato di Capua; non senza ricordare
i meriti dello zio, Roberto Guiscardo e del padre Ruggiero, e il grande
amore che la sede apostolica avea sempre portato a lui stesso.[125]

Or l’argomento nostro richiede che si tratti più largamente della
parte ch’ebbero i Musulmani in questa guerra. Scarse notizie se ne
ritraggono, poichè i narratori cristiani, amici o nemici di Ruggiero,
ricordano più volentieri i vizii che le virtù di quegli Infedeli, i
quali spargeano il sangue per rassodare un trono, fondato in parte con
gli elementi stessi di loro civiltà. Ci si racconta che Bari stette
una volta per ribellarsi, perchè gli ingegneri saraceni mandati dal
re a murare novella fortezza, aveano ucciso in rissa il figliuolo
d’un nobile cittadino; onde furono popolarmente ammazzati parecchi
di loro e sospesa la costruzione.[126] Nè bastò ai Baresi questa
vendetta; poichè, occupata la città dal papa e dall’imperatore Lotario
ed espugnata la fortezza del re, impiccarono tutti i Saraceni del
presidio.[127] Sappiamo che nell’assedio di Montepeloso (1133), celebre
per valore e costanza d’ambo le parti, Ruggiero espugnò un bastione
circondato di profondo fosso, facendovi appressare una torre mobile
a ruote, dalla quale i Saraceni, giunti ch’e’ furono al ciglione del
fosso, gittaron dentro travi ed assi per far ponte e s’ingegnavano a
coprire il legname con terra tolta a’ ciglioni e sassi divelti dalle
mura a forza d’uncini, quando gli assediati appiccarono il fuoco e
i saraceni lo spensero con acqua condotta per un doccione di legno;
sì che alla fine fu varcato il fosso, preso il bastione e con esso
la città.[128] Romualdo Salernitano scrive che il medesimo anno si
noveravano nell’esercito del re tremila cavalli e seimila tra fanti,
arcieri e Saraceni;[129] e Falcone Beneventano rincalza che furon tutti
Saraceni, che fecero inorridire il paese con la crudeltà e libidine
loro, e che Ruggiero, degno capitano di tal gente, commesse atti
d’inaudita barbarie sopra i Cristiani.[130] Per vero i seguaci delle
due religioni incrudeliano a vicenda. Nella prima guerra di Ruggiero,
il presidio d’un castello assediato da Siciliani, Calabresi e Saraceni,
fatta una sortita, al dir di Romualdo Salernitano, avea dilagato il
campo nemico di sangue.[131] Il millecentrentadue, nella ritirata
del re da Benevento a Salerno, fu colto da’ nemici un drappello di
Saraceni, ne furono ammazzati non pochi e mandata a Capua la testa del
più famoso; di che Ruggiero accorossi molto e ne giurò vendetta.[132]
L’abate Guibaldo, che scrisse in quel tempo (1137) all’imperatore
Lotario de’ guasti recati allo Stato di Monte Cassino da’ Musulmani di
Sicilia e non men di loro da’ Normanni e dai Longobardi dello esercito,
esagera al certo ma par non mentisca del tutto, quand’ei narra che
dopo saccheggiate le case, tagliavano gli alberi, prendeano i frati e i
contadini, li legavano con ritorte o metteanli a’ ceppi e alla tortura
e li vendeano schiavi; ardean le chiese, e non contenti, atterravano le
mura che fossero rimase in piè; mentre il Cancelliere del re, venuto
al monastero, lo mutava in fortezza, cacciava i monaci e riportava in
Sicilia tutto il tesoro e la suppellettile.[133]

Nella varia fortuna di coteste guerre, non dimenticò Ruggiero le cose
dell’Affrica. Sette anni dopo la rotta del Capo Dimas, i vinti erano
mutati in patroni. Hasan avea fermata la pace con Ruggiero a patti
che in Affrica parvero disonorevoli; i quali dettero al principe di
Bugia occasione o pretesto di muover contro Mehdia, chiamato da alcune
tribù di Arabi e da cittadini sdegnati, che gli prometteano di aprir le
porte. Correva il cinquecenventinove dell’egira (22 ottobre 1134 a 10
ottobre 1135). Hasan chiese aiuti a Ruggiero; e stretto per mare e per
terra, fece ammenda della pusillanimità de’ consigli, con la prodezza
della persona: finchè arrivate venti galee di Sicilia, alle quali
il re avea data commissione di stare a’ comandi di Hasan, bloccarono
immediatamente il navilio nemico e distruggeanlo, se non li riteneva il
principe zirita, ripugnando, com’ei disse, allo spargimento di sangue
musulmano e bramando per certo di fuggir l’odio che gli sarebbe venuto
da quest’altro scandalo. Que’ di Bugia si ritrassero a precipizio;
l’armata cristiana ritornò in Sicilia; ma ricomparve indi a poco
innanzi le Gerbe.[134]

Fertilissim’isola del golfo di Kâbes, congiunta alla Terraferma per una
tratta di seccagne che danno quasi non interrotto il guado a’ cavalli;
celebre nell’antichità; coltivata d’ogni tempo coi prodotti del suolo
europeo e dell’affricano; ricca anco d’industrie: ma gli abitatori,
Berberi di varie famiglie e seguaci di due sette musulmane molto invise
all’universale, s’erano, per giunta, dati alla pirateria in su la
fine dell’undecimo secolo e ricusavano obbedienza a’ Ziriti quantunque
volte non fosservi costretti con la forza. Bella era dunque la preda,
indifesa e legittima agli occhi stessi de’ Musulmani.[135] Ruggiero
mandovvi un’armata, montata da Musulmani e Cristiani di Sicilia, con
un drappello di eletti cavalieri; la quale giunse in su lo scorcio
di settembre o l’entrar d’ottobre del millecentrentacinque. Le navi
circondarono l’isola per togliere ogni scampo. I Gerbini pugnarono
valorosamente per le famiglie e la roba loro; ma, dopo varii scontri,
furono sopraffatti, uccisi a migliaia; rapito ogni cosa; le donne
e i bambini recati in Sicilia a vendere ai Musulmani. I superstiti
ottennero l’amân da Ruggiero; ricomperarono le donne e’ figliuoli;[136]
ma i più furon fatti servi della gleba, e l’isola affidata ad un
_’âmil_[137] come le altre terre demaniali della Sicilia.

Sarà agevol cosa ritrovare a un di presso i patti che strinsero
in questo tempo lo Stato di Mehdia al reame normanno d’Italia.
È da supporre in primo luogo la permissione reciproca del
commercio e la sicurtà delle persone ed averi de’ naviganti e
de’ mercatanti avventizii o residenti: precipua condizione de’
trattati che si fermarono tra Italiani e Musulmani per tutto il
medio evo.[138] E n’abbiam prova positiva nel presente caso: i
fattori di Ruggiero imprigionati e i capitali staggiti, nella briga
del millecendiciassette.[139] Cotesti patti ed altri secondarii,
duravano, com’egli è verosimile con mutazioni di poco momento, fin dal
millesettantotto:[140] stipulati sempre per pochi anni e rinnovati; e
par si ripigliassero dopo il millecendiciassette, fino alla guerra del
Capo Dimas (1123). Il millecentrentacinque, non che la pace, occorre,
com’abbiam testè accennato, una lega, quantunque non se ne conosca
appunto la data, nè la cagione, nè i capitoli. Ibn-Abi-Dinâr scrive che
“Hasan temendo la malvagità del re, mandògli be’ presenti e soscrisse
tutti i patti che piacquero a quel Maledetto.”[141] Dopo l’assedio
degli Hammaditi e l’aiuto navale, ripiglia il compilatore, che Hasan
“ringrazionne il Maledetto e gli promesse di stare ormai ad ogni suo
comando o divieto; onde i due principi divennero più intimi che mai e
le faccende di Hasan si raddrizzarono:” e, narrato il caso delle Gerbe
che seguì a capo di pochi mesi, ei viene a questa sentenza che “le
Gerbe e lo Stato di Mehdia si sottomessero al re di Sicilia e tutta
l’Affrica (propria) lo temè; onde il Maledetto insolentì peggio che
mai contro il povero Hasan, il quale si schermiva, com’ei potea, con le
buone parole.”[142]

Fatta la tara, tuttociò vuol dire che tra il millecenventisette e
il trentaquattro, mentre Ruggiero si rassodava sul trono dell’Italia
meridionale, la povertà e i pericoli dello Stato di Mehdia e sopratutto
la carestia, aveano condotto Hasan ad accettare, oltre i commerciali,
de’ nuovi patti politici; tra i quali è da supporre una lega difensiva
e un prestito di danari o di grani.[143] Debole Stato e debol principe,
circondati di nemici, gittavansi in braccio del più lontano, più
potente, e, come lor parea più generoso. Spirato poi o infranto quel
trattato nel millecenquarantuno e rincrudita la fame, “il Maledetto,
al dire d’Ibn-Abi-Dinâr, volle onninamente altri patti; i quali Hasan,
avendo accettati, divenne suo vassallo, anzi un de’ suoi governatori di
città, e il trattato veramente non fu che una solenne perfidia.”[144]
La narrazione proverà tantosto che, tra le altre cose, Hasan assentì
fosse buono acquisto a Ruggiero ogni paese independente di fatto da
Mehdia ed obbligossi ad aiutare il re di Sicilia contro i Musulmani
che, disdetta la dominazione siciliana, volessero tornare a quella
degli Ziriti. Il biasimo che Hasan si fosse fatto _’âmil_ di Ruggiero,
mi porta a supporre che i patti economici furono tanto leonini quanto
i politici e che il re di Sicilia pose commissarii sopra le dogane di
Mehdia per sicurtà dei crediti suoi; i quali doveano montare a somme
grossissime di danaro e proveniano, tutti o la più parte, da prezzo
di grani forniti dal re: prezzo di carestia, fissato da un creditore
padrone di eserciti e d’armate. A costui favore dovea traboccar anco la
bilancia in ogni altra condizione accessoria risguardante il traffico;
di che abbiamo vestigie certe nel numero delle chiese e de’ Cristiani
ch’erano in Mehdia il millecenquarantotto. Fondata da Obeid-Allah il
novecentoquindici, quella città non ebbe chiese, essendo vietato da
legge musulmana di murarne delle nuove:[145] e se i bisogni commerciali
e la coscenza larga de’ Fatemiti, dan luogo a supporne tollerate con
l’andar del tempo ne’ fondachi cristiani, par non fossero gran cosa
il milleottantasette; poichè non se ne fa parola dagli scrittori
affricani, nè dai nostri, in quell’assalto di Mehdia. E posto pur
che i fondaci italiani si fossero allargati pei trattati fermati
con Genova e con Pisa dopo quel caso, ognun vedo che l’ingrandimento
del quartiere cristiano e l’edificazione delle chiese van riferiti
piuttosto agli ultimi anni, quando Ruggiero comandava almeno quanto
Hasan nel rimpiccolito territorio de’ Ziriti. Giorgio d’Antiochia,
primo ministro di Sicilia, lo conoscea dentro e fuori; vi tenea suoi
rapportatori;[146] facea partigiani tra gli Arabi della campagna
e nella popolazione mista delle città e villaggi, e insieme col re
aspettava che il frutto fosse ben maturo, per coglierlo comodamente.

Ed aiutavano a maturarlo. Il cinquecentrentasei dell’egira (6 agosto
1141 a 26 luglio 1142) la carestia s’era aggravata orribilmente in
que’ paesi: una morìa le tenne dietro. Parve allor a Ruggiero proprio
il caso di riscuotere i danari che Hasan avea tolti in prestito da’
suoi fattori in Mehdia: e rispondendo l’Affricano ch’ei non poteva,
e chiedendo nuove dilazioni, il re mandò improvvisamente Giorgio
con venticinque corvette; il quale prese e menò in Sicilia certi
legni mercatanteschi venuti d’Egitto, ricaricati in Mehdia, e pronti
a partire, come avvisavano le spie dello ammiraglio. Si cita in
particolare la nave rifatta recentemente da Hasan co’ materiali d’una
del califo fatimita d’Egitto testè naufragata:[147] e cotesti episodii
provano sempre più il traffico onde arricchivansi i principi musulmani
d’Egitto e d’Affrica, e ad esempio loro i Normanni e gli Svevi di
Sicilia. Giorgio, piombato un’altra volta entro il porto di Mehdia,
presevi il _Mezzo Mondo_, com’addimandossi una nave che Hasan avea con
molta cura allestita per l’Egitto e aveavi imbarcato, per farne dono al
califo Hâfiz, gran copia di robe preziose, degne di un re.[148] Invano
Hasan tentò di mitigare il re di Sicilia rimandandogli buon numero di
prigioni cristiani.[149] S’ei volle torsi dinanzi gli occhi Giorgio
d’Antiochia ed avere un po’ di grano dalla Sicilia, convenne far ogni
voglia di Ruggiero, stipulando nuovo trattato, quello appunto che ai
Musulmani sembrò vero atto di vassallaggio.[150]

Ecco l’anno seguente (27 luglio 1142 a 15 luglio 1143) l’armata
siciliana appresentarsi a Tripoli di Barbaria; la quale città,
sciolta dalla signoria di Hasan, si reggea per un senato della tribù
de’ Beni-Matrûh. Il nove dsu-l-higgia (25 giugno 1143) sbarcarono i
Siciliani, tentarono l’assalto e cominciarono a far breccia nel muro
con gli uncini, come già nell’assedio di Montepiloso; e vincean la
prova, se non che il dì appresso, accorsi gli Arabi dalla campagna, i
cittadini ripigliaron cuore, fecero tutti insieme una sortita; nella
quale ricacciarono gli assalitori alle navi, e lor presero armi,
attrezzi e cavalli.[151] Ritornato il navilio in Sicilia e rifornitosi,
approdò alla piccola terra di Gigel, soggetta agli Hammaditi di
Bugia. Gli abitatori, non aspettato lo sbarco, si rifuggirono ne’
monti e nelle campagne; la terra fu saccheggiata ed arsa; distrutta
anco dall’incendio una villa de’ principi Hammaditi, che ben
s’addimandava la _Nozaha_, e suona “Delizia” in nostro linguaggio.[152]
Il cinquecentrentanove (4 luglio 1144 a 23 giugno 1145) l’armata
corse la costiera d’Affrica, pigliò la terra di Bresk a ponente di
Scerscell (Cherchell); uccisevi gli uomini, menò prigioni le donne
per rivenderle a’ Musulmani in Sicilia.[153] Toccò la stessa sorte il
cinquecenquaranta (24 giugno 1145 a 12 giugno 1146) all’isoletta di
Kerkeni; la quale sendo vicina troppo alla capitale, Hasan osò lagnarsi
con Ruggiero e ricordargli il trattato; ma quei gli rispose non averlo
infranto, sendo que’ di Kerkeni ribelli come gli altri abitatori della
costiera.[154]

Dov’era intanto l’armata di Mehdia? Le memorie musulmane non ne fanno
ricordo dopo la morte di Ali-ibn-Iehia (1121) e, se uno scrittore
cristiano le attribuisce il saccheggio di Siracusa (1127) par ch’ei
prenda la parte pel tutto.[155] Rimanean forse al principe zirita poche
navi, le quali furono adoperate a’ traffici con la Sicilia e l’Egitto,
piuttosto che alla guerra; eran qua e là ne’ porti, nelle cale e nelle
isolette dell’antico Stato, fedeli o ribelli, molte barche grosse
da potersi armare, e corsari anco di mestiere; ma tuttociò non facea
navilio: la povertà dello Stato, fors’anco la trascuranza de’ reggenti
di Hasan, avea sciupato quell’organo vitale della dinastia. Ormai da
Barca a Tunis, gli abitatori della costiera s’ausavano a vedere il
possente navilio siciliano, in vece delle poche _harbîe_ zirite, ed a
temer quello soltanto, a sperarne aiuto contro il principe disdetto o
le fazioni cittadine.

Ruggiero non lasciò invendicata a lungo la sconfitta di Tripoli.
Due anni appresso, un’armatetta siciliana avea dato il guasto ai
dintorni e riportatone bottino e prigioni.[156] A capo d’altri
due anni, uno sforzo di dugento vele portò a compimento l’impresa.
L’oligarchia arabica dei Beni-Matrûh era stata di recente scacciata
da una parte avversa. Berberi com’e’ sembra, i quali avean chiamato a
reggere il paese un emir almoravide, capitato in Tripoli con piccolo
stuolo che andava in pellegrinaggio alla Mecca. Ancorchè nol dicano
i cronisti, gli è da supporre che Giorgio d’Antiochia, capitano
dell’armata siciliana, si fosse indettato coi Beni-Matrûh. Il tre di
moharrem del cinquecenquarantuno (15 giugno 1146) principiò Giorgio
gli assalti; e combatteva ancora il dì sei, quando d’un subito si
videro scomparire i difensori d’in su le mura; perchè i Beni-Matrûh,
avvisati da’ partigiani della città, erano rientrati con le armi alla
mano e s’era appiccata la zuffa. I Siciliani allora, prese le scale,
superavano le mura, occupavan la terra, co’ soliti effetti di strage,
saccheggi, distruzione, cattività di donne; e gli uomini d’ambo le
parti si rifuggiano nel contado, chi presso gli Arabi, chi presso
i Berberi. Soddisfatto all’onor della bandiera e alla cupidigia de’
soldati, Giorgio non tardò a dimostrare che il governo siciliano volea
veramente impadronirsi dell’Affrica. Bandisce _amân_ generale, talchè
tutti i fuggitivi ritornano a lor case; li ammonisce a stare in pace
tra loro; promulga piena guarentigia de’ diritti civili, sol che si
paghi la gezìa al re di Sicilia. Ristorò intanto le mura della città;
circondolla d’un fosso: e lasciatovi forte presidio di Cristiani e
Musulmani di Sicilia, presi statichi de’ Tripolitani e con essi portato
via l’Almoravide e i Beni-Matrûh, ritornò con l’armata in Sicilia,
sei mesi dopo l’espugnazione. Di lì a poco, la corte di Palermo rese
gli statichi, fuorchè que’ dello sceikh Abu-Jehia-ibn-Matrûh, della
tribù arabica di Temîm, eletto governator della terra; posevi cadì il
berbero Abu-Heggiâg-Jûsuf-ibn-Ziri, autor di un’opera di giurisprudenza
malekita, e pattuì, dice il Tigiani, che il capitan cristiano del
presidio non potesse mai disdire i provvedimenti del governatore,
nè del cadì. Ripiglia Ibn-el-Athîr che in tal modo il reggimento di
Tripoli fu condotto egregiamente; che trasservi di Sicilia e di tutta
Italia i mercatanti e le merci. Aggiugnesi in un codice d’Ibn-Khaldûn
che fu bandita in Sicilia una grida per la quale era invitato ad
emigrare in Tripoli con franchige al certo, chiunque volesse: “onde
la gente vi affluì, e la città fu ripopolata.” In breve la divenne
prospera e ricca,[157] mentre il rimanente della Barbarìa e gran parte
dell’Asia anteriore sentian le dure strette della fame.[158]

La quale, rincrudita, sì come abbiam detto, il millecenquarantuno,
straziò que’ paesi affricani nell’inverno dal quarantasette al
quarantotto. Dalle aperte lande, dalle ville e da’ villaggi traean
pastori e contadini alle terre murate, dove si tenea in serbo un po’
di vivanda: ma i cittadini sbarravano le porte, ributtavano con l’arme
le turbe affamate, onde quei miseri si uccideano e spesso mangiavansi
tra loro, quando non li prevenia la morte di pestilenza o digiuno. La
Barbarìa spopolossi; i benestanti fuggivano in altri paesi, la più
parte in Sicilia, a cercar pane e sicurezza: ma anch’essi ebbero a
patire orribili stenti.[159]

Tra tanta desolazione surse da un harem di Kâbes tal briga che
fe’ cader di queto la città nelle mani di Ruggiero. Morto il
cinquecenquarantadue (2 giugno 1147, 21 maggio 1148) Rescîd, successore
di quel Rafi’-ibn-Kâmil del quale ci è occorso di far parola,[160]
e diseredato il primogenito Mo’mir, fu retto lo Stato dal liberto
Jûsuf, a nome del fanciullo Mohammed, minor figliuolo di Rescîd. Jûsuf
usurpò anco le donne del suo signore: tra le quali una giovane de’
Beni-Korra, tribù d’Arabi, non soffrendo l’ingiuria, scrisse a’ suoi
fratelli; i quali ridomandaron la donna, ma Jûsuf ricusolla. Chieserne
giustizia ad Hasan, e questi, credendo ancora di regnare entro i
confini antichi, comandò a Jûsuf di rendere la schiava; disubbidito
minacciò; e deriso, apprestava le armi. Jûsuf allora profferse al re
di Sicilia di tenere lo Stato di lui a nome di Mohammed-ibn-Rescîd,
nei termini stessi con che Abu-Iehia reggea Tripoli: Ruggiero accettò;
mandò al vil servo un diploma di nominazione e le solite vestimenta
officiali, al dire d’Ibn-el-Athîr; un diploma e le decorazioni usate
tra i Cristiani, scrive più precisamente Ibn-Abi-Dinâr. Jûsuf convocò
solennemente gli ottimati; fe’ leggere in pubblico il diploma; indossò
la divisa e cominciò a condurre il governo e riscuotere l’entrate
a nome di re Ruggiero. “Scampami oh Dio, sclama qui il compilator
tunisino del diciassettesimo secolo, scampami da tai maledizioni! Si
hanno a chiamar Musulmani costoro, o Satanassi? Ahi, che precipitolli
a tanta vergogna la cupidigia de’ beni mondani e della dominazione:
la cupidigia che rende l’uom cieco e sordo!” Invece di moralizzare,
il soldato di Saladino che mette in carta, freddo e accurato, gli
annali musulmani, allarga qui lo stile a narrar la punizione di Jûsuf
e de’ suoi satelliti. In un capitolo apposta, intitolato: “Racconto di
un caso dal quale convien si guardi chi ha giudizio,” ei narra che,
trovatisi insieme a corte di Ruggiero un legato di quell’usurpatore
ed uno di Hasan, e trascorsi a bisticciarsi tra loro, quel di Kâbes
ne disse quante ei ne sapea contro il signor di Mehdia. L’altro se
le serbò. Ripartito di Palermo ad un tempo con l’avversario, mandò
ad Hasan uno spaccio a collo di colomba: onde legni armati uscirono
di Mehdia, appostarono il legno di Kâbes, presero l’ambasciatore, lo
condussero dinanzi Hasan; il quale, rinfacciatogli il tradimento e
le ingiurie, lo fe’ condurre in giro per le strade di Mehdia, legato
sopra un cammello, con un berrettone in capo guarnito di sonagli e il
banditore allato che gridava “Ecco il guiderdone di chi da’ a’ Franchi
i paesi dell’Islâm.” Arrivato nel bel mezzo della città, il popolaccio
lapidò quello sciagurato e appese il cadavere a un palo. Si levò poi
il popolo di Kâbes contro Jûsuf, al comparire d’un piccolo esercito
ch’avea accozzato Hasan, insieme con Mo’mir, e con Mohriz-ibn-Ziâd,
capo d’Arabi, il quale, afforzato ne’ ruderi di Cartagine, iva sognando
gran cose.[161] Jûsuf, serrato nel castello, si difese quant’ei potè;
alfine ei fu preso e consegnato a Mo’mir, e da questi a ’Beni-Korra,
i quali lo fecero perire di supplizio osceno ed atroce. Un Isa,
fratello di Jûsuf, recò i figliuoli di lui, fors’anco il fanciullo
Mohammed-ibn-Rescîd, in Sicilia, chiedendo vendetta.[162]

In questo tempo Giorgio d’Antiochia con l’armata infestava le isole
Jonie e il Peloponneso.[163] Par dunque fossero state assai poche
le navi siciliane che andarono immantinente ad assediare Kâbes e
ritornarono senza frutto.[164] D’altronde a che affaticarsi intorno
una bicocca? Ruggiero ormai dovea smettere l’impresa d’Affrica o
compierla subito a Mehdia stessa; poichè Hasan già s’accostava a
possenti capi Arabi: poc’anzi contro Kâbes, ed ora contro Tunis. Era
forza, inoltre, che si risentisse in Affrica il contraccolpo della
crociata di San Bernardo. Ruggiero, pacificato co’ fautori del papa,
ma ad un tempo minacciato da’ due imperatori, entrò nelle pratiche
della crociata, per assicurarsi da quello di Germania e volgere le armi
della croce contro il bizantino; profferse aiuti, die’ consigli: e non
ascoltato, volle far le viste di pugnar anch’egli per la Fede, mentre
Tedeschi e Francesi, passato il Bosforo (settembre ed ottobre 1147)
travagliavansi indarno in Siria; e i Cristiani di Spagna, insieme con
Inglesi e Normanni, combattevano gli Infedeli in Portogallo, e insieme
coi Genovesi, lor prendeano Almeria e s’apprestavano ad espugnare
Tortosa. Assaltando l’Affrica dunque nella state del quarantotto,
il re di Sicilia comparia per la prima volta nel grande accordo
cattolico; ne usava gli avvantaggi; e ci guadagnava anco di esercitare
alla guerra e mantenere ad altrui spese il grosso navilio, armato
l’anno avanti contro Manuele Comneno e necessario tra non guari a
difendersi dall’impero bizantino, ovvero ad assalirlo nuovamente.[165]
I compilatori musulmani, ignari di tuttociò, appongono a Ruggiero
più crudele malizia: ch’ei volle usare la carestia ond’era afflitta
l’Affrica, e che affrettossi, temendo non gli fuggisse l’occasione.
Nè forse vanno errati del tutto. Dobbiam noi supporre nella più
parte dell’Affrica propria quel che sappiamo di Mehdia: disordinate,
cioè, per cagion della fame, le milizie, morta la più parte de loro
cavalli, esausto l’erario, e prostrate tutte le forze sociali.[166]
Que’ notabili, infine, venuti a cercare scampo in Sicilia, eran buoni
strumenti in man d’uomini come Ruggiero e Giorgio, se non foss’altro,
per dare ragguagli. Nè potea mancar la tradigione in quel manifesto
precipizio di casa Zirita. Sappiamo che un kâid, venuto negli ultimi
tempi, messaggiere di Hasan in Palermo, se ne tornò a casa coll’_amân_
di Ruggiero che gli assicurava la vita e la roba, per sè e’ suoi.[167]

Entrando la state, Giorgio salpò dai porti di Sicilia, con
dugencinquanta legni carichi di uomini, d’armi e di vittuaglie.
Approdato alla Pantellaria, fece prendere improvvisamente una barca
mandata da Mehdia a sopravvedere le sue mosse; vi trovò le gabbie
de’ colombi messaggeri; giuratogli dall’ufiziale di Hasan non essere
stato spacciato altro avviso, costrinselo a scrivere di propria mano,
come de’ legni testè arrivati di Sicilia portavano che l’armata degli
Infedeli fosse partita per l’Arcipelago. Grande allegrezza destò in
Mehdia cotesto annunzio; ma non durò oltre l’alba del lunedì, due sefer
del cinquecenquarantatrè (22 giugno 1148) quando comparve all’orizzonte
tutto il navilio siciliano, che a forza di remi penosamente
s’avvicinava, contrastato da un gagliardo vento. Avea Giorgio misurato
il cammino in guisa da por la gente su l’istmo innanzi giorno; talchè
all’aprir le porte della città, le si trovassero guardate di fuori ed
anima viva non ne scampasse. Ma fallito, per cagion del vento, cotesto
disegno, l’Antiocheno cercò di tener a bada i cittadini finchè tutta
l’armata potesse arrivare a terra. Gittata l’àncora lungi dal porto,
mandò per un suo legnetto veloce a dire ad Hasan, non temesse; ei
veniva amico e leale osservatore de’ trattati; chiedea soltanto gli
desse in mano gli uccisori di Jûsuf e, non potendo, inviasse le sue
genti per combattere insieme con quelle del re contro gli occupatori di
Kâbes. Convocati dal principe i dottori della legge e gli ottimati, non
era chi non capisse che suonava l’ultim’ora di casa Zirita: nondimeno
i più animosi consigliarono la difesa. Hasan, fosse abnegazione o
sgomento, e ch’e’ si vedesse intorno visacci da traditori, troncò la
disputa. Ricordò le milizie poche e lontane, a campo a Tunis; la città
aver appena vivande per un mese; circonderebbela il nemico per mare e
per terra e la prenderebbe inevitabilmente per battaglia o per fame:
ed allor che avverrebbe? Più che il regno, più che i suoi palagi, egli
amava i Musulmani; volea camparli dalle uccisioni, dal saccheggio,
dalla cattività. “Io non manderò mai, conchiuse, i miei insieme coi
Cristiani a combattere Musulmani: nè a prezzo di tanta infamia pur
salverei la città, sol darei tempo al nemico di coglierci tutti alla
rete. Non v’ha scampo che nella fuga. Io monto a cavallo e chi vuole
mi segua.” E fatto un fascio delle cose più preziose e manesche, andò
via in fretta, con la famiglia e gli intimi suoi. Molti cittadini gli
tenner dietro; portando seco le donne, i figliuoli, il danaro e la
roba di pregio, come ciascun potea. Molti si nascosero nelle case de’
Cristiani e nelle chiese.

Sbarcato Giorgio in su l’ora di vespro,[168] senza trar colpo, fece da
buon massaio, pratico de’ luoghi e delle usanze, e da statista savio
ed umano. Corre difilato alla reggia; la quale trovando intatta, mette
i suggelli alle porte de’ tesori, pieni di belli e preziosi arredi e
d’ogni cosa più rara, accumulata per due secoli dalla schiatta di Zîri;
fa serrare in una palazzina le donne dell’harem e alquanti bambini
di Hasan, lasciati addietro nella fuga. Conservato così quanto il
fisco poteva usare o vendere, Giorgio raffrenò i suoi che avean dato
il sacco alla città per un paio d’ore: bandì si cessasse dal sangue
e dalla rapina. Con maggior cura avea messi in salvo i Cristiani,
facendoli uscir di Mehdia e di Zawila; e rizzò per loro le tende
nel piano che dividea la fortezza dal sobborgo, o vogliam dire l’una
dall’altra città, come le chiamano entrambe gli scrittori arabi di quel
tempo.[169]

Al tramonto del sole era assettato ogni cosa; talchè la sventura di
Mehdia principiò e finì con quella giornata. La gente del paese chiamò
questo il caso del lunedì, notando con altri giorni della settimana due
o tre altre depredazioni de’ Rûm.[170] La dimane pensò l’ammiraglio
ai fuggitivi. Mandò a ricercarli i lor concittadini stessi delle
milizie rimasi in Mehdia; li provvide di giumenti, per riportar le
donne e i bambini: e bandì, con questo, l’_amân_: che potesse chiunque
ritornare in città, sicuro della persona e dell’avere. Furono salve
così le migliaia che stavano per morir di fame e di sete in quelle
lande, ancorchè fosse tra loro chi avea lasciato a casa, dicon le
croniche, ogni ben di Dio. Giorgio chiamò anco in città gli Arabi che
vagavano pe’ dintorni; li allettò con larghi doni e buoni trattamenti:
dispensò denari e vittuaglie a’ poveri di Mehdia; prestò capitali
a’ primarii mercatanti, perchè continuassero lor traffichi; pose a
rendere giustizia un cadì accetto all’universale. Altro aggravio non
ebbero i Musulmani che la gezìa. I bambini di Hasan, con le schiave
emancipate[171] lor madri, furono ben trattati dal vincitore e mandati
in Sicilia. A capo d’una settimana, tutti gli abitatori di Mehdia e di
Zawila, rassettati ne’ loro focolari, attendeano alle industrie, queti
e forse contenti. Parve a Giorgio che gran parte dell’armata si potesse
allontanare senza pericolo.[172]

Mandò pertanto una squadra a Susa, un’altra a Sfax; delle quali la
prima occupava di queto la città, il dodici sefer (2 luglio); poichè
il governatore, Ali, figliuolo di Hasan, risaputa la fuga del padre,
era andato a ritrovarlo con seguito di pochissimi cittadini e gli
altri immantinenti si arresero. Viveano a Sfax uomini di tempra più
dura, come si vedrà nel progresso degli avvenimenti. Accorse molte
torme d’Arabi in aiuto di Sfax, i cittadini resistettero a’ Siciliani
sbarcati dalla squadra; s’arrischiarono anzi ad una sortita. E i
Cristiani a fuggire, tanto che li attirarono ben lungi dalle mura.
Quivi rifan testa; si gittano di mezzo a’ disordinati; li sbaragliano,
cacciando chi alla campagna, chi alla città; rinnovano la battaglia
sotto le mura: alfine entrarono il ventitrè di sefer (13 luglio).
Gran sangue indi fu sparso; poi si die’ mano a far prigioni e in
ultimo si bandì l’_amân_, come a Tripoli ed a Mehdia: i fuggiti
ritornarono, riscattarono le donne e i figliuoli. Fu lasciato anco
un presidio cristiano nella fortezza; e posto un’_âmil_ a reggere
la città. Fu questi Omar-ibn-abi-l-Hasan-el Foriani, il cui padre,
con magnanimo intento, volle andare statico in Sicilia.[173] Stette
saldo, con l’aiuto degli Arabi, il forte castello di Kalibia; anzi i
Musulmani, usciti a combattere fecero strage degli assalitori, sicchè
la squadra ritornò malconcia a Mehdia.[174] Ci sembra in vero che il
re di Sicilia non abbia voluto stendersi troppo verso Ponente, dove i
Beni-Hammâd, per l’asprezza de’ luoghi e l’amistà degli Arabi, stavano
assai più saldi che i lor congiunti di Mehdia. Rattennerlo anco i
pensieri della guerra bizantina, alla quale era uopo che presto o
tardi ei si volgesse; nè ebbe ad aspettar più d’un anno. Il conquisto
in Affrica limitossi, dunque, a quella parte della costiera che si
stende da Tripoli di Barbaria al Capo Bon.[175] Fu compiuto entro un
mese. Ruggiero approvò gli ordinamenti dell’ammiraglio; concedendo
all’Affrica propria un _amân_, generale. Del quale atto, ancorchè
manchi il tenore, la sostanza era quella che abbiamo esposta ne’
singoli casi: continuassero i Musulmani a vivere secondo lor leggi
e con loro magistrati; pagassero la gezìa; governasseli a nome del
re di Sicilia un _’âmil_, il quale mandava statico in Palermo alcun
suo stretto parente. Come fosse pagata la gezìa non si ritrae, se
immediatamente da ciascun musulmano o giudeo, ovvero dalle comunità,
che mi sembra più verosimile. Credo inoltre fossero state mantenute
le gabelle che solea riscuotere il fisco zirita, non però le più
odiose ed apertamente illegali; poichè gli scrittori arabi lodan tutti
la giustizia del governo cristiano sotto Ruggiero, ed affermano che
le belle promesse date nel suo _amân_ furono fedelmente osservate
finch’ei visse. Leggiamo in particolare nella storia d’Ibn-Abi-Dinâr,
che il _kharâg_, o vogliamo dire tributo fondiario, fu riscosso con
benignità.[176]

Non isfuggì agli storici musulmani il fatto, che i conquisti siciliani
in Affrica, sostarono per la guerra di Grecia. E di questa dicono
essere stata aspra e lunga, e danno l’episodio, notissimo nelle
croniche latine, che Giorgio d’Antiochia osò entrare nel porto di
Costantinopoli, prendervi parecchie navi e trar saette alle finestre
della reggia. Aggiungono che la vittoria sempre rimase al re di
Sicilia, ancorchè il principe di Costantinopoli fosse di que’ tali
“che niuno si scalda al medesimo fuoco con esso loro;” ch’è, come noi
diremmo: era uomo da non lasciarsi posar mosca sul naso.

A Giorgio d’Antiochia dan merito gli scrittori musulmani d’ogni
trionfo in Affrica e in Levante; notano che alla sua morte le armi
siciliane si arrestarono, non sapendo il re a chi affidarle: ed a
lui, sì come a Ruggiero, è aperto un capitolo apposta nelle biografie
degli illustri Musulmani per Sefedi, autore del decimoterzo secolo.
Il quale, al paro che Ibn-el-Athîr, intitola Giorgio “vizir del re
Ruggiero, l’occupatore del regno di Sicilia:” dond’e’ si vede che i
Musulmani di Sicilia, i quali davano ragguagli della corte di Palermo
a’ loro correligionarii, teneano l’ufizio di grande ammiraglio identico
a vizir, che torna in que’ tempi a primo ministro. Dobbiam anco a’
Musulmani le note necrologiche di questo valente cristiano; ritraendosi
da loro soltanto ch’ei morì, con grande allegrezza de’ Credenti,
l’anno cinquecenquarantaquattro dell’egira (11 maggio 1149 a 29 apr.
1150) straziato di tante infermità, massime le morìci e il mal di
pietra.[177]

Già la fortuna voltava le spalle a Ruggiero. Non fermi per anco i suoi
acquisti in Affrica, li minacciarono gli Almohadi; setta di Berberi,
fieramente avversa agli Almoravidi, i quali or cadeano con la stessa
prestezza con che eran surti mezzo secolo innanzi. Abd-el-Mumen,
conquistata sopra gli Almoravidi la Spagna e gran parte dell’odierno
impero di Marocco, s’avanzava alla volta di Levante, con trentamila
Unitarii, chè così suona Mowahhidi (Almohadi); occupava (maggio 1152)
quelle che si chiaman oggidì le province d’Algeri e di Costantina,
le quali rispondono a un di presso allo Stato dei Beni-Hammâd di
Bugia: talchè questo cadde a un tempo con lo Stato de’ Ziriti.
Jehia-ibn-el-Azîz, ultimo principe dei Beni Hammâd, avea tenuto quasi
prigione l’infelice Hasan, che gli chiese ospitalità dopo la caduta di
Mehdia.[178] Or l’hammadita ebbe a ventura d’imbarcarsi per la Sicilia,
altri dice per Genova; e non guari dopo ei ritornò a Bona e, rincorato,
fece prova a mantenersi nella inespugnabile rôcca di Costantina.[179]
Ripararon anco in Sicilia Hareth ed Abd-Allah,[180] suoi fratelli.

In vero, s’egli rimanea scampo a que’ principi ed ottimati della
costiera settentrionale da Algeri a Tripoli, era nelle due genti
straniere che ultime occuparono il paese: i Cristiani di Sicilia con
loro trecento navi, e gli Arabi co’ cinquantamila cavalli. Tengo io
certo, ancorchè nol dica alcun cronista, che que’ rifuggiti abbiano
procacciata la lega tra Ruggiero e gli Arabi, che sola potea salvar
la patria loro da nuovi barbari di Ponente. Perchè sappiamo che il
re mandava a profferire agli emiri arabi il rinforzo di cinquemila
suoi cavalieri, a condizione che le tribù gli dessero statichi,
com’era costume; ma ch’essi lo ringraziarono e ricusarono, dicendo
non aver uopo d’ausiliarii, nè poterne accettare che Musulmani non
fossero. Quei masnadieri fidavano nel numero loro e nella santità
del legame con che s’erano testè confederati; avendo tutte le tribù
dell’Affrica Settentrionale, da Tripoli a Costantina,[181] fatta la
giura di combattere quella che chiamano la guerra della famiglia: onde
portaron seco loro le donne, i figli, il bestiame ed ogni cosa che
possedeano, risoluti a difenderli fino all’ultimo soffio di vita. E
scontratisi con gli Almohadi nelle montagne di Setif, il primo sefer
del cinquecenquarantotto (28 aprile 1153), pugnarono per tre giorni;
finchè, mietuti i più, fu preso il campo. Allora Abd-el-Mumen fe’
condurre le donne e i bambini, illesi da tutt’oltraggio, a Marocco, e
poi li rese agli Arabi; e questa fu vera vittoria che domò quegli animi
feroci.[182]

Dileguata così ogni speranza di collegarsi con le tribù, Ruggiero
pensò ad assicurare il nuovo dominio contro gli Almohadi, mandando in
Ponente l’armata, condotta da un Filippo di Mehdia, apostata musulmano,
del quale occorrerà dire largamente nel capitol che segue. Il quale
assalì Bona, testè abbandonata dal governatore hammadita, ma non
occupata per anco dagli Almohadi; espugnolla di regeb del medesimo
anno dell’egira (4 novembre a 3 dicembre 1153) con l’aiuto degli Arabi
del contado, e fecevi prigioni e bottino; ma chiuse gli occhi alla
fuga degli _’ulemâ_ e di altri uomini di nota: sì che uscirono illesi
dalla città con lor sostanze e famiglie. Dopo una diecina di giorni,
partiva l’armata per Mehdia, con un po’ di prigioni; e non guari dopo
tornava in Sicilia,[183] lasciando Bona assai malconcia, sotto uno de’
Beni-Hammâd, che non isdegnò farsi _’âmil_ di Ruggiero.[184] S’erano
sollevati, il medesimo anno, alle nuove, com’ei pare, della irruzione
degli Almohadi, gli abitatori delle Gerbe e aveano fatta strage de’
Cristiani. L’armata andovvi, credo io, avanti l’impresa di Bona;
vendicò il sangue col sangue; mandò prigioni in Palermo quanti potè;
lasciando nel paese un pugno di gente da nulla, per coltivar la terra
tanto o quanto e servir nelle case i padroni cristiani.[185] Fu ripresa
anco l’isoletta di Kerkeni, com’e’ sembra, con lo stesso effetto.[186]
Troviamo in Ibn-el-Athîr che quel medesim’anno cinquecenquarantotto
(29 marzo 1153 a 17 marzo 1154) l’armata siciliana abbia saccheggiata
Tinnis in Egitto.[187] Io leggerei più volentieri Tenes, città vicina
al mare, sul confine dell’odierna provincia di Algeri con quella
d’Orano. La prima cosa, e’ non sembra verosimile che il re di Sicilia
abbia attaccata quest’altra briga in Levante, oltre quella coll’impero
bizantino e col reame di Gerusalemme, mentre gli rimanea tanto da fare
contro gli Almohadi. Sappiamo, al contrario, da Romualdo Salernitano
che Ruggiero, a suo proprio utile ed onore, così il cronista, avea
allora fermata la pace col califo fatemita.[188] Il Makrizi tace
quell’assalto, nella diligentissima descrizione dell’Egitto, dov’ei
nota con l’anno cinquecencinquanta (7 marzo 1155, 24 febbraio 1156)
il guasto dato dal navilio siciliano a Tinnis, Damiata, Rosetta ed
Alessandria,[189] quando Ruggiero era morto e la saviezza politica
fuggita per sempre dalla corte normanna di Palermo. Mancando per
l’appunto questa ultima scorreria in Ibn-el-Athîr, parmi verosimile
ch’ei, nell’acconciare a forma d’annali i fatti che trovava in
tante storie particolari, abbia sbagliata qui la data; ovvero abbia
letto Tinnis in luogo di Tenes e per soverchia diligenza, v’abbia
aggiunto “in terra d’Egitto.” Per vero Tenes e Tennis rassomigliansi
nella scrittura arabica quanto nella nostrale; onde facilmente si
poteano scambiar que’ due nomi da’ copisti ed anco dai più accurati
compilatori. Che che ne sia, l’armata siciliana in quegli ultimi tempi
del gran re normanno, infestava ogni anno la costiera dello Stato di
Bugia, occupata oramai la più parte dagli Almohadi. Edrîsi, che scrisse
il millecencinquantaquattro a corte di Palermo, narra che gli abitatori
di Gigel e di Collo, allo scorcio dell’inverno, “quando vien la
stagione che salpa l’armata,” soleano abbandonar le case della marina
ed emigrare nei monti, portando seco ogni cosa.[190]

Coteste frequenti scorrerie a ponente del capo Bon e la procellosa
anarchia nella quale vissero per molti anni que’ popoli, abbandonati
dai Beni Hammâd, divisi tra loro, e minacciati a un tempo dagli
Arabi, da’ Siciliani e dagli Almohadi, m’inducono a creder vera
una pratica di Ruggiero con Tunis, della quale troviamo vestigie
molto incerte nelle memorie cristiane, al par che nelle musulmane.
Dei contemporanei, il solo Roberto, abate del Monte di San Michele,
registrò nella cronica essere stata quella città occupata dalle armi
del re di Sicilia, il millecencinquantadue: e potrebbe essere un altro
sbaglio del nome di Tenes.[191] Abd-el-Wahid da Marocco scrivea il
milledugenventiquattro, nella storia degli Almohadi, che quand’essi
presero Tunis (1159) vi regnava Ruggiero, il quale aveala affidata a un
_’âmil_, per nome Abd-Allah-ibn-Khorasân.[192] Un secolo appresso, il
Dandolo, nell’accennare a’ conquisti affricani del millecenquarantotto,
aggiungea che Ruggiero si fe’ tributario il re di Tunis.[193] E ciò mi
sembra che più s’accosti al vero. Tunis non fu mai occupata dall’armata
siciliana. Secondo le notizie ben connesse e precise che ne dà l’autore
del _Baiân_ e Ibn-Khaldûn, quella città, popolosa, ricca e piena d’alti
spiriti, ma torbidi e parteggianti, avea disdetta da lungo tempo la
sovranità zirita, e riconosciuta di nome quella degli Hammaditi, e di
fatto il governo di uno sceikh del paese, il quale chiamerei volentieri
presidente della _gemâ’_. Rimase per molti anni cotesta autorità
nella casa de’ Beni-abi-Khorasân; poi cadde in altre mani, e del tutto
dileguossi in que’ frangenti di carestia e vicin romore di Cristiani.
Il popolo che s’apparecchiava con molto ardore a respingerli, tumultuò
un giorno, vedendo caricar del grano sur una barca che si sospettò
partisse per luoghi occupati da Giorgio d’Antiochia; ond’e’ si venne
a pretta anarchia ed a guerra civile, tra la fazione della _Soweika_
(il mercatino) e quella della _Gezîra_ (l’isola), che mi sembrerebbero
popolani e nobili: alfine la plebe richiamò i Beni-abi-Khorasân,
pria che fosse corso un anno dal conquisto di Mehdia. Abd-Allah-ibn
Abd-el-Azîz, che si può dire l’ultimo di quella famiglia, regnò per
dieci anni da tiranno; respinse gli Almohadi in un primo assedio
(1157); e la città, poco appresso la sua morte, cadde sotto il pondo
dell’oste d’Abd-el-Mumen.[194] Come ognun vede, tra questi fatti che si
ritraggono con certezza storica, non entra la supposta signoria del re
di Sicilia. Ma poichè il tiranno di Tunis, nelle ricordate condizioni
di quei paesi, non potea sperar aiuto da altra banda, mi par verosimile
ch’egli abbia segretamente fermato con Ruggiero qualche accordo non
dissimile da quello dell’ultimo Zirita di Mehdia, promettendo di
spesare forze ausiliari o di pagar la tratta de’ grani di Sicilia.
Se le passioni umane allora non operavan diverso da ciò che veggiamo
nella storia prima e poi e fin oggi, la corte di Palermo per vanità,
il popol di Tunisi per sospetto geloso, quando trapelò quel trattato,
gridarono a una voce che l’Ibn-abi-Khorasân s’inginocchiava, tributario
e vassallo, a’ piè di Ruggiero; non altrimenti di quel che dissero
di Hasan gli scrittori seguiti da Ibn-abi-Dinâr. E più incerta dovea
rimanere la memoria del fatto, dopo il mutamento di regno, che di
lì a poco spezzò tutte le fila ordite in Palermo e dopo la terribile
reazione che seguì in Affrica contro i Cristiani e lor fautori, della
quale noi diremo nel regno di Guglielmo il Malo.



CAPITOLO III.


Ritornando un po’ addietro ne’ tempi, egli è da ricordare che il
riconoscimento del novello reame non tolse a Ruggiero l’ambizione,
nè alla corte di Roma la voglia di molestarlo; donde or il papa
ricusò di consacrare i vescovi[195] e cavillò su le prerogative della
corona;[196] ora il re mandò eserciti ad occupare i dominii papali.
Ma quando Corrado III, imperatore eletto, parlò di calare in Italia,
e Arnaldo da Brescia infiammò i Romani a ristorare il Senato sotto il
trono d’un Cesare tedesco, allora, quell’altalena fatale che tolse
per mille anni ogni assetto e riposo alla patria nostra, spinse il
papato ad accostarsi al regno, guelfo per sua natura. Udiasi allora per
la prima volta cotesto nome di parte, sendosi levato in arme contro
l’imperatore il duca Welf: al quale il papa e Ruggiero dettero aiuto
per alimentar la guerra civile in Germania. Le ricchezze guadagnate
sopra i Musulmani d’Affrica, l’industria della Sicilia, l’ubertà della
Puglia, fornirono i danari che Ruggiero somministrava ai ribelli:[197]
e porgeane anco al papa, per corrompere o combattere i Romani,
promettendogli inoltre rinforzi di gente. E tra quelle tenerezze
il papa a confermare il privilegio della Legazione apostolica di
Sicilia;[198] a favorir le pratiche di Ruggiero in Germania. Nel corso
delle quali avvenne che i partigiani del papa in Roma ricettassero
occultamente i messaggi del re e che il Senato li catturasse con le
lettere ch’e’ recavano e con loro famigli saraceni; ma poi lasciolli
andare.[199] Possedendo in grazia di Ruggiero il nervo della guerra, il
papa e i cardinali si vantavano di serrare in un canile “come veltri
e mastini, gli imperiali e i Greci di Venezia, sì che non potessero
mordere il Siciliano, ausiliare di Santa Chiesa.”[200]

Intanto i veri capi della Chiesa annidati, come già abbiam detto,
ne’ monasteri di Francia, aiutavano con lo ingegno e co’ raggiri la
fuggitiva corte di Roma e favorivano di rimbalzo il re di Sicilia. San
Bernardo, barattando le carte, come soglion far sempre, e mutando in
caso di teologia la quistione politica, si messe a fulminare Arnaldo
per tutte le scuole e le corti d’Europa; tanto che l’imperatore Corrado
non osò accostarglisi. La crociata, poi, predicata dall’apostolo
cattolico, venìa sì bene in acconcio alla corte di Roma, da far
credere ch’egli avesse voluto a un tempo stender la mano a’ travagliati
Cristiani di Siria e mandare Corrado a coglier allori, e fors’anco la
palma del martirio, lì verso l’Eufrate, in vece di calare in Italia a’
danni del papa. Dopo la rotta e il ritorno de’ Crociati, s’interpose
tra Corrado e Ruggiero un altro prelato francese di gran fama, Pietro,
detto il Venerabile, Abate di Cluny, negoziatore volontario di faccende
politiche in tutta Europa, assiduo viaggiatore in Italia e Spagna,
scrittore di polemica contro l’islamismo ed auspice della prima
traduzion latina del Corano.[201] Costui, ragguagliando di sue pratiche
il re e domandandogli intanto qualche larghezza a prò de’ monaci, gli
sciorinava quante lodi ei sapesse accozzare in suo latino e diceagli
bramar “che fosse unita al felice reame di Sicilia la misera Toscana
e qualche provincia finitima.”[202] Così Ruggiero usava gli amici
ecclesiastici ed essi lui. Che se adoperolli invano nelle trame contro
Ramondo principe d’Antiochia, il cui stato ei pretendea com’erede del
cugino Boemondo,[203] conseguì pure l’intento suo principale, ch’era di
trattener Corrado di là dalle Alpi. La costui morte, succeduta a tempo
(1152) fu attribuita a veleno ed apposta a Ruggiero[204] dai Ghibellini
più ardenti; i quali sel trovavano sempre in mezzo a’ piedi, col suo
danaro, con le sue arti di regno, con la sua fama di adetto in ogni
scienza umana o infernale.

Giovò l’impedimento di Corrado a render vani gli sforzi di Manuele
Comneno, che s’era collegato con lui contro la nuova potenza surta
nell’Italia meridionale. Ruggiero non aspettò l’assalto de’ Bizantini.
Affidato, com’e’ pare, nei novelli amici ch’eran sì possenti in
Francia, ei volle tirar Lodovico VII a una lega contro Manuele: e
pensando che cosa fatta capo ha, ruppe la guerra appunto quando i
Crociati passavano nell’Asia minore; onde il bizantino si trovava
impacciato; il francese vicino, adirato e disposto a punire la perfidia
di quello. Mandò Ruggiero dunque in Levante Giorgio d’Antiochia;
il quale, salpando da Brindisi (settembre 1147?) occupava Corfù;
correa fino alla punta meridionale del Peloponneso; dava il guasto a
Monembasia. Ma non assentendo Lodovico alla lega contro il Comneno,
tornò addietro d’un subito l’armata siciliana, in guisa da fare scorger
nella ritirata il dispetto dell’occasione fallita. Giorgio si messe a
depredar le costiere dell’Etolia e dell’Acarnania; entrò nel golfo di
Corinto; mandò le gualdane infino a Tebe; prese Corinto stessa e la
sua rôcca; per ogni luogo frugò i ricchi con piglio da masnadiere, fece
fardello d’ogni roba preziosa, menò cattivi gli Ebrei e i benestanti,
uomini e donne; rapì anco l’industria, portando via gli operai della
seta. Quindi altri opinò che i prigioni di Tebe e di Corinto avessero
primi recato il setificio in Palermo, non sapendo che quivi da molto
tempo l’esercitavano i Musulmani.

Correndo la state del quarantotto, l’armata siciliana andò all’impresa
d’ Affrica. Ma allo scorcio dell’anno, Manuele, libero dalla paura de’
Crociati, s’apparecchiava alla vendetta. Acconciatosi co’ Veneziani,
sì che gli fornirono possente navilio; vinti i Patzinaci, Manuele
assediava Corfù, difesa da mille uomini dello esercito siciliano;
respingea l’armata vegnente all’aiuto, e dopo due anni riducea
per fame l’inespugnabile fortezza (1150). Seguì durante l’assedio
quell’arrisicata fazione delle quaranta galee siciliane ch’entrarono
nel porto di Costantinopoli, sbarcarono ne’ giardini imperiali e
tirarono saette affocate nelle finestre della reggia; di che la fama
giunse ne’ paesi musulmani.[205] In uno degli scontri del navilio
siciliano col bizantino trovossi avvolto il re di Francia che mesto
ritornava dalla crociata; il quale fu preso da’ Greci, liberato da’
Siciliani e condotto a Ruggiero, che gli fece grandissimo onore (agosto
1149). Le guerre poi sul Danubio, le fortune di mare, la dappocaggine
delli ammiragli e la morte di Corrado, ritardarono la impresa di
Manuele Comneno fino alla morte di Ruggiero.[206]

Il quale terminò il glorioso regno con un _auto da fe’_. Qual che fosse
l’origine di Filippo di Mehdia, sia musulmano dell’isola detto Mehdiano
dalla patria de’ suoi maggiori, o sia nato veramente nella capitale
zirita, era egli battezzato, come gli altri paggi del re, nè cristiani
nè musulmani, nè uomini nè donne. Cresciuto a corte, mostratosi buon
massaio, il re l’avea preposto all’azienda del palagio, indi creato
ammiraglio alla morte di Giorgio e mandato all’impresa di Bona; il che
mi conduce a crederlo creatura dell’Antiocheno e suo compagno nelle
guerre d’Affrica. Leggiamo il caso negli annali d’Ibn-el-Athîr, che
forse il togliea dagli scritti del contemporaneo Ibn-Sceddâd; e più
largamente ne tratta un luogo di Romualdo Salernitano, interpolato
com’è parso ad autorevoli critici, ma contemporaneo in ogni modo, e
degno di fede. L’un racconto come l’altro fa scoppiare improvvisa la
collera del re contro Filippo, al suo ritorno da Bona: non ostante il
trionfo e la riportata preda, al dire del latino; e al dire dell’arabo,
appunto per aver chiusi gli occhi tanto che i notabili musulmani
si messero in salvo. Fu accusato di simular la fede; e davano gli
amminicoli: che entrasse in chiesa per apparenza, ma frequentasse
occulto le moschee, fornissevi l’olio alle lampadi, inviasse offerte
al sepolcro di Maometto, si raccomandasse ai sacerdoti del luogo e
non rifuggisse dal cibarsi di carne il venerdì e ne’ giorni della
quaresima. Così il narratore latino. L’arabo compendia l’accusa in
questo che Filippo e gli altri paggi convertiti mangiassero lietamente
quando il re digiunava. E non occorre dire che testimonii provarono
il delitto, ancorchè l’accusato negasse ostinatamente. Fu tradotto,
secondo il narratore musulmano, dinanzi i vescovi, i preti e i
cavalieri; secondo il cristiano, dinanzi i conti, i giustizieri, i
baroni e i giudici. Abbiam dalla stessa fonte cristiana ch’egli implorò
grazia, e che Ruggiero, tanto più adirato, piangendo di collera,
esortò il tribunale a severissima giustizia, dicendo: aver allevato
in corte questo ribaldo, amatolo come fedel servitore; il quale se
avesse offeso lui medesimo, se avesse rubato mezzo il tesoro regio,
ei gli perdonerebbe; ma volea vendicare l’oltraggiata religione;
sapesse bene il mondo che per questa santa causa egli farebbe pur
cascare il capo del suo proprio figliuolo. Trattisi in disparte,
dopo lunga deliberazione, dettarono questa sentenza: “che Filippo,
delusore del nome cristiano, dedito all’opera della infedeltà sotto
il velame della fede, sia arso da ultrici fiamme; affinchè, non avendo
eletto il fuoco della carità, senta quello del rogo; nè rimanga alcuno
avanzo di cotesto scellerato, ma, fatto cenere, ei passi dal fuoco
temporale all’eterno, dove per sempre arderà.” Ho tradotte le parole
della cronica, la quale par abbia copiata la sentenza del magistrato
laico, passando sotto silenzio il giudizio ecclesiastico che dovea
precedere. Di questo riman vestigia nella narrazione musulmana la quale
nomina insieme i due ordini di giudici, quasi avessero composto un sol
tribunale. Il Gregorio riconobbe nel caso di Filippo la giurisdizione
dell’alta corte de’ Pari;[207] ma non volle rimestare di troppo quella
prima gesta del Tribunal della Santa Inquisizione, il quale, quando
scrisse il gran pubblicista, dava ancora i brividi all’onesta gente in
Palermo, essendovi stato abbattuto appena da venti anni.

Alzarono il rogo di faccia al palagio stesso del re; presedette al
supplizio il giustiziere. L’eunuco, legato a un cavallo indomito,
fu strascinato infino al rogo, e quivi disciolto e gittato semivivo
nelle fiamme. I complici e consorti, puniti anco di morte, aggiugne
laconicamente la narrazione cristiana e finisce esclamando, con la
stesse parole con che principia: ecco quant’era cristiano il buon re
Ruggiero! Porta la narrazione arabica che Filippo fu arso del mese
di ramadhan, il qual mese sacro dei Musulmani tornava nel 1153 tra
il novembre e il dicembre; che Iddio non fece sopravvivere Ruggiero
a lungo e che questo supplizio fu il primo tracollo de’ Musulmani di
Sicilia.[208] S’io ben m’appongo, questo detto, confermando le altre
condannagioni alle quali accenna la narrazione cristiana, prova esser
seguita in Sicilia, allo scorcio del millecencinquantatrè, una vera e
grave persecuzione religiosa.

Perchè la mosse Ruggiero? Di certo le vittorie degli Almohadi in
Affrica, gli armamenti di Manuele Comneno nell’Adriatico, la morte di
tre figliuoli e di due mogli entro nove anni, la malattia che consumava
la sua propria persona in quell’inverno, non poteano non agitar
profondamente il suo spirito, nudrito di credenze soprannaturali, tra
ortodosse, astrologiche e musulmane. Ci si dice inoltre che in quegli
ultimi tempi, allontanatosi alquanto dalle cure mondane, egli s’adoprò
“in tutti i modi” a convertire musulmani e giudei e profuse più che mai
danari nel culto.[209] Potremmo supporlo dunque diventato bacchettone
per indebolimento di cervello, siccom’è avvenuto a tanti altri dotti
e forti uomini. Ma più verosimile è che Ruggiero abbia voluto dar uno
esempio e riformare a suo modo la corte, dove i vinti guadagnavan
la mano a’ Cristiani. Egli mandò al rogo Filippo un mese dopo
quell’impresa di Bona sciupata, come parve, per contemplazione verso i
Credenti: onde non occorre ch’altri ci narri le querele che ne sursero
nell’armata, nel baronaggio, nel clero, contro i favoriti musulmani
del re. E questi era avvolto oramai nelle fila della diplomazia
ecclesiastica, niente amica, al certo, di ministri così fatti. Un
monarca d’oggi li avrebbe congedati; un del secolo decimosettimo,
gittati in fondo d’un carcere; Ruggiero, che visse nel duodecimo e
ch’era tenuto crudelissimo anche allora, arse il principale, mozzò
il capo agli altri e si rallegrò forse di avere assettata la corte,
soddisfatto al popolo, a’ grandi, a’ potentati amici e guadagnato, chi
sa? il paradiso.

Morì a capo di due mesi, il ventisette febbraio
millecencinquantaquattro, all’età di cinquantotto anni,[210] sospinto
alla tomba dalle voluttà, come notarono i prelati della corte. Delle
sue virtù, de’ vizii e delle cose operate al di fuori abbiam già
detto quanto basta al nostro argomento. Ci riman ora a trattar con la
stessa misura l’interno reggimento del paese e la tempra e coltura
dell’ingegno di questo gran principe; di che noi caverem le notizie
dagli scrittori musulmani al par che da’ cristiani; poich’egli lasciò
orma di sè in ambo le civiltà del tempo suo. Ed entrambe lo dipinsero
in loro stile. L’una per man dello Abate di Telese, di Romualdo
arcivescovo di Salerno, d’Ugo Falcando, di Pietro il Venerabile:
prelati italiani e francesi, nutriti di letteratura latina. L’altra,
or con l’asiatico lusso delle immagini, nella Prefazione dell’Edrîsi,
letterato, scienziato e rampollo di principi; or con le secche
note di cronaca raccolte da Ibn-el-Athîr negli Annali, e dal Sefedi
nell’articolo biografico, intitolato appunto a Ruggiero.[211]

Il Falcando loda in lui l’abbondanza degli spiriti vitali, il pronto
ingegno, l’operosità, la vigilanza, la maturità di consiglio nelle
faccende pubbliche.[212] Edrîsi, dopo lunga parafrasi di queste
medesime idee, le stringe nell’epigramma che Ruggiero fea più dormendo
che ogni altr’uomo vegghiando.[213] Parco allo spendere, fuorchè
nelle cose della guerra, nelle scienze e ne’ monumenti, studiosissimo
ei fu di accrescere le entrate dello erario[214] e sì diligente
nell’amministrarle, che ne’ ritagli di tempo metteasi a frugare i
conti.[215] La sicurezza, la pace e la prosperità di che si godea ne’
suoi dominii, recarono stupore all’Europa in quell’età di violenze
feudali:[216] onde non esagera Edrîsi, là dov’ei dice, che Ruggiero
fe’ piegare il collo ai tiranni[217] e che, inalberando il vessillo
della giustizia e dando al popolo quiete e buon governo, ei costrinse
i regoli a ubbidirlo, a vestire la sua divisa, a consegnargli le
chiavi di ciascun paese.[218] Riformò gli ordini giudiziali; fece
osservare le leggi con rigore, anzi crudeltà, di che il Falcando lo
scusa con la necessità del regno nuovo. Nell’opera di perfezionare il
civil governo in Sicilia e d’assuefar a quello i baroni e le città di
Terraferma, egli studiò gli esempii di fuori e chiamò in aiuto valenti
uomini d’ogni linguaggio e d’ogni setta.[219] Donde un francese vanta
la predilezione del re pei Francesi;[220] un musulmano gli dà lode di
proteggere ed amare particolarmente i Musulmani;[221] similmente un
bizantino avrebbe potuto affermare il privilegio della schiatta greca,
nominando Giorgio d’Antiochia; ed un italiano avrebbe forse vinta la
gara, ricordando che Arrigo de’ marchesi Aleramidi fu quel desso che
fabbricò la corona al nipote.[222]

Abbozzato già nel quinto libro il reggimento normanno, io vo’ ricordar
qui di volo quelle istituzioni che riferisconsi con certezza a re
Ruggiero, anzi che al padre. Delle quali gravissima parmi l’ordinamento
de’ magistrati provinciali, ignoto sotto il primo conte, necessario
a far sentire da presso una mano assai più forte ch’esser non potea
quella degli ufiziali del principe in ciascun comune, sopraffatti per
avventura da’ vicini feudatarii e da’ prelati. Seguendo l’uso di tenere
unita l’autorità che noi distinguiamo in amministrativa e giudiziale,
Ruggiero sostituì ai vicecomiti i baiuli, delegati generali del governo
nella città e primi giudici in materia civile e correzionale.[223]
Egli istituì primo i camerarii e i giustizieri, magistrati provinciali:
preposti gli uni all’azienda, con giurisdizione d’appello nelle cause
civili e di prima istanza in quelle concernenti i feudi secondarii e
in ciò ch’or diciamo il contenzioso amministrativo; giudici gli altri
delle liti civili relative ai feudi principali e delle cause criminali
ch’eccedessero la competenza dei baiuli e delle curie baronali.[224]
Certo al pari e’ mi sembra che re Ruggiero abbia data migliore forma
ad un tribunale supremo preseduto dal principe, simile a quello de’
Bizantini nelle materie civili[225] e de’ Musulmani pei delitti di
maestà.[226] E veramente la tradizione arabica afferma che Ruggiero,
succeduto al padre, imitò i principi musulmani con creare i _giânib_,
gli _hâgib_, i _selâhia_, i _giandâr_ e altri simili ufiziali; ch’egli
scostossi dagli usi de’ Franchi, i quali non aveano idea d’ordini così
fatti; e che pose il _Diwân-el-mozâlim_, (noi diremmo, la Corte de
Soprusi) al quale si recavano le querele degli offesi; e il re facea
giustizia a costoro, foss’anco contro il proprio suo figlio.”[227]
Degli altri ufizii diremo or ora. Ravvisò il Gregorio in questa Corte
de’ Soprusi la _Magna Curia_, che i pubblicisti siciliani solean prima
di lui riferire a Federigo imperatore; ed ei tirolla su ai tempi di
Ruggiero, la distinse dall’alta corte de’ Pari, la paragonò alla corte
del Banco del re, ch’ei suppose istituita in Inghilterra da Guglielmo
il conquistatore.[228] Ma i pubblicisti inglesi confessano in oggi
non veder chiaro nell’XI secolo quel sistema di giurisdizione suprema
che comparisce appo loro al principio del XIII; ond’essi pensano che,
ne’ primi tempi de’ re normanni, l’Inghilterra non abbia avuta altra
corte di giustizia che quella de’ Pari, talvolta piena e più sovente
ristretta; non essendo stato in quella età agevol cosa ragunare i
feudatarii ad ogni uopo della giustizia ordinaria. Nè più di questo
parmi si possa affermare della Sicilia nel XII secolo; se non che
aggiugnerei avere Ruggiero composta regolarmente la corte de’ Pari
ristretta, facendovi sedere i giustizieri ed anco de’ giudici, e
adoperandola come magistrato ordinario e supremo, senza restringere
la sua giurisdizione ai grandi feudatarii. E parmi sia stata questa
in Sicilia la corte che condannò al fuoco Filippo di Mehdia: innanzi
alla quale dicea Ruggiero, secondo la narrazione cristiana, che non
gli sarebbe rifuggito l’animo dal punire il proprio figlio:[229] le
medesime parole per l’appunto, con che la tradizione musulmana esprime
l’alto impero e severa giustizia del _Diwân-el-mozâlim_, preseduto dal
re.

Lascio indietro gli ordinamenti proprii della popolazione cristiana,
sempre più cresciuta nell’isola al tempo di Ruggiero; la colonia e
il vescovado ch’ei fondava in Cefalù; l’archimandritato istituito
in Messina per ordinare i monasteri greci e forse le popolazioni;
le sue leggi che ci venga fatto di spigolare;[230] i grandi ufizii
della corona ch’egli imitò dalle corti occidentali: cancelliere,
giustiziere, camerario, protonotaio, connestabile; qualificati di
grandi per significar l’autorità superiore.[231] Delli ammiragli ho
discorso a lungo.[232] Ho toccato anco dei servigi della corte affidati
la più parte a’ paggi.[233] Secondo uno scrittore che allegammo
poc’anzi,[234] Ruggiero ordinò ad esempio delle corti musulmane
quegli ufizii domestici, le cui denominazioni, arabiche o persiane,
attestano la origine, che torna sovente ai Fatemiti d’Egitto. Erano gli
_hâgib_, propriamente uscieri, spogli bensì del gran potere ch’ebbero
a Cordova e altrove;[235] i _giânib_, come sarebbe a dire aiutanti
di campo;[236] i _selâhia_ che torna a scudieri;[237] i _giandâr_ o
forse _giamdâr_, vestiarii;[238] ed altri, dice il testo, alludendo a
note denominazioni:[239] a quella gerarchia di servitori intrecciata
con le dignità dello Stato, la quale i Bizantini tolsero da’ despoti
persiani e detterla ai Musulmani ed ai re dell’Occidente. Il più delle
volte non era divario che nel nome. Il gran siniscalco non potea
mancare in Sicilia; ancorchè si vegga al tempo stesso di quello il
_magister_ latino, che risponde all’uficio e sembra testo o traduzione
dell’orientale _ostadâr_.[240] Son qui da ricordare i _kâid_ de’ quali
si è trattato a lungo, or capitani propriamente detti di pretoriani,
or segretarii, computisti e per fin camerieri,[241] come un _ferrâsc_
che appo noi suona “rifa’ letti.”[242] V’era anco un paggio musulmano
ispettore della cucina,[243] ed uno preposto al _tirâz_.

Con tal voce persiana chiamaronsi le vestimenta di seta ricamate
e l’opificio in cui le si lavoravano: parte essenziale d’una corte
musulmana, poichè soleano i principi donar que’ pallii in segno di
favore, o mandarne a’ grandi oficiali nel dar loro l’investitura,[244]
come appunto si disse in cristianità, per cagion di usanza non
dissimile. Ci è occorso di narrar come Ruggiero avesse inviati di tali
abbigliamenti al traditore che gli fece omaggio di Kâbes.[245] E rimane
del _tirâz_ di Palermo un lavorio sontuoso, il pallio semicircolare,
trapunto nell’area ad oro e perle con figura d’un lione che abbatte un
camelo, e in giro con bellissime lettere cufiche, portanti il nome e
le qualità di Ruggiero e la data della capitale di Sicilia e dell’anno
cinquecentoventotto (1133); il qual regio manto, per dono di alcun
re di Sicilia o rapina di Arrigo VI, andò in Germania; ed è serbato
ora a Vienna tra le reliquie del defunto impero di Carlomagno.[246]
Sappiamo dalla storia come quell’opificio fosse stato rifornito il
millecenquarantasette di belle corinzie e tebane,[247] e durasse in
fiore nel centottanta, quando l’eunuco prepostovi diceva all’orecchio
a Ibn-Giobair che le giovani musulmane del suo ovile tiravano spesso
all’islam lor compagne di nazione franca. Sembra da ciò che Ruggiero
abbia voluto onestare con quel nome l’_harem_ della reggia.[248] Da lui
o da’ successori fu anco usato l’ombrello di gala, ad imitazione dei
califi fatemiti.[249]

Alla corte musulmana rispondean gli usi orientali della cancelleria
arabica, distinta, com’e’ mi sembra, dalla cancelleria latina, e
addetta a trattar le faccende degli antichi abitatori, sì come la
latina quelle de’ coloni. Mentre quest’ultima usava il linguaggio
latino, la data dell’èra volgare, e il suggello co’ titoli occidentali,
l’altra cancelleria adoperava or il greco or l’arabico, secondo
le genti, e talvolta l’una e l’altra lingua insieme. In testa de’
rescritti arabici o bilingui non soscritti di propria man di Ruggiero,
si ponea all’uso musulmano lo _’alâma_, ossia il motto trascelto da
ciascun principe e scritto della man di segretario apposito, con che
si dava autenticità al diploma. Lo _’alâma_ di Ruggiero fu_ El hamd
lilaah sciakran linia’mih_ ossia “Lode a Dio per riconoscenza de’
suoi benefizii.”[250] Copiando un po’ i principi Musulmani e un po’
i Bizantini, Ruggiero si fece intitolare ne’ diplomi _El malek el
mo’adzdzam el kadîs_ o diremmo noi “Il re venerando e santo”[251] e
nelle monete, or _El malek el mo’adzdzam el mo’tazz billah_, ossia “Il
re venerando, esaltato per favor di Dio”[252] ora _Nâsir en nasrâniah_
che suona “Difensor del Cristianesimo”[253] Nè altrimenti par lo
addimandassero in corte; sendo detto egli da Edrîsi “il re venerando,
Ruggiero, esaltato da Dio, possente per divina virtù,[254] re di
Sicilia, Italia, Lombardia, Calabria, (sostegno dello) imâm di Roma,
difensore della religione cristiana”[255]; e chiamata _El-mo’tazzia_,
dal poeta Abd-er-Rahman da Trapani, la regia villa di Mare-dolce
presso Palermo.[256] Nei diplomi della cancelleria bilingue soscrisse
Ruggiero sempre in greco, rendendo que’ titoli di conio orientale con
la formola “Ruggiero in Cristo Dio, religioso e possente re, difensore
dei Cristiani”[257] e quest’ultimo attributo si ritrova anco tradotto
nell intitolazione di alcun diploma latino.[258] Si scorge infine dalle
monete e dall’uso degli scrittori arabi contemporanei, che Ruggiero,
intitolatosi secondo di tal nome pria ch’ei prendesse la corona reale,
continuò sempre a distinguersi dal padre con quella appellazione,
ancorchè ei fosse stato il primo re.[259]

Non pensava forse Ruggiero che il passatempo della scienza gli avesse a
fruttar tanta gloria, quanto le assidue cure dello Stato e le fatiche
della guerra. E pur l’Europa civile, se in oggi non ha scordato del
tutto il fondatore della monarchia siciliana, onora assai più il dotto
principe al quale è dovuta la maggiore opera geografica del medio
evo. Differendo a trattare il pregio di cotesta opera nella rassegna
scientifica e letteraria del presente periodo, noi qui toccheremo della
parte che torni a ciascuno de’ due creduti autori: Edrîsi, sotto il
cui nome corre in oggi il libro, e il re al quale l’attribuirono gli
eruditi musulmani chiamandolo “Il libro di Ruggiero” oltre il titolo
proprio, ch’è “Il sollazzo di chi ama a girare il mondo.”

Taccion le memorie cristiane di questa vaghezza del re per gli
studii geografici, male interpretata da Falcone Beneventano, là dove
ei racconta l’aneddoto, ch’entrato Ruggiero trionfante in Napoli,
allo scorcio di settembre millecenquaranta, fece una notte misurare
l’ambito delle mura; e la dimane, ragionando co’ principali cittadini
intorno le franchige da confermare, per mostrarsi tenero assai delle
cose loro, “Ma sapete voi, lor domandò, quanto giri la città vostra?”
e rispostogli di no, “ecco ch’io vel dico, replicò: son dumila
trecensessantatrè passi, per l’appunto.”[260]

Edrîsi descrive la formazione dell’opera con particolari di gran
momento.[261] Ei dice dottissimo il re nelle scienze “astruse e nelle
operative”[262] ossia le matematiche e le dottrine dell’amministrazione
pubblica; e che in cotesti due rami di sapere “egli creò modi novelli
maravigliosi e inventò peregrini trovati.” Allargato il regno, “ei
volle sapere con precisione e certezza le condizioni di ciascun paese
soggetto: quali fosserne i confini e le vie di comunicazione per terra
e per mare; a qual clima appartenesse, quali mari lo bagnassero, quai
golfi vi si aprissero. Volle conoscere, altresì, ogni altro paese e
regione de’ sette climi ideati da’ filosofi e determinati da’ narratori
e da’ compilatori in loro pergamene[263] e ricercar volle quanta parte
di ciascuno Stato entrasse in ciascun clima.” Nominati poi dodici
trattati geografici, tra d’antichi e d’arabi, che furono raccolti
per comando di Ruggiero, continua Edrîsi “che in tutti si notarono
discrepanze, omissioni ed errori; e che i geografi, chiamati apposta
e interrogati dal re, non ne sapeano più che i libri. Egli allor fece
venire da ogni parte de’ suoi dominii uomini esperti ed usi a’ viaggi,
e ordinò che interrogati per un suo ministro,[264] tutti insieme
e poi spicciolati, si tenesser buoni i ragguagli ne’ quali ciascun
s’accordava e si rigettassero gli altri. Durò quindici anni cotesta
esamina; nel qual tempo non passò giorno che il re non vegliasse
sul lavoro, non pigliasse conto de’ ragguagli raccolti e non facesse
opera ad appurarli. Indi ei volle vedere se tornassero precisamente
le distanze su le quali s’erano accordate le relazioni.[265] Fe’
recar dunque una tavola graduata[266] e trasportarvi col compasso,
ad una ad una, quelle distanze; tenendo anco sott’occhio i libri
citati dianzi e ponderando le opinioni diverse: e tanto studiò
sul complesso di quei dati, ch’egli arrivò a determinare le vere
posizioni. Fe’ allor gittare, di puro argento, un gran disco diviso in
segmenti,[267] che pesò quattrocento _rotl_ italici, di cento dodici
_dirhem_ ciascuno,[268] e fevvi incidere i sette climi con le loro
regioni e paesi, le marine e gli altipiani, i golfi, i mari, le fonti,
i fiumi, le terre abitate e le disabitate, le strade battute, con
lor misure in miglia, le distanze (marittime) e i porti: nella quale
incisione fu copiato per filo e per segno il planisfero delineato
già nella tavola. Ordinò in ultimo si compilasse una descrizione
corrispondente alle figure della mappa, aggiuntovi le condizioni di
ciascun paese e contado: la natura organica,[269] il suolo, la postura,
la configurazione, i mari, i monti, i fiumi, le terre infruttifere, i
cólti, i prodotti agrarii, le varie maniere di edifizii, i monumenti,
gli esercizii degli uomini, le arti che fiorissero, le merci che si
introducessero o si traesser fuori, le maraviglie raccontate e le
supposte; e in qual clima giacesse il paese ed ogni qualità degli
abitatori: sembiante, indole, religioni, ornamenti, vestire, lingua.”
I manoscritti che ci han dato il testo fin qui con poco divario, si
discostano venendo alla intitolazione di _Nozhat el Mosctâk_, la quale,
secondo un codice, fu messa da Edrîsi, ma gli altri due, e tra questi
il più prossimo all’originale, riferisconla a Ruggiero stesso;[270]
poscia tutti d’accordo notano quella che noi diremmo pubblicazione,
fatta nella prima metà di gennaio millecencinquantaquattro, che è a dir
cinque o sei settimane innanzi la morte del re.

La quale sendo avvenuta dopo lunga infermità, possiamo supporre che
Edrîsi abbia affrettato ed anco precipitato il lavoro da presentare,
e che per tal cagione quello sia venuto fuori men corretto, che non
portasse il disegno e non permettessero i mezzi del re. Ma di ciò
meglio a suo luogo. Fatta intanto nelle parole d’Edrîsi la tara
dell’adulazione e della rettorica, ognun vi legge che il dotto
affricano stese la descrizione, dopo avere raccolte e coordinate
le relazioni orali e confrontatele, se si voglia, coi trattati di
geografia; ch’ei forse die’ consigli su gli studii da fare e sul
metodo; ma che il concetto, l’impulso, l’ordinamento e perchè no?
un’assidua cooperazione, si deve a Ruggiero, nella cui mente le
tradizioni musulmane si univano alle bizantine ed alle latine, al genio
cosmopolita dei Normanni ed alla curiosità statistica del principe e
del capitano.[271] Tornano anco a ciò i ragguagli del Sefedi. Ruggiero
o Uggiero, egli dice, amando le dottrine filosofiche dell’antichità,
fece venir dall’_’Adwa_[272] lo sceriffo Edrîsi; indusselo a stanziare
appo di lui e fuggir i pericoli che la sua nascita regia gli attirava
ne’ paesi musulmani d’Occidente; Ruggiero gli assegnò entrate da
principe; l’onorò tanto che solea levarsi quand’egli veniva a corte
e andargli incontro e metterselo a sedere allato. La prima cosa,
costruì Edrîsi pel re una grande sfera armillare d’argento e n’ebbe in
guiderdone de’ milioni.[273] “Ruggiero poscia si consultò con Edrîsi
intorno i migliori modi d’appurare i ragguagli geografici con certezza,
non già copiando libri; ed entrambi consentirono in questo, che si
avesse a mandare apposta per tutti i paesi di levante e di ponente,
uomini sagaci e dotti, accompagnati da disegnatori, a fin di ritrarre
la figura d’ogni cosa notevole. E il re mandolli di fatto: i quali come
riportavano lor disegni, così Edrîsi li verificava; e compiuta che fu
la raccolta, ei distese la compilazione intitolata il _Nozhat_.”[274]
Opera collettiva questa fu dunque, lavoro d’una specie d’accademia
istituita da Ruggiero nella corte di Palermo, preseduta da lui stesso;
e il rampollo degli ultimi califi di Cordova n’era il Segretario
perpetuo, se ci sia permesso dar nomi nuovi e precisi a un abbozzo del
medio evo. Ognun poi vede che appo i letterati musulmani, Edrîsi dovea
a poco a poco ecclissare Ruggiero, ancorchè di questi rimanesse pure
onorato ricordo.[275] Non essendo stato il libro, per la intempestiva
morte del re, tradotto in latino, l’Europa l’ha riavuto dopo cinque,
anzi sette secoli, col nome del compilatore che forse gli rimarrà per
sempre. E così è avvenuta al regio autore fortuna contraria a quella
de’ Grandi d’oggidì che fan lavorare altrui e voglion per sè la lode.

Quando verremo a trattare particolarmente la storia letteraria di
cotesto periodo, noteremo altre vestigie dell’accademia rogeriana
e delle dotte elucubrazioni del re, bastandoci qui far cenno degli
uomini e delle opere che vi si riferiscono. Oltre l’Edrîsi, veggiamo
nella reggia di Palermo Abu-s-Salt-Omeia da Denia, medico, meccanico,
astronomo, dotto nella scienza che gli antichi addimandavan la musica,
poeta e cronista; il quale girando, come soleano i letterati Musulmani,
per tutte le corti amiche agli studii, passò dal Cairo in Palermo e
indi a Mehdia, prima che la fosse occupata da’ Siciliani. Diverso da
costui par sia stato l’autore dell’orologio ad acqua, congegnato per
comando di Ruggiero, come attesta una lapida trilingue della Cappella
palatina di Palermo e una notizia trasmessaci dal cosmografo Kazwini.
Credo si debba a incoraggiamento del re la versione latina dell’Ottica
di Tolomeo, fatta dall’ammiraglio Eugenio, sopra una versione
arabica del testo greco e sì la versione delle Profezie della Sibilla
Eritrea, tradotte, come dissero, dal caldaico in greco per opera di un
Doxopatro, e lo stesso Eugenio voltolle dal greco in latino. Il quale
Doxopatro, sembra il Nilo venuto a corte di Ruggiero da Costantinopoli,
autore del famoso libro su le sedi patriarcali; molestissimo al papa,
come quello che dimostrò aver la sede di Roma preso il primato in
Cristianità perchè la città era capital dell’impero e averlo perduto
di diritto con la traslazione a Costantinopoli; e i vescovi di Sicilia
essere stati soggetti al patriarca bizantino, fino al conquisto del
Conte Ruggiero.

Non affermeremmo noi che il re avesse onorato Nilo Doxopatro per
cagion di questa opera istorica e canonica, più tosto che per la
versione della Sibilla Eritrea. Come certe malattie, così corrono in
ciascun secolo certe aberrazioni di mente, dalle quali raro avvien
che campino i sommi ingegni: di che abbiam cento esempii antichi e
odierni. Ruggiero, tra gli altri, credette alle scienze occulte. Narra
il Dandolo che un famigerato astrologo inglese, richiesto dal re,
gli facea trovare le ossa di Virgilio nel masso della collina presso
Napoli e ch’ei comandava di riporle nel Castel dell’Uovo, sperando
costringere a suo bell’agio con gli scongiuri l’ombra del Mantovano,
sì che gli rivelasse tutta l’arte della negromanzia.[276] Attesta del
paro Ibn-el-Athîr cotesti vaneggiamenti del re, con tal racconto che
ritrae al vivo una scena della reggia palermitana. Sedendo un giorno
il re co’ suoi intimi in una loggia che guardava il mare, fu visto
entrare un legnetto reduce dalla costiera d’Affrica; dal quale si seppe
che l’armata del re avea fatta sanguinosa scorreria ne’ dintorni di
Tripoli. Sedeva allato a Ruggiero un dotto e pio musulmano, onorato
da lui sopra ogni altro uom della corte e preferito a’ suoi preti ed
a’ suoi monaci, tanto che bucinavano essere il re nè più nè men che
musulmano.[277] Or parendo che il barbassoro non avesse posta mente
alle nuove di Tripoli, “hai tu inteso?” interrogollo Ruggiero; e saputo
che no, ricontò il fatto e domandò per celia “dove era dunque Maometto
quando i Cristiani acconciarono così il popol suo?” — “Vuoi ch’io tel
dica davvero? rispose il musulmano: egli era alla presa di Edessa,
dove in quell’ora medesima e in quel punto irrompeano i Credenti.” E i
Cristiani a scoppiar dalle risa. Ma Ruggiero, rifatto serio in volto,
li ammonì non pigliasser la cosa a gabbo, chè quel savio non avea mai
fatta predizione che non si avverasse. Ed a capo di alquanti giorni si
riseppe che Zengui, il padre di Norandino, aveva occupata Edessa.[278]
Mi viene in mente che quel savio sia stato forse lo stesso Edrîsi.

Non poteano mancare, in corte così fatta, i poeti arabi. Ancorchè i
bacchettoni musulmani, compilatori d’antologie, abbiano soppressi
di molti versi, massime que’ che più ci premerebbe di leggere,
abbiam pure alcuni frammenti di _kasìde_, presentate a Ruggiero da
Abd-er-Rahman-ibn-Ramadhan di Malta, dal filologo Abu-Hafs-Omar, da
’Isa-ibn-Abd-el-Moni’m, da Abd-er-Rahman di Butera, da Ibn-Bescirûn
di Mehdia e da ’Abd-er-Rahman di Trapani; de’ quali i primi due,
perseguitati, imploravano la clemenza del re; il terzo volea consolarlo
della morte del figliuolo; e gli ultimi lodavan il regio Mecenate,
descrivendo il sontuoso palagio, le ville e il viver lieto della corte,
dove solean girare, colme di biondo vino, le coppe, e il suono della
lira accompagnar la voce di cantori, paragonati ai più celebri della
corte omeiade di Damasco.

Il genio di civiltà che risplende nella vita tutta di re Ruggiero, si
scerne ancora in que’ monumenti suoi che il tempo ha rispettati: la
cattedrale di Cefalù, la Cappella palatina di Palermo, il Monastero di
San Giovanni degli Eremiti nella stessa città, i sepolcri di porfido
del Duomo palermitano e qualche iscrizione arabica dove occorre il
suo nome. D’altri edifizii ch’egli innalzò abbiam qualche avanzo da
poterne argomentare la eleganza o la magnificenza: voglio dire la
villa della Favara, ossia Maredolce, e quella dell’Altarello di Baida:
entrambe alle porte di Palermo. I cronisti finalmente e i diplomi ci
ragguagliano di parecchi altri monumenti edificati per suo comando;
come sarebbe una parte della reggia di Palermo e il Monastero del
Salvatore di Messina, de’ quali non è agevole scorgere ora i vestigii
tra le costruzioni sovrapposte. Di certo Ruggiero non creò tutte le
arti che fiorivano in Sicilia fin da’ tempi musulmani, ma le ristorò
dopo le vicende della guerra, ed altre ne promosse per lo primo: v’ha
di certo nei monumenti siciliani della prima metà del secolo l’impronta
d’un intelletto superiore che raccolse, dispose e riformò. La mole,
le graziose e nuove proporzioni, la leggiadria e ricchezza degli
ornamenti, rivelano unità di concetto, sentimento del bello, altezza
d’animo e profusione di danaro, da confermare che il primo re di
Sicilia fu possente e grande in ogni cosa.



CAPITOLO IV.


Nell’operoso e lungo regno di Ruggiero le condizioni sociali dell’isola
mutaron da quelle dei primi anni del secolo XII. Verso la metà del
secolo era già la Sicilia ripiena di coloni cristiani, arricchita
coi traffichi d’Affrica e delle Crociate; il conquisto inoltre della
Terraferma, reagendo sul centro del governo, recava elementi novelli
nella corte, la quale era divenuta già primario corpo dello Stato
per cagion degli ufici pubblici che vi s’accentravano: corpo di gran
mole, vario di origine, reso omogeneo dallo interesse; onde, salvo le
gelosie, fraternizzavan quivi gli arcivescovi coi liberti musulmani, i
chierici d’oltremonti coi borghesi delle Puglie, i condottieri francesi
coi corsari greci di Messina. Mancata quella man ferma del re, le nuove
parti sbrigliaronsi. Il baronaggio, provocato o no, cercò di ripigliare
lo Stato in Terraferma e di far novità anco in Sicilia. La corte
volle possedere, sotto il nome di Guglielmo, l’autorità ch’essa avea
esercitata sotto il comando di Ruggiero. Per lei teneano i Musulmani
e fors’anco le schiatte più antiche dell’isola; per lei, in tutto il
reame, i cittadini, bramosi di sicurezza e di franchige: se non che i
baroni avean sèguito anch’essi nelle città e talvolta prevaleanvi per
l’invidia che desta sempre il governo e gli interessi ch’egli offende.
Avveniva ancora nell’isola che il popolo delle grandi città e i coloni
lombardi delle montagne, si accostassero al baronaggio per odio de’
Musulmani e cupidigia dell’aver loro. Coteste parti che talvolta,
com’egli avviene, mutavano sembianze, compariscono chiaramente nelle
tragedie di Guglielmo il Malo; nelle commedie delle quali fu spettatore
il Buono; anzi l’azione è da riferirsi a loro più tosto che ai
personaggi aulici, descritti dalla mano maestra del Falcando, con le
bellezze e la imperfezione dell’arte antica.

Al di fuori, la monarchia siciliana si travagliava contro i soliti tre
nemici; con questo avvantaggio che tutti non si poteano collegare, nè
pur durava a lungo l’accordo tra due. Il papa, incorreggibile, colse
immantinenti l’occasione del nuovo regno, per ritentare l’Italia
meridionale. Federigo Barbarossa ambì anch’egli quelle estreme
province; richiese le forze navali a Genova ed a Pisa, nemiche del
regno per gare di mercatanti; ma nulla ei conchiuse. I Bizantini
all’incontro aveano in punto ogni cosa per assaltare la Puglia. Da
lungi, gli Almohadi minacciavano gli acquisti d’Affrica. E rompeasi
di presente la guerra contro i Fatimiti d’Egitto, non sappiamo appunto
l’anno nè il perchè; dopo la morte di Ruggiero, credo io, e per cagion
di commercio; potendo supporsi che i Pisani, ben visti allora a corte
del Cairo, avessero fatto disdire i privilegi stipulati poc’anzi con la
Corona di Sicilia.[279]

Guglielmo era indolente, feroce, superbo, avaro. Majone da Bari,
promosso dal padre ai maggiori ufizi pubblici, fatto ammiraglio alla
esaltazione del nuovo re, non torna nè quel valente e savio statista
che dice l’Arcivescovo di Salerno, nè quel forsennato malfattore che
vuole il Falcando. Parmi si personificasse in costui la corte con tutti
i suoi vizii: e la testimonianza non sospetta de’ Musulmani ci assicura
che la voce pubblica attribuì alla malvagità sua e del re tutti gli
sconvolgimenti che inaugurarono il regno.[280] Divampò la ribellione
feudale in Terraferma (1155); s’apprese in Sicilia; il re in persona
domolla quivi con le armi e con la clemenza; la represse con immanità
(1156) in Calabria e in Puglia, dov’era aggravata dall’invasione de’
Bizantini, dall’aggressione del papa e dalle mene del Barbarossa.
E furono scacciati i Bizantini; poi sconfitti di nuovo in grande
battaglia navale[281] a Negroponto (estate del 1157): dopo la quale
Guglielmo fermò la pace col Comneno (1158). Aveala già ottenuta dal
papa in grazia delle sue vittorie (luglio 1156). E pria l’armata,
di giumadi secondo del cinquecencinquanta (agosto 1155) avea dato
il guasto a Damiata, Tennis, Rosetta, Alessandria e riportatone gran
preda d’oro, argento e vesti preziose.[282] In quel torno i Masmudi,
dice una Cronica, saccheggiarono il castel di Pozzuoli; ma sopraccorse
le navi regie, furono presi e tagliati a pezzi.[283] Così le armi di
Guglielmo trionfarono per ogni luogo. Nè par ch’egli abbia gittato
via il danaro con che volle tagliare i passi a Federigo, che veniva a
incoronarsi in Roma. Narra Ottone di Frisingen che nel tumulto surto il
dì stesso dell’incoronamento (18 giugno 1155) i soldati imperiali dando
addosso ai Romani, gridavano: «Prendete questo ferro tedesco in cambio
dell’oro arabico! Questa mancia vi dà il Signor vostro. Ed ecco come i
Franchi accattan l’impero!»[284] S’io ben m’appongo, l’oro arabico che
i soldati imperiali maledicean tanto e lo cercavano sì avidamente nelle
tasche dei Romani, erano i tarì d’oro coniati da’ principi di Sicilia
di quel tempo con leggende arabiche: bella e comoda moneta comunissima
allora nell’Italia meridionale. Il fatto è che, tra il movimento di
Roma, la scarsezza delle vittuaglie e la morìa, l’esercito imperiale,
anzi che calare in Puglia, fu costretto a ritornare frettoloso in
Germania.

Mentre Guglielmo per tal modo si assodava sul trono, perdette
i conquisti del padre in Affrica. Comparvero immediatamente in
quelle province gli effetti del mal governo: i presidii cristiani
cominciarono ad aggravare i Musulmani. Vivea da otto anni in Palermo
Abu-l-Hasan-Hosein-el-Forriâni dotto e religioso sceikh di Sfax, del
quale abbiam detto[285] che designato a governar la sua terra per lo re
di Sicilia, avea chiesto lo scambio in persona del figliuolo Omar, e si
era dato statico egli stesso in man de’ Cristiani. Ei sapeva il figlio
uom di grande animo e risoluto. Nel partire di Sfax per la Sicilia,
«Vedi, io son vecchio, gli disse; io m’avvicino alla tomba: questo
fiato di vita che m’avanza, lo vo’ consacrar tutto ai Musulmani. Quando
ti si offra il destro, sorgi tu contro il nemico cristiano; distruggilo
senza badare ad altro; e fa conto ch’io sia già morto.» Risaputi i
soprusi de’ Cristiani a Sfax, viste da presso le cose in Palermo, il
Forriâni scrive al figliuolo che l’ora è suonata; che si affidi in Dio
e rivendichi i diritti dei Musulmani.

Omar convocava una notte i cittadini; esortavali a pigliar l’arme:
ch’altri si mettesse a guardia delle mura, altri corresse alle case
de’ Franchi e di tutti i Cristiani e sì li trucidassero. «E lo sceikh,
domandarongli, il signor nostro e padre tuo, che sarà di lui?» — «Egli
stesso me l’ha comandato, rispose Omar. Se cadranno insieme con lo
sceikh mille e mille cristiani, ei no, non morrà.»[286] Levandosi il
sole, era consumata la strage, dalla quale nessun cristiano campò. Era
il primo giorno dell’anno cinquecencinquantuno dell’egira (25 febb.
1156).

Risaputo il caso in Palermo, il re chiamava il Forriâni; gli intimava
di scrivere ad Omar che ritornasse all’obbedienza, se volea salvar
la vita al padre. Il vecchio rispose tranquillamente: «Chi è corso
tant’oltre non tornerà addietro per forza d’una lettera.» E fu chiuso
in prigione coi ceppi ai piè; e mandato a’ ribelli un messaggio con
minacce e promesse. Il quale arrivato a Sfax, non gli permessero di
sbarcare quel dì. Venuta la dimane, dalla nave ei sentì gran clamore in
città; vide aprir la porta di mare e uscirne la gente in processione,
salmeggiando: «Iddio è grande. Non v’ha dio che il Dio; Maometto è
l’apostol suo:» e recavan sulle spalle una bara. La messer giù; Omar
si fece innanzi; recitò la preghiera; fe’ sotterrar la bara: e tutti
gli furono attorno, com’era uso ne’ funerali, poi dileguaronsi a poco a
poco. Instando l’ambasciatore presso le guardie perchè lo conducessero
ad Omar, dissergli: «Lo sceikh è occupato nella cerimonia del duolo,
sendo stato sepolto poc’anzi il padre, quel desso di Sicilia. Riferisci
ciò ch’hai veduto e non occorre altra risposta.» Nè tardò guari
in Palermo il supplizio dell’Attilio Regolo musulmano. Alzaron la
forca su le sponde del Wadi-’Abbâs, come s’addimandava l’Oreto appo
i Musulmani, e torna appunto alla pianura di Sant’Erasmo, or tutta
ingombra di fabbriche e di giardini, nella quale un tempo si eseguivano
le sentenze capitali e fuvvi acceso nel secol decimottavo l’ultimo rogo
dell’Inquisizione. Malmenato da’ carnefici, strascinato al patibolo,
Abu-l-Hasan recitava impavido e posato il Corano; e con le sacre parole
in bocca morì.[287]

All’esempio di Sfax sollevaronsi le popolazioni delle Gerbe e di
Kerkeni, dissanguate com’elle erano.[288] Tripoli tardò alquanto; sia
che il presidio sapesse guardarsi meglio, sia che le due fazioni da
noi già citate mal si potessero accordare insieme. Si trattò dapprima
un caso legale. Per comando, com’egli è verosimile, della corte di
Palermo, il capitano del presidio volea che da’ pulpiti delle moschee
fosse recitato un sermone contro gli Almohadi, eretici, usurpatori,
e quel ch’era peggio, possenti, vicini, e sospetti di pratiche in
Tripoli. Rispondeano i cittadini che, secondo la capitolazione, nessun
potea costringerli a cosa contraria all’islâm; e che tal sarebbe
stato il detrarre pubblicamente ad altri Musulmani, fosser pure di
rito diverso. Il giureconsulto che tenea la magistratura[289] allegò
coteste ragioni al capitano; e conchiuse che s’ei non fosse persuaso,
il popolo di Tripoli gli lascerebbe la città e andrebbe con Dio.
Il Siciliano accettò, buona o trista, la scusa e stette in guardia;
i Musulmani passaron dalle parole ai fatti. Fu il governator della
terra, Jehia-ibn-Matrûh, quel desso che ordì coi notabili del paese
la congiura di dar addosso al presidio, una notte di luna piena, per
attirarli fuor della fortezza e avvilupparli in lor trappole. Venuta
l’ora, congegnano per le strade legname e funi e levan quindi il
romore. I soldati del presidio prendono incontanente le armi, montano
in sella e spronano addosso alla turba: quand’ecco i cavalli incespano,
s’avviluppano; i cavalieri son presi senza potersi difendere. Così
del cinquantatrè (2 febb. 1158 a 22 genn. 1159) la città di Tripoli
scosse il giogo e rimasene capo lo stesso Jehia-ibn-Matrûh.[290] Come
a Sfax ed a Tripoli, così anco a Kâbes rivoltavasi il governatore del
re di Sicilia, per nome Mohammed-ibn-Rescîd.[291] Gli Almohadi intanto,
occupata Bona, stendeansi verso levante fin presso Tunis.[292] Rimanea
soltanto alla corona di Sicilia la città di Mehdia, col borgo di Zawila
e con Susa.[293]

Nel primo impeto della riscossa, Oraar-el-Forriâni avea mandata gente
a sollevare Zawila, sì che i Cristiani fossero minacciati nel centro
delle forze loro. Gli Arabi del vicinato eran pronti a correre ad
ogni odor di preda; de’ Cristiani in Zawila par vivessero pochi o
nessuno. Agevol cosa fu dunque a gridar nel borgo “morte ai Rûm” e
tentare un colpo a Mehdia stessa, nel mese di scewâl del cinquantuno
(17 novembre a 15 dicembre 1156). Il qual colpo ancorchè fosse
fallito, i sollevati con l’aiuto di que’ di Sfax e d’altre terre e
anco degli Arabi, si mantennero in Zawila, intercettando dalla parte
di terra le vittuaglie alla fortezza. Guglielmo inviò allora venti
galee con rinforzo d’uomini, armi e provigioni; onde si ripigliò
l’offensiva. Dicono i Musulmani che il capitan di Sicilia corruppe
gli Arabi e che uscito il presidio a combattere, essi presero la
fuga, lasciando nella mischia quei di Zawila e di Sfax. Che che ne
sia, furono i Musulmani circondati e rotti con molto sangue. Que’
di Sfax fuggirono a’ legni che avean pronti alla spiaggia, onde ne
campò di molti; ma gli uomini di Zawila stessa non trovaron asilo nel
borgo, del quale furon chiuse le porte. Cadder essi lì combattendo;
mentre i vecchi, le donne, i fanciulli cercavano di salvarsi, qual
per mare, qual per terra, come ciascun potea. Ma non bastò il tempo a
tutti. I vincitori, superato ch’ebbero il debil muro, non perdonarono
a sesso nè ad età; rapirono o distrussero ogni cosa. Avvenne cotesto
strazio il cinquantadue (13 febbraio 1157 a 1 febbraio 1158). Par
che la penisola da Mehdia a Susa e forse più a ponente verso il Capo
Bon, sia tornata allora in poter di Guglielmo; poichè gli annalisti
musulmani dicono che i Siciliani stetter saldi in Mehdia d’allora
infino all’assedio d’Abd-el-Mumen;[294] e Roberto dal Monte scrive che
il millecentocinquantasette presa dall’armata di Guglielmo Sibilla,
capitale dell’isola di Gerx, il re vi fece stanziare i Cristiani e lor
prepose un arcivescovo.[295] Parrebbe da questo cenno che fossero stati
accolti in quel territorio, e principalmente in Zawila, gli abitatori
cristiani che la ribellione avea cacciati dalla costiera di levante, e
la dominazione almohade da quella di ponente. S’ignora in vero il nome
dell’arcivescovo, e se il cronista riferisca esattamente la dignità: ma
non mi sembra punto inverosimile che la corte di Palermo abbia voluto
nominare un metropolitano nelle sue possessioni d’Affrica; la quale
dignità e le contese che nascer ne doveano tra il re e il papa, siansi
dileguate insieme con la dominazione siciliana in quelle parti.[296]

Gli Almohadi in questo tempo non si erano risentiti, attendendo
Abd-el-Mumen a mutar la costituzione dello Stato; farsi, di capo
elettivo dell’aristocrazia masmuda, monarca assoluto ed ereditario,
egli straniero alla tribù; togliere i governi delle province ai capi
masmudi e affidarli a’ proprii figliuoli. Il colpo gli venne fatto di
queto, senza immediato spargimento di sangue.[297] Nè era ch’ei non
pensasse all’Affrica propria. Ricettò nella sua corte Hasan, il signor
di Mehdia; per dieci anni potè ragionare con lui delle condizioni di
que’ paesi; e narrasi che quando i miseri sopravissuti al caso di
Zawila andarono a Marocco a chiedergli vendetta, ei li sovvenne di
danari, li ascoltò con gli occhi pieni di lagrime, tacque un pezzo e
poi, levando il capo, «Fate cuore, lor disse, io vi aiuterò; ma convien
aspettare.» Ordinato intanto l’impero sì com’ei volle, si apparecchiò
per tre anni alla guerra, grossa e lontana, ch’era necessaria a
cacciare non solamente i Cristiani di Mehdia, ma a domare tutti que’
regoli o capi Berberi, quelle tribù d’Arabi ladroni che da un secolo e
più viveano senza alcun freno tra Tunis e Barca. Dei quali preparamenti
gli annalisti ci danno molti particolari, cavati com’e’ pare da
Ibn-Sceddâd, il quale si trovò (1159) al campo almohade sotto Mehdia ed
era stato tre anni innanzi in Palermo.[298]

Ci narrano dunque che Abd-el-Mumen fece far numero infinito di
grandi sacca di cuoio per l’acqua e di otri e di truogoli; fece
scavar pozzi lungo il cammino disegnato per l’esercito; che d’ordine
suo per tre anni furono in quelle province segate le messi senza
trebbiare e ammontati i covoni e ricoperti di creta, che parean tante
colline; che fu messa insieme, tra Spagna ed Affrica, un’armata di
settanta galee, senza contar le teride nè le salandre, e affidata
a Mohammed-ibn-Abd-el-Azîz-ibn-Meimûn, di quella celebre casa
di guerrieri di mare, scrisse Ibn-Sceddâd;[299] che noveravansi
nell’esercito centomila combattenti e altrettanti saccardi; che
nella marcia, passando pe’ luoghi cólti, nessun osava coglier pure
una spiga di grano; e che facendo la preghiera sotto l’imâm, tutti
intonavano l’”Akbar Allah” come un sol uomo. Cotesti racconti provano
la maraviglia che recò nell’Affrica propria quello spettacol nuovo
d’un’oste immensa, disciplinata e ben provveduta. La vanguardia mosse
di Marocco allo scorcio del cinquecencinquantatrè (gennaio 1159): e nel
sefer del cinquantaquattro (22 febbraio a 22 marzo dello stesso anno)
era passato quasi tutto l’esercito.[300]

Abd-el-Mumen prima assalì Tunis (mag. 1159); dove trovando resistenza
e non essendogli pur giunte le forze navali, andò a Kairewân ed a
Susa, entrò in Sfax; poi ritornò sotto Tunis (13 luglio), dielle un
assalto che la sforzò ad arrendersi: e quindi perdonò a tutti la vita,
cacciò Ahmed-ibn-Abi-Khorasân, lasciò l’avere a pochissimi cittadini,
agli altri tolse la metà de’ beni mobili o stabili; a’ Giudei ed a’
Cristiani diè la eletta tra l’islamismo e la morte: e chi non rinnegò
fu trucidato. Quel terribil nembo dopo tre giorni piombò sopra Mehdia:
la quale fu stretta per mare e per terra.[301]

Sgomberata Zawila all’appressar di tant’oste, i Cristiani si chiusero
nella fortezza, con alquanti Musulmani, com’ei pare, leggendosi che vi
fosse il principe zirita Jehia-ibn-Hasan-ibn-Tamîm.[302] Militava nel
presidio la più eletta gioventù del regno, per nobiltà e valore;[303]
sommavano i combattenti a tremila, secondo un compilatore che mi
par bene informato.[304] Del sito e fortezza di Mehdia abbiam detto
altrove: grossissime le mura da potervi correr due cavalli di fronte
e altri scrisse anco sei; accessibile dalla parte di terra per una
porta sola e un istmo stretto e ben munito; formidabile dalla parte
di mare per le difese e per la prontezza all’offendere, poichè niun
di fuori vedea le galee surte nell’arsenale che belle e armate usciano
improvvisamente dalla bocca del porto.[305] Spaventevole all’incontro
il numero degli assedianti. Al primo arrivo, Zawila deserta divenne
come una gran capitale, scrivono maravigliati i Musulmani; pur non
bastò a tutti i soldati, ribaldi e mercatanti, e fu forza che parte
s’attendassero di fuori: poi trasservi anco Arabi de’ dintorni e
Berberi della tribù di Sanhagia, ai quali Abd-el-Mumen non potea
vietar di combattere la guerra sacra. Furono piantati i mangani e le
’arrâde;[306] a muta a muta i Musulmani davano l’assalto dì e notte:
ma gli assediati se ne rideano; anzi con frequenti sortite batteano
aspramente i nemici; sì che Abd-el-Mumen per difesa de’ suoi, fe’
tirare un muro a ponente della città:[307] e stava egli tutto il dì al
campo, sotto una tenda, dormiva la notte in un palagio di Zawila.[308]
Montata poi una galea con quell’Hasan ch’era stato signor della città,
fecero il giro della fortezza; guardarono; discorsero e si persuasero
che non vi era modo a dar la battaglia. “Or come fu che l’abbandonasti
al nemico?” sclamò Abd-el-Mumen: ed Hasan “Mancavano le vittuaglie,
io non avea di chi fidarmi: e poi così volle il destino!” “Ben dici,”
replicò Abd-el-Mumen. Smesso il pensiero d’un assalto per mare, ordinò
il blocco; dispose l’esercito a svernare a Zawila; onde, fattovi
trasportare tutto il grano e l’orzo che si potè, ne fecero due masse
tanto alte, che gli scrittori tornano al facile paragon delle colline,
dicendo che quanti non avevan visto il campo da parecchi giorni,
domandavano come fossero venuti su que’ due monticelli. Nè bastaron
questi a prevenire il caro del vitto; onde s’arrivò a vendere sette
fave per un dirhem mumenino, che tornava a mezzo dirhem legale, e
però a trenta centesimi della nostra lira.[309] Ma il presidio era
minacciato di pretta fame. Si argomenta dalle narrazioni musulmane che
l’armata almohade avesse già chiuso il mare del tutto: onde ormai la
sorte della fortezza dipendea da una battaglia navale.

L’armata siciliana il millecencinquantasei avea cooperato possentemente
a cacciare i Bizantini dalle costiere di Puglia. Nel cinquantasette,
capitanata da Stefano fratel di Majone, essa avea prese cittadi
e fortezze in Romania, desolate province e distrutta quasi del
tutto a Negroponto l’armata greca: vittoria assai più gloriosa che
niun’altra di Giorgio d’Antiochia. Perchè non mandarono immediatamente
quest’armata a Mehdia con lo stesso Stefano? Era ita, in vece, alle
Baleari; condotta da un eunuco Pietro, forse per intercettare le navi
dei Beni-Meimun; ma altro non avea fatto che dare il guasto all’isola
di Ivisa. Avea pieni gli scafi di prigioni e di preda, quando un ordine
del re chiamolla a soccorrere Mehdia.[310]

Dove il lunedì ventidue di scia’bân (8 settembre) comparvero in
lunghissima fila cencinquanta galee siciliane, oltre le teride e
altri legni:[311] accennaron poi ad entrare nel porto: sì che alcune
galee calavan le vele, ed una degli assediati uscì loro all’incontro.
Le settanta galee almohadi, se non eran tirate a terra, come dice
il Falcando, sorgeano in luogo sicuro e di certo non presentavan
battaglia. Sospettando forse uno sbarco fuori la fortezza, Abd-el-Mumen
schierò tutto l’esercito su la spiaggia: e stava a guardar le mosse
del nemico, quando Ibn-Meimun viene in fretta; gli mostra le galee
siciliane che s’avanzano sparpagliate per cagion del vento;[312]
dice potersi tentar la battaglia, non ostante il disavvantaggio del
numero. Abd-el-Mumen non rispose. Il marinaio spagnuolo, prendendo
quel silenzio per assentimento, corre alle navi; fa montare le ciurme;
esce e dà di fianco nella fila del nemico. Spezzatala, ricaccia nel
porto di Mehdia le galee più vicine a terra; volta le prore contro
le altre; le quali combattono un poco, poi, sbigottite le ciurme,
dicono i Musulmani, dalla immensa moltitudine d’armati che vedeano
a terra, prendono il largo, spiegan le vele: il navilio musulmano
che non ne avea, rimase addietro nella caccia; talchè ghermite sette
galee siciliane fu costretto a tornare. Abd-el-Mumen fin dal principio
della battaglia, prostrato a terra, si spargea polvere sul capo,
fervorosamente pregava: “Grande Iddio, non fiaccar tu i sostegni
dell’islam.” Così Ibn-Sceddâd, ch’era presente. Gli scrittori musulmani
che attinser in parte da lui, narrano questa giornata con poco divario
l’un dall’altro. De’ cristiani, il Falcando afferma a dirittura che
l’eunuco Pietro per tradimento, fuggì senza combattere, e Romualdo
salernitano scrive ch’ei pugnò, fu vinto e perdette molte galee. Ma
pochi anni appresso veggiamo Romualdo compagno o complice dell’eunuco
Pietro nelle fazioni di corte.

Con aulica serenità, prosegue l’arcivescovo a dir che il presidio,
scarseggiando di vittuaglie e non avendo speranza di soccorsi, _fe’
pace_ coi Masmudi; lasciò loro la città e tornò in Sicilia, ciascuno
con la sua roba. Il Falcando, all’incontro, rincalza le accuse
in quest’ultimo tempo dell’assedio: che gli eunuchi della corte
assicuravano per lettere Abd-el-Mumen non si manderebbero aiuti;
ch’egli offerì ai Cristiani di prenderli a’ suoi soldi o rinviarli in
Sicilia; che stretti dalla fame promessero di lasciare la fortezza se
chiesto soccorso l’ultima volta non l’ottenessero entro pochi dì; e che
giunto il messaggio loro a corte, Majone diè ad intendere al re non
mancar punto le vittuaglie in Mehdia; onde que’ prodi alfine, delusi
e affamati, la consegnarono al nemico. Non parmi punto verosimile
quell’ultimo messaggio in Sicilia. Al dir degli scrittori musulmani,
quando il presidio ebbe mangiati tutti i cavalli e stava per morir
di fame, che fu in su la fine di dsu-l-higgia (primi di gennaio),
dieci gentiluomini scesero dalla fortezza a domandar salva la vita,
la roba e la libertà. Rispondendo loro Abd-el-Mumen che più tosto
abiurassero, replicarono: non esser venuti per questo, ma per implorare
la magnanimità sua; che nulla aggiugnerebbe alla sua gloria il far
perire di fame tanti cavalieri; che al contrario, s’ei li rimandasse
alle case loro, gli sarebbero obbligati per tutta la vita. Andaron e
ritornarono più d’una volta, finchè il monarca almohade, ammirando la
fortezza dell’animo loro, il signorile sembiante e le oneste parole, o
temendo, com’altri dice, che re Guglielmo non si vendicasse della morte
loro sopra i Musulmani di Sicilia, accettò la resa e fece traghettare
con navi tutto il presidio in Sicilia. Entravano i Musulmani nella
fortezza la mattina del dieci di moharrem del cinquecencinquantacinque
(21 gennaio 1160). Aggiungono gli scrittori arabi, ma il silenzio
del Falcando mi distoglie dal crederlo, che la più parte dei reduci
periva per naufragio. Intanto aveano gli Almohadi ridotte altre
terre dell’Affrica settentrionale; sì che l’impero di Abd-el-Mumen si
misurò da Sus dell’Oceano infino a Barca; da’ confini settentrionali
dell’Andalusia alle estremità meridionali del Sahra.[313]

La cronologia, trascurata pur troppo da’ due cronisti di Guglielmo, ci
mostra che il caso di Mehdia rinfocò le ire nel regno. Già da parecchi
anni la parte feudale, per onestar la rivoluzione, movea di strane
accuse contro Majone: ch’egli ambisse il trono, attentasse alla vita
di Guglielmo, lo spingesse agli atti più crudeli per farlo comparire
tiranno: or aggiunsero, troppo sottilmente, che avesse fatta cader
Mehdia a bella posta per gittar novello odio sopra il re.[314] Ma non
mancavano forti sospetti contro la corte tutta quanta: la connivenza
degli eunuchi co’ Musulmani e di Majone con gli eunuchi; la nimistà
del ministro e del re contro i nobili, che tanti ve n’era in Mehdia;
e la voglia di liberar l’erario di quella dispendiosa e disutile
dominazione.[315] Perchè non avean arso l’eunuco Pietro come Filippo
di Mehdia?[316] Perchè non aveano rimandato il navilio in Affrica con
un ammiraglio, uomo e cristiano, che sapesse vendicar la bandiera di
Sicilia e liberar dalla fame il presidio? I cronisti scrivon poco o
nulla di tai querele e notan secco il grave fatto che, il medesim’anno
sessanta, Majone avea disarmati i Musulmani di Palermo.[317] Di che non
ci si dice la cagione: se per punire i soldati musulmani dell’armata
che fuggì nelle acque di Mehdia, o per reprimere la baldanza mostrata
dopo le vittorie di Abd-el-Mumen, o per pratiche scoperte, o per
querele dei Cristiani sbigottiti e umiliati. Di certo Abd-el-Mumen in
quella stagione riordinava la costiera d’Affrica in guisa da dar molto
pensiero ai vicini.

Pochi mesi eran corsi dalla dedizione di Mehdia e già, in Terraferma,
città e baroni facean la giura che non si ubbidisse più a comandi
sottoscritti da Majone: nè andò guari ch’egli stesso cadde una notte
(10 novembre 1160) presso le case dell’arcivescovo di Palermo,
intrattenuto a bella posta dal reo prelato che gli s’era giurato
fratello, trafitto da Matteo Bonello, nobil giovane, creatura sua,
confidente e satellite, il quale infingendosi più fedele che mai,
tramava coi baroni malcontenti; e dopo il misfatto divenne l’eroe
popolare di Palermo e di tutto il reame. E Guglielmo dapprima l’ebbe
a ringraziare che gli avesse morto il primo ministro. Dissipato
lo spavento, la combriccola dei prelati e degl’eunuchi di corte,
incominciò a minacciare Matteo: indi parve ai malcontenti di affrettare
il gran colpo, ch’era, deporre il re, esaltare il fanciullo Ruggiero
suo figliuolo e regnar essi.

Non riuscì della congiura se non che l’esordio. Principi del sangue
legittimi e bastardi e baroni e cavalieri, ai quali diè mano un capitan
di guardie e prestaron forza soldati mercenari e uomini della plebe,
presero Guglielmo nelle stanze del consiglio; si spartirono i tesori
accumulati dal gran Ruggiero e le donne dell’harem; saccheggiarono
la reggia; (9 marzo 1161) condussero per le strade della città il
successore designato.[318] Non versarono i congiurati altro sangue
che di Musulmani: e ciò mostra quali fossero i loro principali
nemici. Quanti eunuchi trovarono, li messero a morte nella reggia
e fuori, mentre andavano a nascondersi a casa gli amici; ucciser
anco i Musulmani che stavano negli ufizi a riscuotere le gabelle,
o ne’ fondachi a vendere lor merci; e spogliarono i cadaveri. Al
qual romore i Musulmani del Cassaro, ch’era il quartiere più ricco
della città, si ridussero nel borgo occidentale, asserragliarono le
viuzze che vi mettean capo, e così, sprovveduti pur d’armi, fecero
testa agli assalitori. Non picciol numero di Musulmani perì in questa
sedizione.[319] Tra gli altri, il poeta Jehia-ibn-Tifasci, oriundo
di Kafsa, cittadino di Kâbes, il quale forse, spazzate ch’ebbe
Abd-el-Mumen le piccole corti d’Affrica, era venuto a tentar la fortuna
in quella di Palermo.[320] Possiam supporre che fosse andato via
dopo quell’eccidio l’Edrîsi, il quale era rimaso dapprima a corte di
Guglielmo; poichè sappiamo da un contemporaneo ch’egli avea dedicata al
nuovo re una edizione ampliata del _Nozhat_, la quale non è pervenuta
infino a noi.[321]

Matteo Bonello era assente; tra i congiurati entrò subito la discordia;
il popolo di Palermo che avea guardata la scena curioso e perplesso
aspettando che vi comparisse Matteo, cominciò a mormorare che non
si potea lasciar lo Stato a un’accozzaglia di facinorosi, buoni a
saccheggiare il palazzo, scannare gli inermi e nulla più. I prelati
ch’aveano tentennato e i più erano stati quatti, presero animo a
questo, eccitarono il popolo a liberar il re: dai pochi, dice il
Falcando, passò la voce alla moltitudine; come al comando di capitano
audacissimo, come sospinti da una voce del Cielo, corsero alle armi:
che ci par leggere i principii stessi di tutti i tumulti di Palermo,
dal Vespro siciliano infino ai nostri dì. Il popolo circonda la
reggia; e i congiurati, non bastando a difender quel vasto ricinto di
mura, patteggiano col re, vanno via perdonati ed ei riman padrone (11
marzo); concede nuove franchige ai Palermitani; si assicura col navilio
chiamato da Messina e con le forze che vengono a lui spontanee da varie
parti dell’isola; e rimette su la sconquassata macchina del governo.
Uscì allora in persona a combattere i baroni chiaritisi ribelli nella
Sicilia orientale; li vinse (estate del 1161); e domò con pari fortuna
e crudeltà maggiore i moti delle province di Terraferma (1162).
Fece poi prendere a tradimento Bonello, accecarlo e sgarettarlo. Una
seconda sollevazione tentata in palagio, finì con la morte di tutti
i congiurati (1173). Come ognun vede, le città maggiori dell’isola
teneano pel re contro i baroni, che lor pareano tiranni assai più
molesti.[322]

Parteggiarono al contrario pei baroni ribelli le popolazioni lombarde,
delle quali abbiam già notati gli umori e ordini municipali. La causa
del divario mi sembra questa, che nella regione lombarda i comuni eran
frammisti a feudatarii della stessa origine; onde l’umor della schiatta
prevalea sopra quello del ceto; ed anco l’interesse, sendo negli uni
come negli altri contrario a’ diritti degli antichi abitatori che la
corte sempre difendea. E sappiamo dal Falcando che Ruggiero Schiavo,
un de’ capi ribelli, tirate a sè Piazza, Butera e “altre terre di
Lombardi” lor diè, gratissimo premio, il sangue, ed io correggo, la
roba, de’ Musulmani; i quali, al dir di Falcando, in quelle regioni
abitavano alcune terre insieme coi Cristiani e parte soggiornavano
soli in lor case rurali. I Lombardi dando addosso improvvisi a quelle
popolazioni agricole (primavera del 1161), ne uccisero moltitudine
innumerevole; non perdonarono ad età nè a sesso. Camparono pochi dalla
strage, chi fuggendo per boschi e monti, chi sgusciando travestito
da cristiano; e ripararono nelle castella della Sicilia meridionale
abitate da’ correligionarii loro: dove soggiornavano ancora quando
scrisse il Falcando (1188), e tanta paura aveano del nome lombardo,
che non solo non voleano ritornare alle case loro, ma non c’era modo di
farli passar dal contado.[323]

L’odio di religione sopito per due o tre generazioni, ridesto dalle
guerre civili, operava poi, come cieco e furibondo ch’egli è, senza
distinguer parte, nè interessi. Militando nell’esercito di Guglielmo
Cristiani e Musulmani, surse tra loro sanguinosissima zuffa, mentre
insieme distruggeano la città di Piazza, nè valse a raffrenarli la
voce de’ capitani, nè il comando del re, pria che cadessero uccise
centinaia di Musulmani.[324] Tornati su intanto gli eunuchi, incominciò
la reazione musulmana. Un gaito Martino, rimaso al governo della
reggia e della capitale mentre il re osteggiava i ribelli, si messe
a vendicare sopra i veri o supposti rei di maestà, un fratello suo
ucciso dai congiurati: faceva accusar questo e quello; facea sostener
l’accusa da accoltellatori ne’ giudizii di Dio e da testimonii infami
ne’ giudizii secondo legge romana; e i condannati erano impiccati
per la gola, straziati di battiture, al cospetto dei Saraceni che
se ne facean beffe, scrive il Falcando.[325] Il gaito Pietro, quello
stesso eunuco, traditore dell’armata a Mehdia,[326] ritornato a galla
dopo la ristorazione di Guglielmo, facea sue vendette per man di un
carceriere o boja cristiano, reo di mille turpitudini, cagnotto e
mezzano dei Musulmani. S’egli è da credere senza limite all’onesta
ira del Falcando, tutti i magistrati dello Stato, giustizieri,
camerarii, stratigoti, catapani, creati dalla fazione de’ paggi di
corte, servivano a quella ed alle proprie passioni, taglieggiavano ed
opprimevano a man salva.[327]

La morte intanto di Abd-el-Mumen, (26 maggio 1163), la quale sciolse
da gran timore i Cristiani di Spagna,[328] par abbia desta a speranze
la corte di Palermo, o datole animo ad una dimostrazione contro gli
Almohadi: con che i prelati della corte pare abbian voluto ostentare
zelo per la religione e la patria; nè gli eunuchi, Pietro sopra tutti,
poteano senza scortesia ricusar loro questo bel giuoco. Perchè leggiamo
negli annali musulmani d’Occidente, che il cinquecencinquattotto (10
dic. 1162, 29 nov. 1163) i Rûm sbarcati a Mehdia, o credo io a Zawila,
recarono spavento e danno; che quindi il navilio improvvisamente
piombò sopra Susa, tenuta allora a nome degli Almohadi da un
Abd-el-Hakk-ibn-Alennas; che i Cristiani fecero di molti prigioni,
ammazzarono gente, distrussero il paese e portarono via in Sicilia il
governatore co’ suoi figliuoli, i quali poi furono riscattati; ma Susa
non era per anco ripopolata nel decimo quarto secolo.[329]

Guglielmo, stanco di quel secondo suo sforzo contro i ribelli, aveva
abbandonato il governo alle mani dei ministri, non volea più sentir
parlare di guai. Rivaleggiando col padre ne’ passatempi soli, ei si
messe a fabbricare tal palagio che fosse più splendido e sontuoso
di que’ lasciatigli da Ruggiero. Fu murato in brevissimo tempo, con
grande spesa, il nuovo palagio e postogli il nome di _El-’Aziz_, che
in bocche italiane diventò “La Zisa” e così diciamo fin oggi.[330]
Il qual nome suona “il Glorioso,” sottintendendo palagio o castello;
ed è arabico, come le iscrizioni di che rimangono deboli vestigie
nella cornice e lunghi squarci nella sala terrena, come i rabeschi, le
colonnine, gli ornamenti; anzi come la struttura stessa e com’era forse
la più parte degli artefici e quasi tutta la corte, con quella mistura,
sì, d’incivilimento cristiano che abbiam notata altrove; la quale
mescolanza con l’andar del tempo, riuscì più leggiadra nell’arte che
non fosse proficua nel reggimento della cosa pubblica. Circondavano il
castello ridenti giardini ed orti, acque correnti e vivai.[331]

Pria che si desse l’ultima mano alla Zisa, morì Guglielmo di
quarantasei anni, il quindici maggio millecensessantasei;[332]
nelle esequie del quale, che duraron tre dì, trasse immensa folla di
cortigiani e cittadini, vestiti di gramaglie; ma tra tutti, nota il
Falcando, e ben glielo crediamo, le sole donne musulmane piangeano
davvero, mentre vestite di sacco, scarmigliate le chiome, giravano per
le strade dietro una brigata di ancelle, mettendo lamenti e rispondendo
con flebil canto al suono dei cembali.[333]



CAPITOLO V.


Singolare fortuna ebbe Guglielmo II a raccogliere della tirannide
paterna i frutti buoni, scansare l’odio, e tra la saviezza de’ tutori
e la giustizia e mansuetudine dell’animo suo, guadagnar l’amore de’
contemporanei e le lodi dalla storia, in casa e fuori. Sia virtù o
vizio del popolo, l’affetto in lui prevale sempre alla ragione; onde
i posteri hanno perdonato a Guglielmo il Buono quella debolezza e
levità di consiglio che alla sua morte fe’ aprire un abisso: la corte
divisa, il reame insanguinato, l’Italia in preda all’impero, nonostante
la vittoria di Legnago e la pace di Venezia. Il padre, al contrario,
avea fiaccato in ogni modo il baronaggio, nemico massimo dello Stato;
mantenuta l’amministrazione di Ruggiero, se non che vi mancava il
re, e dopo la morte di Majone anco il primo ministro; poichè fu
partita l’autorità tra un vescovo, un segretario ed un gaito, i quali
personificavano le sole tre classi di sudditi favoriti a corte.

A que’ medesimi Guglielmo I aveva affidata la tutela del figliuolo;
preposta loro la regina Margherita, la navarrese, nè inetta donna, nè
debole, amica de’ ministri operosi: onde la dissero amante di Majone,
poi di Stefano, e per poco non messero in lista l’eunuco Pietro. La
reggenza fece opera, la prima cosa, a rabbonire le classi più offese:
creò nuovi conti; die’ in feudo terre e villaggi; condonò debiti;
abolì la tassa della “redenzione” che aggravava, com’e’ pare, i ribelli
perdonati o i sospetti; concesse franchige ai cittadini; liberò schiavi
della corte o del demanio.[334] Guglielmo II, biondo e soave in viso,
giovanetto di quattordici anni, ben avviato alle lettere, fu coronato
in Palermo tra speranze ch’ei non ismentì giammai volontariamente.

Posando dunque gli umori di ribellione, e perfino di scontento,
scoppiò la discordia in corte: e tra le gare delle persone venne fuori
l’antagonismo degli indigeni contro gli stranieri. Abbiam noi mostrato
fin dal regno di Ruggiero, come la fazione cattolica d’occidente,
monastica, francese e papalina, stendesse le trame fino alla corte
musulmana di Palermo.[335] La provvedea di avventurieri ecclesiastici,
dei quali non solamente veggiamo i nomi tra gli arcivescovi, i vescovi,
i grossi prelati e i precettori dei re, ma scopriamo anco il linguaggio
ne’ segretarii o copisti; poich’essi, ne’ diplomi, trascriveano il più
delle volte i vocaboli arabici conforme alla pronunzia francese.[336]
Le mandava anco avventurieri di spada, i quali occorrendo chiappassero
qualche feudo.

Un parente, così, della regina Margherita, divenuto conte di Gravina,
congiurò insieme con Riccardo Palmer inglese, vescovo eletto di
Siracusa, contro l’eunuco Pietro, ch’era primo tra i ministri e forte
nel favore della regina, nel seguito de’ cortigiani e de’ pretoriani
e nella pratica dell’amministrazione. La briga si riscaldò tanto,
che l’eunuco, uomo di poco animo, dice il Falcando, temendo per la
propria vita, fuggì dalla corte e dal reame. Munita una buona saettia
di marinai, d’armi e d’ogni cosa, e fattovi portar nottetempo gran
copia di danaro, Pietro, la sera appresso, montò a cavallo con pochi
eunuchi suoi fidati, pretestando di andare ad un nuovo palagio ch’egli
avea fatto murare nel quartier della Kemonia;[337] e voltosi al porto,
entrato in legno, riparò in Affrica, appo il re de’ Masmudi. Così il
Falcando e, con poco divario, l’arcivescovo di Salerno.[338]

Scrive Ibn-Khaldûn che un Ahmed detto il Siciliano, nato nelle
Gerbe della famiglia di Sadghiân ch’era ramo della tribù berbera di
Seduikisc, preso dall’armata siciliana sulle costiere di quell’isola,
educato in Sicilia, entrato al servigio particolare del re e fatto
suo intimo, cadde in disgrazia appo il successore per suggestioni
de’ suoi rivali; ond’egli, sentendosi in pericolo, fuggiva in Tunis,
governata allora da un figliuolo di Abd-el-Mumen e passava indi in
Marocco, appo il califo Jûsuf. Dal quale ei fu accolto con grande
onoranza, arricchito di doni e preposto all’ordinamento dell’armata.
E Ahmed la rese grande e possente, qual non era mai stata, nè fu poi;
e con quella segnalossi contro i Cristiani per splendide fazioni
e famose vittorie.[339] Ora Jusuf regnò dal millecensessantatrè al
centottantaquattro. Al par che il tempo, coincidono le condizioni
riferite al gaito Pietro e all’Ahmed Sikilli: l’uno ammiraglio
siciliano dinanzi Mehdia e primo ministro alla corte di Palermo,
accusato di pratiche con gli Almohadi; l’altro rifuggitosi appo
quelli con gran tesoro, accolto a braccia aperte a Tunis e Marocco e
immediatamente adoperato nelle cose navali; entrambi schiavi, saliti
ad alto grado nella corte di Palermo e cacciati per nimistà di parte. E
notisi che a Pietro apponeasi piuttosto tradimento che viltà pel fatto
di Mehdia.[340]

Perduto appena il gaito Pietro o Ahmed Sikilli ch’ei fosse, la
combriccola degli indigeni fortuneggiò gravemente, per novella
irruzione di avventurieri che la fazione cattolica di Francia e
d’Inghilterra mandava al conquisto della corte di Palermo: una trentina
d’uomini, capitanati da un bel giovane congiunto della regina, Stefano
Des Rotrous,[341] dei conti di Perche (1167). Premeva ai tutori
oltramontani del papato che il governo di Sicilia fosse in mani
sicure, mentre si decidea la gran lite d’Italia; nella quale il reame
di Sicilia, co’ suoi tesori e le sue armi, avrebbe fatta piegare la
bilancia, s’e’ si fosse gittato risolutamente alla parte d’Alessandro
III, invece di baloccarsi, come fece la corte di Palermo per opera de’
consiglieri indigeni, sospettosi al par dell’imperatore e del papa.
Con questa occasione si tentava anco un bel colpo di rimbalzo a pro del
Becket, il celebre arcivescovo di Canterbury, il quale avendo attaccata
briga col suo signore ed aspettandosene la decisione da Roma, la
corte e il clero francese voleano che la corona di Sicilia proteggesse
il turbolento arcivescovo appo il papa e i cardinali. Provan ciò le
epistole di Pietro da Blois, Giovanni da Salisbury, Luigi VII re di
Francia e del Becket stesso; il quale una volta scrisse alla regina
Margherita, mandarle a nome suo proprio e del monastero di Cluny,
un tale che le avrebbe palesata a voce “la mente di tutta la Chiesa
occidentale.”[342] E bastin tai parole a svelare la sètta.

Il nobil giovane, audace e amante della giustizia, venne in Sicilia in
compagnia d’uomini dotti, di satelliti valorosi ed anco di faccendieri
affamati: accolto dalla regina come parente e campione e dicono più
di questo; creato immantinente gran cancelliere del regno e non guari
dopo arcivescovo di Palermo, con grande allegrezza del papa. Stefano
si messe incontanente a ripulire i tribunali e gli ufizii pubblici,
dove lo esercitato comando avea lasciate di molte sozzure. La giustizia
allora diede occasioni e pretesti di vendetta contro i paggi e lor
fautori, tanto più che, con le leggi giuste, si adoperaron anco le
inique, condannando per apostasia, a sollecitazione de’ Cristiani di
Palermo, parecchi Musulmani accusati di mentir la fede.[343] L’esempio
di quegli sventurati incoraggiò la cittadinanza a domandare il
supplizio d’uno scellerato protetto a corte, Roberto di Calatabiano,
incolpato di brutti eccessi e, tra quelli, d’avere ristorata una
moschea nel Castello a mare e di tener bettole, dove fanciulle e
giovanetti cristiani erano prostituiti a’ Musulmani. Poco mancò che
per cagion di costui non si sfasciasse tutta la macchina del Becket;
poichè i paggi s’eran gittati a’ pie’ della regina, scongiurandola non
abbandonasse il fedel servidore ed ella avea resistito per la prima
volta a Stefano e vietatogli di procedere. Il giovane di buona scuola,
smesse allora le accuse capitali appartenenti alla giurisdizione
laica; indossò i panni arcivescovili e tirò innanzi per le materie
che la Chiesa avocava a sè nella confusione del medio evo. Adunata
pubblicamente, con gran rumore, la curia ecclesiastica, Roberto fu
convinto di spergiuro, incesto, adulterio e condannato alle verghe,
al carcere ed alla confiscazione de’ beni; ond’ei morì negli stessi
ergastoli dove solea tormentare altrui. Esempii di giustizia non meno
strepitosi die’ Stefano a Messina: per ogni luogo ei soddisfece a’
clamori del popolo e ne cattò il favore. Benedivanlo i Lombardi di
Randazzo, Vicari, Capizzi, Nicosia, Maniaci e d’altre castella di
montagna; e poco appresso, quando fu uopo, gli offriano ventimila
uomini in arme, per combattere le città e i baroni sollevati contro di
lui.

Perchè i cortigiani, acquattatisi ai primi romori di giustizia,
aveano cominciato pian piano a malignare, calunniare, mormorare
contro l’insolenza straniera, contro la rapacità dei famigliari,
contro gli aggravii de’ cavalieri francesi, ai quali Stefano concedea
qualche feudo per attirarli in Sicilia e ingrossar le schiere sue
fidate, necessarie ogni dì più che l’altro a mantenergli il comando.
Sospettavasi che il vicecancelliere Matteo d’Ajello, l’eunuco Riccardo
e Gentile, vescovo di Girgenti, praticassero di farlo uccidere da
sicarii; e più certo è che parecchi baroni di Terraferma, mettendo su
un Arrigo fratello della regina, concertarono contro Stefano drammi
parlamentarii, prepararono armi feudali, suscitarono sedizioni di plebe
in Messina. Già, tra gli errori de’ Francesi e le arti degli indigeni,
l’aura popolare per ogni luogo avea girato contro il Cancelliere.
Ond’egli, ritornato in Palermo (marzo 1168), s’apprestava alla guerra
civile, quando fu messo giù con un colpo di mano.

Al quale ajutarono i Musulmani. Scrive il Falcando[344] ch’essi, ne’
primi tempi, amarono il Cancelliere; nei primissimi forse, quando
non s’era incominciato a lavorare co’ giudizii d’apostasia. Ed
Abu-l-Kâsim, nobilissimo e potentissimo uomo, del quale or ora diremo
più largamente, fattosi amico del Cancelliere, continua il Falcando,
e presentatolo di molti doni, s’era poi dato a suscitare i Musulmani
contr’esso, tenendosi ingiuriato perchè Stefano usava familiarmente
con un gaito Sedicto (Siddîk?) musulmano ricchissimo, privato nemico
d’Abu-l-Kâsim. Il Falcando ripete qui, come ognun vede, le parole di
Stefano o de’ suoi satelliti e scorda le principali cagioni, dico le
persecuzioni religiose e le usurpazioni de’ feudatarii francesi sopra i
vassalli.[345]

Tra queste disposizioni de’ Siciliani d’ogni origine e religione,
Matteo e il gaito Riccardo, l’un prigione, l’altro confinato in
palagio, tentarono di rapire o uccidere il primo ministro, proprio
sotto gli occhi della regina e del re. Adoperarono i servi e gli
arcieri stanziali della reggia, i quali, non potendo cogliere il
Cancelliere entro lor mura, corrono a cercarlo fuori; si tiran dietro,
con promessa di bottino, i facinorosi abitatori di via Coperta e
della parte superiore di via Marmorea;[346] assalgono il palagio
arcivescovile; e mentre i Francesi difendeansi col solito valore, i
trombetti e i tamburini del re suonavano la chiamata contro il capo
del governo. Trasse in arme tutto il popolo; Cristiani e Musulmani
irruppero nel palagio. Rifuggito nel campanile, Stefano pattuì d’uscire
di Sicilia con tutti i suoi seguaci (1168) e andò a Gerusalemme, dove
non guari dopo morì.[347]

La regina senza partigiani, il re sempre fanciullo, non potean far che
gli autori dell’attentato e i loro amici venuti di Messina con forze
militari, non si appropriassero i frutti della vittoria. A nome di
Guglielmo II, un decemvirato, se tal può dirsi, prese il reggimento
della cosa pubblica; e furono: l’inglese Riccardo vescovo eletto di
Siracusa, Gentile vescovo di Girgenti, Romualdo arcivescovo di Salerno,
Giovanni vescovo di Malta, Ruggiero conte di Geraci, Riccardo conte
di Molise, Arrigo conte di Montescaglioso fratello della Regina,
Matteo d’Ajello salernitano, il gaito Riccardo e l’inglese Gualtiero
Offamilio, decano di Girgenti e precettore del re. Ma poco appresso,
avendo Guglielmo compiuto il diciottesim’anno, Gualtiero che in questo
mezzo con pessime arti s’era fatto eleggere da’ canonici arcivescovo
di Palermo, si fe’ fare dal re primo ministro; prese a compagni del
governo Matteo e il Palmer, e congedò ogni altro. Il Falcando termina
la storia con tali fatti e con queste gravissime parole: “che allora
la potestà del regno e la somma degli affari cadde nelle mani di
Gualtiero, attaccatosi al re con dimestichezza assai sospetta, sì che
parea governasse non tanto la corte, quanto lo stesso monarca.”[348]

Pur Guglielmo fuggia talvolta di mano all’arcivescovo; al quale non
venne fatto mai di allontanare il cancelliere Matteo, espertissimo
nell’amministrazione pubblica e terribile maestro d’inganni. Era
Matteo a corte capo della parte nazionale, nella quale noveravansi
principi del sangue e nobili, con tutti i gaiti, con l’arcivescovo
di Salerno ed altri prelati. Cotesta parte avean seguita i due
inglesi Offamilio e Palmer contro Stefano e i suoi Francesi; e nella
divisione delle spoglie s’eran prese le due sedi arcivescovili della
Sicilia. Ma separandosi i complici quand’ebbero fatto il colpo, si
trovò dall’un de’ lati Matteo con gli indigeni; stettero dall’altro,
capitanati oramai da Gualterio, gli oltramontani d’ogni linguaggio e
qualche barone: e le parti rimasero quali erano state nei primi anni
del regno; rinsavite pur tanto che non proruppero a sedizioni, nè a
scandali fuor della reggia. La quale moderazione venne, com’io penso,
dalla bassa estrazione dei capi, uomini nuovi e cortigiani entrambi;
dalle disposizioni del popolo che non avrebbe sofferta sedizione contro
il buon re; e dall’indole stessa di Guglielmo, il quale contentava a
vicenda i due ministri e maneggiava bene le fazioni ch’ei non sapea
reprimere: savio nelle piccole cose e insufficiente alle grandi. Dopo
il suo matrimonio (1177) vedendo ch’ei non avea prole, studiossi
ciascuna delle due parti a designar il successore: gli indigeni
cercarono di tirar su il principe Tancredi, non ostante la nascita
illegittima; gli oltramontani vollero assicurare i diritti della
Costanza, maritandola a un gran principe, e piombasse poi il diluvio
su l’Italia meridionale. Si scorgono vestigie di quel piato in alcuni
avvenimenti che noi narreremo; poche o nessuna nell’amministrazione
interna, la quale era sì ordinata e salda che le discordie della
corte non la turbarono. E veramente del regno di Guglielmo il Buono si
posson dare due giudizii al tutto diversi, secondo che si consideri
il governo in casa, o l’azione politica al di fuori. L’un comparisce
giusto senza debolezza; ordinato senza avarizia nè severità; condotto
secondo le leggi fondamentali, fuorchè nelle materie ecclesiastiche;
sollecito della sicurezza de’ cittadini in casa e fuori: la quale fu
piena e maravigliosa, come ai tempi di re Ruggiero, favorita anco ed
accompagnata dalla prosperità economica. Al di fuori non si può chiamar
Guglielmo nè pacifico, nè guerriero; poich’ei fece tante guerre che non
dovea; scansò la sola che occorreagli, grande e necessaria; e vivendo
ne’ suoi palagi e giardini, tra studii gentili e passatempi onesti,
sciupò in imprese lontane forse più vite d’uomini e più tesori che non
avessero mai consumati l’avolo e il bisavolo nei loro conquisti.

Continuando il disegno di narrar quelle sole azioni esteriori, che
toccarono Stati musulmani, dobbiamo ricordar che Guglielmo il Buono,
per bocca degli oratori mandati al congresso di Venezia (1177) si
vantò di non aver mai fatta guerra a principi cristiani; e che tra
quelli, ei solo ormai perseguitasse per terra e per mare i nemici
di Cristo, sì che ogni anno, senza perdonare a spesa, mandava “sue
triremi” con milizie a combattere gli Infedeli e assicurar il mare a’
Pellegrini de’ Luoghi Santi.[349] Le quali protestazioni se dovessero
tenersi fronde oratorie e se lo scopo delle imprese fosse stato di
favorire il commercio del reame in Affrica e in Levante, parrebbe
assai più savia la corte di Palermo. Il vero è che Guglielmo prendea
sul serio le Crociate, ancorch’ei fosse in sua schiatta il primo che
fuggì i pericoli e le fatiche del campo e che vide il più delle volte
ritornare malconci i suoi soldati. I Musulmani, a lor volta, risero
dell’insolito zelo della corte di Palermo. Abbiamo una epistola di
Saladino, il quale, scrivendo al califo di Bagdad per man di un retore
arabo, compiangea quel ragazzo di quindici anni che avea dato fondo al
suo tesoro nella spedizione contro Alessandria, per mera vanagloria
e ticchio di mostrare al mondo ch’ei pur sapesse provarsi contro un
nemico il quale avea respinte poc’anzi da Damiata le prime spade di
cristianità.[350]

Nè le armi di Guglielmo eran rimase addietro in questa impresa di
Damiata, con la quale Manuele Comneno ed Amerigo re di Gerusalemme
aveano sperato aprirsi la via al conquisto dell’Egitto, nel primo
scompiglio della usurpazione di Saladino. Ritraggiamo dagli storici
musulmani che i collegati, venuti con mille dugento legni, assediarono
Damiata per cinquantacinque giorni, nei mesi di novembre e dicembre
del millecensessantanove; ch’ebbero ajuti di Sicilia e d’altre terre
cristiane; ma ch’e’ si ritrassero con perdita di trecento legni,
essendo stata soccorsa la città da Saladino con uomini, danari e
vittuaglie, e da Norandino con una impetuosa diversione in Siria.[351]

Il quale esempio non bastò ad ammonire la corte di Palermo che
non si gittasse ad un’impresa assai più temeraria, quando Saladino
avea già spento l’ultimo califo fatemita, rinnalzato in Egitto il
pontificato degli Abbasidi, spartiti i beneficii militari a’ suoi
Curdi e Turchi e mostrato al mondo che sorgeva tra i Musulmani un
nuovo conquistatore. Uomini d’alto stato, mossi da un ardente sciita
del Jemen, per nome Omâra-îbn-Abi-l-Hasan, giurista e poeta di nome
in quel tempo, cospirarono a ristorare la dinastia fatemita; trovaron
seguaci tra i cortigiani, e le milizie d’Egitto, tra i Negri mercenarii
e tra gli emiri stessi di Saladino; e pur non fidando nelle proprie
forze, chiamarono in aiuto il re di Gerusalemme e quel di Sicilia,
profferendo e danari e cessione di territorii. Omâra intanto, sendosi
insinuato nella corte di Saladino, spinse Turan-Sciah fratello di lui
ad una impresa nel Jemen, per allontanarlo dall’Egitto; ma il perfido
consiglio tornò a gloria di casa ajubita, poichè quegli insignorissi
di Zobeir, di Aden e di tutto il paese.[352] L’ordine della congiura
in Egitto era che, sbarcati i Cristiani, se il Saladino correva a
combatterli con l’esercito, i partigiani al Cairo sollevassero il
popolo e rimettessero in trono i Fatemiti; e s’egli, mandate le genti
contro il nemico, rimanea con pochi soldati al Cairo, s’impadronissero
i congiurati della sua persona. Designato il nuovo califo e gli
ufiziali della corte fuorchè il primo ministro, altro non s’aspettava
che l’assalto de’ Cristiani, quando Alì-ibn-Nagia, predicatore d’una
moschea, scoprì la trama a Saladino e rimase, per costui comando, tra’
congiurati a far la spia. Saladino poi seppe da’ suoi rapportatori in
Gerusalemme che dovea venir un ambasciatore di Amerigo a negoziare in
apparenza con lui e in realtà con Omâra e i consorti; onde arrivato
l’ambasciatore, gli pose addosso un cristiano suo fidato ed ebbe i
nomi de’ congiurati. Dissimulò il tradimento degli emiri suoi, allora
e sempre; mandò gli altri capi al supplizio, il due di ramadhan
del cinquecensessantanove (6 aprile 1174) e gli parve finita ogni
cosa.[353]

E veramente il re di Gerusalemme abbandonò l’impresa. Ma quel di
Sicilia tirò innanzi ed apprestò sì grande armamento, che tenne in
sospetto il califo almohade, e l’imperatore bizantino. I reggitori
soli d’Alessandria non ci badarono, nè seppero il pericolo pria che
il nemico s’affacciasse al porto, il ventisette dsu-l-higgia[354]
del cinquecensessantanove (28 luglio 1174). Erano dugento sessanta
galee, montate da cencinquanta uomini ciascuna, trentasei teride
pei cavalli, sei grosse navi per gli ordegni da guerra e quaranta
legni da carico per le vittuaglie: e recavano cinquantamila uomini,
dei quali trentamila combattenti, tra fanti e marinai, mille uomini
d’arme, cinquecento cavalleggieri Turcopoli[355] ch’erano, com’io
penso, musulmani di Sicilia; e il resto gente di servigio, mozzi
di stalla, carpentieri navali e manifattori d’artiglierie.[356] Tra
queste notarono gli Alessandrini tre mangani di mole non più vista, che
lanciavano con gran forza di tiro immani massi di pietra negra recati a
bella posta dalla Sicilia, e tre torri mobili, piene d’armati e munite
in piè d’un ariete, come si chiamava la ponderosa testa di ferro messa
al capo d’una trave.[357] Delle macchine minori, si ricorda il _gerkh_,
da trar grossi dardi.[358] Capitanava l’oste, dice Ibn-el-Athîr, un
cugino del re: forse quel Tancredi conte di Lecce, che salì sul trono
alla morte di Guglielmo.

Approdate le prime navi poco appresso mezzodì, cominciarono a sbarcare
le genti presso il faro;[359] e nelle ultime ore del giorno i Siciliani
caricavano gli Alessandrini, usciti a impedire lo sbarco, contro il
divieto del wâli della città che ammonivali a combattere dalle mura. E
veramente e’ furono respinti, con perdita, a’ ripari. L’armata intanto
sforzò l’entrata del porto, ch’era pieno di navi mercantesche e da
guerra e appiccovvi il fuoco; se non che i Musulmani, accorgendosi
della mossa, corsero per terra e arrivati a tempo, affondarono la più
parte dei legni loro. Fatto buio tra coteste scaramucce, i Siciliani
rimasero sul terreno occupato, dove rizzarono trecento tende.

Al nuovo giorno avean già piantati i mangani; messe su le torri,
appressatole alle forti mura della città,[360] le quali furono
fortemente difese dal popolo e da’ pochissimi soldati del presidio.
Respinti anco gli assalitori il martedì trenta luglio, ricominciavano
il mercoledì la tempesta di lor tiri co’ mangani, riconduceano le
torri verso il muro; ed erano arrivati a una gittata d’arco, quando
si videro piombare addosso i Musulmani, rinforzati dalle milizie de’
contorni le quali, il secondo giorno, erano accorse in città da lor
terre di beneficio militare e ne vennero anco dal Cairo. Chetamente
aveano gli Alessandrini disserrate le porte più vicine alle macchine
nemiche, lasciando chiuse le imposte di fuori;[361] gli emiri delle
milizie aveano ordinati lor cavalli dentro dalle porte e il popolo
armato s’affollava a tergo. Spalancate d’un subito le imposte,
si gettarono disperatamente d’ogni lato cavalli e fanti, sopra i
Siciliani; irruppero infino alle macchine; vi poser fuoco e sostennero
il combattimento tanto che le videro consumate. Lieti rientravano in
città a far la preghiera del vespro, quando trovarono tal nunzio che li
risospinse immediatamente alle armi.[362]

Fin dallo sbarco de’ Siciliani, il wâli d’Alessandria avea mandato a
Saladino uno spaccio per colombi. Era egli attendato con l’esercito
a Fâkûs, su i confini orientali del Basso Egitto; dove ricapitato lo
spaccio il martedì, ei mandava immantinenti una schiera a rinforzare
il presidio di Damiata, temendo anco per questa; partiva ei medesimo
col grosso delle genti alla volta d’Alessandria e spacciava innanzi, a
dar l’avviso, un fido schiavo con tre cavalli menati a guinzaglio, da
ricambiarsi via via. Il quale giunse il mercoledì a vespro, percorsi
in men di ventiquattr’ore, a un di presso dugento chilometri.[363]
Assembrato il popolo, si bandisce il prossimo arrivo di Saladino: ed
ecco, scrive Ibn-el-Athîr, che dimenticandosi la fatica e le ferite,
parendo ad ognuno di avere allato, testimone del proprio valore, il
gran capitano, riaprono le porte e tornano addosso a’ Cristiani.

Stracchi dalla prima battaglia, colti quando men se l’aspettavano,
in sull’imbrunire del giorno, sentendo quel frastuono d’un popolo
impazzato e gridare il nome di Saladino, i Siciliani mal difesero il
campo. Entrovvi il nemico; fe’ macello dei fanti; fece bottino d’ogni
maniera d’armi e ricche suppellettili: mentre nobili e vassalli,
capitani e soldati correano confusamente al mare; accostavano a terra
le galee; montavano come ciascun potea: chi trattasi l’armatura gittasi
a nuoto, chi arrampicandosi casca in mare. E i Musulmani a’ fianchi
loro, inseguonli entro le stesse galee, o tuffan sotto con ferri a
sfondarle, o v’appiccano il fuoco; sì che più d’una perì. Il navilio,
riordinato alla meglio la notte, salpava la dimane, primo agosto,
recando in Sicilia i miseri avanzi dell’esercito. Trecento cavalieri
che nella rotta si erano ritratti in un’altura, pugnaron tutta la notte
e la mattina appresso, contro le turbe musulmane crescenti di numero e
di furore; ma infine la moltitudine sgomenò quel nodo di prodi: tutti
li uccise o fe’ prigionieri, che non ne campò un solo. Così dalle
sorgenti musulmane. Le pisane che qui son tronche, riferiscono con
poco divario il numero delle navi, senza dir l’esito dell’impresa. Vi
accenna un po’ Guglielmo di Tiro, cronista delle crociate. Il Falcando
e Romualdo Salernitano avean tronco il racconto pria di quell’anno.
Un anonimo contemporaneo suppone sbarcato Guglielmo in persona ad
Alessandria e dopo sette dì tornato addietro con vergogna. E la magra
cronica di Monte Cassino dice che il 1174 l’armata del re andava in
Alessandria e nulla più.[364] Ciò nondimeno alcuni moderni, volendo
dare al buon re anco gli onori del trionfo, han fatta espugnare
Alessandria e riportarne in Sicilia preda ricchissima.[365]

Abbandonati da’ proprii testimonii, cotesti scrittori trovano insperato
soccorso ne’ musulmani. Dai quali sappiamo che un anno appresso la
sconfitta, ossia il cinquecensettantuno (22 luglio 1175 a 9 luglio
1176), quaranta galee di Sicilia assediavano Tinnis per due giorni
e andavan via. Del settantatrè (30 giugno 1177 a 18 giugno 1178)
l’armata siciliana combattè più gloriosa fazione. Una quarantina di
navi riassalirono Tinnis e dopo due giorni di combattimenti se ne
insignorirono. L’ammiraglio musulmano, Mohammed-ibn-Ishak, al quale il
nemico avea tagliata la via di ritornare al navilio, si ritrasse allora
chetamente con una sua schiera al _mosalla_, o vogliam dire pianura
aperta dove si fa la preghiera; e al cader della notte piombò in città
sopra i Siciliani, che non s’aspettavano assalti; prese centoventi
uomini e lor mozzò il capo. Ricacciato al mosalla e combattuto
aspramente, lasciò sul terreno settanta de’ suoi: col rimanente ei si
rifuggì a Damiata. I Siciliani rientrati in città, la saccheggiavano,
ardeanla e cariche le navi di preda, zeppe di prigioni, ripartiano
alla volta d’Alessandria. Durò quattro giorni cotesta fazione di
Tinnis.[366] Che facesse l’armata ad Alessandria non sappiam punto.

Nelle note frettolose con che si chiude la prima parte del
_Baiân-el-Moghrib_, leggiamo che il medesimo anno cinquecensettantatrè
(1177-8) Mehdia era afflitta da un’irruzione di Cristiani, la quale
fu detta il caso del venerdì: sì come i cittadini aveano designati
con altri giorni della settimana gli assalti del milleottantasette,
del cenquarantotto e del censessantatrè.[367] Questo del settantotto
è da apporre a Genovesi o Pisani, non essendo verosimile che l’armata
di Sicilia tentasse a un tempo una grossa fazione nel golfo di Kâbes
ed una alle bocche del Nilo.[368] Pare al contrario che la corte
di Palermo bramasse la pace con gli Almohadi, a fin di ristorare il
commercio dell’Affrica propria, decaduto o spento dopo i fatti del
cinquantasei. Nè poteva la Sicilia aspettar altro che male da’ novelli
turbamenti nati in que’ paesi: nella parte orientale, dico, le imprese
de’ masnadieri turchi venuti d’Egitto a tentar la sorte a nome di
Saladino;[369] e qua e là capi berberi e tribù arabiche immansuete che
disdiceano la signoria almohade, vedendo il nuovo califo Abu-Iakûb
troppo avviluppato nelle guerre di Spagna. Pure, quando la rivolta
messe radice in Kafsa, Abu Iakûb mosse di Marocco con l’esercito; sostò
a Bugia, sede del suo luogotenente nell’Affrica propria; andò poi a
Kafsa e se ne insignorì, il primo giorno del cinquecensettantasei (28
maggio 1180) dopo tre mesi di assedio.[370] Nel ritorno, soffermatosi a
Mehdia, ei vi trovò ambasciatori di Guglielmo II.

Se meritasse piena fede Roberto abate del Monte a San Michele, si
direbbe che Abu Iakûb fu vinto dalla cortesia del re Guglielmo, il
quale gli avea rimandata libera una sua figliuola, presa dall’armata
siciliana sopra un legno almohade che la conducea sposa a certo re
saraceno. Ma il fine del racconto scema autorità al cominciamento,
portando che l’Almohade alla sua volta restituisse al re di Sicilia le
due città di Affrica e Zawila; il che non fu, nè poteva essere.[371]
Secondo il Marrekosci, Guglielmo chiese la pace ad Abu-Iakûb per la
gran paura ch’avea di lui e si obbligò a pagargli tributo, oltre
i doni ricchissimi che gli fece e, tra gli altri, un rubino detto
l’unghia di cavallo, per la forma e la grandezza; il quale gioiello,
trascendente ogni prezzo, si vedea fino alla prima metà del decimoterzo
secolo spiccare sopra tante altre gemme incastonate nella rilegatura
d’un corano, di que’ che il califo Othman mandò nelle province
quand’ei promulgò il testo ortodosso.[372] Ed anco in questo racconto
è manifesto errore, poichè i Normanni di Sicilia non si abbassarono
di certo a comprar la pace; si può supporre anzi che alcuna città
dell’Affrica propria abbia pagato tributo a loro, sì come sarà detto a
suo luogo.

Il fatto certo è che una tregua per dieci anni fu fermata tra
Abu-Iakûb e Guglielmo II, il millecentottanta, stipulata a Mehdia
dagli ambasciatori di Sicilia nel giugno o luglio, e ratificata da
Guglielmo in Palermo, nell’agosto.[373] Della quale tregua fa menzione
Ibn-Giobair, quattro anni appresso, nel diario del suo viaggio.[374]
Gli interessi commerciali de’ due paesi danno il motivo del trattato,
senza che s’abbia ricorso alle vaghe voci raccolte dall’abate Roberto
in Francia, e dal Marrekosci nel Maghreb. Tanto più che in quella
state l’Affrica propria avea mestieri più che mai de’ frumenti di
Sicilia; sapendosi che mancassero le vittuaglie e lo strame perfino
nell’esercito almohade, onde Abu-Iakûb, come prima e’ fermò l’accordo,
ritornò frettoloso in Marocco.[375]

E’ fu di certo a protezione dei naviganti siciliani, che Guglielmo,
nell’inverno dal millecentottanta al centottantuno, mandò l’armata alle
Baleari; le quali per mutar signori non ismettevano la pirateria. Dopo
i discendenti di Mugeto e l’effimera dominazione messa su dai Pisani
(1115), aveano occupate quelle isole gli Almoravidi; e cadendo tal
dinastia, se n’erano insignoriti i Beni-Ghania, della tribù berbera di
Mussufa. Un valente scellerato di quella famiglia, per nome Ishak-ibn
Mohammed, usurpato lo Stato (1151), seppe ordinar sì bene il corso
contro Cristiani, ch’egli arricchissi e divenne potente come un re,
scrive il Marrekosci.[376] L’armamento siciliano, fortissimo di galee e
di uscieri per la cavalleria che doveva occupare Majorca, andato prima
a Genova con Gualtiero di Modica grande ammiraglio del reame, passò
tutto l’inverno a Vado: così gli Annali genovesi e più non ne dicono;
ma aggiungono che la città in quella stagione fu afflitta fieramente
da una morìa.[377] Forse fu questa che distolse i Genovesi dal mandare
lor navi insieme con le siciliane, come par fosse già fermato tra
le due parti, poichè l’armata siciliana entrò nel porto di Genova e
svernò nel dominio. Sembra che il morbo stesso abbia sforzato Gualtiero
a ritrarsi in Vado. Ma non andò guari che l’arcivescovo e i Consoli
di Genova, seguendo l’esempio dei Pisani,[378] nel mese di sefer del
cinquecensettantasette (17 giugno a 15 luglio 1181) stipulavano tregua
per dieci anni col signore di Majorca.[379] Guglielmo, l’anno appresso,
reiterò la spedizione con tanto strepito che mentre la s’apparecchiava,
Saladino, temendo nuovo insulto in Egitto, vi sopraccorse dalle parti
orientali di Siria, non ostante la brama ch’egli avea di soggiogar
tutti que’ regoli. Le navi siciliane non arrivarono poi alle Baleari;
disperse da una tempesta; affondate, quali a Savona, quali ad Albenga,
quali a Ventimiglia, alcune forse su la costiera di Spagna: e fu
scritto che ne perì quaranta all’incirca.[380] Ritraggiamo che pochi
anni appresso, quando Alì-Ibn-Ghania assalì l’Affrica settentrionale
con una mano di Almoravidi, avendo saputo in Tripoli che i partigiani
degli Almohadi gli avessero ritolte le Baleari, ei mandò in Sicilia
il fratello Abd-allah; il quale imbarcatosi per Majorca, ripigliò
lo Stato.[381] Non dicono i cronisti, nè mi par verosimile, che la
corte di Palermo abbialo aiutato in questa seconda impresa. Forse niun
seppe che costui fosse venuto tra’ molti Musulmani che dall’Affrica
riparavano continuamente in Sicilia, fuggendo la fame rincrudita e la
rapacità dei ladroni arabi, turchi e berberi, messi insieme da’ Beni
Ghania.[382]

Ferveano allora in Sicilia preparamenti di gran guerra, dei quali
fu testimone Ibn-Giobair e da lui sappiamo le voci che corsero in
Trapani nel gennaio millecentottantacinque, quando si riteneano
nei porti tutte le navi mercantesche, per adoperarle al servigio
dello Stato: chè cento onerarie volea re Guglielmo aggiugnere alle
trecento galee e teride dell’armata. La quale, altri dicea dovesse
osteggiare Alessandria, altri Majorca ed altri l’Affrica propria,
dond’era testè giunta la nuova dello sbarco di Alì-ibn-Ghania a Bugia.
Ma pensava Ibn-Giobair che il re volesse mantenere la tregua con
gli Almohadi e ch’ei piuttosto disegnasse di rimettere sul trono di
Costantinopoli Alessio II, campato, come si favoleggiò, da’ sicarii
di Andronico.[383] E veramente piombava, non guari dopo, su la Grecia
questo sforzo di guerra, condotto in apparenza dal principe Tancredi.
Cinquemila cavalli, dugento legni di corso, ottantamila uomini, scrivea
con esagerazione un testimonio oculare, salparono l’undici giugno
millecentottantacinque; occuparono Durazzo (24 giugno); presero per
assedio Tessalonica (24 agosto); se non che i capitani indugiarono a
muover sopra la capitale dell’impero; e rotti a Monopoli, poi traditi
(7 novembre), si ritrassero in Italia, scemati di diecimila morti
e quattromila prigioni. I Musulmani di Sicilia militarono in questa
infelice impresa come diremo più innanzi.[384]

Saladino intanto stendea l’impero su tutti i paesi musulmani dal Nilo
al Tigri, dove signore immediato, dove protettore o sovrano feudale;
lasciando pure al misero califo di Bagdad i vani onori di pontefice
e imperatore. Così accentrate le forze, ei prese a compier l’opera di
Norandino contro i Cristiani. Occupata Gerusalemme (23 ottobre 1187) e
tutta la Palestina, fuorchè quattro castella; provatosi indarno contro
le fortezze di Tiro e il valore italiano che difendeale, Saladino
ripigliò la guerra in primavera del millecentottantotto; e trovò, tra i
primi, su la costiera, il navilio siciliano.

Perchè il caso di Gerusalemme avea commossa l’Europa: mentre la
Germania, la Francia e l’Inghilterra apparecchiavano eserciti,
l’Italia, avendo pronte le armate e aperto il mare, die’ principio
alla terza Crociata. A secondare l’audace proposito di Corrado di
Monferrato, correano gli Italiani sobrii, disciplinati, liberi e forti,
scrisse allora l’abate di Ursperg.[385] Nella epistola indirizzata
pochi anni innanzi al califo di Bagdad in nome di Saladino, si legge
che i Veneziani, i Genovesi e i Pisani soleano bazzicare assidui in
Levante; ove or accendeano un fuoco da non si spegnere di leggieri,
or offrivano presenti, recavano le merci più elette de’ loro paesi e
vendeano perfino le armi ed ogni altra cosa necessaria alla guerra;
stringeano amistà, dice l’epistola, del tutto a comodo nostro e danno
di cristianità.[386]

Parteciparono i popoli meridionali in quello sforzo comune dell’Italia.
Guglielmo, disposto pur troppo a così fatte imprese, fu sollecitato
a viva voce dall’arcivescovo di Tiro, e rampognato del danno
ch’egli avea recato ai Latini di Terrasanta, trattenendo per la sua
sciagurata impresa di Grecia i pellegrini e le navi che facean sosta
in Sicilia. Per ammenda, egli ora fornì a Corrado di Monferrato copia
di vittuaglie, con cinquanta galee, dicono i cronisti occidentali, e
cinquecento uomini d’arme, capitanati da due conti; le quali forze
rincoravano Antiochia, difendeano Tripoli, mantenean Tiro. Giovò,
sopra ogni altro, all’eroico presidio di questa città, l’armata che
fece sgomberare i corsari musulmani e assicurò la via a’ soccorsi
spicciolati d’uomini e di vivanda. L’ammiraglio di Sicilia, per
nome Margarito da Brindisi, impadronitosi di alcune isole, tenne sì
ostinatamente le acque di Siria, ad onta delle tempeste e de’ nemici,
che maraviglionne la Cristianità tutta e chi chiamollo Nettuno, chi
re o lione del Mare. Corrado di Monferrato lo mandò con gente da
Tiro a Tripoli; dove i Cristiani, credendolo nemico, s’apprestavano
alla difesa, ma poi distinsero le insegne della croce e l’armamento
europeo; e la città ne fu talmente rinforzata che Saladino non osò
assalirla.[387]

Gli scrittori musulmani giudicano altrimenti questo “tiranno Margarit,
preposto al navilio del tiranno di Sicilia:[388] sessanta galee,
ciascuna delle quali pareva una rôcca o una roccia[389], montate da
diecimila uomini avvezzi a scorazzare e desolare i paesi. Ma questo
famigeratissimo tra i più fieri oppressori e i più brutti demonii,
entrato con gran fracasso nel porto di Tripoli, non seppe di miele
nè di fiele, non giovò nè nocque, e com’egli aprì bottega di sue
vittuaglie, così rinacque in Tripoli la carestia. Tirò verso Tiro e
tornò a Tripoli; guazzò per quelle acque, avanti e dietro, a dritta e
a manca per parecchi mesi, senza saper che si facesse; finchè il suo
navilio si sparpagliò, il suo valore tramutossi in codardia, la sua
gente fuggì alla sfilata ed ei se ne tornò a casa, con poca gente e
molte miserie.” Così un contemporaneo, prendendo a celebrare i fatti
di Saladino, straziava la rettorica ed anco un po’ la storia, narrando
dell’ammiraglio siciliano le imprese fallite, non quelle compiute
e tacendo sopratutto la cacciata de’ corsari musulmani.[390] Del
rimanente, l’autore attesta la fama di Margarito; il nome di tiranno
ch’ei gli dà, s’accorda con quel di potente principe che leggiamo in
Marino Sanudo;[391] e il predicato di pessimo demonio non differisce
tanto da’ titoli di pirata, archipirata e principe de’ pirati, con che
lo chiamano gli scrittori bizantini, gli italiani e’ tedeschi.[392]
Par che la corte di Palermo, dopo le sventure dell’impresa di Grecia,
abbia affidata l’armata a questo valente uomo di mare, il quale prese
in Cipro settanta galee bizantine andate a soggiogar quell’isola.[393]
Sappiamo da scrittori inglesi contemporanei ch’egli possedea le isole
di Scarpanto, Cefalonia e Zante;[394] nè sembra inverosimile ch’egli
abbia lasciato col mestiere anco un soprannome datogli dapprima e che
Margarito, conte di Malta, sia lo stesso Sifanto, corsaro ausiliare del
re di Sicilia, entrato innanzi ogni altro per la breccia di Tessalonica
(24 agosto 1185), ricordato con gratitudine dall’arcivescovo Eustazio
che fu suo prigione.[395]

Nei due episodii nei quali Margarito si trovò a fronte di Saladino,
meritano fede ’Imad-ed-dîn e Ibn-el-Athîr, i quali militavano entrambi
nell’esercito musulmano. Il sultano, ragunato l’esercito presso
Emesa, andò con una gualdana a far la scoperta a Tripoli, guastò il
contado, differì l’assedio e tornando addietro, si volse al principato
di Antiochia. Occupata Tortosa il sei giumadi primo (3 luglio 1188),
indi Marakia, movea alla volta di Gebala, costretto a passare a randa
a randa del mare, per iscansar la montagna e il fortissimo castello
di Markab, ch’era tenuto dagli Spedalieri. Angustissima con ciò e
malagevole la via; talch’era forza valicarla ad uno ad uno. L’armata
siciliana allora salpando da Tripoli, attelossi lungo la spiaggia:
con catapulte e balestre[396] facea grandinare dardi e saette sulla
strada. Saladino a questo, fatti recare i mantelletti e altri ordegni
d’assedio,[397] dispose dietro quelli le catapulte e gli arcieri; sì
che a lor volta le navi siciliane furono costrette ad allontanarsi e
tutto lo esercito passò. Presa Gebala senza contrasto a’ diciotto del
mese (15 luglio), egli entrò a capo di due settimane in Laodicea; dove
trovò abbandonate le case, rifuggiti i Franchi in due castella, e surto
di faccia al porto il navilio siciliano.

Il quale, venuto ad ajutare e trovato perduta ogni cosa, cominciava a
prender chiunque fuggisse per mare. Erano i Siciliani adirati contro i
cittadini per la viltà di sgomberare sì presto la terra, non aspettando
gli amici, nè i nemici. Ma l’effetto dei mali trattamenti fu che que’
di Laodicea si affrettarono a scendere dalle castella e ritornare
a lor case, stipulando di pagare la _gezîa_. Saladino, ordinato il
reggimento della terra, era già in su le mosse con tutto l’esercito,
quando l’ammiraglio siciliano, volendo abboccarsi con lui, mandò a
chiedergli salvocondotto ed ei lo diè. Sopraffatto, dice un testimone
oculare, dall’aspetto del principe, s’inchinò Margarito, all’uso
orientale, in atto di baciar la terra; raccolse gli spiriti, pensò,
e alfin prese a parlare per mezzo del turcimanno. Fatto un esordio di
lodi, egli ammonì Saladino a dar piena sicurtà a’ Cristiani, tanto gli
indigeni, com’e’ parmi, quanto gli europei, mostrandogli che, se il
principe li ascrivesse al suo _giund_, lo aiuterebbero a conquistare i
paesi vicini e i lontani. E finì con la minaccia che se, al contrario,
fossero maltrattati i Cristiani di Siria, verrebbero di là dal mare
le migliaia di guerrieri congregati d’ogni terra di cristianità, con
tanto sforzo di guerra, che niuno lor potrebbe far testa. Saladino
rispondeagli, avere Iddio comandato ai Musulmani di ridurre tutto
l’orbe alla vera fede; ch’egli combattea per osservare questo precetto;
che Iddio l’aveva aiutato e l’aiuterebbe: onde se tutto il resto del
genere umano, dagli estremi gradi di longitudine e di latitudine,
si adunasse contro i Musulmani, ei non conterebbe i nemici, sì li
combatterebbe; e forse che lor farebbe provar di nuovo le sciabole e
le catene de’ Musulmani. Vedendo accolti in tal modo i suoi consigli,
Margarito si fe’ il segno della croce e andò via. Così, con parole poco
diverse, ’Imad-ed-dîn e Ibn-el-Athîr, testimoni oculari forse entrambi,
il primo di certo.[398] Nè parrà inverosimile la somma del dialogo,
quando si consideri che Margarito non poteva ignorare le ambizioni di
Saladino contro varii principi musulmani, nè le disposizioni d’animo
che i Crociati attribuivano al formidabile nemico loro; onde i cronisti
affermarono ch’egli, del millecentonovantadue, avesse proposta ai re di
Francia e d’Inghilterra una lega contro gli eredi di Norandino.[399]

Guglielmo venne a morte (18 novembre 1189) mentre apparecchiava assai
maggiore armamento, per mandarlo o menarlo egli stesso in Levante,
insieme con Filippo Augusto e Riccardo cuor di Leone; avendo già
stipulato con Arrigo II di fornire gran copia di vino, orzo e frumento
e cento galee armate e provvedute per due anni.[400] Pria di quel
funesto evento che par abbia costretta l’armata a tornare immantinente
in Sicilia, Margarito avea cominciato a sciogliere le promesse
di Laodicea. Uno scrittore anonimo, contemporaneo sì e benissimo
informato, narra che l’ammiraglio siciliano avea, da vero maestro
dell’arte, chiuse le vie del mare a’ presidii musulmani di San Giovanni
d’Acri e d’altre fortezze di Palestina; e che un giorno, colte le
navi di Saladino che recavano armi e vivanda in Acri, ei le combattè
e vinse e messe a morte quanti le montavano.[401] Van riferiti questi
avvenimenti allo autunno dell’ottantanove, sendo cominciato l’assedio
d’Acri ne’ primi di settembre.

Guglielmo secondo, voglio io qui replicarlo, merita tanto biasimo nelle
cose di fuori, quanta lode nell’interna amministrazione dello Stato.
Fuorchè la pace con gli Almohadi e il gastigo dato a quando a quando
ai pirati musulmani, non va commendato nel suo regno alcun atto di
politica esteriore. Fece Guglielmo sempre guerre disutili e infelici;
nelle vicende della Lega Lombarda ei non seguì consigli nè savii, nè
generosi, nè coerenti; ed annullò gli effetti della Lega per quanto
uomo il poteva, con un partito pessimo e stoltissimo: il matrimonio
della Costanza nella casa di Svevia, nemica naturale degli Hauteville,
del papato e dell’Italia tutta. Quand’anco non cel affermassero i
contemporanei, vedremmo ad ogni respiro di Guglielmo ch’ei tentennò
sempre tra i due ministri Gualtiero Offamilio e Matteo d’Ajello. Matteo
per far dispetto, come dicono, al rivale, avea consigliato Guglielmo
a fondare l’arcivescovato di Morreale, alle porte proprio di Palermo
(1182). Pria di ciò, l’impresa d’Alessandria, affidata al principe
Tancredi (1174) era stata, com’e’ sembra, opera del Cancelliere,
bramoso di dare riputazione e potenza di capitano al candidato ch’ei
destinava al trono. Con minor dubbio il diciamo della spedizione
di Grecia, la quale sappiam fatta contro l’avviso di Gualtiero e di
Riccardo Palmer.[402] E fu appunto nella catastrofe di quello esercito
(autunno del 1185) che riuscì Gualtiero a fermare il parentado con casa
di Hohenstaufen, celebrato indi in gran fretta (27 gennaio 1186); nel
quale alcuni contemporanei ravvisarono la vendetta del metropolitano di
Palermo per la mutilata diocesi.[403]

Sotto un principe sì mansueto e benigno, i Musulmani di Sicilia
non durarono aspre persecuzioni, ma non furon sicuri dalle occulte
e lente. Conferma questo fatto Ibn-Giobair, il dotto pellegrino
spagnuolo, capitato in Sicilia con molta riputazione di pietà, il quale
solea scrivere ogni dì le cose viste, o udite, e in quattro mesi di
soggiorno, visitò i centri principali delle popolazioni musulmane,
conversò con uomini d’ogni ordine, dai servitori di corte infino al
primo nobile dell’isola, rampollo della sacra schiatta d’Alì. Ne’
principii, quand’egli non avea visti se non che gli eunuchi della
corte, Ibn-Giobair loda il giovane re, tollerante, amico anzi de’
Musulmani. Dice ch’ei parlava l’arabico, che usava ne’ rescritti
l’alâma, che vivea tra’ Musulmani, convertiti in apparenza; e che,
non ignorando la occulta fede loro, solea chiudere gli occhi quando,
all’ora della preghiera, li vedea scantonare ad uno ad uno. Racconta
Ibn-Giobair che nel tremuoto di febbraio millecensessantanove,
Guglielmo giovanetto, girando attonito per la reggia, udì le donne e
i paggi invocare Allah e il Profeta, e vedendoli sbigottiti al suo
arrivo, li confortò con queste auree parole: «Che ciascuno preghi
il Dio ch’egli adora! Chi avrà fede nel suo Dio, sentirà la pace in
cuore.» Intenerito della gran bontà del principe, Ibn-Giobair prega
Iddio che lo serbi in vita per lunghissimi anni. Ma a capo di due mesi,
risaputa meglio la condizione de’ suoi correligionarii, il viaggiatore
dà del tiranno a Guglielmo; l’accusa d’avere afflitto e umiliato
Ibn-Hammûd, d’avere sforzato all’apostasia il giureconsulto Ibn-Zura’;
e raccapricciando narra che costui, fatto giudice, rendea ragione,
or secondo il vangelo, or secondo il Corano e perfino avea mutata in
chiesa una sua moschea.[404] In quel torno (1179) veggiam anco una
moschea di Catania destinata al culto cristiano da un Giovanni da
Messina e consacrata con la invocazione del novello santo, Tommaso di
Canterbury.[405]

Ancorchè l’indole di Guglielmo non renda inverosimili le
contraddizioni, ognun vede come quel molesto proselitismo piuttosto che
a lui, sia da apporre al clero, impaziente di stendere l’autorità sopra
tanta parte della popolazione, di accrescere le decime, i casuali, i
lasciti. Era imbaldanzito il clero per la potenza dell’arcivescovo
di Palermo; e armavasi già dei fasci della giustizia, se non delle
scuri. Perchè Guglielmo, tirato alle dottrine oltramontane, cominciava
ad abbandonar quelle seguite da’ suoi maggiori; ponea le cause de’
chierici sotto la giurisdizione delle curie ecclesiastiche;[406] facea
tradurre dinanzi a queste i Musulmani accusati di ratto in persona
di donne cristiane. Contro i quali egli è vero che i vescovi non
pronunziavano sentenze di morte, nè mutilazione; ma poteano condannar
sì a multe e battiture, com’è detto in un rescritto di papa Alessandro
III, indirizzato all’arcivescovo di Palermo.[407] Ed egli è da supporre
assai frequenti le condanne, per la interpretazione larghissima che si
dava a quel capo d’accusa e per lo guadagno che ne tornava ai giudici.
Ma i Cristiani impunemente strappavano i figliuoli, maschi e femmine,
alle famiglie musulmane, sotto specie di convertirli; aggravavan di
multe i ricchi; rendeano loro insopportabile il soggiorno in Sicilia:
talchè i più timorati pensavano a vendere ogni cosa e andar via; i
padri davano le figliuole a’ pellegrini di Spagna o d’Affrica senza
richiedere dotario; e i savii già prevedeano che l’islamismo tra non
guari sarebbe stato spento in Sicilia, sì com’era testè avvenuto in
Candia.

E pur l’universale della popolazione non aborriva per anco dai
Musulmani. In viaggio erano salutati cortesemente; la voce del
muezzin non facea ribrezzo nelle grandi città; i Cristiani di Trapani
tranquillamente vedeano passare le turbe de’ Musulmani, che al suon
di corni e taballe, preceduti dall’hâkim, andavano al mosalla a far
la preghiera pubblica del Beiram.[408] Che se guardiamo alla reggia,
vi troviam l’una accanto all’altra, le sorgenti della persecuzione e
del favore: da una parte le sollecitazioni de’ prelati oltramontani;
dall’altra le consuetudini, spesso più forti che la volontà, onde
gli eunuchi, gaiti o paggi che dir si vogliano, esercitavano gli
uffici di corte sotto quel velo sottilissimo d’ipocrisia che li facea
parere cristiani.[409] Splendean costoro per lusso di vestimenta e di
cavalli. Guglielmo accogliea con onore i Musulmani stranieri, medici
e astrologhi[410] e largìa danaro a’ poeti.[411] Afferma altresì
Ibn-Giobair che le donne musulmane della reggia talvolta guadagnassero
a Maometto alcuna lor compagna cristiana. E le dame franche o italiane
di Palermo, riconosceano tacitamente la superiorità dell’incivilimento
orientale, vestendo a foggia delle musulmane.[412]

Nè era mica rallentato il legame morale tra gli abitatori musulmani
dell’isola. I cittadini, egli è vero, aiutavan poco o nulla i
correligionarii loro servi della gleba, uomini di varie schiatte,
lontani dall’occhio e dal cuore; ma nel grembo delle popolazioni
urbane fervea la carità musulmana e ne davano l’esempio, non senza
rischio loro, i finti cristiani della corte. La quale carità di setta,
di stirpe e di patria, che ormai tornava ad un sentimento solo, si
mantenea tanto più calda in Palermo, la città, come chiamavanla per
antonomasia i Musulmani di Sicilia. Quivi i Musulmani soggiornavano in
alcuni sobborghi senza compagnia di Cristiani; un cadì amministrava
loro la giustizia; frequentavan essi le moschee e ciascuna era anco
scuola; fiorivano i loro mercati ne’ quali, come fu uso generale nel
medio evo e dell’Oriente in tutti i tempi, dimoravano gli artigiani,
divisi per contrade, secondo i mestieri. Dalle parole d’Ibn-Giobair
possiamo argomentare che i mercatanti della città fossero, la più
parte, musulmani. Il culto pubblico era tuttavia liberissimo in
Palermo; se non che la preghiera solenne si faceva nella moschea
cattedrale con la invocazione pei califi abbasidi, vietata solamente
l’adunanza del piano aperto o vogliam dire il mosalla;[413] parendo
pericoloso, com’io penso, di mettere insieme le migliaia degli
Infedeli.

Le quali migliaia quante fossero nella capitale e nelle province,
non sappiamo; ma tutta insieme la popolazione musulmana, uomini e
donne, passava di certo il numero di centomila che dà uno scrittore
contemporaneo, come si vedrà in quest’altro capitolo. Il seguito
dei fatti anco mostrerà come, allo scorcio del duodecimo secolo, i
Musulmani di Sicilia fossero ridotti in Val di Mazara, e come gran
parte di loro coltivassero il suolo in quelle cento miglia quadrate di
territorio che l’improvvido Guglielmo donò, insieme con gli abitatori,
al Monastero di Morreale, chiudendo gli occhi alle conseguenze
politiche, non meno che al danno economico dello Stato.[414] I nomi
delle città e villaggi recati da Ibn-Giobair occorrono, eccetto sol
Siracusa, nella costiera da Messina a Palermo, e su la strada dalla
capitale a Trapani. Un pugno di Musulmani in Messina; maggior numero
in Cefalù; in Termini un borgo abitato al tutto da loro; un paesello
intero a Kasr-Sa’d, il quale parmi risponda al monticciuolo che or si
addimanda la Cannita, presso Villabate; gran popolazione in Palermo;
tutti gli abitanti in Alcamo e ne’ villaggi e ville ond’eran gremiti i
fertili terreni, e allora ben coltivati, che si stendono dalla capitale
a Trapani: e in questa, gran parte della popolazione, professava
l’islamismo.[415] Professavanlo forse alcuni abitatori di Catania.[416]
Al dir di Burchardo, vescovo di Strasburgo, ambasciatore del Barbarossa
appo Saladino, Malta e Pantellaria erano in questo tempo abitate al
tutto da Musulmani; e ubbidia la prima al re di Sicilia, a nessuno la
seconda, la quale producea poco grano; talchè gli uomini viveano di
pastorizia, mezzo selvatichi, pronti a rintanarsi nelle caverne, quando
sbarcasse gente più forte di loro.[417]

Partecipavano tuttavia i Musulmani degli ufizii civili e militari,
come abbiam già detto trattando dei gaiti, poichè le testimonianze
citate tornano la più parte al regno di Guglielmo il Buono.[418] Alle
quali è da aggiugner quella di Eustazio, arcivescovo di Tessalonica,
studiosissimo a descrivere le genti che disertarono il suo paese
(1185), le quali eran chiamate siciliane, dice egli, perchè le accozzò
Guglielmo, conte, re, o tiranno della Sicilia, e votò l’erario per
fornire la spesa, maggiore assai delle scarse entrate dell’isola.[419]
Erano in quell’oste uomini d’arme e arcieri a cavallo, fanti leggieri
e di grave armatura e compagnie franche, dette del _rizico_, le quali
senza caposoldo nè stipendio, combatteano per la sola preda.[420] I
Musulmani di Sicilia, noverati forse tra gli arcieri a cavallo, facean
l’ufizio ch’or è dato a carabinieri o gendarmi negli eserciti europei.
Perocchè narra Eustazio che nella prima licenza del saccheggio,
mentre una mano di soldati insanguinava e profanava sozzamente la
chiesa di San Demetrio e commetteva ogni maniera di oltraggio sopra
i Greci che vi s’erano rifuggiti, un eunuco, ammiraglio[421] del re,
entrò a cavallo nel tempio, brandendo una mazza di ferro, seguito
da prodi sergenti, e fece sgombrar que’ masnadieri.[422] Ma durante
l’occupazione della città, continuando i Latini a sfogar l’odio su i
vinti, i Saraceni di Sicilia giravano per le strade la notte a far
la scolta; entravano nelle case ov’era acceso, contro il divieto,
lume o fuoco; sforzavan le porte; menavan via le donne e le fanciulle
adocchiate nel giorno; e prendean talvolta i danari per dote.[423] In
una orazione recitata dopo quel gran flagello, Eustazio, prorompendo
contro un sacrilego, dicea che gli atti suoi somigliassero a que’
degli Affricani di Sicilia.[424] A’ Musulmani io riferirei volentieri
l’artifizio dei due mangani smisurati, chiamati da lui “le figlie del
tremuoto” i quali aprirono la breccia nel muro di Tessalonica:[425]
ond’e’ si vede che facean tiri diretti, come le artiglierie moderne;
e vanno per conseguenza identificati con quelli che abbiamo descritti
nell’assedio di Siracusa dell’ottocentosettantotto e testè nell’impresa
di Alessandria,[426] e fors’anco con gli altri che Carlo d’Angiò
apparecchiava (1284) contro la Sicilia, maneggiati da’ Saraceni di
Lucera.[427] Dopo li artiglieri de’ mangani, Eustazio fa menzione “di
quelli che lavoravano a riempir di polveraccio le insidiose fosse, per
iscuoter e abbattere i muri”: nel qual luogo la voce insolita greca
ch’io rendo a bella posta con una voce oscura del nostro linguaggio,
se la non denotasse i minuzzoli di combustibili da appiccar fuoco a’
sostegni de cuniculi, sarebbe forse da riferire a quella composizione
di fuochi da guerra che condusse alla invenzione della polvere, ma non
essendo per anco sì perfetta, in vece di scoppiare, schizzava, operando
con la sola forza del rincalcio. Il quale ingegno tornerebbe anco ai
Musulmani di Sicilia, poichè simili fuochi, in questo tempo, erano in
uso appo i lor fratelli d’Affrica e di Levante.[428]

Il numero dunque, le ricchezze, la cultura intellettuale, la ingerenza
ne’ servigii pubblici, il favore della corte, davano forze a’ Musulmani
di Sicilia, molestati com’essi erano dal clero e da qualche ministro
del re, e persuasi che loro sovrastassero gravi calamità. Con ciò
le bandiere almohadi sventolavano a vista quasi della Sicilia; nè
mancavano nell’isola i capi d’un movimento. Le vestigia che scopronsi
negli scrittori cristiani e ne’ musulmani, conducono a un gran
personaggio di casa Edrisita, del ramo de’ Beni Hammûd, e com’io
credo della stessa famiglia di quello sciagurato signore che die’
Castrogiovanni al conte Ruggiero. Era chiamato dai più, secondo l’uso
arabo, col keniet o diremmo noi nomignolo, Abu-l-Kâsim e talvolta col
keniet d’uno de’ suoi progenitori, Ibn-abi-l-Kâsim, o infine, col nome
del casato, Ibn-Hammûd. Ai tempi di Guglielmo il Buono primeggiava
costui nell’aristocrazia ereditaria;[429] e della sua ricchezza e
seguito tra i Musulmani di Sicilia ci ragguaglia anco il Falcando,
che lo nota tra i più possenti nemici del cancelliere Stefano, come
s’è detto.[430] Similmente Ibn-Giobair, pochi anni appresso, narrò
ch’egli era stato perseguitato per supposte pratiche con gli Almohadi;
confiscatigli i beni ed espilati trentamila dinar; condotto indi
alla povertà ed a vivere d’uno stipendio a corte: uomo per nascita,
liberalità, beneficenza, ingegno e costumi, sì riverito appo i
Musulmani di Sicilia, che s’egli avesse abiurato, tutti si sarebber
fatti cristiani, dice il viaggiatore spagnuolo.[431] Ritraggiamo che
Ibn-Kalakis d’Alessandria, giureconsulto e poeta di nome, venuto
a corte di Guglielmo nel cinquecentosessantacinque (25 settembre
1169-13 sett. 1170), dopo aver lodato il re in un poemetto e averne
ottenuto alcun dono, dedicò a questo Hammûdita un’opera intitolata «Il
fior che sorride mirando le virtù d’Ibn-el-Kâsim» e n’ebbe splendido
guiderdone e sì grato rimase al Mecenate siciliano, che ripartendo
per l’Egitto gli indirizzò altri versi. Per la liberalità sua, com’e’
sembra, gli avean dato il nome d’Ibn-el-hagiar.[432] Ritornò in Sicilia
nello stesso tempo Ibn-Zafer, nato nell’isola, emigrato in Oriente,
erudito, poeta, filologo ed elegante scrittore; il quale nella sua
povertà, sovvenuto e consolato da quel nobil uomo, gli dedicava tre
opere inedite e la seconda edizione della più popolare di tutte le
sue compilazioni, il _Solwân-el-Motâ’_.[433] Nella cui prefazione,
tramezzate a luoghi comuni, leggiam parole che non sembrano gittate
a caso: l’augurio «che Iddio conduca questo signor de’ signori e
condottiero dei condottieri, a compiere i proponimenti ispiratigli da
Lui stesso.... che lo esalti sempre nei seggi del potere e renda vane
le frodi de’ suoi nemici;» la lode che «l’animo suo bastava ad ogni
fortuna.... che i popoli non avean da temere disastri seguendo uom
di proposito così saldo.»[434] Costui non potea vivere tranquillo in
quelle condizioni de’ compatriotti suoi musulmani. Com’egli parteggiò
contro il cancelliere Stefano, così è da supporlo favorito da Matteo,
e tanto più sospetto a Gualtiero Offamilio, quando questi prese la
bandiera di parte oltramontana. Abu-l-Kâsim, o altri della famiglia
dicerto, si trovò avvolto nelle rivoluzioni contro il principato
cristiano, ritraendosi che i suoi beni fossero stati confiscati.
Abbiamo infatti nel milledugento un diploma della reggenza per lo
quale, compiendo al comune di Genova la promessa falsata da Arrigo
VI, gli erano fatte concessioni larghissime, e tra le altre cose
gli si donava il palagio posseduto un tempo in Trapani dal Gaito
Bulcasimo.[435] E sedici anni appresso, Federigo già emancipato,
concedeva alla chiesa di Palermo certi beni di Ruggiero Hamuto, che
par sia stato, nell’undecimo secolo, lo stipite di quella nobil casa in
Sicilia.[436]



CAPITOLO VI.


Avea Falcando, per disdegno o lontananza, interrotta la grave sua
storia al principio del governo personale di Guglielmo II. Ripigliando
la penna dopo venti anni per deplorare le calamità piombate su la
Sicilia alla morte del re, ei notava tra i maggiori pericoli la
reazione de’ Musulmani. “Se i popoli della Sicilia, dice Falcando,
esaltassero al trono uom di provato valore, e se i Cristiani non
discordassero dai Saraceni, potrebbe il re eletto respingere le armi
straniere e ristorar la cosa pubblica che or sembra perduta.... Ma tra
tanto scompiglio, mancato il timore dell’autorità regia, difficil è
che i Cristiani si trattengano dall’opprimere i Saraceni, e che questi,
diffidando di loro e stanchi altresì di tanti torti, non si levino in
armi, non prendano qua un castello su la marina, là una rôcca tra i
monti. Il che se avvenisse, come potrebbero i Siciliani difendersi con
una mano dalle scorrerie de’ Saraceni e con l’altra combattere dure
battaglie contro i Teutoni?... Oh piaccia al cielo che nobili e plebe,
Cristiani e Saraceni, accordinsi unanimi nella elezione d’un re; e con
tutte le forze, con estremi conati s’adoprino a stornare l’irruzione
de’ Barbari!” Con ciò, l’autore va rampognando i Pugliesi, i Messinesi,
la regina Costanza, tutti fuorchè i due veri colpevoli: Guglielmo e
l’arcivescovo. E tocca i pregi delle primarie città della Sicilia; e
assai più largamente descrive Palermo, ch’egli amava quasi cittadino
e premeagli di salvar quivi le bellezze della natura e l’opera della
civiltà.[437]

Cotesto appassionato discorso politico su i principali eventi che
seguirono in Sicilia e in Puglia dall’autunno dell’ottantanove alla
primavera del novanta, racchiude, a creder mio, un racconto sotto
specie di vaticinii, timori e speranze; perocchè l’epistola fu dettata
in primavera, se non all’entrar della state, e allor l’autore vivea
fuor di Sicilia e forse oltremonti.[438] Or non avvenne mai a profeti
di predire i fatti per filo e per segno; nè egli è verosimile che il
Falcando abbia, per cagion d’esempio, ignorata dopo tre o quattro mesi
la esaltazione di Tancredi, quando in tutta Europa, massime in Ponente,
gli appresti della Crociata rendeano frequenti le comunicazioni co’
porti meridionali, e la gente ansiosamente procacciava le nuove di que’
paesi. Più che un caso di avventurata sagacità, è qui da supporre un
artifizio oratorio. Se il Falcando avesse voluto ammonire l’arcivescovo
di Palermo a secondare ormai i voti dell’universale e salvar la sua
patria adottiva, ei non avrebbe potuto usare forma più discreta, nè
più arguta che quella; nè avrebbe potuto indirizzare meglio il sermone
che ad un famigliare dell’arcivescovo. Or ei l’intitola per l’appunto
a Pietro, tesoriere della Chiesa palermitana; onde si direbbe col
proverbio moderno che la soprascritta andava a costui; la lettera a
Gualtiero Offamilio.

Presagiti o narrati, i fatti pur avvennero così. Il giuramento prestato
a Costanza per comando di re Guglielmo, non valse a far accettare
di queto, dai baroni e da’ grandi, la dominazione tedesca. Seguirono
giorni d’anarchia, ne’ quali molti Cristiani di Palermo, sì com’era
avvenuto nella sedizione del millecensessanta,[439] dettero addosso
ai Musulmani. La città fu allagata di sangue. Gli scampati alla strage
rifuggironsi nelle montagne, dicono i cronisti:[440] e deve intendersi
del centro occidentale dell’isola, poichè dall’orientale aveanli
già cacciati i Lombardi[441] e d’altronde, i ricordi che abbiamo de’
Musulmani nella seconda metà del duodecimo secolo tornan tutti al val
di Mazara. A quelle montagne trassero, al dir di un altro cronista,
con le famiglie loro e con le greggi, i Pagani servi di re Guglielmo,
sperando sottrarsi al giogo di Tancredi e sommavano a centomila tra
uomini e donne:[442] il qual numero, dato così in arcata, mi par troppo
scarso. Erano i villani del demanio e quei, credo anco, de’ poderi
che Guglielmo avea testè donati al Monistero di Morreale appunto in
que’ luoghi. Capitanavano la sollevata popolazione musulmana cinque
suoi regoli, dice Riccardo da San Germano.[443] Dopo aver fatti danni
gravissimi a’ Cristiani, i ribelli si sottomessero, quando la pace
fermata con Riccardo Cuor di Leone in Messina, die’ forza e riputazione
a Tancredi.[444] Durò dunque la rivolta de’ Musulmani dallo scorcio
dell’ottantanove all’ottobre del novanta, o in quel torno. Sforzati
dalle persuasioni piuttosto che dalle armi e pure riluttanti per
rancore e sospetto, i capi ritornavano a lor case in Palermo; i villani
a lor glebe e davano statichi.[445] I guasti di tal guerra civile non
sono ricordati particolarmente nelle frettolose e scarse memorie del
tempo; ma si possono misurare dal caso di alcuni poderi di mano morta
in val di Mazara. Arrigo VI, appena salito sul trono, per diploma
dato di Palermo il trenta dicembre millecentonovantaquattro, in favor
del monastero di Santa Maria De Latina in Messina, tra le altre cose
permetteagli “di riedificare i suoi casali, distrutti nella guerra
che avea divampato alla morte di re Guglielmo.[446]” Il giardino che
Ibn-Giobair vide in quei luoghi pochi anni innanzi, cominciava dunque a
diventare foresta.

La fuga de’ Musulmani dalla capitale, la sollevazione de’ contadini,
i cinque regoli che vuol dir uomini di nobil sangue, non marabutti
fanatici surti nello scompiglio, mostrano la gravità di questo
movimento sociale, che finì di corto con la dispersione delle schiatte
musulmane dell’isola. Prevedeanla i savi loro, come dicemmo; pur non si
aspettavano sì vicino il martirio. Primi a tirar la spada i Cristiani;
accaniti al resistere e forse preparati i Musulmani: e sembra che que’
delle campagne fossero stati spinti a disperazione dalle avanie de’
nuovi lor signori tonsurati, più ingordi e più duri al certo che gli
ufiziali, mezzo musulmani, della corte. Provaronsi a ripigliare le
lance e gli archi de’ lor padri, ed una sembianza dell’aristocratico
reggimento della tribù; vissero di preda; si volsero forse ai lor
fratelli dell’Affrica propria, che non li poteano aiutare: ed a capo
di parecchi mesi, la vita nomade venne a noia a que’ cittadini e
agricoltori. Dileguata ogni speranza; vedendo rassodato re Tancredi e
pronte le armi sue e quelle de’ Crociati che fean sosta a Messina, i
Musulmani s’affidarono piuttosto nella protezione delle leggi normanne,
e ripigliarono il vivere consueto. Li mansuefece altresì, com’io penso,
la riputazione e l’arte del Cancelliere Matteo, ch’era stato sempre
amico de’ Musulmani e ch’or trionfava della fazione oltramontana. La
quale, per vero, non sarebbe calunniata da chi la facesse promotrice
immediata della sedizione; poichè, chiarito il popolo a favor di
Tancredi, giovava a lei sola il partito d’istigare i Cristiani di
Palermo contro i Musulmani; di gittar la fiaccola della guerra civile,
che ritenesse in Sicilia le forze del nuovo principe, mentre i Tedeschi
assalivano la Puglia: appunto il caso al quale allude il Falcando. Così
io mi raffiguro il principio e la fine della ribellione musulmana.

Agli altri eventi accennerò appena, sendo notissimi e rischiarati
ora dalla critica moderna.[447] Tancredi fu eletto per opera del
cancelliere Matteo, pur con assentimento della maggior parte de’
regnicoli e con gran plauso della corte di Roma. Educato un po’
nel regno e un po’ ne’ paesi bizantini, uom colto secondo i tempi,
ma pusillanime o almeno irresoluto, e disgraziatissimo capitano,
fe’ prova pure di saviezza politica, egli o il cancelliere Matteo.
S’acconciò a forza di danari con Riccardo d’Inghilterra, ospite
pericolosissimo;[448] racchetò in Sicilia i Musulmani; si difese in
Terraferma da’ nemici di dentro e di fuori; ma venuto a morte dopo
quattro anni (20 febbraio 1194), lasciò la corona a un bambino; la
reggenza a una donna che non va noverata tra le illustri. Era morto,
con ciò, il cancelliere; all’incontro, Arrigo VI, divenuto imperatore,
strigatosi da’ suoi avversarii in Germania, impinguatosi col riscatto
di Riccardo Cuor di Leone, armava mercenarii; conducea vassalli
tedeschi e italiani; si facea prestare con bugiarde promesse le armate
di Genova e di Pisa; assicuravasi il passo nell’Italia centrale, dando
in preda al popol di Roma il sangue, l’avere e perfin le mura de’
Tusculani, affidatisi in un presidio imperiale. La corte romana che
avea favorito Tancredi, or s’avvilì dinanzi ad Arrigo. Il quale in tre
mesi occupò il regno con lieve resistenza, e non fu men crudele per
questo.

Tra’ pochi fatti d’arme di quella guerra, seguì in Catania uno scontro
di maggior momento che non sembri a prima vista nelle memorie del
tempo. I Catanesi avean gridato il nome di Arrigo; onde la vedova
di Tancredi avea mandate a domar quella città le sue genti, tra le
quali si notavano delle schiere di Musulmani. Tanto narrano gli Annali
genovesi e aggiungono che il navilio della repubblica andò da Messina
in aiuto degli assediati e ruppe i Musulmani con molta strage.[449]
Un annalista tedesco, senza far menzione di Musulmani nè di Genovesi,
attribuisce la vittoria ad Arrigo di Kallindin; dice raccolti in
Catania tutti i baroni con esercito innumerevole; fattane grande
strage; entrati i vincitori insieme coi fuggiaschi in Catania; arsa la
città; arsa la chiesa di Sant’Agata, col popolo che avevavi cercato
asilo; preso anco il vescovo e tutti recati prigioni ad Arrigo.[450]
Donde si vede che ciascuno de’ due scrittori trascelse i fatti che
gli andavano più a genio: ma le due mezze narrazioni s’attagliano bene
una all’altra, e messe insieme, bastano a mostrare che le ultime forze
della dinastia normanna in Sicilia, piuttosto disordinate che poche, si
provarono contro il nemico fuor di tempo e di luogo; talchè la guerra
fu precocemente decisa allo scorcio d’ottobre del novantaquattro, sì
com’io credo. Tanto più sicuro allor mosse l’imperatore sopra Palermo.

Da’ versi di Pietro d’Eboli, brutto adulatore ma scrittor vivace,[451]
dalla ingenua parola di Ottone di San Biagio, si ritrae lo stupore onde
furon presi i capi dell’esercito imperiale allo scoprir quel mondo
nuovo, ch’era per essi la Sicilia del duodecimo secolo: la Sicilia
feracissima di preziosi metalli;[452] Palermo, città felice, dotata
di popolo trilingue, paradiso irrigato di miele.[453] Appressandosi
ostilmente alla capitale, avea già Arrigo ammirata la magnificenza
del suocero nella regia villa della Favara.[454] Il parco regio
che stendeasi fino alle mura della città, avea fornita cacciagione
all’esercito. Crebbe la maraviglia quando, fermato l’accordo, entrando
Arrigo solennemente in Palermo, (30 novembre 1194) uscirongli incontro
i cittadini a ceto a ceto, preceduti da bande di musica, vestiti a
festa e i ricchi montati su bei destrieri.[455] In città, l’esercito
trionfante trovò i palagi adorni di tappeti e ghirlande, le contrade
olezzanti di profumi orientali. Parve strano a’ fieri Germani che il
popolo, i soli Musulmani credo io, facessero omaggio all’imperatore
prostrandosi con la fronte al suolo.[456] Venuto alfine Arrigo alla
reggia, gli eunuchi presentavangli le chiavi dei tesori; e quale apriva
i forzieri pieni di moneta, gemme e robe preziose; qual mostrava i
libri delle entrate regie in Calabria, Puglia e Sicilia, e perfino in
Affrica.[457] Delle preziose spoglie, parte fu dispensata a’ nobili ed
a’ capitani e parte mandata al malauguroso castello di Trifels, insieme
co’ prigioni da mutilare o serrar nelle mude.[458] Sembrano avanzi di
quella gran rapina i più bei drappi delle insegne imperiali, serbate in
oggi a Vienna, dico il mantello di Ruggiero, la tunica e le gambiere
di Guglielmo II, ricamati tutti d’oro e di perle, a caratteri arabici
di varie forme, con figure e rabeschi; i guanti, i sandali rabescati
con la stessa maniera di disegni, e parecchi tessuti di seta o d’oro,
anch’essi di fattura siciliana del duodecimo secolo.[459]

Le memorie di questo soggiorno di Arrigo VI in Palermo, dànno a
veder la civiltà orientale, non solamente nelle suppellettili e
nelle usanze, ma perfino ne’ nomi di luogo. Leggiamo negli Annali di
Genova che i deputati di quel Comune, compiuta felicemente, come lor
parea, l’impresa, andarono a trovar l’imperatore in una palazzina del
giardino regio detto _Giloloardo_, chiedendo il guiderdone pattuito;
e ch’ei prima differì la risposta e alfine ricusò con ingiurie, e
con la minaccia di spiantare Genova e di ritorle anco i privilegii
commerciali goduti in Sicilia sotto i Normanni.[460] Dall’altra mano,
un documento contemporaneo dice del campo che messe lo esercito della
reggenza (luglio 1200), nel giardino regio di _Januardo_:[461] ed una
cronica siciliana del decimoquarto secolo riferisce la tradizione, vera
o falsa, che Arrigo avesse fatto arder gente nel piano di _Genoardo_,
fuor le mura del palagio di Palermo, presso il giardin della Cuba
dalla parte di Ainisindi.[462] I quali nomi riferendosi evidentemente
ad unico luogo, è da ritenere erronea una sola lettera della prima
lezione, e le altre due tornano ad una denominazione piuttosto
pronunziata in fretta che veramente alterata. Sarebbe a creder mio
«_Gennolard_» apocope di _Gennet-ol-Ardh_, che suona «il paradiso della
Terra» e si legge, col solo divario d’un sinonimo, nell’ultimo verso
della iscrizione arabica ond’è adorna la sala terrena della Zisa.[463]
I Musulmani e i Giudei dell’isola si sottomessero ad Arrigo e rimasero
ne’ luoghi e nelle condizioni di prima;[464] nè si fa menzione di essi
nelle atroci vendette dell’imperatore. Andato in Germania e ritornato
quindi in Sicilia (1196), Arrigo rassettò l’amministrazione, mandò
l’armata nelle isole adiacenti, per ridurle all’obbedienza e riscuotere
i tributi. Fors’anco ne levò nelle isole della costiera africana;[465]
al qual fatto par che alluda un verso di Pietro d’Eboli.[466]

Debbo far qui una digressione, perchè autorevoli critici tedeschi,
invaghiti d’Arrigo VI per la potenza ch’egli accrebbe all’impero e per
la monarchia universale ch’ei sognò, hanno impreso in questi ultimi
anni a scolparlo delle gravi accuse accumulate dalla storia sopra il
suo nome. E bene hanno essi cancellato qualche episodio che scrittori
moderni cavaron già da guaste tradizioni orali e li esagerarono per le
passioni dell’animo loro; bene han fatto a rassegnare le testimonianze
contemporanee e pesarne sottilmente il valore;[467] ma poi, quando la
critica dee levarsi a indovinare il passato e ricomporre il quadro
degli avvenimenti con tanti brani sparsi, sovente inorpellati da’
contemporanei stessi, allora, io dico, gli odierni partigiani di casa
sveva son caduti in falli molto simili a que’ ch’e’ rinfacciano a’
compilatori del decimosesto secolo e de’ seguenti. Un eruditissimo
scrittore vivente, non ostile all’Italia, ma disposto a far plauso,
ad ogni costo, al Cesare che la flagellò allo scorcio del duodecimo
secolo, volendo provare che Arrigo non fu poi quel perfido tiranno che
ognuno ha detto, pon mano alle recriminazioni, allega che i suoi nemici
erano cento volte più tristi di lui; che gli abitatori della Sicilia,
figli di astuti Normanni, di perfidi Greci e di feroci Musulmani,
erano genìa sanguinaria e traditora; che se l’imperatore non li avesse
trattati com’ei fece, i Tedeschi tutti che soggiornavano in Sicilia
il millecentonovantasette, avrebbero incontrata la sorte che toccò,
ottantacinque anni appresso, ai Francesi.[468]

Non essendo disposto, com’io credo, chi ha scritte queste parole a
condannare i Tedeschi, che cospirarono contro i Francesi ne’ principii
del secolo XIX, gli si potrebbe domandare qual assioma di giustizia
obbligava i Siciliani, nel XII e nel XIII secolo, a lasciarsi
calpestare da’ conquistatori stranieri, e se, in tesi generale, i
popoli datisi con certe condizioni, sieno tenuti in coscenza ad ubbidir
il vincitore, anche nel caso ch’egli infranga i patti o trapassi
ogni limite. Noterò inoltre che i popoli men civili non sono sempre
i più virtuosi; che non vanno presi per oro schietto nè i regni
Saturnii della favola, nè i costumi de’ Germani secondo Tacito; che
il reame di Sicilia, da’ tempi di Ruggiero a que’ di Guglielmo II, fu
invidiato da tutta Europa, per la sicurezza pubblica e l’osservanza
delle leggi; che quivi, pochi anni appresso la morte di Guglielmo, la
rapina, la violenza e la crudeltà furon chiamati costumi tedeschi;
e che quando si volesse compilare, sulle cronache e i diplomi, la
statistica penale dell’Europa nel Medio Evo, non si vedrebbe tra la
Germania e l’Italia quel gran divario ch’ei suppone. Il vero è che
la morale pubblica, per ogni parte di Europa, allor fu quale poteva
essere avanti la ristorazione del dritto romano, avanti la riforma di
Lutero, la caduta della feudalità, la filosofia del decimottavo secolo
e la rivoluzione francese. Sforzandomi a trattare questo argomento
senza preoccupazioni patriottiche, esporrò il concetto ch’io traggo
dalle diverse testimonianze contemporanee; dalla natura degli uomini
in tutti i tempi e in tutti i luoghi; dalle peculiari condizioni
di quelli che si disputarono il terreno e le ricchezze dell’Italia
meridionale allo scorcio del duodecimo secolo, e dalla indole stessa
d’Arrigo, la quale nessuno disconosce: indole ambiziosa, violenta,
astuta, avara, necessaria, mi si dirà forse, ad abbattere la potenza
de’ papi, ad unificare la Germania e ad assoggettarle il mondo; ma
capace d’infrangere i più ovvii principii della giustizia; di tradire,
per cagion d’esempio, i Tusculani e di fare una truffa da mariuolo ai
Genovesi ed ai Pisani.

I principali capi d’accusa da esaminare son due: l’ingiustizia delle
persecuzioni e la immanità delle pene; e nel primo è da distinguere
due serie di fatti; nel secondo è da risguardare a’ costumi del tempo.
Incominciando da ciò che avvenne in Palermo negli ultimi giorni del
novantaquattro e primi del novantacinque, i ricordi tedeschi, che
son molti e uniformi da due all’infuori,[469] o fan parola appena
della cattura e deportazione de’ grandi, senza aggiugnerne la causa,
o notano brevemente una congiura contro Arrigo, rivelata pochi dì
appresso il suo coronamento; alla quale si accenna, pressochè con le
loro stesse parole, in una lettera scritta da Arrigo all’arcivescovo
di Rouen, pochi giorni dopo il fatto.[470] Venendo alle testimonianze
particolareggiate, noi lasceremo addietro, come ogni giudice farebbe,
quella di Pietro d’Eboli, la quale val quanto le parole del suo monaco
rivelator della congiura, e prova soltanto la notizia officiale data in
corte a quei giorni.[471] Ci occorre quindi in una cronica italiana che
«Arrigo, ricapitate certe lettere fittizie e bugiarde contro la regina
Sibilla, il figliuolo Guglielmo ed altri personaggi, ai quali egli e i
grandi della corte avean data sicurtà, tutti li prese, e avviolli in
Germania ed alcuni anco accecò.[472] Un altro italiano aggiugne che
Arrigo ingannò, con falso giuramento, il re fanciullo e i conti del
reame, e che, messili in ceppi e preso tutto l’oro e l’argento che
potea, mandò ogni cosa in Germania.[473] Similmente è scritto nelle
Gesta d’Innocenzo III che l’imperatore, dopo avere stipulato a favor
della vedova e del fanciullo la concessione degli Stati di Lecce e
Taranto, “còlta una occasione,” imprigionò l’una e l’altro e parecchi
ottimati, de’ quali molti accecò; e tenne in carcere duro la Regina, i
figli e l’arcivescovo di Salerno.[474] Ma cotesti scrittori son guelfi.

I fautori della parte contraria, tanto più autorevoli, confermano
il medesimo sospetto; se non che essi non fanno distinzione tra
la prima persecuzione e la seconda. Così Riccardo da San Germano,
ufiziale di casa sveva, una ventina d’anni appresso, scrivea che
convocato il parlamento in Palermo, Arrigo fece condannare il re, la
regina e parecchi vescovi e conti «apponendo loro alto tradimento;»
de’ quali, altri accecò, altri bruciò, altri impiccò, altri mandò in
Germania.[475] Nè men grave l’attestato di Ottone di San Biagio, monaco
tedesco, quel desso che loda tanto Arrigo «per l’arte e il valore con
che avea ristorata l’antica potenza dell’impero.» Ottone ristrinse il
conquisto del regno in due capitoli; nel primo dei quali egli accennò
ai casi di Terraferma e della Sicilia orientale; e nel secondo narrò
con molti particolari la occupazione di Palermo e terminolla dicendo
della famiglia di Tancredi, menata in prigionìa di là dai monti. Ma
nel primo di que’ capitoli si legge, che gli ottimati siciliani presi
da Arrigo di Kallindin, nel combattimento di Catania (1194) e condotti
all’imperatore, «per disperazione si proposero di ucciderlo; che a
fin di conseguire lo scopo, gli prestarono ubbidienza;[476] ch’ei,
volendoli vincere d’astuzia, li ammesse a corte; e che poi, chiamati
alla sua presenza, quando men se l’aspettavano, andarono senza sospetto
e furon còlti tutti a una rete. Brutta cosa gli è a vendicare la
perfidia, con la perfidia.» sciama qui lo scrittore, e seguita narrando
«la studiata crudeltà dei supplizii.»[477] Dond’egli è chiaro che
Ottone volle seguir la connessione de fatti più tosto che l’ordine
rigoroso de’ tempi, o il fece senza volere: poichè gli uomini d’arme, e
i cortigiani d’Arrigo, i quali dopo la sua morte, cacciati da Costanza,
ritornavano dispettosamente in Germania, doveano raccontar tutti, in un
fascio, i casi avvenuti in Sicilia dal novantaquattro al novantasette
e doveansi allargare sui più recenti, come quelli ne’ quali il signor
loro era stato provocato alla vendetta e i loro nemici erano stati
calpestati e straziati.[478] In ogni modo e’ non è da maravigliare che
i cronisti abbian gittato il peso delle congiure e delle vendette tutto
in un posto, chi sul principio del regno d’Arrigo e chi su la fine;
poichè niun contemporaneo potea vantarsi di veder chiaro ne’ labirinti
della reggia di Palermo o nelle mude del castello di Trifels.

Noi diciamo dunque che i critici odierni a ragione distinguono
le due proscrizioni; e lor concediamo volentieri che Arrigo abbia
sparso men sangue nella prima, e che, in quel tempo, i grandi laici
ed ecclesiastici della Sicilia, sottomettendosi alla forza, abbiano
serbata la speranza, o il proponimento di liberarsi, e fors’anco
n’abbiano parlato tra loro. Ma una grande cospirazione, contro
l’esercito vincitore, non si può supporre incominciata e compiuta in
quattro settimane. Arrigo riseppe i pensieri, acconciò i rapporti
delle spie in disegno di congiura bella e fatta, e avvolsevi tutti
i grandi che gli davan ombra o gli faceano impaccio, incominciando
dalla sventurata famiglia di Tancredi, la quale ei volea frodare del
compenso pattuito. Adunò il parlamento, cioè gli ottimati partigiani
suoi; poichè gli avversari eran lì ammanettati, condotti a funate, come
li veggiamo nelle figure del codice di Pietro d’Eboli. Il parlamento
condannolli per lesa maestà; chi potea dir contro? E Arrigo perdonò
loro la vita, poich’era più sicuro partito farli maturare ne’ ferri di
Trifels, che immolarli pubblicamente sì presto. Tale mi sembra il vero
aspetto della persecuzione, con la quale Arrigo inaugurò in Sicilia il
suo regno e l’anno millecentonovantacinque.

Ma, come avviene ne’ profondi movimenti de’ popoli, tolta di mezzo
con le prigioni e co’ patiboli una prima fila, due o tre nuove si
rannodavano: partigiani malcontenti, uomini dabbene spaventati che
ripiglian animo, sangui tiepidi che si riscaldano per interessi offesi,
per novelle speranze, per l’orgoglio nazionale calpestato, per la
pietà stessa dei proscritti. I feudi conceduti a’ Tedeschi erano di
certo tanti stecchi negli occhi a tutti i regnicoli. Quando Arrigo
poi, racchetati i suoi nemici di Germania, con la riputazione e coi
guadagni delle vittorie meridionali, chiamò la nazione a nuove imprese
in Costantinopoli e in Palestina, e ritornò in riva al Mediterraneo con
l’esercito, ei s’accorse che il suolo gli tremava sotto i piè. Già in
Puglia la gente, conversando coi Crociati alemanni, dicea loro a viso
aperto ritornassero a casa, per l’amor del cielo, e non servissero, per
troppa bonarietà, di sgherri a un tiranno.[479] Costanza stessa, donna
d’alto animo e innocente causa di tanta ruina, mal soffrì lo strazio
de’ compatriotti, la ingorda rapina dei tesori aviti, l’avvilimento del
paese e il suo proprio. Arrigo, assai più giovane di lei, l’avea quasi
abbandonata; l’avea lasciata in Palermo a comandar di nome, mentre i
grandi ufiziali dell’impero comandavan di fatto. Fors’ella rimostrò
contro alcun provvedimento, o biasimò la condotta dell’imperatore e
de’ ministri; nè ci volle altro perchè i Sejani d’Arrigo allor la
dicessero partecipe delle trame e poi ne spacciassero tante altre
favole suggerite dall’odio grandissimo che le portavano.[480] In
tale condizione di cose fu scoperta una congiura; il che si ritrae
con certezza storica, ma ignoriamo i particolari, e quel po’ che ne
sappiamo fa supporre tentata più tosto la ribellione che il regicidio.

Nè la natura poi di quella trama, nè la ferocia stessa de’ tempi,
basta a scolpare Arrigo de’ supplizii che allora parvero sì atroci in
Germania, in Francia e in Inghilterra, sì come in Italia. I critici
tedeschi de’ nostri giorni cancellano que’ supplizii con un filosofico
frego di penna, per la sola ragione che lor sembrano troppo insoliti e
crudeli; ma n’abbiam noi tante e tali testimonianze che non s’arriverà
mai a smentirle. In Italia la voce pubblica ripetea, come si ritrae
dalle epistole d’Innocenzo III, de’ casi d’uomini e donne, laici e
sacerdoti, mutilati, annegati, arsi, o bolliti nello strutto;[481] e
tre annalisti tedeschi ed un bizantino s’accordano per lo appunto nel
dir che Arrigo fece inchiodare una corona in capo a Giordano, uomo di
schiatta normanna, com’e’ parmi dal nome, designato da’ congiurati al
trono e alla man di Costanza.[482] Io non veggo perchè la invenzione
di sì barbari supplizii s’abbia da riferire ai cronisti italiani,
francesi, inglesi, bizantini e tedeschi più tosto che ai carnefici
d’Arrigo!

Da coteste orribilità all’infuori, è molto oscuro l’ultimo periodo
della vita dell’imperatore in Sicilia. Venuto a minacciare la moglie e
punire i congiurati, trovò tra costoro chi volle vender cara la vita. I
fratelli d’Aquino s’eran difesi in Roccasecca di Puglia; un Guglielmo
Monaco, feudatario o castellano di Castrogiovanni, si ribellò, e
afforzossi in quel sito inespugnabile. Andò l’imperatore in persona
all’assedio,[483] il quale par si prolungasse: ed egli intanto, per
fazione di guerra, o caso di caccia o di viaggio, fu còlto di freddo
su quelle alture, una notte d’agosto, e ritornò in Messina infermo di
dissenteria. Parve poi migliorasse, tanto che fece partire i Crociati
tedeschi adoprati nel pericolo della ribellione, ed ei medesimo si
messe in via alla volta di Palermo; ma una ricrudescenza della malattia
lo tolse di vita, il ventotto settembre del novantasette.[484] Fu
sepolto in Palermo, nell’arca sontuosa dove giacciono ancora le sue
ossa, dalla quale si legge ch’egli avea fatto gittar fuori i cadaveri
di Tancredi e del suo figliuolo.[485]



CAPITOLO VII.


Padrona ormai del suo regno, Costanza messe da canto il testamento
del marito che chiamava alla reggenza il gran siniscalco imperiale
Marcualdo de Anweiler; accomiatò i condottieri tedeschi; fe’ venire
in Palermo Federigo, bambino di quattro anni; domandò per lui
l’investitura papale; e, senza aspettar quella, fecelo incoronare re di
Sicilia (17 maggio 1198).[486] Dell’affrettarsi ella avea ben donde.
Sendo morto Celestino poco appresso l’imperatore, e rifatto pontefice
Innocenzo III (8 gennaio 1198), apparve fin dai primi istanti quel
genio dominatore, del quale noi riconosciamo la possanza, ma dobbiamo
condannare talvolta gli intenti e le vie; mentre gli scrittori papalini
ed anco alcuni acattolici levanlo al cielo, invaghiti del dispotismo
religioso e politico ch’egli esercitò a tutta possa. Innocenzo gridò:
fuori i Tedeschi; ma volle stender la mano su i territorii occupati
da loro nell’Italia di mezzo; ei fece plauso alla regina di Sicilia
iniziatrice di quella riscossa nazionale, ma volle dar corpo all’ombra
dell’alta sovranità pontificia su la Puglia e cancellare le regalìe
ecclesiastiche in Sicilia.[487] Morì Costanza (27 novembre 1498) mentre
si schermiva come potea contro quel molesto amico; e per manco male,
chiamò lui stesso tutore di Federigo e del reame, affidando, con tutto
ciò, il governo a quattro ministri: che fu buona cautela e salvò la
corona, ma sprofondò il paese per dieci anni nella guerra civile.

Dei ministri reggenti, l’arcivescovo di Capua venne presto a
morte;[488] il gran cancelliere Gualtiero de Palearia, vescovo di
Troja, diffidava forte del papa; al contrario, Caro arcivescovo di
Morreale parteggiava per lui; e Bartolomeo Offamilio arcivescovo di
Palermo, fratello di quel Gualtiero che fu sì malaugurato consigliere
di Guglielmo II, pendeva a parte tedesca. La quale rinacque per timor
dell’ambizione romana, che i regnicoli non poteano dimenticare e non
sapeano rintuzzare da sè soli. I condottieri d’Arrigo creati feudatarii
nel reame, i quali s’erano rannicchiati alla morte del signor loro,
levarono il capo alla morte di Costanza, perchè nel regno parvero assai
comodi ausiliari: buone spade contro i partigiani del papa e pur sì
poche da non portare pericolo al paese. Crebbe la parte tedesca quando
Innocenzo, nel furor della lotta, adoprò stranieri contro stranieri;
favorì il conte di Brienne, il quale, sposata una figliuola dell’ultimo
re normanno, venìa di Francia, pretendente armato, facendo le viste
di rivendicare i soli feudi di Taranto e Lecce.[489] Ma chi mai si
sarebbe fidato di trattenerlo nel corso delle vittorie, se una morte
immatura non l’avesse tolto di mezzo? E chi sapea se Innocenzo, viste
le noie ch’eran venute per sessant’anni alla corte di Roma da quel re
di Sicilia mezzo vassallo e mezzo indipendente, non volesse or porre
uno o parecchi grandi feudatarii in Terraferma ed un regolo nell’isola?
Certo egli è che questo o simile disegno trasparisce nella condotta
del papa, da’ principii del milledugento, quand’egli accolse Brienne in
Roma, infino alla metà del dugento otto, quand’ei tenne un parlamento a
San Germano, esercitando atti da signore diretto piuttosto che sovrano
feudale.

Le quali cose io ho voluto avvertire, quantunque non siano
immediatamente connesse col mio subietto, affinchè si rifletta meglio
su la storia di questo periodo. Il prestigio d’un gran nome, la materia
degli avvenimenti fornita la più parte dalle epistole d’Innocenzo
o dall’anonimo biografo suo, la moda religiosa del nostro secolo,
han fatta pendere troppo la bilancia a favor del papa. Secondo me,
un’esamina imparziale fa comparire men reo il cancelliere, meno candido
il papa e niente sciocca la cittadinanza di Palermo e di Messina,
la quale seguì i consigli del cancelliere e fu vero sostegno del
trono, pria con Innocenzo contro Marcualdo e poi con questo ed altri
condottieri contro Innocenzo. Con gli altri errori va cancellata la
generosità cavalleresca, che suolsi in oggi attribuire ad Innocenzo per
avere educato Federigo alle scienze e alle lettere, contro l’interesse
della corte di Roma. Se vero fosse il fatto e dimostrato l’interesse,
Innocenzo meriterebbe soltanto la lode che, potendo, ei non avesse
tradito il suo pupillo. Ma certo è che nè il figlio di Arrigo VI, nè la
reggia di Palermo dov’egli fu educato, nè il governo della Sicilia, non
caddero mai nelle mani di Innocenzo, nè de’ suoi partigiani. Se il papa
scrisse lettere paternali, se talvolta mandò in Palermo uomini di garbo
a visitare il fanciullo e tentare il passo, ei trovò sempre chi gli
rispose con parole, inchini e niente altro: e n’abbiamo la confessione
nelle epistole sue stesse.[490]

In questo interregno, come va chiamato per essere stata tanto disputata
l’autorità pubblica, tre uomini vi stendean la mano, cioè il papa,
Marcualdo e il cancelliere, il quale sbarazzossi presto de’ ministri
compagni. I pretendenti, scarsi di forze tutti e tre, prevalsero a
volta a volta in grazia de’ corpi secondarii dello Stato, i quali
secondo le proprie passioni e gli interessi veri o supposti, si
aggregavano or con l’uno or con l’altro. Voglio dire le città, i feudi,
le Chiese vescovili, i ricchi monasteri e perfino i capitoli di alcune
Chiese nell’assenza del vescovo e in Sicilia anco i Musulmani; i quali
seguendo interessi più chiari e durevoli che que’ d’ogni altro corpo,
operarono con senno, fortezza e concordia.

Al principio dell’interregno era consumato un gran fatto, del quale
non abbiamo ricordi espressi, nè sappiamo per l’appunto come nè quando
fosse avvenuto: i Musulmani erano scomparsi di Palermo e teneano
le montagne del val di Mazara. Perchè nel luglio del milledugento
li veggiamo assediar la capitale con Marcualdo, senza che si faccia
parola di correligionarii loro che rimanessero dentro le mura. La prova
negativa risalisce anco a’ primi tempi dopo la morte di Costanza; nel
quale scompiglio se i Cristiani di Palermo non rinnovarono le stragi
del sessantuno e dell’ottantanove, convien che loro ne fosse mancata
la materia. Dopo il dugento, i diplomi e le cronache danno notizie de’
soli Musulmani di provincia, e se qualche nome avanza nella capitale,
rassomiglia a que’ rottami che attestano il naufragio: qua un ricordo
che l’imperatrice Costanza avea donato al cancelliere il giardino d’uno
Scedîd entro le mura di Palermo;[491] lì un diploma del cancelliere
che, in nome del re bambino, rimeritava i servigi d’Elia canonico del
Duomo, concedendogli la metà d’una vigna del trapassato notaio saraceno
Buccahar.[492]

Agevol cosa è a comprendere come sia seguito cotesto gran mutamento
sociale entro i dieci anni che corsero sotto Tancredi, Arrigo e
Costanza. La condizione legale de’ Musulmani rimanea forse la stessa;
ma la riputazione a corte, la sicurezza delle persone, de’ beni, delle
industrie, era ita per sempre. Possiamo tener certo che i fuggitivi
dell’ottantanove non ritornaron tutti in Palermo l’anno appresso, e
che de’ ritornati, molti non rimasero a lungo; quand’era sì facile ai
mercatanti e agli artigiani delle città di emigrare in Affrica alla
sfilata. I Musulmani poi delle terre e delle ville, doveano andarsene
molto volentieri alla montagna, quando i lor poderi passavano dal
demanio a feudatari laici o ecclesiastici, e però i vassalli avean che
fare con padroni uggiosi ed avari, anzichè coi lontani e condiscendenti
eunuchi della corte. Nè le concessioni a preti e soldati scarseggiavano
tra que’ tempestosi mutamenti di dominio. Ci avanza, per attestare il
fatto, qualche titolo di proprietà ecclesiastica che risguarda villaggi
musulmani ed appartiene appunto a questo periodo.[493]

Innocenzo aggravò il male per imprudenza, come spesso avveniagli.
Mettendo sossopra l’Europa per adunar uomini e sopratutto danari che
servissero, come diceasi, al racquisto di Terrasanta, ei mandò in
Sicilia a bandire la Crociata (luglio 1198) due commissarii; i quali
non cavarono un quattrino dai ricchi prelati dell’isola. Indi il papa
a capo di sei mesi, quand’era già morta la imperatrice, rincalzava
con un rescritto (5 gennaio 1199) che si pigliassero tutte le entrate
ecclesiastiche, toltone appena le spese del vitto e del culto: onde
si vede qual terribile aggravio cadea su i preti e i frati, i quali
ben s’intende che lo scaricavano su i loro vassalli, la più parte
musulmani.[494] Come se ciò non bastasse, Innocenzo scrivea lo stesso
giorno al vescovo di Siracusa, primo commissario della Crociata: già
in Sicilia i Pagani convertiti ricader nello errore; gli eretici
risentirsi: scomunichi, dunque, gli apostati ed ogni lor fautore;
bandisca la maledizione per tutta la provincia, ogni giorno festivo,
a lumi accesi e suon di campane; faccia confiscare dal principe i beni
degli scomunicati; badi che gli altri Saraceni battezzati non seguano
lo esempio; li esorti a ciò; anzi li costringa e li faccia costringere
dall’autorità pubblica.[495] La data di questo scritto prova che
alla morte di Costanza i Musulmani, sentendo venire i tempi grossi,
gittarono la maschera e si messero in parata; poichè supponendo somma
celerità negli spacci di Sicilia e nella risposta di Roma, si dee
ritenere corso un mese da’ primi segni del movimento alla data della
lettera pontificia. Il movimento senza dubbio fu che i Musulmani, i
quali s’erano già infinti cristiani nelle città, per amore del queto
vivere e nelle campagne per trovare grazia presso i nuovi signori,
s’accorgeano che oramai l’ipocrisia non valesse a salvar la pelle nè
la borsa; ovvero vedeano giunta l’occasione di spezzare il giogo, onde
correano alla montagna, alle forti castella tenute da’ correligionarii
loro. Parecchi diplomi degli anni seguenti certificano la fuga de’
villani che pare incominciata, innanzi il milledugento.[496] Possiamo
dunque immaginarci il rimescolamento di popolazione e di proprietà
che avvenne in Val di Mazara. Qua gli abitatori Musulmani delle
castella e ville cacciavano i fattori de’ signori cristiani laici ed
ecclesiastici: là i contadini musulmani lasciavano la gleba per andare
a coltivare i territorii rivendicati, pascolare le greggi in que’ monti
o guadagnar la vita depredando e saccheggiando.

I due brevi del papa potean destare un terribile incendio. E’ si vede
che Innocenzo volle mandare ad effetto, dopo la morte di Costanza, la
solita sua minaccia di bandire la croce contro i Musulmani di Sicilia:
chè altro non significa quel raccogliere tutto il danaro delle chiese,
quel ripetere sì spesso i riti della scomunica per tutta l’isola; quel
chiamare il braccio secolare contro i neofiti che tentennassero. Era il
segnale d’una persecuzione, anzi d’una proscrizione non meno sanguinosa
di quella che lo stesso uomo eccitò a capo di pochi anni contro gli
Albigesi. Ma in Sicilia le istigazioni papali valser poco appo i
Cristiani; e i Musulmani se ne risero in loro forti recessi. Nè andò
guari che il papa fu costretto a piaggiar que’ nemici della fede, con
lettere infiorate di filosofia e di tolleranza.

Com’egli è dimostrato dai fatti susseguenti, i Musulmani si strinsero
tra loro, si chiusero nelle fortezze e, su le prime, stettero a vedere.
In qual si potean fidare dei tre aspiranti alla reggenza? Nell’imâm dei
Nazareni no al certo; e poco meno nei ministri, tutti vescovi, e, per
giunta incapaci di raffrenare, se pur l’avessero voluto, il clero e i
baroni, e niente disposti ad usare verso i Musulmani quella moderazione
che Innocenzo cominciò a raccomandare quando non era più tempo. Si
volsero dunque i Musulmani a Marcualdo che lor dovea parere il vero
reggente, vindice delle leggi, nemico di quel clero che aveva usurpato
il patrimonio de’ lor maggiori, e chiamato dal buono imperatore Arrigo
alla tutela di Federigo legittimo principe loro. Com’e’ s’ordinassero,
non sappiamo: se ubbidirono a quel capo che fu poi morto nella
battaglia di Morreale, ovvero se fecero una lega di sceikh delle
castella e villaggi, come sembra dalla epistola che Innocenzo loro
indirizzò poco appresso. Il territorio occupato prendea gran parte
delle odierne province di Palermo, Trapani e Girgenti.

Marcualdo, cacciato dalla Marca d’Ancona, incalzato tuttavia in
Puglia dalle armi e dalle pratiche del papa, ribenedetto e nuovamente
scomunicato con tanto maggior furore, prese l’audace partito di passare
in Sicilia per impadronirsi della capitale e del re. Aiutato di navi e
genti dai Pisani, ei s’imbarcò in Salerno; pose a terra a Trapani,[497]
in su lo scorcio d’ottobre del centonovantanove. Sperava di certo ne’
Musulmani e nella perturbazione del paese; ma in quelle prime scene
della tragedia, i comuni e la più parte dei feudatarii, non che i
reggenti, abborrirono dal satellite d’Arrigo VI. Come prima si seppe
ch’egli era arrivato, i ministri reggenti chiesero aiuti al papa.

E Innocenzo immantinenti (20 novembre 1199) a suscitare i conti,
baroni, cittadini e gli abitatori tutti della Sicilia contro questo
nemico di Dio, della Chiesa e del re; questo ribaldo che adesca i
Saraceni, dando lor a bere sangue cristiano e abbandonando a lor voglie
le rapite donne cristiane: donde il sommo pastore concede indulgenze di
crociata a chiunque prenda le armi contro Marcualdo; sendo certo che,
s’egli coi Saraceni arrivi a insignorirsi della Sicilia, sarà chiusa la
via di Terrasanta.[498] Pochi giorni appresso il papa accarezza quegli
stessi infedeli contro i quali ha bandita la croce: ei scrive “a tutti
i Saraceni di Sicilia, con augurio di serbarsi fedeli alla Chiesa ed
al re.” Loda la inconcussa lealtà di lor gente; dice, romaneggiando,
esser nota a chiunque “la mansuetudine della Sede apostolica, usa a
resistere a’ superbi e favorire gli umili e i soggetti;” s’allarga su
la tirannide e perfidia di Marcualdo; avverte i Saraceni che un giorno
costui li tradirà a fine di riscattarsi col sangue loro, quando tutta
la Cristianità armata piomberà in Sicilia, pria d’andare al riscatto
del Santo Sepolcro. Li esorta dunque il papa a star saldi sotto il
principato, loro antico sostegno; mentre il Legato e i capitani della
Chiesa portano contro Marcualdo le armi temporali, con espresso comando
di astenersi da tutta offesa contro i Saraceni e di proteggerli,
all’incontro, e contentarli di nuove franchige.[499] Ognun vede da
coteste parole che il papa sperava ancora di spiccare da Marcualdo
i Musulmani, non chiaritisi punto ribelli. E chi ha in pratica
l’eloquenza ecclesiastica di tutti i tempi, capirà bene che que’
Saraceni propiziati, com’avea testè scritto il papa ai Siciliani, con
vittime cristiane d’ambo i sessi, non erano il grosso della nazione,
ma qualche mano di servi della gleba fuggitivi, corsi all’odor della
preda e mandati da Marcualdo a dare il guasto ai paesi che non voleano
riconoscere l’autorità sua.

Se non che a poco a poco la più parte degli abitatori del val di
Mazara, Musulmani e Cristiani, seguirono Marcualdo; ond’egli, nella
state del milledugento, avea accozzate tante forze da muover sopra la
capitale. I reggenti, munitala come potean meglio, recarono Federigo
per maggiore sicurezza, in Messina. Il papa mandò loro un po di danari,
un Jacopo suo congiunto, maresciallo della Chiesa, alla testa di
dugento cavalli, un cardinale legato e i due arcivescovi di Taranto
e di Napoli, l’ultimo de’ quali conducea genti e navi. Accozzatevi in
Messina le milizie siciliane, l’esercito mosse alla volta di Palermo,
parte per terra e parte su le navi.

Con buono augurio giunsero gli uni e gli altri alla stessa ora, il
diciassette luglio, quando la città, assediata per venti giorni,
cominciava a patire penuria. Alloggiò l’esercito negli orti regii detti
Genuardo:[500] ed apprestavasi a combattere la dimane; quando Marcualdo
mandò un Ranieri di Manente, pisano, a trattare accordo o piuttosto a
spiare e menare per le lunghe, tanto che gli assedianti raccogliessero
nuove forze e che gli assediati consumassero quel po’ di danaro e di
vittuaglie che rimanea loro. Così argomentava Anselmo arcivescovo di
Napoli, caldo partigiano d’Innocenzo e narratore del fatto; il quale
aggiugne ch’egli stesso e gli arcivescovi di Morreale e di Taranto
s’opposero all’accordo e ch’eran quasi sopraffatti da’ fautori, il
cancelliere, cioè, l’arcivescovo di Messina e il vescovo di Cefalù,
quando un Bartolommeo, segretario d’Innocenzo, troncò i dubbii leggendo
un breve che proibiva assolutamente di patteggiare con Marcualdo.
Rincalzavano i soldati e il popolo, gridando morte allo scomunicato.
Talchè dopo quattro giorni perduti, si venne alle mani, il ventuno
luglio del milledugento.

Marcualdo era sceso in pianura per la valle dell’Oreto, il cui asse,
prolungato a monte fino al pendio che guarda il mare Affricano, riesce
a Giato ed alle altre fortezze de’ Musulmani ch’erano manifestamente
la base della guerra. Aveva egli occupate a sinistra, con cinquecento
Pisani e grandissimo numero di Saraceni, le alture di Morreale e posti
gli alloggiamenti, com’e’ pare, tra i due luoghi chiamati in oggi la
Rocca e il Ponte della Grazia, cioè tra il piè del monte e la sponda
del fiume. L’esercito regio gli s’attelò di faccia, capitanando la
destra il conte Gentile, fratello del cancelliere, coi fanti; la
sinistra il maresciallo pontificio coi cavalli: il quale afforzavasi
in un castello, che io credo la Cuba e stava a riscontro di Marcualdo.
S’appiccò la zuffa alle nove del mattino, quando Gentile, Malgerio
ed altri nobili salirono l’erta di Morreale, occuparono la terra,
tagliarono a pezzi i Musulmani, uccisero, tra gli altri, Magded
condottiero di quelli e di tutta l’ala sinistra;[501] campando appena,
con un pugno d’uomini, Benedetto capitano de’ Pisani. Nel piano intanto
Marcualdo co’ cavalli tedeschi e saraceni avea respinto per ben due
volte gli assalti; ma al terzo scontro, il maresciallo si fece innanzi
co’ suoi, sì che tutta l’ala sinistra de’ regii caricò il nemico,
lo sbaragliò, irruppe nel campo: ch’eran le tre dopo mezzogiorno.
Marcualdo fuggì; Ranieri, pisano, fu preso con molti altri uomini di
nota; si sparpagliarono i vinti fuggendo pei monti e per le valli.
Grande la strage; grandissima la preda; chè non bastò il rimanente
della giornata a riportare in città tante ricchezze, tra le quali
fu preso uno scrigno che conteneva proprio il testamento di Arrigo
VI.[502]

La quale vittoria giovò poco, perchè il cancelliere, sempre più
sospettando del papa, tagliò i passi al maresciallo e al legato, sì che
frustati si tornarono a Roma; ed egli, arbitro del governo in Sicilia,
ruppe una seconda fiata Marcualdo a Randazzo;[503] ma poi s’accordò
con lui, per far contrappeso a Brienne: e per lo stesso motivo, credo
io, tutta la Sicilia,[504] fuorchè Palermo e Messina, parteggiò pel
condottiero ghibellino. Continuò infino all’emancipazione di Federigo
quella tenzone tra il pastor della Chiesa universale e il vescovo
di Troja, il quale alla fine fu sgarato dal possente avversario,
o piuttosto l’uno prevalse in Terraferma, l’altro nell’isola; onde
avvenne che non potendo conseguire intero, nè l’uno nè l’altro, il
proprio intento, s’accordarono entrambi a favor del pupillo; secondati
anco dalla fortuna che fe’ morire immaturamente i loro campioni,
Brienne e Marcualdo. Tralasciando i particolari che son brutti, noiosi
e intralciati, noi toccheremo soltanto la condizione in cui rimase
Federigo, e diremo più largamente dei Musulmani.

Il re fanciullo fu ricondotto dopo la sconfitta di Marcualdo in
Palermo;[505] dove presero cura di lui amorevolmente i cittadini e
in particolare i canonici della cattedrale i quali par abbiano avuto
molto seguito nel paese. Ebber Federigo in custodia successivamente
il cancelliere, il conte Gentile suo fratello, Marcualdo, Guglielmo
Capparrone condottiero tedesco, Diopoldo uom della stessa nazione,
famigerato in tutta la guerra civile, e poi nuovamente il cancelliere;
il quale, assentendo il papa, emancipò il giovanetto a quattordici
anni e l’ammogliò con Costanza, sorella di Pietro II re di Aragona,
vedova di Emmerico re d’Ungheria. Così dall’agosto del milledugento a’
primi di gennaio dugento otto, si educava alla scuola dell’avversità
il re filosofo del decimoterzo secolo; chiuso nella città e forse
nell’ambito della reggia e de’ giardini reali, per maggiore sicurezza
della sua persona o gelosia di coloro che comandavano. Quand’egli
uscì all’aperto, menato per mano dalla moglie, trovò usurpato,
scompigliato, dissipato il reame. Nulla diremo della Terraferma,
dove il papa mal potea domare l’anarchia feudale e pur usurpava egli
stesso alcuni diritti del re e concedea feudi al proprio fratello e
ad altri suoi congiunti. In Sicilia era distratta la più parte del
demanio regio, tra usurpazioni e concessioni fatte da’ reggenti per
abuso o necessità; Siracusa inoltre e parte della provincia teneasi da’
Genovesi, a’ quali la reggenza avea compiute finalmente le promesse di
Arrigo VI sperando aver da loro qualche aiuto contro Pisa. Serbò fede
il popolo e il clero delle altre città primarie, Palermo, Messina,
Catania, Caltagirone, Nicosia, come Federigo stesso riconobbe con le
parole e con le opere:[506] le quali città se valsero a difenderlo e
fornire le spese della corte quand’egli fu emancipato, i loro fanti
non bastavano a ridurre all’obbedienza il rimanente dell’isola. Donde
la regina fu costretta a far venire il conte di Provenza, congiunto
suo, con cinquecento cavalli assoldati, i quali condussero Federigo
da Palermo a Catania e Messina (1209) e l’aiutarono tanto o quanto a
farsi riconoscere da’ feudatarii ed a riscuotere un po’ di danaro;
ma una epidemia decimò cotesti ausiliarii e la povertà della corte
non permesse di rifornirli.[507] Molto meno poteva il re con forze
sì scarse reprimere i Musulmani, che fin dal milledugentotto s’erano
chiariti ribelli.

Il movimento de’ Musulmani a pro di Marcualdo (1200) non ebbe taccia
di ribellione, poichè la più parte dell’isola riconoscea reggente
il gran Siniscalco a preferenza del papa e del cancelliere. Quando
il cancelliere poi s’acconciò con Marcualdo e questi entrò nella
reggia di Palermo, i Musulmani andavan chiamati fedeli a tutta
prova; nè smentironsi nelle vicende successive della corte. Il papa
stesso, sapendoli forti e leali, avea data licenza al cancelliere,
nell’ottobre, com’e’ pare, del milledugento, di far accordo con essi,
mentre lo vietava con Marcualdo.[508] Qualche anno appresso Innocenzo
li tenea sudditi incolpabili, poichè ficcatisi certi monaci di Morreale
nelle castella di Giato e Calatrasi, feudi del monastero, ch’erano
abitati senza il menomo dubbio da’ Musulmani, il papa scrisse aspre
rampogne a que’ ribaldi, rinfacciò loro i patti fermati con Marcualdo,
le pratiche fatte col Capparrone contro l’arcivescovo, ma non fece
motto della società coi Musulmani, che sarebbe stata pure un bel capo
d’accusa.[509] E v’ha più di questo. Nel settembre del milledugentosei,
quando Innocenzo credea d’avere ridotto all’obbedienza il cancelliere e
i condottieri tedeschi di Sicilia, egli scrivea benignamente «al cadì
e a tutti i kâid di Entella, Platani, Giato e Celsi e agli altri kâid
e Saraceni tutti della Sicilia, con augurio di comprendere e amare la
verità, ch’è Dio stesso.» Dopo questa definizione, più musulmana che
cristiana e più filosofica che musulmana, il tollerante pontefice si
rallegrava con que’ capi, che la misericordia divina li avesse difesi
dalle tentazioni di tante maniere, con che altri avea cerco di trarli
fuor dalla via dritta e li avesse mantenuti fedeli al signor loro, il
re di Sicilia: e infine li esortava a continuare in quel partito onesto
ed anco savio, poichè il re, prossimo alla età del discernimento,
avrebbe saputo rimeritarli.[510]

Pur cotesta ammonizione, chiesta al papa, com’egli è evidente, da’
reggitori di Palermo, fa supporre ch’e’ già sapessero malcontenti i
Musulmani e si studiassero a prevenire la ribellione loro. Della quale
era apparecchiato il motivo. I capi guelfi e ghibellini del regno
accordatisi alfine, come abbiam detto, a corte di Palermo, trovavano
appunto esaurita, la comoda sorgente de’ beni demaniali, quando facea
mestieri di attingervi nuovamente per soddisfare a tutte le cupidigie
de’ loro partigiani e degli avversarii, pria dell’emancipazione del
re. Ed appunto e’ sembra che gli ultimi territorii rimasi in demanio
fossero abitati da Musulmani. Erano abitate di certo da loro le
castella e le ville che Guglielmo II e i successori aveano concedute
a varii corpi ecclesiastici, come la mensa vescovile di Girgenti, il
monastero di Morreale e il clero di Palermo, sì benemerito a corte
e sì potente nella capitale. Cotesti beni, tenuti ora da’ Musulmani
si dovean rendere, poichè altro non v’era da dare in cambio; cioè a
dire che i Musulmani doveano pagare lo scotto della reggenza. Così è
bell’e fatto il comento d’un capitoletto delle Geste d’Innocenzo, che
senza ciò mal si comprenderebbe. Scrive l’anonimo autore, tra varii
avvenimenti da riferire al milledugentotto, che mentre il cancelliere
soggiornava col re in Palermo e tentava ogni modo di togliere il
palazzo regio al Capparrone, si trattò un accordo tra i costui
partigiani e que’ del cancelliere; e che i Saraceni rifuggiti nelle
montagne, avendone sentore, non solo si chiarirono ribelli, ma calati
giù da’ loro recessi, dettersi a infestare i Cristiani, presero il
castello di Corleone e minacciavano di far peggio.[511] Corleone era
appunto la maggiore delle terre concedute da Guglielmo II al monastero
di Morreale. A chiarir meglio il motivo di questa aperta ribellione,
noi troviamo due anni appresso un diploma di Federigo, per lo quale
sono rinnovate a favore della chiesa di Palermo larghissime concessioni
del tempo di Arrigo o piuttosto di Costanza; e tra gli altri beni sono
nominati de’ villaggi musulmani ed anco il tenimento di Platani,[512]
dove i Musulmani fecero testa poi per tanti anni, a Federigo salito
all’apice della sua possanza.

Federigo, quand’egli uscì di tutela più tosto che di fanciullezza,
non pensava al certo di andar a trovare i Musulmani entro i lor
monti. Molto meno poteagli venire in capo di racchetare que’ ribelli,
stracciando i diplomi pei quali i beni or tenuti da loro erano stati
conceduti alle Chiese o a’ baroni della sua corte. Pertanto ei lasciò
stare questi, come tanti altri occupatori dei demanii dello Stato o de’
feudatarii, in Terraferma e nell’isola. E la ribellione dei Saraceni,
durava ancora, anzi facean essi uno Stato dentro lo Stato, quando
Ottone, eletto imperatore, venuto a Roma a prender la corona, si volse
al conquisto del regno, favorito al par da’ Guelfi e da’ Ghibellini.
Per procaccio allor de’ Pisani e di Diopoldo che si chiarì per lui,
Ottone, occupate ch’egli ebbe Napoli e Aversa (1210), appiccò pratiche
in Sicilia: onde corse la voce ch’ei fosse stato invitato da’ Musulmani
e da alcuni feudatarii dell’isola a passar quivi con l’esercito, al
quale si prometteano validi aiuti per cacciar Federigo.[513] Perfin si
disse che questi, sentendosi in pericolo, tenea bella e pronta sotto la
reggia una galea per fuggire in Affrica.[514]



CAPITOLO VIII.


Ma Federigo prese via più sicura assai che la fuga. Il papa cercava
un anti-imperatore ghibellino per abbattere l’imperatore guelfo, sua
propria fattura: avea pertanto scomunicato Ottone; sciolti i sudditi
dal giuramento; disseppellita la elezione del figliuolo d’Arrigo VI;
accesa la guerra civile in Germania; e procacciata in un’adunanza a
Nuremberg la deposizione dell’uno e la elezione dell’altro, ch’indi
fu detto da’ Guelfi “il re de’ preti” e talora “il ragazzo di
Puglia.”[515] Questo animoso giovane di diciotto anni, fastidito di
regnar senza governare nell’anarchia dell’Italia meridionale, gittossi
a capo chino nella rivoluzione di Germania. Chiamato in fretta dagli
elettori, diede a Innocenzo tutte le guarentigie di sommissione ch’ei
richiedeva; e lasciati in Sicilia la moglie e il figliuolo Arrigo,
navigò di Messina a Gaeta (marzo 1212); trovò il papa a Roma; andò
per mare a Genova; e cavalcando per Pavia, Cremona e Trento, arrivò
a Basilea (26 settembre), scansate a mala pena le poste de’ Guelfi.
Ottone, ritornando addietro, lo inseguì invano. La guerra ingrossò, per
la lega d’Ottone con l’Inghilterra e con altri nemici e ribelli della
Francia; onde Filippo Augusto si fece tanto più volentieri paladino del
papa. Ottone, vinto dal valor francese alla battaglia di Bouvines (27
luglio 1214), abbandonato da tutti, morì a capo di pochi anni (1218). E
Federigo necessariamente gli sottentrò nella tenzone contro il papato;
al quale era mancato in quel tempo Innocenzo (1216), ma avea lasciati
dietro di sè funesti esempi d’ambizione e di violenza.

Dopo otto anni, Federigo, composte le cose in Germania, ritornò
in Italia: incoronato imperatore in Roma (22 novembre 1220), calò
nel regno a ristorare l’autorità ch’era tanto cascata abbasso in
quegli ultimi trent’anni. Al quale effetto, in Terraferma ei convocò
parlamenti, promulgò rigorose leggi, sforzò con le armi i baroni
ricalcitranti. Passato nell’isola, gli bastò la riputazione a ridurre i
Cristiani. Ma i Musulmani gli detter travaglio.

Perchè tra loro e i Cristiani tutti insieme, governanti e governati,
baroni e clero e cittadinanza, era divenuto impossibile ogni
accordo. Non esacerbava gli animi qui, come avvenne poi in Spagna,
l’intolleranza religiosa del principe, nè del popolo: anco a
considerare il clero solo, e’ ci sembra più cupido che fanatico fin
dal regno di Guglielmo II;[516] anzi abbiam visto che Innocenzo, nel
cento novantotto, tentò invano d’aizzare i Siciliani alla caccia degli
Infedeli.[517] Ma del sangue se n’era sparso, della roba depredata
e distrutta d’ambo le parti: e il maggior ostacolo era la condizione
sociale de’ Musulmani e la condizione politica de’ Cristiani. Vivendo
da più di venti anni nelle terre occupate, o come pensavan essi,
rivendicate, del Val di Mazara, i Musulmani non si poteano sottomettere
senza accettare la povertà e il servaggio; poichè il principe doveva
onninamente restituire beni e villani ai concessionarii, la più parte
dignitarii ecclesiastici. I quali essendo i veri partigiani del trono,
convenia che Federigo se li tenesse amici nella lotta alla quale ei
s’apprestava, contro il papa e i baroni del regno. Veggiamo in fatti
che l’imperatore, (luglio 1220) a domanda di Caro arcivescovo di
Morreale, confermò la concessione di tutte le città, castella, casali,
ville, chiese, possessioni, villani e diritti di quella Chiesa, i
quali nel turbamento erano stati occupati, e tuttavia si tenevano
illecitamente, da Saraceni o da Cristiani.[518] A comprender meglio
l’importanza della cosa, notisi che cotesto diploma fu replicato dopo
otto mesi a Brindisi (marzo 1221) e fuvvi aggiunto che gli affidati
e i villani allontanatisi dal territorio, ritornasservi con tutte
le robe; e s’e’ fossero morti, si prendessero i beni de’ figli.[519]
Per somigliante concessione erano stati donati all’Ordine teutonico,
nel dugento diciannove, il casale di Miserella, i villani di Polizzi
dovunque e’ si trovassero, il podere di Artilgidia presso Palermo ed
altri possedimenti e diritti in varii luoghi.[520] Occorrendo nel
medesimo tempo di pagare debiti vecchi o nuovi, Federigo dava de’
casali, abitati, com’e’ sembra, da Musulmani; dei quali atti, due soli
ci sono pervenuti: la concessione di Scopello alla chiesa di Santa
Maria dell’Ammiraglio in Palermo, per prezzo del vasellame d’oro e di
argento, preso all’uopo della guerra;[521] e la donazione di Mussaro
e Minzaro al vescovo di Girgenti, in compenso di settemila tarì d’oro
forniti un tempo alla corte.[522]

Nè Federigo dovea tanto assicurare il possedimento de’ concessionarii,
quanto difender mezza l’isola dalle scorrerie di gente ormai straniera.
Minacciati, i Musulmani aveano risposto come li portava lor indole
fiera e rapace. Oltre i fatti raccontati poc’anzi,[523] sappiamo che
il milledugentodiciannove “i nemici della Croce” avean già dato il
guasto allo Spedale di San Giovanni de’ Leprosi, proprio alle porte
di Palermo.[524] Ritraggiamo ancora che Orso vescovo di Girgenti,
fu preso da’ Saraceni e tenuto prigione per quattordici mesi nella
rôcca di Guastanella, dalla quale ei si riscattò per danaro; e che
intanto i beni del vescovato erano occupati, impedito l’esercizio dei
diritti, e stanziavano i Saraceni nel campanile della cattedrale e
nella casa attigua, sì che i Fedeli non osavan pur andare in chiesa
a far battezzare i figliuoli: il qual fatto si dice avvenuto a’ tempi
di Federigo imperatore e torna al dugentoventuno.[525] Nella Sicilia
occidentale le scorrerie, o almeno i pericoli, arrivavano dall’uno
all’altro mare, da Girgenti a Cefalù: essendo stato provato non guari
appresso, dinanzi a commissarii papali, che il fisco levò danaro in
Cefalù e in Pollina, dominii del vescovo, per difenderli contro i
Saraceni; e che mandò presidio nella rôcca di Cefalù, non meno per
diritto di regalìa, che per assicurar la città, situata nella Marca de’
Saraceni.[526]

La quale denominazione, transitoria com’e’ pare e pervenuta a noi
in questo luogo solo, non può significare altro che contrada di
popolazione mescolata, esposta agli assalti, sì per la vicinanza
alle sedi dei ribelli, e sì per la frequenza de’ villani musulmani in
varie terre.[527] La Marca dunque tornava, su per giù, alle odierne
province di Palermo, Trapani e Girgenti; al val di Mazara del secolo
scorso; alla Sicilia di là dal Salso del periodo svevo; alla provincia
lilibetana de Romani. E par che quella divisione in due province
partite dal Salso, sia stata principalmente consigliata a Federigo
dalla diversità degli ordini sociali e dei costumi. Da’ fatti che
precedono e da que’ che seguono, parmi che i Musulmani occupassero
sempre il centro montuoso di codesta regione, dove s’erano afforzati
all’entrare del secolo; se non che or li veggiamo ingrossare alle foci
del Drago e del Platani, sia per novello movimento loro, sia perchè
i bricioli di lor memorie che il caso ci ha serbati, si riferiscono a
questo periodo ed a questi luoghi.

In vece de’ centomila Saraceni di Ruggiero De Hoveden,[528] abbiam
ora i ventimila combattenti di Lucera, secondo Giovanni Villani,[529]
e più autorevole attestato, quel di Riccardo da San Germano, cioè che
diecimila soldati Saraceni moveano di Lucera a’ comandi dell’imperatore
il milledugentrentasette,[530] quando non erano stati per anco
deportati tutti i Musulmani di Sicilia. Possiamo dunque supporre
in quella sola terra di Puglia, atteso le circostanze peculiari, un
cinquanta o sessanta migliaia di coloni. Ed altrettanti, per lo meno,
è da credere siano rimasti nell’isola, senza contare gli artigiani e
i servi delle città, dei quali abbiam qualche ricordo, nè i villani
che l’interesse o la carità dei padroni ritenne, com’egli è probabile,
nelle campagne. Del resto verosimil sembra che il numero de’ ribelli
variasse da stagione a stagione, per causa de’ villani che dalle parti
centrali e dalle orientali dell’isola corressero alla montagna del
val di Mazara, o al contrario fuggissero dalle bandiere de’ ribelli,
per andare a vivere tranquilli.[531] Si può supporre, secondo me, nel
periodo culminante della rivoluzione, un venticinque o trenta migliaia
di combattenti musulmani.

Le consuetudini immobili di quei popoli e i cenni che veggiamo nelle
memorie contemporanee,[532] ne fanno certi che i ribelli si ressero,
anche in questo movimento, per Kaid e Sceikhi. Ebber essi un capo
militare famigerato, morto nel primo anno della guerra, il cui nome
si legge in una cronica Benavert, per falsa correzione, cred’io, del
copista che si ricordava troppo d’aver letti i casi dell’ultimo signore
musulmano di Siracusa.[533] Le copie di Riccardo da San Germano,
scrittore di tanta autorità, hanno Mirabetto; la qual voce parmi
guasta dalle bocche de’ Cristiani che la ripeteano: e andrebbe corretta
_Morabit_ o, diremmo noi, frate guerriero, Marabutto, Almoravida.[534]
Possiamo anco supporre chiamato con tal denominazione un uomo il cui
casato, aggiunto ad un titolo notissimo, suonava Emir-Ibn-’Abs, e indi
Mir-’Abs. Ibn-Khaldûn racconta, nella storia degli Hafsiti di Tunis,
che morto il sultano Abu-Zakaria-Jehia, (2 ottobre 1249) i Cristiani
di Palermo dettero addosso a’ Musulmani, in favor de’ quali egli avea
stipulato col signore dell’isola la sicurtà delle persone e de’ beni
urbani e rurali; che i Musulmani, rifuggitisi nelle fortezze e nelle
rupi, presero per capo un fuoruscito della schiatta de’ Beni-’Abs
e resistettero al tiranno cristiano; che assediati, circondati e
costretti ad arrendersi, furono tramutati a Lugêrah, popolosa terra
d’Italia; e che indi il tiranno andò a Malta, caccionne i Musulmani,
mandolli insieme con quegli altri, e impadronitosi di tutte le isole
adiacenti, cancellò il nome musulmano in Sicilia.[535] L’identità
del qual fatto è evidente, al par che l’anacronismo di mezzo secolo
nel principio della ribellione, e al par che l’errore su la causa di
quella; le quali mende, del resto, non debbono rimandare dubbio sul
nome del condottiero. La possente tribù arabica, di ’Abs, dalla quale
nacque Antar, il famoso poeta classico ed eroe da romanzo, sembra
stanziata, fin dai primi tempi del conquisto musulmano dell’Affrica,
nella penisola di Scerîk, detta oggi Dakhel, la quale termina col capo
Bon, di faccia al Lilibeo.[536] Verosimil’è che i Beni-’Abs siano
venuti in Sicilia coi conquistatori; oppure che, rimanendo la tribù
nel Dakhel, un uomo facinoroso di quella, forse un pirata, si fosse
gittato in Sicilia al rumor della guerra; poichè il predicato che gli
dà Ibn-Khaldûn torna qui a masnadiere, facinoroso, o ribelle.[537]

Federigo passò nell’isola, di maggio del ventuno; tenne un parlamento
a Messina;[538] fece il giro delle città principali fino allo scorcio
dell anno;[539] ed attese di certo a preparare gli animi e le cose
alla guerra, con provvedimenti di maggiore rilievo che non ne veggiamo
nelle cronache e ne’ diplomi.[540] Talchè, sperando facile vittoria
o dicendolo, egli andò a trovare (febbraio 1222) Onorio III a Veroli;
gli promesse di bandire quanto prima la Croce a Verona; e ritornato nel
regno, messosi a strignere il ribelle conte di Celano, fu necessitato
a lasciar quello e sopraccorrere in Sicilia contro Mirabetto, che
infestava fieramente il paese.[541] Io penso che il caso fosse di
maggiore momento che nol dicano i cronisti; poichè Federigo avea fin
dall’anno innanzi offesi gravemente i Genovesi, a’ quali non mancava nè
l’animo nè il modo di vendicarsi: e in fatti veggiamo avvolto in questa
ribellione un de’ più valorosi marinai di lor gente.

I luoghi, i tempi, le fazioni della guerra capitanata da Federigo, sono
pressochè ignoti: sappiamo soltanto che l’imperatore, dalla metà di
luglio fin oltre la metà di agosto, stette all’assedio di Giato;[542]
che quivi o in altro luogo ei prese Mirabetto e due suoi figliuoli,
con Guglielmo Porco da Genova, poc’anzi capitano d’armata in Sicilia,
ed Ugo Fer da Marsiglia, il quale avea, molti anni prima accalappiati
a migliaia de’ fanciulli francesi e tedeschi, col pretesto di recarli
alla Crociata, ma li avea venduti schiavi in Affrica e in Egitto, e
dopo lunghe vicende s’era gittato, insieme col genovese, in Sicilia.
Federigo fece impiccare in Palermo Mirabetto e compagni; ma con ciò non
pose fine alla guerra.[543]

A ripigliarla con maggiori forze, ripassava l’imperatore in Puglia,
spegneavi altre faville di ribellione feudale, muniva le città e le
castella e nella state del ventitrè,[544] veniva in Sicilia, per
incalzare da presso i ribelli Musulmani. Leggiamo senz’altro che
parte gli s’arresero; i quali ei fece trasportare a Lucera; parte,
fidandosi nella fortezza de’ luoghi, tennero fermo.[545] Argomentiamo
da due documenti che i primi fossero abitatori dell’odierna provincia
di Girgenti;[546] e sappiamo che si arresero all’entrar della state,
poichè Federigo, in una lettera scritta allora a Corrado vescovo di
Hildesheim, si rallegrava che ogni cosa accadesse secondo i suoi
voti, “chè perfino egli avea fatti scendere alla pianura tutti i
Saraceni afforzatisi pria ne’ gioghi de’ monti e in altri luoghi
inespugnabili.[547]” Le quali parole, riscontrate con quelle che
l’imperatore scriveva un anno appresso a papa Onorio, ci mostrano che
smessi i combattimenti e gli assedii, ei s’era appigliato al disegno,
lento sì ma sicuro, di stringere i Musulmani con la fame, guastando
le ricolte loro ne’ monti e intercettando ogni altra vittuaglia. Così
avea dunque costretti alla resa i deportati di Lucera; così sperava
trionfare degli altri: e, sendo necessaria a quella maniera di guerra
molta gente e ben disciplinata, l’imperatore, come si ritrae da
Riccardo di San Germano, lo stesso anno ventitrè e i due seguenti,
chiamò i baroni al servizio militare e levò danaro per assoldare
stanziali.[548] La guerra de’ Saraceni era cagione e talvolta anco
pretesto; come sembra nel caso de’ quattro conti di Terraferma, i
quali, venuti in Sicilia a prestare il servigio feudale (1223), furon
presi e confiscati loro i beni.[549] Similmente l’epistola di Federigo
ad Onorio, alla quale abbiamo testè accennato, ricorda un fatto vero:
e pur non sarebbe calunnia ad affermare che l’imperatore l’usò per
differire la crociata, alla quale Onorio lo sforzava con animo di
tagliargli i passi in Lombardia. Scrisse Federigo, dunque, al papa
da Catania, il cinque marzo del ventiquattro, che allestiansi ne’
porti del reame, da poter salpare nella prossima state, cento galee,
cinquanta uscieri pe’ cavalli, e navi e legni senza fine e ch’egli
stava già per partire alla volta di Germania a fin di chiamare alle
armi i Crociati, quand’ecco il capitan generale dell’esercito che
osteggiava i Saraceni, gli avea menati in Catania i Kaid e gli Anziani,
i quali a nome di tutti i Saraceni della montagna, venivano a trattare
di sottomissione. Federigo continuò che, convocato il consiglio
di Stato, era parso a tutti non doversi il principe allontanare
in quell’incontro, per timore che i ribelli si pentissero e che,
prolungata la negoziazione, arrivassero a segare i grani, e addio pace
per quell’anno! Conchiuse pertanto l’imperatore ch’ei rimarrebbe in
Sicilia tanto che ultimasse l’accordo; che manderebbe Hermann, gran
maestro de’ cavalieri teutonici, a bandir la Croce di là dei monti
e che nella state, a Dio piacendo, ogni cosa sarebbe in punto ed ei
scioglierebbe il voto della Crociata.[550] Il fatto andò allora per le
bocche di tutti in Germania, leggendosi con poco divario negli annali
di Colonia; i quali aggiungono essere stata profferta la sottomissione
da’ Saraceni del monte Platano;[551] ma non sappiamo se s’abbia a
intendere del forte castello di tal nome che sorgea sulla sponda del
Platani a sette miglia dalla foce, o se piuttosto si volea significare
tutta la regione montuosa, bagnata da quel fiume.[552] Il fatto fu
che nè Federigo partì allora per Terrasanta, nè i Musulmani furono
altrimenti sottomessi o rappacificati in Sicilia. La sola impresa del
dugentoventiquattro par sia stata di cacciarli di Malta, tutti o parte;
poichè, oltre il cenno d’Ibn-Khaldûn, ritraggiamo che Federigo mandava
in quell’isola gli abitatori di Celano di Puglia, espulsi di lor terra
quando l’avean presa le forze del re, e poi richiamati in patria,
per coglierli alla rete e tramutarli in Sicilia.[553] Il bando de’
Musulmani da Malta sembra tanto più verosimile, quanto in quel tempo le
genti di Federigo avean dato il guasto all’isola delle Gerbe e fattavi
gran copia di schiavi.[554] L’occupazione delle isolette adiacenti
alla Sicilia, attestata da autori arabi e da latini, è da riferire al
medesimo tempo.[555] Coteste imprese marittime, compiute in una o due
stagioni, sembrano le prime prove dell’ammiraglio, forse genovese,
sostituito ad Arrigo conte di Malta, il quale era stato deposto e
privato del feudo, per l’oscitanza appostagli nella guerra contro
i Musulmani d’Egitto, o, com’altri scrisse, di Sicilia;[556] se pur
Federigo non colse il destro di liberarsi dal fiero marinaio, la cui
prepotenza e ambizione egli avea temuta di certo nei primi anni del suo
regno ed or gli dava sospetto la vecchia amistà di lui co’ Genovesi, o
faceva ombra a’ Pisani parteggianti per l’impero.[557]

Secondo Riccardo da San Germano, Federigo nel dugentoventicinque
chiamava alle armi tutti i baroni regnicoli, per dar l’ultimo crollo
a’ Saraceni di Sicilia, e andava egli stesso in Puglia a ragunare
l’esercito;[558] secondo un monaco tedesco, assiduo raccoglitor di
nuove, ei riportò nobile trionfo de’ Saraceni che tenean le montagne di
Sicilia:[559] un anonimo poi, che par sia vissuto in Sicilia ed abbia
scritto poco oltre la metà del decimoterzo secolo, mette insieme que’
due fatti quasi con le stesse parole, nella decimaterza indizione,
da riferirsi, com’io credo, al dugentoventicinque, ed aggiugne che
le genti dell’imperatore davano il guasto ogni anno alle terre dei
Saraceni, ond’essi furono costretti con gran vergogna a scendere di
lor monti e Federigo li fe’ dimorare ne’ casali della pianura.[560]
Poi per diciott’anni nè gli scrittori, nè i documenti fanno parola
di popolazioni musulmane ribelli: danno bensì notizie di singoli
musulmani ubbidienti nell’isola e de’ grossi stuoli che la colonia di
Lucera forniva agli eserciti ghibellini tra il Garigliano e le Alpi.
Si può inferir da cotesti indizii che, l’anno venticinque, quel grande
armamento abbia portato l’effetto che l’imperatore si proponeva; cioè
che i ribelli abbiano piegato il collo senza combattere. Plausibile
anco il supposto che que’ della provincia di Girgenti fossero stati
mandati in Terraferma come i vinti di due anni innanzi;[561] e che
que’ delle altre due province fossero stati lasciati nel possedimento
di terre o nell’esercizio d’industrie, dati pria gli ostaggi secondo
i costumi di lor gente. Certo egli è che i Musulmani di Sicilia non
molestaron punto nè poco lo imperatore, infino al dugentoquarantadue,
mentr’ei si travagliò nelle guerre di Palestina, del Regno, di
Lombardia e della Sicilia orientale.

Nelle prime caldezze della esaltazione all’impero, Federigo fe’ voto
di prender la Croce;[562] lo rinnovò il giorno dell’incoronamento e
più volte giurò o promesse d’andare, sforzato da’ papi; i quali non
sognavano forse la ricuperazione del Santo Sepolcro, ma lor premea
che l’imperatore, in vece di signoreggiare l’Italia, ne toccasse in
Levante come Corrado, o vi morisse come il Barbarossa. Il cui nipote,
non potendo disfare il cappio ch’ei s’era messo al collo, domandò
respitto al papa che il tirava duro; ed allegò sovente la guerra de’
Saraceni di Sicilia.[563] Furbo contro furbi, ei passò tutto l’anno
ventiquattro e i primi mesi del seguente in Sicilia, fermo la più
parte in Catania,[564] come s’egli avesse voluto stare in bilico tra
la Crociata e la guerra de’ Musulmani indigeni, guardando da un lato
Otranto e Brindisi, ritrovo delle armate e degli eserciti crocesegnati,
e dall’altro la via di Girgenti, più sicura di lì che da Palermo e più
facile e breve che da Messina. Privo alfine della scusa de’ Saraceni,
incalzato dal violento Gregorio IX, s’imbarcò a Brindisi, nonostante
la morìa che mieteva i Crociati (8 settembre 1227); tornò a terra
infermo; fu scomunicato dal papa e assalito anche con la spada; e partì
di nuovo (28 giugno 1228) con poche forze, fidandosi nella divisione
de’ principi aiubiti che occupavano la Siria e nelle negoziazioni
intavolate col più possente tra loro. L’ira studiata di Gregorio lo
perseguitò mentr’egli liberava il Santo Sepolcro; i Cristiani di quelle
parti pretestarono le scomuniche per attraversargli l’esaltazione
al trono di Gerusalemme, recatogli in dote dalla nuova sua sposa:
contuttociò, savio ed ardito, ei condusse a termine il trattato, come
sarà detto nel capitolo seguente.

Ritornò Federigo in Italia dopo undici mesi, a cacciare i papalini
da’ suoi dominii e gastigare i sudditi che s’eran gittati dalla parte
loro. Sforzò il papa a giurar la pace e s’avvolse nelle guerre della
seconda Lega Lombarda, nelle persecuzioni de’ Paterini d’Italia e di
Germania: la maledizione del falso impero romano, trascinava quest’uom
sì civile a combattere ciecamente contro la libertà e ad accendere i
roghi dell’Inquisizione. Gli umori di libertà municipale, ridesti in
Sicilia tra le popolazioni greche e un po’ tra le lombarde, per gli
esempii guelfi di Terraferma, per le istigazioni dei frati e, come
io credo, anche de’ Genovesi, portarono i moti che Federigo represse
co’ supplizii a Messina,[565] Siracusa[566] e Nicosia; e ch’ei punì a
Centorbi, Capizzi, Traina e Montalbano con la distruzione delle case
e il bando dei cittadini, sforzati a dimorare in altre città.[567] Ma
cedendo un poco all’opinione pubblica, Federigo nello stesso tempo rese
ordinarie le tornate de’ parlamenti regionali e chiamovvi espressamente
i Comuni.[568]

Rinforzaronlo nelle guerre di Terraferma le colonie di Musulmani
siciliani, stanziate dapprima a Lucera, come si è detto; ma poi ne
veggiamo un’altra a Girofalco ed anco ritraggiamo che l’imperatore
adoperasse spicciolati gli uomini di quella gente, in Puglia e in
Calabria a’ servigi suoi:[569] de’ quali il più profittevol era di
tenere a mezzeria delle mandrie di buoi, tra domi e salvatici.[570] Pur
traeva i Musulmani sì forte l’amor del luogo natìo, che quando n’aveano
il destro, tentavano di ripassare clandestinamente in Sicilia:[571]
onde Federigo comandò nel trentanove fosser tutti raccolti a
Lucera.[572] E quivi rimase infino al milletrecentotrè, quella
celebre colonia militare; quivi si notano tuttavia gli avanzi delle
fortificazioni, con le quali i principi svevi assicurarono il soggiorno
de’ lor fidi pretoriani.[573] Che se negli scritti contemporanei il
nome geografico si legge spesse volte Nocera, l’è stato errore ed è
nato dall’uso, che suol sempre sostituire le parole comunali alle
insolite; onde si preferì il derivato d’un vocabolo familiare al
nome d’un’antica città, la quale era molto scaduta ne’ principii del
secolo decimoterzo. Si confermò l’errore per due circostanze fortuite,
cioè che Nocera s’addimandava De’ Pagani ed anco, per antitesi, De’
Cristiani e Lucera fu detta de’ Saraceni; e che entrambe erano da
lunghissimo tempo sedi vescovili. Del resto quelle due città giacciono
molto lungi l’una dall’altra, divise dall’Appennino: Lucera in
Capitanata, Nocera in Principato, o, per usare i nomi odierni, quella
in provincia di Foggia, questa di Salerno; nè alcun documento prova,
nè egli è verosimile, che Federigo abbia raccolta una seconda colonia
di Musulmani in Nocera, come alcuni compilatori hanno scritto e come si
dice anch’oggi in que’ paesi.[574]

Gli ordinamenti di cotesta colonia e la fama ch’essa ebbe in guerra
per tutto il rimanente della dominazione sveva e nei primordii
dell’angioina, son degno argomento d’una storia particolare; per la
quale anzi tutto occorre di esaminare di pagina in pagina i registri
angioini e le molte pergamene contemporanee che serbansi nell’archivio
di Napoli. Secondo il proposito annunziato parecchi anni addietro, io
mi rimarrò da cotesto lavoro, al quale allor mi mancava il comodo di
ricercare le sorgenti, ed ora mi par troppo tardi.[575] Contuttociò,
portato dal mio subietto a investigare l’origine di quella popolazione,
dico crederla al tutto siciliana. E se or non fosse sospetta da capo a
fondo la Cronaca di Matteo Spinelli, io metterei sempre in forse quel
luogo nel quale si afferma che del dugentrentaquattro Federigo facea
venire in Calabria diciassette compagnie di Saraceni di Barbarìa.
Sì grave fatto, taciuto dai contemporanei, e incompatibile con le
condizioni dei Musulmani dell’Affrica settentrionale in quella età,
sembra foggiato in un tempo in cui gli eruditi, ignorando la storia de’
Musulmani di Sicilia, non sapevano spiegare altrimenti quel gran numero
d’Infedeli che conduceva in sue guerre l’imperator Federigo.[576]

Mentre gli esuli di là dal Faro s’acconciavano nella nuova patria, i
rimasi in Sicilia erano in parte allontanati da lor sedi. Il volume che
ci avanza de’ registri di Federigo, scritto nell’indizione che corse
tra il trentanove e il quaranta, ci fa fede che de’ Musulmani erano
stati mandati a servire, non sappiam se da soldati o da manovali, ne’
castelli regii di Siracusa e di Lentini,[577] ch’è a dire all’altra
estremità dell’isola. Nello stesso anno gli abitatori di parecchi
casali, della provincia, credo io, di Palermo, non ribellatisi o
perdonati, veniano alla capitale, nel quartiere di Seralcadi, che
nel decimo secolo era stato detto degli Schiavoni, ed or s’addimanda
parte il Capo e parte la Bandiera. I quali non parendo ben deliberati
a farvi stanza come bramava lo imperatore, scrivea questi a’ suoi
ufficiali che efficacemente li esortassero a ciò e lor promettessero
favore e grazia, ed allo stesso fine mandava lettere regie indirizzate
a que’ Saraceni.[578] Un altro rescritto di Federigo, spacciato prima
o dopo di questo, ci fa sapere che il Segreto della provincia oltre il
Salso, avea con soddisfazione dello imperatore, persuasi i Saraceni
a migliorar loro abituri; provvede siano affittate le bajulazioni
di cotesti Saraceni; e mostra anco esser lieto l’imperatore che que’
“della provincia, usi ed occulti misfatti, già smettano, e già temano
d’essere malvagi.”[579] Non sappiam di che nazione fossero, nel
dugenquaranta, gli uomini de’ casali di Arcuraci e Andrani, a’ quali
si comandava di passare ne’ nuovi casali fondati a levante e a ponente
di Girgenti.[580] Abbiamo bensì valido argomento di credere che nel
dugentoquarantadue, il territorio di Cefalà in provincia di Palermo,
fosse stato ancora abitato, tutto o parte, da contadini musulmani. Un
Goffredo, chierico della Cappella Palatina di Palermo, non sapendo
precisamente i limiti di un podere appartenente allo Spedale di
San Lorenzo di Cefalà, ch’egli teneva in beneficio dalla Chiesa di
Girgenti, domandò al Segreto di Sicilia che fossero determinati da’
magistrati della vicina terra di Vicari, su la testimonianza de’ Buoni
uomini e degli Anziani. E il Segreto, per nome Uberto Fallamonaca,
fatti appurare que’ confini come gli era stato richiesto, ne spedì un
attestato in lingua arabica e latina, ed appose il suo suggello in pie’
della pergamena, aggiugnendo in lingua arabica la formola, “Scritto
d’ordine nostro.” Il qual documento non essendo estratto da antichi
defetarii compilati in quella lingua, ma bensì atto nuovo, e’ mi sembra
manifesto che la spedizione arabica fu fatta ad uso degli abitatori del
luogo.[581] Che poi de’ Musulmani vivessero ancora in Val di Mazara la
vita di pastori, lo provano i rescritti del novembre del trentanove
e del marzo del quaranta, per lo primo dei quali è provveduto alla
riscossione del fitto da’ Saraceni che prendano a mezzeria le greggi
del demanio[582] e nel secondo si fa menzione di settecento pecore
consegnate dal saraceno Gufulone (Khalfûn?), le quali insieme con altre
si davano _in gabella_, per conto della corte.[583]

Despota, mercatante e gran proprietario di terreni rivendicati o
confiscati, Federigo, col suo genio novatore e audace, spesso usò quel
violento rimedio di tramutare le popolazioni; il quale d’altronde nel
decimoterzo secolo riusciva meno difficoltoso e forse men crudele,
che non sarebbe nella società moderna, per cagion della proprietà
sicura e suddivisa e de’ comodi maggiori ai quali or son avvezzi
gli uomini. Ci è occorso testè di ricordare alcuna delle città che
l’imperatore distrusse e di quelle ch’ei fondò, portandovi di peso
la popolazione delle prime.[584] Io credo inoltre che la ribellione
musulmana abbia turbato l’equilibrio della popolazione in un altro
modo che nessun ricordo contemporaneo fin qui ci attesta; cioè che
fece emigrare in Affrica gli abitatori ricchi o industri delle città.
Poichè veggiamo appunto in quel tempo assottigliati due grossi nuclei
di borghesi musulmani: Trapani, dove all’entrar del dugenquaranta si
distribuivan terre a nuovi abitatori;[585] e Palermo dove nel dicembre
del trentanove furono concedute a novelli abitatori alcune terre presso
il palagio della Zisa, a fine di piantar vigne. Si scorge dallo stesso
diploma che delle casipole erano state abbandonate nel bel mezzo
della città; che mancavano gli agricoltori ad una vasta piantagione
di palme nel regio podere della Favara, e che non era più in Palermo
chi sapesse estrarre lo zucchero. Allora una colonia di Giudei del
Garbo, cioè di Spagna o dello Stato di Marocco, dissidenti da’ Giudei
di Palermo e sì grossi che volean fabbricare una sinagoga per sè soli,
domandarono certi casalini nel Cassaro; ma l’imperatore, per antivenir,
com’e’ pare, le querele de’ Cristiani, permesse di conceder loro uno
stabile in altro luogo della città e che rifabbricasser pure qualche
antica sinagoga, ma non volle ne innalzassero una di pianta. Questo
diploma infine ci fa sapere che i Giudei del Garbo, oltre il palmeto
della Favara dato loro a mezzerìa, avean ottenuta nello stesso podere
la concessione d’altre terre per seminare l’indago e l’henna, non
coltivati allora in Sicilia.[586]

Improvvisamente comparisce in una cronica questo cenno: che in luglio
della terza indizione, l’anno dugentoquarantatrè, tutti i Saraceni
di Sicilia ribellati salirono alle montagne e presero Giato ed
Entella,[587] castelli fortissimi per natura e lontani l’un dall’altro
una ventina di miglia, de’ quali ci è occorso far parola.[588] Si
argomenta dal fatto stesso che le popolazioni musulmane in questo
tempo non erano rimaste se non che in piccola parte del Val di Mazara.
Ancorchè i cronisti taccian la causa di questa sollevazione, noi
sappiamo che, quattro anni innanzi, i pastori saraceni che avean
prese in affitto le greggi della Corte, doveano al fisco da lungo
tempo, delle grandi somme di danaro. Federigo comandava al Segreto
che pigliasse l’aver loro e, non bastando, le persone e li facesse
lavorare in servigio della corte, badando sì ad aggravarli di fatiche
durissime, affinchè gli altri apprendessero che col re non si scherza,
e chi non può soddisfare l’affitto, nol chiegga.[589] Disperati
dunque, maltrattati, avvezzi com’essi erano a’ delitti, e risapendo
forse le prodezze che faceano i lor fratelli di Lucera sotto le
insegne imperiali, si rituffarono nella ribellione o guerra, come
dir si voglia, contro tutti i padroni di questo mondo: il qual moto,
principiato in un luogo, dovea comunicarsi con prodigiosa rapidità a
tutti gli altri, nel sospetto continuo, nell’odio crescente ogni dì,
nello stato permanente di violenza in cui viveano ormai Cristiani e
Musulmani. Gli iloti siciliani del decimoterzo secolo si riconosceano
al viso, a’ panni, al linguaggio, al simbolo della fede, alla
miseria: se un branco irrompea, doveano seguirlo tutti gli altri.
Quantunque la povertà non sia buon ausiliare in guerra, par che gli
ultimi avanzi di quel fiero popolo abbiano resistito più di tre anni
alle armi imperiali. Dice la cronica che l’imperatore, nella quinta
indizione, anno dugenquarantacinque, mandò con l’esercito il conte
Riccardo di Caserta, il quale li cacciò di Sicilia; ma va aggiunto
un anno alla data, leggendosi nel quarantasei, verso l’agosto, una
sdegnosa epistola di Federigo, per la quale è detto ai ribelli che,
s’e’ fosser uomini, non starebbero con quella bestiale fidanza,
ad aspettare che lor calasse sul capo la spada della vendetta, e
conchiudea che s’e’ non smettessero entro un mese, vedrebbero sì
gli effetti di queste minacce.[590] E del novembre, com’e’ par, di
quest’anno, l’imperatore scriveva al terribile Ezzelino, esser ormai
libero dalle brighe che l’avevano impedito fin qui di soccorrere
gli amici: tra le altre, la temerità di cotesti Saraceni, i quali
ostinatamente resisteano, afforzati nelle montagne, ed alfine sono
scesi a chiedere misericordia.[591] Ciò prova che non furono vinti per
battaglia, ma presi per fame. Federigo li fe’ tramutare in Lucera.[592]
Manca d’allora in poi ogni notizia di Musulmani in Sicilia: ond’egli
è manifesto che se alcuni ve ne rimasero, abbracciarono la religione
de’ vincitori e, com’avean fatto tanti altri uomini di lor gente in un
secolo e mezzo dal conquisto, si confuser essi nel novello popolo, nel
quale già si andavano dileguando le distinzioni di origine.

Come l’Oreste della favola greca, Federigo sembra spinto dal Destino
a immolare gli educatori suoi, fossero personificazioni come le
municipalità, il baronaggio e il papato, o fossero persone come il
Cancelliere Gualtiero De Palear, il conte di Malta e Pietro Della
Vigna. E veramente il nipote di Barbarossa, venuto al mondo in Italia,
cresciuto tra i nemici naturali del suo nome, dovea sforzarsi a
ritor loro quella possanza che pareagli rubata alla sua casa: ond’ei
si disfece delle persone quando potè; assalì le personificazioni,
volgendo la spada contro gli uomini che le sosteneano, e combattendo
le idee ostili con le armi della ragione. Le quali si spuntarono su
l’eterna tempra della libertà ond’erano cinti i municipii, e valsero
un poco a intaccare il triregno, fabbricato di teocrazia giudaica,
dispotismo romano, e barbarie settentrionale. I Musulmani di Sicilia
subirono la stessa sorte d’ogni altro maestro del lioncello svevo, non
già per sua rabbia, ma perch’ei non ebbe tanta forza che li salvasse
da’ nemici loro, com’ei forse bramava e il provò mutando i ribelli in
pretoriani. Chè del resto, le consuetudini dell’adolescenza, il genio
dell’incivilimento, l’amore degli studi e l’antagonismo filosofico e
politico contro Roma, portavano l’imperatore, meglio che niun altro
uomo europeo del suo secolo, ad onorarli e favorirli.



CAPITOLO IX.


Il genio dell’incivilimento, l’utilità politica e più assai gli
interessi commerciali della Sicilia e i suoi proprii, portarono
Federigo a frequenti accordi coi principi musulmani. Abbiano noi
accennato ai patti fermati con esso loro dalle nostre repubbliche
marittime ed abbiamo descritti quei del conte Ruggiero e del re suo
figliuolo coi Ziriti, e di Guglielmo II, col novello impero degli
Almohadi.[593] A’ tempi di Federigo, questo era già dimezzato,
rimanendogli, a un dipresso, l’attuale Stato di Marocco e parte
della Spagna; nè v’ha ricordo allora di ostilità tra quello impero
e la Sicilia, nè se ne vede cagione: anzi sembra continuata la pace
de’ tempi normanni. Perchè sappiamo che Uberto Fallamonaca che
fu de’ primarii magistrati di Federigo in Sicilia[594] andava il
dugenquarantuno ambasciatore a Marocco.[595] Alla quale missione, od
altra che l’abbia preceduta o seguìta, si accenna nel trattato delle
“Tesi siciliane” d’Ibn-Sab’în, leggendovisi che l’imperatore signor
della Sicilia, avea mandati per nave apposta, con un suo ambasciatore,
al califo almohade i quesiti di logica e metafisica; de’ quali noi
diremo nel capitol seguente.

Intanto la decadenza della dinastia almohade avea fatto rinascere lo
Stato dell’Affrica propria, più forte sì che al tempo degli Ziriti e
chiamato ormai da’ Cristiani il reame di Tunis, perchè gli Almohadi
avean fatta capitale della provincia quella città, primaria per popolo
e commercio e più aperta alle armi loro che non fosse la malaugurosa
fortezza di Mehdia. Seguì allora la necessaria vicenda delle grandi
province musulmane. Il terzo califo almohade En-Nâsir, non sapendo
come tener la provincia, ne fe’ governatore (1207) un uomo fidatissimo
della dinastia: Abu-Mohammed, figliuolo di Abu-Hafs-Omar, ch’era
stato _sceikh_ della tribù berbera di Masmuda, primo per valore e
consiglio tra i capi della confederazione almohade, braccio dritto
d’Abd-el-Mumen e sostegno de’ suoi figliuoli. Ma nella generazione
seguente, i Beni-Hafs, come si chiamarono dal nome familiare del capo
di lor casa, avean messe radici profonde nella provincia; i califi,
lontani, peggiorati di padre in figlio, non aveano riputazione nè
forza da cacciar via cotesti prefetti: onde Abu-Zakaria, figliuolo
d’Abu-Mohammed, colta un’occasione, disdisse (1228) l’obbedienza al
califo El-Mamûn, com’empio e tiranno. Non guari dopo (1236), tolto
l’equivoco, ei fece fare a suo proprio nome la preghiera del venerdì,
con qualità di Emir, lasciando a’ cortigiani il vanto d’aggiugnervi
“de’ Credenti” per compiere il sacro titolo, onde fregiaronsi
Abd-el-Mumen, Harûn-Rascîd e il grande Omar, che gli Hafsiti falsamente
vantavano lor progenitore.[596] Notisi che gli Hafsiti usarono sempre
chiamarsi col Keniet, o diremmo noi soprannome familiare, e che il
padre e l’avolo di Abu-Zakaria s’addimandarono meramente _sceikh_,
ch’era il titolo della dignità loro nella tribù, e però il vero
fondamento della loro potenza.[597]

Cotesti particolari ho io notati a rischiarare il trattato dello
imperatore Federigo, del quale abbiam solo una traduzione latina
molto arruffata, ma non tanto che non trasparisca spesso il genuino
testo arabico e talvolta gli errori di chi interpretollo. È dato del
quindici giumadi secondo dell’anno secentoventotto (20 aprile 1231),
quando Abu-Zakaria avea già ricusato d’ubbidire al califo Mamùn,
senza per anco chiarirsi independente dal califato; del quale stadio
d’usurpazione rendono testimonianza alcune parole del trattato. Se
questo poi non è stipulato a nome dell’emîr Abu-Zakaria, ma dello
«illustre e magnifico sceikh[598] Abu-Ishak, figliuolo del defunto
sceikh Abu-Ibrahim, figliuolo dello sceikh Abu-Hafs,» non dobbiamo
noi mettere in forse l’autenticilà del documento. Si può spiegar bene
con due supposti plausibili e compatibili tra loro: che Abu-Zakaria
abbia avuto quest’altro cugino, ignoto ne’ nostri ricordi[599] e che
l’abbia lasciato luogotenente in Tunis, quand’egli avventurossi infino
a Wergla, dando la caccia a quell’Ibn-Ghania che avea sì fieramente
molestato il paese per quarantacinque anni.[600]

Del resto le forme del trattato rispondono a quelle che conosciamo
in atti somiglianti, autentici di certo; e le condizioni parte si
riscontrano con quelle solite a stipular tra i Musulmani di Ponente
e le repubbliche italiane del Mediterraneo, parte si adattano
alle relazioni particolari dello Stato di Tunis, con la Sicilia.
Noveransi tra le prime la tregua fermata per dieci anni, la reciproca
restituzione dei prigioni non convertiti alla religione del paese;
che mercatanti e viaggiatori di Sicilia, Calabria, Principato e
Puglia siano liberi di tutta esazione e vessazione in Affrica e,
reciprocamente gli affricani in quelle province; che rendansi le prede
fatte da corsari sudditi di Federigo, esclusi espressamente Genovesi,
Pisani, Marsigliesi e Veneziani, i quali aveano stipulati patti
apposta col califo almohade.[601] La mancanza di reciprocità in questo
patto, se non venisse da dimenticanza del traduttore, mostrerebbe
che, soverchiati dalle forze navali italiane, gli Affricani aveano
smessa in quel tempo la piraterìa. Che i Cristiani, al contrario, la
esercitassero nelle parti meridionali del Mediterraneo e fin dentro
terra, si scorge da’ capitoli successivi, pei quali Federigo assicura
dalle offese de’ mercatanti e militi suoi, i Musulmani che viaggino da
un luogo d’Affrica all’altro, o d’Affrica in Egitto, sì in nave, e sì
in caravane; ed anco promette che i suoi sudditi non parteggino nelle
fazioni civili dell’Affrica, non vi facciano rapine, nè menin cattivi
per seduzione nè per forza; e perfino che, riparati per fortuna di mare
su le spiagge d’Affrica, non offendano gli abitatori: nei quali casi
tutti è stipulato il risarcimento dei danni. Per un capitolo aggiunto
in fine, Federigo permetteva a’ Musulmani di recare e trarre merci dal
suo reame, pagando la decima del valore.

L’ignoranza de’ copisti, non corretta infino al tempo nostro da
critici, ha affibbiato alla Corsica un importante capitolo di questo
trattato, risguardante, senza alcun dubbio Cossira, o, com’oggi
si chiama, Pantelleria. Per questa isoletta gli Stati contraenti
fecero a mezzo: stipularono che i Cristiani, non avessero alcuna
giurisdizione sopra i Musulmani, ma che un prefetto musulmano eletto
dal re di Sicilia reggesse gli Unitarii, o, com’io tradurrei più
volentieri, i Wahabiti, e che l’entrata pubblica del paese andasse
divisa tra i due Stati, metà e metà.[602] Cotesti patti di Pantellaria
rispondono su per giù a quelli che Ibn-Khaldûn suppone stipulati tra
gli stessi due principi a favor di tutti i Musulmani di Sicilia; onde
la tradizione storica di certo aggiugne fede al documento.[603] Ma
il documento, secondo me, serve a correggere la tradizione più tosto
che a convalidarla, sendo evidente che quelle condizioni poteano star
bene per un’isoletta gittata tra l’Europa e l’Affrica, non già per
tutte le colonie musulmane rimaste in Sicilia dopo le deportazioni del
ventitrè e del venticinque. Penso doversi leggere Wahabiti perchè,
da una mano, non sappiamo, nè ci pare verosimile che fosse stata
trapiantata in Pantellaria una colonia di “Unitarii”, che in quel tempo
significherebbe Almohadi, e molto meno possiam credere che tal colonia
della tribù dominante, fosse stata lasciata sotto un prefetto siciliano
e quindi inferiore agli altri musulmani del paese.[604] Dall’altra
mano sappiamo che Pantellaria non aveva abitatori cristiani nella
seconda metà del duodecimo secolo;[605] che i geografi musulmani del
decimoterzo tenean tutta la popolazione come wahabita,[606] seguace,
cioè, d’una setta che appigliatasi tra’ Berberi nel nono secolo,
rimase nell’isola delle Gerbe[607] almen fino al decimoquarto; e che i
Pantellereschi eran chiamati da’ Musulmani contemporanei con l’odioso
nome posto a’ Credenti che subissero il giogo cristiano.[608] Non mi
sembra verosimile il supposto che Musulmani di Sicilia si fossero, al
tempo della ribellione, rifuggiti in Pantelleria e che alludesse a loro
il capitolo di cui ragioniamo.

Il trattato del milledugentrentuno, come ognun vede, suppone
antecedenti ostilità, o per lo meno lunga desuetudine degli accordi di
Guglielmo II; e ciò si riscontra con le imprese dell’armata siciliana
nel dugenventiquattro.[609] Ma il patto fu mantenuto e forse rinnovato,
non ostante i dissapori che a quando a quando sorgeano; come nel
caso, credo io, di ’Abd-el-Azîz, nipote del re di Tunis, il quale, per
accusa di maestà, rifuggissi in Puglia pria della state del trentasei;
e l’imperatore l’accolse e spesollo almen fino alla primavera del
quaranta, allorchè lo vediamo soggiornare in Lucera con tre scudieri
e con un Perrono da Palermo, addetto a servirlo o guardarlo. Federigo
n’ebbe che dire col papa, il quale volea gli fosse mandato quel gran
personaggio a Roma, pretendendo che costui era venuto in Italia apposta
per farsi cristiano e che l’imperatore lo ritenea. Ma questi negò e la
vocazione e l’impedimento; nè volle ad alcun patto levarsi di mano tal
pegno, per darlo al papa ed a’ suoi amici guelfi.[610]

I quali in vero non se ne stavano oziosi in Tunis. In su lo scorcio
del trentanove, l’imperatore s’accorse del favore che godeano in
Tunis i Genovesi e’ Veneziani suoi nemici; ond’ei si dispose a mandar
ambasciatore Arrigo Abate appo l’emiro Abu-Zakaria e avvertì il grande
ammiraglio Niccolino Spinola, che stesse pronto, e intanto osservasse
la tregua conceduta per imperiale clemenza a quel principe.[611]
La quistione, qual che fosse la origine, finì con un bel colpo da
mercatante. Sendo afflitto lo Stato di Tunis dalla solita carestia, i
Genovesi veniano in Sicilia a incettare grano per conto d’Abu-Zakaria,
e ci faceano grossi guadagni. Ecco che allo scorcio di febbraio del
quaranta, l’imperatore fa chiudere i porti; fa caricare su le sue navi
cinquantamila salme di frumento e commette all’ammiraglio che mandi a
venderle in Tunis.[612]

Ciò conferma, s’io non erro, il detto di Saba Malaspina, che al
tempo della seconda crociata di san Luigi, il re di Tunis pagava
al re di Sicilia una prestazione o censo (_redditum sive censum_)
annuale, per ottenere che dall’isola si recassero liberamente le
vittuaglie in quello Stato e che le sue navi fossero salve da’ corsari
siciliani.[613] Tornava dunque ad una composizione o transatto,
com’oggi si dice, per la uscita de’ grani. E veramente il fatto de’
Genovesi venuti a comperare a nome del re di Tunis e l’espediente al
quale si appigliò Federigo per frustrarli, ci conducono necessariamente
a supporre un patto che assicurava a quel re la tratta libera
ovvero soggetta a dazio fisso e moderato. Poco monta che in qualche
documento il transatto si chiami tributo, e che il Malespini aggiunga
all’avvantaggio della tratta quello della sicura navigazione; potendo
supporsi ch’ei non fosse bene informato de’ particolari e che la
voce pubblica confondesse le condizioni pecuniarie della tratta,
con le politiche della tregua del dugentrentuno, della quale si è
fatta menzione. Che che ne sia, la prestazione montava, negli ultimi
trent’anni del secolo decimoterzo, a trecento trentatremila trecento
trentatrè bizantini, ed un terzo, i quali valgon oggi, secondo il
peso dell’oro, trecenventicinque mila lire nostrali ed a quel tempo
tornavano in mercato a più d’un milione de’ nostri, per quanto si
possano ragguagliar le valute alla distanza di sei secoli, con le
mutate condizioni economiche e sociali. Venendo in giù dal tempo
di Federigo, noi veggiamo intermesso il pagamento della prestazione
nel dugensessantacinque, alla caduta di casa sveva; ripigliato nel
settanta, per lo trattato di Monstanser con Filippo l’Ardito e con
Carlo d’Angiò, al quale si stipulò di soddisfare i decorsi e raddoppiar
la somma annuale in avvenire; sospeso di nuovo nell’ottantadue, per la
guerra del Vespro; indi promesso da Abu-Hafs a Pier d’Aragona, nella
somma primitiva e coi decorsi di tre anni, per lo trattato stipulato
a Paniças l’ottantacinque; finchè nel trecento le case d’Angiò e
d’Aragona si disputano il tributo, ma non si ritrae che gli Hafsiti
lo soddisfacciano.[614] E non parmi verosimile che il pagamento
fosse incominciato al tempo di Federigo. Nei capitoli ch’ei dettò
per l’ammiragliato di Sicilia pria del dugentrentanove, concedendo a
Niccolino Spinola larghissima potestà e guadagni senza limite, gli diè,
tra le altre cose, il dieci per cento di ciò che “con la sua prudenza
ed arte arrivi a riscuotere da Saraceni qualunque, sia de’ tributi
soliti a pagarsi ai re di Sicilia, sia degli insoliti e novelli imposti
da lui stesso.”[615] Or lo Stato di Tunis non sembra sì piccolo, nè
sì scompigliato in quel tempo, da assoggettarsi a tributo per caso
tanto lieve da non rimanerne vestigia negli annali suoi o della
Sicilia. Pertanto il tributo va noverato più tosto tra i soliti. E
veramente, da Federigo in su, occorre l’imperatore Arrigo VI ch’ebbe da
Marocco, l’anno mille centonovantacinque, de’ carichi d’oro e di robe
preziose,[616] ne’ quali par si ascondesse la prestazione dell’Affrica
propria, non chiarita per anco ribelle a gli Almohadi. E in cima
si scorge il trattato di Guglielmo secondo col califo Abu-Ja’kub:
onde si può ritenere che la composizione per la tratta de’ grani, o
prestazione, censo o tributo che dir vogliamo, si fosse cominciato a
riscuotere sopra i califi almohadi nel millecentottanta, per cagione
della carestia; e si può supporre che qualche città dell’Affrica
propria l’avesse pagato fin da tempo più antico. Nè è da maravigliare
che il trattato del milledugentrentuno non ne faccia menzione, poichè
non era necessario scrivere la consuetudine di quel transatto in un
pubblico strumento politico e commerciale; e quand’anco fosse stata
scritta nel testo latino, potea mancar nell’arabico, sola sorgente alla
quale noi attingiamo il fatto, per mezzo di una traduzione assai più
recente. Confrontando il testo arabico e il testo latino di parecchi
trattati stipulati nel medio evo tra Musulmani e Cristiani, avviene
talvolta che si trovi mutilo l’uno o l’altro, perchè ciascuno solea
sopprimere nel testo da pubblicare in casa propria, le condizioni delle
quali egli arrossiva. A un dipresso han fatto così i principi d’Europa
nei trattati segreti o negli articoli segreti di trattato solenne.[617]

Adescato dal commercio onde arricchiansi Venezia, Pisa e Genova, e
trascinato contro sua voglia dalle ultime onde della Crociata, Federigo
tenne frequenti pratiche coi principi musulmani di Levante, delle quali
ci son rimasi non pochi ricordi e dobbiamo tenerne perduti assai più.
Ma il supposto ch’egli abbia mandati ambasciatori al califo abbasida, è
nato da un errore, cioè che il classico nome di Babilonia col quale gli
scrittori cristiani del medio evo designavano il Cairo vecchio,[618]
significasse, in vece, Bagdad. Poco verosimile parrà d’altronde quel
supposto, quando si pensi che i successori di Harûn-Rascîd contavano
ormai poco o nulla nel mondo. Fin dallo scorcio del duodecimo secolo,
la frontiera settentrionale del territorio musulmano da Barca alla
foce dell’Oronte ed all’Eufrate, era occupata da’ figliuoli, fratelli e
cugini di Saladino. Vasto impero feudale o federale che dir si voglia,
discorde al certo e lacerato da cupidigia, violenza e slealtà; nel
quale disputaronsi per poco il primato due figliuoli del conquistatore,
che avea lasciata (1193), all’uno la Siria e all’altro l’Egitto: ma non
andò guari che Malek Adel, fratello di Saladino, raccolse il frutto di
quella discordia. Insignoritosi di Damasco (1196) e del Cairo (1200),
Malek-Adel lasciò ai suoi proprii figli l’esempio e il comodo della
usurpazione, facendo Malek-Mo’azzam erede della Siria e Malek-Kâmil
dell’Egitto.

Insolito documento ci attesta aver Federigo mandata un’ambasceria a
cotesti due sultani, credo io nel dugendiciassette, quando Malek-Adel
avea già divisi i dominii a’ suoi figliuoli, prima di venire a morte
(31 agosto 1218). Dico d’un compartimento a mosaico, rimaso infino
al decimoquarto e fors’anco al decimosesto secolo, nel portico
della cattedrale di Cefalù, dov’era effigiato Federigo in atto di
accomiatare Giovanni Cicala detto il Veneziano, vescovo di Cefalù,
con questo scritto: “Va in Babilonia e in Damasco; trova i figli di
Paladino (Safadino?) e parla ad essi audacemente in mio nome....”[619]
La recente esaltazione di papa Onorio; la ressa ch’ei facea per la
crociata e il bisogno che avea di lui Federigo, disponendosi a venire
in Italia e quasi a riconquistare i proprii suoi Stati, danno la
ragione di cotesta ambascerìa, o piuttosto vana minaccia; alla quale
par che il sultano di Damasco abbia risposto per le rime, nella forma
che or or si dirà.

A capo di pochi anni, quando Kâmîl s’innalzò su tutti i principi
aiubiti e l’imperatore, sposata la erede del reame di Gerusalemme,
cominciò a considerare quell’impresa con altro intento che di sciorre
il voto sul Santo Sepolcro, ei diessi a coltivare in particolar
modo l’amistà del sultano d’Egitto. E poichè coteste pratiche in
breve tempo condussero alla restituzione di Gerusalemme, che parve
calamità pubblica a’ Musulmani, gli scrittori arabi ce ne danno tanti
particolari da confermare, e in parte raddrizzare e allargare, le
narrazioni di origine cristiana.[620]

Corse voce in Levante che Federigo avesse ridomandata Gerusalemme a
Malek-Mo’azzam, e che il valoroso e dotto principe avesse risposto
all’ambasciatore: “Di’ al signor tuo che per lui io ho la spada e
niente altro.” Questa sentenza, a dir vero, si potrebbe supporre
foggiata in odio di Kâmil, dopo l’abbandono di Gerusalemme e la morte
di Mo’azzam: pur non sembra inverosimile nè la pratica di Federigo,
nè lo sdegnoso rifiuto, s’e’ si riferisse al dugendiciassette,
com’abbiamo notato poc’anzi.[621] Più certo è che Mo’azzam, mal
soffrendo la supremazia del fratello (1226) tentò di muovergli
contro tutti i principi aiubiti e infine collegossi con Gelâl-ed-dîn,
principe dei barbari Kharezmii, i quali, cacciati da orde più feroci
di loro, venian ora dalle rive del Caspio a desolare l’Armenia e
la Mesopotamia. Kâmil in tal frangente, per guastare i disegni del
fratello, chiamò Federigo promettendogli Gerusalemme[622] e gli altri
acquisti di Saladino.[623] S’appiccò la pratica, com’e’ pare, il
milledugenventisette, quando, venuto al Cairo l’arcivescovo di Palermo,
legato dell’imperatore, il sultano fece immediatamente ripartire con
esso lui Fakhr-ed-dîn, gran personaggio a corte d’Egitto;[624] il
quale poi piacque tanto a Federigo, ch’ei gli concedè lo stemma di
casa sveva, poichè i Musulmani s’erano già invaghiti di coteste vanità
occidentali, nelle prime Crociate.[625] L’arcivescovo e Fakhr-ed-dîn,
ritornavano l’anno appresso in Egitto; insieme coi quali andò un
cavaliere, portatore di splendidi presenti:[626] il proprio destrier
di battaglia dell’imperatore, con sella d’oro tempestata di gemme
preziosissime,[627] ed altri nobili cavalli, vestimenta, minuterie
d’oro, falconi e tante rarità.[628] Il Sultano fece spesare gli inviati
siciliani fin dallo sbarco in Alessandria; uscì egli stesso fuor del
Cairo a incontrarli; die’ loro sontuoso ospizio; lor fece ogni maniera
d’onoranza[629] e ricambiò Federigo con molte preziosità d’India,
Jemen, Persia, Mesopotamia, Siria ed Egitto, che valeano, come si dice,
tanti doppi de’ doni suoi.[630]

E tantosto ei mosse con le genti (agosto 1228);[631] occupò Gerusalemme
ed altre terre de’ dominii di Mo’azzam,[632] il quale era morto
da nove mesi (11 novembre 1227) ed eragli succeduto il figliuolo
Dawûd, col titolo di Malek-Nâsir.[633] Seguendo le pratiche iniziate
dal padre,[634] avea questi intanto chiamato lo zio Malek-Ascraf,
principe di Khelât in Armenia; il quale s’affrettò a venire a Damasco
con le forze che aveva in pronto.[635] Onde, sbarcato l’imperatore
ad Acri (7 settembre 1228), tre eserciti si trovarono a fronte,
nessuno de’ quali sapeva con chi avesse ad azzuffarsi; se non che
i furbi capitani avean poca voglia di venire alle mani, quand’era
lì in mezzo il povero Dawûd per pagar lo scotto a tutti. E in vero
Kâmil ed Ascraf, dopo breve carteggio pien di belle sentenze sopra
l’onore di casa aiubita e la gloria dell’islam,[636] abboccaronsi
(10 novembre 1228) presso Ascalona, ridendo sotto i baffi; divisero
a lor modo i dominii del nipote,[637] e stettero insieme un gran
pezzo a veder come acconciare la cosa con Federigo.[638] Il quale
ridomandava Gerusalemme e la costiera tutta di Siria e chiedea con ciò
la franchigia d’ogni gabella in Alessandria. Tanto ei diceva essere
stato profferto al suo luogotenente in Palestina durante la guerra
di Damiata; ond’egli or non voleva accettar meno di ciò che era stato
concesso all’ultimo de’ suoi paggi.[639] Rincrebbe a Kâmil di trovarsi
addosso[640] quest’ausiliare, contro il quale ei non potea tirar la
spada, perchè l’avea chiamato egli stesso e perchè la guerra avrebbe
sciupati i suoi disegni, appunto quand’ei stava per compierli, scrive
un cronista,[641] alludendo di certo al partaggio dello Stato di Dawûd,
ch’era lo scopo di tutti que’ raggiri. Ma Federigo, accorgendosene,
afforzava Sidone,[642] Cesarea, Giaffa[643] e racchetava alla meglio,
come sappiamo dagli scrittori occidentali, i Crociati, ippocriti o
bacchettoni e turbolenti tutti. Le negoziazioni dunque si prolungarono
e con esse le cortesie tra il campo crociato e l’egiziano.[644] Giunto
appena ad Acri, Federigo avea mandati oratori a Kâmil, con doni da
re, Balian signor di Sidone e Tommaso conte di Acerra suo vicario in
Terrasanta; i quali furono accolti a grandissimo onore.[645] Seguì
un continuo andirivieni di ambasciatori.[646] Kâmil adoprava a tal
uficio degli uomini di scienze e di lettere sì accetti all’imperatore:
Fakhr-ed-din, già nominato;[647] il poeta Selâh’-ed-dîn di Arbela[648]
e lo sceriffo Scems-ed-dîn da Ormeia, cadì dell’esercito:[649] mandava
in dono gioielli, preziose vestimenta ed utili animali, dromedarii,
cavalle, muli;[650] e un’altra volta fe’ venire apposta d’Egitto il
solo elefante che rimanea vivo di que’ donatigli da Malek-Mes’ûd,
principe d’Arabia.[651] Federigo poi, non avendo al campo altri tesori,
proponeva al Sultano problemi di filosofia o di matematica e quegli li
facea risolvere dal celebre scrittore ’Alem-ed-dîn, giurista di scuola
hanefita.[652]

Corsero per tal modo sei mesi, allo scorcio dei quali è da supporre
Federigo stanco di soffrire gli insolenti Cristiani armati o disarmati
della Palestina, ed impaziente di star lungi dal suo reame, ch’era
commosso e osteggiato dalle armi papali. E sembra ch’egli abbia
abbassate alquanto le pretensioni; ma di certo seppe mostrarsi a’
Musulmani più tranquillo e forte che mai. Disse chiaro a Fâkhr-ed-dîn,
che gli premea poco di regnare in Terrasanta, ma che volea mantenere il
credito suo in Europa; e se non fosse per questo, non infastidirebbe
il Sultano con tanta pertinacia.[653] Nè egli fece, secondo le
circostanze, un magro accordo. Tutti gli scrittori arabi narrano che
Kâmil fuvvi sforzato da lui: e, chi scrive che il Sultano comprese
non potersi cavare altrimenti dal mal terreno in che avea messo il
pie’;[654] chi afferma ch’ei non potea resistere in verun modo alle
armi di Federigo;[655] chi l’accusa di avere scansata la guerra, perchè
lo avrebbe frustrato nello intento per lo quale ei s’era mosso d’Egitto
e stava ormai per conseguirlo,[656] che vuol dire la usurpazione di
mezzo lo Stato di Damasco. Quando poi Federigo fermò quel patto, il
legato Salâh-ed-dîn d’Arbela, affrettossi a scrivere al suo signore,
scherzando in versi, come s’egli avesse fatto un bel tiro, che
“l’imperatore s’immaginava di conchiuder la pace a suo modo; ma or ha
stesa la destra a giurare; ch’ei se la roda, quando si pentirà di ciò
che ha fatto.”[657]

Gli assentì anco il Sultano d’includere nel patto, per la signoria di
Thoron, una principessa che gli scrittori arabi chiamano la figlia
d’Umfredo.[658] Kâmil poi si vantò coi suoi, che, rimanendo in mano
loro i santuarii musulmani di Gerusalemme, si veniva a ceder poco o
nulla all’imperatore: de’ mucchi di case e chiese cadenti, circondate
di terre musulmane, sì che ad un cenno si potrebbero ripigliare senza
contrasto.[659] Così fu fermata tra i due monarchi la tregua per dieci
anni, cinque mesi e quaranta giorni,[660] contati dal ventotto di rebi’
primo del secenventisei (24 febbraio 1229), e i capitoli principali
furono: che si rendesse a Federigo la città di Gerusalemme, con
Nazareth, Betlemme, Ludd, Ramla e gli altri villaggi su la via d’Acri e
di Giaffa e inoltre il territorio di Thoron e la città di Sidone; che
la moschea d’Omar e la cappella della Sakhra, o diremmo noi del Sasso
e s’intenda di quello nel quale Maometto lasciò l’orma del piede nello
spiccare il volo alle regioni di lassù, fossero custodite da Musulmani
e vi si officiasse secondo loro legge, ma potessero i Cristiani visitar
que’ santuarii; che i poderi del territorio rimanessero ai possessori
musulmani governati da un prefetto di loro nazione.[661] Aggiungono
i Musulmani una clausola data ad intender loro da Kâmil, per la quale
era vietato di rifabbricare le mura di Gerusalemme; ma Federigo affermò
espressamente il contrario all’Europa e scrisse poter anco fortificare
Giaffa, Cesarea, Sidone ed un castello dei Templari presso Acri.[662]
Del resto avvenne tra’ Musulmani lo stesso che in Cristianità: che il
volgo dei fanatici maledisse Kâmil e la ignominiosa sua pace;[663] e il
papa di Bagdad se ne crucciò come quel di Roma, ma s’acquetò assai più
facilmente.[664]

Federigo andò a prender possesso di Gerusalemme, accompagnato da
un commissario di Kâmil,[665] ammirato da’ Musulmani per dottrina,
arguzia, tolleranza o, come dicean essi, inclinazione all’islamismo,
e irrisione del cristianesimo; onde altri lo definì _dahri_ che
oggidì suonerebbe panteista:[666] e tutti maravigliarono di questo
imperatore, filosofo e guerriero, calvo, losco, rossigno, che al
mercato degli schiavi non n’avresti dati dugento dirhem.[667] Tra
i molti aneddoti che se ne legge, noteremo sol quello ch’ei menò
seco a Gerusalemme il suo maestro di dialettica, e paggi e guardie,
tutti Musulmani di Sicilia, i quali si prosternavano alla preghiera
sentendo far l’appello del muezzin da’ minareti della moschea di Omar;
ed anco l’imperatore avea a grado quella cantilena, nè s’adirava che
si recitassero i versetti del Corano dove i Cristiani son chiamati
politeisti.[668] Sepper poco i Musulmani di quella scandalosa nimistà
del papa, del patriarca Gerosolimitano, de’ frati guerrieri e di quanti
s’affaticavano a tagliare i passi di Federigo in questa Crociata:[669]
delle quali brighe trapelò negli annali arabici sol quella, riferita
anco da’ latini, cioè che avendo alcuni Crociati profferto a Kâmil
di uccidere Federigo, il sultano mandò a lui stesso le lettere de
traditori.[670] Del resto gli Arabi ci danno con precisione tutti i
particolari dell’impresa, perfino il giorno che l’imperatore sbarcò,
reduce, in Italia.[671]

La possessione precaria di Gerusalemme condusse l’imperatore a
più strette pratiche nelle province che stendonsi dall’Istmo di
Suez all’Eufrate, nelle quali, frati e baroni cristiani e principi
musulmani, grandi e piccini, attendevano or più che mai a svaligiarsi
tra loro, collegandosi a viso aperto coi nemici della propria fede,
contro i fratelli in Cristo o in Maometto. Spregiatori dell’uno e
dell’altro, e però maledetti, perseguitati, ridotti allo stremo e
pur temuti per le inespugnabili fortezze e pe’ sicarii audacissimi,
rimaneano ancora gli Ismaeliani, detti in Cristianità _Assassini_, e il
loro sceikh, o capo setta, chiamato, con versione troppo letterale, il
Vecchio della Montagna.[672] E su quel brulichìo di feudi dominavano le
due potenze del Cairo e di Damasco, finchè l’una inghiottì l’altra.

Ascraf, insignoritosi di Damasco (1229) mentre Kâmil cedea Gerusalemme,
collegato con lui contro i Kharezmii, quindi inimicatosi, e morto
il seicentrentacinque (1237), avea lasciata la sua parte di Siria al
fratello Ismaele; e Kâmil non avea tardato a spogliare quest’altro ed
a farsi, tra signoria diretta e signoria feudale, sovrano di tutti i
dominii aiubiti. Ma trapassato egli stesso sei mesi dopo Ascraf (marzo
1238), e lasciata la Siria ad un figliuolo e l’Egitto ad un altro, si
ripigliò l’usanza di famiglia; onde l’un fu morto, l’altro, intitolato
Malek-Sâleh, occupò tutto il dominio (giugno 1240). Intanto nuovi
Crociati, non curando gli accordi di Federigo, ruppero la guerra;
afforzarono a modo loro Gerusalemme; ritentarono l’Egitto, e toccarono
quivi una sconfitta. In que’ trambusti, Nâsir, che i due fratelli
del padre avean già spogliato (1229) di Damasco e lasciatogli il
principato di Karak, volle ripigliare la roba sua; onde saputa la rotta
de’ Cristiani, piombò sopra Gerusalemme, uccise o fece schiavi quanti
v’eran dentro, e demolì le fortezze (1241). Nello stesso tempo Ismaele,
nominato dianzi, riprese Damasco, e si collegò con chi potè, senza
distinguere religione: onde seguirono nuovi scontri e stragi, e guasti,
e tregue fino al dugenquarantaquattro; quando i Kharezmii piombarono
addosso a tutti.[673]

Molte vestigia ci rimangono delle negoziazioni di Federigo in
quel periodo. Sappiamo venuti a lui in Puglia, del dugentrentadue,
ambasciatori del sultano di Damasco;[674] ch’era in quell’anno Ascraf,
il quale, soverchiato da’ Kharezmii in Armenia, avea perfin chiesto
aiuto al suo fratello Kâmil.[675] In questo, o in altro incontro,
Federigo donò ad Ascraf un orso bianco; del quale i Musulmani scrissero
con maraviglia ch’e’ rassomigliava il lione per la qualità del pelo
e che tuffava in mare a prender pesci. Si notò anco il dono d’un
pavone bianco.[676] A’ dì ventidue luglio del medesimo anno, Federigo
imbandiva a Melfi un gran convito agli ambasciatori del sultano
d’Egitto e del Vecchio della Montagna, dov’ebbe a mensa parecchi
vescovi e molti cavalieri tedeschi;[677] spettacolo di tolleranza assai
più strano a corte imperiale che l’orso bianco a Damasco. Ma non si
ignoravano in Germania coteste relazioni con gli Ismaeliani; e s’era
perfin detto l’anno innanzi che gli Assassini avessero pugnalato il
duca di Baviera per pratica dell’imperatore, suo nemico mortale.[678]
Così fatta calunnia, ripetuta volentieri tra i clericali di quell’età,
die’ origine ad una delle nostre _Cento novelle antiche_, nella quale
si legge che andato Federigo alla “Montagna del Veglio,” volendo
costui mostrargli la sua possanza, “vide in su la torre due Assassini:
presesi per la gran barba: quelli se ne gittaro in terra e moriro
incontanente.”[679]

Il legame col sultano d’Egitto si ristrinse dopo la resa di Gerusalemme
e divenne schietta amistade al dir d’uno scrittore musulmano,[680]
confermato dalla espressa accusa di papa Innocenzo IV.[681] Pare anco
siasi fermato tra Federigo e Kâmil, lo stesso anno dugenventinove,
o poco appresso, com’egli è più verosimile, un trattato politico e
commerciale, sì civile, che si potrebbe rifare con poco divario nel
secolo decimonono. Dico una lega offensiva e difensiva e reciproche
sicurtà e franchige pei sudditi, poco diverse da quelle che furono
stipulate il milledugentottantanove tra il sultano Kelaun e il suo
erede presuntivo da una parte, e re Alfonso d’Aragona, re Giacomo di
Sicilia con due loro fratelli dall’altra; i quali capitoli, afferma il
cronista della corte del Cairo in quel tempo, essere stati proposti da
casa di Aragona secondo la pace che avea fatta un tempo Malek-Kâmil
coll’imperatore.[682] Di certo nelle negoziazioni di Gerusalemme
s’era discorso di franchigia doganale nel porto d’Alessandria:[683]
e il genio de’ due principi e delle due corti portava ad allargare
e concretare quelle idee, anzi che lasciarle svanire. E se la
splendidezza de’ doni fosse argomento della importanza del patto,
quello di cui diciamo si potrebbe riferire allo stesso anno trentadue,
quando gli ambasciatori d’Egitto, festeggiati nel convito di Melfi,
avean recato all’imperatore un capo lavoro d’arte e di scienza,
ricchissimo dono apprezzato ventimila marchi di Colonia: un padiglione
la cui vôlta fingeva il firmamento, dove il sole e la luna, movendosi
per occulto congegno, notavan le ore del giorno e della notte; la qual
macchina lo imperatore fe’ serbare a Venosa.[684] Degli ambasciatori
egiziani di questa o d’altra legazione sappiam che uno, per nome
Makhlûf, morì in Messina e fu sepolto nella spiaggia di Mosella, dove
la sua tomba si vedea sino allo scorcio del secol decimoterzo.[685] E
forse de’ cavalieri venuti in somiglianti missioni del sultano, furono
notati nel campo dello imperatore sotto Brescia (1238).[686]

Non mancò con la vita di Kâmil l’amistà delle due corti. L’anno
novecencinquantotto de’ Martiri (29 agosto 1241, a 28 agosto
1242) approdava in Alessandria una nave siciliana, ben chiamata il
Mezzomondo,[687] poichè recava, come si disse, novecento uomini
e merci senza fine e con esse i doni che mandava l’imperatore al
novello sultano, affidati a due ambasciatori, de’ quali il maggiore
in dignità, alla descrizione che ne fa il cronista copto, parrebbe
alcun frate fatto arcivescovo, se noi non sapessimo ch’ei fu Ruggiero
degli Amici.[688] I due legati aspettarono lunga pezza la licenza
di presentarsi al sultano; avutala, essi e il seguito, che montava
ad un centinaio di persone, furono menati alla capitale, con lungo
giro per Faium, le piramidi, e Giza; trovarono il nuovo e il vecchio
Cairo parati a festa, l’esercito schierato in mostra, la cittadinanza
uscita loro all’incontro. Il sultano avea lor mandati due cavalli di
Nubia e fornita di palafreni la famiglia: ei li fece alloggiare in
due palagi principeschi, li colmò di doni, provvide in abbondanza ad
ogni lor comodo. Si rinnovò la festa il giorno della presentazione
solenne al castello del sultano, e durò questa larga ospitalità tutto
l’inverno ch’e’ rimasero al Cairo, in liete brigate, conviti e feste
e cacce, e tiri a segno con le balestre.[689] Un altro ambasciatore
arrivò l’anno appresso ad Alessandria con un buzzo che s’addimandava
anch’esso il Mezzomondo, della cui mole la gente maravigliò. Si dicea
portasse un immenso carico di olio, vino, caci, miele ed altre derrate
e con ciò trecento marinai, senza contare i passeggieri.[690] Altri
fatti provano le strette relazioni tra la Sicilia e l’Egitto. Del
dugenquarantacinque o quarantasei, l’affermava il Sultano stesso al
papa, il quale non avea sdegnato di scrivergli chiedendo una tregua
pe’ Cristiani di Palestina.[691] Una nave approdata in Alessandria il
secenquarantaquattro (19 maggio 1246 a 7 maggio 1247) recò, svisate
alquanto ma vere in fondo, le nuove della gran lite che ardeva
in Europa: il papa perseguitar l’imperatore com’apostata e mezzo
musulmano; avere perciò stigati tre baroni regnicoli ad ucciderlo,
promettendo all’uno la Sicilia, all’altro la Puglia, al terzo la
Toscana; ma che l’imperatore, saputo dalle spie che i congiurati
doveano assalirlo mentr’ei dormiva, fe’ coricare nel proprio letto
uno schiavo, s’appostò con cento cavalieri, e mentre gli assassini
pugnalavano il servo, ei li trucidò tutti di sua mano, fece scorticare
i cadaveri e le pelli piene di paglia appese alla porta d’un suo
castello. Come ognun vede, cotesta favola raffigurava, direi quasi,
a scorcio le congiure scoperte allora nel napoletano. La novella,
ritornando alla pura verità, conchiudea che, fallito quel colpo,
il papa mandò un esercito contro l’imperatore.[692] Scrivon anco
i Musulmani che Malek-Sâleh fu avvertito da lui della mossa di San
Luigi contro l’Egitto:[693] e veramente il trattato di Kelaun, dianzi
citato, porterebbe a creder questo racconto, poichè Alfonso d’Aragona e
Giacomo di Sicilia, tra le altre cose, s’obbligarono a dar somiglianti
avvisi al Sultano.[694] Abbiamo infine nelle memorie musulmane di
questo periodo, il titolo che usava la cancelleria del Cairo scrivendo
a Federigo, cioè: “il gran re, illustre, eccelso, potentissimo, re
di Alemagna, di Lombardia e di Sicilia, custode della santa città
(di Gerusalemme), sostegno dell’imâm di Roma, re dei re cristiani,
difensore de’ reami franchi, duce degli eserciti crociati.”[695]

Che così fatta amistà co’ sultani d’Egitto non sia stata interrotta
sino al fine della dominazione sveva, si argomenta dal dono del
sultano Bibars il quale mandò a Manfredi una giraffa.[696] Più
espressamente l’attestava ad Abulfeda il suo maestro Gemâl-ed-dîn, cadì
supremo di scuola sciafeita in Hama, storico, matematico, giurista,
autore di varie opere e, tra le altre, d’un trattato di dialettica,
dedicato a re Manfredi e intitolato l’(epistola) imperatoria; poichè
i Musulmani chiamarono anco imperatori i figliuoli di Federigo II.
Narrava Gemâl-ed-dîn che Bibars mandollo ambasciatore a Manfredi il
secencinquantanove (dal 6 dicembre 1260, al 25 novembre 1261) e ch’ei
ripartì dalla corte sveva quando il papa stava per concedere il reame
a Carlo d’Angiò. Raccontava essersi abboccato parecchie volte col re,
in una città di Puglia distante cinque giornale da Roma e vicina assai
alla terra di Lucera, i cui abitatori eran tutti Musulmani, oriundi
di Sicilia; che in Lucera osservavasi il rituale musulmano, anco la
preghiera solenne del venerdì; che nella gente di Manfredi molti erano
di quella schiatta e che nel campo si facea pubblicamente l’appello
alle cinque preghiere quotidiane. Affermava che Federigo e i successori
Corrado e Manfredi, ai quali e’ dava anco il titolo d’imperatori,
erano stati tutti scomunicati dal papa per la benevolenza loro verso
i Musulmani, e narrava su la elezione di Federigo all’impero una
novelletta che gli avean data ad intendere a corte: la solita magagna
del candidato che raccoglie tutte le voci, promettendo la sua propria a
ciascuno elettore.[697]

Tanto si ritrae delle relazioni politiche della corte di Palermo con
quella del Cairo e con altre di Musulmani, nella prima metà del secolo
decimoterzo. Del commercio tra i popoli, il quale a volta a volta fu
causa ed effetto di quelle consuetudini de’ principi, toccheremo nei
capitoli seguenti, passando a rassegna le parti di civiltà che si
notano in quest’ultimo periodo delle colonie musulmane della Sicilia.



CAPITOLO X.


Dagli emiri Kelbiti la storia letteraria di Sicilia passa a re
Ruggiero, saltando pressochè un secolo, che cominciò con la guerra
civile de’ Musulmani e terminò con l’assetto de’ conquistatori
cristiani d’oltre il Faro e d’oltre le Alpi: nel qual tempo molti
Credenti cultori delle scienze e delle lettere, lasciata l’isola,
s’illustravano in altre terre musulmane; ed all’incontro i germi della
civiltà occidentale, parte indigeni e parte stranieri, penavano a
fiorire in sì profondo mutamento di religione, di lingua, d’ordini
politici e sociali. I germi indigeni non eran morti. Que’ trecento
codici che il Prete Scholaro legava al nascente suo monastero di
Messina, l’ultim’anno appunto dell’undecimo secolo,[698] attestano che
gli studii non fossero dimenticati; nè parmi inverosimile che tra le
omelìe, i canoni e i breviali, si fosse intruso nella biblioteca del
fondatore qualche classico, qualche libro di storia o di matematica.
A capo di mezzo secolo, Giorgio d’Antiochia, uomo d’altra origine
e d’altra tempra, fondando in Palermo la chiesa di Santa Maria che
in oggi s’addimanda della Martorana, le donò tra tante ricchezze
«non pochi libri.»[699] Dond’ei si argomenta che coteste collezioni
erano già tenute bell’ornamento ne’ palagi de’ grandi siciliani,
e suppellettile necessaria negli stabilimenti ecclesiastici: i
quali sendo tanto cresciuti nella prima metà del XII secolo, doveva
aumentarsi anco il numero de codici raccolti e la tentazione di
guardarci dentro.

Ma pervenuti alla emancipazione di Ruggiero, secondo conte e non guari
dopo re di Sicilia, smettiamo le induzioni, possedendo testimonianze
espresse e fatti permanenti. Abbiamo già notato il grande ingegno
di quel principe, lo zelo per la scienza, la lode meritata nella
compilazione della Geografia che ebbe nome da lui: abbiamo altresì
fatta menzione dei dotti della corte di Palermo, tra i quali ei
primeggia sempre per l’altezza della mente, come per la dignità del
grado. Or diremo di que’ valentuomini e delle opere loro, secondo le
poche notizie pervenute infino a noi.

Gli Arabi salvarono dal naufragio della scienza antica, tra tante altre
opere, quelle di Tolomeo; le tradussero in loro linguaggio, nel nono
secolo dell’èra volgare: e così l’Europa, assai prima di possedere il
testo greco, studiò l’«Almagesto» ritradotto dallo arabico in latino.
La «Geografia» che veniva per la stessa via, s’arrestò in Sicilia,
come or sarà detto. Ma perduto è il testo dell’«Ottica,» nè altro
or ne abbiamo che la traduzione latina, elaborata dall’ammiraglio
siciliano Eugenio sopra una versione arabica. Questo scritto che fu
ecclissato dalle altre due compilazioni dello stesso autore, le quali
abbagliavan la gente con la vastità del subietto, vale assai più
che quelle, secondo il giudizio della scienza moderna. Qui Tolomeo,
invece di sviare con grosse ipotesi le menti degli studiosi, fonda
la teoria su gli sperimenti e su le verità matematiche. Donde i dotti
del medioevo che aspiravano a scoprir le leggi fisiche, tra gli altri
Ruggiero Bacone e Regiomontano, usarono come libro classico l’Ottica
di Tolomeo: la quale se in oggi può servire solamente alla storia della
scienza, vi segna pure un gran progresso, svolgendo per bene la teoria
della refrazione, alla quale gli altri scrittori antichi aveano appena
accennato. Così pensava Alessandro Humboldt.[700] L’ammiraglio Eugenio,
in brevissimo proemio, tocca la importanza di quel trattato, il diverso
genio delle lingue, onde tornava sì difficoltoso a voltare l’arabico
in greco o in latino, e protesta che in alcuni luoghi, anzichè tradurre
verbalmente, ei cercherà di cogliere il pensier dell’autore e renderlo
quanto più concisamente per lui si possa. Avverte con ciò che nella
versione arabica mancava il primo de’ cinque discorsi ond’è composto
il trattato, e che de’ due codici ch’egli aveva alle mani, uno era
buono sì, ma non vi si trovava nè anco il primo discorso.[701] Dond’e’
si vede che Eugenio sentiva molto innanzi in fisica e in filologia;
oltrechè scrivea molto bene, secondo i suoi tempi, il latino. Pertanto
lo direi siciliano di nazione, non già greco di Levante come Giorgio
d’Antiochia. L’opera non è stampata finora, ma spero esca alla luce tra
non guari in Italia, sette secoli dopo che fu fatta la traduzione nel
nostro suolo stesso. Basti qui aggiungnere, che il nome e il titolo
officiale del traduttore si leggono in tutti i testi a penna quasi
senza varianti; tal non sembrando a chiunque abbia pratica d’antiche
scritture, lo scambio d’una lettera, onde alcuni codici hanno ammiraco
in luogo d’ammirato. E che l’autore sia stato contemporaneo di re
Ruggiero, si argomenta dalla qualità stessa dell’opera; si prova coi
diplomi; e lo conferma, secondo me, un’altra versione latina che si
attribuisce a questo medesimo ammiraglio.

Dico le profezie della Sibilla Eritrea, scritte in caldaico in forma
di epistola ai Greci, quand’essi andavano alla guerra di Troja; voltate
in greco da un Doxopatro e quindi in latino da Eugenio, ammiraglio del
reame di Sicilia, dove capitò il libro greco, sottratto dal tesoro di
Manuele imperatore. Veramente il nome dell’ultimo traduttore potrebbe
esser falso quanto quello dell’autrice ispirata, e l’epoca di Manuele
Comneno potrebbe essere supposta come quella di Priamo: tanto più
che gli avvenimenti ai quali si allude sotto strano velame di leoni,
serpenti, aquile, vulcani, tremuoti, tempeste del cielo e misfatti
degli uomini, sono evidentemente quei che commossero l’Italia e
l’Europa nel duodecimo e decimoterzo secolo. Pur egli è da riflettere
che cotesti libri profetici, dall’antichità fino agli ultimi tempi
del medioevo, sono stati piuttosto copiati e interpolati che rifatti
di pianta. Onde non parmi inverosimile che qualche barattiere abbia
venduto a re Ruggiero, a peso d’oro, alcun manoscritto greco, lacero
e insudiciato, vantandosi d’averlo rubato proprio al rivale Comneno;
ovvero che l’impostore, vissuto nel secolo seguente, abbia scritto a
dirittura in latino, fingendo al paro i nomi dell’imperiale possessore
e dello ammiraglio siciliano, i quali ognun sapeva essere stati
contemporanei, e l’uno perduto nell’astrologia, l’altro famoso per
traduzioni d’opere scientifiche dalle lingue del Levante.[702] Nel
primo caso, il Doxopatro, supposto traduttore dal caldaico, sarebbe
forse il retore Giovanni, autore dei Comentarii d’Aphthontio e d’altre
opere che sembran dettate allo scorcio dell’undecimo secolo.[703]
Nell’altra ipotesi, potrebbe dirsi che il falsario volle mettere
innanzi quel Nilo Doxopatro venuto di Grecia alla corte di Ruggiero, e
ch’ei finse anco il nome del traduttore latino, per allontanare sempre
più dal secolo decimoterzo le favole ch’ei spacciava.

Avendo esaminato altrove[704] qual parte ebbe Ruggiero nella
composizione della geografia che in oggi corre sotto il nome d’Edrîsi,
e avendo toccato il soggiorno di questo dotto musulmano a corte
di Palermo, convien or dire quant’altro sappiamo della sua vita, e
provarci a dar giudizio dell’opera.

Sua Eccellenza Edrîsi, chè a ciò torna il titolo di _Scerîf_ dato a
lui come ad ogni rampollo d’Alì e di Fatima, esciva della linea di
un Edrîs, discendente in quarto grado dalla figliuola del Profeta;
il quale, cercato a morte per ribellione contro il califo di Bagdad,
era fuggito l’anno centrentanove (786) dallo Hegiâz fino all’odierno
impero di Marocco, dove i Berberi lo gridarono califo (789) e dove
il suo figliuolo fondò poi Fez (807). Cadde la dinastia di Edrîs nel
decimo secolo; e toccata la stessa sorte, ne’ principii dell’undecimo,
a’ califi omeiadi di Spagna, salì al trono loro Alì, figliuolo d’un
edrisita per nome Hammûd: onde questo novello ramo fu appellato de’
Beni-Hammûd. I quali non tennero a lungo il califato di Cordova. Quando
si sfasciò, essi detter di piglio a Malaga e ad Algeziras (1035-1038),
e perdute anche queste, signoreggiarono qualche altra terra
dell’Affrica settentrionale. Un uomo di lor gente venuto in Sicilia,
ebbe Castrogiovanni e consegnolla al conte Ruggiero.[705] Il geografo,
nato nei Beni-Hammûd di Malaga, par abbia preso questo nome d’edrisita
più tosto che hammudita, per distinguere il suo casato da quello di
Sicilia, ovvero per ricordare insieme il glorioso capo della dinastia
in Occidente e l’Edrîs bisavol suo, primo principe di Malaga.[706]

Nè il nobil sangue nè la dottrina bastarono ad ottenere in onor
dell’Edrîsi una biografia, tra le mille e mille che compilavano
assiduamente gli autori arabi del medio evo.[707] Leone Affricano che
ci si provò nel secolo decimosesto, per troppa brama di soddisfare la
curiosità letteraria degli Italiani, scrisse di memoria e in parte
di fantasia; oltrechè il suo abbozzo ci è pervenuto per lo mezzo,
niente diafano, di una doppia traduzione.[708] Frugando qua e là, pur
si è raccolta, in questi ultimi anni, qualche notizia degna di fede.
Edrîsi ebbe nome Abu-Abd-Allah-Mohammed, figlio di Mohammed, figlio di
Abd-Allah, figlio di quell’Edrîs che prese a Malaga (1035) il titolo
di Principe de’ Credenti e il soprannome di El’-âli biamr-illah.[709]
Dicesi che il geografo fosse nato in Ceuta il quattrocennovantatrè
dell’Egira (1100) e avesse fatti gli studi a Cordova:[710] di certo ei
viaggiò nella penisola spagnuola fino alle rive dell’Atlantico; vide in
Affrica Costantina e le regioni meridionali del Marocco; e in Levante
arrivò per lo meno infino a Nicea, poichè egli scrive essere entrato
l’anno cinquecentodieci (1116) nella grotta de’ Sette Dormienti, sì
celebri nell’agiografia musulmana.[711]

Men oscuro il periodo ch’ei visse in Sicilia, onde fu chiamato
siciliano; com’era uso di trarre i nomi etnici da’ luoghi, sia della
nascita, sia dell’educazione o del soggiorno. E però abbiam detto
ne’ capitoli terzo e quarto di questo libro come, allettato dalla
munificenza di Ruggiero, venne Edrîsi dalla costiera d’Affrica in
Palermo, dove il sangue hammudita gli portava onore senza pericolo,
e com’egli rimase alla corte di Guglielmo primo.[712] In qual paese
poi fosse andato e quando fosse morto, non si ritrae;[713] poichè le
ultime notizie che abbiam di lui vengono da Ibn-Bescirûn, autore del
_Mokhtar-el-Andalusiin_, ossia «Scelta di [poeti] Spagnuoli,» il quale
incontrò Edrîsi in Palermo, e dice ch’egli avea compilato il _Nozhat_
per Ruggiero e che scrisse per Guglielmo primo, su lo stesso argomento,
il _Rûdh-el-Uns wa nozhat-en-nefs_ ossia «Giardino del diletto e
sollazzo dell’intelletto.» Imâd-ed-dîn Ispahani trascrive questo e
molti altri squarci dell’Antologia d’Ibn-Bescirûn, nella _Kharida_,
fonte principale delle nostre notizie su i poeti arabi in Sicilia.
Ed ambo gli antologisti, senza dir altro delle opere geografiche di
Edrîsi, mettonsi a lodare con iperboli e bisticci le poesie, che il
primo dice aver avute dall’autore stesso e il secondo ce ne serba varii
squarci, che sommano a trentacinque versi.[714] I quali potrebbero
stare nella raccolta degli Arcadi nostri. Immagini copiate per la
millesima volta, sonvi espresse con grazia e lindura. La lingua stessa
in coteste poesie non è tanto leccata quanto nella geografia; dove
Edrîsi intarsiò tanti pezzi di rettorica e ricami d’arcaismi che,
invece d’infiorare la descrizione, la rendono monotona e talvolta anche
ambigua.

Passando dalla forma alla sostanza, è da rammentare in primo luogo
qual fosse la condizione degli studii geografici alla metà del secol
duodecimo. L’antichità greca e romana aveva insegnato a misurar la
terra con le osservazioni del cielo; avea cominciato a notare le
distanze delle città, il corso dei fiumi, la configurazione de’ mari;
a descrivere la natura organica e le schiatte ed opere degli uomini;
avea lasciati abbozzi di carte e d’itinerarii figurati: i quai lavori,
ancorchè fossero imperfetti per vizio degli strumenti, scarsezza
di osservazioni e abuso delle ipotesi, pur mostrano che la scienza
era fondata. Il trattato di Tolomeo la ricapitolava tutta insieme,
coordinandovi gli errori proprii del compilatore. Sopravvenute le
tenebre della barbarie, la geografia rimbambì in Europa, come ogni
altra scienza; si ridusse a scarabocchi informi, a compendii di
compendii; peggiorando sempre in Occidente, dal quinto all’undecimo
secolo dell’èra cristiana:[715] e appena v’incominciava col duodecimo
una ristorazione, promossa dalle Crociate. De’ Bizantini si potrebbe
dir ch’e’ serbarono i libri di geografia, senza studiarli giammai. Ma
entrati gli Arabi nel consorzio de’ popoli, ricercarono con impeto
giovanile le scienze geografiche. Alle quali erano predisposti
dalla vita nomade, da’ viaggi di carovana, dalla curiosità dei segni
celesti, fors’anco da’ commerci con gli abitatori della Mesopotamia
che almanaccarono ab antico sul firmamento. Allettò poi gli Arabi
all’astrologia, quella continua vicenda di loro società riottosa;
e da un altro canto, il culto li obbligò a sciogliere problemi di
cosmografia, richiedendo, in paesi lontanissimi del Settentrione e
dell’Occidente, qual fosse la _kibla_, ossia dirittura della Mecca, e
quali le cinque ore della preghiera, variabili secondo la lunghezza de’
giorni.

Si stese l’ordito della geografia generale co’ lavori della Persia
sassanide, dell’India e della Grecia, soprattutto co’ libri di Marin da
Tiro e di Tolomeo, tradotti in arabico da’ testi greci o da versioni
siriache. La geografia descrittiva, iniziata con le relazioni de’
capitani che reggeano i reami conquistati, con gli itinerarii postali,
coi catasti, e con ogni altro ritratto ufiziale di loro sottile
azienda, s’impinguò coi frequentissimi viaggi che i pellegrini, i
mercatanti, i letterati vagabondi, faceano nell’immenso territorio
musulmano.[716] Dalla fine così dell’ottavo secolo alla prima metà del
duodecimo, i Musulmani rimisurarono il grado del meridiano terrestre;
rifecero a poco a poco le tavole delle latitudini e longitudini;
allargarono la cognizione dell’abitato fino alle estreme costiere
orientali dell’Asia e, in Affrica, fino all’equatore; compilarono
itinerarii, descrizioni, abbozzi statistici; rinnovarono il planisfero
e delinearono carte parziali.[717] Quantunque e’ non fossero arrivati
a dileguare alcune favole geografiche, anzi ne avessero aggiunte delle
proprie loro; quantunque non si fossero liberati al tutto dal giogo
di Tolomeo ed avessero conosciuta molto imperfettamente l’Europa, gli
Arabi pur batteano le vere vie della scienza, mentre in Occidente la
feudalità chiudeva in angusti limiti i corpi e le menti.

S’accinse Ruggiero in questo, a compilare la geografia universale,
usando insieme le cognizioni dell’Oriente e dell’Occidente e il
ritratto di nuovi studii: la qual opera, nella prima metà del
duodecimo secolo, il solo re di Sicilia e dell’Italia meridionale
poteva intraprendere. Nella prefazione d’Edrîsi già riferita[718]
leggonsi i nomi di dodici geografi, studiati, come si dice, dal
re; de’ quali, dieci son arabi, Tolomeo greco e l’ultimo sembra
Orosio, il celebre compendiatore latino de’ bassi tempi.[719] Degli
arabi, sei ci son noti: Mas’ûdi, Geihani, Ibn-Khordabeh, Ibn-Haukal,
Ja’kûbi, Kodama, ottimi compilatori di geografia descrittiva;[720]
ma gli altri quattro, cioè Ahmed-ibn-el-’Odsri (ovvero el-’Adsari),
Giânâkh-ibn-Khakân-el-Kîmâki,[721] Musa-ibn-Kasim-el-K..r..di, ed
Ishak-ibn-el-Hasan, detto l’astronomo, non sono noti, nè sappiam qual
ramo abbian trattato; se non che l’ultimo, dalla qualità attribuitagli,
si può supporre autore di geografia matematica, o forse compilator
di tavole delle latitudini e longitudini.[722] Mancano dunque tra le
autorità di Edrîsi i più celebri scrittori arabi di questo ramo della
geografia, vissuti prima di lui, come sarebbero Albateni, Abu-l-Wefa,
Ibn-Iûnis, Albiruni;[723] ma può darsi che Ishak-ibn-el-Hasan abbia
raccolti i dati, almen dei primi tre. In geografia descrittiva mancano
Mokaddesi[724] e Bekri, lodatissimi autori dell’undecimo secolo.[725]
Se cotesti libri veramente rimasero ignoti a corte di Palermo, si
comprende tanto meglio che Ruggiero gittò via quegli altri, accomiatò
gli pseudo-geografi viventi ch’egli avea chiamati in soccorso, e
deliberossi a rifare di pianta il disegno della superficie terraquea,
secondo le relazioni d’uomini pratici. Ognuno intende che Ruggiero
prese questa via, inorridito del mostruoso parto ch’esser doveva
un planisfero a modo di Tolomeo e de’ suoi correttori arabi, le
proporzioni del quale, senza dubbio, erano smentite, chiaro e tondo,
dagli itinerarii terrestri e sopratutto dalle carte di navigare del
Mediterraneo.

Quando avverrà che si appuri meglio il testo di Edrîsi e la
nomenclatura delle carte ond’è fornito, si scopriranno forse altre
sorgenti dell’opera, non confessate nella prefazione; poichè alcuni
dati che veggiamo qua e là, non vengono da quelli che noi conosciamo
tra gli autori testè citati, nè par si possan trovare appo gli ignoti,
che son tutti arabi, eccetto Orosio o quel ch’e’ sia. Così è da trovare
l’origine d’una misura nuova o antichissima dell’equatore, la quale
torna a settantacinque miglia al grado,[726] non miglia arabiche, ma
romane, quelle medesime che Edrîsi adopera nel capitolo della Sicilia
e che rispondono, quasi a capello, alle odierne miglia siciliane.[727]
Alcuni nomi topografici della Sicilia stessa ci sembrano presi da
antiche carte greche o romane, anzichè da carte arabiche, o dall’uso
volgare del duodecimo secolo.[728] Similmente in Grecia, nell’Italia di
sopra e in qualche parte della Francia, i nomi spesso hanno sembianza
antica; mentre in altre regioni della Francia, in Germania e in
Inghilterra prevale la forma degli idiomi novelli e si vede chiara
l’origine da relazioni o itinerarii del XII secolo.[729]

Ripigliando il racconto sotto la scorta di Edrîsi, veggiamo che furono
interrogati e confrontati assiduamente, per lo spazio di quindici anni,
gli uomini pratici, che vuol dire, secondo me, i navigatori italiani,
e i viaggiatori d’altre parti d’Europa[730] i quali capitavano in
Sicilia, chi per cagion di commercio, chi nell’andare alla Crociata;
e con essi anco de’ Musulmani pellegrini, mercatanti e girovaghi.[731]
Dopo tre lustri d’investigazioni, l’ufizio geografico della corte pose
mano a rettificare il mappamondo, come si scorge dal passo d’Edrîsi
che abbiam noi tradotto. Ed or comentandolo diciamo, che si delineò
una carta geografica,[732] nella quale si cominciò a trasportar col
compasso, ad una ad una, le linee itinerarie orientate,[733] ritratte
dalle relazioni; che si riscontrarono via via cotesti dati con quelli
de’ libri geografici; che si sciolsero o si troncarono i dubbii surti
nel confronto, e che, fissate in tal guisa le posizioni de’ paesi e
le figure della terra e delle acque, furono incise in un planisfero
d’argento, ch’avea per raggio un metro o poco meno ed era diviso
in segmenti, per maneggiarsi più comodamente.[734] Così mi sembra
eseguìto il mappamondo, il quale mal si può giudicare dalle figure
che ne abbiamo in due antichi manoscritti alquanto dissimili tra loro,
ridotte alla quinta o alla sesta parte e delineate senza proporzioni
più precise, che quelle che dar potesse la mano e l’occhio del
copista.[735] Possiam noi supporre adoprata nel primo abbozzo una carta
generale o un sistema di carte parziali: possiamo immaginare l’una
o le altre, copiate da esemplari antichi o arabi, ovvero costruite
appositamente su le tavole di latitudine e longitudine de’ Greci,
corrette dagli Arabi; sempre la base dell’operazione si riduce alla
figura che raccapezzavasi dalla scienza di quel secolo; e gli elementi
della correzione sempre tornano alle distanze itinerarie appurate di
recente. Non si può interpretare altrimenti il detto di Edrîsi; nè
immaginare altrimenti l’uso de’ dati novelli che avea procacciati il
re; i quali dati non poteano venire da una rimisurazione di tutte le
latitudini e longitudini del globo, ma doveano consistere in itinerarii
moderni di terra e di mare, carte nautiche e forse immagini latine,
come quella d’Alfredo il Grande e l’altra che abbiamo nella Biblioteca
dell’Università di Torino.[736] Veggiam noi la riprova di tal
dimostrazione, nel libro stesso d’Edrîsi, il quale rimanda a Tolomeo
per le favolose terre settentrionali di Gog e Magog;[737] la veggiamo
nelle carte parziali del codice parigino, le quali dànno soltanto
delle latitudini e longitudini per le regioni dell’Affrica sotto i
Tropici,[738] per le quali è da supporre che la corte di Palermo non
avesse trovati itinerarii recenti. Gli itinerarii, accompagnati dalla
direzione di ciascuna linea secondo i punti cardinali del globo, potean
servire a verificar le carte terrestri in un modo analogo a quello che
usarono ab antico i marinai del Mediterraneo per abbozzare lor carte
marittime, fissando le posizioni con l’osservazione dei corpi celesti.
Che se le buone carte da navigare, italiane e catalane, che si sono
ritrovate fin oggi, risalgono appena al principio del decimoquarto
secolo, quand’era già comune l’uso dell’ago magnetico, e se quell’uso
non si può tirar su alla prima metà del duodecimo secolo, quando si
compilava la geografia in Palermo, questo non vuol dir che mancassero
a Ruggiero delle carte nautiche abbastanza esatte da ispirargli
diffidenza contro i geografi dotti, e da suggerire la verificazione
pratica degli schemi immaginati da costoro.[739]

Passando alle sessantanove carte particolari, o, per dir meglio,
itinerarii figurati, un de’ quali sta a capo di ciascun de’ dieci
compartimenti d’ ogni clima nel prezioso codice d’Assoliti,[740]
cominceremo da quella ch’esser doveva, ed è, la migliore di tutte,
la carta, dico, della Sicilia. Basta metterla allato ad una mappa
costruita secondo Tolomeo, per vedere la enorme differenza delle
figure: l’una quasi uguale a quella delle nostre carte d’oggidì;
l’altra sì scontraffatta, quanto apparrebbe per avventura il mappamondo
di Edrîsi a paragon di quello di Mercator.[741] Si dee pensar
dunque che Ruggiero abbia profittato degli studii de’ Musulmani di
Sicilia del decimo e undecimo secolo[742], ed anco fatte determinare
astronomicamente alcune posizioni;[743] onde, con relazioni esatte
e con la minuta esplorazione della costiera, si compose nell’ufizio
geografico di Palermo una figura, la quale il copista non potè guastar
tanto che non sembri maravigliosa pel suo tempo.

Delle rimanenti son pubblicate finora tre sole per intero, e si è
stampata anco la riduzione di tutte in piccolo. Per quanto si può
giudicare da copie cosiffatte, coteste carte non erano proporzionali
alle figure del mappamondo; nè la differenza veniva da studio di
projezione: poche d’altronde sembrano costruite secondo le latitudini
e le longitudini. Vi si nota sempre, come in tutte le carte primitive,
l’errore d’ingrandire le regioni meglio conosciute e rimpiccolire
le altre, per farle pur entrare nei limiti che assegnava lo schema
generale dei climi, de’ continenti e de’ mari. Così la figura
dell’Italia dal Tevere in giù, dove Ruggiero comandava, torna assai
meno erronea della mezza Italia di su, rattratta e rimpicciolita
sconciamente. Lo stesso dicasi della Sardegna, della Corsica e di
tutto il Mediterraneo occidentale, di cui la Sicilia usurpa gran
parte. L’ecclettico lavoro de’ geografi siciliani sparse luce in certe
regioni, altre lasciò nelle tenebre delle ipotesi. Cavaron essi, per
esempio, dai sogni di Tolomeo il continente africano sotto l’equatore,
allungato verso Levante, sì che correa parallelo alle costiere
meridionali dell’India e della Persia, e chiudea l’Oceano Pacifico
quasi un altro Mediterraneo. All’incontro, le Isole Britanniche, il
Baltico, la Polonia, sembrano illustrati da recenti relazioni; non
vedendosi in quelle carte i grandi errori delle geografie antiche o
degli Arabi.[744] Gli itinerarii della Grecia mostrano che Ruggiero
sapea per benino come stessero in casa i suoi nemici;[745] nè fa
maraviglia che fosse ben conosciuta l’Asia minore e il rimanente de’
paesi musulmani.

Da coteste figure passando alle descrizioni, veggiamo le stesse
disuguaglianze: dove copiosi e genuini ragguagli; dove le favole
orientali del paese di Gog e Magog; le isole fantastiche dalla leggenda
di San Brandano;[746] le maraviglie di Roma, inventate da qualche
giudeo errante, o nate da equivoci di traduzione.[747] Nè possiamo
scusare Edrîsi allegando che egli qui non descrivea già le carte
delineate dai geografi, ma compilava su libri e racconti. Il vero è che
non s’ha a pretender critica sottile da un letterato, sia musulmano o
sia cristiano, del duodecimo secolo. Ci sembra di più ch’Edrîsi abbia
fatto d’ogni erba fascio, per fretta di presentare l’opera al re, pria
che la consunzione, già manifesta, lo portasse alla tomba.

La morte del re non avrebbe forse attraversato il compimento del suo
libro, se a capo di sette anni non fosse avvenuto in Palermo quel
sanguinoso tumulto nel quale andò a ruba la reggia e si gridò morte ai
Musulmani. Edrîsi era rimasto a corte, come dicemmo; avea presentata
a Guglielmo primo una nuova edizione della geografia; nè ci pare
inverosimile che si fosse compiuta, o almeno incominciata per uso della
corte, una traduzione latina di opera sì utile e dilettevole. Perì
forse la traduzione nel sacco della reggia; nel quale è cosa molto
verosimile che sia andato a male il gran planisfero d’argento, frutto
di tante fatiche, condannato, in grazia del prezioso metallo, a durar
poco, com’era già accaduto alle tavole geografiche di Carlomagno. I
geografi e scrittori arabi che non furon uccisi, fuggirono al certo:
ed è ventura che Edrîsi abbia potuto recar seco, o mandare in Affrica
pria della fuga, la copia del suo libro; il quale sortì gran fama
appo i Musulmani e servì di guida a Ibn-Sa’id, Abulfeda ed altri.
L’Europa, ridesta a’ buoni studii, non n’ebbe sentore fino allo
scorcio del decimosesto secolo, quando uscì a Roma, co’ tipi medicei,
il testo arabico di un compendio anonimo, o direi meglio mutilazione,
di quest’opera. Del quale compendio fu poi pubblicata a Parigi una
traduzione latina, e le fu dato il titolo di _Geographia Nubiensis_,
perchè in principio della seconda sezione del primo clima, citandosi la
Nubia, si leggea per errore di copia «terra nostra» invece di «terra
di essa» (Nubia);[748] onde i traduttori Maroniti credettero avere
scoperta la patria dell’anonimo autore. Adesso abbiam noi, del testo
compiuto, alcuni codici, alcuni capitoli stampati ed una mediocre
traduzione francese di tutta l’opera. Si aspetta un orientalista,
pratico di geografia comparata e disposto a consacrare molti anni di
lavoro, sì ch’egli appuri il testo co’ suoi mille e mille nomi di
luogo e ne dia una edizione critica ed una buona traduzione,[749]
come han fatto non è guari due dotti olandesi per l’Affrica e per
la Spagna.[750] La nostra storia civile sarà illustrata al certo
dalla pubblicazione dei capitoli che risguardano l’Italia, dei quali
un solo è uscito alla luce e fin oggi senza traduzione, quello cioè
che contiene la descrizione della Sicilia. Perchè se questa è la più
particolareggiata di tutta l’opera, pure gli squarci che trattano
delle altre province italiane, racchiudono nomi, itinerarii e notizie
topografiche, civili e commerciali, tanto più pregevoli quanto ci manca
ogni opera di tal fatta, nella prima metà del duodecimo secolo.

Il libro di re Ruggiero, poichè convien che gli si renda il vero
titolo, entrerà nei fasti della nostra storia scientifica. Compilato
nella più civile delle nostre capitali del duodecimo secolo, opera
collettiva del monarca di mezza Italia e di uomini forse la più
parte italiani, si smarrì nella letteratura arabica. Rivendicato
dall’europea, gli eruditi l’accolsero con gran plauso.[751] Vennero
poi le appuntature: trascuratavi la geografia matematica,[752]
accettatevi delle favole ch’altri avea già contraddette, copiati
i ragguagli d’altri autori.[753] Mal fondata mi sembra la prima
di coteste accuse, perchè la geografia matematica non si avrebbe a
cercare nella descrizione d’Edrîsi, ma nelle carte genuine che noi non
abbiamo; e perchè il metodo conche i geografi di Palermo delinearono
l’orbe conosciuto, fu veramente il migliore che allor si potesse
adoperare, anzi quel medesimo che produsse la riforma delle carte
geografiche nel decimosesto secolo.[754] Del plagio non parlo, quando
una compilazione di geografia descrittiva non si può fare altrimenti
che con le compilazioni antecedenti e le relazioni di chi è stato sui
luoghi. E quanto alla critica de’ fatti, io lo replico, qual sommo
uomo dell’antichità o del medio evo rimarrebbe in piedi, se avessimo
a buttar giù tutti quelli che ripetean favole di fisica o di storia
naturale? Non è giusto qui il biasimo. Un dei critici più severi
di questo libro lo disse pur monumento di scienza da stare allato
all’opera di Strabone:[755] ma chi meglio lo approfondisca e tutte
imberci le lezioni del testo originale, lo riconoscerà meco, ottimo de’
trattati geografici del medio evo.[756]

Nè la geografia fu la sola scienza applicata a’ comodi civili, che
allor si coltivasse nella splendida corte di Palermo. L’epigrafe
trilingue d’una lapida incastrata nel muro esteriore della Cappella
Palatina, ci attesta avere il re, l’anno millecenquarantadue, fatto
costruire «un orologio,» dice il testo latino; «uno strumento da notar
le ore,» dice l’arabico: e il testo greco celebra «questo miracol
nuovo, che il possente sovrano Ruggiero, re scettrato da Dio, raffrena
il corso del liquido elemento, dispensando infallibile cognizione delle
ore del tempo.»[757] Mercè la rettorica bizantina, sappiam noi dunque
che l’era una clepsidra: la stessa forse, o compagna, di quella che «un
meccanico di Malta avea fabbricata per comando del suo re, in effigie
d’una donzella che battea le ore, gittando una pallina nel _seng_,» o
bacin di metallo che noi diremmo, di che ci ragguaglia il cosmografo
Kazwini, nella sua descrizione di Malta. Abu-l-Kasem-ibn-Ramadhan, dice
egli, vista quella macchinetta, improvvisò un emistichio, sfidando
Abd-Allah-ibn-Sementi a fornire il verso. E quegli, quasi recitando,
aggiunse di botto il secondo emistichio e due altri versi, con questo
concetto: che la gentil suonatrice incalzava il tempo; e che il maestro
che la fece, era salito prima in cielo, ad osservar le sfere, i segni
dello zodiaco e i gradi dell’eclittica.[758] Or noi troviamo nella
Kharida, de’ versi che questo medesimo Ibn-Ramadhan dettò a lode di
Ruggiero, implorando licenza di ritornare a Malta: onde par si provi
che la clepsidra fu opera appunto di quel secolo, e probabilmente fatta
apposta per quel re.[759] Delle macchine costruite allo stesso effetto,
ognun sa che Harûn Rascîd ne mandò in dono a Carlomagno una che suonava
le ore con palle buttate in un bacino, da automi in figura di cavalieri
che, aprendo uno sportello,[760] usciano di lor finestrini al punto
dato: il quale ingegno taluno erroneamente credette orologio a ruote.
Ibn-Giobair, nella seconda metà del secolo di Ruggiero, descrisse
la _mangana_, come la chiamarono gli Arabi con vocabolo greco, mossa
dall’acqua in un edifizio attiguo alla moschea cattedrale di Damasco.
Dove, sopra un verone, vedeasi quel che noi diciamo il quadrante: un
grand’arco tondo che abbracciava dodici coppie di finestrini arcuati,
da ciascuna delle quali venian fuori, ogni ora del giorno, due falconi
d’ottone, ed aprendo il becco facean cascar palline ne’ sottoposti
piattelli d’ottone. Per la notte poi erano apparecchiati nel muro
dodici forami tondi, chiusi con vetri ed accerchiati di rame, de’
quali uno in ciascun’ora s’illuminava di luce rosseggiante.[761] E
che gli Arabi usassero così fatti orologi, si conferma col titolo di
un trattato che Zuzeni, nella istoria de’ filosofi, attribuisce ad
Archimede: “Il libro delle ore, ossia (descrizione) dello strumento
idraulico che butta le palline.”[762]

Illustrossi allo scorcio di quel secolo, l’ingegnere siciliano
Abu-l-Leith, educato, com’ei sembra, alla scuola che produsse i
monumenti normanni di Sicilia, e costretto, al par di tanti altri, ad
emigrare, quando quel soggiorno divenne incomportabile a’ Musulmani.
Aveva allora il califo almohade Abu-Ja’kûb-ibn-Jûsuf, gittate in
Siviglia le fondamenta d’una sontuosa moschea cattedrale; alla quale
ei die’ l’ultima mano correndo il millecentonovantasette dell’èra
volgare, come ricordano gli annali musulmani di Ponente, ed aggiungono
essere stati messi in cima del minaretto, che si chiama oggidì la
torre Giralda, de’ globi di metallo dorato sovrapposti l’uno all’altro
e scalati a piramide, i quali fabbricò e levò sull’altissima torre,
questo Abu-l-Leith, _mo’allem_, o vogliam dire maestro. A comprendere
la grandezza dell’opera, basti che per far uscire sul ballatoio del
minaretto un di cotesti globi, e pur non era il più grande, convenne
tagliare gli stipiti dalla porta praticata ad uso del muezzin; che
l’asta di ferro che reggea gli immensi pomi, pesò quaranta _roba’_,
ossia più di censessanta chilogrammi; e che la doratura prese tanto
metallo da valere centomila _dinâr_, o diremmo noi, più che un
milione e mezzo di lire.[763] Così gli scritti musulmani. La cronica
di San Ferdinando narra che quel pinacolo d’oro fece sbalordire i
conquistatori cristiani; che i globi eran quattro; e che il più basso
teneasi unico al mondo, sì per la bellezza del lavoro e sì per la mole:
sul quale quando ferivano i primi raggi, parea che splendesse un altro
Sole.[764]

Nè la meccanica stette inoperosa nelle guerre che i Musulmani di
Sicilia combatteano sotto i vessilli normanni. Raccogliendo i cenni
che ne fanno le cronache, abbiam noi già notata l’efficacia delle
torri mobili, condotte (1133) da ingegneri musulmani all’assedio dì
Montepeloso;[765] le quali nella medesima guerra, drizzate appena
sotto Nocera, costringeano alla resa quella terra, fortissima di
sito e di munizione.[766] Le torri di legno sono ricordate dagli
scrittori musulmani nell’infelice impresa di Guglielmo secondo sopra
Alessandria di Egitto (1174): da’ quali sappiamo ch’eran armate
di possenti arieti e che l’oste siciliana usò anche de’ mangani
smisurati, i quali scagliavano massi, com’e’ sembra, di lava, recati
a bella posta dalla Sicilia.[767] E dieci anni appresso (1185),
cotesti mangani, che l’arcivescovo Eustazio chiama «le figlie del
tremuoto,» aprian la breccia nelle mura di Tessalonica.[768] A capo
d’un secolo, i Saraceni di Lucera furon tratti con lor mangani alla
seconda guerra che Carlo d’Angiò volle portare in Sicilia; nel quale
incontro sappiamo da’ diplomi napoletani del milledugentottantaquattro,
che si richiedeano cento uomini a maneggiar quattro di cotesti
strumenti;[769] onde possiamo supporli analoghi a’ testè ricordati
dell’impresa di Alessandria, ed a quelli forse che avean aperta a’
Musulmani (878) la torre del porto grande di Siracusa, i quali, a
quanto ei sembra, operavano per tiri orizzontali.[770] Se mal non ci
apponghiamo, è da tenere che l’uso di questa maniera di mangani fu
serbato in Sicilia; non vedendosi, per quanto sappiamo, negli altri
ricordi del medio evo. Al quale supposto si aggiunga quell’altro de’
fuochi da guerra adoperati alla espugnazione di Tessalonica.[771]
Quanto all’architettura militare, sappiamo noi dal fatto di Bari che re
Ruggiero vi adoperava ingegneri musulmani:[772] ed è molto verosimile
che la cittadella di Lucera, fondata dall’imperatore Federigo quando
vi tramutò i Musulmani di Sicilia, sia stata opera anch’essa de’ loro
ingegneri.[773]

Onoravasi in que’ tempi, assai più che l’arte militare, l’astrologia,
confusa com’essa fu per tutto il medio evo, con l’astronomia: e poichè
re Ruggiero si travagliò molto nelle vanità di quella scienza,[774]
lice supporre che le verità fossero state anco studiate a corte
di Palermo. Fiorì in quel secolo, verso la metà com’ei sembra e in
Palermo, Mohammed-ibn-Isa-ibn-Abd-el-Mon’im, musulmano di Sicilia,
il quale, al dire del Zuzeni, esercitò con gran lode la geometria
e l’astronomia e con le sue teorie faceva autorità tra i dotti del
paese.[775] Possiamo supporre dunque ch’egli attendesse anco alla
applicazione di quelle scienze, alla architettura cioè o meccanica, da
una parte, ed all’astrologia dall’altra.

Prevaleano le vanità nella scienza del cielo al tempo di Guglielmo
il Buono,[776] di Federigo ed anco di Manfredi, poichè Stefano da
Messina dedicò a questo principe la traduzione latina dei Fiori di
astrologia, attribuiti da un impostore arabo al gran savio Hermes,
padre dell’arcana scienza e della medicina.[777] Che la vera scienza
poi fosse stata coltivata ancora nel paese, lo prova il comento delle
tavole d’Arzachele, compilato in Parigi allo scorcio del decimoterzo
secolo, da un Giovanni di Sicilia, del quale non abbiamo altra notizia
che questa;[778] ma se la forma del nome lo dà a vedere cristiano,
la vocazione lo fa supporre piuttosto musulmano o giudeo mezzo
convertito. Duolmi non poter ammettere le conghietture di coloro che
hanno attribuiti alla Sicilia due di que’ non pochi astrolabii arabi
che rimangono ne’ musei pubblici o privati:[779] ma non mi farebbe
maraviglia, che un dì o l’altro se ne trovasse alcuno di fattura
siciliana, atteso le condizioni generali della cultura del paese infino
al secolo decimoterzo, e il grand’uso che astrologhi, astronomi e
piloti allor faceano dell’astrolabio.

Non volendo interrompere l’abbozzo della cultura scientifica sotto re
Ruggiero, io ho lasciata addietro, nel cominciar questo capitolo, la
matematica pura, del cui studio non tratta alcuna memoria di quell’età;
quantunque e’ non si possa dar che sia stata negletta in Sicilia,
quando vi fioriano sì felicemente i rami di scienza applicata. Ma
se il caso mutilò in questa parte, come in tante altre, la storia
letteraria, il dotto zelo della presente generazione ha provato che
l’aritmetica e la geometria furono onorate alla corte di Federigo,
degno erede dell’avol materno. Abbiam noi fatto cenno de’ problemi di
geometria ch’egli mandò a Malek-Kâmil mentre negoziava per l’acquisto
di Gerusalemme.[780] Altri ei ne indirizzò al dotto ebreo spagnuolo,
Giuda Cohen ben Salomon, che venne poi a stanziare in Italia.[781]
Gli scritti di Leonardo Fibonacci, dati non è guari alla luce,
attestano che questi, nel dugenventicinque o pochi anni appresso,
dedicò all’imperatore il libro de’ quadrati; che Federigo leggea
volentieri il suo _Liber Abbaci_; e che «dilettavasi, son proprio
le parole dell’autore, di apprendere certe sottilità appartenenti
alla geometria ed ai numeri.»[782] Ritraggiamo da un altro opuscolo
del Fibonacci intitolato a modo arabico «Il Fiore,» che a Pisa, in
presenza di Federigo, ei sciolse certi problemi proposti da un maestro
Giovanni da Palermo, filosofo della corte;[783] che maestro Teodoro,
filosofo palatino anch’egli, avea presentate in altra occasione al
Fibonacci delle tesi intorno i numeri quadrati;[784] che il pisano fece
sapere per epistola a Teodoro i suoi trovati recenti su le regole di
società;[785] e ch’ei mandò all’imperatore, per un Robertino donzello
della corte, alcuni corollarii della teoria delle frazioni.[786]

Dei quali nomi proprii i due primi ci sono noti d’altronde; e
similmente l’ufizio di filosofo che comparisce nella corte bizantina
fin dal quarto secolo, e ritorna in alcune chiese di Sicilia all’epoca
normanna.[787] Giovanni da Palermo era de’ notai, o diremmo oggi
segretarii, di Federigo; il quale lo mandò ambasciatore a Tunis il
dugenquaranta: onde argomentasi ch’ei sapesse l’arabico e forse
fosse di schiatta musulmana.[788] Maestro Teodoro comparisce in
corte, se non tra i grandi, certo tra i più intimi dell’imperatore:
mandatogli apposta il dugentrentanove un legnetto per ritornare
nel reame, dond’erasi allontanato con licenza e forse con missione
del principe;[789] spacciatogli non guari dopo un foglio bianco col
sigillo regio, affinch’ei vi scrivesse in arabico le credenziali degli
ambasciatori di Tunis;[790] richiestogli di manipolare per uso della
corte degli sciroppi e dello zucchero di viola;[791] e quel ch’è più,
affidatogli il geloso ufizio di spiare negli astri il momento propizio
alle fazioni di guerra:[792] nè sappiamo s’ei fu «de’ negromanti
astrologi e vati, ministri di Belzebù e d’Astarotte» che Federigo
perdea (1248) nella strepitosa sconfitta di Parma.[793] Siciliano o
antiocheno di nascita, arabo o greco di stirpe,[794] questo Teodoro, al
par che Giovanni da Palermo, ben simboleggia la scienza arabica rimasta
in Sicilia nella prima metà del decimoterzo secolo: un po’ di tutte le
dottrine matematiche e naturali; sogni misteriosi e germi di verità, e
tra i più proficui, l’aritmetica e la geometria. Nelle quali Giovanni e
Teodoro doveano pur sentire molto innanzi, s’e’ proposero de’ problemi
a quel gran concittadino di Galileo, quando, studiata la scienza in
Barbaria, la perfezionò e venne a promuoverla in Italia.

Ed ecco la mia navicella a vista della prima restaurazione degli
studii in Italia, anzi in Europa; ond’è forza arrestarmi, sì perchè
non basterebbero le mie forze a continuare il viaggio, e sì perchè
quell’incivilimento si debbe a tanti altri fattori, non meno efficaci
che la tradizione scientifica e letteraria de’ Musulmani di Sicilia.
La qual nazione, estinguendosi, lasciava sì il picciolo suo peculio
a’ Latini che l’avean morta; ma essi già s’erano arricchiti d’altre
parti, come si dimostra per l’esempio di Gerardo da Cremona, Leonardo
Fibonacci, Guido Bonatti, Gerardo da Sabbionetta, Brunetto Latini,
Simone da Genova e tanti altri.

Pertanto io mi rimango a pochi cenni, e, passando dalle matematiche
alle scienze naturali, debbo ricordare in primo luogo, che la fama
accusò l’imperatore di profana curiosità ne’ misteri della creazione. I
Frati minori, suoi nemici accaniti, andavano buccinando quelle che il
Salimbeni chiama le superstizioni di Federigo: or ch’egli avea fatti
sventrare due uomini per indagare la fisiologia della digestione.; or
che dava ad allattar de’ bambini, vietando alle balie di vezzeggiarli
con parole, sì che lo sperimento mostrasse qual idioma balbetta l’uomo
dassè solo, se l’ebraico, come dice la Scrittura, ovvero il latino,
il greco, l’arabico; ma aggiugneano i Frati che le povere creaturine
n’eran morte di tristezza.[795] I dotti israeliti intanto lodavano
il genio di Federigo per la Storia naturale.[796] E questo è provato
in vero da fatti notissimi: gli animali esotici ch’ei raccolse;[797]
la storia degli animali d’Aristotile compendiata da Avicenna e, per
commissione dell’imperatore, tradotta in latino da Michele Scoto,[798]
indi in ebraico non si sa da chi nè nè quando;[799] il libro della
fisionomia, composto per lui dal medesimo Scoto;[800] il trattato
della caccia co’ falconi, opera propria di Federigo;[801] il libro
d’ippiatrìa, compilato secondo i suoi dettami da Giordano Ruffo di
Calabria[802] e tradotto in ebraico da un anonimo;[803] il trattato di
veterinaria attribuito ad Ippocrate, e tradotto dall’arabico in latino
per maestro Mosè da Palermo.[804]

Non è questo il luogo di toccare la scuola medica di Salerno, nella
quale i dotti latini gareggiarono co’ giudei[805] e co’ musulmani; e
i medici di Sicilia vi recarono il tributo di lor dottrina, come si
argomenta dal nome di Pietro Siciliano che comparisce nella seconda
metà dello undecimo secolo, seguito da un Giovanni figlio di Costantino
siciliano.[806] Sappiam noi come Guglielmo secondo onorasse di
molto, al par che gli astrologhi, i medici musulmani che capitavano
in Sicilia;[807] come Federigo non solo provvide con le leggi allo
studio della medicina, ma par abbia promossa la pubblicazione di
alcuna opera medica e la traduzione d’alcun’altra;[808] sappiamo
l’accoglienza che trovò a corte di Palermo, verso la metà del
decimoterzo secolo, il medico Taki-ed-dîn, il quale venendo a Bugia
da’ paesi di Levante, soffermossi in Sicilia.[809] E visse nell’isola
infino alla seconda metà del secolo decimoterzo chi seppe sì bene la
lingua arabica e la medicina, da poter voltare dal testo in lingua
latina, la grande opera medica di Razi, intitolata _El-Hawi_, ossia
«Il Comprensivo,» della quale Carlo primo d’Angiò avea domandato ed
ottenuto un codice dal re di Tunis. Il traduttore, per nome Farag,
figliuolo di Salem, ebreo di Girgenti, portò a compimento, nel febbraio
del milledugentosettantanove, questo lavoro; il quale sendo stato
approvato da eletti medici di Napoli e di Salerno, ne fu fatta per
uso della corte una bellissima copia in pergamena, divisa in cinque
grossi volumi; la quale dopo quattro secoli capitò nella collezione
di Colbert, ed or è serbata ne’ tesori della Biblioteca nazionale di
Parigi.[810] Cotesto lavoro non solamente è pregevole per la storia
letteraria, ma potrà servire tuttavia agli scienziati ed a’ filologi,
terminando con un indice ed un ampio glossario di medicamenti semplici,
al quale è messo a riscontro il nome latino con l’arabico e spesso anco
col greco, scritti in caratteri nostrali.[811]

Quantunque gli Arabi, togliendo, come noi, dai Greci il vocabolo
filosofia, l’abbian usato in senso diverso da quel ch’ebbe in Europa
nel medio evo, e l’abbiano ristretto alle speculazioni metafisiche
e fisiche dell’antichità, pure io non credo che re Ruggiero siasi
mai dato a così fatta disciplina, sì come affermano Sefedi ed Omari
da me citati.[812] Edrîsi, nella dedica della geografia, gli dà lode
soltanto per le scienze delle due classi che noi chiameremmo politica e
matematica:[813] e da tutto quel che sappiamo di questo gran principe,
ei ci sembra inclinato alle scienze pratiche e positive, più tosto
che alle astrattezze su la natura e le relazioni degli esseri. Quindi
è verosimile che que’ due scrittori arabi del decimoquarto secolo,
indotti in errore dalla fama che tuttavia predicava la corte sveva di
Sicilia com’emporio d’ogni bel sapere, abbiano attribuita a Ruggiero
una lode che andava piuttosto al figliuolo della sua figlia. Pure nella
seconda metà del duodecimo secolo, gli studii filosofici propriamente
detti eran già progrediti di molto in Italia e particolarmente nelle
regioni meridionali. A quegli studi par che accenni, e non alla scienza
e alla coltura in generale, il dotto fiorentino, Arrigo da Settimello,
nel carme latino dettato allo scorcio del secolo, là dov’ei dice che la
filosofia tenea corte bandita in Sicilia.[814]

Il genio dunque dei tempi, l’adolescenza passata a corte di Palermo,
la quotidiana provocazione di papi ambiziosi e tracotanti, ed anco
la sottigliezza del cervello germanico, disponeano Federigo alla
metafisica. Si potrebbe supporre _a priori_ ch’ei fosse stato educato
alla scuola peripatetica degli Arabi, poichè l’Europa cristiana in
quel tempo non soleva attingere ad altre fonti che a quella. Cresce
l’argomento col noto fatto ch’ei menò seco alla Crociata un musulmano
di Sicilia, col quale avea studiata già la dialettica.[815] Ed abbiamo
per prima prova l’opinione generale del secolo, quando la Corte papale
e i frati, e i nemici dell’impero e la turba infinita de’ ciechi di
quella età, più arrabbiati assai che i ciechi d’oggidì, accusavano
Federigo di miscredenza e gittavangli addosso le più sciocche
calunnie;[816] e, quel ch’è più, i Cristiani mormoranti contro Roma in
Italia e fuori, lo biasimavano di liberi pensieri, e persino il Poeta
che avea messi in inferno tanti papi, lo chiuse entro un’arca ardente
della città di Dite. Ma da pochi anni in qua son venute fuori notizie
dirette e precise intorno la scuola ch’ei seguì.

Un codice arabico della Biblioteca bodlejana d’Oxford, intitolato «I
Quesiti siciliani» racchiude le quistioni filosofiche «mandate a’ dotti
di Levante e di Ponente dal re de’ Romani, imperatore e principe della
Sicilia, e le risposte che fecevi in Ceuta, per volere di Rascid califo
almohade, il dottissimo sceikh ’Abd-el-Hakk-ibn-Sab’in.» Cotesto re de’
Romani era ben Federigo, poichè il riscontro delle date, conduce per
l’appunto al suo regno. Ed ecco il tenor de’ quesiti:

Primo. «Il filosofo (Aristotile) in tutte le opere sue dice espresso
esistere il Mondo _ab aeterno_: ei così pensava di certo. Or, s’ei
lo dimostrò, quali furon le prove; e se no, in che maniera ei ne
discorre?»

Secondo. «Qual è lo scopo della scienza teologica e quali sono i suoi
postulati preliminari, se postulati essa ha?»

Terzo. «Che cosa sono le categorie? E come quelle dieci che ne
conosciamo servon di chiave ad ogni maniera di scienza? Ma le son
veramente dieci; e perchè non se ne può togliere nè aggiugnere alcuna?
Come poi si prova tuttociò?»

Della quarta tesi non è trascritto il testo, ma si ritrae
che risguardava la natura dell’anima, la sua immortalità e la
contraddizione che appariva in questo subietto tra Aristotile ed
Alessandro d’Afrodisia.

Quinto, «Come vanno spiegate queste parole di Maometto: «Il cuor del
Credente sta tra due dita del (Dio) Misericordioso?»

Bastano così fatte domande a svelare lo scettico. Ibn-Sab’în che non
l’era meno di Federigo, rispose pure in tutti i capi da specchiato
ortodosso musulmano, pratico dell’arsenale della scienza e bene
informato della storia de’ filosofi greci; poichè oltre i molti
peripatetici, ei cita a proposito dalla immortalità dell’anima, «il
divino Piatone e Socrate suo maestro,» non che il Corano, il Vangelo,
il Pentateuco, i Salmi e i Fogli (_Sohof_), antichissima rivelazione,
com’e’ pare, de’ Sabii. Ma di sotto il casto ammanto uscìa la zampa di
Satan. Discorrendo della teologia e de’ suoi fondamenti scientifici,
Ibn-Sab’în scrivea che, se l’imperatore pur volesse chiarirsene meglio,
venisse in persona a parlargli o mandassegli alcun suo scolastico
(_motekallim_) o almeno un uom fidato al quale consegnare sicuramente
lo scritto: tanto più che coteste sospette proposizioni eran già note
a tutti in quel paese, come fuoco che s’accenda in alto: e v’era di
molti barbassori ignoranti e maligni, che al solo odore di quesiti così
fatti, davano dell’asino al proponente e di matto all’interrogato.
Leggiamo nel preambolo di questo dotto squarcio peripatetico, che il
messaggier dell’imperatore, avuto lo scritto, offrì grossa somma di
danaro per mani del governatore di Ceuta; che Ibn-Sab’în la rifiutò, e
ch’ei ricusò al paro i ricchi doni mandatigli da Federigo, quand’ebbe
sotto gli occhi la risposta. La proposizione de’ Quesiti Siciliani va
riferita, su per giù, al milledugenquaranta.[817]

Noi non ritraggiamo se Federigo abbia soddisfatta la curiosità
filosofica, al modo che gli proponeva Ibn-Sab’în. Questo sapiente,
che allor avea forse venticinque anni, e s’era già, di Murcia sua
patria, rifuggito in Ceuta per una prima persecuzione religiosa, fu
costretto nuovamente a mutare soggiorno, da’ teologi Musulmani che non
gli perdonavano l’audacia, nè il sapere. Passò da Ceuta a Bugia, indi
a Tunis e al Cairo, e infine alla Mecca; precorso e avviluppato sempre
dalla fama di _zindik_ e panteista, ancorchè ei cercasse di nascondersi
sotto il mantello del sufismo e delle scienze mistiche. Ebbe, come gli
antichi filosofi, gran seguito di discepoli e di gente che ammirava la
sua dottrina ed eloquenza, o gli era grata per la inesauribile carità.
Ma prevalendo i nemici, ei, con esempio singolare appo i Musulmani, si
fe’ segar le vene e morì da stoico: onde crebbe l’ammirazione de’ suoi
discepoli e il trionfo de’ nemici.[818] Se non fallisce un cronista
anonimo trascritto dal Makkari, la fama di questo filosofo arrivò
in Italia. Abd-Allah signore di Murcia, della dinastia de’ Beni Hûd,
spogliato improvvisamente da Alfonso di Castiglia che avea accettato da
lui l’omaggio feudale, tentò un appello al papa pel falsato giuramento,
com’io credo. Mandò a quest’effetto in Roma un fratello d’Ibn-Sab’în,
per nome Abu-Taleb; il quale presentatosi al papa, s’accorse che
questi al vederlo si messe a parlare di lui “in lingua barbara” co’
suoi cortigiani; onde informatosi arrivò a sapere aver detto il papa
che il suo fratello era in vero il principe de’ teologi musulmani.
Tornando l’ambasceria al dugenquarantatrè, perchè allora i Castigliani
occuparono Murcia; si dee riferire quel giudizio ad Innocenzo IV, uomo
di molta dottrina e testè amico dell’Imperatore. E sembra cosa molto
verosimile che Innocenzo avesse anco lette le risposte ai Quesiti
Siciliani, le quali di certo levarono gran romore tra gli adètti della
scienza.[819]

In tal frequenza di commerci intellettuali, non poteano rimanere
ignote a corte di Sicilia le opere del gran filosofo israelita di
Spagna morto nei primi anni di quel secolo, Musa-ibn-Meimûn, chiamato
dagli scrittori cristiani Maimonide. E già l’erudizione moderna,
frugando gli scritti degli Israeliti italiani, ha scoperte vestigia
dell’abboccamento di Federigo con un dotto, non sappiamo se ebreo o
musulmano, col quale lo imperatore si maravigliò che Maimonide non
avesse spiegato nella «Guida de’ Dubbiosi» nè tra le «Ragioni de
Precetti» l’origine del rito mosaico di purificazione con le ceneri
della giovenca rossa (_Numeri_, cap. XIX); e soggiunse parergli
che quell’uso fosse nato per vero dall’olocausto del lione fulvo,
ch’egli ritraea dal «Libro de’ Sapienti indiani»[820] Da cotesto cenno
si è conchiuso a ragione, che Federigo ebbe alle mani la versione
ebraica, o piuttosto l’originale arabico, della famosa «Guida;» e si è
supposto con verosimiglianza ch’egli stesso n’abbia fatta far la prima
traduzione latina.[821] Speriamo che ulteriori indagini rischiarino
cotesti particolari di Storia letteraria. Intanto non è da porre in
dubbio tal aneddoto, che allarga sempre più il campo delle cognizioni
da attribuirsi a Federigo.

Nè egli coltivò la filosofia sol per utile e diletto proprio, ma sì la
promosse ne’ suoi domimi e in tutta Cristianità. Accenneremo appena
alla Università fondata in Napoli; a’ sussidii assegnati per gli
studenti poveri; ai “dottori chiamati da ogni parte del mondo, come
dice il Jamsilla, con liberali premii e provvisioni.”[822] Raccolti
nella sua biblioteca moltissimi codici arabici e greci, Federigo li
facea tradurre in latino, per comodo pubblico. Ci rimane la nobile
epistola con la quale ei mandava in dono ai professori ed agli studenti
di Bologna la versione di «certi scritti di Aristotile e d’altri
filosofi su la dialettica e la cosmologia,» affinchè giovassero a
propagare la scienza, «senza la quale, ei dicea, la vita dei mortali
non si conduce liberalmente.» Impossibile e’ sembra che Federigo non
abbia arricchita, di quelli e d’altri trattati, la sua cara Università
di Napoli; e si ritrae che Manfredi, imitando l’esempio del padre,
inviò all’Università di Parigi, forse le stesse opere e di certo la
stessa epistola, ricopiata e mutatovi il nome.[823] Pensano gli eruditi
che coteste versioni siano state, tutte o parte, opera di Michele
Scoto.[824] Non guari dopo, Bartolomeo da Messina, per commissione di
Manfredi, tradusse dal greco in latino l’Etica d’Aristotile;[825] e
un tedesco per nome Hermann voltò in latino, per voler dello stesso
principe, le parafrasi arabiche, o compendii del medesimo e d’altri
libri d’Aristotile.[826] Aggiungansi le altre versioni d’opere di
matematica, di medicina, di storia naturale, d’astronomia o astrologia,
dovute al patrocinio di Federigo o del figliuolo, delle quali abbiam
già fatta menzione. Come poi i Giudei furono in Occidente, per tutto
il medio evo, gli interpreti più assidui della dottrina araba, così
Federigo favorì, insieme con le latine, le traduzioni o compilazioni
ebraiche degli scritti arabi di scienza. Oltre i supposti che abbiamo
riferiti poc’anzi intorno la versione della «Guida de’ Dubbiosi,»
si ritrae per positive testimonianze che Giacobbe figlio di Abba
Mari, medico di Marsiglia, stipendiato largamente dall’imperatore,
e venuto a Napoli, compì quivi il dugentrentuno la versione ebraica
dell’Almagesto, e il trentadue, quella del comento di quattro libri
d’Aristotile per Averroes.[827] Similmente si ritrae che Giuda
Cohen figlio di Salomone, ebreo spagnuolo, compilatore di una grande
enciclopedia scientifica ch’ei dettò in arabo e tradusse in ebraico,
passò in Italia del quarantasette, dopo avere risposto per ben
due volte ai quesiti scientifici di Federigo:[828] onde possiamo
argomentare che questi l’abbia chiamato di qua dalle Alpi, allettandolo
con quella savia liberalità che usò verso ogni altro scienziato.

Quindi si è creduto che Federigo intendea l’ebraico; ed altri ha
aggiunto, con maggiore verosimiglianza, il greco, poichè v’ha una
versione greca delle sue costituzioni,[829] e si sa che al suo tempo
questo idioma prevaleva in alcune città della Sicilia e del Napoletano.
Per buoni argomenti si ritiene che Federigo seppe il provenzale e il
francese;[830] nè è da mettere in forse ch’ei parlò, qual meno e qual
più spedito, l’italiano, il latino, l’arabico e il tedesco.[831] Dubbio
è che in latino e in provenzale,[832] certo ch’egli abbia verseggiato
in italiano, al par che alcuni suoi figliuoli e cortigiani: il che
non vuol dir che Federigo inventò la nostra poesia, nè che fondò,
propriamente parlando, un’Arcadia in Palermo, come sognavano gli
eruditi del secol passato; ma che primo, o tra i primi, egli introdusse
in Italia la moda arabica e provenzale di recitare a corte, de’ versi
dettati nella lingua che ciascun parlava. La quale usanza aulica,
promosse la nostra letteratura assai più ch’e’ non sembri a prima
vista. Federigo rese popolari le novelle rime, con le attrattive del
canto e dei suoni.[833] E se ben mi appongo, suscitossi nell’animo
de’ contemporanei una indefinita ma irresistibile brama di civiltà, a
veder il nipote di Barbarossa, che scendea dal trono per conversare
co’ dotti e mescolarsi negli esercizii delle arti liberali e ne’
sollazzi: gentile, piacevole di tratto, arguto, tollerante degli altrui
detti,[834] vivace e versatile ingegno, ed a volte profondo, nudrito
e non soffocato dalla erudizione, splendido ed elegante negli arredi e
negli edifizii ch’ei fece costruire.[835] Con la potenza, la ricchezza
e l’alto animo, egli cooperò quanto niun altro uomo del medio evo, a’
progredimenti dell’intelletto umano in Europa.

Noi non abbiamo qui a giudicar Federigo statista, nè legislatore;
non abbiamo a biasimar, nè a scusare i vizii che lo macchiarono,
l’avarizia, la crudeltà, la dissolutezza, la perfidia: vizii di tutti i
tempi e maggiori assai nel medio evo che in oggi. A considerar la sola
tempra dello intelletto, Federigo ci sembra uom del secolo decimottavo,
venuto su nei principii del decimoterzo, come quelle piante che per
singolar caso di natura o per arte dell’uomo, fioriscono fuor di clima
e di stagione. Così fatti fenomeni morali, la Storia non arriva a
spiegare pienamente, poichè la più parte delle cause si sottraggono
alla critica: può nulladimeno, investigare le condizioni di cose
che abbiano favorito lo sviluppo d’un buon germe. Or l’intelletto di
Federigo prese forma e vigore tra due serie di fatti non ordinarii,
alle quali noi abbiamo accennato; cioè il turbine politico che
l’aggirò fin dai suoi primi anni e l’ambiente di civiltà nel quale
ei fu educato. Il nostro subietto ne conduce a ricapitolare quanto su
quest’ultimo punto si è detto da altri e da noi stessi.

All’entrar del secolo decimoterzo, la civiltà musulmana, con le sue
parti buone e triste, s’era infiltrata un poco in tutta Europa, molto
nella terraferma italiana e moltissimo in Sicilia; dove, oltre i
frequenti commerci con le rive meridionali del Mediterraneo, rimaneano
avanzi degli ordini e delle schiatte musulmane. Tra gli avanzi di
quelle schiatte, ci sono occorsi nella infanzia di Federigo de’
famigliari della corte di Palermo e n’abbiamo visti nel suo seguito
a Gerusalemme e per tutta Italia, in pace, in viaggio, in guerra;
maestri o collaboratori di studio, essi e i Giudei e i Musulmani
avventizii d’altri paesi, cortigiani, ufiziali, ministri di passatempi
onesti, o di lusso e talvolta di non lodevol costume. Giovanni detto
il Moro, celebre per misfatti nei regni di Corrado e di Manfredi, nato
d’una schiava di corte, segretario dell’imperatore, tesorier generale
del reame, quel desso ch’ebbe feudi da Innocenzo IV e volle tradire
Manfredi a Lucera, Giovanni somiglia, così d’origine come di vita e
di costumi, ad un liberto di reggia musulmana di Spagna, Affrica o
Egitto.[836]

La corte sveva d’Italia parve musulmana a tutti i buoni Cristiani
dell’Occidente, secondo l’attestato di Carlo di Angiò, che appellava
Manfredi il Sultano di Lucera. Avendo largamente discorso in questo
capitolo e nei precedenti del patrimonio intellettuale che Federigo
prese da’ Musulmani, accenneremo qui ai costumi e alle usanze
passate per la medesima via. Gregorio IX denunziò all’orbe cattolico
l’imperatore che in Acri avea fatte venir ballerine per offrire
spettacolo o peggio, a’ suoi ospiti Saraceni:[837] e si ritrae da
testimonianze autorevoli che anco in Europa ei si sollazzava con
le pantomime, i giochi di equilibrio, i suoni e i canti di quelle
saltatrici.[838] Innocenzo IV, accagionandolo ingiustamente per le
relazioni politiche col Cairo, gli rinfacciava di tenere paggi saraceni
e di far custodire la sua moglie da eunuchi.[839] E ch’egli s’era
acconcio un serraglio a Lucera e n’aveva un altro da campo nelle guerre
d’Italia, lo provano documenti e scrittori contemporanei.[840] Così i
vizii avean preso a corte di Federigo le sembianze musulmane; non ch’e’
mancassero o fossero men laidi nelle reggie cristiane del medio evo.
Musulmano anco il lusso. Parrebbe che Federigo volesse imitar qualche
sultano Gaznevida dell’India, quand’egli all’assedio di Pontevico
(1237) fece menare da Saraceni un elefante, che portava sul dosso una
torricciuola con le bandiere imperiali.[841] Parrebbe ch’egli avesse
voluto recare in Europa le apparenze tutte dell’Oriente, quando si
legge il rescritto, col quale comandava a’ suoi ufiziali in Palermo di
trascegliere subito nella famiglia della corte alquanti schiavi negri
in su i venti anni, e comperarli al bisogno, i quali apprendessero a
suonare, chi la tromba e chi la trombetta, e fossero subito mandati
allo imperatore.[842] E sia caso, o che i più be’ paramenti della corte
uscissero ancora dal tirâz di Palermo, si è perfin vista una iscrizione
arabica, trapunta in oro, su i paramani della tunica nella quale fu
composto nell’avello il grande imperatore del secolo decimoterzo.[843]



CAPITOLO XI.


Mentre le scienze fisiche e filosofiche manteneansi in onore appo i
soggiogati Musulmani di Sicilia, e la poesia arabica suonava gradita
nella reggia cristiana di Palermo, gli studii religiosi e legali
decaddero e con essi la filologia. Nè dovea succedere altrimenti,
quando si dileguavano a mano a mano gli uomini eletti per educazione
e virtù, lasciando nell’isola que’ delle infime classi e gli ufiziali
e servitori di corte. L’emigrazione de’ migliori, attestata negli
annali arabici dell’undecimo secolo, taciuta in que’ del duodecimo che
dimenticavano già la Sicilia, comparisce ormai dalle biografie.

Secondo l’ordine posto ne’ libri precedenti, farem di principiare la
rassegna con le scienze coraniche. Delle quali troviam solo cultore
un letterato, diremmo quasi, enciclopedico, rinomato appo i Musulmani
infino ad oggi. In luogo di scompartire i ragguagli per tutto il
capitolo, ritornando a questo valentuomo in ciascuna delle classi cui
vanno ascritte le svariate opere sue, discorrerem di tutte insieme; e
daremo per primo la biografia, che si ritrae da ’Imâd-ed-dîn d’Ispahan,
contemporaneo; da Ibn-Khallikân, scrittore del secolo decimoterzo e da
quattro eruditi compilatori del decimoquarto e decimoquinto.[844]

L’autore, per nome proprio Mohammed, per patronimico
ibn-abi-Mohammed-ibn-Mohammed-ibn-Zafer, ebbe il nome familiare
d’Abu-Hascim,[845] i titoli onorifici di _Hogget-ed-dîn_ e
_Borhân-el-islâm_ (Dimostrazione della fede e argomento dell’islamismo)
e gli veggiam dati i nomi etnici di Sikilli e Mekki, or l’uno, or
l’altro, ed or entrambi; il quale raddoppiamento accade spesso appo i
Musulmani, com’altrove abbiam detto.[846]

Ibn-Khallikân afferma a drittura ch’ei nacque in Sicilia e fu educato
alla Mecca; il che ripete Abulfeda; e il Makrizi dice di più che il
nostro autore, oriundo della Mecca, fu educato in Maghreb e stanziò
in Hama, dopo breve fermata in Egitto. Da un’altra mano ’Imâd-ed-dîn,
che lo conobbe di persona ad Hama, lo novera tra i poeti dell’Arabia
propria; lo dice meccano “d’origine”, maghrebino di educazione, vissuto
in Siria: e notisi che la voce _asl_, usata da questo scrittore,
risponde appunto alla nostra “origine,” e si adopera più propriamente
per designare la patria del padre. All’incontro il Fasi, che compilò
nel decimoquinto secolo gli annali della Mecca sua patria, lo fa
oriundo del Maghreb, ma nato e cresciuto nella santa città. Egli cita
il Katifi, annalista di Bagdad; il quale alla sua volta allega un
discepolo d’Ibn-Zafer, che avea sentito dalla propria bocca di lui,
esser nato alla Mecca, di scia’bân quattrocennovantasette (maggio
1104): e il discepolo aggiugnea che una volta ch’ei giunse ad Hama
di rebi primo del cinquecensessantasette (novembre 1171), domandando
d’Ibn-Zafer, seppe esser morto pochi dì innanzi. Secondo la raccolta di
biografie dei dottori Malekiti, dalla quale cavò notizie un cronista
d’Egitto citato dallo stesso Fasi, Ibn-Zafer partì fanciullo dalla
Mecca; studiò con varii dottori in Alessandria, Affrica e Spagna; tenne
conferenze pubbliche nelle moschee; dal Maghreb poi passò in Sicilia;
andò a Damasco e stanziò alfine in Hama. I quali dati non accordandosi
tra loro e molto meno con quei d’Ibn-Khallikân, il Fasi se ne cava
fuori con la formola di critica musulmana, che il vero lo sa Iddio.
Il Soiuti par abbia avuti alle mani questi ed altri ricordi. Ei nota
la nascita alla Mecca, l’andata in Egitto; poi fa vivere Ibn-Zafer
lunga pezza in Affrica e soggiornare per l’appunto in Mehdia quando la
fu presa da’ Cristiani (1148); indi lo fa vagare in Sicilia, Egitto,
Aleppo e gli fa scrivere la più parte delle opere in Hama. Infine la
nota anonima di un antico codice del Solwân, dice l’autore nato in
Sicilia e rimasovi nella prima gioventù.[847]

Io non vo’ sciorre la quistione con la sola autorità degli scrittori,
la quale pende pur da un lato: poichè, se Imâd-ed-dîn è dubbio, sta
per la Sicilia il gran biografo de’ Musulmani, con Abulfeda signore di
Hama dove Ibn-Zafer fu sepolto e lasciò più ricordi che altrove, e con
Makrizi, sì avveduto e diligente; e al contrario sta per la Mecca un
contemporaneo citato dal Katifi e notato di contraddizione in alcuni
particolari;[848] il Fasi alquanto incerto e il Soiuti, fecondissimo
tra tutti gli scrittori del mondo, e però frettoloso, oltrechè egli
die’ queste notizie in un’opera giovanile e senza citazioni.

Considerata dunque la incertezza dell’uno e le due opposte sentenze
degli altri, occorre il sospetto che sien corsi falsi o equivoci
ragguagli fin dal tempo dell’autore stesso. Nè mancherebbe il perchè.
Il nome siciliano dovea suonar male in Siria nella seconda metà del
duodecimo secolo, quando ardea quivi tanto fanatismo religioso,
e Ibn-Zafer ritornava in quel paese con animo di rimanervi: onde
non sarebbe inverosimile che l’autore medesimo, o gli amici, anzi
che ripetere il nome della Sicilia, avessero vantata ed allargata
nel significato l’origine meccana. Se tuttavia rimase ad Ibn-Zafer
l’appellazione etnica di Siciliano, è da supporre ch’ei non se la potè
levare d’addosso, sia ch’egli fosse nato propriamente in Sicilia, o che
vi fosse stato educato.

Parmi inoltre che l’errore potè sorgere o confermarsi per date mal
appurate; le date io dico che talvolta pongonsi nei codici musulmani
per affermare che tal testo fu, in tal mese ed anno e in tal paese,
consegnato dall’autore al rawi, ossia ripetitore, con licenza di
leggerlo altrui e darne copie. Occorre anco nelle notizie biografiche
dei dotti, e specialmente de’ tradizionisti, che segnisi la data in
cui il tale «ascoltò» da un tal altro, come chiamano tecnicamente
il prendere lezioni della tradizione profetica. All’una o all’altra
sorgente mi sembra ch’abbia attinto il Soiuti. Ma documenti analoghi ci
abilitano a correggere alcuni errori suoi ed a provare un fatto, ignoto
finora a tutti i biografi, cioè che Ibn-Zafer dimorò in Siria ben due
volte in tempi diversi; il qual fatto rende poco verosimile il racconto
di chi dice quel dotto andato nella sua fanciullezza in Maghreb e
ritornato in Levante dopo il breve soggiorno di Sicilia. Cotesto
itinerario par fondato sul supposto che Ibn-Zafer abbia dato in Sicilia
la prima, anzichè la seconda edizione del Solwân: ma si prova appunto
il contrario.

Il primo documento del soggiorno in Siria si trova
nel _Kheir-el-biscer_, dedicato da Ibn-Zafer a un
Sefi-ed-dîn-Ahmed-ibn-Kornâs, direttore, com’io credo, di qualche
_medresa_, o vogliam dir liceo, in Aleppo o in Hama.[849] L’autore,
fraseggiando nella prefazione, racconta come partito da’ “remoti paesi
occidentali” per cercare asilo nel possente reame di Norandino, quel
che abbatte con la sua grandezza gli animi di tutti i re di Levante
e di Ponente e copre i suoi nemici con la polvere della distruzione,
ec. «il destino l’avea balestrato ne’ precipizii, l’avea ricolmo di
affanni e gli avea fatto vedere in pien meriggio la stella Soha;»[850]
se non che Iddio gli mandò nel maggior uopo questo suo fratello
ed amico, Sefi-ed-dîn, al quale, volendo mostrare gratitudine e
rimeritarlo con la celebrità, gli presentava quel libro. Qui possiam
segnare la data: poco più o poco meno il millecenquarantotto; poichè
Nur-ed-dîn-ibn-Zengui si impadronì d’Aleppo alla morte del padre
(1146), ed entro pochi anni allargò il dominio e la fama; mentre Mehdia
cadea nelle mani di re Ruggiero.

Ci occorre, non guari dopo, quella che abbiam chiamata, a modo nostro,
la prima edizione del Solwân, in fondo della quale l’autore pone il
catalogo de’ libri compilati da lui, che incomincia così:[851] “Or
ch’esce quest’opera dal mio scrittoio e passa nelle mani de’ _rawi_
(ripetitori), sendo questo l’ultimo de’ miei libri, miei per _tesnif_
(composizione) e _talîf_ (dettato), nei quali mi sono studiato a
dilettare i lettori con l’eleganza e ad ammonirli co’ precetti, ragion
vuole ch’io conchiuda il volume, notandovi i titoli e gli argomenti di
que’ miei lavori, quantunque i ribaldi abbiano fatta rapina di molti
tra’ volumi così intitolati.” E seguono diciannove trattati, tra i
quali si legge il Kheir-el-biscer, ond’è manifesto che era stato già
scritto; ed all’incontro mancano, le tre opere dedicate ad Abu-l-Kasim
in Sicilia, dond’è certo al pari che non erano state composte e che
perciò la prima edizione del Solwân non è quella che porta il nome
del nobile siciliano. Comparisce in capo del catalogo il _Janbû’_,
gran comento del Corano, il quale l’autore avverte avere scritto per
la seconda volta, sendogli stata rubata la copia: onde par che egli
alluda con questo e col cenno precedente, al fatto narrato dal Soiuti,
cioè che gli Sciiti d’Aleppo, dando addosso un giorno ai Sunniti,
saccheggiarono la medresa ortodossa d’Ibn-Abi-’Asrûn e quivi rapiron
tutti i libri d’Ibn-Zafer.[852]

Cotesta edizione del Solwân è preceduta da tale dedica che allude,
senza dubbio, ad un fatto politico nel quale l’autore trovossi avvolto.
Un re suo benefattore ed amico intimo e palese, dice egli senza dare
il nome, principe savio, illustre, ed amante della scienza, viveasi
in grandi angosce, minacciato e stretto da un ribelle, il quale avea
a volta a volta assaliti e sedotti i suoi sudditi; e, arrivato a
guadagnare tutti gli ottimati, stava già per cacciarlo dal trono.
Bramando conforto a’ suoi mali, il tradito principe avea chiesto
all’autore (oh beati tempi!) un libro di filosofia e d’erudizione,
che fosse composto ad imitazione delle favole di Kalila e Dimna; e
Ibn-Zafer, non sapendogli ricusar nulla, gli offria cotesto libro,
scritto a bella posta per lui.[853] E veramente nel Solwân, gli
squarci del Corano, le tradizioni, i fatti storici, le novelle, gli
apologhi, ogni pagina, ogni linea, accenna a que’ termini estremi
d’un principato, e tende a consolar il signore che precipiti giù dal
trono. Di certo non son rari cotesti casi nelle storie musulmane del
duodecimo secolo; pur nessun principe cadente somiglia tanto a quello
d’Ibn-Zafer, quanto Mogir-ed-dîn, che tenea Damasco alla morte di
Zengui. I costui figli incontanente si messero attorno a Mogir-ed-dîn,
sotto specie di aiutarlo contro i Crociati; e Norandino entro pochi
anni il finì. Gli s’infinse amicissimo; gli imbeccò tante trame
da fargli spegnere ad uno ad uno tutti que’ capitani che non potè
indettare per sè medesimo. E quando Mogir-ed-dîn si trovò senz’armi nè
amici, il conquistatore appresentossi sotto Damasco; guadagnò il tratto
ai Crociati, chiamati in aiuto: e i traditori gli aprirono le porte;
il tradito venne a’ patti e, ingannato anche in questi, andò a finir
la vita in un collegio fondato a Bagdad. Entrava Norandino in Damasco
di sefer del cinquecenquarantanove (maggio 1154).[854] Cotesta data sta
bene con le altre due che abbiam certe delle vicende d’Ibn-Zafer, cioè
la dedica del _Keir-el-biscer_ verso il millecenquarantotto e quella
della seconda edizione del Solwân, nel cinquantanove. Ognun poi vede
come, supponendo che il re innominato fosse Mogir-ed-dîn, l’amico e
generoso scrittore non potea rimaner in Siria dopo l’occupazione di
Damasco. Chi ha pratica delle biografie de’ letterati musulmani del
medio-evo e conosce lor vivere irrequieto e vagabondo, la vanità e
il bisogno che li spingeano da una corte all’altra, non ripugnerà a
supporre che il gran monarca del Keir-el-biscer fosse divenuto entro
cinque o sei anni il ribelle del Solwân.

Ma del cinquecencinquantaquattro (1159) il Solwân si volta al
nome dello splendido kâid siciliano Abu-l-Kasim, preceduto da tre
compilazioni che hanno per titoli: _Asâlib-el-Ghaiat, El-Mosanni_, e
_Dorer-el-Ghorer_ e accompagnato da caldi attestati di gratitudine,
i quali compongono un’altra prefazione, messa in vece di quella
che alludea già ai casi del re innominato.[855] Breve tempo dimorò
poi Ibn-Zafer in Sicilia: allontanatosi forse nella sedizione de’
Cristiani di Palermo contro il re Guglielmo I e contro i Musulmani. Ei
ricomparisce ad Hama, stentando la vita al dire d’Ibn-Khallikân, con
una piccola provvisione che gli procacciarono, di professore, credo io,
in qualche medresa. In Hama ei divulga, tra le altre opere, il Solwân
della seconda edizione e il Kheir-el-biscer, mutilato della dedica a
Sefi-ed-dîn. E veramente la copia del Solwân stampata non è guari a
Tunis (1862), è tolta da un testo che l’autore stesso avea comunicato
al ripetitore in Hama, del mese di regeb del sessantacinque (aprile
1170);[856] il qual testo, al par del maggior numero de’ codici che
abbiamo in Europa, confronta con quello dedicato ad Abu-l-Kasim. E
ciò prova che l’autore avea messo da parte l’altro del re innominato.
La prima edizione corse per pochi anni, come si argomenta dal picciol
numero delle copie che ne rimangono, in confronto delle molte della
seconda edizione.[857] Nè altrimenti dovea succedere nel supposto
che il nemico di quel re troppo buono fosse stato il gran Norandino;
perocchè splendendo sempre più in Levante la gloria militare e la virtù
religiosa del conquistatore, i Musulmani non avrebbero sopportata
una voce che ricordasse le sue perfidie, nè l’autore stesso avrebbe
affrontato il pericolo di uscir nuovamente dalla Siria.

Comunque sia, l’indigenza accompagnò Ibn-Zafer fino alla tomba, e poco
prima l’avea sforzato a maritar la figliuola ad uom di condizione
inferiore alla propria, ch’è peccato in legge musulmana. Il genero,
per giunta, portò via la giovane e la vendè schiava in altro paese.
Morì Ibn-Zafer in Hama, come abbiam detto: ei fu piccino e mal
complesso della persona; ma bello in volto,[858] generoso d’animo, pio,
onesto, lodato per chiaro ingegno, vasta erudizione e delicato gusto
letterario. Donde possiam pensare che quest’ultimo scrittore della
Sicilia musulmana avrebbe lasciate opere più grandi, se la povertà non
l’avesse obbligato a filarne una trentina.

A capo delle quali ei pose nel citato catalogo il _Janbû’_, ec.
(Sorgente d’eterna felicità nell’esegesi del Savio Ricordo) dettato
due volte, come s’è detto, con lo stesso titolo[859] e chiamato
anche il Gran comento letterale del Corano.[860] Abbiamo in Europa,
per quanto io sappia, un solo volume del _Janbû’_, che torna
forse ad una ottava parte dell’opera e che ne dà bel saggio, s’io
giudico dirittamente.[861] Va noverato anco tra gli studii coranici
il _Fewâid-el-Wahi_, ec. (Brevi ed utili cenni su le gemme della
miracolosa Rivelazione) che racchiude la definizione de’ nomi dati
alla divinità nel Corano; de’ quali alcuni differiscono di forma e di
significato, come _Kerîm_ e _’Azîm_; altri, al contrario, derivano
da unica radice, come _Rahmân_ e _Rahîm_, ovvero possono usarsi
indistintamente come _Khabîr_ e _’Alîm_.[862] Nella medesima classe
è da porre l’_Asâlib-el-Ghaiât_, ec. (Vie che portano a spiegar bene
un versetto) ch’è appunto l’ottavo della sura quinta e risguarda
le abluzioni;[863] l’_Iksir-Kimia-et-tefsîr_ (Elixir della chimica
dell’esegesi);[864] il _Kitâb-el-Borhaniat_, ec. (Libro degli Argomenti
che conducono alla spiegazione de’ nomi di Dio).[865] Non si cita
d’Ibn-Zafer alcun trattato di tradizione musulmana propriamente detta.
Pur non è dubbio ch’egli abbia studiata quella prima sorgente delle
scienze dell’islam, poichè i biografi fanno menzione della sua presenza
nelle scuole di tradizione,[866] e d’altronde lo provan le opere sue,
come innanzi diremo.

Delle due opere giuridiche notate nel catalogo autentico, noi
sappiam poco più che i titoli: e sembrano l’una e l’altra compendii.
S’addimanda una il Mosanni (La Manoduzione), trattato di scuola
malekita, nel quale avverte l’autore ogni tesi essere seguìta dalla sua
dimostrazione: e parmi questo il medesimo libro che l’autore dedicò ad
Abul-Kasim in Sicilia, allungando un po’ il titolo: “Manoduzione per
chi vuole imbeversi della _Ma’ona_ e dell’_Iscraf_“, delle quali l’una
è compilazione classica di dritto malekita, e l’altra pare opera di
confronto tra le dottrine delle varie scuole ortodosse.[867] Il secondo
lavoro giuridico d’Ibn-Zafer è poemetto didascalico sul partaggio delle
eredità e su i diritti di clientela.[868] Non presto fede alla notizia,
al medesimo tempo riferita e messa in forse dal Fasi, che Ibn-Za-fer
avesse date lezioni di dritto sciafeita;[869] sembrandomi che s’egli
studiò quella scienza, non l’approfondì tanto da poter insegnare in
altra scuola che la malekita. L’errore nacque forse da somiglianza di
nome, e questa sarebbe per avventura una delle cagioni che han resa
dubbia la patria del letterato siciliano e fatta notare da alcuni
nel cinquecensessantacinque la sua morte, che seguì per vero due anni
appresso.

Da’ titoli delle opere di teologia, chè que’ soli abbiamo e qualche
cenno nel catalogo autentico, sembra che Ibn-Zafer siasi gittato
nelle contese degli scolastici musulmani dell’età sua. Messo da
canto il _Teskhir_ (La Connessione) del quale non sappiamo altro
che la classe,[870] ci occorre il _Mo’adat_ (I luoghi sacri), libro
ortodosso, scrive l’autore medesimo, pien di salutari avvertimenti
ed atto a chiarire ogni dubbio.[871] Segue il _Mo’atibat-el-Giari_,
ec. (Riprensione all’audace che condanna l’innocente), il quale
trattava, se dobbiam credere al Makrizi, delle dottrine teologiche
di Abu-Hanifa e di El-’Asciari; onde par che l’autore abbia assunta
la difesa del primo contro il secondo.[872] Svela ira più acerba il
titolo del _Kescf-el-Kescf_ (Smascheramento dello Smascheramento),
confutazione d’un’opera ch’era uscita col titolo di _Kescf_, contro
la famosa “Risurrezione delle scienze teologiche” per Ghazali.[873]
Abbiamo infine con un titolo che parla dassè, il _Gennet fi
ittikâd-ahl-es-sunneh_ (Il Paradiso nella Ortodossia de’ Sunniti).[874]

Ma più che a combattere ne’ deserti della scolastica, s’adattava il
delicato intelletto d’Ibn-Zafer alla filosofia morale. Si leggono
nel catalogo i titoli di quattro opere, con l’avvertenza che fossero
parenetiche, cioè: _El-Khowads-el-wakiat_, ec. (Gli elmetti sicuri e
gli amuleti degli incantesimi);[875] _Riâdh-ed-dsikra_ (I Giardini
dell’Ammonizione);[876] _En-nesâih_ (I buoni consigli);[877]
_Mâlek-el-idskâr_, ec. (L’angelo che ricorda le vie delle
Riflessioni).[878] Delle quali opere nè conosciamo codici, nè troviamo
ragguagli; pur la tendenza morale si può argomentare con sicurezza
dalle opere istoriche e dalle pseudo-istoriche del medesimo autore.

Delle prime ci rimane il _Kheir-el-biscer_, ec. (I migliori annunzii
sul miglior dei mortali) dianzi citato, nel quale si discorrono le
predizioni ch’ebbe il mondo dell’apostolato di Maometto.[879] Il
trattato si divide in quattro capitoli, secondo la diversa origine de’
vaticinii; cioè a dire, que’ contenuti nei libri sacri degli Ebrei e
de’ Cristiani e quelli usciti di bocca dei dottori, dei _Kahin_ (arioli
arabi) e dei _ginn_ (genii o demoni). Nei primi due capitoli l’autore
cita ad ogni passo il Pentateuco, i Salmi, il libro d’Ezechiele e
i Vangeli, con le diverse opinioni degli espositori; talvolta ei
confronta col testo la versione siriaca del Vecchio Testamento; esamina
con erudizione il cammino percorso dai libri che compongono il Nuovo, e
sostiene pertinacemente il paradosso musulmano che il Paracleto della
Scrittura simboleggi Maometto. Parmi che cotesti due primi capitoli
possan giovare in qualche modo alla storia degli studii biblici. Nel
terzo e nel quarto si possono spigolare, per quel che valgano, degli
aneddoti di storia preislamitica, e v’ha sempre da raccogliere note
filologiche tra le sentenze sibilline conservate bene o male dalla
tradizione. La fama che ha goduta e gode questo libro in Oriente, è
provata dai molti codici che ne avanzano, dalle citazioni che ne fanno
gli scrittori,[880] e dalla recente edizione del Cairo.[881] Sembra
compendio del _Kheir-el-biscer_ lo _’Alâm-en-nobowah_ (Segni della
Missione profetica) che manca nel catalogo autentico, e dee perciò
riferirsi agli ultimi anni dell’autore.[882]

Si allarga alquanto il campo storico nell’_Anbâ-nogiabâ-el-ebnâ_
(Notizie dei giovanetti illustri),[883] al quale non manca il suo
compendio, chiamato _Dorer-el-Ghorer_ (Le perle frontali).[884] Caso
raro nella letteratura arabica, il titolo del primo di cotesti libri
espone chiaramente il subietto. Dividonsi quelle biografie in cinque
capitoli, ciascun de’ quali ha intitolazione particolare e il primo,
detto “La gemma solitaria ed unica,” racchiude gli aneddoti di Maometto
fanciullo. I tre seguenti trattano dell’infanzia di tre generazioni
diverse di Musulmani; il quinto de’ fanciulli celebri degli antichi
Arabi e de’ Persiani. È libro di _adâb_, come si chiama l’erudizione
miscellanea; e contiene esempii di bella memoria, sagacità precoce,
predestinazione alla grandezza religiosa o mondana. Cotesto libro, al
paro che il _Kheir-el-biscer_, potrà giovare tuttavia a’ lessicografi
ed a’ ricercatori della storia orientale del medio evo.

Com’ogni altro letterato arabo, scrisse Ibn-Zafer di grammatica.
Leggiamo nel suo catalogo un _El-Kawâ’id wal-biân_, ec. (Le basi e la
spiegazione della grammatica): ma egli stesso lo chiama compendio.[885]
E’ sembra invero che Ibn-Zafer poco siasi curato della scienza
grammaticale, ancorch’egli dicerto non l’abbia trasgredita nello
scrivere, perocchè le sue opere pervenute infino a noi scarseggiano di
note grammaticali, quanto abbondano delle lessicografiche. I biografi
poi ci hanno tramandato un pettegolezzo che attesterebbe i rimorsi
d’Ibn-Zafer; cioè, che trovandosi ad Hama in una tornata accademica con
Tag-ed-dîn-el Kendi, questi gli propose una difficoltà grammaticale
e poi un dubbio filologico: ai quali Ibn-Zafer rispose e in sul fine
della tornata sclamò: “Il dottore Tag-ed-dîn è più valente di me in
grammatica, ma io lo vinco in filologia.” — “Oibò, rispose il pedante,
conceduta la prima tesi; controversa la seconda.”[886]

Lasciato da canto _El Gewd-el-wasib_ (La pioggia continua),[887]
al quale non sapremmo assegnar classe e il _Kitab-el-isciarât_,
ec. (Cenni su la scienza dell’interpretazione) che par tratti
d’oneirocritica,[888] entriamo nella filologia, che dopo la filosofia
morale, fu in vero la disciplina prediletta del nostro autore. Come
già dicemmo,[889] spirava allora nella letteratura arabica il secento
e lucea, stella polare de’ filologi, l’arguto e vivacissimo Harîri.
Ibn-Zafer lo comentò, sforzato dal genio de’ tempi; ma lo combattè
anco. Nel _Sefr_ (Il sentiero) ei dichiarò le voci insolite e rare
e i proverbii che occorrono nelle _Mekamet_ o “Tornate” di Harîri,
come suona in italiano;[890] la stessa cosa par abbia fatto, su per
giù, nel _Nakîb_, ec. (Lo scrutatore delle espressioni peregrine
delle Tornate) e non sappiamo se il comento di Harîri, attribuito
a Ibn-Zafer, sia copia di quelle due opere messe insieme, ovvero
nuova compilazione.[891] Con l’_Awhâm-el-Ghawwâs_, ec. (Errori del
Marangone che taccia d’errore i Sommi) ei rifà il verso all’Harîri,
il quale nella _Dorret-el-Ghawwâs_, ossia “Perla del Marangone,”
avea sindacati i più celebri scrittori.[892] Fuor dall’agone della
critica, ci occorre il _Mulah-el-loghat_ (Sali di filologia), glossario
alfabetico de’ vocaboli suscettivi di parecchi significati;[893]
l’_Isctirak-el-loghewi_, ec. (Consorzio filologico e genesi de’
significati)[894] e il _Nogiob-el-amthâl_ (Proverbii eletti).[895]

Assai brevemente dirò del Solwân, ch’è pur il capo lavoro d’Ibn-Zafer
ed ha mantenuta per sette secoli, e manterrà ancora per lungo tempo,
la fama dell’autore presso i popoli musulmani. Venti anni or sono, io
tradussi questo libro in italiano, rividi una bella versione inglese
fatta su quella mia, e nella Introduzione trattai le sorgenti istoriche
e letterarie alle quali l’autore avea attinto. Detti altresì tutte
le notizie bibliografiche venutemi fin allora alle mani e v’aggiunsi
molti, forse troppi, schiarimenti, per far comprender meglio il libro
a’ lettori che non avessero studiate di proposito le cose dell’Oriente.
Mi basti, dunque, di ricapitolare quella Introduzione, della quale
confermo tuttociò che non correggerò espressamente.

_Solwân-el-Motâ fi ’odwân-el-etbâ_ vuol dire “Rimedii del principe,
quand’egli è nimicato da’ suoi seguaci.” Propone l’autore cinque
rimedii, che danno argomento ad altrettanti capitoli: e son l’Abbandono
in Dio, ossia l’affidarsi alla giustizia della causa; il Conforto,
ossia non sbigottire nei pericoli; la Costanza, ossia perseverare;
il Contentamento nella propria sorte; e l’Abnegazione, o piuttosto il
disprezzo delle cose del mondo. Ciascun rimedio è esposto per sintesi
e per analisi: da una mano i precetti del Corano, le tradizioni di
Maometto, le sentenze de’ savii ed alcune massime dell’autore in prosa
e in verso; dall’altra mano, squarci di storia, novelle fabbricate
su fatti storici e prette favole ed apologhi. Gli argomenti storici
son tolti per lo più da’ tempi classici dell’Arabia, da’ primi secoli
dell’islamismo, dalla Persia sassanida e talvolta dalle agiografie
cristiane dell’Oriente; le narrazioni favolose sono imitate, copiate
non già, da’ modelli indiani. Troviamo testualmente una novella
delle _Mille ed una Notte_:[896] ond’è da supporre che alcuno degli
ultimi compilatori di quel dilettevolissimo libro, l’abbia tolta
dal Solwân, non già il contrario. Del resto, non pochi altri squarci
sembrano parafrasi o forse traduzioni di testi pehlewi, ch’è a dire,
frammenti tolti dal naufragio della letteratura persiana nell’epoca
de’ Sassanidi. Nelle massime morali s’alterna, come nella più parte
de’ libri pervenutici dall’Oriente, la fierezza dello stoicismo e la
pieghevolezza cristiana: savii sono del resto i consigli politici;
ingenuo e vivace il dettato e la lingua arabica pura e scorrevole,
se non che a volte s’inciampa in un pezzo di secento. Le due edizioni
citate dianzi, le quali chiamerem l’una di Siria e l’altra di Sicilia,
si distinguono non meno per le prefazioni diverse, che per la pulitura.
Nella seconda son tolte via quelle citazioni continue, è semplificato
l’intreccio; ma qualche bel racconto è soppresso e v’è passata, s’io
non erro, la lima di una censura volontaria.[897]

Pregio principale del Solwân mi sembra la via nuova che l’autore tentò,
nuova pei Musulmani, cioè d’inculcare massime morali con l’esempio di
fatti immaginarii. Perchè pria di lui la letteratura arabica possedea
sì delle versioni e delle imitazioni di favole persiane e indiane,
ma non si ritrae che alcuno scrittore le abbia usate in opera di
serio e grave argomento:[898] ond’è che Ibn-Zafer si sforza nella
prima edizione a mostrar come i santi dell’islam non rifuggivano da
arte oratoria così fatta, e nella seconda replica che legge non vieta
il suo dettato, nè orecchio dee rifuggir da quello. E per vero, non
ostante gli scrupoli del tetro genio semitico, parecchi orientali hanno
tradotto questo libro, imitatolo o fattone parafrasi,[899] o presone
squarci,[900] ed altri scrittori il citano.[901] In somma, il Solwân
è stato sempre in voga appo i Musulmani, come lo provan anco le molte
copie che n’abbiamo nelle biblioteche europee e la recente edizione di
Tunis.

Tra i lavori d’Ibn-Zafer io non ho notate le poesie, perchè poche ne
conosciamo oltre i versi intessuti nel Solwân; i quali d’altronde non
differiscono dalle sue prose rimate, se non che per la misura e per
la rima più rigorosa. Ciò non ha ritenuti i biografi dal chiamar belle
le poesie d’Ibn-Zafer, giudicandole sopra un tipo di bellezza diverso
dal nostro. Imâd-ed-dîn, ch’era penetrato infino all’osso del gusto
letterario di quel secolo, dice che Ibn-Zafer, “passando in Siria
gli ultimi anni della sua vita, irrigò con la eloquenza le Accademie
de’ bramosi di sapere. Ei fu principe, al suo tempo, nell’esegesi del
Corano e nella erudizione. Lo vidi io in Hama, che gli amatori della
Scienza pendevano attoniti dal suo labbro. Lasciò eleganti composizioni
e ben ordinate compilazioni: tra le altre opere il Solwân, ch’io
ho percorso e trovatolo utile libro, come quello che unisce le due
bellezze, delle idee e della lingua, e ti ammaestra or accennando, or
esortando; il quale libro fu composto da lui in Sicilia, ec.” Arriva
il biografo a dire che questo uom valentissimo sorpassò nella scienza
tutti i dotti suoi contemporanei.[902] Che se non vogliamo fidarci di
Imâd, ampolloso scrittore, facile a lasciarsi trasportar dalle antitesi
e dalle consonanze, staremo al giudizio di Ibn-Khallikân, il quale,
educato com’egli era in una scuola storica aridissima, pur novera
Ibn-Zafer tra i principali eruditi e i più valenti uomini del tempo, e
lo dice autore di pregevoli compilazioni.

Il doppio nome etnico non ha cagionati dispareri su la patria del
tradizionista Abu-Ali-Hasan-ibn-Abd-el-Bâki, droghiere e dottore
malekita, noto sotto nome d’Ibn-el-Bâgi,[903] detto Siciliano e
Medinese, e morto il cinquecennovantotto (1201-2).[904] Al quale va
aggiunto un Abd-el-Kerîm-ibn-Iehia-ibn-Othman, soprannominato “L’onor
de’ Grammatici,” perch’ei fu maestro del precedente e discepolo di
Abu-Abd-Allah-Mohammed-ibn-Mosallem, da Mazara; onde sembra anch’egli
nato, o domiciliato in Sicilia.[905] Siciliano per nascita l’altro
emigrato e tradizionista Abu-Zakaria-Jehia-ibn-Abd-er-Rahman-ibn
Abd-el-Mo’nim, oriundo di Fez, discendente della tribù araba
di Kais; il quale chiamossi anco Dimiski e Isfahani, dalle due
città ov’ebbe soggiorno, e nella seconda delle quali morì, il
secentotto (1211-12). Sappiamo ch’ei vagò per molti paesi, che
seguì la scuola sciafeita, lasciando, com’e’ pare, la malekita,
perchè non prevaleva in quelle regioni di levante. Si conosce
di lui l’_Er-raudat-el-anîkah_ (Il dilettoso giardino), che
sembra raccolta di tradizioni; ma egli non passava per fedel
raccontatore.[906] Visse nel medesimo tempo e fu maestro di
tradizione, il giurista Abu-Abd-Allah-Mohammed-ibn-Abi-l-Kasim,
siciliano, della tribù di Koreisc.[907] Il cieco Abu-Abd-Allah
Mohammed-ibn-Abi-Bekr-ibn-Abd-er-Rezzâk, soprannominato _Scerf-ed-dîn_
(Gloria della religione), par sia uscito di Sicilia con le ultime
famiglie ch’emigravano; leggendosi ch’ei nacque il secenventuno (1224),
che studiò e insegnò in Egitto e morì al Cairo. Uomo di molta dottrina,
carità e religione, venuto in fama di santo che portasse benedizione
altrui con le preghiere, ei professò tradizioni e lettura del
Corano.[908] Parmi che Mohammed-ibn-Mekki-ibn-Abi-d-dsikr abbia preso
il nome di Siciliano dal villaggio presso Damasco che si addomandava Le
Siciliane; poichè lo dicono nato in Damasco, di regeb secenquattordici
(ottobre 1217): il quale fu noto come lettor del Corano e
tradizionista, ancorchè addetto al mestier di ricamatore a Damasco e
poi nell’opificio del _tirâz_ al Cairo, dove morì il secennovantanove
(gennaio 1300).[909] Furon poi detti entrambi Ibn-es-Sikilli, come
egli è probabile dalla nazione dei padri loro rifuggiti in Egitto,
due giureconsulti egiziani di scuola sciafeita; il primo de’ quali,
Mohammed-ibn-abî-l-Fadhl, della tribù di Rebî’a, soprannominato
_Scerf-ed-dîn_ (Gloria della religione), nacque in Misr il secentotto
(1211), fu magistrato di polizia urbana e morì il secennovantadue
(1293);[910] l’altro, Mohammed-ibn-Mohammed-ibn-Mohammed,
soprannominato _Fakhr-ed-dîn_ (Vanto della religione), scrisse un
trattato giuridico, fu cadi di Damiata, indi magistrato al Cairo e morì
il settecenventisette (1327).[911]

Ritornando ai Siciliani propriamente detti e alla classe della
filologia nella quale ci è occorso il ramingo Ibn-Zafer, troviam ora
un Abu-l-Hasan-Ali-ibn-Ibrahîm-ibn-Ali, chiamato Ibn-el-Mo’allim (Il
figliuol del maestro di scuola), che al dire di Dsehebi segnalossi
molto in grammatica e in lessicografia, ebbe scrittura bellissima,
studiò la medicina, interpretò i sogni, e morì il cinquecentrentadue
(1137-38). Mettendolo il Dsehebi, l’ho messo anche io:[912] e più
alacremente prendo a dir degli scrittori in prosa e in verso.

Giova qui ripetere che le notizie e gli squarci sui quali abbiamo a
giudicare, derivano la più parte dall’antologia d’Imâd-ed-dîn; il quale
trascelse secondo il gusto e l’intento suo, e non secondo il nostro.
Indi è che tra le opere degli Arabi siciliani di quest’ultimo periodo,
ei ci dà tre soli esempii di poesie che, in significato assai largo,
chiameremo popolari. I due primi son versi da cantare, dettati da un
buon letterato e poeta, senza tanto artifizio, ma senza scostarsi da’
metri soliti: onde ne tratteremo in appresso. L’altro esempio muove la
sete e ne lascia a bocca arsa. Sono stanze, proprio stanze, con versi
brevi e rime intrecciate: ond’io penso che scopriremmo per avventura
più intimi legami tra queste e le prime poesie italiane della Sicilia,
se il secentista pedante che fè la raccolta, ci avesse serbato qualche
altro componimento di tal fatta. Ma di certo gli parve strano e
barbarico il metro, del quale ei perfino ignorava il nome o sdegnò di
ripeterlo, poichè ci trascrive i versi con la intitolazione “Di que’
che si recitano con cinque misure.”[913]

Gli scrittori arabi di Ponente ci ragguagliano dell’origine e progresso
di cotesto novello uso di verseggiare, il quale non differiva nel metro
soltanto della genuina poesia arabica. I componimenti furon chiamati
propriamente _Mowascehât_, o _Azgiâl_. De’ quai vocaboli il primo è
plurale dell’aggettivo femminino _mowascehah_, che vuol dire “ornata
di _wisciâh_,” sorta di bustino di pelle, trapunto a fili alterni di
perle e d’altre gioie. Forse chi primo usò tal nome, volle paragonar la
nuova canzone ad una cantatrice abbigliata per andare a corte, o volle
accennare alla gaiezza delle rime, avvicendate come que’ fili paralelli
che si incrocicchiavano sotto il petto, nelle due punte del _wisciâh_.
E veramente in linguaggio tecnico appellano _simt_, ossia filo, il
verso la cui rima rilega tutte le stanze, e _ghosn_, ossia ramo, i
versi di ciascuna. La voce _zegel_, al plurale _azgiâl_, rende l’idea
di suono ripetuto, significando nella lingua classica: grido, chiasso,
gorgheggio ed anco susurro come di venticello.

Le _mowascehe_ s’intesero dapprima a corte di Cordova, allo scorcio del
nono secolo; furon molto in voga in Affrica e Spagna dall’undecimo in
giù; e quella moda occidentale trovò favore anco in Egitto e in Siria e
dura finoggi.[914] Sia fioritura d’un germe che s’ascondea nella stessa
poesia nazionale degli Arabi,[915] sia novità tolta in prestito dalla
Persia, sia pure imitazione delle strofe e rime di bassa latinità che
correano per avventura nel clero e nel popolo di Spagna al tempo del
conquisto, la _mowasceha_ alleggerì ogni maniera di peso della poesia
classica: i versi lunghi, divisi per emistichii; l’unica rima de’
componimenti maggiori; i vocaboli insoliti o vieti messi lì per forza
della rima o lusso di lingua; e nelle kaside, la macchina della bella
che ha mutato il campo, dell’amante che visita le vestigie di quello e
simili cose.

I versi brevi, scompartiti a stanze, costruiti più spesso con gli
accenti a modo nostro che con le regole della prosodia arabica,[916]
rimano con leggi svariate, or alternati come nelle nostre terzine, ora
con rima intermittente come nelle canzoni e in molti altri antichi
metri nostri; e così anche si tramezzano versi di varie misure, per
esempio di quattro o cinque sillabe, con que’ d’otto o dieci. Secondo
Ibn-Khaldûn, i _zegel_ non si distingueano altrimenti da quell’altro
metro, che per la lingua, volgare del tutto:[917] ma par che vi
si usassero stanze più piccole e versi più corti; ed a ciò menava
di certo la soppressione delle vocali finali nella più parte de’
vocaboli, ch’è proprio dell’arabo volgare; e l’uso di accompagnare
i versi col canto e talvolta col ballo.[918] E però gli eruditi han
chiamate le _mowascehe_, odi o canzoni e i _zegel_, ballate e sonetti;
la quale ultima denominazione parrebbe più propria se si riferisse
all’antico sonetto nostro.[919] Del resto richieggonsi altri studii
pria di ammettere la parentela, che comparirebbe a primo aspetto dalla
somiglianza di qualche metro e di qualche denominazione. Se pur si
trovassero compagne le fogge del vestito, le muse neo-arabiche avranno
sempre altro temperamento e altra indole che le neo-latine. Le prime,
soprattutto quand’esse abbandonansi nei _zegel_, si allontanan sì
dall’Arcadia del deserto, ma non s’avvicinano per questo alla scuola
de’ Trovatori di qua nè di là dalle Alpi; e più spesso, ne’ loro nuovi
metri, le immagini, il colorito, le transizioni, l’adulazione, il
biasimo, i vanti, i monotoni piagnistei dell’amore, son gittati sulla
forma arabica, quella, già s’intende, dei tempi di decadenza.

L’unica poesia di tal fatta, riferita a Siciliani nella _Kharîda_, è
opera del segretario Abu-l-Hasan-Ali-ibn-Abd-er-Rahmân-ibn-abi-l-Biscir,
es-Sikilli, el-Ansari, cioè siciliano di stirpe medinese, messo in
primo luogo nel capitolo de’ Siciliani contemporanei d’Imâd-ed-dîn,
onde tornerebbe alla metà del sesto secolo dell’egira e duodecimo
dell’èra cristiana. Più precisamente parmi da collocare Abu-l-Hasan
tra lo scorcio dell’undecimo e i principii del duodecimo, poichè il
raccoglitore cavò questa notizia dall’epistola di Abu-s-Salt su i
poeti della età sua propria (1067-1134). Il componimento è di sei
stanze, ciascuna di tre versi d’otto sillabe, ed ogni verso rima col
suo simmetrico in ciascuna stanza, il primo cioè col primo e così il
secondo e il terzo: e però lo chiamerei _zegel_, più tosto che
_mowasceha_.[920]

Io mi ristringo al metro, ch’è la sola parte notevole di questo
squarcio, e nulla dico de’ concetti e dello stile; parendomi gli uni
volgari e l’altro pesantuccio, quando Abu-l-Hasan ne’ componimenti
ordinarii tratta più vivacemente il subietto dell’amore mal
corrisposto,[921] e le sue parole una volta si direbber anco tenere
e spontanee.[922] Lasciato da canto Abu-s-Salt, che si dilettava
di paragonare co’ suoi proprii versi e con gli altrui, un distico
d’Abu-l-Hasan su i raggi di luce ripercossi dalle acque,[923] noi
dobbiamo notar con lode gli epigrammi scherzevoli di questo autore[924]
ed uno serio, dove spira l’orgoglio serbato da nobile e forte gente tra
le amarezze che non mancavano ai vinti Musulmani di Sicilia.[925]

Par che Abu-s-Salt non abbia scritti in lista altri poeti siciliani,
poichè Imâd-ed-dîn, senza citarlo altrimenti, continua questo capitolo
con la scorta d’un anonimo che ne avea messi parecchi in una raccolta
compilata di recente in Mehdia.[926] Tornano essi dunque alla prima
metà del duodecimo secolo, com’anco s’argomenta dalle poesie dedicate a
re Ruggiero.

Primo ci occorre in questa raccolta Abu-Musa-’Isa-ibn-Abd-el-Mo’nim,
es-Sikilli, lodato dall’anonimo antologista, come “giureconsulto
di gran seguito, valoroso nelle allegazioni e negli argomenti,
l’avvocato principe del suo paese, (lo scrittore) dai concetti nuovi,
elevatissimi e dal linguaggio (fiorito come) i giardini cui rigan
piogge continue.” ’Imâd-ed-dîn, sopraccaricando figure, continua che
“a sentire i suoi dettati, ogni ferita risana; che il fulgore di quel
bello stile dissipa le angosce; che le parole rassembran perle cavate
dalle conchiglie e stelle raggianti. Ed ecco, conchiude Imâd, una delle
sue peregrine poesie d’amore, la quale è più dolce che un desiderio
soddisfatto.[927]” Ma al nostro palato sanno meno salvatichi i versi
dettati per una bella ragazza bionda[928] e per una bruna vezzosa.[929]
Oltre varii epigrammi, un de’ quali indirizzato ad Abu-s-Salt per
chiedergli in prestito un libro,[930] abbiam di lui il principio della
kasida funebre scritta per un Abu-Ali-Abd-Allah, e sembranmi nobili
versi.[931] È meraviglia che uom sì grave abbia dettate, nello stesso
metro solenne, delle poesie oscene, come ben le definisce Imâd e ne
reca in esempio una kasida intera ed un verso tolto da un’altra, del
quale non oso pur dare la traduzione latina: e il laido concetto è
espresso in termini astrologici che lo rendono più disgustoso.[932] I
trentacinque versi ond’è composta l’altra, cominciano con la imitazione
servile d’Imro-l-kais; arrivano ai vocaboli sudici e finiscono con una
apologia insipida e impertinente.[933] Pur non si può negare il pregio
della lingua in cotesti componimenti, nè in quelli di futile argomento,
ammessi al par nella _Kharîda_: un’epistola in prosa a lode d’un bel
saggio di calligrafia;[934] una in versi, nella quale sono evitate le
due lettere _elif_ e _lam_, sì frequenti nella lingua arabica.[935]

Abu-Abd-Allah-Mohammed, figliuolo del precedente e giureconsulto,
segretario e poeta, ebbe gran fama, a quanto ci si dice, come geometra
e astronomo o astrologo.[936] Più solenne giudizio troviamo intorno
le sue opere letterarie. Scrivono i biografi “ch’ei passeggiava su
le vette dell’eleganza; lo chiamano campione rinomato ne’ tornei
de’ dotti; scoprono nelle sue poesie tale virtù da esilarare gli
animi, e inebriare gli astanti come se si facessero girar tra loro
delle tazze di vin prelibato.”[937] ’Imâd, accennando alle elegie
di Mohammed-ibn-’Isa, esclama che, se ascoltassero di tai versi,
si metterebbero sulla buona strada anco i malvagi.[938] E per vero
una lunga kasida, scritta, com’e’ sembra, in morte d’alcun de’ Beni
Labbana, procede maestosa e patetica: e comprendiam che dovesse parer
capolavoro a chi possedea la lingua, a chi tenea sovrane bellezze
i tropi, le metafore, le antitesi, che or ci muovono a riso.[939]
La buona gente ascoltò, fors’anco tutta commossa, un’altra elegia
che esordisce col pianto dei cavalli.[940] Perdonati i difetti del
secolo, Mohammed-Ibn-Isa può dirsi buon poeta; migliore al certo del
padre, poichè seppe scansarne la scurrilità. Ne’ suoi versi d’amore
ci occorre, tra i luoghi comuni, qualche immagine graziosa.[941] Il
componimento che ho citato dianzi come poesia popolare, ha concetti
semplici, linguaggio facilissimo, versi non tanto lunghi e adatti al
canto; del resto corron tutti sopra unica rima a modo antico.[942]
Abbiamo di questo poeta gli squarci di due altre kaside, d’una epistola
in rima, di due in prosa e di due tramezzate dell’una e dell’altra,
onde veggiamo che lo stile familiare non gli facea smetter sempre le
ampollosità.[943]

Seppe scansarle, quanto allor poteasi, un altro siciliano
contemporaneo, del quale ’Imad-ed-dîn ci dà soltanto otto versi,
tolti in parte dal principio e in parte dal seguito di lunga kasida
che fu scritta in morte d’un nobil capo musulmano di Sicilia. E
duolci che ’Imâd non abbia serbato il nome di costui, nè il rimanente
dell’elegia, nel quale si sarebbero trovati per avventura de’ cenni
storici e de’ versi più belli; poichè l’antologista trascelse di certo
quelli che a noi possono piacer meno. Pur ci si veggono sentimenti
vigorosi, concetti poetici e nobiltà di forma; in grazia anche
del maestoso metro ch’è il _tawîl_, ossia “lungo.”[944] Il poeta
chiamossi Othman-ibn-Abd-er-Rahman, soprannominato Ibn-es-Susi, dice
’Imad-ed-dîn; ma questo a me pare piuttosto soprannome di qualche
antenato, oriundo di Susa in Affrica, il quale abbia fatto stanza e
lasciata progenie in Malta; poichè si ammira tuttavia in quell’isola
la lapida sepolcrale di Meimuna, figliuola di un Hassân-ibn-Ali,
della tribù di Hodseil, detto Ibn-es-Susi.[945] Il poeta appartenne di
certo alla stessa famiglia, poichè l’antologista continua dicendo che
“Malta fu il luogo della sua nascita,[946] la stanza di sua gente e la
produttrice del suo vino; quivi fu coltivato il suo ingegno, quivi egli
apprese lettere umane dal proprio padre. Abitò quindi Palermo; elessela
a (seconda) patria e vi trovò riposo. Ei visse oltre i settant’anni,
procreò figliuoli; le sue poesie (lodansi per) sano concetto, bella
struttura e buon gusto. Avea recitata egli stesso, pochi giorni pria di
morire, quella elegia all’autore della raccolta.”[947]

Siciliano parmi senza dubbio un Abu-d-Dhaw-Serrâg-ibn-Ahmed-ibn Regiâ,
del quale ’Imad-ed-dîn non dà cenno biografico, ma il cita a proposito
del carteggio ch’ei tenne con Abu-s-Salt.[948] Parmi siciliano, perchè
nella seconda metà del duodecimo secolo abbiamo di quel casato un
cadì di Palermo, il cui padre e l’avolo aveano esercitata la stessa
magistratura;[949] e d’altronde l’elegia dettata in morte d’un
figliuolo di Ruggiero, prova ch’egli ebbe grazia a corte di Sicilia
o ne cercò. Al dire di Imâd-ed-dîn, faceasi menzione di questo poeta
nell’opera d’Ibn-Bescrûn, della quale tra non guari tratteremo.
Si lodavano ampiamente i suoi rari pregi e le sue risplendenti
qualità: sobrietà di descrizioni, possente immaginativa, intuizione
sicura, acume d’intelletto, poesia ben tessuta e indirizzata ad alto
scopo.[950] E sì che la fantasia non venne meno ad Abu-d-Daw tra questo
turbine d’immagini orientali, evocate in mezzo al profondo lutto del
re.

Altri poeti celebrarono la magnificenza di Ruggiero con carmi i quali,
quantunque scorciati da Imâd-ed-dîn “perchè, dice egli, suonan lode
degli Infedeli ed io dal mio canto non la vo’ confermare,” han pure
singolar pregio appo noi, provando che così fatti omaggi erano graditi
a corte di Palermo, e valendo anco a illustrare luoghi di delizia che
da gran pezza han mutato aspetto. Così l’antica reggia di Palermo,
oltraggiata dal tempo e dai vicerè spagnuoli, l’anfiteatro romano,
chiamato nel medio evo la Sala verde e adeguato al suolo più di tre
secoli addietro, i giardini e il castello di Maredolce o della Favara,
le vestigie dei quali non sono dileguate del tutto, ci tornano alla
memoria ne’ versi di Abd-er-Rahman-ibn-Mohammed-ibn-Omar, della città
di Butera in Sicilia.

Fu questi, come leggiamo nella _Kharîda_, “recitator del Corano non
inferiore a nessuno al suo tempo, dottissimo nelle varianti del sacro
libro: e verseggiò con mirabile originalità di pensiero. Egli stesso
recitò all’anonimo mitologista una kasida, nella quale lodando Ruggiero
il Franco, principe della Sicilia, descrisse gli eccelsi edifizii di
quel re. Nel qual poema si legge tra le altre cose:[951]”

“Su, fa girare il (vin) vecchio[952] di color d’oro; e attacca la
bevuta mattutina con quella della sera.

Bevi al suon della lira bicorne e de’ canti ma’bediani.[953]

Non si vive davvero, se non che nel beato soggiorno di Sicilia,

(All’ombra) d’un principato che s’innalza sopra quello de’ Cesari.[954]

(Vedi) i palagi vittoriosi, dinanzi a’ quali la gioia arresta il
ronzino:

Ammira questo soggiorno che Iddio ha colmo d’abbondanza,

Il circo che superbisce sopra tutti gli edifizii (innalzati)
dall’arte;[955]

I giardini della Rupe,[956] ne’ quali torna ridente il mondo,

E i lioni della fonte che buttan acque di paradiso.

La primavera con le sue bellezze veste quei giardini di splendidi
ammanti;

Il mattino li incorona con colori di gemme.

E imbalsaman essi le aurette de’ zefiri, dall’alba ed al tramonto.”

Descrisse più particolarmente i giardini della Favara
Abd-er-Rahman-ibn-Abi-l-’Abbâs, da Trapani, il Segretario:[957]

“Favara da due mari[958] tu contenti ogni brama di vita dilettosa e di
magnifica apparenza.

Le tue acque diramansi in nove ruscelli: oh bello il corso delle acque
così spartito!

Là dove si congiungono i due mari, là s’affollano le delizie.

E sul canal maggiore s’accampa l’ardente desiderio.

Oh quanto è bello il mare dalle due palme e la (pen)isola[959] nella
quale s’estolle il gran palagio!

L’acqua limpidissima delle due polle somiglia a liquide perle e il
bacino a un pelago.[960]

Par che i rami degli alberi si allunghino per contemplare il pesce
nell’acqua e gli sorridano.

Nuota il grosso pesce in quelle chiare onde, e gli uccelli tra que’
giardini modulano il canto;

Le arance mature dell’isola sembran fuoco che arda su rami di smeraldo;

Il limone giallo rassomiglia all’amante che abbia passata la notte
piangendo per l’assenza (della sua bella);

Le due palme hanno l’aspetto di due amanti che siansi riparati in asilo
inaccessibile, per guardarsi da’ nemici,

Ovvero, sentendosi caduti in sospetto, s’ergan lì ritti per confondere
i susurroni e lor ma’ pensieri.

O palme de’ due mari di Palermo! che vi rinfreschino continue, non
interrotte mai, copiose rugiade!

Godete la presente fortuna, conseguite ogni desio: e che dorman sempre
le avversità!

Prosperate con l’aiuto di Dio; date asilo a’ cuori teneri e che nella
fida ombra vostra l’amor viva in pace!

Quest’è genuina (descrizione) da non mettere in dubbio. Ma s’io
sentissi (raccontare) cose simili, mi parrebbero proprio favole.”[961]

Abu-Hafs-Omar-ibn-Hasan, il grammatico Siciliano, al dir dell’anonimo
citato nella _Kharîda_, “fu principe in lessicografia e in grammatica;
rinomato per le sane e sobrie dottrine filologiche; lodato per
l’orditura giusta e l’andamento scorrevole e ben ordinato de’ suoi
versi. Messo in carcere da’ Franchi di Sicilia, continua l’autore,
e travagliato con ogni maniera di angherìe, dalla sua prigione ei
dettò una kasida a lode di re Ruggiero.” Della quale Imâd-ed-dîn dà il
principio e due squarci, ma poi tronca netto la citazione, mormorando
che quantunque gli piaccia la poesia, quelli augurii gli danno noia,
nè vuol ratificare le lodi degli Infedeli, che Iddio si affretti
a precipitarli nel più cocente ardore del suo fuoco.[962] Pur ei
conchiude che il poeta è scusabile, come prigione.[963] Il quale, quasi
a smentire il critico che dovea lodarlo del felice disegno, sbalza con
transizione spropositata dal classico amante di So’àd[964] al magnifico
re di Sicilia; ma, tra le esagerazioni, sbozza pur qualche bella
immagine e sempre esprime i concetti con rara eleganza.[965]

Per incontinenza poetica, o perchè volle anch’egli adular
il vincitore dell’Affrica, ripetea le lodi di Ruggiero
un letterato di Mehdia, il cui nome ci è già occorso:
Othman-ibn-Abd-er-Rahîm-ibn-Abd-er-Rezzâk-ibn-Gia’far-ibn-Bescrûn-ibn-Scebîb,
della tribù di Azd, il quale par abbia fatta lunga dimora in Sicilia,
poichè porta anche il nome di Sikilli. Dà notizia di lui Imâd-ed-dîn,
trascrivendo nella _Kharîda_ molte poesie, tolte dal libro che die’
fuori questo Ibn-Bescrûn nel cinquecensessantuno (1165-6) col titolo di
El Mokhtar, ec. ossia “Scelta di poesie e di prose rimate degli egregii
contemporanei.”[966] Quivi dice l’autore che, avendogli Abd-er-Rahman
da Butera mostrata la kasida a lode di Ruggiero e avendolo richiesto di
un componimento compagno di metro e rima, ei cantò:[967]

“Evviva la Mansuria, tutta splendente di bellezza;

Col suo castello saldissimo di struttura, elegante di forma; con le
eccelse logge;[968]

Con le sue belve,[969] con le acque copiose e le fonti che potrebbero
stare nel Paradiso.

Quivi i giardini lussureggianti veston ricchi drappi,

Chè tutto il suolo è coperto di broccato[970] del Sind.

Il zeffiro (che vi passa) ti arreca la fragranza dell’ambra.

Qui vedi gli alberi carichi d’ogni più squisita sorta di frutta;

Qui gli uccelli, senza posa, dalla mattina alla sera si ricambiano (il
canto).

Che qui s’innalzi (sempre) in sua gloria Ruggiero, re de’ re cesarei,

E (goda) lungamente le dolcezze della vita, ne’ ritrovi che fan suo
diletto.”[971]

Dopo i poeti cesarei, Imâd-ed-dîn registra _El Gâun-es-Sikilli_, ossia
il “Ribelle siciliano,” come fu chiamato Abu-Ali-Hasan-ibn-Wadd: e
nulla ci dice su l’origine di quel terribil nome, ma sol nota aver
trovati di molti sbagli ne’ versi. E dà uno squarcio di kasida; poi
de’ versi d’amore, accozzati di luoghi comuni, senza alcuno di que’
bizzarri concetti ed espressioni ricercate ch’eran tanto in pregio.
I quattro versi che ci rimangono della kasida, odorano di apologia;
poichè l’autore si lagna delle vicende della fortuna e de’ partigiani
che l’hanno abbandonato. Ingenuo lo stile anche qui, non vela il
dispetto nè l’orgoglio, e mostra che il Ribelle non verseggiava per far
versi, ma per isfogare la passione dell’animo.[972]

Visse sotto re Ruggiero Abd-er-Rahman-ibn-Ramadhan da Malta, detto il
cadi, ancorchè non si fosse mai dato alla giurisprudenza, ma solo alla
poesia; nella quale i critici del tempo in loro stile sentenziavano che
“egli ebbe un mar di pensieri ed una scaturigine bollente d’estro,”
e aggiugneano che moltissimi versi ei scrisse a lode di Ruggiero,
chiedendo licenza di ritornare in Malta, ma non ne cavò altro che aspre
ripulse.[973] Imâd-ed-dîn non trascrive pur un di que’ versi e mal
ce ne compensa con due epigrammi, l’uno fredduccio, l’altro bello ma
amaro.[974] La coincidenza del nome patronimico, della patria e della
età, mi fa credere sia questi il medesimo Abu-l-Kasim-ibn-Ramadhan,
del quale il cosmografo Kazwini ci ha serbato l’emistichio ch’egli
improvvisò vedendo una clepsidra. E starebbe bene, del resto, che
Imâd l’avesse notato col nome proprio Abd-er-Rahman, e il Kazwini col
soprannome familiare Abu-l-Kâsim. In ogni modo va aggiunto ai poeti
siciliani Ibn-es-Sementi, che compiè il verso e il madrigale, sì come
abbiam detto.[975]

E così venuti alle poesie minori, ci occorre
Abd-el-Halîm-ibn-Abd-el-Wâhid, il quale, educato nell’Affrica propria,
Siciliano, dice Imâd-ed-dîn, per soggiorno, come quegli che stanziò
in Palermo, “apprese ogni bel sapere da’ letterati di quella città,
e dettò versi che rassembrano a’ grappoli dell’uva ed orazioni che
sembran collane.” Affettuoso il suo distico su la terra che gli die’
ospizio:

“Amai la Sicilia nella prima gioventù. Essa parea giardino d’eterna
felicità.

E non m’incomincian per anco a biancheggiare i capelli, che eccola, già
divenuta gehenna ardente!”[976]

Anche i suoi versi d’amore son eleganti ed arguti.[977]

Un altro musulmano di Mehdia, venuto in Sicilia qualche mezzo secolo
dopo Abd-el-Halîm, dettò alcuni versi sopra un giovanetto cristiano,
garzon di bettola in Palermo, i quali vo’ tradurre come ricordo dei
costumi, non che io ci vegga tante bellezze. Il poeta si addimandò lo
sceikh Abu-l-Hosein-ibn-es-Sebân; e sappiamo ch’ei passò di Sicilia in
Damasco, dove morì il cinquecensessanta (1164-5), dopo il soggiorno di
più di dieci anni.[978]

Credo nato in Sicilia Abu-l-Fadhl-Gia’far-ibn-el-Barûn, non solo
perch’egli è detto Siciliano nell’antologia, ma altresì perchè una
iscrizione arabica di Termini ricorda un Barûn, paggio della corte
siciliana, fondatore di non so qual monumento.[979] Forse Barûn fu
soprannome e divenne casato in persona de’ figli. Tra quali si può
noverare questo Gia’far “uno degli unici nell’arte di far ottimi
versi,” scrive Imâd-ed-dîn, e accenna particolarmente ad alcuni in
lode del vino, ma non li dà. I versi d’amore, dei quali ci rimangono
quattro squarci, sembrano eleganti e non senza originalità.[980]
Que’ di metro più breve corrono sopra unica rima come gli altri.[981]
Gareggiano i due antologisti nelle lodi del giureconsulto siciliano
Abu-Mohammed-ibn-Semna; del quale l’anonimo dice ch’ei seppe unire
l’arte poetica alla scienza del diritto; ch’ebbe indole vivace,
pronta e arguta risposta, conversazione amena e scherzevole.
Imâd-ed-dîn rincalza: parergli le costui poesie, lavoro sublime
e frutto maturo. Ma si avverta che la critica è scritta in prosa
rimata, con vocaboli contrapposti, assonanze e bisticci, che l’è una
maraviglia. Piacque soprattutto un battibecco tra questo Ibn-Semna e
’Isa-ibn-Abd-el-Mo’nim, e la cortese risposta, fatta in otto versi, ai
rimbrotti, che ’Isa, punto da parole riportategli, avea scritti in tre
versi[982] dello stesso metro e rima.

Visse in Egitto, uscito di Sicilia non sappiam quando, e fu
primo segretario del califo fatemita Fâiz-billah (1155-60),
un Abd-el-Aziz-ibn-el-Hosein, di sangue aghlabita, detto
Sikilli e Sa’di,[983] e soprannominato _El-kadhi-el-Gialîs_
(Il cadi compagnevole); il quale morì d’oltre settant’anni, il
cinquecensessantuno (1165-6). Parecchi squarci delle sue poesie,
serbati da un biografo del secolo decimoquarto, cel mostrano poco
diverso da’ poeti minori contemporanei; chè al par d’ogni altro ei
sciorina le pupille omicide, le fonti di lagrime e tutto il resto.[984]
Pur v’ha di lui qualche grazioso epigramma,[985] e il principio
dell’elegia dettata per un suo figliuolo, che morì per naufragio, ci
sembra pien d’affetto.[986] L’era forse tutta la kasida e per questo
appunto parve sì scipita al biografo; il quale ne dà un solo verso,
confermando con ciò che, da ’Imad-ed-din a lui, il gusto de’ letterati
arabi di cattivo era fatto pessimo.

Son questi gli ultimi poeti arabi che verseggiarono in Sicilia. Agli
stranieri è da aggiugnere Jehia-ibn-et-Teifasci da Kâbes, ucciso in
Sicilia da’ Franchi, dice Imad-ed-dîn, dopo il cinquecencinquanta
(1155) quand’e’ fecero la carnificina de’ Musulmani:[987] ch’è da
riferirsi, secondo me, alla rivoluzione del millecensessantuno.
Scrittore e poeta di maggior fama, venne in Sicilia (1168), com’abbiamo
detto,[988] il cadi Ibn-Kalâkis d’Alessandria, il quale ripartì con
un ambasciatore egiziano che di Palermo tornavasi al Cairo. Par che
Ibn-Kalâkis abbia soggiornato parecchi mesi nell’isola, poich’egli
vide Palermo, Termini, Cefalù, Patti, Lipari, Caronia, Messina,
Siracusa. Oltre il libro dedicato ad Abu-l-Kasim e i versi che gli
scrisse quand’ebbe a toccar l’isola di nuovo per fortuna di mare,
sappiam ch’ei lodò re Guglielmo in una kasida e abbiamo i versi ch’ei
dettò, a proposito delle mentovate città di Sicilia, trovando sempre
a ridire: qua sul nome, là sul clima o su le acque; ed or lamentando
i disagi della navigazione, or le molestie degli uomini, or l’uggia
del veder cavalieri cristiani serrati in fila con le spade sguainate,
come i denti di qualche belva che stèsse per avventarsi addosso a’
Musulmani.[989] Al contrario lodava l’umanità della corte siciliana un
de’ Beni-Rowaha, il quale, preso dall’armata mentr’ei navigava, chiese
grazia con versi non tanto studiati, dicendo aver lasciati a casa una
madre vecchia e de’ figliuoli piccini in grandi strettezze, i quali,
volesse Iddio, conchiuse il poeta, che fossero qui prigioni, “poichè
appo voi non ci manca vitto nè vestito.” E si narra che il re liberò
costui, gli donò mille dirhem, e lo rimandò appo i suoi, spesato di
tutto. Ma non sappiamo a chi si debba riferire il beneficio, poichè
Scehâb-ed-dîn-’Omari, che trascrive cotesti versi, non dà il nome del
re, nè il tempo, nè altro particolare che il casato del poeta.[990]



CAPITOLO XII.


Ormai tra il libro di re Ruggiero e i diplomi suoi e de’ successori;
tra Falcando, Ibn-Giobair e gli altri cronisti e geografi, si può
delineare un prospetto delle condizioni topografiche ed economiche
della Sicilia nell’ultimo periodo delle colonie Musulmane. Si posson
anco particolareggiare alcuni compartimenti del quadro. A chi abbia
sotto gli occhi la descrizione dell’Edrîsi, accurata com’essa è
in alcune parti, viene in mente la prima cosa di cercare quali
mutamenti siano accaduti nella geografia fisica dell’isola. E la
curiosità delusa ci ricorda qual breve spazio siano sette secoli
nella cronologia del globo. All’infuori di Panaria, la quale manca di
certo per dimenticanza,[991] noi troviamo intorno la Sicilia le stesse
isolette; delle quali, allora appunto com’oggi, ardean sole Stromboli
e Vulcano, e quest’ultima con rarissimi intervalli.[992] Sarebbe sì
da notare, come vestigia d’antichi fatti geologici, la diversità di
certi quadrupedi in diverse isolette; poichè Edrîsi dice che viveano in
Pantellaria capre domestiche rinsalvatichite,[993] in Vulcano, capre
selvatiche, e in Marettimo, capre e antilopi.[994] Ma non sappiamo
quanta fede meritino così fatte distinzioni, nè se meglio sarebbe
aggiugnere a quegli animali i cervi di Favignana che ricordansi nel
decimottavo secolo,[995] e raccoglierli tutti quanti in unica specie,
quella per lo appunto onde par sia venuto il nome di Egadi alle isole
vicine a Trapani e quello di Capri, Caprera, Capraia ad altre più
settentrionali.

Abbiam toccato in uno dei precedenti libri la quistione del menomato
volume delle acque fluviali in Sicilia.[996] A quella or si rannoda la
deteriorazione che parrebbe avvenuta in alcuni porti: ma è da ricordare
che Edrîsi estende l’appellazione di marsa, ossia porto, a’ piccoli
scali; e che in quella età, ancorchè non mancassero navi capaci al
par delle nostre fregate, pure si adoperavano ordinariamente piccoli
legni e soprattutto men cavi che i nostri. Contuttociò non è da negare
assolutamente la differenza di profondità che comparisce nel fiume
di Lentini e nelle foci di que’ che prendono il nome da Mazara e da
Ragusa, quando Edrîsi scrive che le navi arrivavano con tutto il carico
entro la prima di quelle città, posta a sei miglia dentro terra;[997]
che legni addetti al traffico con Calabria, Affrica ed altri paesi,
caricavano e scaricavano alla imboccatura del fiume di Ragusa;[998]
e che navi salpavano e barche svernavano presso la città, nel fiume
Mazaro.[999] Indi possiamo supporre avvenuto in cotesti luoghi un
interrimento o un sollevamento del suolo, di che abbiamo tanti esempii
in Sicilia e fuori. Possiamo creder anco rimpiccioliti per simili
cagioni i porti di Catania, Girgenti e Trapani, i quali or si lavora
a ristorare, quando sappiam che al tempo di re Ruggiero erano i due
primi gremiti sempre di navi;[1000] il terzo sicurissimo da tutti
i venti e immune della risacca, onde vi si svernava.[1001] Dei due
porti di Siracusa leggiamo che il piccolo fosse più frequentato che
l’altro.[1002]

Edrîsi fa menzione della fonte intermittente, detta Donna Lucata,[1003]
presso Scicli e dell’Amenano che scorre sotterraneo in Catania e
talvolta irrompe nelle strade.[1004] Dobbiam altresì, a chi raccolse le
notizie topografiche, un abbozzo di statistica archeologica dell’isola,
leggendosi col predicato di _azali_, che appo noi suonerebbe
“aborigene,” le castella di Termini, Tusa, Kala’t-el-Kewârib (Santo
Stefano), Caronia, Taormina, Noto, Ragusa, Girgenti, Marsala, Trapani,
Kala’t-et-Tirâzi (Calatrasi presso Corleone), Battelari (presso
Bisacquino) e Calatafimi; oltrechè son chiamati _kadîm_, ossia «antico»
il castel di San Marco e Noto or or nominata: e si dice a Termini del
teatro e de’ bagni; a Girgenti degli antichi avanzi che dimostrano la
possanza alla quale arrivò un tempo il paese; a Taormina del ponte,
del teatro romano, testimone della grandezza di chi edificollo, e di
un colle che addimandavasi Tûr, celeberrimo per miracoli e pratiche di
devozione.[1005]

Passando alla geografia politica, novello studio sul testo di Edrîsi e
su le altre memorie di quei tempi, mi sforza a confessare che mancano
ne’ documenti del duodecimo secolo le prove della tripartizione
amministrativa della Sicilia, ch’io, seguendo il Gregorio, supponea
ristorata da re Ruggiero.[1006] Se altre carte non ci daranno ragguagli
più precisi, è da ritenere che sotto i Normanni la Sicilia sia stata
divisa in varie province o distretti, di estensione assai disuguale e
fors’anco mutabile.[1007]

Con maggiore certezza ritraggiamo da Edrîsi la distribuzione degli
abitatori sul territorio dell’isola. Noveravansi in questa centrenta
grossi paesi, escluse, com’espressamente ci avverte il compilatore, le
ville, i casali e le terre minori. Percorrendo i centrenta, veggiamo
che trentuno, posti la più parte su la marina, aveano de’ mercati,
ossia, secondo l’uso dell’Oriente e dell’Europa del medio evo, delle
contrade abitate da artigiani dello stesso mestiere o venditori della
stessa merce. Undici paesi, de’ quali un solo dentro terra, vanta van
de’ bagni;[1008] Palermo avea de’ magazzini di grandi mercatanti;[1009]
Palermo stessa, Lentini e Marsala, de’ fondachi;[1010] Catania,
Siracusa, Mazara e Marsala, de’ _khân_:[1011] ed oltre Palermo,
Messina, Catania e Siracusa, segnalavansi, per palagi e grandi
edifizii, Castrogiovanni, Noto, Butera, Girgenti, Carini: e notavansi
le larghe vie di Mazara, e le villette di delizia intorno i bagni
Segestani.[1012] Delle isolette adjacenti, erano abitate per tutto
l’anno Malta e Pantellaria; Lipari soltanto in certe stagioni, ma avea
pure un castello:[1013] disabitate sembrano le altre, non facendovisi
ricordo di popolazione nè di agricoltura, ancorchè quelle isolette
fossero state esplorate diligentemente, come si argomenta dalla
descrizione dei porti loro, delle acque dolci, della legna che vi si
trovava, e della frequenza de’ navigli che soleano cercarvi asilo nelle
fortune di mare.[1014] Leggiamo con maraviglia essere abbandonata,
senza guardia d’armati nè pur d’un custode, la inespugnabile fortezza
dell’Erice, chiamato allora Gebel-Hâmid;[1015] quando Ibn-Giobair,
trent’anni appresso, la dicea vegliata sì gelosamente.[1016] Il
libro di Ruggiero pone entro la fortezza di Giato una segreta pe’
rei di maestà;[1017] dice tramutata in Sciacca la popolazione di
Caltabellotta, fuorchè un piccol presidio;[1018] e ci fa saper che
la ròcca di Kala’t-es-Sirût, che torna al Golisano del medio evo, o
Collesano, com’è piaciuto poi di scrivere, era stata spiantata, per
comando del re, e tramutati i terrazzani in sito men difendevole.[1019]
Del qual episodio non fanno menzione le croniche; ma sta bene nella
tragedia che si travagliò per tanti anni tra re Ruggiero e Rainolfo
conte d’Avellino, marito d’una sua sorella e nemico implacabile del
cognato. De’ centrenta grossi paesi, poi, una trentina sono scomparsi
oggidì dal novero de’ comuni, e ne riman appena il nome in qualche
villa o in qualche castello abbandonato e sovente rovinoso. Giacciono,
la più parte, nelle province di Palermo, Trapani, Girgenti, o vogliam
dire in quello che fu val di Mazara.[1020] Guardando una carta
geografica, si vede ancora la cicatrice della gran piaga che vi fu
aperta alla fine del duodecimo e prima metà del secolo seguente.

Il qual fatto mi conduce a chiarirne un altro, assai più grande e
funesto. Raccogliendo tutti i nomi de’ luoghi abitati che occorrono
negli scritti geografici o storici e ne’ diplomi, dal principio
dell’ottavo al principio del decimoquinto secolo, si notano in
Sicilia più di mille nodi di popolazione, tra piccoli e grandi; dal
qual numero si può togliere forse una dozzina per nomi raddoppiati,
ma vanno aggiunte parecchie centinaia di nomi ignoti finadesso, o
perduti del tutto con tanti diplomi pubblici e privati. A fronte dei
mille luoghi e più, che si debbono supporre abitati nel tempo più
florido della Sicilia del medio evo, ossia nel regno di Guglielmo il
Buono, mettiamo le cinquecensessanta abitazioni che si contavano, tra
comuni e villaggi, alla fine della dinastia borbonica, e si vedrà la
enorme mancanza d’una metà per lo meno.[1021] Or supponendo l’attuale
popolazione della Sicilia uguale a quella del duodecimo secolo, e
tale io la credo senza timor di grosso sbaglio, perchè il numero è
cresciuto rapidamente da cento anni in qua, egli è evidente che gli
uomini sparsi una volta nelle campagne si sono raccolti nelle grosse
terre; il che vuol dir che l’agricoltura è andata a male. Notissima
cosa ella è veramente che in Sicilia la più parte de’ contadini abita
lungi dal suolo da coltivare, ossia che si sciupano molte ore della
giornata o molti giorni della stagione propizia, e che la più parte
delle terre di Sicilia rende assai meno di quel che potrebbe, serbate
d’altronde tutte le altre condizioni attuali, che non sono al certo
le migliori. Cotesta rovina economica principiò, a creder mio, con
le molestie suscitate contro i Musulmani fin dagli ultimi anni di
Guglielmo II; si accrebbe a volta a volta nelle vicende successive, e
Federigo II, filosofo e buon massaio quant’ei si fosse, dievvi pure una
dura spinta. Le guerre del Vespro siciliano non eran fatte al certo per
guarir quella piaga; la quale squarciossi vieppiù nell’anarchia feudale
del decimoquarto secolo, e gangrenì sotto la dominazione spagnuola,
sotto le giurisdizioni baronali e la possessione di tante manimorte.
Giova sperare che i cresciuti commerci dell’età nostra, lo aumentato
valor delle terre, e con ciò il vigor di novella vita nazionale, l’aria
libera che respiriamo, le savie leggi civili, gli studii promossi, e
la sicurezza pubblica, s’e’ verrà fatto di ristorarla, riconducano a’
campi le popolazioni che ora stentan la vita nelle città.

La mutata proporzione tra cittadini e contadini che, certissima in
fondo, ma senza particolari, abbiamo ritratta dal riscontro de’ nomi
topografici, comparisce molto precisa ne’ territorii di Giato, Corleone
e Calatrasi, che noveransi tra le centrenta città e castella descritte
nel libro di Ruggiero. I quali essendo stati donati da Guglielmo II al
monastero di Morreale (1182), ne abbiam noi ne’ diplomi di concessione
le note catastali, onde si scorge che que’ tre territorii contigui
conteneano cinquanta tra castella e casali. La superficie, la quale
su per giù prende mille chilometri quadrati, è in oggi suddivisa
ne’ territorii di dodici comuni, de’ quali il solo Corleone serba
l’antico nome:[1022] il che basti a mostrare i rivolgimenti sociali
di quelle parti dell’isola. La proporzione, poi, di tre grossi paesi
a cinquanta piccoli nel duodecimo secolo, e de’ cinquanta castelli
o casali d’allora, a’ dodici comuni della nostra età, non si può di
certo applicare a tutte le altre regioni dell’isola: contuttociò si
badi che, a quella stregua, tornerebbe scarso il numero de’ mille paesi
abitati che abbiam trovati nelle memorie del medio evo, e dovrebbe
raddoppiarsi, o accrescere almeno d’una metà.[1023]

Venendo in particolare alle sorgenti della pubblica ricchezza, e
prima ai minerali, ci accorgiamo di non pochi mancamenti nel libro di
Ruggiero. Il quale accenna al ferro cavato dalle montagne di Messina
ed esportato ne’ paesi vicini,[1024] alle saline di Trapani,[1025]
alle pietre molari del territorio di Calatubo;[1026] ma dimentica
molti altri simili capi di commercio, che noi abbiamo ricordati nel
periodo precedente, nè egli è verosimile, fossero mancati:[1027] e,
quel ch’è più, tace dello zolfo e del petrolio. E qui si potrebbe
credere studiato il silenzio della relazione ufiziale, per celare
quanto più si potesse gli ingredienti del fuoco greco;[1028] perchè
l’estrazione di quelle due produzioni minerali era stata descritta da
Ahmed-ibn-Omar-el-’Odsri, o el-’Adsari, uno appunto degli autori di
geografia citati nella Prefazione di Edrîsi.[1029]

Secondo il luogo di Ahmed, che raccattiamo dalle citazioni di due
autori più moderni, lo zolfo giallo di Sicilia, miglior di quello di
tutt’altro paese, trovavasi nell’Etna, ovvero, se preferiamo un’altra
lezione, nell’isola di Vulcano; lo cavavano picconieri pratici in
così fatto lavoro, ai quali talvolta accadea che lo zolfo scorresse
liquefatto, onde lor bastava scavare de’ fossatelli, e quand’era
rappreso lo tagliavano con le accette. A’ picconieri, aggiugne
Ahmed, che solean cascare i capelli e le unghie, per la natura calda
e secca di quel minerale, dice egli, con le idee fisiche del suo
tempo.[1030] Più precise notizie dava Ahmed dell’”olio di nafta:”
che questo sgorgava nel mese di scebbât[1031] e ne’ due seguenti,
entro certi pozzi vicini a Siracusa; che scendeasi in quei pozzi per
gradini; che l’uomo si cammuffava il volto e turava ben le narici,
perchè se mai avesse respirato laggiù sarebbe morto all’istante; che
raccolto da costui il liquido, lo si metteva a riposare in truogoli,
e poscia l’olio che rimaneva a galla era riposto in fiaschi e quindi
adoperato.[1032] E parmi stia bene tal descrizione. Ma nel cavamento
dello zolfo manca forse il principio, e si confonde la liquefazione
col caso d’incendio d’alcuna miniera; oltrechè è corso, a creder
mio, qualche errore nel designare la regione solforifera. Accenna
Ibn-Ghalanda generalmente alle acque minerali della Sicilia;[1033]
Edrîsi dice soltanto delle termali di Segesta[1034] e di Termini.[1035]

Alla scarsa industria delle miniere, possiamo contrapporre la grande
prosperità dell’agricoltura, attestata da tutti gli scrittori e, meglio
di loro, dal gran commercio che la Sicilia esercitò nel duodecimo
e decimoterzo secolo. Nè Edrîsi è parco di frasi quand’ei tocca la
fertilità dell’isola; nè sdegna i particolari, poichè, in ottanta
dei centrenta contadi ch’ei rassegna, fa menzione espressamente degli
estesi terreni da seminare. Vero egli è che non distingue la specie
del raccolto, se frumento, o altre granaglie, o civaie; e che in
alcuni luoghi rimane al tutto ne’ generali, ed usa, tra gli altri,
un vocabolo tanto vago, quanto sarebbe appo noi a dir derrate. Ei
nota che nelle campagne di Aci “il caldo temperamento del terreno”
portava a mieter, pria che nel rimanente della Sicilia.[1036] In più
di trenta luoghi sparsi per tutta l’isola ei dice di orti, o giardini,
e dell’abbondanza delle frutte. Fa menzione di vigne in cinque soli,
Caronia, Oliveri, Hisn-el-Medârig (Castellamare), Paternò e Capizzi; il
che mi par confermi che le piantagioni di vite fossero scarse anzi che
no in Sicilia nel corso di quel secolo; ma non mi farà mai credere che
si limitassero a’ luoghi nominati.[1037] Forse il compilatore intese
dir anco della vite, quand’e’ ricordava genericamente i giardini: e
lo stesso parmi dell’ulivo, poich’Edrîsi non ne fa ricordo se non che
nella descrizione di Pantellaria.[1038]

D’altronde la coltura della vite e dell’ulivo, ricordata espressamente
dal Falcando,[1039] si può ben supporre accresciuta, ma non
incominciata appena nel mezzo secolo che separò quei due scrittori. Il
Falcando ricorda anco gli ortaggi dell’agro palermitano e le macchine
da adacquarli;[1040] e non contento al dir che i giardini “davano
ogni maniera di frutte,” nomina singolarmente quelle che pareano
più rare a un transalpino[1041] e non l’erano punto agli occhi di
Edrîsi. Il quale, rimanendosi, com’io penso, a particoleggiare le
specie preferite dal commercio, fa ricordo soltanto di Carini, dalla
quale si esportavano per tanti paesi delle frutta secche: mandorle,
fichi, carrube.[1042] Il territorio di San Marco producea della
seta in abbondanza;[1043] s’imbarcava da Milazzo gran copia d’ottimo
lino,[1044] e assai se ne coltivava in terre irrigue a Galati,[1045]
al qual territorio noi possiamo aggiugnere quel di Ragusa.[1046]
Frequentissime, dice Edrîsi, in quel di Partinico le piantagioni
del cotone, della _henna_, pianta tintoria molto usata dagli Arabi,
e di altre leguminose:[1047] e da un diploma si argomenta che il
cotone sia stato coltivato anco nelle vicinanze di Catania al tempo
di re Ruggiero.[1048] Della henna e dell’indago poi sappiamo che al
tempo dell’imperator Federigo si pensava di piantarne alla Favara
presso Palermo.[1049] E forse Edrîsi, avvezzo a’ viaggi d’Affrica e
di Levante, sdegnò di ricordare le palme dell’agro palermitano; ma
supplisce al suo silenzio Ugo Falcando:[1050] e noi ben sappiamo che
nel secolo decimoterzo si diè opera a far fruttare il palmeto, il quale
dalla Favara stendeasi fino alla sponda dell’Oreto,[1051] e che il
milletrecentosedici i soldati angioini venuti all’assedio della città
tagliaron quel bosco,[1052] del quale avanza tuttora qua e là qualche
pianta.

A dimenticanza manifesta è da apporre il silenzio del compilatore su
le piantagioni di cannamele e sull’opificio dello zucchero. Perchè lo
zucchero di Sicilia si consumava nella capitale dell’Affrica propria
fin dalla prima metà del decimo secolo;[1053] e, nella seconda del
duodecimo, il Falcando fa menzione non sol delle cannamele, ma anche
della cottura del melazzo e del raffinamento dello zucchero.[1054]
Un diploma del secolo duodecimo fa ricordo dei frantoi o strettoi da
cannamele;[1055] uno del decimoterzo mostra la sollecitudine che si
prendea l’imperator Federigo per ristorare le raffinerie di zucchero in
Palermo.[1056] La coltivazione poi delle cannamele e la manipolazione
dello zucchero continuarono in Sicilia fino alle età più malaugurate
della sua storia economica;[1057] e non è punto verosimile che così
fatte industrie sieno state intermesse al tempo di Ruggiero. Poco dice
Edrîsi de’ boschi: nomina la _binît_ di Buccheri, e spiega come torni
in arabico a pineta;[1058] fa menzione del catrame e della pece che
si esportava da Aci,[1059] del gran traffico di legname che faceasi a
Randazzo,[1060] delle navi che costruivansi a San Marco con gli alberi
tagliati in quei monti.[1061] Vi si può aggiungere, secondo un geografo
del duodecimo secolo ed uno del decimoterzo, il mastice di Pantellaria
cavato da’ lentischi e lo storace odorifero.[1062] La coltura degli
aranci e altri agrumi, della quale non fa motto Edrîsi, è attestata
ampiamente dal Falcando, da un diploma dell’undecimo secolo e dai poeti
arabi che cantarono le lodi di re Ruggiero.[1063]

Della pastorizia, come dell’agricoltura, è forza confessare che quel
compilatore, o trascurò le notizie, o gli bastò accennarvi da lungi;
poichè non fa menzione di pascoli nè di greggi nè d’armenti, se non
che nei capitoli di Malta,[1064] Rahl-el-Merat,[1065] Mineo,[1066]
Golesano,[1067] Montalbano, Mangiaba[1068] e Galati.[1069] Ma parmi
superfluo dimostrare che questo ramo d’industria agraria sia stato
importante in Sicilia nel duodecimo secolo: basti ricordare il diploma
dell’imperator Federigo che attesta come, ai tempi di Guglielmo II,
il fisco dava in fitto a’ Musulmani grandissimo numero di buoi, tra
indomiti e mansi.[1070] Da un’altra mano supplisce Pietro d’Eboli
al libro di Ruggiero, lodando nel suo carme i cavalli trinacrii,
montati in una grande solennità da’ nobili di Salerno:[1071] onde
veggiamo nel duodecimo secolo la continuazione delle razze lodate già
nell’undecimo.[1072] E la cura che prendea l’imperator Federigo per
mantenere de’ cameli in Malta, ci conduce a supporre che quegli animali
v’attecchissero ancora.[1073] Si facea del miele, a detta di Edrîsi, in
Malta, Caltagirone e Montalbano.[1074]

Tra i prodotti del mare primeggiava l’ottimo corallo di Trapani, e
notavasi l’abbondante, anzi, dice Edrîsi, “strabocchevole copia di
pesci che si prendeano in quelle acque,” non escluso il tonno grande,
così lo chiama, al quale si tendean ampie reti.[1075] E similmente ei
fa ricordo delle reti da tonno nella marina dei Bagni Segestani;[1076]
delli ordegni con che lo si pescava a Milazzo;[1077] della quantità
grande che se ne prendea ad Oliveri;[1078] della rete messa in mare
dinanzi Caronia,[1079] e del tonno che si pescava anco nel porto, non
so se di Termini o di Trabìa.[1080] Ei non fa menzione di tonnare su
la costiera di Levante nè di mezzogiorno, nè della pescagione minuta
in altri mari che di Trapani e Catania. Dice pur del _rei_, il quale
compariva in primavera nel fiume di Termini;[1081] de’ pesci grossi e
squisiti che dava il Simeto;[1082] degli svariati e copiosissimi che
si prendeano nel fiume di Lentini e si mandavano per ogni luogo,[1083]
e di quei del fiume Salso, pingui e saporosi.[1084] Il povero Oreto
anch’esso par sia stato più pescoso che in oggi, quando l’imperator
Federigo rivendicava al demanio regio una pescaia che v’avean fatta,
cheti cheti, i monaci della Trinità di Palermo.[1085]

_Tarbi’a_, che suona la “quadrangolare” e noi n’abbiam fatto _Trabìa_,
era amena villa, al dire di Edrîsi: le grosse polle d’acqua, che
sgorgan quivi a piè della roccia, movean di molti molini; e vasti
casamenti erano addetti a lavorare l’_itria_, o vogliam dir le paste e
particolarmente i vermicelli,[1086] de’ quali si caricavano bastimenti
e spedivansi in Calabria e in tanti altri paesi di Cristiani e di
Musulmani:[1087] onde si vede come l’industria cittadina raddoppiava il
valore prodotto dall’industria agraria, e apprestava materia di nuovi
guadagni alla navigazione e al commercio.

Pochi altri ragguagli possiam cavare da Edrîsi intorno l’industria
cittadina, appartenendo tanto agli artigiani quanto a’ bottegai, i
mercati ch’egli va notando in varie città e terre.[1088] Fa menzione
poi, in Girgenti, Mazara, Alcamo, Naro, Castrogiovanni e Randazzo,
d’altri artefici, tra i quali credo sian di quelli che in oggi
chiameremmo artisti:[1089] e ognuno intende che se il compilatore non
ne parla nella descrizione delle città primarie, è forse che gli parea
superfluo; nè dobbiamo dimenticare ch’egli non bramava già di tirar con
regola e compasso degli specchietti statistici a modo nostro, ma volea
soprattutto fare sfoggio d’eleganza nella lingua e nello stile. Donde
noi cercheremo i particolari in altri scritti, o in qualche avanzo di
manifatture che è pervenuto per buona ventura infino all’età nostra.
Al punto stesso in cui i Musulmani sgombravano dalla Sicilia, noi
veggiamo in Melfi, Canosa e Lucera, legnaioli, intarsiatori, armaiuoli,
magnani ed “altri maestri” saraceni, salariati dall’imperator Federigo,
insieme col fattore d’un suo vivaio, e co’ famigli addetti ai cameli,
alla lonza da caccia ed ai mangani, s’io ben leggo.[1090] Di cotesti
o altri intarsiatori abbiamo anco i nomi proprii e sembran tutti
siciliani.[1091] Il vocabolo stesso di _tarsîa_, arabico puro, sembra
passato di Sicilia nella Terraferma italiana, e prova meglio che il dir
di qualunque scrittore come quell’arte sia fiorita dapprima nell’isola.
S’altro attestato occorresse, avremmo delli scrigni intarsiati con
epigrafi arabiche che si conservano tuttavia in Sicilia;[1092] e se
dubbio rimanesse ancora, mostrar potremmo gli avanzi di due grandi e
magnifiche iscrizioni, intarsiate su marmo bianco, in pietre dure di
colore, a quel modo che in oggi si chiama mosaico fiorentino,[1093] tra
il quale e l’intarsiatura in legno o avorio non è altra differenza che
la materia. Si ritrova in Sicilia nel duodecimo secolo, come ognun sa,
l’arte di lavorare il porfido, attestata non solamente dagli avelli
regii del duomo di Palermo, ma altresì dagli ornati sì frequenti
nelle chiese normanne, ai quali si deve aggiungere un lavorìo minuto
e difficilissimo: una profonda coppa da bere, fornita di anse, che
serbavasi nella Cappella Palatina di Palermo infino a’ principii del
decimoquarto secolo.[1094]

Chi sa quanto sia moderno il gusto di far collezioni delle stoviglie
del medio evo, mi condonerà se in questo capitolo dell’industria
siciliana io tocco, semino dubbii e passo. Palermitani e senza alcun
dubbio siciliani sono gli orci e le brocche di terra cotta, varii
per la grandezza e per la forma, grossolani di fattura, e alcuni con
tappo fisso, bucherato, e la più parte sciupati al forno, dei quali
si trovò, com’io ritraggo, un piccol numero nel demolire la chiesa di
San Giacomo la Marina in Palermo (1864), e poi se n’è cavato parecchie
centinaia sopra le vòlte della Martorana, ponendo mano (1870) alla
ristorazione di questo prezioso edifizio, che torna alla prima metà
del secolo duodecimo. Credono i periti che questo insolito materiale
s’abbia a tenere contemporaneo delle prime fabbriche. Che che ne sia,
si scorge in quel vasellame una grossiera imitazione di motti e ornati
arabi; onde non andrebbe riferito a’ tempi in cui le colonie musulmane
serbavan la lingua loro, e potrebbe scendere alla seconda metà del
duodecimo o fors’anco del decimoterzo secolo.[1095]

Ammetto io volentieri, coi trattatisti di ceramica medievale e moderna,
che sia stata in Sicilia, fin dai tempi musulmani, una scuola di
maioliche; ancorchè io non mi affidi del tutto alla pratica di quegli
antiquarii che battezzano, con data e patria, questo o quell’altro
lavoro.[1096] Pur oso dir che i più preziosi ch’io abbia mai visti, i
due stupendi vasi di Mazara, mi sembrano spagnuoli, sia delle isole o
della terraferma.[1097] È forza poi che io ricusi la cittadinanza di
certi elegantissimi orcioletti arabi da armadio e da salotto, i quali
a prima giunta si potrebbero dir siciliani, essendo frequentissimi
nelle collezioni della Sicilia e rari nelle altre d’Europa. Ma la
data segnata nella più parte di siffatte stoviglie par che torni
a’ principii del decimoquarto secolo, quando gli ultimi residui de’
Musulmani erano usciti di Sicilia fin da tre o quattro generazioni, e
se rimaneano le tradizioni delle industrie ed arti loro, la lingua era
perduta e dimentica o celata la origine.[1098]

Si veggono ne’ musei di Sicilia, come in tutti gli altri d’Europa,
delle ciotole di bronzo o rame, di quelle che i Musulmani usano per
bere, e alcune grandi catinelle o dischi degli stessi metalli, ma
nessuno indizio ci porta a rivendicarli all’industria siciliana; anzi,
tornando comunemente così fatti lavori al decimoterzo, decimoquarto
o decimoquinto secolo, e somigliando perfettamente a quei notissimi
di Siria e di Egitto, è da supporre che li abbia recati in Sicilia il
commercio, sì come fece in altre parti d’Italia, e più che ogni altra
in Toscana.[1099] Pur si ritrae che i Musulmani di Sicilia lavoravano
egregiamente i metalli. Il museo del Louvre possiede un piccolo
mesciacqua di rame, in forma d’un pavone, in petto al quale si legge,
preceduto da una croce, il motto _Opus Salomonis erat_, e sotto quello
in arabico, _Fattura di Abd-el-Melik-en Nasrâni_, ossia il Cristiano.
Il dotto archeologo, che ha illustrato cotesto vaso, lo riferisce al
duodecimo secolo ed alla Sicilia, sì per la forma de’ caratteri, per la
coincidenza de’ due idiomi e per l’apostasia dell’artefice musulmano, e
sì per la somiglianza di quest’opera con altre dell’arte arabo-sicula.
Dimostra inoltre l’autore con molti esempii, che “opera di Salomone”
significava allora “sottil congegno;” e sostiene che un cannellino,
del quale rimane ancora vestigia, era adattato sul dorso del pavone
affinchè, mescendosi l’acqua dal becco, l’aria entrata dal cannellino
rendesse un sibilo.[1100] Nel gabinetto poi delle antichità in Parigi è
esposta una coppa di bronzo, ageminata in argento con figure d’animali
e rabeschi di stile arabico, la quale, ne’ tre soliti cartelli tondi,
invece di motti arabi, porta lo stemma d’un arcivescovo di Morreale
del decimoquarto secolo; onde l’erudito autore del catalogo ha
ben’aggiudicata quest’altra opera alla scuola arabica di Sicilia.[1101]
Abbiamo in cotesti bronzi parigini il simbolo de’ due ultimi stadii
dell’industria arabo-siciliana: l’uno, cioè, quando i Musulmani si
convertirono alla religione de’ vincitori e appresero la loro lingua
oficiale, senza smettere la propria; e l’altro quando, mutata lingua
e religione, ritenner pure le tradizioni di lor arte: finchè nel
decimosesto secolo furono attirati dal maggior astro che risorgea nella
terraferma d’Italia.

Abbiam già fatta menzione del _tirâz_ regio di Palermo,[1102] nel
quale, si tesseano e ricamavansi i drappi di seta, come afferma
precisamente il Falcando.[1103] E però non ne daremmo or che un cenno,
se non fosse uscita alla luce, dopo il secondo volume della presente
istoria, una erudita e sontuosa illustrazione delle insegne dell’antico
Impero germanico, serbate in Vienna; la qual collezione è composta in
gran parte di ricami e drappi siciliani.[1104] L’abbondante materia
vuol che si tratti separatamente di quelle due manifatture, e si torni
anco addietro al periodo al quale arrivammo nel quarto libro.

Poichè ci sembra con molta verosimiglianza lavoro del _tirâz_ di
Palermo, il pallio che il gran ribelle di Puglia donò all’imperatore
Arrigo II; il qual cimelio si ammira oggidì nel duomo di Bamberg.[1105]
E veramente il disegno somiglia in generale a quello del manto di re
Ruggiero; e il planisfero celeste, ch’evvi raffigurato con qualche nota
astrologica, torna per l’appunto agli studii ed a’ gusti musulmani
di quel secolo, non ostante le figure di santi, tramezzati alle
costellazioni in grazia del pio personaggio pel quale era fatto il
pallio. Si scorge anco la mano straniera nelle iscrizioni latine con
lettere trasposte e alcuna capovolta.[1106] Oltre a ciò manca ogni
fondamento a supporre un _tirâz_ in altra città d’Italia;[1107] nè
è mestieri andarlo a cercare in Affrica o Spagna, quando l’abbiamo
in Sicilia e sappiam la lega di que’ Musulmani (1011) con Melo o
Ismaele, come or non si può esitare a chiamarlo, leggendo il nome
nel pallio.[1108] Seguono nell’ordine de’ tempi il notissimo pallio
di re Ruggiero,[1109] con la data del cinquecenventotto dell’egira
(1133); il camice di seta bianca, ornato con larga fimbria di porpora
e d’oro e con lunga iscrizione bilingue, che porta in latino e in
arabico i titoli di Guglielmo II e l’anno millecentottantuno;[1110] le
gambiere col nome e i titoli dello stesso principe ricamati in lettere
arabiche.[1111] L’editore, il quale ha studiati, meglio che niun altro
erudito europeo, i paramenti ecclesiastici del medio evo, attribuisce
anco agli artefici musulmani di Sicilia i guanti di seta rossa trapunti
in oro; due cinti da spada; un paio di ricchi sandali; il manto
chiamato d’Ottone IV, e altri lavori che non hanno data nè lettere
arabiche, ma gli ornamenti e lo stile di essi confrontano con que’
del _tirâz_ palermitano[1112]. Contro il qual giudizio non abbiam che
dire: se non che il merito del lavoro va scompartito tra’ Musulmani di
Sicilia e i Greci, quando si sa dalle croniche il fatto de’ lavoranti
di Tebe e Corinto, uomini e donne, menati prigioni in Palermo; i
quali di certo non dettero principio a quell’opificio, ma non si
può ammettere neanco che non abbiano giovato nulla a perfezionare i
lavori.[1113] Vanno ricordati infine i ricami in lettere e disegni
arabici della veste con la quale fu sepolto l’imperator Federigo:
onde le prove materiali di quell’arte arrivano infino alla metà del
decimoterzo secolo.[1114]

Circa i drappi fabbricati in Palermo, le prove materiali e gli
attestati scritti forniscono particolari sì copiosi da convenire più
tosto ad apposito e tecnico trattato, che alla presente rassegna.
Basti dunque citare i drappi de’ pallii ricamati, de’ quali testè
abbiamo discorso e i soppanni di quelli, tutti opera siciliana, a
giudizio dell’autore della descrizione; i quali sono tessuti con
bell’artifizio a figure di animali e di piante, rilevati ad oro ed a
colori diversi; e rassomigliano per la fattura agli scampoli rimasi
nelle cattedrali di Palermo e di Cefalù, dei quali l’autore pubblica
qualche disegno.[1115] Vengon poi i vestiti che si osservarono nelle
tombe regie del duomo di Palermo, quando la ristorazione del monumento
die’ occasione ad aprirle.[1116] Leggiamo nella cronica dell’Abate di
Telese che, nelle feste dell’incoronazione di re Ruggiero, le mura del
palagio eran parate di pallii e per fino gli infimi servitori vestiti
di seta.[1117] Nella seconda metà del medesimo secolo, il Falcando
attesta la varietà de’ drappi di seta tessuti nel palazzo reale e
ricamati ad oro e perle, e la copia altresì de’ drappi stranieri e de’
pannilani che vendeansi nel vico degli Amalfitani entro il Cassaro di
Palermo;[1118] e Ibn-Giobair nota il lusso di vestimenta delle dame
cristiane di quella capitale ed anco delle musulmane che davano, com’or
direbbesi, il figurino.[1119] V’ha memoria d’un gran padiglione di
seta da sedervi a mensa dugento persone, che Riccardo Cuor di Leone
pretese da re Tancredi, insieme con altri tesori, dopo la baruffa
di Messina.[1120] Le antiche poesie francesi ricordano lo sciamito
e il zendado di Palermo.[1121] I diplomi siciliani, citando quelle e
tante altre maniere di drappi operati o ricamati, mostrano la grande
attività del commercio e dell’industria indigena.[1122] Danno simile
testimonianza le denominazioni de’ dazii ordinati dai re normanni e
svevi;[1123] e perfino il dialetto siciliano attesta l’origine e la
importanza di quella industria, chiamando i tessitori in generale col
vocabolo arabico _careri._[1124] Gli opificii della seta decaddero
in Sicilia, al par che tante altre sorgenti di pubblica ricchezza,
nella seconda metà del decimoterzo secolo, per le varie cagioni a che
abbiamo accennato; tra le quali non è da dimenticare la emigrazione de’
Musulmani. Delle città di Terraferma, Lucca fu la prima a raccogliere
la eredità della Sicilia. Rivaleggiarono poi con quella città, Firenze,
Venezia, Genova: e artisti italiani recarono tal ricca industria a
Lione, a Tours e in altre città della Francia. Pur la esportazione
de’ drappi di seta rimase bel capo di commercio in Sicilia infino al
decimosesto secolo.[1125]

E nessuna maniera d’opificii, necessarii al vestire ed anco al lusso,
potea mancare in Sicilia nel duodecimo e decimoterzo secolo, s’egli
è vero che le industrie si rannodan tra loro, e che una ne favorisce
un’altra e sovente la porta con seco necessariamente. Così, in un paese
celebrato pe’ drappi di seta, la gabella su l’arco del cotone,[1126]
che parmi voglia dire la battitura de’ bocciuoli per cavar la bambagia,
fa supporre i telai da tesserne il filo. Abbiamo precise testimonianze
per le tintorie[1127] e per gli opificii di pelli dorate, che si
adopravano in varie manifatture e segnatamente negli stivaletti da
donna.[1128] I guanti di seta tessuti a maglia, che si rinvennero
nell’avello di Arrigo VI, sono da riferire anch’essi all’industria
siciliana.[1129] Nè può dubitarsi che i fermagli smaltati e gli
ornamenti gittati in oro, che furon cuciti in alcune delle vestimenta
imperiali, non siano opera degli orefici palermitani; que’ medesimi a’
quali sono da attribuir le corone dell’imperator Federigo e della sua
prima moglie Costanza d’Aragona.[1130]

Verosimil cosa è, ma punto provata, che nel periodo, del quale
trattiamo, si fosse lavorata in Sicilia della carta da scrivere. Furon
gli Arabi, come ognun sa, que’ che recarono in Occidente la carta di
cotone, fabbricata nel Khorasân ad imitazione di quella della Cina,
ch’era fatta di seta o d’erbe;[1131] nè cade in dubbio che opificii di
carta siano surti in Spagna e particolarmente a Xativa, donde, nella
prima metà del duodecimo secolo, se ne mandava in Levante e in Ponente,
al dir di Edrîsi.[1132] Il silenzio del quale, nella descrizione
della Sicilia, sarebbe grave argomento contro il mio supposto, se
in questo medesimo capitolo non avessimo trovate più volte fallaci
le prove negative fondate su quel libro. Ritraggiam noi che, allo
scorcio dell’undecimo secolo, i diplomi normanni di Sicilia, perfino
que’ che portavano concessioni territoriali, furono scritti in carta
di cotone; onde, in men di mezzo secolo, re Ruggiero volle rinnovare
tutti i titoli di proprietà, con l’occasione o il pretesto che molti
originali fossero logori, cancellati o corrosi dalle tarme.[1133]
Continuossi, ciò nonostante, a copiare in carta di cotone gli atti
privati ed anco i pubblici, finchè, a capo d’un secolo, l’imperator
Federigo dichiarò nulli que’ di certe classi che non fossero scritti in
cartapecora;[1134] ma la sua cancelleria, in Sicilia e nella terraferma
d’Italia, usò tuttavia la carta negli atti che parea non dovessero
passare alla posterità.[1135] Il basso prezzo della materia, provato
da cotesti fatti, fa credere più tosto a fabbricazione indigena che
ad importazione dalla Spagna o dall’Oriente.[1136] S’aggiunga che la
denominazione di carta di papiro, occorrendo per la prima volta nelle
Costituzioni di Federigo, sembra nata in Sicilia, per essere questo il
solo paese d’Europa che produce quella pianta, e che l’usò comunemente
nella cancelleria dello Stato fino alla seconda metà del decimo
secolo;[1137] quando egli è probabile che la carta di cotone a poco a
poco sia stata surrogata al papiro, e con l’ufizio ne abbia preso anco
il nome.[1138]

La narrazione de’ fatti politici in questo e nel precedente libro, e
la rassegna delle produzioni del suolo nel presente capitolo, ci ha
condotti a toccare le notizie commerciali, in guisa che, volendo or
trattarne appositamente, basterà di accennare alle cose già dette, le
quali sono confermate da’ trattati di commercio[1139] dalle generalità
che affermano alcuni scrittori.[1140] Hanno avuta i lettori occasione
di riflettere che i principi della Sicilia, massime re Ruggiero e
Federigo, indirizzarono spesso le pratiche e imprese loro a scopo di
utilità mercantile; e che poservi zelo tanto maggiore, quanto eran
essi i primi mercatanti del paese. E veramente le vaste possessioni
demaniali, la riscossione delle gabelle in derrate, l’esempio degli
Ziriti di Mehdia, e da un’altra mano la forma del principato feudale,
sospingeano a quell’errore economico, il quale pur fruttava gran parte
dell’entrata dello Stato, o della Corte che dir si voglia.

Principalissimo capo del commercio siciliano furono i grani, nel
duodecimo secolo,[1141] al par che ne’ seguenti infino al decimottavo,
e continuo sbocco di quelli fino al secolo decimosesto, fu la costiera
di Barbaria, travagliata sempre dalla fame.[1142] Mandava la Sicilia
in Venezia de’ grani ed altre vittuaglie e, con rammarico d’un uomo di
Stato di que’ tempi, ne traeva gran copia di merci e poco denaro.[1143]
Si è già detto delle paste lavorate della Trabia, imbarcate per
varii paesi cristiani e musulmani.[1144] Dopo le granaglie, erano
capi d’esportazione, importanti nel duodecimo secolo, ed, a quanto
parrebbe, assai più nel seguente, le frutte secche e il cotone;[1145]
il quale ritraggiamo che sino ai principii del decimosesto secolo si
mandava perfino in Inghilterra grezzo e filato:[1146] ed è anco da
mettere in conto il corallo, il mastice di Pantellaria e lo storace
odorifero.[1147] Nè possiam supporre scarso a’ tempi normanni il
traffico dello zucchero, poichè quello di prima coltura e le frutte
giulebbate andarono sino al decimoquinto secolo dalla Sicilia in
Costantinopoli, Alessandria d’Egitto e Inghilterra, non che ne’ mercati
della nostra Penisola[1148]. Da un’altra mano esportavansi dei drappi
di seta per le regioni occidentali d’Europa.[1149] Documenti del
duodecimo secolo attestano l’associazione di mercatanti genovesi e
siciliani per intraprese commerciali in varii paesi.[1150] Sappiamo
delle navi siciliane ancorate ne’ porti di Barcellona e di Alessandria
d’Egitto:[1151] e ritraggiamo da altre sorgenti il traffico della
Sicilia in que’ due grandi emporii[1152] e in quelli di Pisa,[1153]
Marsiglia[1154] Amalfi,[1155] Calabria e Malta.[1156] Di certo le
navi genovesi conduceano gran parte di que’ commerci in Sicilia come
in tutto il Mediterraneo;[1157] pure gli altri navigatori italiani
rivaleggiavano sempre con essi, ed anco i Siciliani; poichè sappiamo
delle costruzioni navali di San Marco e del gran traffico di legname
che faceasi a Randazzo, per trasportarlo, com’e’ sembra verosimile,
nel porto di Messina.[1158] Il quale ritolse a Palermo il primato della
navigazione, in quel gran movimento che per tutto il duodecimo secolo
spinse l’Occidente, a traverso il Faro, in Palestina e in Siria: onde
Messina nella seconda metà del secolo divenne la stazione principale
del navilio da guerra, in vece di Palermo.[1159] Nè son pochi gli
emporii minori nominati da Edrîsi: Termini, Cefalù, _Kala’t-el-Kewâreb_
(Santo Stefano), Milazzo, Taormina (ossia Giardini), Aci, Catania,
Siracusa, Scicli, Ragusa, _Olimpiade_ (Licata), Girgenti, Sciacca,
Mazara, Marsala, Trapani, _Kala’t-el-Hamma_, _Calatubo_, Carini, San
Marco.[1160]

Continuando a ciò che abbiam detto intorno le monete del primo conte di
Sicilia,[1161] è da notare che sotto Ruggiero e i due Guglielmi furono
coniati in grandissima copia dei quartigli d’oro, volgarmente detti
Tarì, e citati con tal denominazione negli atti pubblici di quel tempo.
De’ quali son pieni i musei pubblici e privati d’Europa, e se ne trova
sempre qualcuno presso gli orafi e i rivenduglioli in Sicilia ed anche
fuori; oltrechè sappiamo come e’ corsero per le contrade in due grandi
rapine, una volta in Palermo e una volta in Roma.[1162]

L’ampia collezione pubblicata dal principe di San Giorgio Spinelli
ci aiuta a conoscere le monete normanne di cotesto periodo, meglio
che la non abbia fatto per quelle dell’undecimo secolo; quantunque
non ci spiri, nè anche qui, piena fiducia per le date ed altri
amminicoli.[1163] Userò io, dunque, cotesto libro per quel ch’e’ vale,
col sussidio di altre opere e delle monete che ho vedute con gli occhi
miei.[1164]

Lascio addietro, perchè non battuta in Sicilia, nè, a quanto parmi, col
fine di soddisfare a bisogno economico, la moneta di rame, che ha da
una faccia la protome di San Niccolò con iscrizione greca e dall’altra,
in caratteri cufici, la data di Bari, anno cinquecenquarantaquattro
dell’egira (1149).[1165] Le altre monete arabiche de’ Normanni di
Sicilia coniavansi in Palermo e in Messina, talvolta con leggende
bilingui, cioè arabico e latino, ovvero arabico e greco. Quelle di
Ruggiero secondo hanno, la più parte, nel rovescio un segno, che
altri ha creduto figura della croce tronca in cima, altri iniziale
del classico nome di Trinacria. E per vero l’è sigla, secondo
l’uso dei tempi e delle dinastie normanne d’Italia; ma compendia,
a creder mio, il nome di Tancredi, padre di Roberto Guiscardo e del
primo conte Ruggiero: Tancredi di Hauteville, ceppo della dinastia,
della quale i due rami sovrani regnarono insieme in Palermo dal
millenovantuno al millecenventitrè, e governarono la città con unica
amministrazione.[1166] Ognuno intende che non vi tenean essi al certo
due zecche, nè poteano trovare miglior simbolo, per l’unica moneta
loro, che la sigla di Tancredi. Ciò non togliea che il vecchio conte
Ruggiero e i due successori immediati battessero moneta per conto
proprio loro in Messina, nè che Ruggiero duca di Puglia tenesse in
opera la zecca di Salerno.[1167] E si ricordi che la _T_ di varie
forme, e variamente rabescata e ornata di puntini, comparisce più
sovente nelle monete d’oro, quelle cioè che doveano avere corso più
largo ne’ dominii normanni e fuori.[1168] Noi sappiam che allo scorcio
dell’undecimo secolo i grandi della corte di Sicilia invocarono
talvolta la buona fortuna della progenie di Tancredi,[1169] e che re
Ruggiero si vantò sempre erede non men del padre che dello zio; ond’e’
par ch’abbia potuto usare molto volentieri la sigla di Tancredi. Mi
conferma in tal concetto l’ornato bizzarro, dato ai due rami della _T_
in alcune monete e nel gran pallio di Nuremberg: il quale è diviso in
due quadranti dalla medesima lettera, se non che l’asta perpendicolare,
grossa e rabescata, rassomiglia ad un tronco di palma.

Afferma lo Spinelli[1170] che Ruggiero, assunto il titol di re, abbia
mutato cotesto tipo monetario, prendendo quello che fu serbato da’ due
Guglielmi, nel quale rimase da una faccia il nome del principe, ma
fu sostituito nell’altra alla formola musulmana il noto motto greco
“Gesù Cristo vince.” Ma l’autore stesso ci fa veder pure l’antico
tipo dopo il millecentrenta:[1171] e il vero è che un fatto di sì gran
momento non si potrà accertare se pria non saranno rivedute da occhi
più pratici tutte le date e le leggende. Aggiungo aver osservata io
stesso nel Museo di Napoli una moneta che ha da una faccia la formola
musulmana e dall’altra la _T_ rabescata, con la leggenda arabica “Per
comando — del re — Ruggiero.” Io ritengo che la formola musulmana era
già disusata negli ultimi anni di Ruggiero; ma che l’aveano abbandonata
a poco a poco, e adoperata per molti anni promiscuamente col tipo che
portava la croce e il motto bizantino. Chi voglia, poi, applicarsi
all’iconografia delle varie monete arabiche dell’epoca normanna e
sveva, e soprattutto di quelle figurate con immagini sacre, o d’animali
e di piante, troverà campo larghissimo nell’opera dello Spinelli.

Non si alterò sotto i tre primi re normanni la forma, nè, a quel che
parmi, il valore intrinseco de’ tarì o _robâ’i_ fatemiti. Di raro
par si fossero coniati de’ dînâr o mezzi dinar,[1172] nè ci avanza
gran copia di monete d’argento con iscrizioni arabe o bilingui;
ma si rinvengono spesso delle monete di rame. Per cagion del breve
regno e delle popolazioni musulmane, che sempre più si dileguavano,
coniò poche monete arabiche Tancredi, poche Arrigo VI; e scarseggiano
similmente quelle di Federigo, il quale mutò il sistema monetario,
surrogando coll’agostale le frazioni del dinar. Ma ancorchè sieno
estranee al nostro argomento le monete latine dei re di Sicilia, non
vogliam passare sotto silenzio che i Guelfi, tra le altre singolarità
attribuite all’imperator Federigo, narrarono ch’egli avesse data fuori
della moneta di cuoio,[1173] come la tradizione popolare di Sicilia
dice di Guglielmo il Malo. Ed ancorchè nessuno antiquario n’abbia vista
fin qui la prova materiale, non ripugna al vero la imitazione di tal
trovato, quando noi sappiam che i Cinesi, precorrendoci anche nelle
teorie del credito, adoperaron moneta di cartone fin dal settimo secolo
dell’èra volgare. La corte di Roma, nella gran salmeria de’ motivi che
accompagnavano la scomunica del milledugentrentanove, chiamò Federigo
“falsario di nuovo genere,” apponendogli d’aver fatto coniare del rame
coperto di sottile foglia d’argento:[1174] e io debbo dire che, non
ostante la nota audacia di tali accusatori, mi sembra anco verosimile
questo fatto, perchè n’abbiamo esempii nella numismatica antica ed anco
nella musulmana,[1175] e perchè l’imputazione è di quelle che niun osa
fare quando manca il corpo del delitto.



CAPITOLO XIII.


Ho differito fin qui il ragionamento su l’architettura e le arti
ausiliari, perchè mi è parso bene toccarne in quest’ultimo capitolo,
ordinato a notare i vestigii che le colonie musulmane lasciarono in
Sicilia; de’ quali nessun altro è più splendido e più certo di que’ che
scorgonsi ne’ monumenti del duodecimo secolo. Io non dico de’ secoli
precedenti, non sapendo, in vero, se in tutta l’isola rimanga oggi in
piè alcun edifizio surto nella dominazione musulmana. Que’ che i padri
nostri le riferivano con piena fede, ormai scendono ai tempi normanni.
Sognarono alcuni eruditi del secento che l’Annunziata de’ Catalani
in Messina fosse stata, in origine, mausoleo d’un supposto Messala,
re di supposti Alamidi; del quale essi leggean proprio l’epitaffio
nelle tavole di marmo bianco, spezzate in parte e capovolte, onde sono
rivestiti gli stipiti della porta maggiore di quella chiesa.[1176] Ed
ecco che, deciferando senza tanta fatica l’elegante scrittura _neskhi_
intarsiata in quelle tavole a caratteri di serpentino e rabeschi di
porfido, se ne raccapezza de’ versi, pei quali re Ruggiero invitava i
grandi della corte ad entrar nel suo paradiso terrestre: senza dubbio
la reggia di Messina, dove l’iscrizione adornò qualche vestibolo o
corse su le pareti di qualche sala.[1177] Per errore meno indegno di
scusa furon credute, e da taluno credonsi ancora, opera saracenica
i palagi della Zisa e della Cuba e le rovine di Mimnerno, o meglio
direbbesi Menâni, presso Palermo. Ma la Cuba mal nascose l’età sua
agli occhi di Girault de Prangey; e infine è stata tradita da quella
medesima iscrizione arabica che parea documento dell’origine musulmana,
poich’evvi intagliato a caratteri cubitali il nome di Guglielmo II e
l’anno millecentottanta del Messia.[1178] La Zisa anch’essa dopo averci
tenuti tutti in rispetto con quel suo sembiante arcaico, giudicata
or che abbiamo migliori lezioni d’una cronica e d’una epigrafe e che
sappiam l’età della Cuba, torna a Guglielmo il Malo e in parte anco al
figliuolo.[1179] Menâni poi è attribuito da una cronica a re Ruggiero;
nè le sue rovine danno indizio che ci porti a mettere in forse
quell’attestato.[1180]

Si può assegnare, sì, origine più antica al castello di Maredolce[1181]
ed ai Bagni di Cefalà;[1182] se non che la forma primitiva di que’
due monumenti è mutata, tra pei guasti del tempo e per fabbriche
sovrapposte. Diciam lo stesso della Porta della Vittoria[1183] e
dell’edifizio di San Giovanni de’ Lebbrosi.[1184] Poco poi è da
sperare in certi castelli d’aspetto saracinesco, abbandonati, anzi
mezzo distrutti, come que’ del monte Bonifato,[1185] d’Entella e
di Calatamauro in val di Mazara[1186] e qualche altro in val di
Noto,[1187] non parendo che dalle ruine di fortilizii si possa ritrarre
un compiuto sistema d’architettura. Io non ho fatta menzione delle
chiese che chiamiamo normanne, perchè le son tutte evidentemente del
duodecimo secolo, e se in una o due si potesse scoprire qualche lavoro
degli ultimi lustri dell’undecimo, non porterebbe divario nell’epoca.

Del rimanente bastano gli edifizii del duodecimo secolo per determinare
l’indole dell’arte che fiorì in Sicilia in tutto il periodo
delle colonie musulmane. Gli autori moderni, ai quali è occorso
quest’argomento, notan tutti nell’architettura siciliana de’ tempi
normanni uno stile peculiare, molto diverso da quello delle nazioni
europee contemporanee e perfin della Spagna musulmana;[1188] onde lo
dicono misto di varii elementi, bizantino, normanno, moresco, e che
so io; ai quali ogni scrittore pur attribuisce proporzioni diverse.
Altri sostiene che l’architettura volgarmente chiamata gotica, della
quale par che i Goti non abbian saputo mai nulla, venne dal Levante e
pria di passare nel Settentrione, dov’era destinata a produrre tanti
miracoli d’immaginazione, fe’ sosta in Sicilia. Allargandosi per tal
modo la quistione, io sono costretto ad entrarvi, male armato com’io
mi sento: onde chiederò aiuto ai maestri dell’arte, innanzi tutti al
Coste, il quale studiò lungamente gli edifizii del Cairo e si valse
dell’erudizione musulmana. A questa fonte attingerò anch’io qualche
notizia su l’origine e i progressi dell’architettura appo gli Arabi: e
sarà gran fatica, poichè non è trattato quest’argomento da nessun de’
loro scrittori ch’io m’abbia letti. Ibn-Khaldûn, nei Prolegomeni, lo
tocca con alte considerazioni di filosofia storica; egli scende fino
alle pratiche de’ muratori e de’ legnaioli; ma, proprio su l’origine,
dice una volta che gli Arabi appresero l’architettura da’ Persiani e
par lo neghi in un altro capitolo.[1189]

Gli Arabi, come ognun sa, non aveano altra parte d’incivilimento
da recar seco loro fuor della Penisola, se non che un linguaggio
copiosissimo, rigoglioso e ben coltivato. Meno che ogni altr’arte avea
potuto svilupparsi l’architettura in quella nazione, il cui corpo era
nomade e le estremità, se possedeano edifizii, li doveano a’ popoli
finitimi: a settentrione Petra e Palmira piene di monumenti romani; a
levante Hira con le fabbriche de’ tempi sassanidi e il famoso castello
di Khawarnak, edificato ne’ principii del quinto secolo dall’architetto
greco Sinimmar per comando del re arabo Nomân;[1190] a mezzogiorno
il Iemen, con quell’architettura che gli potean recare i Persiani,
ovvero i Cristiani d’Abissinia imitatori de’ Bizantini. La ragione
storica, dunque, portava che, emigrando gli Arabi nella Mesopotamia,
nella Persia, in Siria, in Egitto, nell’Affrica propria e nella Spagna,
ed occorrendo loro di fondare cittadi, edificare moschee, castella,
palagi, e adattare agli usi proprii gli edifizii sacri e profani de’
popoli vinti, dovessero cercare architetti nelle schiatte straniere;
sia tra i vinti medesimi, schiavi, liberti, tributarii, ovvero fatti
musulmani e concittadini; sia tra i sudditi dell’impero romano o degli
usurpatori delle sue province. E le memorie musulmane provano che
l’architettura penetrò appunto per coteste vie nella nazione arabica,
ringiovanita e ingrandita prodigiosamente per numero e territorio. Le
medesime vie, diciamo, per le quali i Musulmani appresero gli ordini di
pubblica amministrazione de’ Sassanidi e de’ Bizantini e la medicina,
le matematiche, la geografia, la chimica, la logica, la metafisica;
le quali scienze tutte essi tolsero in prestito dall’antichità e le
tramandarono alla rozza Europa del medio evo, più sollecitamente che
non abbian fatto i Greci, eredi del gran nome romano. Pur sembra che,
tra gli abitatori dell’impero musulmano, que’ di schiatta ariana abbian
tanto superati i padroni loro nell’esercizio dell’architettura, quanto
nelle scienze e nella pratica della pubblica amministrazione; nelle
quali discipline gli uomini più notevoli erano d’origine straniera,
ancorchè la lode di tutte lor fatiche fosse stata usurpata dagli Arabi,
che loro aveano imposta la religione e donata la propria lingua.

Fin da’ primissimi conquisti, i Musulmani adoperarono nella
costruzione l’ingegno e la mano dei nuovi sudditi. Arde, entro un
anno forse dalla fondazione (638), il misero aggregato di baracche
che era allor Cufa, ed ecco i coloni arabi pensano a fabbricar case
di mattoni e calce; il califo Omar assente, a condizione che non
le faccian tanto alte;[1191] ma commette a un gentiluomo di Hamdân
(Ecbatane), per nome Ruzabeh, di disegnare un grande edifizio da
porvi insieme la moschea e il tesoro pubblico: e per la moschea si
tolgono colonne da’ tempii sassanidi[1192] e altri materiali dai
palagi di Hira.[1193] Ruzabeh costruiva anco i mercati di Cufa a
mo’ di portici;[1194] ed a capo di un secolo furono fabbricate in
quella gran città delle botteghe con vòlte di mattoni e gesso, per
comando di Khaled-ibn-Abd-Allah-el-Kasri,[1195] governatore dell’Irâk
(725-739), celebre pei canali, i ponti ed altri pubblici lavori, di
cui arricchì la provincia, per le grosse entrate che ne cavò, e pel
favore che dette agl’Infedeli.[1196] Ma già a quel tempo l’architettura
era progredita appo i Musulmani. Sappiamo che, occorrendo rifare più
spaziosa la moschea cattedrale di Cufa, Ziad, ufiziale del califo
Moawia (661-680), consultossene con architetti persiani, ai quali
sforzossi di significare il concetto ch’egli avea in mente, ma non lo
sapea spiegare. Pure un vecchio ingegnere dei re sassanidi lo capì;
gli rispose che si doveano alzare colonne di trenta braccia, tutte di
pietra di Ahwaz, assicurata con arpioni di ferro e saldature di piombo;
che poi s’avea a costruire il tetto, murar le navi laterali e l’abside
in fine. “Ecco per l’appunto ciò ch’io pensava,” ripigliò Ziad: e così
fu fatta l’opera.[1197]

Più audace e maestosa comparisce l’arte sotto il califato di Walîd
(705-715), il quale rizzò di pianta molti edifizii e molti ingrandì
e decorò. Era già surta a Wâset di Mesopotamia (703) una fabbrica
detta _El-Kubbet-el-Khadrâ_, ossia la Cupola Verde.[1198] Walîd ne
fece innalzare un’altra nel maggior tempio di Damasco; della quale
si narra che quando il severo Omar-ibn-Abd-el-’Azîz (717-720) si
proponea di rimuovere dalla moschea tutti i vani ornamenti accumulati
con molta spesa dal predecessore, venne a Damasco un ambasciatore
bizantino, il quale, entrato nella moschea con parecchi mercatanti
di sua nazione, alzando gli occhi alla cupola si turbò fieramente,
e richiesto del perchè, rispose avere già sperato che la fortuna
degli Arabi durasse poco, ma or che vedea quali edifizii sapessero
fabbricare, si aspettava diuturna la possanza loro.[1199] Grande
opera sembra anch’essa, alla metà dell’ottavo secolo, la cupola che
edificò sul palagio di Khawarnâk, testè ricordato, un partigiano degli
Abbasidi, persiano d’origine, quand’egli ebbe in dono il palagio,
all’esaltazione della nuova dinastia.[1200] Nella prima metà del
nono secolo, l’emir aghlabita Ziadet-Allah, sotto il cui regno fu
conquistata la Sicilia, rifabbricando tutta di mattoni e di pietra la
vecchia moschea cattedrale del Kairewân, fece innalzare una cupola sul
_mihrâb_, ossia nicchia che designa la dirittura della Mecca.[1201]
Allo scorcio del medesimo secolo se ne vide sorger anco nelle loggette
dei giardini, dove posavano mollemente gli emiri d’Egitto;[1202] mentre
il feroce Ibrahim-ibn-Ahmed alzava nella moschea del Kairewân un’altra
bella e maestosa cupola, sostenuta da trentasei eleganti colonne di
marmo.[1203]

Ma ritornando a Walîd, è da notare che in particolar modo ei promosse
l’ornato. L’anno ottantotto dell’egira (707), quand’egli volle
ampliare la moschea del Profeta a Medina, Giustiniano secondo gli
mandò centomila dinar, cento artefici e quaranta some di materiali da
mosaico; le quali non bastando, il bizantino ne fe’ cercare, terribile
accusa della Storia, per tutte le città abbandonate dell’impero.[1204]
Walîd fu anco il primo che ornasse la moschea di Damasco con mosaico a
ramoscelli e fogliame, disegnati in varii colori su fondo d’oro.[1205]
In quella della Kaaba alla Mecca egli aggiunse degli archi con
iscrizioni a mosaico bianco e nero, e rivestì i pilastri di marmi a due
colori alternati, e talvolta anco a tre, bianco, rosso e verde.[1206]
Due secoli appresso, la corte di Costantinopoli donava similmente
del materiale da mosaico al califo omeiade di Spagna, Abd-er-Rahman,
quand’egli diè l’ultima mano alla moschea cattedrale di Cordova. Tra
gli altri ce l’attesta Edrîsi, dicendo che gli archi del _mihrâb_ «eran
tutti vestiti di mosaico, da parere smaltati come tanti orecchini, e
che ci si ammirava un lavorìo, sì pari, sì elegante e sì fine, che nè
Musulmani nè Rûm arrivarono mai a tanta perfezione.»[1207] Notevoli
parole in uno scrittore che avea forse sotto gli occhi i mosaici della
Cappella Palatina di Palermo!

Su lo stesso argomento degli ornati è da ricordare che nell’Affrica
propria Ziadet-Allah rivestì il _mihrâb_ di marmi da capo a piè;
ornollo di iscrizioni e rabeschi; vi pose intorno intorno delle
colonne picchiettate di nero e bianco (granito?) e n’alzò di faccia
al _mihrâb_ due di splendido rosso (porfido?), che non se n’era mai
viste più belle in Ponente nè in Levante; per le quali l’imperatore di
Costantinopoli profferì tant’oro quanto elle pesavano, ma Ziadet sdegnò
di venderle.[1208] La favola di tal profferta attesta, secondo me, il
commercio con architetti bizantini di Costantinopoli, del Napoletano o
piuttosto della Sicilia. E poichè l’arte bizantina si estese talvolta,
insieme con la protezione politica, infino all’Abbissinia, va ricordata
qui la tradizione che Abd-Allah-ibn-Sa’d, governatore d’Egitto
(645-656), abbia avuto in dono da quel re il bel pulpito di legno
intagliato, che fu collocato nella moschea cattedrale dal legnaiolo
B..kt..r di Dendera, mandato a bella posta dall’Abbissinia.[1209]

Molto ci aiuta in coteste ricerche l’Egitto, sì per le profonde
radici che vi messe la schiatta arabica fin da’ primi principii del
conquisto; sì per la inesauribile ricchezza, nutrice delle arti, e
infine perchè quivi i monumenti del medio evo sono stati, meglio che
in tutt’altro paese musulmano, illustrati dagli scrittori indigeni e
studiati dagli europei. Il Makrizi, diligentissimo raccoglitore delle
notizie sparse negli annali del suo paese, fa la cronaca di ciascun
monumento. Sappiam da lui le vicende della moschea cattedrale di Amru,
o meglio si scriva ’Amr, al Cairo vecchio,[1210] ristorata varie volte
e riedificata al tempo di Walîd; per cui comando fu abbattuto (710)
il tetto che parve troppo basso, e ricominciato il nuovo edifizio
(maggio e giugno 711), fu terminato a capo di tredici mesi per opera
di un Ichia-ibn-Henzela, liberto de’ Beni ’Amir-ibn-Liwâ,[1211] onde
sembra anch’egli di schiatta persiana e forse di Hamdan stessa.[1212]
In vero, nei disegni che noi abbiamo della moschea di ’Amr, l’arco
dei portici, formato di due curve che s’incontrano, ritondato bensì
al vertice e un poco rientrante nel pièritto, par che racchiuda gli
elementi dell’arco aguzzo e di quello a ferro di cavallo, che poi
svilupparono l’uno nelle parti orientali e l’altro nelle occidentali
dello impero musulmano. Vi si scorge anco la costruzione con pietra di
due colori alternati; e verosimil sembra che quegli archi rimangano in
piè fin dall’ottavo secolo.[1213] Ma non ragioneremo su le probabilità,
quando abbiamo la certezza nella moschea d’Ibn-Tulûn. Il Makrizi ci
dà ampii ragguagli e precisi di questo monumento, edificato proprio
nel secol d’oro della civiltà musulmana: che anzi la schiatta araba
già declinava, già prendeva a nolo spade straniere per godersi meglio
i piaceri dell’intelletto e de’ sensi, e già le province spiccavansi
dall’impero, del quale restava il nocciolo spolpato a Bagdad. Allora
Ibn-Tulûn, soldato di schiatta turca, mandato a governare l’Egitto
e fattosene padrone, edificava, in quel ch’oggi chiamasi il vecchio
Cairo, stanze di soldati, palagi, acquidotti, spedali; e tra gli altri
monumenti immaginò una nuova moschea cattedrale. Narrasi com’avendo
flagellato e messo nel carcere di polizia l’architetto cristiano
che poco prima gli avea costruito un acquidotto, Ibn-Tulûn chiamò
altro architetto per la moschea; ma che sentendosi chiedere trecento
colonne da raccattare nelle chiese cristiane per tutto l’Egitto, ei
ripugnava a tal partito e non sapea che si fare. Il cristiano allor
gli scrive dalla prigione che ei fidasi di murar la moschea senz’altre
colonne che le due del _mihrâb_: chiamato dal principe, gli abbozza
il disegno sopra una pelle, e quegli approva il partito; fa rivestire
l’architetto d’un pallio, com’or sarebbe attaccare al petto una
decorazione; gli fa noverare centomila dinar e dà carta bianca per
lo rimanente della spesa: onde l’opera fu fornita a capo di due anni,
il dugensessantacinque dell’egira (878- 879). La moschea d’Ibn-Tulûn
abbandonata, ristorata, ma non mai mutata sostanzialmente,[1214] è
stata osservata dal Marcel,[1215] studiata dal Coste ed ammirata da
tutti gli Europei, com’uno dei più bei monumenti del medio evo e come
il più antico edifizio costruito con archi acuti.[1216] E veramente
i disegni che ne dà il Coste, ci mostrano in quegli archi sostenuti
da robusti pilastri il sesto acuto poco allungato e similissimo a
quello degli edifizii siciliani del duodecimo secolo[1217] ed anco a
quello del Nilometro di Raudha,[1218] il quale era stato fabbricato
il dugenquarantasette dell’egira (861), al dir di Makrizi.[1219]
Questo scrittore poi ci attesta il gran lusso d’architettura, di che
sfoggiarono i successori d’Ibn-Tulûn, allo scorcio dello stesso secolo,
e più di loro i Fatemiti nel decimo e nell’undecimo.[1220] E s’egli
non ci sa dir la patria di tutti gli architetti, nè anco del cristiano
d’Ibn-Tulûn, pur ci narra che tre porte del Cairo, innalzate verso
il millenovanta dell’èra volgare, furon opera di tre fratelli nati in
Edessa.[1221]

Non occorre particolareggiare altrimenti le memorie de’ monumenti
egiziani del secolo decimo e dell’undecimo, poichè l’arte rimanea
la medesima, ancorchè il gusto forestiero si fosse insinuato negli
ornamenti.[1222] Lo stesso Ibn-Tulûn, dotto e pio musulmano, non
rifuggì dal porre due leoni di stucco dinanzi una porta del suo
castello.[1223] Il figliuolo Khamaruweih, che gli succedette, fece
ritrarre sè e le sue cantatrici in una palazzina de’ sontuosissimi suoi
giardini, le mura della quale eran tutte d’oro e d’azzurro, e le figure
dipinte in una larga fascia e ornate di corone, orecchini e altri
gioielli di gran valore.[1224] Conquistato poi l’Egitto da’ Fatemiti
per mano di Giawher, liberto siciliano di schiatta greca o latina,
l’uso delle immagini si fece più frequente; e perfino nella celebre
moschea dell’Azhar (972) furono scolpite sui capitelli certe figure di
volatili e si spacciò fossero talismani da tener lungi dal tempio le
passere, le tortore e le colombe.[1225] II vero è che gli architetti
dei principi egiziani dal decimo secolo in poi s’erano invaghiti
de’ capricci e de’ complicati ornamenti; sì come avvenìa già nella
letteratura arabica, com’avvien sempre nelle arti dopo un’epoca di
bella semplicità.[1226] Contuttociò non fu abbandonato l’arco aguzzo,
se non che comparisce insieme con esso qualche arco tondo o trilobato;
ma non si mutò essenzialmente lo stile, nè si può dir che sia succeduta
a’ be’ tempi del Nilometro e della moschea tolunida una età barocca,
come quella che ingombrò l’Europa nel decimosettimo secolo. Anzi e’
parmi che dopo le Crociate l’arte arabica d’Egitto siasi ritemprata
nell’antica severità. I monumenti di Kelaûn, di Berkûk, di Kaitbai,
surti nel decimoterzo, decimoquarto e decimoquinto secolo, ci danno
argomento di meraviglia e di riflessione, per la somiglianza loro con
gli squisiti edifizii fiorentini di quelle medesime età.

Da un’altra mano ci rimarrem noi dall’esame dell’arte arabica in
altri paesi; poichè a levante dell’istmo di Suez i monumenti musulmani
anteriori al duodecimo secolo, per quel po’ che se n’è studiato, non
mostrano forme diverse da quelle d’Egitto; e se guardiamo a ponente
di Barka, non troviamo nell’Affrica propria altri edifizii di quella
età che la inesplorata moschea del Kairewân. Lasciam anco da parte
la Spagna, dove gli Arabi esordirono seguendo da presso l’arte romana
dell’Europa occidentale e di Bizanzio, e poi continuarono con lo stile,
bene o mal chiamato, moresco: ma nè questo nè il primo rassomiglian
allo stile siciliano del duodecimo secolo, se non che nell’ornato.

Limitandoci dunque all’Egitto, noi chiameremo col Coste architettura
arabica pura quella che vi si ammira ne’ monumenti del nono e del
decimo secolo:[1227] e conchiuderemo che cotesta forma d’arte nacque
su le due sponde del Tigri, e fu esercitata per lungo tempo dalle
schiatte de’ vinti. Nel qual giudizio ci conferma l’esempio d’un’arte
affine, quando sappiamo che, devastata la Mecca da una inondazione,
il califo Abd-el-Melik, l’anno ottanta (700), mandava un ingegnere
cristiano a costruire gli argini che difendessero in avvenire la
città e il tempio; il qual cristiano aveva appresa l’arte, com’egli è
verosimile, nelle irrigate pianure della Mesopotamia.[1228] Non dico io
già che l’arte arabica sia stata creata dal nulla. Si formò al certo di
antiche tradizioni della Mesopotamia, della Media e della Persia e di
tradizioni bizantine, miste a lor volta di stile romano e d’orientale
e pervenute nel centro del novello impero arabico per doppia via;
cioè a dirittura dalle province che ubbidivano a Costantinopoli, e,
di rimbalzo, dall’abbattuto reame sassanida, il quale aveva apprese
tante arti e scienze dalla Grecia e dalla nuova Roma. E sì che questa
gran sede di civiltà sparse luce al paro su l’Europa e su l’Asia: e
in Santa Sofia diè splendido esempio delle cupole e delle iscrizioni
cubitali messe a ricordo e insieme ad ornamento; le quali furon poi
sì largamente usate da’ Musulmani di ogni regione. Ma con tutta la
parentela e la rassomiglianza di molte parti, non si può al certo
chiamare bizantino lo stile arabico, nel quale nessuno negherà lo
elemento persiano. La storia ci dice l’origine dei primi architetti dei
Musulmani; i monumenti sassanidi son lì ancora, con lor vòlte ovoidi
per ogni luogo, e con l’arco ellittico del Taki-Kesra, per attestare
che nel quinto e sesto secolo dell’èra nostra[1229] le curve descritte
da unico centro non bastavano più al gusto orientale, ancorchè i
Bizantini non le avessero barattate giammai.[1230]

Dove e quando sia stato per la prima volta appuntato l’arco dello stile
arabico, non si ritrae da quei pochi studii che gli Europei han fatti
fin qui nelle regioni adiacenti al Tigri ed all’Eufrate. Mi s’affaccia
l’ipotesi che sia avvenuto nell’ottavo secolo alla Mecca. Noi sappiamo
che i Musulmani, quando fabbricavan di pianta le moschee, copiavano
il disegno di quella che cinge la Kaaba.[1231] Sappiam che questo
santuario dell’islam era circondato di case; in modo che, ingrandito
il ricinto, avvenne che da varie parti rimanessero tra l’una e l’altra
angusti passaggi per aprire novelle porte al tempio. Abbiam anco, da
un autore meccano del nono secolo, il numero delle porte, ciascuna
delle quali era costruita ad uno, due, o parecchi archi, e sappiamo la
dimensione di ciascun arco,[1232] la quale il più delle volte si adatta
meglio che al tondo, al sesto acuto, che realmente si osserva oggidì
nelle nuove strutture di quel tempio.[1233] Verosimile egli è dunque
che cotesta forma d’arco, la quale si sparse rapidamente per tutto
l’impero musulmano, eccetto l’estremo Occidente, siasi vista assai per
tempo alla Mecca. L’arco ellittico della Persia ne dava il principio;
lo spazio angusto consigliò forse di ravvicinare i due rami della curva
sì che si tagliarono; o forse l’idea venne dall’intersezione di due
o tre archi tondi nelle porte divise da quattro o cinque colonne. Ed
ho messo nell’ipotesi l’ottavo secolo, perchè nel corso di quello la
moschea della Kaaba fu ingrandita tre volte, e perchè l’arco aguzzo,
non per anco sviluppato nelle fabbriche della moschea di ’Amr che
vanno riferite a Walîd (714), si vede già bello e compiuto nel tempio
d’Ibn-Tulûn (879).

Ignoriam noi come e quando siasi cominciato in Sicilia a smettere
lo stile romano o bizantino. Le nuove costruzioni cominciarono di
certo nel nono secolo, allorchè gli emiri aghlabiti ristoravano e
ingrandivano Palermo;[1234] al qual tempo è da riferire la prima
origine della strada maggiore del Cassaro, copiata forse dal mercato
centrale di Kairewân, ch’era lungo quasi due miglia.[1235] Può darsi
ancora che l’impulso fosse venuto da Mehdia, allorchè i Fatemiti,
venti anni appresso lor nuova capitale, fabbricarono la Khâlesa (937)
nella capitale della Sicilia;[1236] ovvero a capo di trent’anni, nel
rinnovamento degli ordini pubblici intrapreso da’ Kelbiti,[1237]
del qual periodo abbiamo i frammenti dell’iscrizione monumentale
di Termini[1238] e sì, in rozzi disegni, gli avanzi di quella che
coronava Bab-el-Bahr,[1239] com’or veggiamo nella Zisa e nella Cuba;
oltrechè Ibn-Haukal fa menzione d’altre fabbriche nuove ch’ei notò
(872).[1240] Un secolo appresso viene il conte Ruggiero ad affermarci
lo splendore degli edifizii ch’avea trovati e distruttane gran
parte:[1241] e di que’ che rimanevano in piè nella prima metà del
duodecimo secolo ci fa fede il libro di re Ruggiero, o di Edrîsi.
Questi accenna, tra gli altri, all’antico tempio di Palermo, sacro
al culto cristiano, poi fatto moschea e infine cattedrale cristiana
di nuovo, nella quale si ammiravano “sì peregrini lavori ed opere di
dipintura, doratura e calligrafia, sì eleganti ed originali da vincere
ogni immaginativa.”[1242] In ogni modo egli è certo che prima del
conquisto normanno l’architettura fioriva in Palermo e in altre città
della Sicilia; nè men certo che continuò a fiorire. Lo stesso Edrîsi
descrive la cittadella normanna, della quale or non rimane che la
cappella palatina e parte d’una gran torre. “S’erge, dice egli, nel più
elevato luogo del Cassaro la nuova cittadella del gran re Ruggiero,
edificata con ciottoloni[1243] e massi di pietra da taglio: fortezza
ben complessa, munita d’alte torri, di saldi minaretti e robusti
propugnacoli che difendono i palagi e le sale.”[1244] Si confronti
cotesto ragguaglio con que’ d’Ibn-Giobair, di Romualdo Salernitano e di
Ugo Falcando, i quali non occorre replicar qui; ricordinsi gli edifizii
suburbani, de’ quali abbiam detto in principio di questo capitolo; vi
si aggiungano le molte chiese e monasteri e gli edifizii privati di
che veggiam qualche avanzo, o ne fanno menzione le antiche scritture,
e si comprenderà quanto e quale sia stato il lusso architettonico della
Sicilia nel duodecimo secolo.

Ma lo stile degli edifizii che rimangono di quel tempo torna
all’arabico dell’Egitto. Ecco gli archi, moderatamente acuti, delle
chiese in Palermo, in Cefalù, in Morreale; que’ della Badiazza
presso Messina,[1245] del monastero di Maniaci,[1246] del ponte dello
Ammiraglio, di Maredolce, della Zisa, della Cuba, simili, diciamo con
rigore geometrico, a que’ del Nilometro e della Moschea d’Ibn-Tulûn!
Ecco nelle fabbriche esteriori della Martorana, del chiostro di
Morreale e in un muro anco di quel Duomo gli spigoli delle vòlte e
varii membri degli ornati alternarsi bianchi e neri come nell’Azhar del
Cairo! Ecco le cupole di San Giovanni degli Eremiti, della Cappella
Palatina, della Martorana, di San Cataldo, di San Giovanni de’
Lebbrosi, e quella che copre la loggetta del giardino di casa Napoli
presso la Cuba, e l’altra più piccina, vera _sebîl_ che disseta ancora
i viandanti nello stradale tra Villabate e Misilmeri![1247] Tornan
tutte queste cupole ad una sezione di sfera, sostenuta sopra spazio
quadrilatero con bel congegno di archetti pensili che s’aggruppano
a ciascun angolo in forma di pina scavata, e tutte discostansi
dalla costruzione delle cupole bizantine, in guisa da doversi
riferire piuttosto a quella che par sia passata dalla Mesopotamia
in Egitto[1248] e in Affrica. Cotesti riscontri notansi nelle parti
essenziali della struttura, con tanti altri che gli uomini dell’arte
hanno descritti più particolarmente.[1249]

Nè il comune legnaggio arabico apparisce men chiaramente negli ornati,
ancorch’essi appartengano ad arte accessoria, capricciosa per natura e
per vezzo particolare degli Arabi, e derivata anch’essa dalle province
bizantine. Un fino conoscitore nota la somiglianza degli ornati
siciliani con que’ de’ monumenti musulmani più antichi, per esempio
della cattedrale di Cordova.[1250] Il palco di legno della moschea
di Cordova, come cel descrive Edrîsi, era compagno di quel ch’ora
veggiamo nella Cappella Palatina di Palermo, se non che i cassettoni,
o canestri che voglian chiamarsi, erano parte circolari e parte
esagoni a Cordova[1251] e in Palermo han figura di ottagono inscritto
in una stella. A chi guardi il fregio di mosaico che corona le tavole
di marmo bianco della Cappella Palatina di Palermo e del Duomo di
Morreale, par che l’abbiano disegnato le stesse mani che fecero il
modello de’ merli e de’ parapetti straforati delle moschee d’Ibn-Tulûn,
di Hâkem, di Hasan o di quella detta l’Azhar. Gli arabeschi che
ammiransi ne’ pulpiti di quelle moschee sembran originali o copie di
quei che rendon sì vaghi i pavimenti e i troni regii della Palatina
o di Morreale.[1252] E perchè nulla manchi al paragone, l’iscrizione
arabica cristiana, che si è scoperta non è guari dentro la cupola
della Martorana, è dipinta su assi, appunto come quelle del Cairo. Da
un’altra mano lo stile di Maredolce, della Zisa e della Cuba, ch’è
pur manifesto nelle rovine del palagio di re Ruggiero all’Altarello
di Baida, s’accompagna quivi ad un altro elemento, offrendo ne’ pochi
avanzi della gran sala terrena una reminiscenza dell’arte sassanida:
una nicchia grande, o piccola abside che voglia dirsi, la quale
s’innalza da un’area rettangolare e chiudesi al vertice in sezione
ellittica con l’asse maggiore perpendicolare, in guisa da ritrarre uno
spaccato di cupola ovoide.[1253] Ritornano in campo per tal modo negli
edifizii siciliani del duodecimo secolo alcune delle prime fattezze
dell’arte arabica ch’erano rimase latenti negli anelli intermedii della
catena, sì come avviene nella generazione degli animali per quella
legge che i naturalisti or chiamano atavismo. Non reca minor maraviglia
il vedere in alcuni capitelli dei monumenti sassanidi la medesima
forma di quelli, de’ quali abbiam tanta copia ne’ monumenti normanni di
Sicilia.[1254]

Va notata altresì la rassomiglianza de’ giardini di sollazzo. A legger
quelle pagine che si direbbero tolte da’ racconti arabi, nelle quali
il prosaico e diligente Makrizi, su la fede di autori più antichi,
descrive i palagi suburbani, le peschiere, i canali, le loggette,
i verzieri degli emiri tolunidi e de’ califi fatemiti,[1255] ci
par di vedere, un poco più particolareggiati, i medesimi ragguagli
che danno gli scrittori del duodecimo secolo, cristiani, musulmani
ed ebrei, intorno le delizie dei re normanni di Sicilia. Come
il Cairo, Palermo ebbe quella che Ibn-Giobair chiama collana di
ville regie:[1256] la Zisa, Menâni, la Cuba e Maredolce, le quali
giravano quasi a semicerchio intorno la città da ponente a libeccio e
scirocco. Non traviarono dal gusto orientale i fondatori della Zisa,
quando la gran sala terrena, splendidamente ornata come una Ka’ah
moderna d’Egitto,[1257] ha in fondo una fonte ed è tagliata in mezzo
dall’aperto canale di marmo, pel quale l’acqua va a raccogliersi fuori
il castello in una gran vasca, nel cui centro surse elegante loggetta
fino allo scorcio del decimosesto secolo.[1258] Nella Cuba, la base
del prospetto rivestita di cemento idraulico, la porta più alta del
suolo, e gli avanzi degli argini, attestano che il castello rispondea
sopra un laghetto artificiale;[1259] e le vestigie del medesimo cemento
si scorgono nelle rovine di Menâni.[1260] Più lunga la cronica di
Maredolce, o Favara che vogliam dire. Sappiamo che fu villa regia
di sollazzo fino al principio del secolo decimoquarto;[1261] che
Arrigo imperatore, allo scorcio del duodecimo, dimorò nel castello
e trovò il parco pien di cacciagione.[1262] Pochi anni innanzi,
Beniamino da Tudela, o il viaggiatore copiato da lui, faceva andare a
diporto sul lago il re normanno con le sue femmine;[1263] del quale
lago, disseccato in oggi, possiam noi misurare il circuito lungo la
radice del monte e gli avanzi degli argini; e l’altezza si scorge
dall’intonaco idraulico ond’è rivestito in alcune parti il muro
del castello.[1264] I poeti di re Ruggiero, nella prima metà del
secolo stesso, aveano descritti i nove canali scavati alle acque,
e i pesci, gli uccelli, i boschetti di aranci e le due palme che
s’innalzavan come vessillo su que’ giardini d’Armida.[1265] I quali
già nel secolo precedente avean mosso a maraviglia il conte Ruggiero,
quand’egli irruppe (1071) nella pianura di Palermo;[1266] ed erano
stati acconci forse in sul principio del secolo, poichè il castello,
fino al tempo d’Ibn-Giobair (1184), si addimandò Kasr-Gia’far;[1267]
dond’egli è verosimile che l’abbia edificato l’emir Kelbita di
quel nome (998-1019). L’attiguo bosco di palme, che stendeasi fino
all’Oreto,[1268] va noverato forse tra i luoghi di sollazzo che
Ibn-Haukal avea visti in riva al fiume, verso la metà del decimo
secolo[1269] e che i Pisani aveano depredati il millesessantatrè.[1270]
Dobbiamo far menzione ancora della vasta bandita che, al dire di
Romualdo Salernitano, avea creata re Ruggiero in alcuni boschi e monti
presso Palermo, circondatili a quest’effetto d’un muro di pietra,
piantatovi nuovi alberi, e messavi gran copia di daini, caprioli e
cinghiali; il qual parco dalla reggia stendeasi per parecchie miglia a
libeccio oltre i gioghi de’ monti e chiamavasi, com’io credo, Menâni,
col nome stesso del castello.[1271] Romualdo aggiugne che il re passava
l’inverno alla Favara e l’estate a cacciare ne’ boschi del Parco. La
loggetta sormontata di cupola che rimane intatta tra Menâni e la Cuba,
torna sempre, qual che fosse l’età sua, al gusto dei giardini regii
dell’Egitto.[1272]

Se i principi normanni seguirono gli usi dei Kelbiti, questi a lor
volta aveano imitati i califi del Cairo. E la storia ce ne mostra
il perchè. La casa kelbita dei Beni-abi-Hosein, mandata da Moezz a
mettere, se possibil fosse, un morso in bocca a’ riottosi Musulmani di
Sicilia, avea gran seguito a corte di quel califo. Sotto i degeneri
successori di Moezz crebbe la possanza de’ Kelbiti, al segno ch’e’
prevalsero ne’ consigli del Cairo più facilmente che lor non avvenisse
di comandare nella capitale della Sicilia.[1273] Dalla intima relazione
delle due corti, seguì naturalmente maggiore frequenza di commerci
tra’ due paesi: il qual fatto, se occorre nelle memorie del duodecimo
secolo, del decimoterzo e fino al decimoquarto,[1274] era nato al certo
avanti le Crociate e avanti il conquisto normanno dell’isola.

Dopo il detto fin qui, noi possiamo senza ambagi chiamare
arabica l’architettura siciliana del duodecimo secolo; e possiamo
conchiudere che quest’arte seguì il corso di ogni altra appartenente
all’incivilimento esteriore che rimase in Sicilia fino alla caduta
della dinastia normanna. Quello che alcuni eruditi supponeano stile
ibride, nato al contatto de’ nuovi con gli antichi abitatori del
paese, mi sembra mera specie dello stile arabico d’Oriente; poichè io
non veggo nel siciliano quel profondo divario che porta a far genere
novello. Anzi, parendomi che i confini tra il genere e la specie non
sieno meno incerti in architettura che in zoologia, mi rimarrei da una
quistione di parole, se non pensassi che l’altrui giudizio è fondato
sopra erronei dati storici intorno i tempi e i luoghi. Io credo che
altri abbia errato, considerando l’arte arabica più tosto nel tramonto
del medio evo, che nel pien meriggio dell’incivilimento musulmano;
più tosto a Granata, che al Cairo. Parmi altresì che quella influenza
bizantina, che tutti i maestri dell’arte hanno notata negli edifizii
siciliani del duodecimo secolo, non sia mica peculiare del paese nè
del tempo, ma si scorga medesimamente in ogni stile architettonico
del medio evo; nell’arabico di Egitto, come in quello di Spagna;
nel sassanida, come nel lombardo e in tutt’altro che prevalse fino
a’ principii del decimoterzo secolo nella Terraferma d’Italia ed
oltremonti, non esclusa la Spagna dei Visigoti. Anzi ne’ monumenti
sassanidi occorrono più frequenti e più schiette le linee bizantine.
L’arte siciliana le ereditò dall’arabica. E ne sia prova il gran
divario di stile che corse nel duodecimo secolo tra la Sicilia e
l’Italia meridionale, soggette entrambe a’ principi normanni: delle
quali regioni la prima contava tre secoli di dominazione arabica,
la seconda era uscita da poco di man de’ Bizantini e, se ripugnava
alla dominazione, seguiva la civiltà loro e talvolta chiamava artisti
da Costantinopoli.[1275] Or l’arco acuto usato ordinariamente, anzi
esclusivamente, in Sicilia, non passò lo stretto di Messina pria della
metà del decimoterzo secolo. Una sola eccezione che ve n’ha conferma la
regola: ed è da maravigliare che non se ne trovino assai più all’entrar
del duodecimo secolo, quando i principi non solo, ma anco molti baroni
d’ambo i lati dello Stretto discendeano dalle stesse famiglie.[1276]
Io non ho fatto parola d’arte normanna, parendomi non si possa
mettere in campo ne’ primi principii del secolo, quando i Normanni,
sia di Francia, sia d’Inghilterra, usavano ancora lo stile dell’uno o
dell’altro paese, il quale non somiglia per nulla a quello della Bassa
Italia, nè della Sicilia, signoreggiate, nol dimentichiamo giammai,
da guerrieri di ventura di tante nazioni, ai quali fu dato il nome di
Normanni, perch’era questa la gente che primeggiò tra loro.

È da avvertire che ci limitiamo nel giudizio nostro all’arte
predominante in Sicilia nel duodecimo secolo, quella, cioè, che si
ritrae da’ monumenti delle regioni occidentali e da quelli che furono
innalzati nelle orientali da’ principi normanni. Noi non supponghiamo
già che si fosse dileguata al tutto in Valdemone un’arte indigena
più antica, sorella dell’arte dell’Italia meridionale e molto
vicina a quella di Costantinopoli; ma pochi monumenti ne avanzano
nella Sicilia orientale, e tutti poco più o poco meno alterati da
successive costruzioni. Pertanto noi non ragioneremo di quest’arte
che non appartiene propriamente alla Sicilia musulmana, e in ogni
modo non se ne vede grande effetto nell’architettura del duodecimo
secolo; e sol possiamo supporre che nel decimo e nell’undecimo abbia
dato in prestito qualche accessorio agli architetti musulmani della
Sicilia. La ragione è che entrati i Greci di Sicilia e di Calabria
nella corte normanna di Palermo, insieme coi vincitori Oltramontani
o italiani di Terraferma, tutte quelle genti cristiane cominciarono
a dar nuovo indirizzo alle lettere, alle scienze morali e ad alcuna
delle arti figurative: ma l’opera fu lenta al par che l’aumento della
popolazione cristiana.[1277] Avvertiamo ancora che, chiamando arabica
l’architettura siciliana, intendiamo dire delle fattezze principali;
non potendosi tenere diversità di stile que’ lievi mutamenti che
richiede or il subietto dell’edifizio, ora il comodo o il capriccio
del padrone. L’arte arabica, sì ricca e versatile, potea soddisfar
appieno a coteste modificazioni senza necessità di trasnaturarsi.
Basta osservare la pianta delle principali chiese normanne di Sicilia
che han forma di basilica (diversa bensì da quella della Terraferma
d’Italia, al par che dalla chiesa bizantina e dalla moschea),[1278] e
ve n’ha alcuna costruita precisamente a croce greca; onde ognun vede
che gli architetti seguivano i dettami de’ prelati e de’ principi
fondatori, a un dipresso come i due architetti persiani abbozzarono
successivamente il disegno della _giâmi’_ di Cufa secondo i cenni di
Omar e di Ziad, e come l’architetto cristiano d’Ibn-Tulûn delineò la
moschea senza colonne. E mi sembra che gli architetti musulmani di
Palermo ben serbassero l’integrità dell’arte loro, dando alle chiese,
ch’e’ fabbricavano, talvolta una forma di mezzo tra l’occidentale e
l’orientale e talvolta la forma greca a dirittura. Si può ammettere
similmente che artisti siciliani abbian delineato qua e là, per voler
dei principi e de’ baroni, il fregio ad angoli salienti e rientranti
usato in Francia e in Inghilterra col nome di _chevron_ o _zigzag_,
e lo stesso diciamo di alcun’altra parte accessoria; ma nessuno
ne inferirà che l’arte arabica rimanesse alterata per questo, nè
tributaria delle arti settentrionali. Credo anch’io che re Ruggiero,
vago delle matematiche applicate e capace d’altissimi concetti, abbia
dato indirizzo agli artisti che gli fabbricarono San Giovanni degli
Eremiti, la Cappella Palatina, il Duomo di Cefalù, i palagi e le ville:
e pur non dirassi ch’egli abbia rinnovata con ciò l’arte arabica in
Sicilia.

La quale par sia stata allora esercitata quasi esclusivamente da’
Siciliani, sia di schiatta arabica o berbera, sia di schiatte indigene,
fatti musulmani e alcun di loro già riconvertito al Cristianesimo,
da senno o per gabbo. E veramente la moda d’intagliare iscrizioni
arabiche negli edifizii de’ principi normanni, come alla Cuba, alla
Zisa, e perfino nella torre della distrutta chiesa di San Giacomo
la Màzara,[1279] fa necessariamente supporre artisti la più parte
di linguaggio arabico. Il qual uso d’intagliare le iscrizioni nelle
mura esteriori de’ monumenti accettò anco le due altre lingue che si
parlavano in Palermo, la greca cioè nella chiesa della Martorana,[1280]
e la latina in quella contigua detta di San Cataldo; ma l’arabico
non cedè il luogo ne’ castelli della Cuba e della Zisa, ancorchè più
moderni.[1281] L’arabico entrò ne’ santuarii cristiani, come ognun
vede nel palco della Cappella Palatina e nella chiesa della Martorana,
nella quale, astrazion fatta delle due colonne con iscrizioni, tolte
evidentemente da moschee, la cupola di mosaico con epigrafi greche
è fasciata alla base, com’abbiamo testè accennato, d’una iscrizione
che comincia col simbolo greco bizantino e continua sino alla fine
in arabico, con formole cristiane tradotte da inni antichissimi della
Chiesa orientale.[1282] Convien dire anzi che gli architetti fossero
rimasi, se non musulmani, per lo meno arabizzanti fino alla seconda
metà del duodecimo secolo, poichè nel soffitto della chiesa della
Magione, che fu edificata in quel torno, si veggono ancora, su le
correnti del comignolo, le voci Vittoria, Salute, Possanza, Contentezza
ed altri augurii scritti in arabico, or a caratteri neri su fondo
bianco, or il contrario, ed ora in rosso con fili gialli su fondo
nero; e coteste correnti alternansi tra loro e con altre che portan
figure, le une di pesci e le altre di uccelli.[1283] Era capriccio
degli artefici, o piuttosto superstizione d’astrologia; ma pur sempre
la lingua pura e i caratteri netti e franchi provan la nazione degli
autori principali di quell’opera.

Spero io che questa definizione della architettura siciliana del
duodecimo secolo, messa innanzi dall’Hittorf, confortata da’ lavori
del Coste e, se mal non mi avviso, anche dal dotto giudizio dello
Springer e corredata delle notizie ch’io ho aggiunte qui, sia decisa
inappellabilmente, quando lo studio di nuovi testi arabi e di altri
monumenti della Siria e della Mesopotamia designerà precisamente il
tipo ch’ebbe l’architettura arabica orientale dall’ottavo all’undecimo
secolo. Coi quali studii troncherassi fors’anco quell’altra lite
su l’origine dell’architettura, impropriamente detta gotica, del
Settentrione. Uno de’ più eletti ingegni del secol nostro[1284] ha
trattato questo argomento, sostenendo, con molta erudizione e molto
amor patrio, come lo stile gotico non consista nell’arco acuto e come
sia nato dalle idee filosofiche, politiche e religiose che nella prima
metà del duodecimo secolo andavano germogliando entro le congreghe
ecclesiastiche dell’Isola di Francia. Ma s’egli ha dimostrata la novità
dello stile settentrionale e il merito di coloro che primi l’usarono
in Francia, o, com’altri vuole, in Germania o in Inghilterra, non si
potrà negare da un altro canto che l’arco acuto è pur parte principale
dell’arte del Settentrione; che si vedea già bello e compiuto
nella moschea d’Ibn-Tulûn nel nono secolo, e che s’ammirava anco
in Sicilia alla fine dell’undecimo e nella prima metà del seguente.
Non va rigettata dunque l’opinione del Coste e dell’Hittorf.[1285] I
pellegrini normanni e tedeschi che visitavano Gerusalemme e il Sinai
avanti la prima Crociata; i guerrieri dell’Occidente, nobili e plebei,
laici e chierici, che ritornavano a lor case dopo sciolto il voto della
liberazione, riportarono, com’egli è verosimile, l’idea dell’arco acuto
ed altre movenze dell’arte arabica; la quale con la sua vaghezza e
grandezza non potea non abbagliare gli inculti popoli dell’Europa. Nè
parmi supposto temerario che, sostando in Sicilia, alcun de’ reduci
abbia vista l’arte medesima fiorir sotto lo scettro cristiano e
servire agli edifizii sacri. Senza dubbio que’ concetti germogliarono
in menti preparate dalle tradizioni dell’architettura romana e da un
cupo sentimento religioso ignoto nell’Europa meridionale; senza dubbio
la qualità de’ materiali di costruzione e i bisogni del clima, per
esempio i tetti acuminati, richiesero delle modificazioni e suggerirono
di tentare un arco assai più aguzzo che non si fosse mai veduto in
Egitto, nè in Sicilia; e spesso, com’egli avviene, la necessità parve
virtù, e la bizzarrìa, volo del genio o sublimità dell’affetto. Spuntò
per tal modo quello stile che non è romano, nè lombardo, e neanco
arabico, nè bizantino, quantunque abbia preso di questo e di quello,
ma pur costituisce una forma nuova dell’arte e va noverato tra le poche
creazioni felici del medio evo.

Ritornando al mio argomento e toccando delle arti accessorie
all’architettura, io non sosterrò che tutti i be’ mosaici siciliani
del duodecimo secolo sien opera della schiatta musulmana. I soggetti
cristiani delle immagini poteano esser comandati anco a Musulmani; ma i
tipi immutabili della Chiesa bizantina copiati fedelmente, il disegno,
i colori, le epigrafi in greco, rivelan la mano di artisti di quella
schiatta, sia che fossero venuti apposta da Levante, come quei che avea
testè chiamati l’abate Desiderio a Monte Cassino, sia degli indigeni di
Sicilia e della Bassa Italia. Nè ripugno al supposto che uomini nati
di schiatte italiche nell’una o nell’altra regione abbian presa parte
al lavoro e lasciatovi per segno le epigrafi latine. Non escluderò
nè anco gli Arabi, quando Edrîsi, nel paragrafo della cattedrale di
Cordova testè citato,[1286] disse che nè Musulmani nè Rum avean mai
fatti mosaici più belli. Oramai non si può allegare, e reggerebbe
poco nel caso nostro, il supposto orrore d’ogni fedel musulmano contro
le immagini d’uomini o d’animali: contuttociò egli è probabile che i
Musulmani, più tosto che alle istorie bibliche ed alle rappresentazioni
de’ santi, abbiano lavorato a quello che soleano far più sovente, cioè
nelle chiese agli ornamenti e negli edifizii profani alle immagini
di fantasia, come quelle della sala terrena della Zisa e della stanza
normanna del palazzo reale. Del resto egli è noto che valenti critici
hanno studiati i mosaici di Sicilia e li hanno giudicati superiori a
que’ contemporanei della nostra Terraferma.[1287]

Accennerò appena alle dipinture su legno che rimangono ne’ cassettoni
ottagoni del palco della Cappella Palatina di Palermo, tutti
intagliati, divisi da lunghe aguglie capovolte a mo’ di stalattiti,
ornati d’oro, d’azzurro, di bianco e d’iscrizioni arabiche. Le
dipinture son da riferire alla prima metà del duodecimo secolo, come
la più parte de’ cassettoni; sapendosi da scrittori contemporanei che
il palco era ornato per l’appunto con que’ disegni e que’ colori,
e rimanendovi intatte, la più parte, le iscrizioni arabiche. Ma a
quell’altezza arriva poca e trista luce dalle finestre sottoposte, sì
che le iscrizioni furono ignote fino al principio di questo secolo,
e le figure e i rabeschi dipinti entro i cassettoni non si conoscono
altrimenti che per le piccole fotografie fatte due anni addietro
a luce riflessa da uno specchio, quand’io mi accinsi a pubblicare
le iscrizioni. Nessuno ha osato poi di giudicar le dipinture senza
osservarle da presso: onde convien tacerne per ora ed aspettare qualche
occasione, che permetta ai conoscitori di studiare a loro bell’agio
questi avanzi di un’arte siciliana del duodecimo secolo.[1288]

Venendo alla scultura, non veggo alcuna ragione di negar ai Musulmani
di Sicilia il lavorìo degli ornati in alto e basso rilievo e in
particolare de’ capitelli elegantemente scolpiti, che ammiriamo
in varii monumenti dell’epoca normanna, massime nel chiostro di
Morreale. Perocchè il grande numero e la forma de’ capitelli esclude
il supposto che fossero tolti da più antichi edifizii, e, come dicemmo
pocanzi trattando de’ mosaici, non regge il vecchio canone che là,
dove si veggono effigie, sia da escludere l’origine musulmana. Buoni
giudici spassionati hanno notata la eccellenza di così fatta opera di
scultura.[1289] De’ fonditori di bronzo abbiamo toccato nel capitolo
precedente. Passando dal mestiere a quella che in oggi si chiama
propriamente arte, noi non rivendicheremo alla scuola musulmana
le due porte di bronzo del Duomo di Morreale, contemporanee e pur
di stile molto diverso, nell’una delle quali si legge il nome di
Bonanno da Pisa, nell’altra quel di Barisano da Trani.[1290] Pure la
imitazione degli ornati arabi è notabile in alcuni compartimenti della
porta di Bonanno: e più assidua, dico anzi servile, si scorge in un
lavoro anteriore almen di ottant’anni, cioè le porte di bronzo della
camera sepolcrale di Boemondo a Canosa, ch’erano una volta ageminate
in argento. Nelle quali non solamente i fregi e il campo son tutti
arabeschi finissimi e complicati, ma l’artista perfin copiò delle
lettere cufiche nei tre cerchi che occupano il campo del battente
sinistro; talchè si direbbe opera orientale, se non vi si leggessero
allato in latino le lodi di Boemondo e se la soscrizione, parimente
latina, non portasse il nome di Ruggiero campanaio di Amalfi, autore
delle porte e d’un candelabro.[1291] Possiam noi supporre questo
Ruggiero musulmano di Sicilia, battezzato col nome del padrone
normanno che l’emancipò; possiamo supporre che, nato in Amalfi, avesse
appresa l’arte, com’altri suoi concittadini ed altri Italiani, in
Costantinopoli, oppure in Sicilia o nel Levante musulmano; ch’egli
avesse gittato il bronzo ed altri disegnati i modelli: ma in nessun
caso è dubbia la scuola, alla quale appartiene questo lavoro. A ciò
s’aggiunga che i Musulmani di quella età, con opera diversa e assai
meno agevole, fabbricavan porte di ferro istoriate a figure di animali.
Noi lo sappiamo precisamente delle porte di Mehdia,[1292] della qual
città si è visto ch’ebbe fin dalla sua fondazione strette relazioni con
la Sicilia. E non sembra inverosimile che fossero state della stessa
fattura le porte di ferro che Roberto Guiscardo riportò di Palermo in
Troja di Puglia, insieme con varie colonne e capitelli di pregio:[1293]
il qual fatto spiana la via all’ipotesi che artisti musulmani di
Palermo abbiano partecipato al disegno dei lavori di bronzo gittati un
secolo appresso pel Duomo di Morreale.

Ma ritornando alle costruzioni dopo il lungo discorso su le arti
ausiliari, ci occorre un ramo d’ingegnerìa assai coltivato in Palermo,
per l’abbondanza delle acque che sgorgano alle radici de’ monti vicini.
Il biasimo che fa Ibn-Haukal a’ Palermitani, perchè la più parte
bevesser acqua di pozzo, ci ha condotti, contro l’opinion comune, a
conchiudere che la vasta ramificazione di acquedotti e condotti minori,
che in oggi recano l’acqua infino a’ piani più elevati delle case, non
si dovesse riferire alla dominazione musulmana. Ma da un altro canto
quel congegno non può esser nato dopo il duodecimo secolo. Arabica
è la voce _giarra_, che designa in Sicilia una parte principale del
sistema, cioè i pilastri, ne’ quali si fa montar di tratto in tratto
l’acqua per lasciarla ricadere giù e renderle in parte la forza perduta
nel cammino: le quali costruzioni furono usate allo stesso effetto in
Ispagna e lo sono tuttora nell’Affrica settentrionale.[1294] Che se il
vocabolo _catusu_, il quale in Sicilia vuol dire doccia di terra cotta,
ha etimologia greca e latina, noi veggiamo che gli Arabi, toltolo
in prestito, come tanti altri vocaboli, da’ popoli civili, mutarono
alquanto il significato da “urna o brocca” in “secchia,” e in Occidente
vi aggiunsero il significato di “condotto o doccia;” onde questa voce
siciliana si deve immediatamente agli Arabi.[1295] Infine è arabica
di pianta la voce _darbu_, misura d’acqua corrente, usata fino ai
nostri giorni in Palermo e scritta in un diploma arabico del duodecimo
secolo.[1296]

Dalle cose passando agli uomini, sarebbe da investigare per lo primo
quali avanzi di sangue arabo e berbero fossero rimasi negli odierni
Siciliani. A tal quesito parmi non sappia rispondere l’anatomia nè la
fisiologia, dopo sette secoli, nel corso de’ quali la schiatta italica,
di gran lunga predominante, ha avuto agio di assorbire ogni altra. E là
dove mancano i rigorosi metodi scientifici, dobbiamo diffidare delle
apparenze, delle opinioni preconcette, delle osservazioni parziali
e de’ subiti giudizii. Per la medesima ragione mettiamo da canto le
conghietture che suggerisce qua e là una diversa sembianza e indole
degli uomini in qualche regione o città dell’isola, e ci ristringiamo
ai fatti storici e linguistici.[1297]

Abbiamo notate a lor luogo le crisi della popolazione musulmana. La
quale, oltre le stragi della guerra e delle proscrizioni, scemò per la
emigrazione in Affrica, incominciata il millesessantotto e non cessata
al certo fino al compimento del conquisto; cresciuta dopo breve sosta,
pei supplizii del cencinquantatrè, e per le stragi del censessantuno;
continuata pian piano sotto Guglielmo il Buono; accelerata dalle
sedizioni del centottantanove, e dai terrori del cennovantanove, fino
alle ribellioni del dugenventuno e dugenquarantatrè, per le quali,
altri si rifuggì in Affrica o in Egitto, ed altri cercò scampo nella
religione de’ vincitori; mentre il grosso de’ ribelli era deportato
in Puglia e scompariva, tra per apostasia e per emigrazione, ne’
principii del secolo decimoquarto. Verosimil sembra che, in tutte
queste vicende, la più parte degli usciti fossero oriundi di schiatte
straniere, più tosto che antichi abitatori dell’isola. In tale opinione
mi conferma il fatto che i Saraceni di Lucera parlavano, o per lo
meno intendean bene, l’italiano;[1298] il che conviene per l’appunto
alla popolazione rurale sottomessa dai Musulmani e lasciata sotto
il giogo dai Normanni, nelle platee dei quali ci occorrono tanti
villani musulmani di origine italica o greca.[1299] Ma dopo la seconda
deportazione in Puglia scomparisce nell’isola, sì come abbiam detto di
sopra, ogni notizia di abitatori musulmani;[1300] si veggono famiglie
siciliane in Egitto e in Affrica;[1301] il linguaggio arabico si spegne
d’un subito in Palermo stessa: sì che ne avanza appena, nella seconda
metà del decimoterzo secolo, una soscrizione in atto pubblico[1302] e
il ricordo di traduttori dall’arabico in latino, tra i quali veggiamo
degli Israeliti.[1303] Mancano in Sicilia nella stessa generazione le
iscrizioni sepolcrali arabiche:[1304] e se i nomi di città, villaggi e
grandi tenute duran la prova del mutato linguaggio, quei delle strade
in città e de’ piccoli poderi cambiano o si corrompono,[1305] sì che
pochi ne avanzan oggi.[1306] Potrebbe supporsi, in vero, da’ capitoli
di Federigo l’Aragonese, che fosse rimaso qualche avanzo di popolazione
musulmana infino alla prima metà del secolo decimoquarto;[1307] ma
quando si riflette al silenzio di ogni altra memoria per sessant’anni,
sembra più verosimile che quelle leggi abbian avuto di mira i
mercatanti musulmani stanziati o passeggieri nelle città marittime, e
gli schiavi recati dalla costiera d’Affrica, e soprattutto dall’isola
delle Gerbe, dopo il milledugentottantaquattro.[1308]

La somma de’ ricordi storici dunque è, che nei primi del trecento
rimanea nella Sicilia propriamente detta poco o punto di quelle
schiatte orientali ed affricane. Delle isole adiacenti, al contrario,
Pantellaria, secondo l’attestato degli scrittori musulmani del
decimoterzo secolo,[1309] non avea mutata schiatta nè religione, se non
ch’era soggetta ai re di Sicilia, e che poi fu occupata temporaneamente
da avventurieri genovesi; ma fino al decimosesto secolo, ancorchè
gli abitatori professassero già il Cristianesimo, “avean comune co’
Saraceni l’abito e la favella,” al dir del Fazzello.[1310] Non sappiamo
se in Malta la dominazione romana abbia spento del tutto il linguaggio
punico, nè se v’abbiano fatto stanza, come a me par verosimile,[1311]
degli antichi abitatori insieme coi Musulmani che se ne insignorirono
e furono soggiogati a lor volta dal conte Ruggiero. Il quale,
avendo istituito immantinente un vescovado, non cade in dubbio che
soggiornassero allora in Malta de’ Cristiani, e sembra assai verosimile
che la schiatta italiana fosse penetrata o piuttosto cresciuta con la
dominazione siciliana in quell’isola.[1312] Meglio che co’ barlumi
delle croniche, la mescolanza della schiatta si prova con l’idioma
maltese, il cui dizionario e, quel ch’è più, la grammatica, è mezzo
italiano e mezzo arabo; onde gli abitatori, senza avere appresa mai
altra lingua, agevolmente conversano coi Barbareschi.[1313]

Qual dialetto dell’idioma arabico abbiano usato i Musulmani di Sicilia
non è agevol cosa a determinare, quando del parlar volgare altro non
resta che un oscuro esempio in tre diplomi del duodecimo secolo,[1314]
ed al contrario gli altri documenti son dettati nell’inelegante, ma
corretto stile degli atti pubblici;[1315] nè le opere de’ poeti e de’
prosatori disconvengono alla lingua dotta di quell’età. Il significato
preso da alcuni vocaboli conferma bensì il plausibile supposto che
fosse prevalso in Sicilia l’arabo occidentale o maghrebino che voglia
dirsi: e meglio si farà il paragone quando uscirà alla luce il gran
dizionario maghrebino che apparecchia il Dozy. Per dar qualche esempio
noteremo che _wed_ in Sicilia, come in Spagna, suonò “fiume,” non
“valle,” come nella patria della lingua; che _marg_, passando nel
dialetto siciliano, piegò la significazione originale di “prato”
in quella di “padule;” che _rahl_, “stazione,” designò in Sicilia
assolutamente un “casale;” _sciarr_, “mala opera,” si ristrinse
a “rissa:” e molte altre differenze di tal fatta potremmo notare
riscontrando i dizionarii classici, sia che le voci abbiano veramente
mutato di valore, sia che i lessicografi, come lor avviene in tutte le
lingue, abbiano ignorati molti significati ammessi in alcune regioni e
presso alcune tribù.

Meno male possiam noi discorrere della pronunzia, della quale ci fanno
testimonianza, fin dall’undecimo e duodecimo secolo, moltissimi nomi
proprii trascritti in greco o in latino, e la sentiamo ancora nei nomi
topografici e ne’ vocaboli siciliani derivati dall’arabico; se non
che nel primo caso avvien talvolta che il mal noto s’abbia a spiegare
con l’ignoto, e nelle parole viventi il suono può essere alterato.
Aggiungasi che in uno de’ diplomi di maggior momento, dico la gran
pergamena arabo-latina di Morreale, la versione è opera di un chierico
francese, di que’ che trassero a corte di Palermo ne’ primi anni di
Guglielmo il Buono; onde alcune lettere latine notan suono diverso da
quel che rendono in bocca nostra.[1316] Contuttociò la materia non
manca. Uscito che sia alla luce l’egregio lavoro del professor Cusa
intorno i diplomi arabi e greci di Sicilia, si ricaveranno con maggiore
certezza le leggi che i suoni del parlare arabico seguivano passando
nel greco e nel volgare della Sicilia: il quale studio renderà più
agevole il gran lavoro d’un glossario di vocaboli siciliani derivati
dall’arabico. Intanto ecco quanto ritraggo dalle ricerche fatte fin qui
intorno l’influenza che quell’idioma esercitò sul volgare siciliano.

Com’io ho detto a suo luogo,[1317] la Sicilia, al punto del conquisto
musulmano, era bilingue, parlandovisi il greco e il latino, o per dir
meglio un idioma italico, il quale negli atti pubblici vestiva i panni
del latino e pur non gli riusciva di celare al tutto le umili sembianze
native. A provar ciò mancano per vero in Sicilia delle scritture del
settecento, ottocento e novecento, come quelle che abbiamo in varii
luoghi della Penisola;[1318] ma nei primi diplomi latini, greci ed
arabi di Sicilia che tornano allo scorcio dell’undecimo secolo, è
manifesta la forma volgare di alcuni nomi proprii o topografici, che
non erano nati al certo in quella medesima generazione. Tra i primi
abbiam già notati Bambace, Diosallo, Mesciti, Notari, La Luce, Saputi,
Caru, Francu, Fartutto, Pacione, Pitittu, Strambo ed altri di antichi
abitatori.[1319] De’ secondi, un diploma greco del milleottantotto
ricorda il fiume _dei Torti_;[1320] uno del millenovantaquattro conduce
i confini d’un podere _ad serram dello Conte_ e quindi _ad petram
serratam quae vocatur La Castellana_;[1321] uno del millecento cita
_La Schala di Lampheri_ e il _monte de Cavallo_, ed accenna al corso
di una valle per _ostro sive Xirocco_.[1322] Il latino notarile del
medio evo, che torna ordinariamente a traduzione mentale dal volgare,
comparisce già in un diploma del conte Ruggiero dato il millenovantuno,
nel quale, oltre il fraseggiare tutto italiano, ci occorre verbo
_accrescere_:[1323] e più apertamente si mostra in un altro diploma
dello stesso principe, datato del millenovantatrè e contrassegnato
dal suo notaio, o, diremmo noi, segretario, Antonio della Mensa, il
quale se fosse siciliano o calabrese io non so, ma di certo scriveva
in una lingua ch’egli credea latina in grazia delle sole desinenze e di
qualche preposizione.[1324]

A cotesti avanzi del siciliano anteriore al conquisto, ne aggiugnerò
altri del duodecimo secolo. Non dimenticando che in quella età la
Sicilia s’empiva a poco a poco di colonie della Terraferma, io metto
da canto l’attestato del bando latino di Patti (1133) spiegato in
volgare,[1325] e lascio indietro molti altri esempii di vocaboli che
si potrebbero riferire tanto al siciliano, quanto al pugliese, al
toscano, al genovese, al monferrino o che so io,[1326] e noto in un
diploma del millecentrentatrè il campo _Lu Marge_,[1327] ch’è bello
e buono vocabolo arabico, vivente oggidì in Sicilia. Ci occorrono in
un’altra carta i nomi topografici _Luhrostico_ e _Tremula_,[1328]
de’ quali il secondo è certamente siciliano; in un’altra del
cencinquantasei, il sostantivo _Olivastro_;[1329] nel centottantadue
_Scuteri_;[1330] nel dugenventisei _Gabbaturi_;[1331] nel dugenquaranta
_Ienchi_ e _Ceramiti_.[1332] E qui fo sosta, poichè non mette conto
a spigolare qua e là dei vocaboli nel decimoterzo secolo, che ci ha
lasciati degli scritti interi in siciliano. Anzi mi sarei già fermato
alla metà del duodecimo, se avessi potuto credere contemporanei
all’originale i transunti di due carte greche pubblicate per lo primo
dal Morso;[1333] delle quali l’una è data il millecencinquantatrè,
e l’altra, che ha soltanto la indizione, è stata ben collocata nel
millecenquarantatrè.[1334] Ma non avendo esaminati i testi, e sorgendo
gravi difficoltà su l’epoca de’ transunti, mi convien rinunziare
a prova sì comoda e lesta.[1335] In ogni modo son persuaso che il
volgare siciliano avea già presa nel duodecimo secolo una forma
assai somigliante all’attuale: e che già aspirasse a divenir lingua
cortigiana lo provano le prime poesie italiane dettate in Sicilia. Le
leggende della maggiore porta del Duomo di Morreale, gittata in bronzo
da Bonanno pisano, sendo latine con abbreviature e con qualche parola
prettamente toscana, non danno esempio, a creder mio, del linguaggio
parlato in Sicilia allo scorcio del duodecimo secolo;[1336] dimostrano
piuttosto, che l’uso della corte di Palermo rincorava gl’Italiani
delle altre province a farsi innanzi con lor volgari, somiglianti
l’uno all’altro e tutti al latino. E mi pare molto verosimile che in
quel primo assetto delle colonie continentali in Sicilia fossero stati
più disformi l’un dell’altro i dialetti di varie regioni dell’isola,
i quali ritengono fino ai nostri giorni tanti vocaboli e modi di dire
diversi.

La robusta pianta del parlare italico resistè meglio che ogni altra
lingua all’invasione dell’arabico. Dalla Siria, dalla Mesopotamia,
dall’Egitto, scomparvero gli antichi idiomi entro breve tempo dal
conquisto degli Arabi, rimanendo nella sola liturgia cristiana;
dileguaronsi in un baleno nell’Affrica settentrionale, insieme con la
religione, gli idiomi trapiantati ne’ tempi istorici; perfin l’aspro
berbero autoctono fu respinto dal parlare arabico verso mezzodì e verso
ponente. Ma in Spagna l’esotico latino cedè poco terreno e ripigliò
tosto il perduto, serbando inviolata la grammatica. La qual diversa
fortuna, se va apposta precipuamente ad altre cagioni, come sarebbero
la distanza dall’Arabia, il numero de’ conquistatori stanziali e la
durata del dominio loro, pure è da riferire in parte all’indole della
lingua e al gran tesoro di civiltà che Roma avea profuso in Occidente
insieme con quella. Le cagioni della corruzione dovean operare in
Sicilia più debolmente assai che in Spagna; ed a quelle dovean anco
resistere i Siciliani per la remotissima antichità di lor idioma
italico e per la parentela di esso col greco, che gli avea disputata
l’isola fin dall’ottavo secolo avanti l’èra volgare.

L’arabico pertanto ha lasciati nel parlare siciliano minori vestigi
che non si creda comunemente: veruno nella grammatica,[1337] un’ombra
nella pronunzia, poche centinaia di vocaboli nel dizionario, e
qualche modo di dire. Io non posso entrare ne’ particolari, poichè
richiederebbero il glossario accennato dianzi, il quale alla sua volta
dovrebbe fondarsi sopra un dizionario etimologico, che niuno fin qui
ha compilato con gli aiuti della linguistica moderna. Dirò dunque per
sommi capi, che ne’ derivati siciliani l’accento rimane quasi sempre
al posto dov’è ne’ vocaboli arabi corrispondenti, sia che la vocale si
prolunghi nella lettera analoga, sia che le s’attacchi la consonante
che segue. Delle tre vocali arabiche, la prima suona in siciliano
or _a_, or _e_; la seconda sempre _i_; e la terza quasi sempre _u_.
Delle consonanti la =b= (2ª lettera dell’alfabeto arabico) rimane
per lo più inalterata come in “balata, burgiu, burnìa;” talvolta,
soggiacendo alla legge della pronunzia greca, si muta in v come nelle
voci “vava, vattali.” La =th= (4ª lettera) divien sempre _t_ come in
“Butera, tumminu.” La =g= (5ª lettera) serba il suono, come in “giarra,
giubba,” o l’addolcisce in _c_, come Muncibeddu, e raddoppiata nel
vocabolo _hâggem_, suona alla greca _ng_ nel casato “Cangemi:” ma la
voce “zubbiu” (fosso profondo) è esempio della permutazione in _z_,
che il Dozy ha notata in molte voci spagnuole. L’=h= (6ª lettera) si
aggrava in _c_, come nel detto nome Cangemi e in “coma, camiari,” o
sparisce, per esempio nel nome topografico _Mars-el-Hamâm_, divenuto
Marzamemi. Similmente la =kha= (7ª lettera) si muta in _g_, per esempio
“Gausa, gasena,” e può quasi scomparire come in “maasenu” (magazzino).
La =d= araba (8ª lettera), ch’era molto vicina al _t_, come si vede
in tanti esempii di vocaboli tolti dal greco, s’identificò alcuna
volta con la _d_ nostra come in “darbu, Dittainu” (_Wadi-t-Tîn_), o
mutossi in _t_ come in “Targia, tarzanà (_Dar-es-sena’h_, darsena,
arzanà, arsenale). La =ds= (9ª lettera) non occorre in derivati certi;
la =z= (11ª lettera) ha il suono italiano in “Zisa, zizzu,” o prende
quello della _s_, come in “magasenu” citato dianzi. Al contrario,
la =s= (12ª lettera) inalterata in “Sutera, senia,” si muta in _z_
nelle voci “zicca, zuccu (_suk_, tronco d’albero), zotta” (frusta).
Frequentissima nei derivati dell’arabico, la =sc= (13ª lettera) rende
il suono arabico in “Sciacca, sciabica,” che un tempo si scriveano con
la _x_. L’altra =s= (14ª lettera), che c’è già occorsa in “darsena,”
fa ora _s_, ora _z_, e suona aspra di molto in “zabara” e “zurriari”
(stridere de’ denti). Come la =d=, la =dh= (15ª lettera) fa _d_ nel
siciliano “dagala, dica” (ambascia), e diviene _t_ in “reticu,”
derivato da _radhi’_ (bambino lattante). La =z= (17ª lettera),
che altri trascrive =dh=, par abbia preso l’uno e l’altro suono
in Sicilia, rimanendo l’attestato del secondo nell’antico vocabolo
“annadarari” (invigilare su i pesi e le misure) e argomentandosi il
primo dal nome topografico “Zaèra,” del quale diremo più innanzi.
L’=ain= (18ª lettera dell’alfabeto), sola tra le arabe che non si
possa rendere con l’alfabeto romano e però notata dagli orientalisti
con un’apostrofe, mi par si pronunzii arabicamente da’ Siciliani in un
verbo d’uso frequentissimo.[1338] E suona cotesta lettera nell’accento
di “tarzanà,”[1339] citato or ora; ovvero si muta in consonante
italiana, come nello allegato esempio di _reticu_; al che risponde la
trascrizione dell’_ain_ seguita ne’ diplomi arabo-greci di Sicilia, ne’
quali quella consonante, o si perde nella vocale, come in Ὀθουμέν e in
Ἄβδ (_’Othman, ’Abd)_, o la si muta in γ, per esempio in Νίγμε, Σεγίτ,
(_Ni’ma, Sa’îd_); ed altri nel duodecimo secolo tentò di notarla con
l’_h_, come poi fece nel decimosesto Leone affricano, poichè leggiamo
in un diploma il nome di Habes, invece di (_Wed-_)_’Abbâs_, ch’era
l’Oreto. Il =gh= (19ª lettera) o rimane _g_ forte come in “gana,” o
si muta anche in c come in “Cutranu,” che si scrive, e forse un tempo
si pronunziò, “Godrano.” La =k =(21ª lettera) suona in Sicilia _c_,
come in “Calata, cammisa, coffa;” ma par abbia avuto un tempo anco il
suono della _g_ che le danno gli Egiziani, poichè leggiamo “caitus,” e
“gaitus” negli scritti latini del duodecimo. Nè altrimenti l’altra =k=
(22ª lettera) che ricorre in “gaffa, mingara, cuscusu” e nell’avverbio
“a cuncumeddu.” E quando il parlare arabico si sparse in Sicilia,
la pertinace _d_ che i Sardi e i Siciliani sostituiscono alla _l_
della nostra Terraferma, si trovava radicata sì profondamente, che
trasformò anco la =l= (23ª lettera arabica) in alcuni vocaboli tolti
dall’arabico, come _gebel_ in Mongibello, pronunziato “Muncibeddu” e
il verbo “sciddicari” (sdrucciolare), che viene da _zeleg_ e _zelek_.
L’ultima =h= (26ª lettera), al par che le sue sorelle, si rende
talvolta con una _g_, come in “zagara;” talvolta svanisce, poichè
altri pronunzia lo stesso vocabolo “zaara:” ed abbiamo in Zaèra, nome
d’un sobborgo di Messina, un altro esempio di questa attenuazion di
suono; ma l’origine arabica non si può dimostrare, se non con l’omonimo
palagio degli Omeiadi in Cordova. Il =w= (27ª lettera) suona _v_
come in “Favara;” ma, se iniziale, par sia stato pronunziato _u_,
ovvero _o_, come “Odesuer” (_Wadi-es-Sewâri_), ed anche sia scomparso
al tutto come supposto articolo, il che si argomenta da Dittaino
(_Wadi-el-Tîn_), che un tempo suonò di certo “Udittain.” Le altre
lettere =t, r, t, f, m, n, j= (3, 10, 16, 20, 24, 25, 28 dell’alfabeto)
non hanno suono diverso dall’italiano, nè mutan mai.

Chi compilerà il glossario delle voci arabiche passate nella nostra
lingua illustre e nei dialetti,[1340] dovrà resistere a tentazioni
frequenti; poichè i suoni dell’arabo sono sì svariati e il dizionario
sì prodigiosamente ricco, che col metodo de’ vecchi etimologisti, la
cui schiatta non è spenta del tutto, si potrebbe rannodare all’arabo
ogni vocabolo dell’italiano e di altre lingue ancora. Da un’altra
mano, le leggi fonetiche ricavate fin qui non imperano assolutamente
in tutti i tempi e i luoghi; e chi non ammettesse eccezioni e talvolta
non osasse scostarsi dal fil della sinopia, non avanzerebbe mai in un
lavoro etimologico. Ho voluto dir questo per iscusarmi se non presento
qui una lista de’ vocaboli siciliani che sono evidentemente, o mi
sembrano, derivati dall’arabico; e se differisco ad altro tempo, o
rimetto a’ posteri, un lavoro che richiede anzi tutto più diligente
ricerca de’ vocaboli siciliani per ogni luogo dell’isola e, in
quanto si possa, per ogni tempo. Perocchè leggendo nel dizionario del
Pasqualino le voci disusate al suo tempo, le quali ei prese da antichi
glossarii, ne veggo bandite di tempo in tempo molte di vero conio
arabico. Ed è ben ragione che l’elemento straniero si elimini a poco a
poco: ma questo fatto per lo appunto va notato in una esamina storica
della lingua.

Rimanendo sempre su i generali, dirò che i vocaboli siciliani di
origine arabica si riferiscono la più parte alle cose rurali, alle
industrie cittadinesche, alle vestimenta, ai cibi, ed a qualche
istituzione di polizia urbana. Come nello spagnuolo e nel portoghese
che ne son ricchi, così nel siciliano che n’è povero, occorrono voci
arabiche, assai più sovente ne’ sostantivi che negli aggettivi:
ed al contrario i verbi, scarsi in quelle due lingue al segno
che si è dubitato se alcuno se ne trovasse,[1341] non mancano nel
siciliano.[1342] Sono da notar anco de’ traslati o modi di dire
tradotti litteralmente dall’arabico;[1343] e come per contrapposto i
proverbi arabi si contano a dito nelle raccolte de’ siciliani.

Non voglio pretermettere che buon numero dei vocaboli arabi passati
nel siciliano si trova anco nella lingua illustre; anzi che occorrono
in questa e in qualche altro dialetto delle voci arabiche ignote
in Sicilia, per esempio nel genovese, _camâlo, mésaro, macrama_; in
Arezzo _cáida_;[1344] a Pisa un tempo _calega_;[1345] in Liguria e in
Toscana, _maona_ o _magona_[1346] e nella lingua illustre _acciacco,
azzurro, butteri, carciofo, collare_ (per salpare), _petronciana,
scialbo, tarsia_. Altri son comuni al siciliano: _ammiraglio, barda_
(siciliano _varda_), _camicia_ (siciliano più correttamente _cammisa_),
_canfora, cifra_ e _zero_ (trascrizioni diverse dello stesso vocabolo),
_dogana, gabella, garbo, gelsomino, fondaco, liuto, magazzino, sensale,
tariffa, vasca_: oltrechè i termini scientifici, come _alambicco,
alcali, almanacco, giulebbe, taccuino, zenit_, corrono nella più parte
delle lingue viventi d’Europa. La Terraferma d’Italia, di certo, li
ebbe or dalla Sicilia, or dalla Spagna, or direttamente dalle costiere
meridionali del Mediteraneo.

Senza disputare altrimenti delle origini del parlare siciliano, su le
quali hanno lavorato e lavorano ancora i letterati dell’isola,[1347] e
senza gittarmi nella mischia che ferve intorno a Ciullo d’Alcamo,[1348]
io ammetto che verso la metà del duodecimo secolo il siciliano
parlavasi tanto o quanto in tutta l’isola e tendeva alla forma
attuale, senza essere giunto però, non dico già alla mèta, chè le
lingue vive non si congelano, ma a quel tratto del corso che soglion
varcare quetamente senza notabili alterazioni. Così dovea succedere
per la presenza delle colonie testè venute da varie parti della
Terraferma, unite da commerci tra loro e molto più strettamente col
grosso dell’antica popolazione di linguaggio italico, o, per dir
meglio, siciliano. Nella quale condizione di cose dovea nascere un
idioma cortigiano o legionario che chiamar si voglia, non altrimenti
che quello che s’ode da dieci anni in qua nel nostro esercito; e quel
parlare dovea, con l’andar del tempo, sempre più accostarsi al dialetto
indigeno, prendendone molto più che non gli desse.

Da cotesta vena di linguaggio, torbida ancora per la sospensione delle
parti che duravano fatica a compenetrarvisi, emerse la poesia italiana
propriamente detta. Se ciò sia avvenuto alla metà del duodecimo secolo
o nei principii del seguente non si potrà sapere per l’appunto, se il
caso non ci farà trovar prove più chiare di quelle allegate fin qui.
Ma parendo assai verosimile che il linguaggio più comune a corte di
Federigo imperatore, de’ Guglielmi e fors’anco di re Ruggiero, sia
stato un dialetto italiano, e concorrendovi la espressa testimonianza
di Dante, per non citare tutti gli altri, possiamo tener certo il
fatto. E per vero nessun altro luogo d’Italia si può immaginare più
adatto che la Sicilia al nascimento delle muse italiane. Lo studio
della poesia araba, approfondito da mezzo secolo in qua, ha dissipati
gli errori di chi la credea madre della poesia spagnuola, provenzale ed
italiana. Nè la ragion poetica, nè la macchina, nè la rima delle poesie
neolatine può riferirsi in alcun modo alle arabiche. La moda sola,
credo io, delle splendide corti musulmane della Spagna fece entrare
ne’ castelli cristiani dell’Occidente, insieme con altri argomenti di
lusso, il sollazzo di ascoltare poesie in lingua volgare del paese: i
premii e gli onori incoraggiarono i poeti nazionali a recitare nelle
brigate principesche i versi che si sentiano per lo innanzi negli
oscuri crocchi delle città e delle campagne; talchè la poesia volgare,
meglio che nata, si dee dir emancipata e nobilitata in quel tempo. Lo
stesso è da supporre nella corte musulmana dei re normanni e svevi di
Sicilia; a’ quali forse avvenne d’ascoltare lo stesso giorno de’ poeti
arabi e de’ poeti siciliani e di largire agli uni come agli altri una
manata di tarì d’oro. Solo legame tra le poesie neolatine e le arabiche
mi sembrano i metri delle _mowascehe_ e de’ _zegel_, dei quali ho
fatta parola nel capitolo undecimo di questo libro.[1349] Io spero che
nuove ricerche in tal campo riescano a rischiarare quel periodo della
nostra storia letteraria: ma si può ritenere fin d’ora che la Sicilia
debba agli Arabi, e la Terraferma italiana debba alla Sicilia, chè del
primato dell’altra grande isola io dubito forte, la inaugurazione della
poesia nazionale.

Si possono spigolare qua e là altri bricioli del patrimonio che la
popolazione musulmana legò alla Sicilia. Il nome arabico di _Sciorta_ o
_Xurta_, com’è scritto nei Capitoli de re Aragonesi di Sicilia,[1350]
prova come l’istituzione d’una guardia cittadina, che vegliasse
alla pubblica sicurezza nelle città, risaliva fino alla dominazione
musulmana. Venìa da quella parimente il sistema metrico che fu in
uso nell’isola fino alla fondazione del reame d’Italia; chè non solo
alcuni nomi delle misure d’acque correnti, da noi citati già in questo
capitolo, e il verbo stesso testè ricordato che significa la vigilanza
della pubblica autorità su’ pesi e le misure di piazza, derivano
manifestamente dall’arabico, ma altresì alcune denominazioni in varie
parti del sistema: la canna nelle misure lineari;[1351] la salma e il
tumolo nelle misure di superficie e nelle cubiche per gli aridi;[1352]
il cafiso in quelle de’ liquidi;[1353] il rotolo e il cantaro ne’
pesi.[1354] Che se ne’ multipli e nelle suddivisioni troviamo vocaboli
latini, gli è naturale effetto della mescolanza dei popoli e si può
supporre che que’ nomi fossero entrati dopo la dominazione musulmana
o durante quella. Le denominazioni metriche della Sicilia passarono,
com’e’ sembra, nella Bassa Italia quando soggiacque alla dominazione
de’ Normanni in Sicilia; e forse alcuna v’era stata recata prima dal
commercio, come abbiam provato per le monete.[1355] Il _rubbio_ di
Roma, Lombardia, Piemonte e Genova, anch’esso d’origine arabica; il
_rotolo_, ch’era in uso a Genova, sì come a Napoli; il _carato_, peso
usato dagli orafi anche nelle altre province che non ebber colonie
musulmane, furono evidentemente recati dal commercio.[1356]

Quando si riflette su la catastrofe delle popolazioni musulmane di
Sicilia, seguìta più tosto per fatto delle genti cristiane che del
governo, si noterà con minore maraviglia che non sia durata nell’isola
alcuna foggia di vestire de’ Musulmani. De’ nomi stessi di quelle fogge
pochi sono arabi e questi comuni alla Sicilia ed alla Terraferma.[1357]
Altri ha riferito a’ Musulmani i manti neri, di che nel secolo passato
e ne’ principii del corrente soleano avvolgersi le donne siciliane
andando a messa, ed anche a diporto, i quali non sono scomparsi del
tutto in alcuni paesi di Sicilia; ma tal supposto mi sembra fondato
piuttosto su l’analogia de’ costumi gelosi, che su la rassomiglianza di
quella foggia siciliana a’ camicioni ed a’ veli delle donne musulmane.

Direbbesi che all’incontro i Cristiani di Sicilia avessero prese
volentieri da’ loro concittadini circoncisi quelle usanze che
soddisfacean meglio alla gola. Più che le vivande, sono rimasi arabi
di nome e di fatto in Sicilia i camangiari,[1358] massime i dolciumi,
antica manifattura del paese; poichè ritroviamo in Affrica, fin
dallo scorcio del nono secolo, delle torte condite con lo zucchero
di Sicilia.[1359] Un Ducange arabo, se mai l’avremo, ci spiegherà
molti vocaboli di tal fatta che or leggiamo inutilmente nelle istorie
e nei racconti; e per tal modo ci svelerà tutte le rassomiglianze
de’ buon gustai siciliani con que’ dell’Egitto: gli uni e gli altri
grandi consumatori dello zucchero prodotto ne’ due paesi e scambiato
assiduamente tra loro infino al decimoquinto secolo, in grazia forse
della qualità diversa o delle raffinerie, mantenute in Egitto,
mancate presto in Sicilia.[1360] Perocchè nelle descrizioni del
prodigioso lusso della corte fatemita, serbateci dal Makrizi, le feste
del ramadhan al Cairo, per la quantità e qualità della roba che si
mangiava, somigliano perfettamente alla novena del Natale, al Carnovale
e alla Pasqua in Palermo. A casa de’ grandi officiali dello Stato,
e con maggiore profusione a corte, solean imbandirsi delle figurine
e de’ castelli di zucchero e panforti finissimi e varie maniere di
paste dolci, delle quali e d’altre vivande più sostanziali, acconciate
con vaghi colori, ed ammonticchiate in vassoi d’argento, d’oro e di
porcellana della Cina, si facea come una cuccagna.[1361] Allo scorcio
del medio evo, e infino a’ nostri tempi, si veggon usati in Egitto de’
canditi simili alla zuccata di Sicilia[1362] ed una specie di gelatina
dolce estratta dal pollo pesto:[1363] e la _cuccìa_ di Sicilia, pasta
di grano immollato, mescolato con latte, si mangiava e si mangia in
Egitto e si chiama ancora _kesc_.[1364] Perfin si rassomigliano le
frasi, con le quali vanno gridando per le strade i venditori di frutte
del Cairo e que’ di Palermo.[1365]

Maraviglierà taluno ch’io scenda a tai piccolezze, tenute a vile dagli
storici delle passate generazioni, e non tocchi di quella eredità di
vizii e di virtù, ch’altri credea lasciata da’ Saraceni al popolo
della Sicilia. E sì che talvolta è parso anche a me di scoprirne
qualche avanzo, ma poi mi sono accorto della incertezza di così fatte
induzioni. Una matura riflessione su l’indole e i costumi de’ Siciliani
paragonati a quei degli altri popoli italiani non mostra tal divario
che non si possa spiegare con la geografia e con la storia e s’abbia
quindi a ricercare negli arcani delle schiatte. Per altro, quando
la storia e la lingua ci hanno mostrata identica la massima parte
della schiatta, sarebbe temeraria quella critica che s’accignesse
a inforsare il fatto con cagioni, le quali è più facile immaginare
che provarle. Assai più che l’incerta mescolanza di un fil di sangue
straniero, sarebbe da valutare l’esempio de’ costumi che le colonie
arabe o berbere abbian lasciato per avventura alle popolazioni della
Sicilia occidentale, più pronte in vero alla violenza che quelle della
regione di levante: ma anche in questo fatto le cagioni son dubbie
e diverse, e chi sa se non v’abbiano operato più che ogni altro le
condizioni topografiche e sociali? La sola conchiusione certa è che
il conquisto musulmano recò in Sicilia nel nono secolo, e mantennevi
fino all’undecimo, uno incivilimento ed una prosperità ignoti allora
alle altre regioni italiane, i quali nel duodecimo e per gran parte del
decimoterzo rifluirono su la Penisola e contribuirono allo splendore
della patria comune.

Compio nella patria unita e libera un lavoro, al quale m’accinsi
nell’esilio, trent’anni addietro, mosso da brama irresistibile di
guardar nelle tenebre che avvolgeano la Storia di Sicilia avanti i
Normanni, ed allettato dall’agevolezza che mi offriano le scuole e
le biblioteche di Parigi. Incominciai l’arduo lavoro con animo di
siciliano che bramava la libertà d’un piccolo Stato e desiderava
l’unione dell’Italia, senza sperarla vicina: lo termino confidando
che tutti gli Italiani sempre più si affratellino; che veggano nella
unità e nella libertà la salvezza e l’onore di tutti e di ciascuno;
che quindi il paese cresca di sapienza, di saviezza, di possanza, di
ricchezza, e che la nuova Roma, per ammenda dell’oppressione armata
dell’antichità e delle male arti de’ tempi appresso, promuova ormai
nel mondo la giusta libertà dell’opera e la illimitata libertà del
pensiero.



INDICE DE’ NOMI DI PERSONE.


(_L’articolo_ =el= _e i vocaboli_ =abu= _e_ =ibn= _non contano
nell’ordine alfabetico, fuorchè nei capoversi_.)


A

Aaroun el-Khams (?), 426.

Abate Arrigo, III, 629.

Abba Mari, III, 708.

’Abbad (Mohammed-ibn), principe di Siviglia, soprannominato
Mo’tadhedbillah, II, 501, 502, 523, 544.

Abbadidi, II, 523, 544.

Abbàs, zio di Maometto, 65.

Abbasidi, 65, 138, 139, 140, 141, 142, 143, 149, 225, 371; II, 50, 97,
111, 112, 114, 118, 120, 133, 150, 182, 240, 255, 281, 457, 458; III,
446, 506, 829.

Abbâs-ibn-Amr (Abu-Fadhl), II, 481.

Abbâs-ibn-Fadhl (Abu Aghlab), 315, 316, 321, 322, 325, 326, 327, 328,
329, 331, 333, 334, 335, 338, 342, 349, 370, 371.

Abda, II, 448.

Abdallah, supposto ammiraglio, 101.

Abdallah, servo di Federigo II, III, 792.

Abd-Allah-ibn-el-Abbâs, 343, 344.

Abd-Allah-ibn-Abd-el-Azîz-ibn-abi-Khorasân, III, 429, 430.

Abd-Allah I (Abu-’l-Abbâs), emir aghlabita, 152, 153, 155, 226, 228;
II, 12.

Abd-Allah (Abu-Ali), III, 747.

Abd-Allah-el-Ansari, III, 325.

Abd-Allah-ibn-el-Azîz, III, 423.

Abd-Allah-ibn-Bera, II, 511.

Abd-Allah-ibn-Ghania, III, 520.

Abd-Allah, padre di Giawher, II, 283.

Abd-Allah-ibn-Habib, 175.

Abd-Allah-ibn-Ja’kûb-ibn-Fezara, 353, 385, 386, 388.

Abd-Allah II, ibn-Ibrahim-ibn-Ahmed (Abu-l-Abbâs), emir aghlabita, 52,
53, 58, 59, 64, 65, 66, 67, 69, 70, 71, 72, 73, 74, 75, 77, 124, 125,
126, 127, 128.

Abd-Allah-ibn-Iehia-ibn-Hammûd, Hazimi (Abu-Mohammed), XLIII; II, 522.

Abd-Allah-ibn-Iehia, da Sciakatis, XLV.

Abd-Allah-ibn-Kaddâh, II, 118; _corr_. el-Kaddâh e v.
Abd-Allah-ibn-Meimûn.

Abd-Allah-ibn-Kais, 84, 86, 98, 99, 100.

Abd-Allah-ibn-Khorasân, III, 428.

Abd-Allah-ibn-abi-Malek-Mo’sîb, II, 512, 542.

Abd-Allah-ibn-Meimûn, detto el-Kaddâh, II, 114, 115, 116, 118.

Abd-Allah-ibn-Mekhlûf (Abu-Mohammed), II, 541.

Abd-Allah-ibn-Menkût, II, 420, 425, 504, 505, 547; III, 308.

Abd-Allah-ibn-Mo’ezz-ibn-Badis, II, 377, 378, 385, 387, 388, 390, 391,
396, 418, 419, 421, 424, 426; III, 79.

Abd-Allah-ibn-Mohammed, emir Kelbita, II, 331.

Abd-Allah-ibn-Mohammed-ibn-Abd-Allah (Abu-l-Abbâs), emir di Sicilia,
391.

Abd-Allah-ibn-Mohammed-ibn-Ibrahim-ibn-Aghlab, 392.

Abd-Allah-ibn-Mohammed, el-Maleki, (Abu-Bekr), XLII.

Abd-Allah, signore di Murcia, III, 704.

Abd-Allah-ibn-Musa, 124, 169.

Abd-Allah, Othmani, XLIII.

Abd-Allah-ibn-Saba, II, 106.

Abd-Allah-ibn-Sa’d, 88, 92, 93, 109, 206; III, 831.

Abd-Allah-es-Saffâh, 141.

Abd-Allah-ibn-Sâigh, II, 142.

Abd-Allah-ibn-Selmân (Abu-l-Kasim), II, 538.

Abd-Allah-ibn-Sementi, III, 685.

Abd-Allah-ibn-Sofian, 352.

Abd-Allah-ibn-Tâher, 163.

Abd-Allah, Tonûkhi, II, 335.

Abd-Allah-ibn-Ziâd-ibn-An’am, 106, 173.

Abd-Allah-ibn-Zobeir, 109, 110, 119.

Abdelali, II, 434.

Abd-el-Azîz-ibn-Ahmed (Abu-Fares), XLVIII.

Abd-el-Azîz-Bellanobi, II, 541; III, 628.

Abd-el-Azîz-ibn-Hâkem — ibn-Omar (Abu-Mohammed), II, 541.

Abd-el-Azîz-ibn-Hosein, III, 766.

Abd-el-Azîz-ibn-Sceddâd-ibn-Tamîm (Abu-Mohammed), soprannominato
’Izz-ed-dîn, v. Ibn-Sceddâd.

Abdelbach (_corr_. Abd-el-Hakk), 436.

Abd-el-Gebbâr-ibn-Abd-er-Rahman-ibn-Sirîn, II, 516.

Abd-el-Gebbâr-ibn-Mohammed-ibn-Hamdîs, XLIII, LV; 406, II, 308, 517,
519, 525, 526, 527, 528, 530, 532, 533, 534, 543, 544, 547; III, 367,
368, 371, 377, 381, 384, 386.

Abdelguaiti, III, 264.

Abd-el-Hakk, 436.

Abd-el-Hakk-ibn-Alennas, III, 490.

Abd-el-Hakk-ibn-Harûn (Abu-Mohammed), II, 478, 487.

Abd-el-Hakk-ibn-Sab’in, III, 702, 703, 704, 705.

Abd-el-Halîm-ibn-Abd-er-Wâhid, III, 763, 764.

Abd-el-Hamîd-ibn-Abd-er-Rahman-ibn-Scio’aîb, II, 453.

Abd-el-Kerîm-ibn-Iehia-ibn-Othmân, III, 735.

Abd-el-Kerîm (Abu-Mohammed), II, 463.

Abd-el-Melik, califo, 133, 166; III, 837.

Abd-el-Melik, condottiero, 387.

Abd-el-Melik, gaito, III, 256.

Abd-el-Melik-ibn-Katân, 166, 172.

Abd-el-Melik-en-Nasiâni, III, 796.

Abd-el-Mumen, III, 236, 377, 379, 422, 423, 424, 429, 473, 475, 476,
477, 478, 479, 480, 481, 482, 483, 484, 486, 489, 490, 496, 622, 623.

Abd-er-Rahîm-ibn-Mohammed-ibn-Nobâla, II, 513.

Abd-er-Rahman-ibn-Abi-l-Abbâs, da Trapani, III, 450, 462, 756.

Abd-er-Rahman-ibn-Abd-Allah-ibn-Zeidûn, el-Karawi (Abu-Tâher), III, 214.

Abd-er-Rahman-ibn-Abd-el-Aziz, III, 363, 387.

Abd-er-Rahman-ibn-Abd-el-Ghanî (Abu-l-Kâsim), II, 477, 494, 540.

Abd-er-Rahmân-ibn-Abi-Bekr-ibn-’Auk-ibn-Khelef, detto Ibn-Fehhâm, II,
474, 476, 488, 511, 540.

Abd-er-Rahman, da Butera, III, 462.

Abd-er-Rahman-ibn-Francu, III, 206.

Abd-er-Rahman-ibn-Habib-ibn-abi-Obeida-el-Fihri, 174, 175; III, 6.

Abd-er-Rahman-ibn-Habib-es-Sikilli (es-Saklabi), 144.

Abd-er-Rahman-ibn-el-Hâkem, califo di Spagna, 462.

Abd-er-Rahman-ibn-Hasan, detto Mostakhles-ed-dawla, II, 537.

Abd-er-Rahman-el-Lewâti, III, 256.

Abd-er-Rahman-ibn-Lûlû, soprannominato Sceikh-ed-dawla, II, 427, 539.

Abd-er-Rahman-ibn-Mohammed (Abu-Mohammed), il Siciliano, XLIV; II, 495.

Abd-er-Rahman-ibn-Mohammed-ibn-Omar, III, 754, 760.

Abd-er-Rahman-en-Naser-Iidin-illah, II, 219, 249, 250; III, 830.

Abd-er-Rahman-en-Nasrani, _v._ Cristodulo, III, 362, 363, 364, 381, 383.

Abd-er-Rahman-ibn-Omar-ibn....-el-Lewâti, II, 37.

Abd-er-Rahman-ibn-Ramadhan, di Malta (Abu-l-Kasem), III, 462, 685, 762,
763, 768.

Abd-er-Rahman-ibn-Ziâd, 173.

Abd-es-Selâm-ibn-Abd-el-Wehâb, 306.

Abd-es-Selâm-ibn-Sa’îd, soprannominato Sehnûn, giurista, 277; II, 220,
222, 223.

Abd-el-Wâhid Marrekosci, xlvi; III, 428, 739.

Abd-el-Wehâb-ibn-Abd-Allah-ibn-Mobârek, II, 541.

Abdi Malach, gaito, III, 264.

Abela Gian Francesco, III, 872, 884.

Abelardo, principe normanno, III, 148.

Abissinio, _v._ Ahmed-ibn-Ja’kub, 392.

Abramo, 45, 47, 50.

Abramo Halbi (Ibrahim-ibn-Aghlab), 233.

’Abs, tribù, III, 598.

Abu-l-Abbâs-ibn-Ali, 425.

Abu-l-Abbâs-ibn-Ja’kûb-ibn-Abd-Allah, 390.

Abu-l-Abbâs-Kalawri, II, 479.

Abu-l-Abbâs-ibn-Mohammed-ibn-Kâf, II, 540.

Abu-Abd-Allah (il kaid), soprannominato Mamûn, II, 523.

Abu-Abd-Allah, maestro di scuola in Affrica, II, 196.

Abu-Abd-Allah-ibn-Meimûn, III, 377.

Abu-Abd-Allah-el-Mo’aiti, III, 4, 5.

Abu-Abd-Allah-es-Sci’i, II, 120, 121, 123, 127, 128, 131, 132, 133,
134, 136, 137, 138, 141, 142, 144.

Abu-Abd-Allah-ibn-Seffâr, II, 500.

Abu-Abd-Allah, siciliano, XLIX; II, 219.

Abu-Abd-Allah-ibn-Zorâm o (Rigâm), II, 115.

Abu-l-Aghlab-ibn-Ibrahim-ibn-Ahmed, II, 58.

Abu-l-Aghlab-ibn-Ibrahim-ibn-Ahmed (diverso dal precedente?), II, 85.

Abu-l-’Ala, da Mearra, II, 101.

Abu-l-’Ala-Sâ’id, II, 497.

Abu-Ali, 430, 431.

Abu-Ali, Ghassâni, II, 488.

Abu-Ali-ibn-Hasan-ibn-Khâlid, II, 540.

Abu-Ali-ibn-Hosein-ibn-Khâlid, II, 515.

Abu-Ali, da Tanger, II, 226, 230.

Abu-l-Arab, _v._ Mohammed-ibn-Ahmed e Mos’ab-ibn-Mohammed.

Abu-Bekr, _v._ Beco.

Abu-Bekr, il califo, 55, 60, 62, 64, 70, 105, 123; II, 359, 360, 453.

Abu-Bekr, conciatore, III, 256.

Abu-Bekr-ibn-Nebt-el-’Orûk, II, 477.

Abu-Bekr, Sikilli, _v._ Mohammed-ibn-Ibrahim-ibn-Musa.

Abu-Bekr-ibn-Soweid, 173.

Abu-Bekr-ibn-Zohr, III, 739.

Abu-Dekâk, II, 185.

Abu-’Einan, principe merinita, III, 868.

Abu-l-Fadhl, giurista, III, 785.

Abu-l-Fadhl, scrittore, II, 430, 431, 455.

Abu-l-Farag, II, 522, _v._ Mawkifi.

Abulfaragi, xlvii; 247.

Abulfeda, VIII, XXXVIII, XXXIX, XLI, XLII, XLIV, XLVI, XLVII, XLIX, LI,
LII, LIII.

Abu-l-Forûh-ibn-Bodeir, Meklati, soprannominato Sind-ed-dawla, II, 539.

Abu-l-Geisc, _v._ Mogêhid-ibn-Abd-Allah.

Abu-Gia’far, 375; II, 345, _v._ Ahmed-ibn-Jûsuf.

Abu-Gia’far, II, 287, _v._ Abu-Kharz.

Abu-Gia’far-ibn-’Awn-Allah, II, 481.

Abu-Ghofâr, II, 154.

Abu-Hafs, _v._ Omar-ibn-Scio’aib, el-Balluti;
Omar-ibn-Iehia-ibn-Mohammed, e Omar-ibn-Iehia-ibn-Abd-el-Wâhid.

Abu-Hâmid, da Granata, XLIV; 85, 86; II, 440.

Abu-Hanifa, 149, 151, 254; III, 726.

Abu-Harûn, Andalosi, II, 225.

Abu-Hasan-ibn-Abd-Allah, da Tripoli o da Trapani, II, 541.

Abu-Hasan, da Gerusalemme, II, 491.

Abu-Hasan-Hariri, 420; II, 226, 230, 231.

Abu-Hasan, Lakhmi, II, 488.

Abu-Hasan, Sikilli, II, 541.

Abu-Hâscim, sufita, II, 493.

Abu-Hâscim, _v._ Mohammed-ibn-abi-Mohammed-ibn-Mohammed-ibn-Zafer.

Abu-Hodseifa, Coreiscita, II, 496.

Abu-Hogir-ibn-Ibraim-ibn-Ahmed, II, 85, 86.

Abu-l-Hokm-ibn-Ghalanda, III, 781.

Abu-Hosein-ibn-Jezîd, 429, II, 62, 63.

Abu-Hosein-ibn-es-Sebân, II, 764.

Abu-Ja’kûb, xlvi, _v._ Ja’kûb-ibn-Abd-el-Mumen.

Abu-Iehia-ibn-Matrûh, III, 409, 411, 471, 472.

Abu-Jezîd, _v._ Mokhalled-ibn-Keidâd.

Abu-’Isa-ibn-Mohammed-ibn-Kohrob, 399, 400.

Abu-Ishak, Hadhrami, II, 479.

Abu-Ishak-ibn-Abi-Ibrahim-ibn-Abi-Hafs, III, 624.

Abu-Junis-ibn-Noseir, II, 226.

Abu-Ka’b, II, 376, 379.

Abu-l-Kâsim, _v._ Ali-ibn-Hasan-ibn-Ali-ibn-Hammûd.

Abu-l-Kâsim-Gioneid, da Bagdad, II, 480.

Abu-l-Kâsim-ibn-Hâkim, II, 440, 494.

Abu-l-Kâsim, Tirazi, II, 141.

Abu-Kelef-ibn-Harûn, II, 194.

Abu-Kharz o Abu-Khereg, II, 287.

Abu-l-Leith, III, 686, 687.

Abu-Ma’d, II, 77.

Abu-l-Mehâsin, II, 448.

Abu-Mehell, II, 247.

Abu-Modhar, _v._ Ziadet-Allah-ibn-Abd-Allah.

Abu-Moh’âgir, 115, 116, 117.

Abu-Mohammed-ibn-’Atusc, III, 496.

Abu-Mohammed, Dami’a, II, 512, 542.

Abu-Mohammed, da Kafsa, II, 306.

Abu-Mohammed-ibn-Omar-ibn-Menkût, II, 539.

Abu-Mohammed-ibn-abi-Hafs-Omar, II, 622.

Abu-Mohammed-ibn-Semna, III, 767.

Abu-Moslim, 140, 141, 142; II, 111, 112.

Abumoslimiti, II, 112.

Abu-Musa-el-Ascia’ri, 56.

Abu-Nasr, II, 514.

Abu-Nottâr, detto il Negro, II, 187.

Abu-Râti’, II, 354.

Abu-Sa’id-ibn-Ibrahim, XLVIII; II, 467, 469, 470.

Abu-s-Salt-Omeia, XXXVIII, XLV; II, 535; III, 363, 371, 387, 460, 743,
745, 747, 752.

Abu-Scerîf (famiglia), II, 868.

Abu-Sciâma-Mokaddesi, XLIX; III, 670.

Abu-Sewâb, da Castrogiovanni, II, 515.

Abu-Taib, figliuolo di Stefano, III, 262, 316.

Abu-Taleb, 49.

Abu-Taleb-ibn-Sab’in, III, 705.

Abu-Târ, II, 187.

Abu-Thûr, 419.

Abu-l-Wefa, III, 670.

Abu-Zakaria, _v._ Iehia-ibn-Abd-el-Wahid.

Abu-Zarmuna, II, 230.

Abu-Zeid, el-Gomari, XXXVII; II, 517.

Abu-Zeki, 269.

Acosimo, 203.

Adalberto, marchese, 451.

Adelaide o Adelasia, moglie di Ruggiero, conte di Sicilia, I; 460; III,
195, 196, 197, 198, 200, 221, 225, 226, 268, 275, 301, 302, 335, 345,
346, 347, 348, 349, 350, 351, 806.

Adelaide, di Susa, III, 199.

Adelasia, _v._ Adelaide.

Adelchi, 185, 187, 188, 189, 382, 384, 387, 388, 436.

Adelicia, III, 290.

Ademaro (monaco), III, 26.

Adeodata, 205.

Adler, XXIV, LI, LIII; II, 6; III, 450.

Adnân, 32, 40, 47, 64, 69, 135, 136, 137; II, 32, 33, 37, 233.

Adriano, 199.

Adriano, ammiraglio, 399.

Adriano I, papa, 21, 184, 185, 186, 187, 188, 190, 212, 389, 443; II,
169.

Afârik e Afârika, 105; II, 361; III, 6.

Afdhal, II, 463, 489, 506, 510.

Affrica (Chiesa di), 108, 157; III, 417, 475.

Affricani (Musulmani detti), 429.

Afrina, II, 253.

Afrodisia (d’) Alessandro, III, 702.

Agar, 75.

Agareni, II, 164, 407, 414.

Agata, madre di Giuseppe Innografo, 502.

Aghlab, 144, 284, 340, 391; II, 227, 233, 300.

Aghlab-ibn-Ahmed (Abu-’Ikal), 410.

Aghlab-ibn-Ibrahim (Abu-Ikâl), 309.

Aghlab-ibn-Mohammed-ibn-Aghlab, 410.

Aghlabiti, XLV, XLIX, LIV; 84, 147, 206, 225, 226, 229, 236, 253, 278,
295, 314, 332, 337, 340, 353, 375; II, 4, 5, 6, 7, 10, 24, 32, 38, 40,
46, 49, 58, 61, 74, 75, 76, 88, 124, 126, 128, 129, 131, 132, 133, 135,
137, 138, 139, 141, 142, 143, 146, 148, 151, 162, 218, 221, 224, 227,
235, 238, 352, 361, 369, 371, 456, 506.

Agisa, tribù berbera, III, 212.

Agnese, monaca, III, 353.

Ahmed-ibn-Abd-es-Selâm, XLVIII; II, 470, 471.

Ahmed-ibn-Ali (Abu-Fadhl), Coreiscita, II, 539.

Ahmed-ibn-Ali, es-Sciâmi (Abu-l-Feth), II, 541.

Ahmed, conciatore, III, 256.

Ahmed Gabrini, III, 698.

Ahmed-ibn-Hasan-ibn-Ali-ibn-Abi-Hosein (Abu-l-Hasan), emir Kelbita, di
Sicilia, II, 249, 254, 256 a 263, 266, 271, 272, 274, 276, 290 a 294,
319, 372, 537, 538.

Ahmed-ibn-abi-Hosein-ibn-Ribbâh, II, 140, 141, 143.

Ahmed-ibn-Ja’kûb-ibn-Abd-Allah’, 390.

Ahmed-ibn-Ja’kûb-ibn-Fezara, 342, 343, 353, 391.

Ahmed-ibn-Ja’kûb-ibn-Modhâ-ibn-Selma, 391.

Ahmed-ibn-Ja’kûb-ibn-Omar-ibn-Abd-Allah-ibn-Ibrahim-ibn-Ahglab
(Abu-Malek), detto l’Abbissinio (390, 391?), 392; II, 63.

Ahmed-ibn-Ibrahim, Razi, II, 485.

Ahmed-ibn-Ibrahim, Waddâni (Abu-l-Kâsim), II, 540.

Ahmed-ibn-Iehia (Abu-l-Abbas), detto Ibn-Fadhl-Allah ed Omari,
soprannominato Scehab-ed-dîn, VIII, XIX, XXXVIII, LII, LIII; III, 699.

Ahmed, emiro Ikhscidita, d’Egitto, II, 281.

Ahmed-ibn-Jûsuf (Abu-Gia’far?), soprannominato Akhal e Teaîd-ed-dawla,
II, 345, 351, 354, 364, 366, 368, 369, 370, 371, 374, 375, 376, 377,
378, 379, 393, 418, 419, 423, 424, 426, 519, 551; III, 80.

Ahmed-ibn-Kâsim, II, 489, 539.

Ahmed-el-Kasri, II, 221.

Ahmed-ibn-abi-Khorasân, III, 477.

Ahmed-ibn-Korhob, II, 145, 146, 147, 148, 149, 150, 151, 152, 153, 154,
155, 156, 167, 173, 182, 185.

Ahmed-ibn-Kornâs, soprannominato Seti-ed-dîn, III, 718, 722.

Ahmed Marwazi, II, 482.

Ahmed-ibn-Mohammed-ibn-Aghlab, 341, 400.

Ahmed-ibn-Mohammed-ibn-Iehia (Abu-Bekr), II, 220, 225, 226, 359, 360.

Ahmed-ibn-Mohammed-ibn-Kâf (Abu-Ali), II, 515, 540.

Ahmed-ibn-Mohammed, Nuri (Abu-Hosein), II, 480.

Ahmed-ibn-Mohammed-ibn-Rafi’, III, 868.

Ahmed-ibn-Omar-ibn-Abd-Allah (Abu-Malek), II, 63, 64.

Ahmed-ibn-Omar-ibn-Obeid-Allah-ibn-el-Aghlab, 352.

Ahmed-ibn-Omar, el-’Odsri o el-’Adsari, III, 669, 780, 781.

Ahmed-ibn-Roma o Romea, III, 206.

Ahmed-ibn-Sa’d-ibn-Mâlek(-Ibn-Abd?-) el-’Azîz, II, 453.

Ahmed, detto il Siciliano, III, 495, 496, 497.

Ahmed-ibn-Sofian-ibn-Sewâda, 340.

Ahmed-ibn-Soleiman, 262.

Ahmed-et-Temimi (Abu-l-Abbas), III, 256.

Ahmed-ibn-Ziadet-Allah-ibn-Korhob, II, 145, 148, 150.

Ahwâl, II, 125, 127.

Aiello (Matteo di), III, 500, 501, 502, 503, 530, 531, 542, 548, 549.

A’ilâsci-ibn-Akhial, 169.

Aione, principe di Benevento, 462, 463.

Aione, vescovo, 447.

Airoldi Alfonso, XII, XXIV, XXXVIII, LI.

Airoldi Cesare, XIII, XXXV.

Aiûb-ibn-abi-Jezîd, II, 202.

Aiûb-ibn-Kheirân, II, 199.

Aiûb-ibn-Têmim-ibn-Mo’ezz-ibn-Badîs, III, 94, 109, 110, 111.

Aix (Alberto d’), III, 106, 107.

Akhal, _v._ Ahmed-ibn-Jûsuf.

Akiprando, di Rieti, II, 165.

Alamidi, III, 817.

Alamondar, _v._ Mondsir.

Alarico, II, 11, 44.

Albalbuni, II, 522.

Albateni, III, 670.

Alberico, duca di Camerino, II, 166.

Alberico, frate, III, 701.

Alberto, patriarca d’Antiochia, III, 694.

Albigesi, III, 576.

Albiruni, III, 670.

Alduino, vescovo di Cefalù, III, 635.

’Alem-ed-dîn, III, 642.

Aleramidi, III, 196, segg., 225, 227.

Aleramo, conte, III, 198.

Alessandro il Grande, III, 154.

Alessandro II, papa, III, 101, 123.

Alessandro III, papa, III, 497, 533.

Alessio Comneno, III, 144, 367, 508.

Alessio II, III, 521.

Alessio Muscegh, 297, 298.

Alfano, abate, 356.

Alfieri, III, 221.

Alfonso III, d’Aragona, LVI; III, 650, 653.

Alfonso III, re delle Asturie, 457.

Alfonso VI, di Castiglia, III, 375, 704.

Alfonso I, di Sicilia, III, 291.

Alfredo il Grande, III, 675.

Ali-ibn-Abd-Allah, di Giattini, III, 512.

Ali-ibn-Abd-Allah-ibn-Sciami, II, 536.

Ali-ibn-Abd-el-Gebbâr-ibn-Abdûn, II, 507.

Ali-ibn-Abd-el-Gebbâr-ibn-Waddâni (Abu-Hasan), II, 477, 512.

Ali-ibn-Abd-el-Ghani, el-Husri, II, 525.

Ali-ibn-Abd-er-Rahman-ibn-abi-l-Biscir, (Abu-l-Hasan), II, 520.

Ali-ibn-Abd-er-Rahman-ibn-abi-l-Biscir, es-Sikilli, el-Ansari
(Abu-l-Hasan), III, 742, 743, 744, 745.

Ali-ibn-Abd-er-Rahman, il Siciliano (Abu-l-Hasan), II, 497, 512, 513,
521.

Ali-ibn-abi-Bekr, II, 436.

Ali-ibn-Badîs (Abu-l-Hasan), II, 429.

Ali-ibn-Abi-l-Geisc-Mogêhid-ibn-Abd-Allah, III, 4, 5, 9.

Ali-ibn-Fadhl, 326, 328.

Ali-ibn-abi-Fadhl-ibn-Mohammed-ibn-Taher (Abu-l-Hasan), II, 455.

Ali-ibn-Fartutto, III, 206.

Ali-ibn-Ghania, III, 520.

Ali-ibn-Gia’far-ibn-Ali-ibn-Mohammed-ibn-....Kattâ’ (Abu-l-Kasim), VII,
XXVII, XLV; 113; II, 429, 482, 506 a 511, 513 a 516, 518, 522, 536,
538, 541, 542, 544.

Ali, Haiûli, II, 499.

Ali-ibn-Hammûd, III, 662.

Ali-ibn-Hamza (Abu-l-Hasan), II, 491, 492, 493.

Ali-ibn-Hasan-ibn-Ali, emir Kelbita, di Sicilia, soprannominato il
Martire (Abu-l-Kâsim), II, 290, 291, 293, 294, 314, 315, 316, 322, 323,
324, 327 a 329, 330, 350, 372, 414.

Ali-ibn-Hasan-ibn-Ali, di casa zirita, III, 419.

Ali-ibn-Hasan-ibn-Habîb (Abu-Fadhl), II, 512, 542.

Ali-ibn-Hasan-ibn-Tûbi (Abu-l-Hasan), II, 516, 518, 525, 543.

Ali, Hodseilita, III, 213.

Ali-ibn-Homeila, 255.

Ali-ibn-abi-Hosein, II, 191, 234.

Ali-ibn-Ibrahim-ibn-Ali (Abu-l-Hasan), chiamato Ibn-Mo’allim, III, 737.

Ali-ibn-Ibrahim-ibn-Waddâni (Abu-l-Hasan), II, 501.

Ali-ibn-Iehia, principe zirita, II, 529; III, 367, 369, 370, 371, 372,
373, 407.

Ali-ibn-Isa-ibn-Meimûn, III, 377.

Ali-ibn-abi-Ishâk-Ibrahim-ibn-Waddâni (Abu-l-Hasan), II, 515.

Ali-ibn-Jûsuf, Kelbita, II, 350, 351, 352, 376.

Ali-ibn-Jûsuf-ibn-Tasciufin, III, 375, 376.

Ali-ibn-abi-Khinzir, II, 143, 147.

Ali, Kifti (Abu-l-Hassan), LII.

Ali, Kifti, intitolato Gemâl-ed-din, XLVIII.

Ali-ibn-Korhob, II, 149.

Ali-ibn-Meimûn, III, 378.

Ali-ibn-Moferreg (Abu-l-Hasan), II, 481.

Ali-ibn-Môgehid, III, 375.

Ali-ibn-Mohammed-ibn-abi-Fewâres, II, 140, 141, 142.

Ali-ibn-Mohammed, di Kerkûda (Abu-l-Hasan), II, 512.

Ali-ibn-Nagia, III, 507.

Ali-ibn-Ni’ma, soprannominato Ibn-Hawwâsci, Hawâs o Giawâs, II, 420,
421, 425, 547, 548, 551; III, 66, 71, 72, 73, 79, 80, 81, 84, 85, 94,
109, 110, 111, 308.

Ali-ibn-Omar, Bellewi, II, 145, 147.

Ali-ibn-Othmân-ibn-Hosein, Rebe’i, II, 488.

Ali Strambo, III, 206.

Ali-ibn-Tabari, II, 206, 210.

Ali-ibn-Tâher, II, 455, 512, 517, 542.

Ali-ibn-abi-Taleb, il Grande, 55, 60, 62, 69, 71, 127, 129, 140; II,
57, 103 a 108, 115, 121, 132 a 136, 139, 155, 486, 493, 494, 546; III,
173, 176, 263, 380, 531, 662.

Ali-ibn-Temîm-ibn-Mo’ezz-ibn-Badîs, III, 94, 109, 110.

Ali, Waddâni, II, 540.

Ali-ibn-Zera’ (Abu-l-Hasan), L.

Ali (El-) biamr-illah, _v._ Edrîsi.

Alice, regina di Cipro, III, 643.

Alidi, XLIII; II, 119, 120.

’Alkama-ibn-Jezîd, 93.

Alliku, II, 164.

Almanzor, _v._ Ibn-Abi-’Amir.

Almohadi, XLIV; III, 81, 158, 377, 379, 422, 423, 424, 425, 426, 427,
428, 429, 439, 465, 467, 471, 472, 475, 481, 483, 490, 495, 496, 497,
505, 520, 521, 530, 540, 553, 621, 622, 627, 632.

Almoravidi, II, 528, 529; III, 372, 374, 375, 377, 378, 379, 380, 422,
518, 520.

Al-Sanhaj, XXXVIII, _v._ Ibn-Sceddâd, Abd-el-Azîz.

Alvares Lodovico, III, 260.

Alvaro, III, 288.

Alverada, III, 49.

Aly-el-Bonifati, III, 264.

Aly-el-Petruliti, III, 264.

Amalfitani (console degli), III, 219.

Amato, monaco, XXVIII; III, 21, 24, 31, 33.

Ambrogio, vescovo di Patti, III, 221.

Amer, califo fatimita, II, 463.

Amerigo, re di Gerusalemme, III, 505, 506, 507, 643.

Ami, figlio di Gualtiero, III, 62.

Amici (degli) Ruggiero, III, 651.

Amico Antonino (di), VIII.

Amilcare Barca, 318, 319.

Amîn (soprannome di Maometto), 50.

Amîn, califo abbasida, 303.

Amîn-ed-dawla, II, 331.

’Amir-ibn-Liwa (tribù), III, 832.

’Amir-ibn-Nafi’, 156, 157.

Abu-’Amir, III, 375.

’Ammâr, II, 251, 252.

’Ammâr-ibn-Mansûr (Abu-Mohammed), II, 481, 488, 538.

’Ammâr, paggio, II, 263.

Ammiano Marcellino, 75; III, 443.

’Amr-ibn ’Asi, 80, 109, 112; III, 832, 840.

’Amr-ibn-Mo’âwia, 155.

’Amrân, II, 147.

’Amrân-ibn-Mogiâled (o Mokhalled), 254.

Anacleto, antipapa, III, 393, 395.

Anastasio, consolare, 213.

Anatolio, conte, 213.

Andalusi, cognome, III, 212.

Andalusi, _v._ Iehia-ibn-Omar-ibn-Jûsuf.

Andara, tribù berbera, II, 35.

Andrani o Andarani, II, 35; III, 614.

Andrea, consolare, 213.

Andrea, console di Napoli, 312.

Andrea, figliuolo di Troilo, 95.

Andrea, martire, 511.

Andronico Comneno, III, 223, 521.

Angioini, II, 86; III, 531, 808.

Anna Comnena, III, 41.

Anquetil (Drengot?), III, 25.

Ansâri, II, 521.

Anselmo, de’ marchesi Aleramidi, III, 199.

Anselmo, arcivescovo di Napoli, III, 579, 581.

Ansgerio, III, 307.

Anspach, III, 828, 830.

Ansruna (da) Bartolommeo, III, 288.

Antar, III, 598.

Antimo, duca di Napoli, 227.

Antioco, governatore di Sicilia, 220.

Antonini (gli), 10, 199.

Antonino, 289; II, 109

Antonio Veneziano, III, 128.

Anweiler (de) Marqualdo, III, 566, 567, 570, 571, 576, 577, 578, 579,
580, 581, 582, 583, 584, 585, 586.

Apocapso, 162, _v._ Omar-ibn-Scio’aib (Abu-Hafs).

Apolofar, 361, 362, 363, 370, _corr_. Abu-Gia’far.

Apolafar Muchumet, II, 375, 377, 393, 394.

Aragonesi, II, 86; III, 631, 650, 807.

Arcadio, 211; III, 57, 59.

Arcario, 240.

Archifredo, III, 124.

Archimede, XLVIII; II, 272, 463, 686.

Arderico, 241.

Ardoino, II, 380, 389, 390, 392, 423; III, 24, 29, 30, 31, 33, 35, 52,
219.

Argiro, figlio di Melo, II, 30, 35, 36, 38, 41, 42, 44, 48, 114.

Argivi, III, 125.

Ariani (setta), 24.

’Arîb, XLI, l.

Arigiso, 185, 187, 188, 189; II, 377.

Arisgoto di Pozzuoli, III, 99, 133, 134, 156, 300.

Aristotile, II, 100, 101, 301, 308, 462; III, 696, 702, 706, 707, 708.

Arnaldo, da Brescia, III, 431, 432.

Arnoldo, II, 325.

Aroldo dalla bella chioma, III, 17.

Aroldo il Severo, II, 383, 384, 385, 386; III, 22.

Arone (Harûn), II, 342.

Arran, condottiero, 462.

Arrane (Harrani?), 383.

Arri, da Asti, LIV.

Arrigo, conte di Montescaglioso, III, 502.

Arrigo, de’ conti di Champagne, III, 643, 649.

Arrigo, figliuolo di Federigo II, III, 590, 601.

Arrigo, figliuolo d’Ugo, re di Cipro, III, 643.

Arrigo I, imp., III, 29.

Arrigo II, imp., III, 7, 26, 27, 28, 42, 47, 529, 798.

Arrigo III, imp., III, 40.

Arrigo IV, imp., III, 143, 144, 145, 199.

Arrigo VI, imp., III, 294, 296, 448, 542, 544, 547, 549, 550, 551, 552,
554, 555, 556, 558, 559, 560, 561, 562, 563, 564, 565, 566, 568, 570,
572, 573, 577, 581, 584, 588, 589, 594, 632, 804, 815, 848.

Arrigo, dei marchesi Aleramidi, III, 200, 221, 225, 226, 239, 268, 301,
302, 442, 488.

Arrigo, di Navarra, III, 216, 500.

Arrigo il Pescatore, conte di Malta, III, 601, 606, 607, 620.

Arrigo, vescovo di Augsburg, II, 325.

Arrigo, vescovo di Leocastro, III, 814.

Arsiccio, _v._ Catacalone.

Arzachele, XXX; III, 690.

Asbagh-ibn-Wekîl, 286, 287, 288, 289, 290, 291; II, 35.

Asbesta Gregorio, 30.

Ascanagius (Es-Sanhagi), XXXVIII, XLI.

Ascari, II, 467.

’Asciari (El-), III, 726.

Asdani, XLII.

Ased-ibn-Ali-ibn-Mo’mir, Hoseini, II, 507.

Ased-ibn-Forât, 151, 153, 231, 234, 235, 236, 253, 254, 255, 256, 257,
258, 259, 260, 261, 262, 263, 265, 266, 267, 269, 271, 272, 273, 274,
275, 287, 288, 291, 320, 354, 394, 395; II, 35, 220, 436.

Asillio, 6.

Askar Niccolò, III, 256, 325.

Assassini, II, 102, 117; III, 647, 649.

Asselîn, III, 677, 678.

Assemani, XLI, XLIII.

Assemani G. S., II, 453.

Assiropulo, II, 250.

Astari, casato, III, 221.

Atanasio, vescovo di Modone, 507, 508, 509.

Atanasio, vescovo di Napoli, 448, 450, 452, 453, 456, 457, 458, 461,
462, 463; II, 175.

Atenolfo, 462: II, 163, 170, 325; III, 35.

’Atik-ibn-Abd-Allah-ibn-Rahmûn (Abu-Bekr), II, 477, 478, 540.

Atîk-ibn-Ali-ibn-Dâwûd (Abu-Bekr), II, 490.

Attâ-ibn-Rafî, 168.

Atto, conte, II, 340.

Atto, da Spoleto, II, 312.

Augusto, 7, 8, 9, 10.

Augustolo, II, 90.

Avari, 94.

Avenel, casato, III, 347.

Avenel Adamo, III, 290.

Avenel Rinaldo, III, 363.

Avenel Roberto, III, 347, 349.

Averroès, II, 469; III, 708.

Avicenna, II, 469; III, 696.

Awa (o Uwa)-es-Seâ’ri, II, 158.

Azd tribù, II, 195, 488, 499, 525, 526; III, 210, 211, 212, 759.

’Azîz-billah, II, 330, 331, 355.

Azrâkiti, II, 104, 105.


B

Babek, II, 113, 114, 115, 520, 521.

Bacchilo, 15.

Bacone Ruggiero, III, 658.

Badîs-ibn Mansûr, principe zirita, soprannominato Nasr-ed-dawla, II,
356, 357, 358, 359.

Balalardo, III, 62.

Balchaot, III, 7, _v._ Ibn-Hawwasci.

Baldovino, re di Gerusalemme, III, 189, 335, 346.

Balian, III, 641.

Bambace, cognome, III, 205, 875.

Banqueri, XLII.

Barbaricini, 18, 108.

Barcellona (conte di), III, 376.

Barda, 338, 500, 503.

Bardesane, _v._ Ibn-Daisân.

Bargawata, tribù berbera, III, 212.

Baribavaira, toscano, III, 288.

Barisano, da Trani, III, 862.

Barmek, II, 100.

Barrani, III, 211.

Barsamio, 418.

Barthélemy, LI.

Bartolomeo, da Neocastro, VII.

Bartolomeo, segretario di Innocenzo III, III, 580.

Basile Gian Battista, III, 819, 846.

Basiliani (monaci), 19.

Basilio, di Gerace, III, 88.

Basilio il Macedone, 341, 342, 346, 348, 349, 378, 379, 380, 381, 393,
399, 411, 414, 416, 425, 432, 433, 437, 438, 439, 440, 441, 445, 447,
454, 471, 501, 509, 510, 512, 515; II, 70. Suo Menologio, III, 838.

Basilio II, II, 313, 365, 366.

Basilio Pediadite, II, 392, 393.

Basilio, protocarebo, II, 251, 252, 263.

Basilio, stratego, II, 320.

Bàteni, II, 101, 102.

Bavari, II, 322.

Baviera (duca di), III, 649.

Becelino, II, 325.

Becket Tommaso, III, 497, 498, 499, 532.

Beco (Abu-Bekr?), III, 156.

Bedîr o Bodeir, II, 421.

Bedr-ibn-’Ammâr, II, 334.

Beduini, 34, 36, 37, 145; II, 144, 221, 542.

Begiawi, III, 211.

Behrnauer, III, 799.

Bek’ai, II, 381.

Bekkari, III, 213.

Bekri, XLII, 85, 105, 112, 147, 157, 166; II, 429; III, 670.

Beladori, XI.

Bulbas (de) Raoul, III, 347.

Belcamuer, _v._ Ibn-Hawwasci, III, 76.

Belezmi, II, 182.

Belisario, 12, 13, 104, 212, 291; III, 178.

Bellanôbi, XLIII; II, 433, 521, 522, 541, 543.

Bencimino o Bentimino, III, 162, 163, v. Ibn-Thimna.

Benedettini (monaci), 19, 100, 102, 293; III, 22, 84, 468.

Benedetto, diacono, 20.

Benedetto, monaco, XXIX.

Benedetto, notaio, III, 868.

Benedetto III, papa, 500.

Benedetto VIII, III, 7, 8, 11, 26.

Benedetto, pisano, III, 581.

Beni-Genâ, II, 212.

Beni-l-Asfar, III, 746.

Beni-’Abs, III, 598, 599.

Beni-Ghania, III, 518, 520.

Beni-abi-Hafs o Beni-Hafs, _v._ Hafsiti.

Beni-Hammâd, II, 363; III, 173, 368, 369, 420, 423, 425, 427, 540.

Beni-Hammûd, di Malaga, III, 662, 663.

Beni-Hassân, II, 527.

Beni-Hûd, III, 704.

Beni-abi-Khorasân o Beni-Khorasân, II, 224; III, 429, 430, 540.

Beni-Korra, III, 411, 413.

Beni-Labbana, III, 748.

Beni-Malrûh, III. 406, 408, 409.

Beni-Mawkifi, II, 521.

Beni-Meimûn, signori di Cadice, III, 376, 377, 379, 387, 480.

Beni-Menkût, II, 549.

Beni-Midrâr, II, 133.

Beni-Rowaha, III, 768, 769.

Ben-Soleim, 253.

Beni-Somâdik, II, 535.

Beni-Tabari, II, 33, 206, 207, 208, 211, 212.

Beni-Talût, II, 22.

Beni-Tolûn, _v._ Tolunidi.

Beniamino, da Tudela, III, 484.

Berberi, LIV; 18, 105, 106, 107, 113, 114, 115, 118, 119, 120, 121,
123, 125, 126, 127, 128, 129, 132, 133, 135, 136, 138, 142, 143, 144,
147, 156, 174, 264, 288, 309, 340, 363, 369, 424, 429, 431, 432; II,
12, 21, 32, 35, 36, 37, 38, 39, 40, 41, 42, 43, 62, 63, 75, 121, 122,
123, 128, 131, 133, 135, 136, 138, 139, 142, 143, 146, 148, 149, 150,
151, 154, 157, 168, 183, 184, 191, 192, 197, 198, 200, 207, 217, 263,
267, 283, 287, 288, 292, 350, 351, 355, 358, 361, 372, 373, 383, 393,
418, 424, 434, 462, 496, 547; III, 6, 73, 81, 92, 209, 211, 373, 381,
400, 408, 409, 422, 475, 479, 599, 628, 662, 879.

Berdwil, supposto re franco, II, 328; III, 62, 189.

Berengario, conte di Barcellona, III, 12.

Berengario, de’ conti di Lucca, 277.

Berengario, duca del Friuli, II, 166, 167.

Berillo, 15.

Berkûk, III, 836.

Berlais Roberto, III, 347.

Bernardino, conte, III, 594.

Bernardo Michele, III, 390.

Bernardo, figlio di Pipino, 227.

Bertario, abate, 365, 444, 460.

Bertoldo, II, 325.

Bertolotti, XV.

Besciâr-ibn-Bord, II, 113.

Bibars, XXXVIII, XLVIII; III, 654.

Biscir-ibn-Sefwân, 135, 171; II, 233.

Bizantini, XLI, XLII; 72, 74, 75, 118, 125, 173, 241, 278, 283, 290,
309, 313, 316, 318, 319, 323, 329, 331, 338, 349, 352, 364, 376, 380,
413, 415, 418; II, 34, 48, 70, 71, 80, 81, 83, 100, 155, 166, 168, 171,
172, 176, 179, 193, 204, 213, 241, 243, 244, 246, 247, 250, 251, 252,
253, 263, 266, 267, 269, 271, 272, 291, 311, 312, 313, 317, 322, 333,
338, 340, 357, 364, 365, 372, 376, 378, 379, 389, 390, 393, 394, 396,
399, 415, 417, 421, 422, 423, 426, 459, 460, 501, 519; III, 1, 14, 25,
26, 30, 31, 53, 194, 217, 218, 223, 351, 366, 433, 443, 447, 450, 465,
466, 480, 666, 746, 825, 836, 838, 839, 852, 860.

Bizantino Impero, II, 141, 166, 168, 169, 172, 176, 183, 215, 242, 243,
255, 260, 274, 278, 308, 310, 311, 367, 375, 379, 383, 386; III, 5, 26,
50, 114, 282, 413, 508.

Blettiva, III, 51.

Blois (di) Pietro, III, 216, 497.

Boch (dott. Franz), III, 798, 800.

Bochlor, III, 329.

Bodeir-ibn-el-Meklâti, II, 539.

Boemondo, principe d’Antiochia, III, 144, 146, 165, 183, 184, 186, 188,
433, 863.

Boha-ed-dîn, XLVIII.

B’ht’’r, di Dendera, III, 832.

Boioanni, II, 365, 366; III, 34.

Bolukkin-ibn Ziri, II. 238, 288, 289, 290, 355, 358.

Bonaini Francesco, III, 376.

Bonanno, da Pisa, III, 862, 863.

Bonaparte (de) Luciano, III, 594.

Bonatti Guido, III, 695.

Boncompagni Baldassarre, III, 658.

Bonelli, casato, III, 221, 233.

Bonello Matteo, III, 232, 485, 486, 487.

Bonello Ruggiero, III, 221.

Bonifazio, conte di Lucca, 276.

Bonifazio del Vasto, III, 199.

Bonifazio, marchese d’Incisa, III, 199.

Bonifazio, marchese degli Italiani, III, 196.

Bonifazio, marchese di Monferrato, III, 197.

Bonincontri Lorenzo, III, 11.

Bonnella Riccardo, III, 221.

Bono Odone, marchese, III, 221, 226.

Borboni di Napoli, III, 101, 279, 309.

Borello Goffredo, III, 312, 340.

Borello Roberto, III, 221.

Borgogna (duca di), III, 347.

Bosaisa, 93.

Boscera, II, 199, 200, 228.

Bosco (marchesi del), III, 199.

Bosone, 446.

Botayctor Niccolò, III, 288.

Botoniate Niceforo, III, 144.

Bouillon (casa di), III, 189.

Bourquelot, 311.

Boweidi, II, 278.

Brachimo (Ibrahim-ibn-Ahmed), II, 81, 96.

Brahim, gaito (Ibrahim), III, 264.

Brancaleone, II, 247.

Brienne (conte di), III, 568, 569, 582, 585.

Brioschi Francesco, III, 456.

Broch, II, 383, 384, 386; III, 39.

Bruno, III, 288.

Bruzii, III, 196.

Buatère Gilberto, _v._ Drengot.

Buccahar, III, 572.

Bucoboli, II, 312.

Buddisti, II, 108.

Buidi, _v._ Bowiedi.

Bulcassimo, II, 328, _v._ Ali-ibn-Hasan-ibn-Ali (Abu-l-Kasim), e
Ibn-Hammûd, III, 512.

Bulgari, 193, 510; II, 153, 173, 365.

Burabe (Abu-Rebi’a?), III, 376, 377.

Burcardo, II, 325.

Burcardo, vescovo di Strasburgo, III, 536.

Burgi o Bergi, III, 211.

Burgio, casato, III, 174.

Burgio Giovanni, III, 794.

Busca (marchesi di), III, 199.

Buscemi Niccolò, 469, 488, 489.

Busilla, III, 194.

Busito (Abu-Sa’îd), II, 340.


C

Cahtân, II, 233 (_corr._ Kahtàn).

Calatabiano (di) Roberto, III, 499.

Calatabutur (de) Sir Ricalinus, III, 215.

Calatafimi (di) Simone, III, 225.

Caligola, 9; II, 550.

Callinico, 303.

Callisto II, papa, II, 396; III, 314.

Calonimo, II, 326.

Calzola, casato, II, 453.

Camerano (da) Bonifacio, III, 224.

Cammarata (di) Lucia, III, 250.

Campalla, casato, III, 205.

Camulio Niccolò, III, 57.

Cangemi, casato, III, 881.

Canna (de) Gualterius, III, 221.

Canterbury (di) Tommaso, _v._ Becket.

Capeti, III, 18.

Capialbi, III, 344.

Capizzi (da) Adamo, III, 288.

Capparone Guglielmo, III, 583, 585, 586, 587, 594.

Caraccioli, LI.

Cardonne, LI.

Carini Isidoro, III, 594, 635.

Carli G. Rinaldo, LV.

Carlo d’Angiò, 396; II, 45; III, 538, 631, 654, 688, 698, 712, 820, 868.

Carlo II, d’Angiò, III, 612, 627, 631.

Carlo il Calvo, 414, 415, 437, 443, 444, 445, 446, 448, 451, 462; II,
299.

Carlo il Grosso, 453.

Carlo Magno, 147, 182, 183, 184, 185, 186, 187, 188, 189, 190, 194,
192, 212, 224, 226, 227, 230, 312, 389, 433; II, 169, 278, 338; III,
17, 189, 196, 198, 448, 680, 685.

Carlomanno, 451, 453.

Carlo Martello, 158.

Carlo il Semplice, III, 18.

Carlo lo Zoppo, _v._ Carlo II, d’Angiò.

Caro, arcivescovo di Morreale, III, 568, 592.

Carpi, XXXV.

Carretto (marchesi del), III, 199.

Carsianiti, 440.

Cartaginesi, II, 203, 357, 382, 393.

Cartomi Elia, III, 156, 162, 184.

Caru- (ibn-) Jûsuf, III, 206, 875.

Caruso Gian Battista, VII, VIII, XLI, LII, LV; 15, 18.

Caruso Giuseppe, XVI, XXIII.

Casiri, XIX, XXXIX, XLVIII, LIII.

Cassidoro, 12.

Castellani, casato, III, 212.

Castello (da) Roberto, III, 288.

Castiglia Benedetto, II, 13.

Castigliani, III, 188, 705.

Castiglioni, XXIV; 108; II, 6; III, 450.

Catacalone, II, 393, 394; III, 56.

Catania (vescovo e Chiesa di), III, 212, 238, 239, 245, 246, 264, 301,
308, 320, 323, 330, 450, 451, 597, 806.

Caterina, da Demona, II, 409.

Catrobarba Riccardo, III, 291.

Caussin J. J., LI, LII; II, 204, 206.

Caussin de Perceval, LI, LV; 57, 63, 76, 108, 246; III, 322.

Cavallari Francesco Saverio, XXXIV; 311; II, 452, 454; III, 821, 844.

Cave Guglielmo, XLI; 488.

Cedreno, XXVIII; 242, 506.

Cefalù (vescovo e Chiesa di), III, 215, 236, 250, 262, 316, 451, 474,
575, 580, 806, 872.

Celano (conte di), III, 600.

Celestino III, papa, III, 566, 567.

Cerameo Teofane, 488; III, 695.

Ceriani Antonio, III, 659.

Cesario, 365, 366, 367.

Ceva (marchesi della), III, 499.

Champollion-Figeac, XXVIII.

Chamut, _v._ Ibn-Hammûd.

Chapzis (Hamza), III, 262.

Cherbonneau, XXXIV, XLV, XLVI, LVI; III, 704.

Chrisione, II, 81.

Cibo Andreuccio, III, 260.

Cicala Giovanni, III, 635.

Cicerone, 7.

Ciclopi, II, 86.

Cincimo, 377.

Cirenaici, II, 203.

Citeron, LII.

Ciullo d’Alcamo, III, 888.

Clavesana (marchesi di), III, 499.

Cohen Giuda, III, 692, 708.

Colbert, IIII, 698.

Coloman, re d’Ungheria, III, 194.

Colombo, calabrese, 548.

Comparetti, III, 539.

Conde, 129, 136, 144, 161, 163.

Conone, 29, 195, 203.

Copti, 167; II, 496.

Corace, II, 463.

Coreish, _v._ Marisc.

Corrado..., II, 325.

Corrado, frate, VII; II, 415.

Corrado III, imp., III, 431, 432, 433, 609.

Corrado IV, III, 225, 711.

Corrado, di Monferrato, III, 522, 523, 643.

Corrado, re d’Italia, III, 192, 195, 199.

Corrado il Salico, III, 28, 29.

Corrado, vescovo di Hildesheim, III, 602.

Cortemiglia (marchesi di), III, 199.

Cosimo III, de’ Medici, ix.

Cosimo, monaco, 177, 178.

Cosroe Nuscirewan, 40.

Costantino Caramalo, II, 79, 80, 87.

Costantino, diacono, 29.

Costantino Duca, III, 144.

Costantino Gongile, II, 260.

Costantino I, imp., 18, 182, 198, 200, 201, 208, 211, 212, 303; III,
47, 305.

Costantino III, 99.

Costantino IV, 220.

Costantino V, 189, 222.

Costantino VI, 73, 196, 212, 145, 242, 245, 250, 252, 282, 316, 382;
II, 153, 204, 215, 242, 243, 246, 250; III, 283.

Costantino VIII, II, 313, 367.

Costantino IX, II, 386, 395; III, 42, 44.

Costantino X, II, 416.

Costantino, _corr._ Costanzo, II, 97, 98.

Costantino, patrizio dell’Italia meridionale, 463.

Costantino, patrizio di Sicilia, 225, 246, 247.

Costantino, di Sicilia, poeta, 506.

Costanza, d’Aragona, moglie di Federigo II, imp., III, 583, 590, 804.

Costanza, moglie di Arrigo VI, III, 503, 530, 543, 544, 545, 547, 552,
561, 564, 565, 566, 567, 568, 572, 573, 574, 576, 588, 601.

Costanza, figliuola di Ruggiero, conte di Sicilia, III, 195.

Costanza, figliuola di Abu-l-Fadhl, III, 256.

Costanzo o Costante, XXXIX; II, 13, 77, 78, 84, 86, 90, 92, 93, 94, 95,
96, 97, 99, 113, 180, 207.

Coste, III, 824, 834, 837, 858, 859.

Crambéa, II, 251.

Cremona (da) Gerardo, III, 695.

Crinite, II, 203, 204.

Crisafi, 411.

Crisonica, II, 406.

Crispi Francesco, III, 213.

Cristiani, XLII; 51, 53, 150; II, 42, 43, 44, 56, 57, 61, 69, 73, 74,
77, 80, 82, 83, 87, 92, 101, 106, 107, 108, 109, 141, 143, 148, 152,
162, 163, 165, 167, 183, 206, 210, 212, 238, 239, 240, 245, 248, 255,
262, 267, 269, 273, 276, 278, 293, 343, 345, 353, 362, 371, 373, 377,
395, 396, 397, 398, 399, 400, 401, 403, 405, 412, 414, 415, 422, 443,
460, 461, 466, 471, 494, 528, 551; III, 1, 8, 10, 12, 13, 14, 54, 56,
58, 65, 68, 71, 77, 80, 83, 93, 95, 96, 100, 132, 162, 167, 170, 171,
175, 176, 181, 487, 189, 210, 248, 249, 253, 254, 262, 281, 285, 303,
319, 327, 334, 338, 345, 349, 351, 358, 366, 375, 379, 381, 383, 384,
398, 400, 404, 409, 411, 416, 417, 419, 421, 424, 425, 429, 430, 451,
462, 469, 472, 473, 475, 477, 487, 489, 490, 496, 498, 506, 507, 508,
513, 515, 518, 522, 523, 526, 528, 530, 533, 534, 535, 543, 545, 546,
547, 572, 576, 578, 579, 587, 591, 592, 594, 595, 597, 609, 612, 617,
619, 622, 625, 626, 633, 642, 645, 647, 648, 652, 701, 706, 711, 716,
722, 728, 763, 780, 790, 816.

Cristodulo o Crisiodoro, III, 354, 355, 361, 364.

Cristoforo, III, 351, 353, 361.

Croati, 380; II, 169.

Crociati. II, 328, 386; III, 99, 107, 188, 193, 214, 299, 421, 432,
433, 434, 435, 464, 505, 522, 529, 545, 548, 565, 566, 573, 574, 585,
600, 604, 609, 633, 636, 637, 638, 640, 641, 643, 646, 647, 667, 673,
704, 721.

Curdi, III, 506.

Curopalata, viii.

Currucani, cognome, III, 205.

Cusa Salvatore, III, 204, 262, 316, 325, 450, 451, 494, 806, 850, 874.

Custasin (de) Sir Bonom, III, 214.

Cutzaniti Leone, III, 291.

Cuvier, III, 789.


D

Daher o Zâhir, califo fatimita, II, 241.

Dahmân, tribù arabica, III, 384.

Daisaniti, II, 109.

Dami’a, _v._ Abu-Mohammed.

Damiano, II, 88.

Dani, III, 15.

Daniele, profeta, II, 262.

Daniele, da Taormina, 516; II, 80.

Danielis, 442.

Dante Alighieri, III, 889.

D’Aquino, casato, III, 565.

Dato, II, 21.

D’Auceto Roberto, III, 876.

Daumas, II, 38, 39.

Dawûd, III, 639, 640.

D’Azeglio Massimo, XXXV.

Dedone, II, 325.

De Fraehn, XXIV.

De Frémery, XX, XLVII.

De Grossis, XXIX.

De Guignes, LI; 108.

De Hammer, II, 13.

Del Giudice Giuseppe, III, 202.

Della Mensa Antonio, III, 875, 876.

Della Noce Ruggiero, III, 288.

Della Vigna Piero, III, 620, 634, 707.

De Longuerue, II, 453.

De Meo, III, 33.

De Maramma Luca, III, 868.

Dennis Giorgio, III, 857.

Derenbourg, XL; 63; II, 172.

De Riedesel, barone, LII.

Derràg, II, 481.

Dervis, 52.

De Sacy, XXXVIII, XXXIX, XLVI, XLIX, LIV; 63; II, 13, 20.

Desiderio, re, 185.

Desiderio Abate, III, 22, 169, 853, 860.

De Simoni Cornelio, III, 197.

De Slane, XXXIII, XXXVII, XXXVIII, XXXIX, XL, XLI, XLIII, XLV, XLVIII,
L, LI, LII, LIV; 63, 108, 110, 113, 142, 152, 430; III, 872.

Des Noyers, XVII, XVIII.

D’Este Ugo, III, 141.

Des Vergers, XVIII, XIX, XXIV, XLVII, LII, LIV; 430.

Dhaif. _v._ Musa-ibn-Ahmed.

Dhobbi, 161.

D’Herbelot, XXXVIII.

Diama-ibn-Mohammed, II, 224.

Di Biondo Leone, III, 868.

Di Fiore Giuseppe, XXXIV.

Di Giovanni Bono Giorgio, III, 868.

Di Giovanni Giovanni, 15, 18, 19, 20, 21, 27, 28, 96, 102, 103, 489.

Di Giovanni Vincenzo, III, 878, 887, 888.

Di Gregorio, _v._ Gregorio (Rosario).

Dihà, _v._ Kàhina, 119.

Dimiscki (Scems-ed-din), LI, LIII.

Dimiscki, _v._ Iehia-ibn-Abd-er-Rahman-ibn-Abd-el-Mo’nim.

Diocleziano, 10.

Diodoro Siculo, 4, 6, 194, 197; II, 406.

Diogene Laerzio, II, 101.

Dionisio, giudice, III, 868.

Diopoldo, III, 587, 588.

Diosallo, cognome, III, 205, 875.

Dioscoride, II, 218, 219.

Ditmar, conte, II, 325.

Doceano, catepano, II, 388.

Docibile, 458.

D’Ohsson, 452.

Domairi (_corr._ Demiri), LIII.

Dombay, L.

Dominic (de) Raffaello, III, 390.

Donas o Donus, III, 205.

Donolo, II, 171, 172.

Dorn B., III, 691.

Doxopatro, _v._ Nilo Doxopatro, III, 660, 661.

Dozy, XXXIII, XXXVII, XXXVIII, XXXIX, XL, XLI, XLII, XLIII, XLIV, XLVI,
XLVII, XLVIII, L, LI, LII, LIV, LV; 142, 162; III, 4, 873.

Drengol Gilberto, o Buatere, Rainolfo, Anquetil e Ormondo, III, 25.

Drogone, III, 39, 40, 42, 46, 48.

Drusi, II, 102, 117, 137.

Drusiana (da) Ruggiero, III, 287, 288.

Dsehebi, LII; 88; II, 514.

Dsimari, III, 211.

Dualisti, II, 98.

Du Caurroi, II, 13.

Ducezio, 278, 279.

Duchesne Andrea, III, 56, 58, 59.

Dudone, di S. Quintino, III, 20, 22.

Dugat, LV.

Du Meril, XXIX.


E

Eadmero, III, 187, 188, 271.

Eberwin, abate, II, 413.

Ebrei, 27, 40, 51, 57, 150, 195, 203, 218, 219, 408, 478; II, 32, 56,
101, 106, 307; III, 209, 234, 249, 252, 253, 254, 291, 296, 297, 328,
330, 434, 477, 555, 617, 618, 697, 708, 711, 728, 764, 870.

Eccelino (Azo), II, 325.

Edrîs, III, 662.

Edrîs, figlio del precedente, 226; III, 662.

Edrîs, principe di Malaga, III, 663, 664.

Edrîsi Mohammed, figlio di Mohammed, di Abd-Allah, di Edrîs
(Abu-Abd-Allah), X, XXIII, XXVII, XXXIX, XLIII, XLIV, LI, LIII, LV;
236, 318; II, 67; III, 452 segg., 662, 663, 664, 666, 670, 671, 672,
680, 699, 830, 841, 842, 845, 860.

Edrisiti, 129, 225, 226, 229; II, 135; III, 173, 540, 662.

Eduardo I, d’Inghilterra, III, 40.

Einhardo, 147, 277.

Eleazar, III, 348, 349.

Elena, figlia di Niccolò, figlio d’Eugenio, ammiraglio, III, 353.

Elia, canonico, III, 572.

Elia (il Giovane), da Castrogiovanni, 412, 418, 512, 515, 516, 517,
518, 619.

Elia, profeta, III, 84.

Elia, romito, II, 407, 408.

Eliodoro, 219.

Elisabetta, di Norvegia, II, 384.

Eliseo, di Segelmessa, II, 134, 135.

Elmacin, XLVII.

Elpidio, 217, 218.

Emir-Ibn-’Abs, Mir-’Abs, _v._ Mirabetto.

Emma, figliuola del conte d’Evreux, III, 84.

Emma, figliuola del conte Ruggiero, III, 195.

Emmanuele, casato, III, 454, 505.

Emmanuele Comneno, III, 413, 414, 433, 434, 435, 439, 467, 660, 661.

Emerico, re d’Ungheria, III, 583.

Empedocle, XLVIII, XLIX; II, 100, 101, 302, 463.

Enger, XXVIII.

Epaminonda, II, 80.

Eraclio, VII; 58, 76, 77, 94, 97, 108.

Erastotene, III, 671.

Erberto Braosense, III, 220.

Erchemperto, 232, 233, 361, 369, 384, 442, 445, 447, 448, 454, 459.

Eremberga, 85, 195.

Ermanno Contratto, III, 40.

Ermenseda, contessa, III, 12.

Ermogene, 507.

Erpenio, XIII, XLI.

Eruli, 12.

Essaconte, II, 271.

Esseriph (Es-Scerîf), III, 267.

Etiopi, II, 317.

Euclide, II, 462.

Eufemio, XLVII; 233, 241, 243, 244, 245, 246, 247, 248, 249, 250, 251,
252, 258, 259, 262, 264, 265, 269, 279, 281, 282, 286, 291; III, 86.

Eugenio, ammiraglio, XXX; III, 347, 460, 657, 658, 659, 660, 661.

Eugenio, detto il Bello, III, 316.

Eugenio, emiro, _v._ Eugenio, ammiraglio, III, 353.

Euplio, 17.

Euprassio, 416.

Eusebio, consolare, 211.

Eustazio, arcivescovo di Tessalonica, XXVIII; III, 351, 521, 537, 538,
539, 688.

Eustazio, drungario, II, 80, 88.

Eustazio, stratego di Calabria, II, 153.

Euthimio, 240, 249.

Eutichio, patriarca d’Alessandria, XL, XLI.

Eutropio, lombardo, 443.

Evagrio, 76.

Evisando, III, 157.

Evreux (conte di), III, 84.

Ezzelino (Azo), III, 619.


F

Fabricius, XXXIX.

Fadhl (per errore in luogo di Fatemita?), II, 174.

Fadhl-ibn-Gia’far, 313, 314, 317; II, 32.

Fadhl-ibn-Ia’kûb, 300, 301, 305.

Fadhl-ibn-abi-Iezîd, II, 202, 203, 207.

Faiz-billah, califo fatimita, III, 766.

Fakhr-ed-dîn, III, 638, 641, 642.

Fakri, III, 212.

Falcando Ugo, III, 216, 251, 440, 481, 492, 543 a 545, 842; II, 308.

Falco (di) Roberto, III, 288.

Fallamonaca Uberto, III, 615, 622.

Famin, XVIII; 170.

Farag-Mohammed, II, 243.

Farag-ibn-Salem, III, 698, 868.

Farangia (I Vandali), 121.

Farich (?), figlio di Said, 170.

Faresi, II, 475.

Fartutto, cognome, III, 206, 875.

Fasi, III, 715, 716.

Fatima, II, 115, 132, 662.

Fatimiti, XLI, XLII, LIV; II, 6, 39, 53, 118, 120, 122, 132, 133, 135,
137, 140, 144, 151, 152, 154, 158, 162, 167, 176, 179, 182, 188, 192,
195, 197, 198, 199, 218, 227, 228, 233, 240, 254, 257, 280, 285, 286,
287, 289, 312, 313, 332, 356, 361, 372, 426, 451, 458, 459, 523, 547;
III, 157, 260, 322, 352, 404, 449, 454, 465, 506, 834, 835, 844, 847.

Fazzello, VIII; 233, 234, 236, 237.

Federico, d’Aragona, re di Sicilia, III, 631, 870, 890.

Federigo Barbarossa, III, 11, 12, 219, 222, 465, 468, 508, 536, 620,
710.

Federico II, imperatore, XXXVIII, XLIX; 389; II, 193, 345, 347, 433,
463, 471; III, 86, 173, 224, 234, 240, 253, 265, 266, 288, 294, 297,
298, 318, 328, 357, 359, 363, 365, 406, 444, 445, 491, 542, 567, 568,
569, 570, 571, 575, 576, 579, 582, 583, 584, 588, 589, 590, 691, 592,
593, 594, 695, 596, 598, 599, 600, 601, 602, 603, 604, 605, 606, 607,
608, 609, 610, 611, 612, 613, 614, 616, 618, 619, 620, 621, 622, 623,
625, 626, 629, 630, 631, 632, 633, 635, 636, 637, 638, 639, 640, 641,
642, 643, 644, 646, 647, 648, 649, 650, 651, 652, 653, 654, 655, 689,
690, 691, 692, 693, 694, 695, 696, 697, 700, 701, 702, 703, 705, 706,
707, 708, 709, 710, 711, 712, 773, 778, 785, 786, 788, 790, 791, 800,
804, 806, 807, 808, 815, 816, 820, 867, 888.

Fendaniti, 333.

Fenicii, 31, 104, 291; III, 3, 6.

Fer Ugo, III, 600, 601.

Ferdinando il Cattolico, 234.

Ferghalûsc, _v._ Asbagh-ibn-Wekil.

Ferran-love, III, 260.

Fezara, tribù arabica, II, 32.

Fibonacci Leonardo, III, 692, 695.

Fichi Raimondo, III, 868.

Filagato, monaco, III, 695.

Filargato, II, 318.

Filippico, 180.

Filippo, arabo, monaco, III, 208.

Filippo, di Gregorio, III, 166.

Filippo, di Mehdia, III, 425, 436, 437, 438, 439, 445, 484.

Filippo, monaco, 488.

Filippo I, re di Francia, III, 195.

Filippo II, di Francia, III, 524, 529, 590.

Filippo III, di Francia, III, 631.

Filippo II, re di Spagna, II, 282.

Finni, II, 169; III, 15.

Fiorelli Giuseppe, III, 452.

Fleischer, XXII; II, 271, 504; III, 743, 755, 762, 782.

Florenti, supposto re di Palermo, II, 338.

Fluegel, XXXVII, XXXIX, XLII, LI, LV.

Fluro, 383.

Foca, condottiero, II, 192, 193.

Fodhûl, 41, 49.

Furiani, L; III, 420, _corr._ Forriani, e _v._ Omar e Hosein.

Fortia, d’Urban, 10.

Fotino, 245, 250, 251.

Fozio, 338, 434, 454, 485, 489, 499, 500, 501, 505, 517, 518; III, 49.

Francesco II, di Francia, 690.

Francesi, II, 144, 442; III, 218, 367, 414, 442, 500, 501, 557, 558,
758.

Franchi, 11, 104, 182, 183, 184, 186, 190, 222, 312, 365, 374, 380,
438, 447; II, 72, 89, 322, 337, 372, 552; III, 79, 81, 82, 188, 189,
218, 319, 412, 420, 444, 468, 469, 512, 527, 767.

Francu, cognome, III, 206, 875.

Fredesenda, III, 42, 45.

Friddani (barone di), XXXV; III, 230.

Fridleif, re di Danimarca, II, 385.

Frode I, re di Danimarca, II, 386.

Fulci Innocenzo, III, 887.

Fusaiolo, _v._ Michele Doceano.

Fusco, III, 344.


G

Gabriele, 51, 55.

Gaetani Ottavio, XXIX; 18, 28, 29, 103.

Gafiki, III, 212.

Gaietani Costantino, III, 3, 11.

Gaitane Giovanni, III, 208.

Gala Niccolò, III, 208.

Galabeta Roberto, III, 291.

Galileo, III, 295.

Galli, 372.

Gallo, imperatore, II, 109.

Gallo Agostino, II, 454.

Gallo Niceta, III, 208.

Gambro Riccardo, III, 291.

Gargallo Tommaso, XXXV.

Garibaldi Giuseppe, III, 97.

Gaun-es-Sikilli (el), _v._ Hasan-ibn-Wadd.

Gauthier, III, 107.

Gayangos Pasquale, XXXIV, XXXIX, XL, CLIII, XLIX, LV; 81; III, 626.

Gazeli (_corr._ Gazàli), II, 493.

Gaznevidi, 264.

Gazolin de la Blace, III, 62.

Geberiti, II, 99.

Geihani, III, 669.

Gelâl-ed-dîn, III, 637.

Gemâl-ed-dîn, III, 654, 655.

Gembloux (di) Guglielmo, III, 85.

Gemmellaro G. G, III, 780, 795.

Genova (da) Simone, III, 695.

Genserico, 11.

Gentile, conte, III, 580, 581, 583.

Gentile, vescovo di Girgenti, III, 500, 502.

Gerâwa, tribù, 119.

Gerberto, _v._ Silvestro II, papa.

Gerlando, vescovo di Girgenti, III, 307.

Germani antichi, III, 557.

Gerusalemme (patriarca di), III, 644, 645, 646.

Gesù Cristo, 51, 76, 77; II, 86; III, 701, 814.

Gesuiti, 101; III, 191, 414.

Gevehardo, II, 325.

Gewara, tribù berbera, III, 627.

Gewhari, II, 504.

Gezîra (fazione della) in Tunis, III, 429.

Ghâli. _v._ Ghôla.

Ghassan, tribù arabica, 32, 39, 58; II, 222.

Ghibellini, III, 433, 588, 601.

Gholâ, II, 106.

Giâber-ibn-Ali-ibn-Hasan, II, 329, 330.

Giacobbe, III, 186.

Giacobbe, figlio di Abba Mari, III, 708.

Giacobiti, II, 302.

Giacomo, re di Sicilia, lvi; III, 650, 654.

Gia’far-ibn-Ahmed-ibn-Jûsuf, emir kelbita di Sicilia, soprannominato
Thiket-ed-dawla, II, 345, 368, 538.

Gia’far-ibn-Ali, II, 237, 238.

Gia’far-ibn-Ali-ibn-Kattâ’, II, 505, 542.

Gia’far-ibn-el-Barûn (Abu-l-Fadhl), III, 764, 765.

Gia’far-ibn-Habîb, II, 336, 337.

Gia’far-ibn-Jûsuf, emir kelbita di Sicilia, soprannominato
Tag-ed-dawla, II, 335, 336, 342, 348 a 355, 374, 376, 538; III, 820,
849.

Gia’far-ibn-Mohammed, emir di Sicilia, 394, 400, 410.

Gia’far-ibn-Mohammed, emir kelbita di Sicilia, II, 330, e forse lo
stesso a pag. 536.

Gia’far-ibn-Obeid (Abu-Ahmed), II, 171, 172, 173, 290, 291.

Gia’far, condottiero, II, 345.

Gia’far-ibn-Taib, II. 538.

Gia’far-ibn-abi-Taleb, 59.

Gia’far, detto il Verace, II, 116.

Giânâkh-ibn-Khakân-el-Kimâki, III, 669.

Giândewân, II, 113.

Giannizzeri, II, 169.

Giawâs, _v._ Ali-ibn-Ni’ma.

Giawher il Siciliano, XLII; 235; II, 137, 282, 283, 284, 285, 286, 288,
290, 291; III, 260, 835.

Giggei, IX.

Giobbe, 32.

Giodsami, III, 211.

Gioneîd (Abu-I-Kâsim), II, 480.

Giordano, III, 564.

Giordano, figliuolo di Riccardo, principe di Capua, III, 123, 142, 151,
152, 155, 156, 161, 162, 163, 164, 166, 167, 177, 178, 181, 195.

Giordano, figliuolo di Ruggiero, conte di Sicilia, III, 315.

Giorgio, d’Antiochia, L, LIII; III, 262, 354 segg., 360 segg., 381,
387, 405 a 422, 429, 434, 436, 442, 449, 480, 607, 656, 660.

Giorgio Probato, II, 368, 376.

Giorgio, stratego, 379.

Giovanna, d’Inghilterra, moglie di Guglielmo I, III, 357.

Giovanna, papessa, 434.

Giovanni, ammiraglio, III, 262, 355, 356.

Giovanni Cerameo, 488, 496.

Giovanni il Cretese, 328.

Giovanni, diacono (IX secolo), 505.

Giovanni, diacono caloense, XXIX.

Giovanni, diacono di Napoli, 239, 240, 249, 292, 355, 366, 430, 434;
II, 64, 70, 71.

Giovanni, diacono di Venezia, XXVIII; 96, 99.

Giovanni, duca di Napoli, II, 164.

Giovanni, eunuco, II, 379, 390.

Giovanni, figlio di Costantino, siciliano, III, 697.

Giovanni, figlio d’Eugenio, ammiraglio, III, 353.

Giovanni, gaito, III, 263.

Giovanni, nipote d’Eugenio, ammiraglio, III, 353.

Giovanni, intarsiatore, III, 792.

Giovanni Lecanomante, 498.

Giovanni Logoteta, III, 83.

Giovanni Longobardo, III, 294.

Giovanni il Lungo, _v._ Macrojoanni.

Giovanni, martire, 511.

Giovanni, detto il Moro, III, 711.

Giovanni Orseolo, II, 366, 367.

Giovanni II, papa, 12.

Giovanni VIII, papa, 415, 433, 434, 443, 444, 445, 446, 447, 448, 449,
450, 451, 452, 453, 454, 456, 457, 458, 517; III, 161, 299.

Giovanni X, papa, 161, 165, 166, 170.

Giovanni, padre di San Luca di Demona, II, 408.

Giovanni Patriano, 402.

Giovanni, patrizio, 119, 120, 213.

Giovanni, patrizio e protospatario, 213.

Giovanni Pilato, II, 246.

Giovanni Rachetta, _v._ Sant’Elia il Giovane, 512, 513, 514.

Giovanni, retore, III, 664.

Giovanni Romeo, III, 256.

Giovanni, sacellario, 189.

Giovanni, di Sicilia, XXX; 506, 507.

Giovanni, vescovo di Malta, III, 502.

Girault de Prangey, III, 818, 819, 831.

Girgenti (vescovo e Chiesa di), III, 247, 256, 264, 573, 587, 593, 594,
615, 872.

Girgir, _v._ Maniace Giorgio.

Gisulfo, principe di Salerno, II, 459; III, 142, 143, 144, 148.

Giuditta, d’Evreux, III, 84, 91.

Giulio..., cristiano. III, 256.

Giustiniano, 40, 101, 195, 198, 200, 212.

Giustiniano, secondo, 203, 215; III, 829.

Giustiniano Partecipazio, 274, 287.

Giustino, 28.

Glycas Michele, 507.

Goffredo, III, 62.

Goffredo, di Buglione, III, 207.

Goffredo, chierico, III, 615.

Goffredo, figliuolo del conte Ruggiero, III, 195.

Goffredo, di Hauteville, III, 45, 51, 57, 59.

Goffredo Ridelle, o Rindelle, III, 59, 63, 65, 69.

Goffredo, vescovo di Messina, III, 346.

Golio, XIV, L.

Gordiano, 101.

Goti, 12, 22, 104, 121; III, 159, 823.

Gorresio Gaspare, III, 676.

Graffeo, III, 257, 258.

Granatelli, XXXIV, XXXV; II, 455.

Grantimesnil (di) Guglielmo, III, 185.

Grantimesnil (di) Roberto, II, 84, 192.

Gravina (conte di), III, 489, 495, 496.

Gravina (don Dom. Benedetto), III, 862.

Greci, 194, 196; II, 32, 85, 99, 137, 169, 170, 174, 175, 244, 262,
268, 270, 299, 301, 312, 321, 322, 326, 329, 382, 385, 390, 398, 399,
405, 415, 416, 450, 461, 503, 515, 542, 660; III, 23, 24, 27, 33, 36,
41, 42, 53, 58, 90, 102, 142, 205, 206, 207, 208, 228, 251, 254, 267,
270, 280, 293, 296, 297, 299, 303, 306, 324, 351, 365, 432, 435, 467,
537, 539, 556, 675, 699, 800, 811, 826, 837, 854, 870.

Greco, intarsiatore, III, 792.

Gregora, patrizio, 240, 251.

Gregorio, supposto arcivescovo di Taormina, 489.

Gregorio Asbesta, 499, 500, 501, 502, 521.

Gregorio, capitano Bizantino, 446, 447.

Gregorio, catapano, II, 341.

Gregorio Cerameo, 488.

Gregorio, consolare e protonotaro, 213.

Gregorio, console, II, 90, 95.

Gregorio Decapolita, 502.

Gregorio, duca di Napoli, II, 163.

Gregorio II, papa, 96, 181.

Gregorio IV, 365.

Gregorio V, II, 318.

Gregorio VII, 389; II, 348: III, 42, 48, 143, 144, 145, 146, 191, 199,
303, 304.

Gregorio IX, III, 609, 612, 701, 712, 867.

Gregorio, patrizio d’Affrica, 79, 108, 109.

Gregorio, patrizio di Sicilia, 192, 213, 228.

Gregorio Rosario, VII, XIII, XIV, XVII, XVIII, XXI, XXIII, XXIV,
XXXVIII, XLI, XLIX, LI, LII, LV; 15, 247.

Gregorio, stratego, 437.

Grillo Tommaso, III, 868.

Grimualdo, 188, 189, 190.

Grion, III, 888.

Guaiferio, 383, 385, 387, 461, 463.

Guaimario, principe di Salerno, III, 36, 37, 116, 124.

Gualtiero de Moac, ammiraglio, III, 357.

Gualtiero, vescovo di Girgenti, III, 210.

Gualtiero, arcivescovo di Palermo, III, 275.

Guarino, cancelliere, III, 356.

Guebri, 150.

Guelfi, III, 588, 590, 815.

Gufulône (Khalfûn?), III, 646.

Guglielmo Appulo, III, 22, 23, 24, 31, 33.

Guglielmo, di Castrogiovanni, III, 565.

Guglielmo, duca di Puglia, III, 388, 392.

Guglielmo, figliuolo di Tancredi, re di Sicilia, III, 559.

Guglielmo il Grosso, III, 607.

Guglielmo, di Hauteville, II, 380, 382, 386, 387, 389; III, 24, 29, 31,
35, 37, 38, 39.

Guglielmo, fratello del precedente, III, 38, 39, 45, 50.

Guglielmo, di Malmesbury, III, 39.

Guglielmo Malo Spatario, III, 236.

Guglielmo Orfanino, III, 565.

Guglielmo I, re d’Inghilterra, III, 20, 326, 364, 444.

Guglielmo II, d’Inghilterra, III, 187, 213, 216.

Guglielmo I, di Sicilia, III, 58, 78, 217, 218, 223, 226, 228, 229,
262, 339, 360, 364, 430, 445, 464, 465, 466, 467, 468, 473, 482, 483,
485, 486, 488, 489, 491, 492, 493, 494, 497, 591, 665, 680, 722, 768,
811, 814, 816, 819, 888.

Guglielmo II, di Sicilia, XLIX; II, 335, 429, 451; III, 159, 173, 218,
232, 235, 243, 246, 253, 262, 263, 265, 299, 308, 318, 325, 339, 357,
364, 435, 450, 465, 489, 493, 494, 498, 502, 503, 504, 505, 512, 513,
514, 516, 517, 518, 519, 520, 523, 529, 530, 531, 532, 533, 534, 535,
537, 540, 541, 543, 545, 546, 547, 553, 557, 568, 587, 591, 594, 611,
621, 628, 632, 688, 690, 697, 777, 778, 788, 799, 811, 814, 818, 819,
867, 874, 888.

Gugliotta (da) Pietro Francesco Paolo, III, 288.

Guibaldo, abate. III, 398.

Guidi Ignazio, III, 857.

Guido di Sessa, II, 325.

Guido, duca di Spoleto, 369, 445, 447.

Guido III, duca di Spoleto, 455, 461.

Guglielm (Sir), banchiere in Cefalù, III, 215.

Guntar, 387.

Guntero, II, 325.

Gurmund, II, 385.


H

Habib-ibn-Obeida, 173.

Habib-ibn-abi-Obeida, 172, 174.

Hadding, re di Danimarca, II, 385.

Hadi, califo abbasida, II, 112.

Hadhrami, II, 62, 63.

Hadhramaut (tribù dell’), II, 63; III, 210.

Hâfiz, califo fatemita, III, 406.

Hafs-ibn-Hamîd, 152.

Hafsiti, XLIX, LV; II, 471; III, 599, 623, 631.

Haftariri, II, 142.

Haggi-Abu-l-Fadhl, III, 256.

Haggi Khalfa, LV.

Haià, 359.

Hâkem-biamr-Illah, califo fatimita (Mansur), II, 40, 137, 331, 348,
356, 360, 364, 448.

Hâkem-ibn-Hesciâm, califo omeiade, di Spagna, 160, 161, 162.

Halcamo, 233, 234, 236.

Haldor, II, 386.

Hamaker, XL; 85.

Hamar, III, 264.

Hamadân, dinastia, II, 278, 365.

Hamdân-ibn-Asci’ath, II, 116, 117.

Hamdis, 146, II, 525.

Hamdûn, II, 536.

Hâmid-ibn-Ali, da Wâset, XXV, XXVI.

Hamilton, 152.

Hammâd-ibn-Bolukkîn, II, 358, 359.

Hammaditi, III, 402, 407, 429.

Hamûd, _corr._ Hammûd, III, 662.

Hamuto Ruggiero, III, 542, _v._ Ibn-Hammûd.

Hamza, kaid, III, 264.

Hanefia, II, 115.

Hanzala-ibn-Sefwân, 128, 136, 137.

Hareth, fratello di Iehia-ibn-el-Azix, III, 423.

Hariri, scrittore, II, 495, 514; III, 730.

Harrani, 383.

Hartwig Ottone, III, 299.

Harûn-Rascîd, 144, 145, 149, 150, 255; II, 279, 462, 623, 634, 685,
704, 705, 805, 816.

Hasan-ibn-Abbâs, 417, 421.

Hasan-ibn-Abd-el-Bâki (Abu-Ali), detto Ibn-el-Bâgi, III, 735.

Hasan-ibn-Ahmed-ibn-Ali-ibn-Koleib, soprannominato Ibn-abi-Khinzîr, II,
142 a 145, 147, 150, 151, 156, 191.

Hasan-ibn-Ali-ibn-Ge’d (Abu-Mohammed), II, 489.

Hasan-ibn-Ali, grammatico, II, 496.

Hisan-ibn-Ali, Hodseilita, soprannominato Ibn-es-Susi, III, 213, 751.

Hasan-ibn-Ali-ibn-abi-Hosem (Abu-l-Kasim), primo emiro kelbita in
Sicilia, II, 202 a 204, 206, 207, 208, 209, 210, 211, 212, 234, 235,
238, 242, 243, 244, 245, 246, 247, 248, 249, 250, 251, 252, 253, 254,
255, 263, 269, 270, 372, 373, 414, 449.

Hasan-ibn-Ali, principe zirita, di Mehdia, II, 529; III, 367, 380, 386,
399, 402, 403, 404, 405, 406, 407, 408, 411, 412, 413, 415, 416, 417,
418, 419, 421, 423, 429, 430, 475, 479.

Hasan-ibn-Ali-ibn-abi-Taleb, II, 107, 115.

Hasan-ibn-’Ammar, II, 257, 259, 266, 267, 270, 271, 331, 332.

Hasan-ibn-Ibrabim-ibn-Sciâmi (Abu-Fadhl), II, 539.

Hasan-ibn-Iehia (Abu-Ali), XXXVII; II, 429, 516, 517.

Hasan-ibn-Jûsuf, soprannominato Simsâm-ed-dawla, emir kelbita, II, 375,
379, 393, 419 a 422, 424, 425, 427, 548, 551; III, 66.

Hasan-ibn-Mohammed, di Bâghâia, II, 352, 354.

Hasan-ibn-Nâkid, 429, 430; II, 53.

Hasan-ibn-Omar-ibn-Menkûd (Abu-Mohammed), II, 420, 539.

Hasan-ibn-Rescîk (Abu-Ali), _v._ Ibn-Rescik.

Hasan-ibn-Sabbah, II, 117.

Hasan-ibn-Wadd (Abu-Ali), detto El-Gaun-es-Sikilh, III, 761.

Hâscem, 49, 56, 64.

Hâscem-ibn-Jûnis (Abu-l-Kâsim), II, 514, 536.

Hasdai-ibn-Bescrût, II, 219.

Hase Carlo Benedetto, XXIX, XXXIII, XXXVII, XXXIX, LII; 84; II, 416.

Hassân-ibn-No’man, 119, 120, 122, 131, 165, 166.

Hauteville (casa di), III, 23, 31, 39, 40, 45, 52, 53, 111, 119, 122,
131, 133, 143, 146, 258, 274, 304, 332, 530.

Hawwâs, _v._ Ali-ibn-Nima.

Hazima, tribù arabica, II, 522.

Heggiâg-ibn-Jûsuf, II, 4.

Hegiazi, III, 212.

Herawi, XLVI; II, 436, 441.

Hermann, III, 604.

Hermes, III, 690.

Hesciâm, califo omeiade, 128, 135, 136.

Hilâl, tribù arabica, II, 547; III, 93.

Himiariti, II, 233, 336, 520.

Hittorf, III, 858, 859.

Hobwart, XLI.

Hodseil, tribù arabica, II, 213, 751.

Hohenstaufen, III, 531.

Holwâni, II, 120.

Homaidi, XLII; II, 491.

Honnegar, XXXIV, XLV, LIV, LVI.

Hosein-ibn-Ahmed-ibn-Ja’kûb, 391, 423.

Hosein-ibn-Ali-el-Kindi, III, 256.

Hosein-ibn-Ahmed, da Sana’, detto lo Sciita, _v._
Abu-Abd-allah-es-Sci’i.

Hosein-el-Forriâni (Abu-l-Hasan), III, 420, 468, 469, 470.

Hosein-ibn-Ali-ibn-abi-Taleb, II, 107, 115.

Hosein, da Cassaro, III, 264.

Hosein, gaito e stratego, III, 316.

Hosein-ibn-Giawher, II, 288.

Hosein-ibn-Homâm, II, 267.

Hosein, di Palermo, III, 256.

Hosein-ibn-Ribbah-ibn-Ja’kûb-ibn-Fezâra, 391, 410, 417.

Hosein-ibn-Sentir, III, 206.

Howâra, tribù berbera, 264, 286, 351; II, 52, 198; III, 211.

Huillard-Bréholles, XXX.

Humboldt, XXX; III, 658.

Humur, di Michiken, III, 264.

Hurter, III, 570.


I

Iacopo, congiunto di Innocenzo III, III, 579, 581.

Ia’kûb, califo almohade, III, 496.

Ia’kûb-ibn-Ahmed, emir aghlabita, 426.

Ia’kûb-ibn-Ali-Roneidi, II, 512, 542.

Ia’kûb-ibn-Fezâra, II, 140.

Ia’kûb-ibn-Ishâk, II, 180.

Ia’kub-ibn-Jûsuf, califo almohade, III, 686.

Ia’kub-ibn-Modhâ-ibn-Sewâda-ibn-Sofiân-ibn-Sàlem, 391.

Ia’kûbi, III, 669.

Ia’kûbia, famiglia, 391.

Iakût, XXVII, XLVI; 87; II, 429, 510, 515, 517, 522.

Ia’isc, II, 291, 292, 293.

Iamsilla (de) Niccolò, III, 706.

Iânis il Siciliano, II, 356, 357.

Iaroslaw I, II, 384.

Jaubert, XLIV.

Iazuri, II, 547.

Ibaditi, 127; II, 120, 197.

Ibelin (principe d’), III, 643.

Ibn-el-Abbâr, XXXVII, XLII, XLIX; 144, 145, 154.

Ibn-Abd-el-Berr, II, 482, 503, 542.

Ibn-Abd-el-Hakem, XXXIX; 88, 89, 93, 96, 105, 112, 113.

Ibn-Abd-Rabbih, xxviii; 35, 73; III, 133.

Ibn-Adsâri, XXXVII, L.

Ibn-Aiâs, LV.

Ibn-Ali, II, 158.

Ibn-abi-’Amir, detto Almanzor, II, 472, 497, 521; III, 4.

Ibn-’Ammâr, II, 291.

Ibn-’Amrân, II, 185.

Ibn-Asciath, II, 204, 205.

Ibn-Abi-’Asrûn, III, 720.

Ibn-el-Athîr, XIX, XXVII, XXVIII, XLVII.

Ibn-’Attâf, II, 195, 204, 205, 206.

Ibn-el-Awwâm, XLII; II, 447.

Ibn-Ba’ba’, II, 552.

Ibn-el-Bâgi, _v._ Hasan-ibn-Abd-el-Baki.

Ibn-Baruki, III, 256.

Ibn-Baskowâl, XLIII; II, 475, 476.

Ibn-Baslûs, II, 253.

Ibn-Bassâm, XLIII; II, 500, 524, 525, 535.

Ibn-Batuta, XLVI.

Ibn-Besâl, II, 447.

Ibn-Bescirûn, XXXVIII, XLV; II, 535; III, 462.

Ibn-el-Bessâr, III, 509.

Ibn-Dâia, II, 183.

Ibn-Dhaisân, o Bardesane, II, 109.

Ibn-abi-Dinâr, LV.

Ibn-Fadhl-Allah, _v._ Ahmed-ibn-Iehia.

Ibn-Abi-l-Fadhl, 268.

Ibn-Fassâl, II, 447.

Ibn-Fehhâm, _v._ Abd-er-Rahmân-ibn-Abi-Bekr.

Ibn-Fûregia, II, 512, 513.

Ibn-Ghalanda, _v._ Abu-l-Hokm.

Ibn-Ghania, III, 496, 599, 624.

Ibn-Ghazi, da Susa, II, 225.

Ibn-Giâbir, II, 487.

Ibn-Giobair, XXVII, XLVI; II, 308; III, 520, 685, 842, 844, 847, 848.

Ibn-Giolgiol, XLIX; II, 219.

Ibn-el-Giuzi, XLVIII; II, 552.

Ibn-el-Hagiar, _v._ Ibn-Hammûd (Abu-l-Kâsim).

Ibn-Hamdîs, _v._ Abd-el-Gebbâr.

Ibn-Hamdûn, III, 377.

Ibn-Hammâd, XLVI.

Ibn-Hammûd, signor di Castrogiovanni, _v._ Chamut e Hamutus, III, 173,
175, 176.

Ibn-Hammûd (Abu-l-Kâsim, o Ibn-abi-l-Kâsim detto) ed anche
Ibn-el-Hagiar, e _v._ Bulcassimo, III, 173, 263, 500, 532, 540 a 542,
719, 721, 722, 725.

Ibn-Hammûd, Hazimi, _v._ Abd-Allah-ibn-Iehia.

Ibn-Hanbal, 150.

Ibn-Hâtim-Adsrei, o Adserbi, II, 488.

Ibn-Haukal, XL, XLI; II, 158, 216, 239, 294, 295, 305, 306, 308; III,
669, 841, 849, 864.

Ibn-Hausceb, II, 120.

Ibn-Hawwasci, _v._ Ali-ibn-Ni’ma.

Ibn-Hazm, 141.

Ibn-Herawi, II, 429, 436.

Ibn-Homeidi, XLI.

Ibn-Hosein, citato da Leone Affricano, XXXIX.

Ibn-Hosein, Rebe’i (?), Fâresi, II, 454.

Ibn-Ia’kûb, 391.

Ibn-Iehia, _v._ Hasan-ibn-Iehia.

Ibn-abi-Ifren, III, 214.

Ibn-Iûnis, II, 484; III, 670.

Ibn-Kaddâh, II, 116, 117, 119.

Ibn-Kâdim, 273.

Ibn-Kalakis, II, 429; III, 541, 768.

Ibn-Kattâ’, famiglia siciliana, _v._ Gia’far-ibn-Ali e Ali-ibn-Gia’far,
II, 503.

Ibn-Kelbi, 35.

Ibn-Kellas, II, 330.

Ibn-Kereni, II, 516.

Ibn-Kerkûdi, II, 541.

Ibn-Khaldûn, XVIII, XIX, XXVII, XXVIII, LIII.

Ibn-Khallikân, XIX, XLIX.

Ibn-Khami, II, 153.

Ihn-abi-Khinzîr, _v._ Hasan-ibn-Ahmed.

Ibn-Khordabeh, III, 669.

Ibn-Konfûd, LVI.

Ibn-Korhob, _v._ Ahmed.

Ibn-Koteiba, XXXIX.

Ibn-Kufi, II, 195, 204.

Ibn-Kûni, II, 498, 516, 536.

Ibn-Kutia, XXVIII.

Ibn-Labbâna, II, 529.

Ibn-Meimûn, III. 378, 480.

Ibn-Mekki, II, 482, 488, 540.

Ibn-Meklâti, II, 37, 421, 425, 547, 549; III, 64, 308.

Ibn-Menkûd, _v._ Abd-Allah-ibn-Menkût.

Ibn-Mo’allim, teologo, II, 484.

Ibn-Mo’allim, _v._ Ali-ibn-Ibrahim.

Ibn-Modebbir, II, 521.

Ibn-Modû, II, 191.

Ibn-Mogêhid, III, 581.

Ibn-Moweddib, da Mehdia, II, 333, 334.

Ibn-abi-Oseib’ia, XXXVIII, XLIX.

Ibn-Rekîk, XXXVII, XXXVIII, XLII, XLV, LI; II, 44.

Ibn-Rescîk, VII, XXXVII, XXXVIII, XLIII, XLV, LI; II, 490, 499, 500 a
503, 505, 515, 517, 519, 520, 522.

Ibn-Saba, II, 107.

Ibn-Sab’în, XLIX, da aggiugnere ad Abd-el-Hakk-ibn-Sab’în.

Ibn-Sâhib-es-Selât, XLIV.

Ibn-Sahl, II, 113.

Ibn-Sa’îd, XXXVIII, XXXIX, XLIX; II, 508, 510; III, 681.

Ibn-Scebbât, XL, XLV; 85, 87, 124, 169; II, 509.

Ibn-Sceddâd (Abd-el-’Azîz), XXXVIII, LI; III, 441.

Ibn-Sceddâd (Jûsuf), _v._ Boha-ed-dîn.

Ibn-Scerf, II, 501.

Ibn-Sebâia, II, 187.

Ibn-Selma, II, 183.

Ibn-es-Sementi, III, 763.

Ibn-Semsâma, 430; II, 59.

Ibn-Sir’în, II, 541.

Ibn-Soliân, II, 120.

Ibn-es-Susi, _v._ Sid-es-Sarkusi, Hasan-ibn-Ali, e
Othman-ibn-Abd-er-Rahmân.

Ibn-Tazi, II, 494, 513, 536, 543, 544.

Ibn-et-Theiri, _v._ Edrîsi, III, 664.

Ibn-Thimna, _v._ Mohammed-ibn-Ibrahim.

Ibn-Tulûn, III, 833, 834, 835, 840, 843, 845, 853, 859.

Ibn-Wahb, II, 145.

Ibn-el-Wardi, LIII.

Ibn-Wuedrân, XXXVII, XLIV, XLV; 154.

Ibn-Zafer, _v._ Mohammed-ibn-abi-Mohammed.

Ibn-Zura’, III, 532.

Ibrahim-ibn-Abd-Allah-ibn-el-Aghlab (Abu-’l-Aghlab), 300, 304, 305,
320, 354.

Ibrahim-ibn-el-Aghlab, 144, 145, 146, 147, 152, 156, 223, 226, 233,
254. 340; II. 4, 22, 525; III, 599.

Ibrahim-ibn-abi-l-Aghlab, II, 129, 130, 131.

Ibrahim-ibn-Ahmed, 102, 393, 400, 427, 428, 429, 431, 464, 511, 512;
II, 5, 22, 23, 30, 42 a 47, 49 a 54, 56 a 65, 69, 73, 74, 75, 76 a 87,
88, 89, 90, 92, 93, 95, 97, 121, 123, 124, 126, 128, 146, 148, 161,
163, 169, 212, 213, 215, 217, 227, 237, 400, 404; III, 352, 829, 851.

Ibrahim, figliuolo di Buccahar, III, 572.

Ibrahim, di Castrogiovanni, III, 134, 135.

Ibrahim-ibn-Khelef, Dibâgi, II, 453.

Ibrahim-ibn-Mohammed-ibn-Ibrahim-ibn-Thimna, II, 550.

Ibrahim-ibn-Mohammed, Koresci, III, 256.

Ibrahim-ibn-abi-Sa’îd, Magrebi, XLVIII.

Ibrahim-ibn-Selâma, III, 829.

Ibrahim-ibn-Sofiân, 427.

Iconoclasti, 176, 181, 218, 491, 498, 504, 521.

Iectan, 31.

Iehia-ibn-el-Azîz, principe hammadita, III, 423.

Iehia-ibn-Abd-er-Rahman-ibn-Abd-el-Mo’nim, detto Dimiski e Isfahani
(Abu-Zakaria), III, 735.

Iehia-ibn-Abd-el-Wâhid (Abu-Zakaria), principe hafsita di Tunis, III,
597, 623, 624, 629.

Iehia-ibn-Hasan-ibn-Temîm, principe zirita, III, 477.

Iehia-ibn-Henzela, III, 832.

Iehia-ibn-Omar-ibn-Jûsuf, Andalosi, II, 188, 220, 221, 225.

Iehia-ibn-Sa’îd, XLI.

Iehia-ibn-Temîm, principe zirita, II, 529, 530; III, 362, 366, 367,
368, 369.

Iehia-ibn-et-Tifasci, III, 486, 767.

Jersey (di) Ugo, III, 151, 152.

Ie’isc-ibn-Gelasia, III, 206.

Iemen (le tribù del), II, 490, 526; III, 210, 211, 506, 639.

Iezdegerd, 60, 68.

Iezîd-ibn-Hàtem, 134, 171.

Iezid-ibn-Moslim, 172.

Ignazio, patriarca di Costantinopoli, 338, 420, 498, 499, 500, 501, 505.

Ikhscid (dinastia di), II, 278, 279, 281.

Ifren, tribù berbera, II, 198, 202.

Iften, III, 212.

Iknizi, III, 212.

Ildebrando, lombardo, III, 221, 223.

Ildebrando, _v._ Gregorio VII.

Ildebrando, duca di Spoleto, 189, 190.

Imâd-ed-dîn, da Ispahan, XXVII, XLV.

Imamîa, II, 118.

Imro-’l-Kais, 42; II, 535, 747.

Incisa (D’) Aloisio, III, 226.

Incisa (D’) Arrigo, III, 226.

Incisa (D’) Bonifazio, III, 226.

Incisa (D’) Giovanni, III, 226.

Incisa (marchesi di), III, 199, 226.

Incisa (D’) Simone, III, 226.

Ingulfo, II, 325.

Innocenzo II, III, 395, 396.

Innocenzo III, III, 266, 564, 566, 567, 568, 570, 573, 574, 576, 577,
579, 580, 581, 585, 586, 587, 589, 590, 591, 603, 610, 629.

Innocenzo IV, III, 649, 705, 711, 712.

Inveges, VIII, LI, LII.

Jomard, III, 677.

Iosfré (Jeoffroi), III, 291.

Ippocrate, II, 462; III, 697.

Ippolito, vescovo di Sicilia, II, 214, 262, 263, 402, 412.

Irene, 191, 217, 222.

Irmfrido, II, 325.

’Isa-ibn-Abd-el-Mo’nim, es-Sikilli (Abu-Musa), III, 462, 746, 766.

’Isa-ibn-Giàber, III, 804.

’Isa-ibn-Giorgir, III, 206.

’Isa, da Kâbes, III, 413.

Isabella, di Lusignano, III, 643.

Isernia (da) Andrea, III, 328, 330.

Ishâk Bostâni, II, 187.

Ishak-ibn-Hasan, III, 669, 670.

Ishak-ibn-Mâhili (Abu-Ibrahim), II, 306.

Ishak-ibn-Minhâl, II, 143.

Ishak-ibn-Mohammed, III, 518.

Ismaele, 32, 45.

Ismaele, _v._ Melo.

Ismaele, condottiero, II, 313.

Ismaele, fratello di Malek-Ascraf, III, 647.

Ismaeliani, II, 97, 102, 115, 116, 117, 118, 133, 198, 225, 234, 254,
647, 649.

Isma’il-ibn-Ali-ibn-Miksciar, II, 506.

Isma’il-ibn-Gia’far, alida, II, 116, 119, 132.

Ismail-ibn-Kelef-ibn-Sa’id-ibn-’Amrân (Abu-Tâher), II, 475, 476.

Isma’il-ibn-Mohammed, soprannominato Mansûr-biamr-Illah, califo
fatimita, II, 201, 202, 205, 206, 207, 210, 234, 235, 237, 238, 243,
248.

Isma’il-ibn-Tabari, II, 208, 209, 211.

Israeliti, III, 291.

Istachael, _v._ Michele, re degli Slavi, II, 176.

Istakhri, XL, XLI.

Italiani, II, 137, 160, 175, 322, 328, 340, 380, 394, 398, 460; III,
30, 33, 34, 37, 41, 43, 52, 53, 145, 188, 217, 218, 259, 323, 357, 402,
522, 803.

Italia (d’) Giuseppe, III, 287, 288.

Italinski, XII.

Iûsuf-ibn-Abd-Allah (Abu-l-Fotûh), emir kelbita di Sicilia,
soprannominato Thiket-ed-dawla, XXXVII; II, 331, 332, 333, 334, 335,
336, 337, 342, 348, 350, 353, 354, 355, 376, 417, 421, 502, 518.

Iûsuf-ibn-Abd-el-Mumen, califo almohade (Abu-Ja’kûb), XLVI; III, 496,
515 a 518, 632.

Iûsuf-ibn-Ahmed-ibn-Debbâgh (Abu-Jakûb), II, 497.

Iûsuf-abu-l-Fotûh, soprannominato Seif-ed-dawla, _v._
Bolukkin-ibn-Ziri, II, 288.

Iûsuf-ibn-Caru, III, 206.

Iûsuf-ibn-Gennaro, III, 206.

Iûsuf, da Kâbes, III, 411, 412, 413, 415.

Iûsuf-ibn-Tasciufin, principe almoravide, III, 374, 375.

Iûsuf-ibn-Ziri (Abu-Heggiâg), III, 409.


K

Kabili, II, 292.

Ka’b-ibn-Zoheir, III, 758.

Kaddàh (el), II, 133, e _v._ Abd-Allah-ibn-Meimûn.

Kaderiti, II, 99.

Kafûr, II, 281, 284.

Kâhina, 119, 120, 126.

Kahtân, 31, 32, 40, 64, 66, 69, 135; II, 32, 37, 522, 526.

Kâim (el) -biamr-Illah, _v._ Mohammed-ibn-Obeid-Allah.

Kairouani, _v._ Ibn-abi-Dinâr.

Kais, tribù arabica, 128, 155; II, 52; III, 210, 212, 736.

Kaisân, II, 106.

Kaisaniti, II, 106.

Kaitbai, III, 836.

Kalesciani, II, 182.

Kallindin (di) Arrigo, III, 550, 561.

Karîma, figliuola di Ahmed-Marwazi, II, 482.

Karmati, II, 102, 116, 117, 118, 205, 278, 281, 286, 293, 312.

Kâsim-ibn-Hasan, kelbita, II, 314.

Kâsim-ibn-Nizâr (Abu-Mohammed), II, 538.

Kâsim-ibn-Thâbit, di Saragozza, II, 481.

Katifi, III, 715.

Kattâni, _v._ Mohammed-ibn-abi-Fereg.

Kazwini, L.

Kelaûn, LVI; III, 323, 650, 653, 807, 836.

Kelb, tribù arabica, 135; II, 32, 191, 202, 233, 234, 290, 366, 364,
488.

Kelbiti, dinastia di Sicilia, II, 37, 226, 227, 234, 235, 238, 239,
240, 290 a 292, 308, 330 a 332, 338, 343, 351, 369, 372, 374, 400, 420,
421, 424, 427, 428, 456, 476, 481, 497, 502, 516, 519, 520, 537, 538;
III, 85, 350, 394, 665, 841, 849, 851.

Kerni, o Kereni, II, 464.

Khadigia, 50.

Khafâgia-ibn-Sofian, 340, 341, 343, 344, 345, 346, 347, 348, 349, 350,
351, 360.

Khaira (?), supposto avolo del conte Ruggiero (Ugo, Geir, Haby,
Habwu?), III, 39.

Khâled-ibn-Abd-Allah-el-Kasri, III, 827.

Khâled-ibn-Iezîd-ibn-Moa’wia, II, 99.

Khâled-ibn-Walîd, 60, 73, 122.

Khalf (_corr._ Khelef) -ibn-Ahmed-ibn-Ali-ibn-Koleib, II, 142.

Khalfûn, liberto di Rebi’a, 360, 361.

Khalfûn-ibn-Ziâd, 351, 360.

Khalîl-ibn-Ishak, il giurista, III, 484.

Khalîl-ibn-Ishâk-ibn-Werd (Abu-l-Abbâs), II, 188, 189, 190, 191, 194,
195, 196, 197, 199, 203, 204, 205, 213, 216, 351, 400.

Khalîl, preposto della “Quinta,” II, 145, 148.

Khalîl, sultano d’Egitto, III, 264.

Khamaruweih, III, 829, 835.

Khâregi, 127; II, 39, 102, 103, 104, 105, 113, 117, 139, 184, 197, 198,
201, 287, 546.

Kharezmii, III, 637, 638, 639, 647, 648.

Khattâb, II, 127.

Khorramii, II, 110, 114.

Kharsianiti, 333.

Khaulân, tribù arabica, II, 477.

Khawâf, II, 111.

Khelef-ibn-Ibrahim-ibn-Khelef, soprannominato Ibn-Hassâr, II, 478, 487.

Khidhr, il cadi, II, 455.

Kholûf-ibn-Abd-Allah, II, 477, 497, 542.

Khorassâni, II, 264.

Khorassaniti, II, 369.

Khozari, II, 365.

Kimâri, LIV.

Kinàna, tribù arabica, XLVI; 269, II, 32, 160, 539.

Kinda, tribù arabica, 84; II, 32, 526; III, 210.

Kirmani, III, 212.

Kirmit, _v._ Hamdân-ibn-Asci’ath.

Kirmiti, _v._ Karmati.

Kodama, III, 669.

Kodhâ’a, tribù arabica, XLII; II, 233, 336.

Kodhâ’i, XLII.

Kolthûm, 136.

Koreisc, tribù arabica, 47, 49, 50, 64; III, 211, 736.

Kos, XLV; 40, II, 513.

Kosegarten, 63.

Koseila, 115, 116, 117, 118, 126.

Kossai, 48, 49.

Kotâma, o Kutâma, tribù berbera, II, 36, 39, 40, 52, 53, 75, 76, 120 a
124, 128, 130 a 139, 142, 157, 159, 160, 168, 182, 183, 186, 202, 207,
233, 234, 281, 287, 289, 292, 293, 331, 332, 355, 421; III, 157, 211.

Krehl, LV.

Kutâma, _v._ Kotâma.


L

La Farina Martino, XLI.

Lakhm, tribù arabica, II, 516, 539; III, 210.

La Luce, III, 205, 875.

La Lumia Isidoro, III, 286, 287, 290, 299, 635, 774.

Lamberto, di Spoleto, 445, 447, 448, 451.

Lamtuna, tribù berbera, III, 373, 379.

Lanci Michelangelo, XXIV.

Lancias, cognome, III, 205.

Landemaro, 386.

Landolfo, calabrese, II, 408.

Landolfo, figliuolo d’Atenolfo, principe di Capua, II, 163, 164, 165,
166, 168, 170.

Landolfo, figliuolo di Pandolfo Capo di ferro, II, 313.

Landolfo, fratello di Pandolfo Capo di ferro, II, 312.

Landolfo, principe di Benevento, II, 153.

Landolfo, principe di Capua (982), II, 325.

Landolfo, vescovo di Capua, 435, 443, 462.

Landolfo II, vescovo di Napoli, 456.

Landone, figliuolo di Landone I, 452, 464.

Landone, figliuolo di Landonolfo, 452.

Landonolfo, 452.

Lane, III, 329.

Lascari, III, 203.

Lanza Pietro, XV, XXXV.

Lasinio Fausto, III, 706.

Latini, 42; II, 465; III, 142, 283, 296, 523, 538.

Latini Brunetto, III, 695.

Lavardino (di) Giovanni, III, 251.

Lebidi, 277.

Lee John, XXXVII, LV; II, 224, 510.

Lee Samuel, XXXV, XL, XLI, XLVI.

Lega Lombarda, III, 530, 610.

Legiati, III, 212.

Lello (Michele Del Giudice), xxix.

Le Monnier, XXXVI.

Leone Affricano, VIII, XXXVII, XXXIX; 104, 107, 121, 234, 235, 236; II,
267, 883.

Leone Apostippi, 439, 440.

Leone, arcivescovo di Tessalonica, II, 48.

Leone Foca, II, 262.

Leone III, imperatore, detto l’Isaurico, 96, 174, 180, 184, 207, 217,
220, 224, 250, 350, 491; II. 184.

Leone V (l’Armeno), 192, 193, 231, 491, 497, 502.

Leone VI (il Sapiente), 73, 243, 406, 415, 425, 471, 486, 518; II, 70,
79, 80, 86, 88, 163; III, 279.

Leone, logoteta, III, 347.

Leone Opo, II, 377, 381.

Leone, d’Ostia, 233, 458; III, 24, 31, 33.

Leone II, papa, 29.

Leone III, papa, 184, 190, 194, 192, 224, 230, 231.

Leone IV, papa, 366, 367, 389.

Leone IX, papa, III, 41, 42, 43, 44, 46, 47.

Leone X, papa, 234.

Leone, schiavo, figlio di Malacrino, III, 234.

Leone, spatario, 191.

Leone, spatario e logoteta, 213.

Leone, da Tripoli di Siria, II, 88, 89.

Leone, vescovo di Catania, II, 402.

Leone, vescovo di Sicilia, II, 172, 214, 402, 405.

Leone, vescovo di Tessalonica, 503.

Leonzio, prefetto, 243.

Letronne, 8.

Lewâta, tribù berbera, II, 32, 37, 52; III, 211.

Lewati, III, 211.

Libertino, 15, 28.

Liguri, 196; III, 423.

Lipari (abate e vescovo di), III, 276, 356, 363.

Liutprando, re, 158, 182.

Liutprando, scrittore, II, 214, 262.

Lodovico I, imperatore, 232; III, 47.

Lodovico II, imperatore, 365, 367, 369, 370, 373, 376, 377, 378, 379,
380, 381, 382, 383, 384, 387, 388, 389, 393, 433, 435, 436, 437; III,
107.

Lodovico II, re di Francia, detto il Balbo, 451, 453.

Lodovico VII, re di Francia, III, 433, 434, 435, 498.

Lodovico IX, re di Francia, III, 630, 631, 638, 653.

Lokmàn-ibn-Jûsuf (Abu-Sa’îd), II, 222.

Longobardi, 12, 22, 23, 24, 26, 76, 94, 178, 184, 185, 217, 313, 355,
369, 374, 380, 381, 393, 408, 438; II, 32, 162, 163, 168, 169, 240,
251, 322, 337, 372, 385; III, 5, 23, 183, 223, 319, 391, 398.

Longpérier (de) Adriano, III, 792, 797, 812.

Loreto (marchese di), III, 199.

Loria Ruggiero, III, 357, 358, 831.

Lotario I, imperatore, 238, 368.

Lotario II, imperatore, III, 395, 397, 398.

Luca, vescovo, 292.

Luce, casato, III, 205.

Lucio, governatore di Sicilia, 219.

Lucrezio, 42; II, 101.

Lucullo, II, 90.

Lupino, III, 167.

Lupo, II, 565.

Lupo, protospatario, III, 24, 33.

Lutero, III, 559.

Luynes (duca di), XXII, XXX; 311; III, 202.


M

Ma’ad-ibn-Isma’il (Abu-Tamim), _v._ Mo’ezz-li-dîn-illah.

Mabillon, 102, 103.

Macedoni, dinastia bizantina, II, 41, 153.

Machiavelli, LIV; II, 52, 176.

Macri Domenico, X, XLIV.

Macrojoanni, II, 244.

Madiûna, tribù berbera, II, 36.

Madonna dello Naupactitesse, confraternita, II, 298.

Maffei Annibale, II, 453.

Maffei Scipione, II, 453.

Magadèo (Ibn-Mogêhid?), III, 580.

Magded (Ibn-Mogêhid?), III, 580.

Maggio Francesco Maria, IX.

Maghâga, tribù berbera, II, 36.

Magi, II, 106, 108, 109, 112, 115, 261.

Magiari, II, 162, 169.

Magonza (arcivescovo di), III, 544.

Mahdi, califo abbasida, II, 112, 113; III, 816.

Mahmûd-ibn-Khafâgia, 344.

Mai, XXIII, XLIII.

Maimon, gaito, III, 264, 378, 379.

Maimonide, _v._ Musa-ibn-Meimûn.

Mainieri, di Acerenza, III, 177, 178.

Majone, III, 217, 232, 356, 360, 466, 482, 483, 484, 485, 493, 607.

Maisar, 127.

Makhlûf, III, 650.

Mâkkâri, LV.

Makrizi, LIV; III, 832, 833, 834, 846, 893.

Malaceno, II, 245.

Malacrino, III, 234.

Malaterra Goffredo, III, 23, 24, 33.

Malati, III, 212.

Maleditto Guglielmo, III, 291.

Maledotto, casato, III, 221.

Malek-Adel, III, 634, 635.

Malek-ibn-Anas, 149, 150, 151, 253, 256, 474; II, 12, 23, 220, 222, 371.

Malek-Ascraf, III, 639, 640, 647, 648, 649.

Malek-Kâmil, III, 634, 636, 637, 638, 639, 640, 641, 642, 643, 644,
645, 646, 647, 648, 649, 650, 651, 692.

Malek-Mansûr, XLVI; II, 521.

Malek-Mes’ûd, III, 641.

Malek-Mo’azzam, III, 634, 637, 638, 639.

Malek-Nâsir, III, 639, 647.

Malek-Salih, III, 492, 647, 653.

Malek-Sciah, III, 520.

Malekiti, giuristi, II, 335; III, 716.

Malgerio, conte di Capitanata, III, 45.

Malgerio, figliuolo del conte Ruggiero, III, 195.

Malgerio, nobile siciliano, III, 580, 581.

Maloto, III, 7, 9.

Malta (da) Paólino, III, 788.

Maltzan (barone di), III, 831.

Mamuca, 101, 102, 103.

Mamûn, califo abbasida, LIV; 226; II, 100, 466, 505, 623, 624, 674.

Manca Filippo, III, 208.

Mandralisca (barone di) III, 822.

Manfredi, re di Sicilia, XXXVIII: II, 347; III, 266, 594, 654, 690,
698, 707, 711, 712.

Manfredo, marchese aleramida, III, 199, 200.

Mani, 138; II, 109.

Maniace Giorgio, VII; II, 346, 376, 378, 379, 380, 381, 382, 383, 384,
385, 386, 387, 388, 389, 390, 391, 392, 395, 410, 415, 416, 417, 418,
422, 423, 487, 517; III, 30, 31, 34, 39, 56, 327, 843.

Manichei, 27, 510; II, 109, 110, 111, 113, 117.

Mansûr, _v._ Isma’il-ibn-Mohammed.

Mansûr. _v._ San Giovanni Damasceno, II, 100.

Mansûr, califo abbasida, II, 112; III, 840.

Mansûr, figliuolo di Bolukkin, II, 355, 356, 362.

Mansûr, _v._ Hâkem-biamr-illah.

Mansûr-ibn-Nâsir-ibn-’Alennâs, II, 529, 530.

Mansûr Tonbodsi 155, 156, 257, 295.

Manuele Foca, II, 213, 214, 262, 264, 266, 267, 271, 273, 382, 413;
III, 56.

Maometto, XLI, XLV, XLVII, LI; 30, 43, 44, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54,
55, 56, 57, 58, 59, 60, 62, 63, 68, 70, 81, 101, 472, 482, 483; II, 13,
14, 15, 16, 74, 105, 107, 117, 132, 136, 229, 231, 233, 235, 269, 280,
436, 453, 454, 456, 460, 461, 478, 484, 492, 493, 495; III, 1, 49, 436,
462, 470, 532, 534, 644, 647, 701, 702, 724, 727, 729, 732, 758.

Marabuti, II, 38; III, 374.

Maracava Niccolò, III, 288.

Maraldo, III, 196.

Marangone, XXIX.

Marano, gaito, III, 447.

Marcel, III, 834.

Marchia (de) Angelo, III, 688.

Marchisi, casato, III, 221.

Marcioniti, II, 109.

Marcualdo, o Marqualdo, _v._ Anweiler (de).

Mardaiti, 401, 413, 414.

Margam-ibn-Sabir, III, 627.

Mario, II, 90.

Margarito, da Brindisi, detto Margaritone, XLVI; III, 523 a 529, 534,
558, 607.

Margherita, regina di Sicilia, III, 256, 493, 495, 498.

Mari (de) Ansaldo, III, 357.

Maria, martire, 45.

Maria, figliuola di Teofilo, 297.

Mariano Argino, II, 250, 251, 252.

Maringo Giambattista, II, 298.

Marino, duca d’Amalfi, 386.

Maris, Marisc o Marîsh, II, 211.

Marocco (re di), III, 379.

Maroniti, XLIV; II, 405, 681.

Marozia, II, 160.

Marrekosci, _v._ Abd-el-Wàhid.

Marsden, XXIV; III, 450, 816

Marilnez Marco Antonio, II, 303, 304.

Martino, gaito, III. 263, 489.

Martino I, papa, 77, 78, 79, 84, 89, 91, 94, 96.

Masmuda, tribù berbera, III, 622.

Masmudi, _v._ Almohadi.

Massar, 368, 370.

Mas’ûdi, XL; III, 669.

Matilde (la contessa), III, 143, 191.

Matilde, figliuola del conte Ruggiero, III, 195.

Matranga, XXXIV, XLIII; 489.

Matteo, arcivescovo di Capua, III, 568.

Matteo, notaro, III, 324.

Matthews, 63.

Maugerio, III, 38.

Maurizio, imperatore, 76.

Maurolico, 495; II, 59.

Mawerdi, XXVIII.

Mawkifi, Mohammed e Abu-l-Farag, II, 521, 522.

Mazari, _v._ Mohammed-ibn-Ali-ibn-Omar-ibn-Mohammed, e
Mohammed-ibn-Mosallim.

Mazdak, 74, 138; II, 109, 110, 111, 112, 113.

Mazdakiani, II, 110, 112, 117.

Me’àfir, tribù arabica, II, 541; III, 210.

Medini, casato, III, 212.

Medkur, II, 420, _v._ Abd-Allah-ibn-Menkut.

Megber-ibn-Mohammed-ibn-Megber, II, 522, 523.

Mehdi, almohade, _v._ Mohammed-ibn-Tumert.

Mehdi, fatimita, _v._ Obeid-Allah.

Meimûn-ibn-Amr (Abu-’Amr), cadi, II, 222, 225.

Meimûn, capitano d’Ibrahim-ibn-Ahmed, II, 53, 54.

Meimûn, carnefice d’Ibrahim-ibn-Ahmed, II, 60, 61.

Meimûn-ibn-Ghania, II, 415.

Meimûn. figlio di Hosein, da Palermo, III, 256.

Meimûn(Abu-Mohammed), III, 377.

Meimûn-ibn-Mohammed-ibn-Meimûn, III, 378.

Meimûn-ibn-Musa, II, 185, 186.

Meimuna, figlia d’Hassân-ibn-Ali, Hodseilita, III, 213, 751.

Meimuna, figlia di Hawwasci, II, 418, 549, 550.

Meklata, tribù berbera, II, 37, 421; III, 212.

Meledio, III, 97, 101.

Meles, III, 291.

Melfi (casato), III, 211.

Meli, XII.

Melo (Ismaele), II, 342; HII, 22, 25, 26, 27, 29, 30, 53, 799.

Menelao supposto re di Sicilia, VII.

Menkûr, II, 420, _v._ Abd-Allah-ibn-Menkût.

Mercator, III, 678.

Merinidi, LIII

Merlo Giovanni, XXXV.

Merwan, II, 99.

Mesciti, casato, III, 205, 875.

Mesrata, tribù berbera, III, 212.

Messala, III. 817.

Messia, II, 106, 128.

Messina (archimandrita di), III, 309, 337, 525.

Messina (arcivescovo di), III, 245, 256, 286, 308, 321, 441, 580.

Messina (da) Bartolommeo, III, 707.

Messina (da) Giovanni, III, 532.

Messina (da) Stefano, III, 690.

Mes’ûd, II, 171.

Mes’ûd Bâgi, II, 66.

Mes’ûd Koresci, III, 256.

Mes’ûdi, III, 212.

Metkud, II, 420, _v._ Abd-Allah-ibn-Menkût.

Metodio, 20, 220, 496, 497, 498, 499, 502, 503.

Meursius, 73.

Meziza, tribù berbera, II, 35.

Miceli Dionisio, III, 605.

Michele, ammiraglio, 428.

Michele, capitano in Calabria, 517.

Michele Characto, II, 79.

Michele Doceano, il Fusaiolo, II, 381, 390, 392, 393; III, 30, 31, 32,
33.

Michele, governatore di Palermo, 248.

Michele I, imperatore, detto Rangabe, 192, 227, 498.

Michele II, detto il Balbo, 164, 193, 194, 220, 239, 242, 243, 245,
250, 251, 252, 274, 281, 287, 288, 494, 497.

Michele III, imperatore, 332, 338, 341, 501, 503, 506; II, 48.

Michele IV, imperatore, detto il Paflagone, II, 379, 384, 393.

Michele V, imperatore, detto Calafato, II, 384, 394.

Michele VII. imperatore. III, 144.

Michele, medico, III, 868.

Michele, padre di Giorgio, d’Antiochia, III, 361.

Michele, patrizio di Sicilia, 190.

Michele, re degli Slavi, II, 176. _Per errore_ Istachael, _ivi._

Micheret de Iatino, III, 264.

Midrariti, 129.

Miknas o Miknasa, tribù berbera, II, 36.

Milanesi Carlo, III, 700.

Minimi di San Francesco di Paola. III, 120.

Miniscalchi, XXXIV, XLIII; III, 368.

Minoartino, casato, III, 221.

Mirabetto, III, 597, 600.

Mir-’Abs, _v._ Mirabetto.

Mizize, 96, 98.

Mo’aiti, _v._ Abu-Abd-Allah-el-Mo’aiti.

Mo’àwia-ibn-abi-Sofiân, califo omeiade, 62, 69, 80, 81, 84, 85, 86, 87,
88, 90, 99, 113, 127, 473; II, 103; III, 827.

Mo’âwia-ibn-Hodeig, 84, 88, 90, 99, 113.

Mobascer, III, 376.

Modhar, ceppo di tribù arabiche, 109, 143, 158, 340; II, 233.

Modica (di) Gualtiero, III, 518, 519.

Moëller, XXIV, XL.

Mo’ezz-ibn-Badîs, II, 39, 359, 360, 363, 364, 366, 368, 374, 376, 378,
385, 397, 417, 418, 419, 423, 492, 500, 501, 518, 519, 547, 548, 550,
551; III, 13, 79, 80, 81, 82, 92, 93.

Mo’ezz-li-dîn-illah (Ma’ad-ibn-Isma’il, Abu-Tamim), califo fatimita,
II, 39, 237, 238, 249, 254, 256, 257, 258, 259, 260, 262, 263, 267,
269, 272, 274, 275, 277, 278, 279, 280, 281, 282, 283, 284, 286, 287,
288, 289, 290, 291, 292, 293, 294, 310, 312, 313, 322, 330, 355, 364,
456, 459; III, 851.

Moferreg-ibn-Sâlem, 371, 372, 373, 374, 375, 377, 380, 436.

Moferreg (Abu-Abd-Selem), 420, 421; II, 226, 229.

Mogber-ibn-Ibrahim-ibn-Sofiân, 426, 427, 428.

Mogêhid-ibn-Abd-Allah (Abu-l-Geisc), soprann. Amiri (Musetto), III, 2,
4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 169, 375, 518.

Mogêhid, _v._ Magadeo.

Mogehiditi, III, 376.

Mogheira, 61.

Mogir-ed-dîn, III, 720, 721.

Mohammed..., II, 211.

Mohammed..., II, 522.

Mohammed (Abu-Bekr), II, 511.

Mohammed-ibn-Abd-Allah (VII secolo), 100.

Mohammed-ibn-Abd-Allah (XII secolo), III, 371.

Mohammed-ibn-Abd-Allah (Abu-Abd-Allah), II, 488.

Mohammed-ibn-Abd-Allah(Abu-Bekr), II, 478, 542.

Mohammed-ibn-Abd-Allah-ibn-Aghlab (Abu-Fihr), 231, 232, 292, 295, 296,
299, 301, 320.

Mohammed-ibn-Abd-Allah-ibn-Iûnis (Abu-Bekr), II. 486, 487, 499.

Mohammed-ibn-Abd-Allah-ibn-Mesarra-ibn-Nagîh, II, 101.

Mohammed-ibn-Abd-el-Aziz-ibn-Meimûn, III, 379, 476.

Mohammed-ibn-Abd-el-Gebbâr-ibn-Mohammed-ibn-Hamdis (Abu-Hascim), II,
528, 535.

Mohammed-ibn-Abdûn, II, 210.

Mohammed-ibn-’Abdûn, da Susa, II, 334, 335.

Mohammed-ibn-Aghlab, 340, 341, 391.

Mohammed-ibn-Ahmed-ibn-Aghlab, 372, 384, 389, 390, 393; II, 46.

Mohammed-ibn-Ahmed-ibn-Ibrahim, detto il Siciliano, II, 226.

Mohammed-ibn-Ahmed-ibn-Korhob, II, 150, 151, 156.

Mohammed-ibn-Ahmed-ibn-Temîm (Abu-l-Arab), XLII.

Mohammed-ibn-Ali-ibn-Abd-el-Gebbâr (Abu-Bekr), II, 540.

Mohammed-ibn-Ali-ibn-Abd-er-Rahman-ibn-Regiâ, III, 752.

Mohammed-ibn-Ali-ibn-Hasan-ibn-Abd-el-Berr (Abu-Bekr), II, 504, 505,
506, 507.

Mohammed-ibn-Ali-ibn-Omar-ibn-Mohammed, detto Mazari e Temîmi
(Abu-Abd-Allah), II, 483, 484, 485, 486, 488.

Mohammed-ibn-Ali, Sciarfi, 168.

Muhammed-ibn-Ali-ibn-Sebbâgh (Abu-Abd-Allah), il Segretario, II, 501,
515, 519.

Mohammed-ibn-Ali (Abu-Tâher), da Bagdad, II, 492.

Mohaiumed-ibn-Ali-ibn-abi-Taleb, II, 115.

Mohammed-ibn-Asci’ath, II, 204.

Mohammed-ibn-Attar (Abu-Abd-Allah), II, 516, 541.

Mohammed-ibn-Aus, 171.

Mohammed-ibn-abi-Bekr-ibn-Abd-er-Rezzâk (Abu-Abd-Allah), III, 736.

Mohammed-ibn-abi-Edrîs, 171.

Mohammed-ibn-Fadhl, 421, 422, 423, 429, 431.

Mohammed-ibn-abi-l-Fadhl, III, 737.

Muhammed-ibn-Fâs, II, 454.

Mohammed-ibn-abi-Fereg-ibn-Fereg-ibn-abi-l-Kâsim, Kattâni
(Abu-Abd-Allah), II, 498, 499.

Mohammed Gebasût, III, 206.

Mohammed-ibn-Genâ, II, 210.

Mohammed-ibn-el-Gewari, 276, 284, 297.

Mohammed-ibn-Haiûn (Abu-Abd-Allah), II, 476.

Mohammed-ibn-Hasan-ibn-Ali, di casa kelbita, II, 191, 330, 333.

Mohammed-ibn-Hasan-ibn-Ali-Rebe’i (Abu-Bekr), II, 488.

Mohammed-ibn-Hasan — ibn-Kereni (Abu-Abd-Allah), II, 464, 542.

Mohammed-ibn-Hasan-ibn-Tazi(Abu-Abd-Allah), II, 471, 511.

Mohammed-ibn-Hamw, II, 187.

Mohammed-ibn-Haukal (Abu-l-Kasim), II, 294, 295, _v._ Ibn-Haukal.

Mohammed-ibn-Hosein-ibn-Kerkudi (Abu-l-Feth), II, 515.

Mohammed-ibn-Hosein-Marwazi (Abu-Gia’far), II, 224.

Mohammed-ihn-abi-Hosein, 353, 390.

Mohammed-ibn-Ibrahim-ibn-Musa (Abu-Bekr), II, 480, 493.

Mohammed-ibn-Ibrahim-ibn-Thimna, soprannominato El-Kâdir-billah, II,
418, 420, 421, 422, 548 a 552; III, 60, 62, 63, 65, 70, 71, 72, 73, 74,
76, 77, 78, 79, 80, 82, 86, 87, 93, 109, 117, 162, 218, 266, 308, 326.

Mohammed, cugino d’Ibrahim-ibn-Ahmed, II, 75.

Mohammed-ibn-Iezid, 171.

Mohammed-ibn-Isa-ibn-Abd-el-Mon’im (Abu-Abd-Allah), III, 689, 690, 748.

Mohammed-ibn-Ishak, III, 514.

Mohammed-ibn-abi-Ishak-ibn-Giâmi’, III, 496.

Mohammed-ibn-Isma’il-ibn-Gia’far, alida, II, 116.

Mohammed-ibn-Kâsim-ibn-Zeid (Abu-Abd-Allah), II, 516, 539.

Mohammed-ibn-abi-l-Kâsim (Abu-Abd-Allah), III, 736.

Mohammed-ibn-Khafâgia, 345, 347, 349, 350, 352, 353, 378, 390, 391.

Mohammed-ibn-Khorassân (Abu-Abd-Allah), II, 224, 225, 496.

Mohammed-ibn-Korhob, II, 52.

Mohammed-ibn-Mansûr, Sem’àni, II, 498, 499.

Mohammed-ibn.... _v._ Mawkifi.

Mohammed-ibn-Meimûn, III, 378.

Mohammed-ibn-Mekki-ibn-abi-d-Dsikr, III, 736.

Mohammed-ibn-Mohammed-ibn-Abd-Allah-ibn-Edrîs (Abu-Abd-Allah), v.
Edrîsi.

Mohammed-ibn-Mohammed-ibn-Mohammed, soprannominato Fakhr-ed-din, III,
737.

Mohammed-ibn-abi-Mohammed-ibn-Mohammed-ibn-Zafer (Abu-Hascim), XLIV;
III, 541, 714, 715, 716, 717, 718, 720, 721, 722, 723, 724, 725, 726,
727, 729, 730, 731, 733, 734, 735, 737.

Mohammed (Abu-Mohriz), 154, 255, 256, 259, 296.

Mohammed-ibn-Mokâtil, 145.

Mohammed-ibn-Mosallim, Mazari (Abu-Abd-Allah), II, 486; III, 735.

Mohammed-ibn-Obeid-Allah (Abu-l-Kàsim), soprannominato
El-Kaimbiamr-illah, 235; II, 133, 135, 179, 180, 181, 188, 195, 196,
199, 200, 201, 202, 205, 234, 237; III, 260.

Mohammed Pacione, III, 206.

Mohammed-ibn-Rescîd, III, 414, 413, 472.

Mohammed-ibn-Sâbik (Abu-Bekr), II, 482, 494.

Mohammed-ibn-Sados (Abu-Abd-Allah), II, 512, 542.

Mohammed-ibn-Sahl (Abu-Bekr), detto Rozaik, II, 515, 537.

Mohammed-ibn-Sâlem, 299.

Mohammed-ibn-Sâlem, soprannominato Gemàl-ed-dîn, XXXVIII.

Mohammed-ibn-Sarcusi, II, 140, 146.

Mohammed Scîli, II, 493.

Mohammed-ibn-abi-Se àda, II, 453.

Mohammed-ibn-Sehnûn, 277.

Mohammed-ibn-Sindi, 302; II, 34.

Mohammed-ibn-Sirîn, 56.

Mohammed-ibn-Tûmert, detto il Mehdi, II, 485.

Mohammed-ibn-Ziadet-Allah, II, 58.

Mohibb-ed-dîn-ibn-Niggiâr, II, 491.

Mohl, XLVI.

Mohriz-ibn-Ziâd, III, 412.

Moisè, maestro, III, 868.

Moisè, III, 701.

Moisè, di Corene, 105.

Mokaddesi, _v._ Abu-Sciâma.

Mokanna, II, 112, 115.

Mokhalled-ibn-Keidâd (Abu-Iezîd), II, 196, 197, 198, 199, 200, 201,
202, 203, 205, 206, 207, 229, 237, 287.

Moktader-billah, califo abbasida, II, 149, 150.

Moktader-billah, principe di Saragozza, III, 375.

Moloch, 101.

Mombeilard (conte di), III, 199.

Mombrai (di) Ruggiero, III, 347.

Mo’mir, figliuolo di Rescîd, III, 411, 412, 413.

Mondsir, re di Hira, 76.

Mongitore, XXIX.

Monoteliti, 76, 77, 95, 96, 180.

Montano, schiavo di San Gregorio, 202.

Monti Vincenzo. III, 884.

Montpellier (conte di), III, 376.

Morgii, II, 99.

Mori o Mauri, 104, 106, 228; III, 40, 57, 58.

Moriella, III, 39, 270.

Moroleone, II, 251.

Morra, tribù arabica, II, 267.

Morso, XIII, XIV, XVII, XXIII, XXIV; III, 878.

Mortain (di) Pietro, III, 178.

Mortillaro, XV, XVI, XXIII, XXIV, XXV; 284, 321; II, 6, 456 segg.; III,
343, 812.

Mos’ab-ibn-Mohammed-ibn-abi-Forât (Abu-l-Arab), II, 524, 525, 543.

Moscerif-ibn-Râscid (Abu-l-Fadhl), II, 520, 544.

Moslim, il Tradizionista, II, 483.

Mostanîr-ibn-Habbâb, 172.

Mostanser-billah (Abu-Temîm), califo fatimita, II, 456.

Mostanser-billah, principe hafsita di Tunis
(Abu-Abd-Allah-Mohammed-ibn-Iehia-ibn-Abd-el-Wâhid, soprannominato),
XLIX; III, 631.

Mo’tamid-ibn-Abbâd, II, 524, 525, 527, 528, 529, 530, 535.

Mo’tasem, principe d’Almeria, II, 535.

Mo’tadhed-billah, califo abbasida, II, 58, 74, 75, 76.

Mo’tadhed-billah, di Siviglia, _v._ Abbâd-ibn-Mohammed.

Motazeliti, II, 98, 99, 105.

Motenebbi, II, 334, 365, 509, 512, 513, 535.

Mowahhidi, _v._ Almohadi.

Motewakkel, califo abbasida, XL; 327, 360.

Moura, LI.

Mowalled, spagnuoli, II, 371.

Mozaffer, II, 488.

Mukhlûf, III, 262.

Munch P. A., II, 383.

Muratori, XXVIII, XXIX, XLVII, LV.

Muriella, III, 39.

Musa-ibn-Giâfar, alida, II, 116.

Musa-ibn-Abd-Allah, II, 494.

Musa-ibn-Ahmed (Abu-Sa’îd) soprannominato Dhaif, II, 156, 157, 159,
160, 182, 190.

Musa-ibn-Asbagh, Morâdi, II, 496.

Musa-ibn-Kasim-el-K..r..di, III, 669.

Musa-ibn-Meimûn, detto Maimonide, III, 705.

Musa-ibn-Noseir, 122, 123, 124, 125, 131, 166, 167, 168, 169, 170, 178;
II, 4.

Musa Santagat, III, 246.

Musetto e Mugeto, _v._ Mogêhid-ibn-Abd-Allah.

Mussufa, tribù berbera, III, 518.

Musulice, stratego, 416, 420.

Musulmani, XL, XLV, L, LIV; 52, 53, 54, 56, 59, 63, 64, 70, 73, 75, 78,
80, 81, 82, 87, 88, 89, 90, 92, 95, 96, 97, 98, 99, 101, 102, 129, 139;
II, 41, 42, 48, 53, 61, 65, 67, 70, 71, 74, 75, 78, 81, 82, 85, 89,
91, 97, 98, 99, 100, 101, 102, 111, 117, 118, 119, 120, 144, 146, 149,
160, 161, 162, 163, 164, 165, 166, 167, 168, 169, 170, 171, 175, 180,
193, 205, 206, 213, 216, 217, 228, 229, 236, 238, 239, 240, 242, 245,
247, 248, 250, 251, 252, 253, 256, 257, 258, 259, 260, 261, 263, 264,
266, 268, 269, 271, 273, 276, 286, 290, 295, 299, 300, 301, 302, 305,
309, 310, 312, 314, 315, 316, 319, 322, 323, 327, 328, 330, 335, 336,
338, 339, 340, 341, 342, 347, 353, 364, 365, 367, 370, 371, 372, 377,
378, 382, 387, 388, 392, 393, 396, 397, 398, 399, 400, 401, 402, 404,
406, 407, 409, 412, 415, 417, 419, 422, 423, 427, 435, 436, 443, 445,
449, 450, 452, 455, 461, 477, 479, 484, 485, 492, 493, 494, 496, 505,
521, 527, 544, 545; III, 1, 2, 3, 4, 6, 7, 9, 12, 13, 14, 25, 28, 54,
55, 58, 60, 64, 65, 67, 68, 70, 71, 72, 73, 74, 80, 85, 86, 90, 91, 92,
93, 95, 97, 102, 105, 106, 109, 112, 113, 117, 121, 122, 125, 127, 129,
132, 135, 136, 147, 148, 149, 150, 152, 153, 154, 155, 156, 157, 159,
162, 163, 164, 167, 169, 170, 172, 176, 178, 180, 181, 182, 186, 187,
188, 189, 190, 194, 200, 208, 217, 218, 228, 236, 242, 248, 253, 254,
255, 256, 262, 265, 267, 269, 270, 281, 285, 291, 293, 297, 298, 300,
303, 305, 308, 318, 324, 329, 334, 335, 338, 345, 348, 349, 350, 358,
359, 360, 365, 367, 374, 377, 382, 383, 388, 392, 396, 400, 402, 409,
411, 416, 417, 418, 420, 424, 431, 434, 438, 442, 443, 446, 447, 464,
465, 468, 469, 472, 473, 477, 478, 482, 484, 485, 486, 487, 488, 498,
499, 500, 501, 505, 506, 508, 509, 510, 511, 520, 523, 528, 531, 532,
533, 534, 535, 536, 537, 538, 543, 546, 547, 550, 551, 553, 555, 557,
572, 573, 574, 575, 576, 577, 578, 579, 580, 583, 584, 585, 586, 587,
588, 591, 592, 593, 595, 597, 598, 602, 603, 606, 609, 613, 614, 616,
919, 925, 626, 628, 633, 638, 642, 644, 645, 646, 648, 654, 655, 668,
673, 681, 686, 689, 704, 711, 714, 715, 716, 722, 723, 729, 733, 734,
754, 767, 768, 778, 779, 780, 788, 790, 795, 796, 797, 799, 803, 816.

Musulmano Impero, II, 100, 105, 106, 108, 110, 118, 462.

Muzaito, III, 12, Musetto, _v._ Mogêhid.

Muzalone Giovanni, II, 153.


N

Nabatei, II, 447.

Nabili, III, 212.

Nahd, tribù arabica, II, 522.

Napoli (casato), III, 843, 849.

Napoli (duca di), III, 393.

Narbona (visconte di), III, 376.

Narducci Enrico, III, 884.

Nasar, 393, 413, 414, 415, 416, 422, 439, 516.

Nâsir, califo almohade, III, 622.

Nâsir-ed-dawla-ibn-Hamadân, II, 521.

Nasr-ibn-Ibrahim (Abu-l-Feth), II, 100.

Nasrûn-ibn-Fotûh-ibn-Hosein, Kherezi, II, 506.

Nazardino o Zefedino, III, 634.

Nazareni, III, 576.

Nefûsa, tribù berbera, II, 57.

Nefzâwa, tribù berbera, 156; III, 212.

Negri, 408; II, 32, 137, 168, 196, 217, 292, 351, 362, 385; III, 373,
447, 506.

Negro, _v._ Abu-Nottâr.

Nekkariti, II, 139, 197, 198, 200, 202, 287.

Nerone, 16.

Nessel (de) Daniele, 507.

Newâwi, XLIX.

Niccolò, ambasciatore bizantino, II, 279, 280, 313.

Niccolò, ammiraglio, III, 356.

Niccolò, camarlingo, III, 347.

Niccolò, figliuolo di Eugenio, ammiraglio, III, 353.

Niccolò, detto Farrâsc, III, 262.

Niccolò, di Filippo, III, 208.

Niccolò Logoteta, III, 262.

Niccolò, monaco, II, 219.

Niccolò I, papa, 500, 501.

Niccolò II, papa, III, 44, 47, 48, 49.

Niccolò, protonotario, III, 416.

Niccolò, di Vitale, III, 209.

Niceforo Callistio, 76.

Niceforo Foca, 424, 425, 440, 441, 461; II, 42.

Niceforo, governatore di Nauplia, II, 367.

Niceforo I. imp., 191; II, 403.

Niceforo (Foca) II, imp., II, 174, 253, 259, 260, 261, 262, 263, 268,
273, 278, 279, 280, 281, 310, 311, 312, 313, 322, 323.

Niceforo, maestro, II, 313.

Niceforo, patriarca, 497.

Niceforo, vescovo di Mileto, II, 264.

Niceta, 350.

Niceta Davidde, 420.

Niceta, eunuco, II, 279.

Niceta, moglie di Niccolò, figliuolo d’Eugenio, ammiraglio, III, 353.

Niceta Orifa (an. 871-880), 378, 379, 380, 413, 425, _v._ Orifa.

Niceta, patriarca, _v._ Ignazio, 498.

Niceta, patrizio di Sicilia, 190; II, 184.

Niceta, protospatario, II, 261, 264, 271, 272.

Niceta, da Tarso, 405.

Nicholson, XLI.

Nicodemo, arcivescovo di Palermo, II, 396, 402; III, 130, 131.

Nicola-ibn-Leo, III, 205.

Nicola Nomothetis, III, 205.

Nilo Doxopatro, III, 460, 461, 661.

Nilo, monaco, II, 391, 411, 444, 446.

Ninfa, madre di Giorgio, d’Antiochia, III, 255.

Nizâr, tribù arabica, II, 488.

Nizâmiti, II, 99.

No’man, re di Hira, III, 893.

Norandino, XLV, XLIX; III, 462, 505, 520, 522, 529, 718 a 721, 723, 764.

Nordbrikt, II, 384.

Normanni, II, 64, 193, 300, 301, 344, 372, 380, 382, 388, 389, 392,
394, 395, 396, 398, 399, 401, 402, 403, 416, 417, 421, 422, 428, 436,
451, 452, 458, 460, 488, 513, 524, 527; III, 12, 15, 16, 18, 19, 21,
22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31, 33, 34, 35, 36, 38, 39, 41,
42, 43, 44, 45, 46, 48, 49, 52, 53, 54, 55, 56, 61, 62, 63, 64, 65, 68,
69, 73, 75, 77, 78, 79, 81, 83, 84, 86, 87, 90, 91, 93, 94, 96, 98, 99,
100, 104, 107, 108, 109, 110, 111, 113, 114, 115, 116, 118, 119, 120,
121, 122, 123, 124, 125, 127, 128, 129, 130, 133, 136, 145, 148, 149,
152, 155, 162, 163, 164, 165, 174, 177, 200, 207, 209, 213, 222, 233,
253, 254, 268, 276, 299, 309, 326, 327, 328, 335, 339, 341, 350, 367,
394, 398, 406, 414, 458, 517, 554, 656, 772, 780, 812, 821, 853, 854.

Normanni, dinastia di Sicilia, XXXI, L, LIV; 443; III, 298, 335, 381,
460, 867, 889.

Notari, casato, III, 205, 875.

Nowairi, XIV, XIX, XX, XXVII, LI.

Nûr-ed-dîn (Mahmûd-ibn-Zengui, soprannominato), _v._ Norandino.

Nûri, sufita, II, 480.


O

Obeid-Allah-ibn-Habâb, 172, 173.

Obeid-Allah, detto il Mehdi, primo califo fatimita, _v._
Sa’îd-ibn-Hosein, II, 118, 120, 132 a 139, 141 a 146, 150, 151, 154 a
156, 159, 160, 168, 170, 173, 174, 176, 179, 182, 183, 188, 225, 234,
237, 242, 456; III, 404.

’Obeida-ibn-Abd-er-Rahman, 135, 171 a 173.

Obeiditi, _v._ Fatimiti, II, 132.

Oca Filadelfo, II, 291.

Occidente (impero di), III, 5, 26, 40, 144.

Occimiano (marchesi di), III, 199.

Oddone, lombardo, III, 224, _v._ Odone e Otone.

Odenato, 31.

Odilone, abate di Cluny, III, 13.

Odin, II, 512; III, 15, 16, 18.

Odoacre, 11, 12; II, 90.

Odone, duca, II, 325.

Offamilio Bartolommeo, III, 568.

Offamilio Gualtiero, III, 256, 502, 503, 530, 531, 542, 545, 563.

’Okba-ibn-Heggiâg, 174

’Okba-ibn-Nafi’, 100, 113, 114, 116, 117, 123, 129, 137, 173.

Okley, 85.

Olaf, re di Norvegia, II, 384, 385, 386.

Olga, II, 385.

Olimpio, esarco, 78, 79, 84, 89, 90.

Oma-er-Rahman, II, 454.

Omar-ibn-Scio’aib-el-Belluti (Abu-Hafs), 162.

Omar il Grande, LII; 56, 57, 60, 62, 64, 65, 66, 67, 68, 70, 71, 79,
80, 81, 109, 134, 476, 477, 478; II, 17, 18, 26, 30, 105, 123, 279,
359, 360, 623, 645; III, 826, 855.

Omar-ibn-Abd-Allah (Abu-Hafs), II, 516, 536.

Omar-ibn-Abd-el-’Azîz, califo omeiade, III, 828.

Omar-ibn-Ali, da Siracusa, II, 511, v. Othman-ibn-Ali.

Omar-el-Bellûti (Abu-Hafs), 162, 163, 164.

Omar-ibn-Crisobolli, III, 206.

Omar-ibn-Fulfûl (Abu-Hafs), III, 423.

Omar-ibn-Hasan (Abu-Hafs), contemporaneo di re Ruggiero, III, 462, 758.

Omar-ibn-Hasan-ibn-Setabrîk (Abu-Hafs), II, 540.

Omar-ibn-Hasan (Abu-Hafs), spagnuolo, II, 523.

Omar-ibn-Hasan (Abu-Hafs), (Ibn-Kuni?), II, 498.

Omar-ibn-Hasan-ibn-Kûni (Abu-Hafs), II, 464, 511.

Omar-ibn-abi-l-Hasan-Hosein-el-Forriâni, III, 419, 469, 470, 472, 473.

Omar-ibn-Hosein-et-Tamîmi, III, 256.

Omar-ibn-Iehia-ibn-Abd-el-Wâhid (Abu-Hafs), principe hafsita di Tunis,
III, 631.

Omar-ibn-Iebia-ibn-Mohammed (Abu-Hafs), ceppo della dinastia hafsita,
III, 622.

Omar-ibn-Ieîsc, da Susa, II, 498, 521.

Omar-ibn-Khelef-ibn-Mekki (Abu-Hafs), XLIX; II, 509, 513, 514.

Omar-ibn-Madî-Karîb, 73.

Omar-ibn-Scio’aib (Abu-Hafs), II, 376, 377.

Omâra-ibn-abi-l-Hasan, III, 506, 507.

Omeia, _v._ Abu-s-Salt.

Omeiadi, 62, 65, 69, 71, 119, 136, 138, 139, 140, 141, 144, 159, 226,
229; II, 97, 99, 107, 200, 210, 219, 283, 355, 358; III, 5, 337, 446,
662, 883.

Omero, 42; III, 207.

Omoniza, 240.

Onorio, imperatore, 200, 211.

Onorio I, papa, 77.

Onorio II, papa, III, 392, 393, 395.

Onorio III, papa, III, 600, 603, 635.

Orazio, II, 519.

Oreste, eunuco, II, 365, 367, 377.

Oriente (impero di), II, 338; III, 36, 40, 144, 162.

Orifa (an. 825), 164, 242, 243, _v._ Hiceta Orifa.

Orlando Diego, III, 300.

Ormondo, _v._ Drengot.

Orsello, di Baliol, III, 98, 99.

Orseolo Pietro, doge di Venezia, II, 341, 377.

Orso, figliuolo di Radelchi, 361, 379.

Orso, vescovo di Girgenti, III, 593, 594.

Ostrogoti, 12.

Othman-ibn-Abd-er-Rahîm-ibn-Abder-Rezzâk-ibn-Gia’far-ibn-Bescrûn-ibn-Scebîb,
III, 759.

Othman-ibn-Abd-er-Rahman, soprannominato Ibn-es-Susi, III, 751.

Othman-ibn-Affân, califo, 62, 69, 86, 87, 90, 109; II, 103, 453, 472,
473; III, 517.

Othman-ibn-Ali-ibn-Omar, da Siracusa (Abu-Amr), II, 476, 511, 542.

Othman-ibn-’Atik (Abu-Sa’îd), II, 535.

Othman, di Bari, 436.

Othman-ibn-Harrâr, II, 306.

Othman-ibn-Heggiâg (Abu-Omar), II, 489.

Othman-ibn-Jûsuf, Howari, III, 256.

Othman-ibn-Korhob, 295.

Othman-ibn-abi-Obeida, 172.

Othman, pellegrino, III, 236.

Otone o Oddone, capitano del conte Ruggiero, III, 156, 225.

Otone I, imperatore, II, 262, 263, 278, 311, 312, 321, 409; III, 199.

Otone II, imperatore, II, 308, 321, 322, 323, 324, 325, 326, 327, 328,
329, 344; III, 62.

Otone III, imperatore, II, 318, 338, 339; III, 47.

Otone IV, imperatore, III, 588, 589, 590, 800.

Otone, marchese aleramide, III, 199.

Ottomani, 264.


P

Pacione, cognome, III, 206, 875.

Pagani, 26; II, 442; 66, 101, 123, 131, 207, 574, 612.

Paladino, III, 635, _v._ Saladino e Malek-Adel.

Palata, 248, 258, 259, 266, 267, 268; II, 269.

Palear (de) Gualtiero, vescovo di Troja, III, 568, 569, 571, 572, 620.

Palermitani, II, 65, 66, 120, 121, 122, 124, 126, 130, 131, 140, 141,
142, 147, 158, 186, 190, 223, 306, III, 487, 793.

Palermo (arcivescovo di), III, 128, 137, 304, 474, 498, 502, 533, 543,
545, 565, 638, 641.

Palermo (Chiesa di), III, 238, 239, 247, 256, 275, 310, 312, 325, 328,
542, 565, 573, 588.

Palermo (clero di), III, 587.

Palermo (da) Giovanni, III, 692, 693, 694, 695.

Palermo (da) maestro Mosè, III, 697.

Palermo (da) Perrono, III, 628.

Palmer Riccardo, III, 217, 495, 502, 503, 531.

Panciroli Guido, III, 803.

Pandolfo Capo di ferro, II, 311.

Pandone, 360, 452.

Pandonolfo, 452, 455.

Panteisti, II, 98.

Paolo, diacono, 96, 99.

Paolo, ministro di Leone Isaurico, 217.

Paolo Orosio, II, 219; III, 659, 671.

Pari (corte de’) in Sicilia, III, 444.

Parti, 138.

Pasquale II, papa, III, 193.

Pasquale, stratego, II, 245.

Pasqualino Francesco, III, 203, 884, 885.

Paterini, III; 610.

Patricola Giuseppe, III, 794, 848, 856.

Patti (Chiesa di), III, 221, 305, 308, 338, 876.

Patti (di) Ansaldo, III, 57.

Patzinaci, 351; III, 434.

Pauliciani, 338, 440, 510, 511; II, 261, 392 394.

Pellegrino Cammillo, III, 46.

Pellissier et Rémusat, LVI.

Pepoli, di Trapani, III, 795.

Peranni Domenico, XXXV.

Perron, 152.

Pertz, XXVIII, XXIX.

Pharos, XLI.

Picingli Niccolò, II, 166.

Picone Giuseppe, III, 614, 884.

Pierio, 12.

Pier l’Eremita, III, 223.

Pietraszewschi, III, 450.

Pietro II, re d’Aragona, III, 583, 631.

Pietro, arcidiacono, III, 389.

Pietro, arcivescovo di Lipari, III, 276.

Pietro, diacono, 102; III, 76.

Pietro, eunuco, III, 481, 484, 489, 490, 493, 494, 495, 496, 497.

Pietro, gaito, III, 480, 481, 493 a 497.

Pietro, martire, 511.

Pietro, prete..., III, 256.

Pietro, siciliano, III, 697.

Pietro Siculo, vescovo degli Argivi, 507, 508, 509, 510, 511, 521.

Pietro, tesoriere della Chiesa di Palermo, III, 545.

Pietro il Venerabile, abate di Cluny, III, 414, 432, 440.

Pietro, vescovo di Tauriano, 231.

Pincinniaco (di) Guglielmo, III, 389.

Pipino, 182.

Pirro Rocco, XXIX; 18, 23, 28, 29.

Pisa (da) Adaleta, III, 796.

Pistona (da) Vitale, III, 288.

Pitittu, casato, III, 205, 875.

Pitrè, III, 887.

Platone, III, 703.

Plinio, 9, 10, 75, 199.

Plotino, 502; III, 90, 91, 92.

Plutarco, 199.

Pococke, 63, 108.

Poli, XXIV.

Police Andrea, III, 208.

Ponzone (marchesato di), III, 199.

Porco Guglielmo, III, 600, 601, 607.

Portirio, 17, 196; II, 438.

Potho, catapano, II, 346.

Power J., XXXV, XLI; II, 64.

Prassinachio, II, 214, 264, 405, 412.

Pratilli Francesco, XXIX.

Probo, filosofo, 17.

Probo, imperatore, 10.

Procopio, 75, 105, 106; III, 478.

Procopio, protovestiario, 439.

Procopio, vescovo di Taormina, II, 84.

Provenza (conte di), III, 584.

Provenzali, III, 13.

Pugliesi, II, 166; III, 31, 42, 116, 120, 145, 182, 347, 393, 543.

Putheolis (de) Ugo, III, 221.


Q

Quatremère Etienne, XXXVIII, XLII, XLIX, LI, LIV, LV; 142.


R

Radalgiso, II, 338.

Radelchi, 354, 357, 360, 361, 362, 363, 368, 369, 370, 372.

Rader, 499.

Rafi’-ibn-Makkân-ibn-Kâmil, III, 369, 370, 371, 372, 373, 411.

Râik, tradizionista, II, 481.

Raimondo, principe d’Antiochia, III, 433.

Raimondo III, conte di Barcellona, III, 388, 389, 390.

Raimondo, conte di Tolosa, III, 195.

Raimondo, oratore di Raimondo III, conte di Barcellona, III, 389.

Raimondo, vescovo, III, 594.

Rainolfo, conte d’Avellino, III, 776.

Rainolfo, _v._ Drengot.

Rainolfo, conte d’Aversa, III, 28, 29, 30, 277.

Rakamuwêih, II, 33, 65, 69.

Rampoldi, XIX, XX, XXI; 100, 119, 171, 346.

Ramun, di Michiken, III, 264.

Ranieri, di Manente, pisano, III, 579, 581.

Raoul, prete, III, 256.

Rascida, figliuola di Mo’ezz-li-dîn-illah, II, 448.

Rawendi, II, 112.

Raxdis (Rascîd), governatore di Messina, III, 56, 60.

Rayca, II, 345; III, 30.

Razi, III, 698.

Razionalisti, II, 98.

Read Thomas, XXXIX.

Reb’a, tribù arabica, III, 211.

Rebâb, tribù arabica, III, 829.

Rebî’ (Abu-Soleiman), II, 230.

Rebi’a, tribù arabica, 360; III, 211, 737.

Redhwân, II, 521.

Regiâ-ibn-Genâ, II, 211.

Regiâ-ibn-abi-l-Hasan-Ali-ibn-abi-l-Kasim-Abd-er-Rahman-ibn-Regiâ
(Abu-l-Fadhl), III, 752.

Reginaldo, 374.

Reginone, 377.

Regiomontano, III, 658.

Reidân, II, 357.

Reinaud, XXXIII, XXXVIII, XL, XLI, XLII, XLIV, XLVI, XLVII, XLVIII,
XLIX, L, LI; III, 202.

Reiske, XXXVIII, LI, LV.

Reland Adriano, II, 453.

Renan, III, 858.

Renaudot, IX; III, 681.

Rendacium, _v._ Sisinnio.

Rendasc, II, 184.

Rendâsci, 351.

Renò (Reinault?), canonico, III, 291.

Repostel Guglielmo, III, 25.

Rescîd-ibn-Mo’tamid-ibn-’Abbâd, II, 528.

Rescîd, schiavo d’Ibrahim, II, 53.

Rescîd, signore di Kàbes, III, 411.

Rhentacios, 351.

Riâh, tribù arabica, III, 384.

Ribbah-ibn-Ia’kûb-ibn-Fezara, 330, 331, 343, 353, 385, 390; II, 140.

Riccardo, conte d’Aversa, III, 43, 45, 49, 53.

Riccardo, conte di Caserta, III, 619.

Riccardo, conte di Molise, III, 502.

Riccardo Cuor di Leone, III, 529, 546, 549, 802.

Riccardo I, duca di Normandia, III, 39.

Riccardo II, duca di Normandia, II, 413; III, 26.

Riccardo, gaito, III, 263, 500, 501, 502.

Riccardo, principe di Capua, II, 23, 47, 116, 122, 123, 142, 143, 144,
146, 186.

Richar, II, 325.

Ricimero, 11.

Ricon (?), gaito, III, 263.

Righa, tribù berbera, III, 211.

Righi, III, 211.

Robaldo, III, 288.

Robertino, III, 692.

Roberto, abate del Monte di San Michele, III, 428.

Roberto, arcivescovo di Messina, III, 317, 346.

Roberto, conte di Clermont, III, 195.

Roberto, duca di Normandia, III, 13, 25.

Roberto, figliuolo del duca di Borgogna, III, 347.

Roberto Guiscardo, II, 349, 386, 397, 412, 416; III, 21, 22, 23, 27,
38, 42, 43, 45, 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 57, 59, 60, 62,
63, 65, 67, 70, 71, 72, 73, 74, 75, 76, 77, 78, 79, 87, 88, 89, 102,
104, 105, 106, 107, 108, 112, 114, 115, 116, 117, 120, 121, 122, 123,
124, 125, 126, 127, 128, 129, 130, 131, 133, 134, 136, 138, 139, 140,
141, 142, 143, 144, 146, 147, 148, 150, 158, 160, 161, 162, 163, 164,
165, 182, 183, 184, 191, 196, 207, 214, 265, 266, 271, 273, 274, 298,
299, 300, 301, 302, 303, 326, 331, 335, 338, 339, 342, 350, 352, 358,
396, 451, 813, 864.

Roberto, vescovo di Traina, III, 192, 193.

Roberto, vescovo di Tricarico, II, 407.

Roctè (?) Giovanni, III, 288.

Rodeina, II, 336.

Rodofilo, II, 89.

Rodolfo, _v._ Drengot, III, 25, 26.

Rodolfo, conte d’Ivry, III, 20.

Rodolfo Glabro, III, 12.

Rodrigo, 476.

Roll, III, 17, 18, 53, 213.

Roma (corte e Chiesa di), 15, 19, 21, 22, 29, 77, 84, 91, 95, 96, 179,
183, 192, 197, 202, 218, 221, 444, 485, 498, 500, 502, 515, 518; II,
402; III, 11, 45, 46, 48, 49, 192, 193, 205, 207, 217, 274, 304, 348,
389, 394, 395, 430, 432, 468, 549, 569, 570, 574, 595, 701, 816.

Roma (da) Paolo, arcivescovo di Morreale III, 797

Romani, 39, 76, 78, 87, 96, 104, 118, 206, 417; II, 165, 203, 204, 264,
321, 328, 329, 348, 337, 443; III, 58, 145, 393, 431, 468, 550, 566,
593, 746.

Romano I, imperatore (Lecapeno), II, 153, 154, 174, 175, 184, 219.

Romano II, imperatore, II, 259.

Romano III, imperatore (Argirio), II, 366, 367, 379.

Romualdo, arcivescovo di Salerno, III, 438, 440, 466, 481, 495, 502,
503, 558, 560, 842, 849.

Romualdo, principe di Salerno, II, 338.

Rostemidi, 130.

Rotrou (di) Stefano, dei conti di Perche, III, 224, 497, 498, 499, 500,
501, 503, 540, 542.

Rouen (arcivescovodi), III, 49, 217, 559.

Rouen (da) Stefano, vescovo di Mazara, III, 307.

Rozaik, II, 515, _v._ Mohammed-ibn-Sahl.

Rousseau Alphonse, XXXIV, XXXVIII, XXXIX, XLV, L, LV; II, 429.

Ruffo, casato, III, 221.

Ruffo Giordano, III, 697.

Ruffo Guglielmo, III, 288.

Ruffo, marchese, XXXV.

Ruggiero, di Amalfi, III, 863.

Ruggiero, conte di Geraci, III, 502.

Ruggiero I, conte di Sicilia, XXXIX, XLVII; 236, 417, 469: II, 383,
396, 397, 401, 403, 404, 450, 552; III, 23, 44, 45, 48, 49, 50, 51,
52, 53, 54, 57, 58, 59, 60, 61, 62, 63, 64, 65, 67, 68, 69, 70, 71, 72,
73, 75, 78, 79, 82, 83, 84, 85, 87, 88, 89, 90, 91, 92, 93, 94, 95, 96,
97, 98, 99, 100, 101, 103, 104, 105, 106, 111, 112, 113, 114, 115, 116,
117, 119, 120, 124, 125, 126, 127, 128, 130, 131, 133, 134, 136, 139,
140, 146, 147, 148, 149, 150, 151, 152, 153, 154, 156, 158, 159, 160,
161, 162, 163, 164, 165, 166, 167, 168, 174, 175, 176, 177, 178, 179,
180, 182, 183, 184, 185, 186, 187, 188, 189, 190, 191, 192, 193, 194,
195, 196, 201, 207, 214, 217, 218, 225, 229, 230, 233, 236, 238, 241,
245, 247, 254, 255, 257, 258, 261, 266, 267, 269, 271, 272, 273, 274,
275, 276, 277, 284, 291, 298, 300, 301, 302, 303, 304, 305, 306, 307,
309, 310, 311, 312, 313, 315, 324, 326, 327, 329, 331, 332, 333, 334,
335, 339, 340, 343, 345, 348, 349, 350, 351, 352, 353, 358, 368, 396,
446, 451, 485, 540, 621, 662, 794, 806, 813, 820, 821, 841, 848, 871.

Ruggiero I, duca di Puglia, III, 22, 146, 165, 178, 183, 184, 185, 186,
187, 239, 271, 272, 274, 343, 813.

Ruggiero, figliuolo di Guglielmo I, di Sicilia, III, 485.

Ruggiero Guiscardo, personaggio supposto, II, 412.

Ruggiero Nanainà, II, 416.

Ruggiero, re di Sicilia, XXXIX, XLI, XLIII, XLV, XLVII, L, LIII; 236,
466, 469, 470, 488, 492, 494; II, 414, 429, 445; III. 48, 58, 153, 190,
195, 196, 198, 200, 215, 223, 226, 228, 234, 252, 255, 262, 267, 275,
276, 277, 284, 290, 294, 295, 296, 308, 309, 314, 323, 326, 332, 333,
339, 343, 344, 345, 346, 348, 350, 351, 359, 360, 362, 363, 364, 365,
366, 368, 369, 370, 371, 372, 373, 376, 378, 379, 380, 381, 383, 387,
388, 389, 390, 391, 392, 393, 394, 395, 396, 397, 398, 399, 400, 402,
403, 404, 405, 406, 411, 412, 413, 414, 415, 417, 420, 421, 422, 423,
424, 425, 426, 428, 430, 431, 432, 433, 434, 433, 437, 438, 439, 440,
441, 442, 443, 444, 445, 446, 447, 448, 449, 450, 451, 452, 453, 454,
456, 458, 459, 460, 461, 462, 463, 464, 465, 468, 474, 491, 493, 494,
504, 552, 557, 621, 655, 657, 660, 661, 662, 663, 665, 669, 670, 673,
677, 678, 679, 680, 681, 682, 684, 685, 689, 691, 693, 699, 700, 719,
746, 752, 754, 755, 758, 759, 760, 762, 769, 771, 772, 773, 775, 778,
780, 781, 784, 786, 787, 798, 799, 801, 805, 806, 808, 811, 813, 814,
818, 819, 841, 842, 846, 848, 849, 855, 888.

Ruggiero Schiavo, III, 223, 226, 448.

Ruggiero, di Traina, III, 290, 291.

Ruggiero, vescovo di Siracusa, III, 307.

Rûm, 86, 104, 206, 247, 329; II, 73, 194, 242, 251, 269, 273, 310, 362,
439, 501, 532; III, 6, 218, 325, 366, 367, 382, 386, 418, 472, 490,
830, 860.

Rûm-Afarika, II, 6.

Rumâniùn, III, 366.

Ruzabeh, III, 826.

Ruzaik-ibn-Abd-Allah, II, 541.


S

Saba, 359.

Sabatier Francesco, III, 861.

Sabato, III, 209.

Sabbatio, 491.

Sabbioneta (da) Gerardo, III, 695.

Sâber, _v._ Sareb, II, 179.

Sabii, III, 703, 764.

Saccano Iacopo, III, 57.

Sa’d, tribù arabica, II, 33; III, 766.

Sa’d-ibn-abi-Wakkâs, 60.

Sa’d-ibn-Zeid-Monat, tribù, II, 505.

Sadr-ed-dîn, Kunewi, II, 493.

Safadino, _v._ Malek-Adel.

Safi, capitano, II, 341.

Sahl-ibn-Mohammed, Segestani (Abu-Hâtim), xxv.

Sa’îd-ibn..., II, 299.

Sa’îd-ibn-Heddâd, II, 217.

Sa’îd-ibn-Fethûn-ibn-Mokram, da Cordova, II, 472.

Sa’îd-ibn-Jûsuf, da Calatayud, II, 481.

Sa’îd-ibn-Hosein, _v._ Obeid-Allah, II, 118, 120, 132.

Sa’îd-ibn-Othman, II, 222, 225.

Sâih, XLVI.

Sâin, _v._ Saber e Sareb, II, 176, 177, 178, 179.

Sakhr, tribù arabica, III, 384.

Saklab, II, 433.

Saladino, XLV, XLVI, XLVII, XLVIII, XLIX, LI; 267, 396; II, 240; III,
264, 412, 505, 506, 507, 508, 509, 510, 511, 512, 513, 515, 519, 521,
522, 523, 524, 526, 527, 528, 529, 530, 536, 634, 637, 638, 649.

Sâlem, 340.

Sâlem-ibn-Ased-ibn-Râscid-el-Kenâni (Kotami?), II, 160, 170, 181, 182,
183, 184, 185, 186, 187, 188, 189, 191, 195, 204.

Sâlem-ibn-Râscid, _v._ Sâlem-ibn-Ased, ec., II, 160.

Salinas Antonio, III, 129, 795, 856.

Salisbury (da) Giovanni, III, 496.

Salomone, 125.

Salomone Marino, III, 887.

Sallustio, 105.

Sambucino (abate di), III, 574.

Sammartino (duca di), XXXV.

Samuele, maestro, III, 868.

Samuele-ibn-Tibbon, III, 706.

Sanâb o Sebâb, II, 362.

Sant’Adriano (cardinale di), III, 571.

Sant’Agatone, 29.

Sant’Agrippina, 279.

Sant’Agrippino, II, 253.

Sant’Ambrogio, II, 389.

Sant’Anseimo, arcivescovo di Canterbury, III, 187, 188.

Sant’Antonio, siciliano, II, 409.

Sant’Antonio, eremita, II, 317.

San Bartolommeo, 356, 503.

San Benedetto, 101, 366.

San Bernardo, III, 395, 413, 432.

San Brandano, III, 679.

Sant’Elia, da Castrogiovanni, II, 70, 80, 81, 96, 441.

Sant’Elia, da Reggio, II, 410.

San Fantino, 230, 231.

San Filareto, 293, 487, 490.

San Filippo, 45.

San Gennaro, II, 253.

San Gerlando, III, 210, 339.

San Geronimo, 75.

San Giacomo, vescovo, 220.

San Giorgio, II, 385; III, 99.

San Giorgio (principe di), _v._ Spinelli Domenico, III, 812.

San Giovanni Damasceno, 177.

San Giovanni Therista, II, 346, 412.

San Giuseppe Innografo, 30, 219, 221, 231, 502, 503, 505, 521.

San Gregorio, 12, 18, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 85,
196, 202, 203, 204, 205, 207, 291, 293, 482, 520; II, 403, 433, 490.

Sanhâgia, Senhâgia e Sinhâgia, tribù berbera, VIII, XXX; II, 36, 202,
287, 288, 355, 358; III, 92, 373, 478.

Sant’Ignazio, patriarca di Costantinopoli, 420; II, 385.

Sant’Ilarione, II, 317.

San Leoluca, 519.

San Leone, di Ravenna, 218, 219, 220.

San Luca, 492, II, 92.

San Luca, di Demona, II, 346, 403, 407, 408, 409, 410, 412.

San Marciano, 15, 16.

San Massimo, 91, 96.

San Niccolò, di Bari, III, 812.

San Niceforo, vescovo, II, 213, 214.

San Nilo il Giovane, II, 313, 317, 318, 319, 320, 321, 346.

Santa Oliva, 520.

San Pancrazio, 15, 18, 493; II, 80.

San Pantaleone, 494.

San Paolo, 15, 16; II, 167.

San Pietro, 15; II, 90, 95, 167.

San Placido, 101, 103.

San Procopio, vescovo di Taormina, 520; II, 59, 402.

San Quintino (Giulio, dei conti di), III, 197.

San Ranieri, III, 796.

San Saba, abate, II, 410; III, 258.

Sari Severino, II, 91, 92, 95.

San Simeone, II, 412, 413.

San Teodoro, siciliano, III, 409.

San Teodoro (cardinale di), III, 571.

San Vitale, di Castronovo, II, 403, 406, 407, 412.

Sant’Agata, 17, 508.

Santa Lucia, 17; II, 391.

Santa Lucia (abate di), III, 309.

Santa Ninfa, 17.

Santa Venera, da Gala, 520.

Saluti Pietro, II, 205, 875.

Sara, 75.

Saraceni, 75, 76, 84, 85; II, 87, 88, 153, 165, 170, 171, 181, 215,
312, 319, 321, 322, 328, 329, 338, 342, 343, 385, 408; III, 2, 8, 13,
41, 58, 65, 83, 102, 105, 108, 120, 123, 132, 138, 142, 145, 159, 184,
185, 186, 192, 194, 206, 251, 264, 266, 296, 321, 326, 344, 368, 388,
389, 397, 398, 489, 498, 530, 538, 543, 545, 574, 575, 577, 580, 585,
586, 587, 588, 592, 593, 594, 595, 596, 601, 602, 603, 604, 607, 609,
611, 612, 613, 614, 616, 618, 620, 632, 641, 688, 712, 713, 788, 792,
870, 891.

Sardegna (giudici di), III, 7.

Sâreb, _v._ Sâin e Saber, II, 179.

Sassanidi, 40, 76, 142; II, 109, 110; III, 732, 825, 837.

Sassoni, II, 322, 372; III, 40.

Sato (Sa’îd?), II, 342.

Saudan (sultano), 436.

Savoia (casa di), III, 803.

Savonarola, II, 485.

Scaldi, II, 380.

Scandinavi, II, 380; III, 15, 16, 17, 20.

Sceaboddino, _v._ Abmed-ibn-Iehia.

Scedîd, III, 572.

Scehâb-ed-dîn-ibn-Abi-l-Damm, LIII.

Scehâb-ed-din ’Omari, _v._ Ahmed-ibn-Iehia.

Sceikh-ed-dawla, _v._ Abd-er-Rahman-ibn-Lûlû.

Scekr, detto il Siciliano, II, 228.

Scems-ed-dîn, da Ormeia, III, 641.

Scerf-ed-dawla, 359.

Scerf-ed-dîn-Ahmed, Zenkeluni, XXVI.

Scherif-Elidris, _v._ Edrîsi.

Schiavi, 4, 5, 10, 28.

Schiavo Domenico, XLIV; III, 286.

Schiavoni, 380; II, 88, 129, 158, 169, 297, 298, 299, 362.

Scolaro, prete, II, 400; III, 234, 257, 258, 338, 656.

Schultens, XLVIII.

Sciabtai Donolo, II, 319.

Sciafe’i, 474; II, 507.

Sciahuan, III, 368, 371.

Sciami, III, 211.

Scî’i, _v._ Sciiti.

Sciiti o Scî’i, II, 102, 105, 108, 115, 119, 124, 125, 128, 131, 136,
359, 360, 361; III, 719.

Scilitze, VIII.

Scinà Domenico, XII, LI; 15.

Scipione, 60; II, 80.

Sclavi, II, 174, _v._ Slavi.

Scorso, 488, 489.

Scoto Michele, III, 696, 697, 707.

Scrofani Saverio, XV.

Sedicto (Siddik?), gaito, III, 263, 500.

Sédillot, 57.

Seduikisc, tribù berbera, III, 495.

Sefedi, lii; 154; III, 699.

Sefetiti, II, 99.

Sehnûn, _v._ Abd-es-Selâm-ibn-Sa’îd.

Sehnûn-ibn-Kâdim, 264.

Seif-ed-dawla, della dinastia di Hamadan, II, 365.

Seif-ed-dawla, _v._ Jûsuf-abu-l-Fotûh

Seif-el-islam, principe aiubita, III, 264.

Sekhawi, XXXVII.

Selâh-ed-din, di Arbela, III, 641, 642.

Seleuro, 8.

Sema’ûn?, 404.

Sementari, II, 482, 490, 491, 493.

Semiti, II, 496.

Semnoen _v._ Sema’ûn, 403.

Semoul (di) Gualtiero, III, 105.

Seneca, 199.

Senhâgi, XXXVIII, XLI.

Senhâgia, _v._ Sanhâgia.

Serbi, II, 169.

Sergio, da Castronovo, II, 406.

Sergio, consolare, 213.

Sergio, console di Napoli, 364.

Sergio, duca di Napoli, 448, 450.

Sergio, monaco, 505, 521.

Sergio, papa, 29, 195.

Sergio, patrizio di Sicilia, 213, 217, 250.

Serlone, III, 64, 95, 98, 99, 101, 133, 134, 135, 136, 300.

Serradifalco (duca di), XXXIV, XLIII; III, 819.

Serrâg-ibn-Ahmed-ibn-Regiâ (Abu-d-Dhaw), III, 752, 753.

Settimello (da) Arrigo, III, 700.

Sewâda, II, 56.

Sewâda-ibn-Mohammed-ibn-Khafagia, 423, 424, 425, 428.

Sibilla Eritrea, XXX; III, 460, 461, 660.

Sibilla, regina, III, 559, 560.

Sicani, II, 31.

Sicardi, vescovo di Cremona, III, 352.

Sicardo, 312, 354, 355, 357.

Sichaimo, _v._ Soheim, 456.

Sichelgaita, III, 146.

Sicilia (di) Giovanni, III, 690, 691, 693.

Siciliani a Damasco, 84.

Siciliani, appellazione di coloni musulmani, 429.

Siconolfo, 354, 357, 360, 361, 362, 369, 370.

Siculi, 194, 196.

Sid-es-Sarkusi, soprannominato Ibn-es-Susi, III, 213.

Sifanto, III, 526.

Sifriti, 127, 133; II, 287.

Sikilli, casato, III, 212.

Silefi, tradizionista, II, 476, 489.

Silvestro II, papa, III, 3.

Silvestro, conte di Marsico, III, 784.

Silvia, 23.

Simeone, re dei Bulgari, II, 173, 174.

Simmaco, 12.

Simone, maestro, 242, 243, 249.

Simone, figliuolo d’Arrigo, dei marchesi Aleramidi, III, 226, 488.

Simone, figliuolo del conte Ruggiero, III, 183, 195, 345, 346, 347, 806.

Simsàm-ed-dawla, _v._ Hasan-ibn-Jûsuf.

Sinagia, _v._ Sanhâgia.

Sinan, detto il Vecchio della Montagna, III, 649.

Sind-ed-dawla, _v._ Abu-l-Fotûh-ibn-Bodeir.

Sinhagia, _v._ Sanhâgia.

Sinimmar, III, 825.

Siracusa (Leopoldo, conte di), XXXIV, XXXV, XLIII; II, 522.

Siracusa (vescovo di), III, 304, 574.

Sicelioli, 196.

Sisinnio, 350; II, 184.

Sisto V, papa, 101, 103.

Sittelkiul, figlia del Kaid-Se’ûd, III, 256.

Slavi, II, 50, 169, 170, 176, 177, 179, 199, 217, 218, 292, 366; III,
15, 157.

Smagardo, II, 340, 342; III, 25.

So’àd. III, 758, 759.

Società Orientale di Germania, XXII.

Socrate, 509; III, 703.

Socrate, legato bizantino, II, 253.

Sofian-ibu-Sewàda, 340, 427.

Sofronio, 403.

Soheim?, 456.

Soiûti, XXVI, XXXVII, LV; III, 716.

Soleim, tribù arabica, 135; II, 547.

Soleiman-ibn-Afia, 288.

Soleiman-ibn-Amran, 230, 260.

Soleiman(Abu-Dàwûd), II, 479.

Soleiman-ibn-Hasan, II, 116.

Soleiman, Kurdi, II, 484.

Soleiman-ibn-Iehia-ibn-Othmàn-ibn-Abi-Duma, II, 487.

Soleiman-ibn-Mohammed, da Trapani, II, 535.

Solimano, califo omeiade, 125; II, 28.

Sordavalle (di) Guglielmo, III, 221.

Sordavalle (di) Roberto, III, 162, 221.

Sordavalle (di) Sansone, III, 389.

Soret, XXIV.

Soweika (fazione della), III, 429.

Spedalieri, frati. III, 646.

Spelecte (Sant’Elia, di Reggio), _v._ Sant’Elia.

Spinelli Domenico, XVII, XXIV; III, 343, 344, 812 a 815.

Spinola Niccolò, III, 357, 359, 629, 632.

Spinola Oberto, III, 379.

Spoto, barone. III, 605.

Sprenger, XL.

Springer, III, 858, 862, 879.

Stabile Mariano, XXXV.

Stefano, ammiraglio greco, II, 379, 391, 392, 393.

Stefano, ammiraglio, figliuolo di Majone, III, 356.

Stefano Aniciese, 102.

Stefano Bizantino, 9.

Stefano, consolare, 213.

Stefano, dei conti di Perche, III, 215, 216, 493.

Stefano, figliuolo di Niccolò, d’Eugenio, ammiraglio, III, 353.

Stefano, fratello di Majone, III, 356, 480.

Stefano Massenzio, 440.

Stefano IV, papa, 29.

Stefano V, papa, 517.

Stefano IX, papa, III, 45.

Stefano, patrizio, II, 366.

Stefano, di Siria, II, 218.

Stefano, vescovo, II, 90.

Steinschneider, III, 706.

Stesicoro, III, 542.

Strabone, 7, 8, 9; III, 684.

Strambo, cognome, III, 206, 875.

Strato, cognome, III, 221.

Struppa Salvatore, III, 816.

Subula, casato, III, 205.

Sufiti, II, 492, 536.

Sultano, supposto nome proprio, 359, 360.

Sultano o Soldano di Bari, _v._ Moferreg-ibn-Sàlem, 372, 380, 382, 383,
436.

Sultano di Sicilia, II, 233, 240.

Sunniti, II, 98, 108, 131, 136; II, 719, 727.

Svevi (dinastia), XXXI; II, 300; III, 406, 530, 889.

Symeon, magister, 164.


T

Tabat, abate, III, 246.

Tabari, XXXIX, XLI; 60.

Tacito, 73; III, 557.

Tafuri Michele, II, 459; III, 344.

Tag-ed-dawla, _v._ Gia’far-ibn-Jûsuf.

Tag-ed-dîn, Abu-Abd-Allah-es-Singiàri, III, 734.

Tag-ed-dîn, el-Kendi, III, 730.

Taghleb, tribù arabica II, 511.

Tàher-ibn-Mohammed-ibn-Rokbâni, II, 511, 342

Taheriti, dinastia, II, 4.

Taki-ed-dîn, III, 698.

Tamerlano, LIII.

Tarmîm, _v._ Temîm.

Tancredi, conte di Lecce, III, 509.

Tancredi, conte di Siracusa, II, 396.

Tancredi, di Hauteville, III, 38, 39, 42, 45, 49, 112, 451, 813, 814,
815.

Tancredi, re di Sicilia, III, 342, 503, 521, 531, 544, 546, 548, 550,
555, 558, 560, 562, 566, 568, 592, 594, 802.

Tantawi, XLVI.

Taormina (di) Timeo, III, 671.

Taranto (arcivescovo di), III, 579.

Tardia, X, XVII, XLIV; III, 203.

Tarik, 125.

Tâwâli, 429.

Teaîd-ed-dawla, _v._ Ahmed-ibn-Jûsuf, II, 364.

Tedeschi, 247, 248, 282; II, 322, 348; III, 43, 46, 298, 413, 543, 544,
548, 552, 557, 558, 563, 564, 567.

Teja, martire, 15.

Telemsen (re di), III, 379.

Telese (abate di), III, 347, 440.

Temîm-ibn-Mo’ezz-ibn-Badîs, principe Zirita, XXXVIII; II, 92, 93; III,
92, 93, 94, 109, 110, 136, 150, 158, 167, 168, 169, 170, 172, 173, 189,
361, 362, 366, 368.

Temîm (tribù di), II, 480, 488, 504, 505, 506; III, 211, 409.

Temistocle, II, 272.

Temmâm, 145.

Templari, III, 645, 646.

Teobaldo, priore di Crepy, III, 498.

Teocrito, II, 542.

Teoctisto, 190, 193.

Teodicio, figliuolo d’Eugenio, ammiraglio, III, 353.

Teodora, 492.

Teodora, di Roma, II, 160.

Teodora, imperatrice, 315, 338, 498, 510.

Teodorico, 12, 211.

Teodoro, ammiraglio, figliuolo di Niccolò, d’Eugenio, ammiraglio, III,
353, 356.

Teodoro, consigliere in Roma, 203.

Teodoro, consolare, 213.

Teodoro Crethino, 298.

Teodoro, filosofo, III, 692, 693, 694, 695.

Teodoro, spatario e cartulario, 213.

Teodoro, patrizio, 180, 188, 189.

Teodosio, 17, 200.

Teodosio, monaco, 394, 398, 401, 403, 404, 405, 406, 408, 409, 521; II,
32.

Teodosio, patrizio, 357.

Teodoto, 185, 188, 248, 282, 283, 285, 288, 289, 290.

Teofane, abate, 29.

Teofane Cerameo, 486, 487, 488, 489, 490, 491, 493, 495, 496, 503, 521;
II, 439.

Teofane, discepolo di San Giuseppe Innografo, 505.

Teofane, istorico, 21, 84, 86, 91, 93, 96, 98, 121, 223.

Teofania, imperatrice, moglie di Ottone II, II, 326, 327.

Teofano, principessa greca, II, 311, 312.

Teofilatto, 462.

Teofilo, imperatore, 220, 291, 297, 298, 315, 357, 492, 494, 497, 498,
503, 505.

Teofilo, prefetto imperiale, 213, 287, 288.

Teognosto, 241, 242, 244.

Teopisto, 229.

Tessaracontarii, 164.

Thâbit il Siciliano, II, 487.

Tharec, 170, _v._ Tarik.

Thâbit-ibn-Hathîm, 172.

Thedibia, II, 408.

Thelgi, II, 111.

Thierry, vescovo di Metz, II, 326.

Thiket-ed-dawla, II, 332, 336, _v._ Jûsuf-ibn-Abd-Allah.

Tiberio, 9.

Tiberio II, imperatore, 121.

Tiberio, usurpatore, 217.

Tigiani, XXVII, l.

Togibiti, II, 472.

Tolomeo, XXX; 9, 10, 75; II, 432, 433, 437, 469; III, 178, 657, 658,
669, 670, 671, 679, 707.

Tolunidi, II, 4, 50, 76, 77; III, 847.

Tommaso, schiavo di San Gregorio, 202.

Tommaso, conte d’Acerra, III, 641.

Tommaso, di Cappadocia, 164, 193, 240, 242, 250.

Tommaso, conte di Savoia, III, 810.

Tonûkh, tribù arabica, II, 220, 335.

Torceto (de) Rogerius Acquinus, III, 221, 223.

Tornberg, XLVII, L, LI, LIII.

Toscana (marchese di), II, 2.

Toscana (granduchi di), III, 681, 682.

Traina (vescovo e Chiesa di), III, 341, 349, 353.

Traina Antonino, III, 884, 887.

Traina (da) Viviano, III, 288.

Traci (di) Pietro, III, 116.

Trani (conte di), III, 123.

Trasimondo, marchese di Spoleto, II, 312.

Tribellio Pollione, 10.

Tricari Basilio, III, 281.

Troia (vescovo di), III, 582.

Trostaino, III, 29.

Troysi, XXXV.

Tunis (re di), III, 630.

Tûra, supposto re di Taormina, II, 439.

Turan-Sciah, fratello di Saladino, III, 506.

Turchi, 123; II, 371, 462; III, 282, 506.

Turcopoli, III, 508.

Turungi, III, 212.

Tusculani, III, 550, 558.

Tychsen, X, XXIV; 283, 296, 321; II, 6; III, 342.


U

Ugo I, re di Cipro, III, 643.

Ula, III, 258.

Ulf-Ospaksson, II, 386.

Umberto, di Savoia, III, 199.

Umberto, monaco, III, 402.

Unfredo, conte di Puglia, III, 38, 39, 40, 43, 45, 46, 47, 48, 142.

Unfredo, signore di Thoron, III, 643.

Unger Fr. W., III, 862, 879.

Ungheri, II, 161.

Unitarii, II, 98; III, 626, 627.

Urbano II, II, 414; III, 22, 177, 185, 187, 191, 192, 193, 194, 274,
304, 305, 306, 567.

Urdin, tribù berbera, III, 212.

Ursperg (abate di), III, 523.


V

Vadiperto, II, 325.

Valentino, imperatore, 210.

Vallachi, II, 365.

Vandali, 11, 104, 121, 519, 520; II, 357, 365.

Varangi, II, 365, 380, 383, 384, 385, 386; III, 34.

Vasto (marchesi del), III, 199.

Vecchio della Montagna, III, 647, 648, 649, _v._ Sinan.

Vella, abate, X, XXXVIII, LI; 284, 297; III, 202, 342.

Venere Ericina, 17.

Venezia (congresso di), III, 504.

Veneziani, II, 169, 341; III, 144, 172, 260, 434, 513, 522, 625, 629,
774.

Venuti Vincenzo, III, 176.

Vernese Lorenzo, III, 376.

Verre, 7.

Vico Giovan Battista, LIV; II, 270.

Vigo Leonardo, III, 878, 887.

Vigo Salvatore, XXXV.

Vinisauf, III, 107.

Virgilio, III, 461.

Visconti Pietro, III, 677.

Visigoti, III, 852.

Vitale Odorico, III, 85.

Vitaliano, papa, 102.

Vittore III, papa, III, 169.

Vlatto, arcivescovo, II, 320.

Vulcano, catapano, II, 366.


W

Waldemaro, re di Danimarca, III, 603.

Wahabiti, III, 626, 627.

Wakîdi (falso), XLV; 84 e segg.

Waldeck (conti di), II, 328.

Walîd I, califo omeiade, II, 110; III, 824, 828, 829, 830, 832, 840.

Walla, 227.

Waring, III, 845.

Wasâmâ, II, 191.

Wâsil (Abu-Sari), II, 226.

Weil, XXXIV, XLI; III, 4.

Welf, duca, III, 431.

Wenrich, XII, XVIII, XIX, XXVIII, XXX, XLI, XLVIII, LIII; 90, 100, 233;
III, 884.

Werner, abate di Fulda, II, 325.

Werrû, tribù berbera, III, 212.

Wezdâgia, tribù berbera, II, 36.

Weberto, arcidiacono di Toul, III, 44.

Wiccardo, famigliare, III, 792.

Wilmans Ruggiero, III, 22.

Witiza, 476.

Wright William, XXXIV, XLVI, LV.

Wuezdâgia, tribù berbera, II, 52.

Wüstenfeld Ferdinando, XLVI, XLIX, L.

Wüstenfeld Teodoro, III, 197, 224, 227.


X

Ximenes, cardinale, VI.


Z

Zaccaria, condottiero, II, 313.

Zaccaria, papa, II, 169.

Zaccaria, vescovo, 499.

Zàhir, _v._ Daher.

Zakaria (Abu-Iehia), emir hafsita, L.

Zanetti, XXVIII.

Zefedino,_ v._ Nazardino.

Zegawa, tribù berbera, III, 211.

Zeid, liberto di Maometto, 55.

Zeid, tribù arabica, III, 384.

Zeidân, II, 357.

Zeinab-bent-Abd-Allah-Ansari, III, 256, 325.

Zenata, tribù berbera, 36, 39, 198; II, 287, 293, 355, 358; III, 92,
211.

Zengui, padre di Norandino, III, 408, 462.

Zenobia, 31.

Zerkesci, LV.

Ziâd..., III, 827, 855.

Ziâd-ibn-Sahl-ibn-es-Sikillîa (o Sakalîba), 155.

Ziadet-Allah, emir aghlabita d’Affrica, 115, 153, 154, 155, 156, 231,
254, 255, 256, 257, 259, 260, 261, 262, 276, 278, 284, 287, 288, 295,
300, 301, 309, 337; III, 829, 831.

Ziadet-Allah II, emir aghlabita, 345.

Ziadet-Allah-ibn-Abd-Allah (Abu-Modhar), ultimo emir aghlabita
d’Affrica, II, 77, 85, 126, 127, 128, 129, 130, 134, 140, 141, 142,
456.

Ziân (Abu-l-Feth) il Siciliano, II, 228.

Ziero, III, 209.

Zimisce, II, 312, 313.

Zîri-ibn-Menâd, II, 202; III, 417.

Ziriti, dinastia, XXXVII, XXXVIII; II, 238, 241, 287, 288, 289, 355,
358, 360, 362, 363, 372, 378, 379, 421, 448, 529, 550; III, 73, 80,
81, 92, 93, 109, 150, 158, 169, 332, 366, 367, 368, 371, 373, 400, 404,
405, 414, 416, 423, 621, 622, 780, 808.

Zobeir, II, 524; III, 506.

Zoe, figliuola di Teodicio, d’Eugenio, ammiraglio, III, 353.

Zoe, imperatrice, 245, 250, 518; II, 153, 166, 174, 379, 384, 385, 386,
393, 394.

Zogba, tribù arabica, III, 212.

Zoheir-ibn-Ghauth, 285; II, 32.

Zoheir-ibn-Kais, 118.

Zohri, LIV.

Zonara, 242.

Zoroastro, 139.

Zotico e Zotica, casato, III, 205.

Zowâwa-ibn-Ne’am-el-Half, 264.

Zupano, II, 176.

Zuzeni (Mohammed-ibn-Ali), XLVIII.



INDICE TOPOGRAFICO.


A

Abal, III, 664.

Abbâsia, 146, 147, 156.

Abissinia, 40, 46, 58; III, 825, 831, 832.

Abragia, III, 311.

Abu-’l-Feth (torre di), II, 49, 50.

Abu-Himâz (contrada di), II, 297.

Acaba, 122.

Acarnania, III, 434.

Acerenza, III, 178.

Achareth, 469, _v._ Alcara.

Aci, II, 73, 85, 86, 433; III, 205, 208, 212, 213, 238, 245, 261, 311,
320, 326, 782, 783, 787, 811.

Acireale, II, 86; III, 309.

Acquaviva, II, 35; III, 219.

Acradina, II, 258.

Acri, 269, 270, 272; III, 529, 530, 639, 641, 644, 645, 646, 712.

Adana, 401.

Aden, III, 506.

Aderbaigian, II, 110, 113, 488.

Adernò, II, 431; III, 96, 285, 311, 312, 774.

Adgabia, _corr._ Agdabia, II, 290.

Adîna, II, 503, 504.

Adramito, II, 368.

Adrano (bosco di), II, 443.

Adria, 358.

Adriatico, 315, 328, 354, 357, 358, 378, 436; II, 164, 169, 170, 179,
263, 341; III, 162, 232, 315, 439, 467, 675.

’Adwa, III, 458.

Affrica propria, Affricani, XXXI, XXXIX, XLI, XLII, XLIV, XLV, XLVI,
XLIX, L, LI, LII, LIII, LVI; 12, 79, 85, 86, 88, 91, 94, 95, 98, 103,
104, 109, 112, 118, 119, 120, 121, 122, 123, 126, 136, 137, 138, 143,
144, 148, 157, 158, 161, 162, 165, 168, 174, 175, 176, 205, 206, 218,
224, 225, 227, 229, 232, 234, 240, 241, 248, 252, 253, 258, 261, 264,
272, 273, 274, 276, 287, 291, 296, 304, 309, 321, 322, 332, 337, 340,
343, 351, 352, 353, 359, 364, 365, 366, 379, 383, 384, 390, 391, 392,
397, 412, 413, 415, 427, 513, 514; II, 4, 6, 10, 12, 21, 22, 31, 32,
36, 37, 38, 39, 43, 45, 48, 51, 61, 62, 63, 64, 66, 67, 72, 74, 75,
77, 78, 86, 92, 105, 108, 120, 121, 126, 127, 128, 131, 132, 133, 134,
135, 137, 139, 141, 142, 147, 150, 151, 152, 159, 161, 165, 168, 170,
173, 175, 176, 177, 182, 183, 184, 188, 191, 194, 195, 198, 200, 201,
202, 203, 204, 205, 206, 207, 210, 216, 217, 218, 220, 221, 223, 225,
226, 227, 228, 229, 233, 235, 236, 237, 238, 240, 241, 246, 247, 248,
249, 250, 251, 255, 257, 259, 263, 267, 272, 275, 282, 283, 286, 287,
288, 289, 290, 292, 293, 295, 320, 322, 332, 335, 338, 343, 348, 349,
351, 355, 356, 358, 359, 360, 361, 362, 363, 366, 367, 368, 369, 370,
371, 372, 373, 377, 383, 384, 385, 387, 388, 391, 405, 418, 419, 420,
424, 427, 428, 432, 444, 445, 446, 448, 450, 453, 465, 477, 478, 479,
484, 486, 488, 495, 496, 499, 513, 519, 525, 526, 527, 528, 530, 533,
534, 535, 540, 547, 548; III, 2, 3, 6, 12, 13, 14, 72, 73, 80, 82, 92,
93, 94, 95, 104, 109, 110, 111, 122, 124, 125, 136, 150, 151, 158, 167,
173, 177, 188, 189, 190, 196, 211, 212, 213, 260, 261, 303, 310, 332,
333, 334, 337, 352, 359, 362, 363, 366, 367, 369, 374, 378, 379, 380,
381, 382, 385, 388, 399, 402, 403, 406, 407, 409, 410, 414, 417, 419,
420, 421, 422, 424, 430, 431, 434, 436, 438, 439, 461, 464, 465, 467,
468, 474, 475, 476, 478, 483, 484, 486, 489, 490, 495, 504, 515, 516,
517, 518, 520, 533, 538, 539, 548, 553, 573, 589, 598, 599, 600, 613,
617, 622, 624, 625, 626, 627, 632, 633, 651, 662, 663, 664, 665, 668,
676, 678, 681, 682, 684, 711, 716, 735, 740, 751, 759, 763, 771, 783,
785, 787, 799, 810, 811, 825, 831, 836, 844, 867, 868, 879, 892.

Affrica, città, 379, 387, _v._ Mehdia.

Affricano, mare, 417.

Agdabia, II, 290, 362.

Aghmat, II, 528, 665.

Agiàs, II, 356.

Agosta, III, 166, 213, 338.

Agri, II, 408.

Agrigento, 8; III, 210, _v._ Girgenti.

Agropoli, 457, 459, 465, 463; II, 161, 344.

Aguglia, III, 264.

Ahâsi, _v._ Le Sorelle.

Ahmar, monte, III, 865.

Ahwàz, II, 114; III, 827.

Aidone, III, 224, 225, 227, 269.

’Ain-el-Bottiah, III, 820.

’Ain-el-Farkh, III, 820.

’Ain-Liel, III, 312.

’Ain-el-Meginuna, III, 844.

’Ain-el-Menâni, III, 820.

’Ain-Abi-Sa’îd, II, 300.

’Ain-Scindi, II, 33, Dannisinni, _cf._ Ainisindi.

Ainisindi, III, 554, 555, 870, _cf._ Ain-Scindi.

Ainuni, III, 212.

’Akabet-et-Tûr, III, 869.

Akdam (moschea dell’), II, 522.

Alamût, II, 117.

Alba (porto di), III, 315.

Albenga, III, 199, 519.

Albergaria (quartiere dell’), III, 495.

Albergo de’ Poveri in Palermo, III, 555.

Alcamo, 234, 235; II, 278, 431, 432, 434; III, 159, 312, 536, 780, 791.

Alcantara, II, 387.

Alcara di Val Demone, o delli Fusi, 270, 469; III, 208, 286, 288, 295,
_v._ Acharet e Alcharet.

Alcharet, 270.

Al-Chila, III, 369.

Aleppo, XLVI, XLVIII; II, 279, 441, 487; III, 455, 691, 716, 718, 719.

Alesa, 8, 485; II, 402.

Alessandretta, 515.

Alessandria d’Egitto, Alessandrini, XLIII, XLIX; 56, 81, 96, 98, 99,
112, 122, 162, 163, 164, 396, 515; II, 48, 182, 250, 276, 325, 402,
474, 485, 486, 488, 489, 522; III, 352, 406, 426, 467, 505, 507, 508,
509, 510, 511, 512, 513, 514, 520, 527, 531, 538, 639, 650, 651, 652,
688, 716, 809, 810, 845.

Alga, _v._ Halka.

Algeri, LIV; 116; II, 190, 292, 358; III, 423, 424, 426, 455.

Algeria, 104; II, 38, 292, 535; III, 373.

Algeziras, XLIII; II, 517, 529; III, 173, 662.

Alhambra, II, 452, 794, 795.

Alicante, II, 186.

Alife, 374; II, 164.

Alimena, 315.

Alitea, III, 616.

Almadia, III, 172, _v._ Mehdia.

Almeria, II, 250, 535; III, 377, 379, 414.

Alpi, 287; II, 167, 278, 394, 408; III, 25, 27, 28, 34, 214, 433, 608,
654, 708, 742.

Alsazia, III, 696.

Altarello di Baida, _v._ Menani.

Altavilla, III, 219.

Alunzio o Calacta, III, 77.

Alvernia, III, 672.

Amalfi, Amalfitani, 183, 212, 227, 312, 354, 356, 357, 364, 367, 376,
396, 435, 437, 444, 449, 450, 451, 453, 455, 518; II, 81, 96, 163, 175,
227, 338, 449, 450, 458, 459; III, 51, 52, 140, 142, 158, 169, 182,
185, 211, 232, 277, 289, 297, 810, 863, 864.

Amalfitani (vico degli), in Palermo, III, 218, 801, 810.

Amantea, 377, 440; II, 42.

Amendolara, II, 347.

Amenano, fiume, II, 437; III, 771.

Ammiraglio (ponte dell’), III, 118, 843.

Amorium, III, 665.

Amru (moschea di), II, 476; III, 832.

Anapo, III, 180.

Anatolia, 440.

Anattor, III, 95.

Ancona, 358.

Andalusia, III, 483.

Angoulême, III, 672.

Annisinni, _v._ Ainisindi.

Annunziata de’ Catalani (chiesa dell’), III, 792, 817, 818.

Antigono (isolotto di), 497.

Antiochia, 15, 29, 197, 515; II, 279, 495; III, 188, 361, 523, 526,
784, 839.

Anversa, III, 235.

Appennini, 465, 468; II, 339; III, 50, 55, 97, 147, 158, 433, 612.

Aquino, 368.

Aquisgrana, 190; III, 16.

Arabia, Arabi, XLIII, XLV, XLVII, LIV; 30, 31, 32, 36, 37, 38, 39, 41,
44, 45, 49, 50, 53, 54, 56, 57, 58, 59, 60, 61, 63, 66, 68, 71, 72, 73,
75, 76, 79, 80, 82, 88, 92, 93, 94, 96, 97, 98, 112, 125, 128, 130,
131, 141, 142, 143, 264, 288, 363, 369, 408, 424, 431, 432, 480; II,
10, 16, 26, 32, 34, 35, 37, 38, 40, 41, 42, 43, 44, 45, 47, 48, 52, 53,
59, 62, 63, 65, 68, 75, 85, 92, 98, 99, 101, 106, 112, 113, 114, 115,
116, 118, 123, 126, 127, 128, 130, 131, 132, 136, 138, 139, 141, 142,
143, 144, 146, 148, 149, 150, 151, 154, 160, 168, 173, 184, 192, 193,
200, 207, 217, 221, 233, 246, 256, 260, 265, 266, 267, 268, 272, 275,
278, 282, 287, 292, 299, 345, 349, 355, 357, 361, 362, 371, 372, 383,
404, 418, 420, 427, 430, 431, 432, 434, 437, 438, 439, 441, 442, 443,
445, 446, 449, 450, 451, 452, 459, 460, 461, 462, 463, 465, 466, 468,
469, 470, 471, 472, 473, 477, 478, 483, 491, 496, 500, 503, 504, 505,
506, 510, 512, 513, 514, 515, 517, 521, 527, 530, 531, 532, 533, 536,
542, 544, 547, 548; III, 73, 80, 81, 82, 92, 93, 94, 95, 100, 104, 109,
111, 122, 171, 172, 231, 320, 324, 330, 332, 349, 355, 363, 366, 367,
368, 369, 371, 380, 381, 383, 384, 386, 387, 399, 405, 406, 409, 412,
413, 418, 419, 420, 424, 425, 428, 458, 472, 473, 474, 475, 478, 490,
599, 644, 646, 657, 667, 668, 669, 672, 675, 679, 685, 686, 699, 701,
715, 718, 724, 729, 732, 738, 739, 741, 742, 746, 770, 784, 805, 809,
812, 824, 826.

Arabi cristiani, 40, 43; II, 291, 292.

Arado, isola, 81, 85, 87.

Arafat, monte, II, 245.

Aragigun, III, 212.

Arbela, L.

Arce, 368.

Arcipelago, 91; II, 364, 384, 413.

Arcuraci, III, 614.

Arena, fiume, II, 445.

Arezzo, 443.

Argira, II, 399, 403, 406; III, 286.

Argo, II, 133.

Arîn (cupola di), II, 437.

Arles, III, 16.

Armeni (castello degli), 195, 343.

Armenia, Armeni, 223, 247, 282, 510; II, 110, 114, 203, 260, 269, 365,
379, 393; III, 637, 639.

Armento (monastero di), 469; II, 407, 408, 409.

Artalia, II, 85.

Artesino, monte, 326.

Artilgidia, III, 592.

Asaro, II, 185.

Ascalona, III, 335, 383, 640.

Ascîr, II, 275, 362.

Ascoli, di Capitanata, II, 244, 344; III, 32.

Asia, II, 97, 108, 110, 229, 368; III, 212, 668.

Asia Minore, XLV; 94, 195, 218, 413, 425, 441, 510; II, 77, 240, 250,
262, 279; III, 38, 410, 433, 679.

Asnâm, d’Affrica, 129, 133.

Asnâm, di Sicilia, III, 776.

’Asra, II, 185.

Assiria, II, 250.

Assorus, II, 185.

Asti, III, 199, 277.

Asturie, 153.

Atene, 48; II, 503, 504; III, 167.

Atlante, 103, 129; II, 133, 355, 363; III, 374.

Atlantico, 122, 173; II, 284; III, 374, 664.

Attica, II, 184.

Augsburg, II, 325; III, 673.

Augusta, di Sicilia, III, 616.

Aulina (monastero di), II, 410.

Aumale, II, 38.

Aurès, 116, 117, 119, 120; II, 52, 122, 198, 201, 352.

Avellino, II, 164.

Aversa, 463; II, 172; III, 28, 29, 30, 31, 34, 35, 37, 47, 52, 133,
186, 196, 277, 588.

Avignone, 158.

Avola, 311, 334.

Azhar (moschea di), II, 283, 286; III, 835, 843, 845.


B

Bâbel (Babilonia), II, 110.

Bab-el-Bahr, II, 302; III, 841.

Bab-el-Ebnâ, II, 302.

Bab-el-Hadîd, II, 302.

Bab-er-Riâdh, II, 302.

Bab-es-Scefà, II, 302.

Bab-es-Sudân, III, 325.

Bab-Ibn-Korhob, II, 302.

Bab-Rûtah, II, 302.

Bab-Sciantaghàth, II, 302.

Babilonia (Bagdàd?), 232; II, 87, 338.

Babilonia (il Cairo Vecchio), III, 352, 633, 635, 651.

Baccani (campo di), II, 165.

Badiazza (monastero di Santa Maria della Scala o della Valle, detto
La), III, 843, 844.

Baghaia, 119; II, 122.

Bagdàd, XXXVIII, XL, XLVII; 85, 86, 141, 145, 150, 303, 322, 326, 332,
337, 371; II, 75, 77, 110, 114, 120, 149, 150, 218, 224, 278, 279, 280,
281, 295, 309, 402, 403, 438, 440, 454, 464, 480, 492, 494, 497, 498,
504, 547, 549; III, 264, 356, 373, 375, 423, 505, 522, 634, 638, 645,
662, 715, 721, 816, 833.

Bàgia, Begia, o Beja, II, 66, 199.

Bagni Segestani, III, 789.

Bahrein, II, 117, 336.

Baich (torre di), II, 303, 452, 453.

Baida, II, 67, 68, 208, 297, 434.

Balata, 266.

Baleari, isole, 124, 162; III, 3, 5, 10, 12, 14, 375, 376, 377, 480,
518, 519, 520.

Bâles, II, 186.

Balharâ, II, 34, 300.

Bâlîs, II, 186.

Ballarò, mercato in Palermo, II, 34, 300; III, 870.

Bâlmi, III, 795.

Baltah, isolotto, III, 382.

Baltico, II, 380, 383, 386; III, 15, 679.

Bamberg, II, 92; III, 26, 42.

Bamberg (duomo di), III, 798.

Bandiera, contrada in Palermo, III, 614

Barbarìa, III, 410, 613, 695, 809.

Barca, 109, 113, 117, 118, 119, 122, 165, 319; II, 284, 356, 477, 497;
III, 212, 408, 420, 476, 483, 515, 634, 836.

Barcellona, 159; III, 12, 389, 459, 810.

Bardhali (?) (monastero di), III, 256.

Bari, Baresi, 359, 360, 361, 363, 371, 372, 373, 374, 375, 376, 377,
378, 379, 380, 384, 390, 436, 437, 438, 462, 463; II, 162, 244, 311,
339, 340, 341, 342, 344, 345, 350, 392, 416; III, 25, 26, 30, 35, 36,
41, 45, 102, 114, 115, 116, 124, 125, 139, 143, 232, 280, 297, 335,
397, 689, 812.

Bartanobûa, II, 72.

Bartibûa e Bartibû, II, 72, 73.

Basciu, _v._ Dakhel.

Basente, II, 329.

Basentello, II, 328.

Basilea, III, 590.

Basilicata, II, 247, 329, 407.

Bassora, 56, 84; II, 33, 116, 522.

Battelari, III, 316, 772.

Baviera, II, 325.

Bayeux, III, 19.

Bebelagerin, III, 869.

Bebilbachal, _v._ Bab-el-Bahr.

Bec (monastero del), III, 190.

Beccheria Vecchia di Palermo, II, 69.

Bedd o Bedsds, II, 113, 114.

Bedr, 66.

Begiaia, II, 186.

Beirût, II, 312: III, 107.

Beja, XLIV; II, 66.

Bekâra, 418, _v._ Vicari.

Belezma, 132; II, 52, 53, 122, 123.

Belgia, 237; II, 33.

Belich, 237; II, 33, _v._ Belici.

Belici, 337; II, 33, 35; III, 86.

Bellût, II, 433, _v._ Caltabellotta.

Benarvet o Benavert, III, 149, 151, 152, 153, 154, 162, 163, 165, 166,
167, 172, 177, 230, 269, 597.

Benevento, Beneventani, 94, 184, 185, 186, 187, 188, 189, 193, 212,
312, 355, 356, 357, 362, 363, 365, 368, 369, 370, 371, 373, 374, 376,
377, 380, 381, 383, 385, 387, 388, 393, 435, 436, 437, 438, 439, 443,
447, 448, 452, 454; II, 153, 163, 164, 166, 168, 247, 278, 311, 321,
329, 340, 344, 377; III, 25, 27, 35, 42, 44, 52, 183, 289, 398, 616.

Benfesc, _v._ Mico.

Benfratelli (monastero dei), II, 69.

Berolais, 452.

Berry, III, 673.

Betlem, II, 413; III, 644.

Bibbona, III, 219.

Biccari, III, 219. _v._ Vicari.

Biccarum, 418, 419. _v._ Vicari.

Bico, II, 86.

Bifara, III, 174.

Bikesc, _v._ Mico.

Biled-el-Bargoth, 234, 236, 237.

Bileka, II, 33.

Bisacquino, III, 772.

Biscari, 269; III, 795.

Bisignano, II, 319, 342, 345; III, 220.

Bitonto, II, 313, 344.

Bivona, II, 443; III, 219.

Blaland, II, 385.

Bocchigliero, II, 347.

Bocca di Falco, II, 67; III, 582.

Boiano, 374, 455.

Bokhara, II, 34; III, 211.

Bologna, III, 673, 706.

Bologna (biblioteca di San Salvadore in), III, 707.

Bona, II, 122, 199, 501; III, 13, 212, 421, 423, 425, 436, 438, 439,
472.

Bonifato, II, 431, 432; III, 822.

Bordeaux, III, 16.

Borgetto, III, 779.

Borgio, III, 219.

Bosforo, II, 77; III, 414.

Bosolbi, III, 175.

Botranto, 516.

Bouvines, III, 590.

Bova, II, 315.

Bovino, II, 311, 315, 316.

Brescia, 388; III, 651.

Bresk, III, 407.

Brettagna, III, 17.

Briatico, III, 257.

Briga (Santo Stefano di), III, 219.

Brindisi, 355, 441; III, 434, 592, 609.

Broccato, III, 776, _v._ Brucato e Burkâd.

Broglio, III, 219.

Brolo, II, 404; III, 219.

Brolpasino, III, 219.

Bronte, 311, 336.

B....rtûn, II, 231.

Brucato, _v._ Broccato e Burkâd, III, 103, 104, 301, 311.

Bruges, III, 696.

Bruzzano, II, 171, 246, 247; III, 672.

Buccheri, II, 443, 786.

Bucello, III, 340.

Bufurera, III, 341.

Bugamo o Buagimo, III, 107, 111, 236, 270.

Bugia, 122; II, 38, 122, 359, 465, 529, 530; III, 80, 81, 92, 211, 366,
369, 375, 399, 407, 421, 423, 427, 467, 496, 516, 520, 698, 704.

Bulâk, III, 329.

Bulchar, II, 300.

Burgimilluso, III, 602.

Burgio, III, 219.

Burkâd, _v._ Broccato e Brucato, 212; III, 776.

Busento, II, 93.

Butera, 316, 323, 324; II, 95, 96, 97, 158, 175, 176, 177, 192; III,
223, 226, 269, 301, 302, 306, 488, 754, 760, 774, 881.


C

Caaba, 45, 46, 58, 118; III, 830, 839, 840.

Cabés, _corr._ e _v._ Kâbes.

Cáccamo, III, 232, 233, 251, 301, 311.

Cadara, _v._ Chadra.

Cadesia, 60.

Cadice, III, 377.

Cafsa, XLV; II, 275, 306; III, 421.

Cagliari, III, 7, 10.

Caiazzo, 452.

Cairo, L, LII, LIII, LIV, LV; 112; II, 40, 66, 238, 241, 279, 280, 283,
286, 287, 291, 330, 331, 356, 357, 402, 463, 465, 476, 484, 488, 489,
507, 511, 521, 522, 547; III, 330, 352, 373, 447, 460, 466, 492, 506,
510, 634, 638, 639, 647, 650, 651, 652, 653, 655, 677, 704, 712, 718,
728, 736, 737, 768, 804, 824, 833, 835, 845, 846, 847, 851, 852, 893,
894.

Cala (La), porto minore di Palermo, II, 157, 158, 298; III, 118, 672.

Calabria e Calabresi, LII; 21, 24, 91, 95, 165, 176, 183, 189, 193,
203, 207, 212, 214, 222, 230, 268, 293, 297, 336, 357, 359, 360, 371,
372, 377, 380, 381, 384, 388, 412, 422, 424, 425, 426, 428, 431, 434,
435, 436, 437, 439, 441, 442, 443, 445, 461, 469, 517, 518, 519; II,
41, 42, 44, 69, 70, 71, 80, 87, 89, 90, 91, 148, 152, 153, 161, 166,
168, 171, 172, 173, 175, 176, 178, 179, 192, 203, 213, 215, 217, 242,
244, 245, 246, 247, 248, 249, 251, 252, 263, 272, 278, 308, 311, 312,
313, 314, 315, 318, 319 a 322, 323, 328, 329, 339, 343, 344, 345, 346,
347, 365, 367, 374, 375, 377, 386, 392, 394, 398, 401, 402, 403, 405,
406, 407, 408, 410, 411, 439, 479, 480, 551; III, 14, 22, 23, 25, 31,
42, 43, 44, 45, 47, 48, 49, 50, 51, 53, 54, 57, 65, 68, 75, 78, 79, 83,
84, 85, 86, 89, 94, 100, 106, 107, 116, 120, 123, 125, 145, 146, 147,
150, 151, 153, 156, 160, 164, 165, 176, 177, 183, 184, 185, 192, 193,
194, 196, 204, 232, 233, 235, 237, 238, 248, 250, 258, 272, 273, 274,
275, 280, 281, 282, 299, 302, 303, 317, 318, 346, 347, 350, 353, 378,
392, 394, 395, 398, 450, 466, 553, 611, 613, 616, 625, 697, 701, 771,
790, 803, 810, 854.

Calacta, _v._ Alunzio.

Calascibetta, III, 75, 150.

Calata (La), II, 193; III, 605.

Calatafimi, II, 278; III, 772, 780.

Calatalfano e Catalfano, II, 49.

Calatamauro, III, 773, 776, 822.

Calatayud, II, 481.

Calathammeth,_ v._ Kala’t-el-Hamma.

Calatrasi, _v._ Kalat-et-Tirazi, III, 325, 585, 776, 778.

Calatubo, III, 773, 780, 811.

Calbo, Calvus (monte), III, 876.

Calcare (Le), III, 67.

Caldia, _v._ Chaldia.

Calinio, 452.

Calle (La),_ v._ Marsa-Kharez.

Calloniana, 289.

Caltabellotta, 310, 311, 334; II, 33, 185, 193, 194, 275, 433; III,
313, 775.

Caltagirone, 311, 336; III, 153, 225, 228, 229, 230, 231, 268, 269,
278, 296, 309, 338, 584, 599, 788.

Caltanissetta, 290, 330; II, 435; III, 78, 109, 174, 309, 311, 776.

Caltavuturo, 315, 322, 330, 334, 419, 421; II, 192, 385; III, 95, 96,
285.

Calvo, 452.

Cambray, III, 673.

Cambridge, II, 64.

Camelo (battaglia del), II, 103.

Camerata e Cammarata, II, 433; III, 209, 212, 219, 285.

Camerina, 323, 324; II, 402; III, 229, 230.

Camerino, 455; II, 72, 89, 166, 402.

Campagna di Roma, II, 164.

Campania, 98.

Campofelice, III, 776.

Campofiorito, III, 779.

Camporeale, III, 159, 779.

Camuka (La), III, 876.

Cancelliere (monastero del), III, 256.

Candia, 164; III, 534.

Canne, 361, 436; III, 21, 27, 28, 29.

Cannita, III, 536.

Canosa, 361, 374, 377; II, 164; III, 143, 791, 863.

Cansaria, Chanzaria, Ganzaria e Cancheria, III, 231.

Cantariddoheb, III, 870.

Capaccio, II, 344.

Capitanata, II, 316; III, 37, 45, 51, 612, 788.

Capizzi, III, 97, 224, 282, 285, 293, 499, 610, 616, 783.

Capo (quartiere del), III, 614.

Capo d’Anzio, II, 170.

Capo dell’Armi, 576; III, 50.

Capo Boèo, II, 431, 433.

Capo Bon, 430; II, 465; III, 420, 429. 473, 598.

Capo Circeo, II, 449; III, 672.

Capo di Gallo, III, 309.

Capo Granitola, II, 435.

Capo Miseno, II, 90.

Capo dei Molini, II, 86.

Capo Passaro, II, 127.

Capo Sant’Alessio, III, 795.

Capo San Marco, II, 192, 193.

Capo di Santa Croce, III, 166.

Capo Scalambri, III, 178.

Capo Scaletta, II, 85; III, 795.

Capo Spartel, III, 458.

Cappadocia, 333, 335, 440.

Capraia, III, 770.

Caprera, III, 770.

Capri, III, 770.

Captedi, III, 573.

Capua, città e principato, 188, 212, 357, 361, 369, 373, 374, 376, 385,
387, 388, 393, 435, 437, 443, 444, 445, 447, 450, 452, 453, 454, 455,
457, 458, 461, 462, 463; II, 161, 163, 166, 168, 311, 318, 327, 340,
344; III, 25, 27, 28, 39, 49, 52, 133, 142, 143, 183, 186, 187, 192,
193, 195, 306, 393, 395, 396, 398, 451.

Capuana, porta, 373.

Caputo, III, 582, 849.

Carcassonne, 159.

Cariati, III, 48.

Cariddi, II, 271.

Carini, II, 67; III, 301, 575, 774, 784, 811.

Carnello, fiume, 365.

Carona, III, 219.

Caronia, 455, 459, 470; II, 275, 388, 390, 433; III, 102, 147, 219,
313, 768, 772, 783, 789.

Cartagena, II, 186.

Cartagine, 4, 104, 106, 116, 119, 120, 123, 147, 165, 166, 167, 277;
II, 139, 444, 501; III, 13, 412.

Cartama, III, 157.

Casa del Rifugio, II, 119.

Casa della Sapienza, II, 119.

Casale Butont, _v._ Rahl-Butont.

Casal Monferrato, III, 198.

Casalino, _v._ Ghirân-ed-dekîk.

Casba, III, 285.

Caserta, 452; II, 453.

Caserta Vecchia, III, 853.

Casilino (ponte del), 361.

Caspio, III, 637.

Cassano, II, 244, 346, 407.

Cassaro di Palermo, II, 68, 69, 274, 296, 298, 300, 301, 302, 303, 304;
II, 118, 298, 617, 801, 841, 842.

Cassaro, casale, III, 264, 285.

Cassibari, III, 776.

Castana, III, 219.

Castania, III, 219.

Castelbuono, 346; II, 391; III, 776.

Castel d’Aci, II, 86.

Castel di Mola, II, 82.

Castel Giovanni, III, 118, 120, _v._ Castello di Iehia.

Castellammare del Golfo, II, 432, 783.

Castelmarre (fortezza di), in Palermo, III, 136, 139, 499, 565.

Castellana (La), III, 875.

Castel dell’Uovo, III, 461.

Castello, III, 257.

Castello di Iehia, III, 821, _v._ Castel Giovanni.

Castello di Sopra, _v._ Halka.

Castelluccio, 305.

Castel Lucullano, II, 90, 92.

Castelnormando, III, 215.

Castelnuovo, 346

Castel Pilano, 455.

Castel Sant’Angelo, II, 344; III, 145.

Castel Vecchio, II, 46, 49, 52, 142, 221.

Castelvetrano, II, 35.

Castiglione, II, 191.

Castilia, in Affrica, 156.

Castrogiovanni, 268, 270, 280, 281, 283, 284, 289, 290, 291, 299, 300,
306, 307, 308, 310, 311, 317, 319, 322, 323, 326, 328, 329, 330, 332,
335, 337, 342, 345, 346, 349, 471, 518; II, 31, 275, 411, 420, 424,
425, 432, 433, 436, 437, 521, 548, 549, 551; III, 71, 72, 73, 75, 76,
77, 79, 81, 82, 93, 94, 95, 96, 112, 134, 135, 136, 150, 156, 164, 172,
173, 174, 175, 176, 177, 224, 225, 256, 257, 269, 285, 311, 327, 540,
565, 662, 773, 774, 791.

Castrogiovanni (val di), 467.

Castronovo, 327, 346; II, 400, 403, 406, 412, 420; III, 156, 301, 315,
340, 341.

Castroreale, 416.

Castrovillari, II, 347; III, 185.

Catalfano, _v._ Calatalfano.

Catalogna, III, 389.

Catania, 7, 13, 15, 18, 21, 26, 218, 219, 241, 247, 323, 348, 394, 417,
421, 422, 423, 465, 485, 486, 508; II, 71, 73, 86, 387, 402, 421, 425,
432, 433, 435, 436, 438, 448, 549, 554; III, 62, 64, 65, 78, 84, 85,
109, 110, 116, 117, 174, 149, 152, 153, 162, 163, 166, 205, 208, 209,
212, 228, 231, 234, 261, 268, 269, 285, 296, 297, 303, 307, 308, 309,
310, 311, 312, 317, 320, 326, 327, 331, 338, 378, 387, 532, 536, 546,
550, 560, 595, 599, 603, 604, 609, 771, 774, 776, 784, 789, 795, 811.

Catanzaro, II, 316.

Catena (chiesa della), II, 158.

Catona, II, 450; III, 66.

Cattolica, III, 605.

Caucana, 336; III, 178.

Caudine (Forche), 362, 492.

Caucaso, 79.

Cava (monastero della), II, 458.

Cavallo (De), monte, III, 875.

Cefalà, II, 275, 451, 452; III, 314, 615, 821.

Cefalà (bagni di), III, 820.

Cefalonia, 414; III, 525.

Cefalù, 8, 307, 308, 309, 327, 328, 335, 416, 469, 485; II, 390, 402,
432, 435, 436, 443; III, 94, 103, 104, 147, 205, 208, 211, 231, 235,
279, 291, 296, 308, 309, 310, 338, 445, 463, 536, 595, 768, 773, 774,
776, 800, 811.

Cefalù (cattedrale di), III, 463, 843, 856.

Celano, III, 605.

Celsi o Celso, III, 266, 586.

Celso (contrada del), II, 69.

Centorbi, 8; III, 284, 285, 286, 314, 317, 348, 610, 616.

Cerami II, 385; III, 96, 97, 98, 101, 104, 105, 108, 109, 134, 135, 284.

Cesarea, 86, 87, 510; II, 180, 640, 645.

Cetara (Cetrara?), 455.

Cetaria, II, 433.

Ceuta, XLIX; 132; II, 48, 362, 476, 477; III, 664, 701, 703, 704.

Ceylan, III, 681.

Chadra e Cadara, II 434.

Chalces, _v._ Halka.

Chaldia o Caldia, II, 203.

Cherchell, III, 407.

Cherso, isola, 358.

Cherson, 91, 505.

Chersoneso, di Taurica, 316.

Chiaramonte, 269; III, 219.

Chinzica, III, 2.

Chiusi, 443.

Chrysas, II, 435.

Ciambra, III, 215.

Cianciana, III, 605.

Cicladi, 242; II, 367.

Ciculi, II, 164, 165.

Cilicia, II, 88.

Ciminna, III, 284, 285, 776.

Cina e Cinesi, II, 306; III, 762, 805, 816.

Cinisello, III, 219.

Cinisi, II. 433; III, 160, 219.

Cipro, 80, 81, 85, 182, 124, 483; II, 309, 466; III, 525, 530, 606.

Circia (punta della), _v._ Marsa-s-Scegira.

Cirenaica, 104.

Città del re, 416, 422, _v._ Polizzi.

Civita, sul Fortore, III, 43, 44, 45.

Civitavecchia, 227, 228, 450; III, 672.

Civitella, III, 22.

Clermont, III, 673.

Cluny (monastero di), III, 13, 190, 191, 498.

Clypea, 111; II, 77, 465.

Coblentz, III, 46.

Collegio Nuovo, in Palermo, III, 501.

Collesano, _v._ Golisano, II, 33, 192; III, 103, 104, 246, 289, 290,
775.

Collo, III, 427.

Colonia, III, 46, 604, 650.

Colonne (Le), 92, 93, 96, 109.

Comacchio, 436.

Conte (Dello). III, 875.

Contessa comune, III, 779.

Conza, 373, 374.

Copenhagen, LI; II, 383.

Coperta (Via), III, 501.

Cordova, XLIII, XLIX, LV; 160, 161, 162, 276, 287; II, 6, 33, 101, 190,
219, 302, 305, 454, 482, 481, 487, 488, 496, 508, 521; III, 4, 160,
161, 173, 350, 373, 459, 662, 664, 830, 845, 883.

Coreglia, III, 219.

Corfù, 516; II, 367; III, 146, 434, 435.

Corinto, 413, 414; III, 434, 435, 800.

Corleone, 310; II, 34, 36, 432, 433, 449; III, 86, 160, 211, 219, 224,
225, 226, 247, 309, 310, 311, 325, 341, 587, 772, 778, 779.

Corsica, XXXI; 28, 183, 184, 201, 207, 226, 276, 277; II, 180; III,
626, 627, 678.

Cosentini (quartiere de’), III, 219.

Cosenza, 11; II, 44, 90, 92, 95, 96, 314, 339, 342; III, 106, 178, 184,
257.

Cossira, _v._ Pantelleria.

Costantina, XLV, LVI; 119, 121; II, 52, 122, 233, 358; III, 374, 423,
424, 496, 664, 665.

Costantinopoli, XLIII, XLVIII; 10, 14, 24, 28, 29, 39, 46, 58, 76, 78,
86, 87, 91, 92, 93, 94, 98, 102, 119, 164, 185, 189, 191, 192, 193,
217, 220, 221, 222, 227, 231, 240, 250, 252, 282, 287, 297, 298, 303,
337, 338, 346, 349, 380, 397, 399, 407, 425, 428, 434, 437, 438, 439,
441, 454, 468, 472, 485, 492, 497, 498, 499, 501, 502, 504, 509, 518;
II, 48, 69, 70, 72, 73, 77, 79, 87, 88, 90, 96, 100, 141, 153, 154,
171, 173, 174, 175, 192, 193, 214, 215, 219, 242, 246, 252, 253, 255,
262, 263, 271, 272, 278, 279, 281, 305, 306, 312, 318, 321, 326, 332,
376, 379, 380, 384, 385, 386, 391, 392, 393, 394, 395, 402, 403, 413,
416, 422; III, 26, 27, 30, 34, 36, 41, 114, 144, 192, 194, 284, 303,
368, 421, 434, 435, 460, 521, 524, 530, 563, 809, 824, 830, 831, 837,
864.

Cotentino, III, 38.

Cotrone, II, 324.

Coutances, III, 19, 38.

Crati, II, 92, 347.

Crati (val di), III, 43, 89.

Cremano, 457.

Cremona, II, 263; III, 590, 696.

Creta, Cretesi, 163, 164, 193, 221, 245, 246, 251, 252, 274, 237, 328,
359, 361, 362, 363, 378, 379, 413, 436, 502; II, 162, 247, 260, 261,
309, 376, 466, 480; III, 530.

Crimea, 316.

Cristiania, II, 383.

Cronio, 486.

Cuba, palagio, II, 451; III, 554, 555, 580, 582, 818, 819, 841, 843,
846, 847, 856.

Cuba, piccola fonte, III, 843, 844.

Cufa, 141; II, 116, 494; III, 826, 827, 855.

Cuma, 373.

Cumìa, II, 36.

Cuscasin o Custasin, III, 285.

Cutemi, Cutema, Gudemi, II, 36.

Cyaxo, III, 175.


D

Dafne (bagno di), 95.

Dakhel (Ed-), II, 275; III, 474, 599, e _v._ Scerîk.

Dalmazia, 319, 378, 379; II, 176; III, 315.

Damasco, XLV, L, LI, LII, LIII; 84, 87, 90, 125, 134, 139, 141, 177,
302; II, 486, 503; III, 463, 634, 635, 636, 639, 647, 648, 649, 685,
716, 720, 721, 736, 737, 764, 824, 828, 830.

Damiata, II, 276; III, 426, 467, 505, 511, 514, 606, 638, 640, 737.

Daniele (museo di casa), II, 453, 488.

Danimarca, II, 385, 386; III, 14, 15, 19, 124.

Danubio, III, 435.

Deilem, II, 110.

Delfinato, III, 307.

Dellys, II, 38.

Demona, città, 468, 469, 470; II, 71, 73, 85, 86, 143, 144, 148, 265,
266, 275, 400, 404, 407, 412, 432; III, 282, 313, 317, 772, 773.

Demona (val di), 417, 465, 466, 467, 469, 470, 471, 484, 495; II, 24,
69, 85, 141, 148, 149, 213, 216, 255, 275, 276, 396, 397, 398, 401,
403, 435; III, 71, 77, 78, 79, 102, 109, 133, 134, 147, 161, 164, 208,
210, 233, 267, 274, 308, 313, 773, 854.

Dendera, III, 832.

Denia, III, 4, 5, 9, 10, 12, 375, 376, 377, 379.

Dennisinni e Dannisinni, II, 33, 300, _v._ ’Ain-Scindi e Ainisindi.

Desisa, III, 316.

Dîmâs (Capo), XXXVIII; II, 226; III, 363, 384, 385, 386, 387, 399, 402.

Dîmâs, castello, II, 226.

Dinnamare, II, 264.

Dittaino, 351; II, 435; III, 72, 881, 884.

Divriki, _v._ Tefrica.

Donna Lucata (Ain-el-Aukât), III, 771.

Dordona, in Puglia, III, 616.

Drago, fiume, III, 596.

Dublino, III, 16.

Durazzo, III, 144, 145, 521.


E

Ecbatane, _v._ Ilamadân.

Edessa, III, 408, 462, 835.

Efeso, III, 665.

Egadi, III, 770.

Egitto, Egiziani, XXXVIII, XLI, XLII, LI, LII, LIII, LV, LVI; 62, 64,
79, 80, 85, 88, 91, 103, 104, 109, 113, 119, 123, 138, 143, 147, 162,
163, 166, 167, 234, 254, 371, 477, 514; II, 4, 13, 33, 39, 50, 76, 77,
88, 89, 118, 121, 129, 131, 133, 137, 150, 151, 169, 182, 183, 200,
227, 234, 235, 237, 238, 239, 240, 249, 275, 276, 278, 280, 281, 282,
284, 285, 286, 287, 288, 289, 290, 291, 293, 294, 299, 302, 322, 325,
330, 331, 332, 333, 348, 349, 354, 355, 360, 362, 363, 364, 369, 393,
404, 427, 428, 445, 446, 448, 450, 458, 474, 477, 480, 482, 487, 489,
496, 506, 507, 508, 521, 522, 523, 527, 538, 547, 552; III, 211, 212,
260, 321, 322, 328, 332, 336, 363, 365, 405, 406, 408, 421, 426, 446,
454, 455, 465, 466, 467, 505, 506, 508, 510, 513, 515, 519, 541, 600,
608, 625, 634, 636, 638, 639, 641, 642, 647, 648, 649, 650, 652, 653,
654, 711, 716, 736, 737, 740, 766, 773, 789, 796, 796, 804, 807, 825,
829, 831, 832, 833, 836, 837, 843, 844, 847, 851, 852, 859, 867, 868,
879, 893.

El-Bâgi, _v._ Aci.

Elettorale (biblioteca Palatina), 507.

Ellade, 414; II, 367.

Emesa, II, 116; III, 526.

Emmelesio, III, 72.

Enna, 5, 8; II, 85, _v._ Castrogiovanni.

Entella, 334; III, 86, 266, 586, 618, 822.

Eolie (Isole), 304, 305, 306; III, 769.

Epte, III, 20.

Eraclea, II, 401; III, 338, 616.

Erice, 8; III, 775.

Escuriale, VIII, LI, LIII; II, 476, 477, 522.

Etna, XL, XLIV, XLVI, L, LIV; 8, 17, 85, 86, 305, 347, 422, 465, 467,
468, 508; II, 79, 86, 216, 387, 403, 406, 438, 440, 441, 442, 443; III,
55, 92, 150, 158, 215, 268, 544, 781, 783.

Etna, città, 8.

Etolia, III, 434.

Eufrate, xlv; 39, 60, 138, 176, 510; II, 33, 186, 286, 404, 432, 634,
646; III, 839.

Eure et Loir, III, 497.

Europa, II, 37, 169, 429, 430, 462, 465, 476, 495, 533, 542, 543; III,
182, 185, 190, 191, 198, 207, 227, 237, 239, 264, 276, 289, 323, 342,
351, 394, 432, 441, 452, 459, 522, 544, 557, 573, 627, 633, 642, 644,
652, 657, 660, 667, 669, 673, 681, 695, 699, 701, 710, 711, 712, 713,
722, 724, 773, 789, 795, 796, 805, 807, 810, 811.

Evonymos, III, 769.


F

Faenza, III, 815.

Fahsimeria, III, 869.

Fahs-Maria, III, 869.

Faium, II, 284; III, 652.

Fâkûs, III, 510, 511.

Falconara, III, 822.

Faraglioni, II, 86.

Farfa, II, 164.

Faro di Messina, 425; II, 90, 152, 214, 243, 244, 264, 272, 327, 346,
365, 377, 381, 390, 423, 432, 465, 552; III, 30, 31, 61, 63, 64, 67,
76, 82, 106, 116, 123, 179, 257, 391, 613, 655, 811, 853.

Fars, II, 110; III, 824.

Fatanasino, III, 153, 228.

Favara o Mare dolce, II, 300, 335, 350, 445, 451; III, 120, 450, 463,
552, 617, 618, 754, 756, 785, 820, 821, 843, 846, 847, 848, 850, 853,
884.

Favignana, III, 770.

Fenicio, monte, 92.

Fergana, II, 34.

Ferla, 311; III, 257.

Ferro (isola del), II, 437.

Fez, 129, 147, 226, 234; II, 284, 355, 662; III, 735.

Fiandra, III, 17.

Ficana, II, 193.

Ficarazzi, III, 844.

Ficuzza, III, 159, 341.

Finzia, 269.

Fiorentini (rua de’), III, 218.

Fitalia, III, 282, 284, 286.

Firenze, III, 46, 63, 130, 688, 796, 803, 816.

Firenze (biblioteca Laurenziana di), III, 707.

Fiume Salso, 417; III, 95, 773.

Fiume Grande, 417, 465; III, 95, 104, 112, 147, 773.

Flagella, III, 616.

Fleury (monastero di), III, 190.

Floresta, III, 776.

Foggia, III, 612.

Fondi, 365, 458.

Fontane (piano delle), III, 75.

Formiani (colli), 458.

Forriana, III, 468.

Fortore, II, 346; III, 43.

Fostât, 112; II, 284, 285.

Fragalà, III, 257.

Francavilla, III, 215.

Francescani (convento dei), in Trapani, II, 454.

Francia, 287, 369, 447, 451; II, 167, 257, 299, 372, 381, 384; III, 15,
16, 17, 18, 19, 26, 39, 106, 190, 214, 216, 217, 218, 252, 259, 279,
290, 365, 432, 433, 497, 517, 522, 529, 544, 564, 568, 590, 672, 803,
855, 858.

Francia (Istituto di), XVII.

Francoforte, II, 64, 174.

Frassineto, II, 162, 167.

Frazzanò, III, 71, 73.

Frigento, II, 164; III, 35.

Friuli, II, 166.

Fulda, II, 325.

Furno o Furnari, III, 63.


G

Gabbaturi (via del), III, 877.

Gabriele, fonte, II, 300; III, 870.

Gaeta, Gaetini, XL; 183, 187, 227, 312, 364, 365, 366, 367, 378, 435,
437, 444, 449, 450, 453, 455, 458, 461; II, 162, 163, 166, 458; III,
52, 277, 590.

Gagliano, 326, 327, 337; II, 152, 285, 286; III, 219.

Galati, III, 71, 282, 784.

Galcula, _v._ Halka.

Galea, _v._ Halka.

Galga, _v._ Halka.

Gallico, _v._ Leuca.

Gallipoli, 183, 316.

Gallizia, 158.

Gancia (convento della), III, 128.

Gange, II, 461.

Gangi, 418, 419.

Garbo (Ponente), II, 420, 617.

Garbyumara, III, 869.

Gardsuta, III, 776.

Gargano, 377; II, 35, 170, 247, 347; III, 22, 27.

Garigliano, 447, 459, 460, 461, 462, 463; II, 155, 160, 161, 162, 163,
164, 165, 166, 167, 168, 170, 171, 175, 338, 347, 459; III, 53, 183,
205, 314, 608.

Garopoli, II, 316.

Garraffu e Garraffeddu, II, 300; III, 870.

Gausa, _v._ Khâlesa.

Gavarrello, fiume, III, 789.

Gebâl, II, 110; III, 524, 526, 527.

Gebel-Hâmid, III, 775.

Gebel-Sindi, II, 34.

Gefîra (capo di), II, 247.

Gela, III, 231.

Geloi (campi), 323.

Gelso, fiume, II, 432, 445.

Genoardo, Genovardo, Ianuardo (giardino regio); III, 554, 555, 579.

Genova, Genovesi, 364; II, 179, 180, 181, 297, 500, 501; III, 1, 4, 7,
8, 9, 10, 11, 15, 13, 14, 158, 169, 170, 171, 190, 198, 219, 223, 229,
230, 232, 260, 277, 290, 297, 357, 367, 377, 379, 404, 414, 453, 465,
513, 515, 518, 519, 522, 523, 530, 542, 550, 554, 558, 584, 590, 600,
601, 606, 607, 610, 625, 629, 630, 633, 774, 803.

Genovese (podere del), III, 219.

Geraci, Gerace, 310; II, 243, 244, 245, 246, 248, 249, 339, 391, 398;
III, 83, 87, 88, 89, 219, 257, 280, 301.

Gerbe, Gerbini, LVI, 234; II, 197; III, 399, 400, 401, 402, 425, 471,
474, 495, 605, 628, 871.

Gerîd, tunisino, II, 198.

Germania, 447; II, 169, 322, 323, 327, 384, 413; III, 8, 15, 26, 190,
413, 431, 448, 468, 522, 549, 555, 557, 558, 559, 560, 561, 563, 564,
565, 566, 589, 590, 601, 604, 610, 649, 672, 859.

Gerusalemme, XLV, XLVIII, XLIX; 77, 412, 478, 515; II, 100, 343, 386,
413, 491, 503; III, 3, 26, 139, 189, 212, 394, 426, 501, 507, 522, 530,
578, 608, 609, 634, 635, 636, 637, 639, 640, 643, 644, 645, 646, 648,
649, 650, 651, 653, 692, 711, 824, 859.

Gerx, III, 473, 474, _v._ Scerîk e Dakhel.

Gezira, XLVII.

Geziret-el-Kerrâth, II, 127.

Ghadîr-el-Kuk, III, 869.

Ghalûlia, 289, 290.

Ghirân, 348, _v._ Grotte.

Ghirân-ed-Dekîk, II, 388.

Ghirbâl, _v._ Gabriele.

Ghûta, di Damasco, 87.

Giaffa, III, 524, 640, 644, 645.

Giampileri, II, 85.

Giardinello, III, 159.

Giardini (marina di), II, 81, 811.

Giato, Ieta o Iato, II, 36, 277, 278; III, 159, 160, 211, 247, 266,
286, 292, 310, 312, 316, 317, 580, 585, 586, 600, 618, 773, 775, 776,
778, 859.

Giattini, II, 433, 444, 512; III, 285, 292, 293, 317, 363.

Giawher (bagni di), III, 330.

Gibellina, II, 33.

Gibilterra, 62, 103; II, 461, 466.

Gigel, III, 407, 427.

Giordano, 515; II, 386, 413; III, 646.

Giorgio Antiocheno (chiesa di), III, 749, v. Martorana.

Giralda, torre, III, 686, 687.

Girgenti, 11, 15, 21, 205, 269, 311, 348, 467, 485; II, 34, 35, 36, 43,
64, 65, 66, 86, 142, 143, 147, 154, 157, 158, 160, 184 a 186, 189, 190,
191, 193, 194, 195, 234, 242, 273, 397, 398, 420, 433, 435, 488, 548;
III, 75, 78, 82, 94, 104, 107, 109, 110, 111, 112, 164, 172, 174, 175,
176, 210, 211, 220, 231, 305, 308, 309, 310, 327, 330, 577, 594, 595,
599, 602, 608, 609, 614, 615, 698, 771, 772, 774, 776, 791, 795, 811.

Girgenti (provincia di), 334.

Girgenti (val di), 466; III, 773.

Girio, II, 416.

Girofalco, III, 611.

Giudei (borgo de’), II, 217, 297, 298.

Giza, III, 652.

Godrano, II, 434; III, 311, 779, 833.

Gog e Magog, III, 676, 679.

Golisano, II, 33; III, 775, 788, _v._ Collesano.

Gozzo, III, 179.

Grado, 436.

Granata, XXXVIII, XLIV; 234; II, 440, 482, 488; III, 787, 852.

Granitola, 266.

Gran-Terra (La) (l’Italia), 353.

Gravina, II, 314, 315, 316; III, 219.

Grecia, 42, 45, 76, 214, 412, 471; II, 194, 362, 367, 384, 395, 400,
416, 518; III, 144, 146, 164, 169, 214, 257, 273, 279, 319, 335, 337,
421, 521, 523, 525, 531, 662, 668, 671, 679.

Grottaferrata, II, 318.

Grotte (Le quaranta), 310; III, 72.

Grotte, fortezza, 310, 311, 348; II, 177.

Guadalquivir, 160.

Gualtieri, III, 219.

Guastanella, III, 174, 593, 594.

Gudemi, _v._ Cutemi.

Guidda (bagni della), III, 330.

Guiscardo, ponte, III, 89.

Gurfa, III, 264, 285.


H

Habes (Wadi-l-’Abbâs), _v._ Oreto.

Hager-ez-Zenati, II, 36.

Hakem-biamr-Illah (moschea di), III, 845.

Halka (El-), III, 137, 138, 139, 298, 323, 325.

Hama, XLVI, LI, LIII; II, 521, 654, 715, 716, 718, 722, 723, 729, 734.

Hamadân, II, 110; III, 826, 832.

Hammamet (golfo di), 109; II, 139, 200; III, 474, 485.

Harran, 141, 253.

Hasan (moschea di), III, 845.

Hasserinorum, contrada, III, 869.

Hastings, III, 16, 20, 22, 53, 673.

Hauteville, terra, III, 38.

Hegiâz, 39; II, 490, 662.

Herat, II, 436.

Herkla, II, 200.

Hicesia, III, 769.

Hira, 31, 39, 58, 59, 76; III, 825, 826.

Hisn-el-Genûn, ossia Kala’t-el-Khinzâria, III, 230, 231.

Hisn-el-Medârig, III, 783.

Hybla Haerea, 324.

Hybla Major, 319.


I

Iaci, _v._ Aci.

Iali, III, 285.

Iâlis (?), II, 186.

Iartinûa (?), II, 72.

Iathrib, II, 504, _v._ Medina.

Iato, _v._ Giato.

Ibla, 334.

Ibn-Khalfûn (via di), III, 869.

Ibn-Menkûd (castello di), II, 420.

Iccara, II, 86.

Iemen, 31, 32, 40, 58, 109, 125, 143, 158, 340; II, 63, 120; III, 825.

Ieta, _v._ Giato, III, 159.

Ifrikia, _v._ Affrica propria.

Ifscîn, II, 520.

Ikgiân, II, 122, 123, 132.

Iklibia, II, 77, _v._ Clypea.

Illiria, II, 367.

Imachara, 315, 418.

Imera, _v._ Fiume Grande (Imera settentrionale) e Fiume Salso (Imera
meridionale), 417.

Imera, città, II, 264.

India, 80, 84, 85, 88, 108, 109; II, 445; III, 639, 668, 679, 712.

Indo, 62; II, 295.

Inghilterra, Inglesi, II, 372; III, 15, 16, 17, 20, 124, 290, 394, 414,
444, 497, 522, 529, 544, 564, 590, 672, 673, 809, 855, 859.

Ionie (Isole), III, 413.

Ionio, 364; II, 264, 347.

Irâk, XLV; 143, 254; II, 4, 336, 480, 349; III, 827.

Ischia, 228.

Isernia, 374, 459.

Islanda, II, 380.

Isola dei Porri, _v._ Geziret-el-Kerrâth.

Isole Britanniche, III, 679.

Ispahan, II, 66, 499, 508; III, 211.

Ispica, 311.

Istakhr, XL.

Istria, 358.

Itala, III, 876.

Italia, XXX, XXXI; II, 44, 73, 77, 90, 91, 160, 162, 166, 167, 170,
175, 176, 194, 240, 243, 244, 250, 257, 278, 295, 328, 338, 344, 346,
362, 367, 370, 372, 377, 381, 384, 390, 394, 395, 480, 545; III, 1, 14,
21, 22, 23, 25, 26, 28, 35, 39, 40, 41, 46, 49, 53, 114, 115, 143, 146,
182, 193, 198, 201, 218, 222, 227, 259, 272, 273, 280, 289, 297, 312,
347, 365, 367, 375, 377, 393, 394, 401, 409, 431, 432, 433, 450, 454,
493, 497, 521, 523, 530, 556, 557, 564, 609, 610, 620, 636, 646, 660,
672, 678, 682, 692, 695, 700, 701, 704, 711, 786, 796, 797, 799, 807,
809, 824.

Italia centrale, III, 550.

Italia meridionale, II, 28, 71, 72, 176, 179, 311, 321; III, 20, 26,
42, 48, 54, 62, 87, 114, 132, 133, 222, 223, 240, 277, 280, 380, 465,
468, 503, 590, 669.

Italia superiore, II, 327; III, 215, 222, 225, 268, 307, 671.

Itri, 458.

Iudica, III, 153, 154, 228, 230, _v._ Zotica.

Ivisa, III, 480.


K

Kaaba, _v._ Caaba.

Kâbes, 128, 131; II, 139, 290, 356, 362; III, 80, 369, 370, 371, 373,
399, 410, 411, 412, 413, 416, 448, 472, 486, 515.

Kabilia grande, II, 38.

Kafsa, II, 362, 486, 515, 516, 517.

Kairewân, XXXVII, XXXVIII, XXXIX, XLII; 113, 114, 115, 117, 121, 122,
123, 127, 128, 131, 133, 134, 136, 137, 144, 145, 146, 148, 154, 155,
156, 172, 230, 236, 253, 254, 255, 257, 258, 262, 277, 296, 343, 379,
385, 392, 393, 428; II, 10, 46, 47, 48, 49, 50, 54, 55, 61, 76, 122,
125, 129, 131, 135, 138, 139, 141, 142, 147, 162, 182, 190, 196, 197,
199, 200, 201, 207, 217, 221, 222, 230, 289, 334, 358, 359, 360, 362,
426, 432, 465, 499, 500, 501, 502, 548; III, 80, 211, 420, 477, 785,
829, 836, 841.

Kala’t-Abd-el-Mumin, 334.

Kala’t-beni-Hammâd, LIV.

Kala’t-el-Bellût, II, 33.

Kala’t-el-Fâr, III, 776.

Kala’t-el-Hamma (Calathammeth), III, 782, 811.

Kala’t-el-Kewârib, III, 772, 811.

Kala’t-el-Khesceb, _v._ Rocca del Legno.

Kala’t-el-Khinzâria, _v._ Hisn-el-Genûn.

Kalat-er-Rum, 336.

Kalat-es-Sirât, II, 192; III, 775.

Kalat-et-Tarîk, III, 776.

Kalat-et-Tirazi, _v._ Calatrasi, II, 449, 772.

Kalatubi, III, 776.

Kalbara, II, 192.

Kalbi, III, 330.

Kalesciana, II, 182.

Kalibia, _v._ Clypea.

Kalsa, _v._ Khâlesa.

Kâmil (borgo di), II, 361.

Kamûna, II, 540.

Kamunia, 114, 115.

Kanbâr, II, 107.

Karâfa, II, 489, 522.

Karak, III, 648.

Karches, II, 35.

Karkana (grotte di), 335.

Karkesia (_errato_ per Corsica), II, 180.

Kasr, _v._ Cassaro.

Kasr-el-Gedid (El), 326, 327.

Kasr-Giâ’far, II, 335; III, 120, 848.

Kasr-el-Hamma, II, 31.

Kasr-el-Hedîd, 326, 327.

Kasr-el-Kadim (El), _v._ Abbâsia.

Kasr-ibn-Menkûd, III, 776.

Kasr-Sa’d, II, 33; III, 312, 536, 766, 844.

Kasr-Sâlem, II, 184.

Kasr-Tur, 277.

Kastilia, III, 515.

Keitonat-el-Arab, _v._ Capo Circeo.

Keitun, _v._ Catona.

Kelâl, XL.

Kemonia, III, 495.

Keneh, III, 796.

Kerkeni, III, 407, 426, 471.

Kerkent, _v._ Girgenti, II, 35.

Kerkûd, II, 35, 433, 512; III, 776.

Kerkûr, II, 433. _v._ Kerkûd.

Khaibar, II, 107.

Khâlesa, II, 158, 184, 190, 191, 274, 292, 296, 298, 301, 304, 354,
375, 378, 426, 432, 434; III, 118, 122, 126, 127, 128, 129, 130, 138,
298, 821, 841, 870, 881.

Khandak (Candia), 164.

Kharadja (corr. Reggio), II, 248.

Kharsiano, 316, 333.

Khassu, III, 776.

Khawarnak, III, 825, 829.

Khazân, III, 776.

Khelât, III, 639.

Khorassân, 139, 140, 142, 143, 253, 264; II, 33, 110, 111, 112, 224,
369, 490, 498, 507, 805; III, 829.

Kiâna, II, 201.

Kosîra, _v._ Pantelleria.

Kubbet-el-Hawâ, III, 829.

Kubbet-el-Khadrâ (El), III, 828.

Kuzeh, II, 114.

Kuzistân, II, 114.


L

Lampedusa, 228.

Lamta, II, 150, 152, 156.

Laodicea, II, 279; III, 527, 529.

Laribus, 427; II, 275.

Laterano, 77, 96; III, 145, 807.

Lattarini, III, 870.

Lavello, III, 31.

Latomie, di Siracusa, 394.

Lauricio, 20.

Lazio, III, 47.

Lecce, III, 560, 569, 672.

Legnano, II, 328; II, 493.

Lenno, II, 88.

Lentini, 8, 17, 311, 316, 317, 337, 364, 485, 486; II, 49, 213, 263,
443; III, 219, 614, 618, 771, 774, 790, 822.

Leonforte, II, 185.

Lepanto, II, 298; III, 672.

Leuca o Gallico, II, 152.

Levante, II, 240, 372, 461, 508; III, 340, 422, 426, 434, 435, 504,
522, 524, 529, 539, 609, 633, 637, 660, 661, 664, 679, 698, 701, 718,
723, 785, 789, 805, 823.

Leyda, XXXIII, XLIV, XLV, XLVI, XLVII, XLVIII, L, LI, LII, LIV, LV; II,
370, 470.

Li Aci, _v._ Aci.

Liâgi, _v._ Aci.

Libia, III, 421.

Libica, provincia, 104.

Librizzi, III, 206, 208.

Liburia, 373.

Licata, 269; II, 35; III, 94, 174, 330, 338, 602, 672, 773, 811.

Licia, 92; II, 368.

Lico, fiume, II, 193.

Licodia, 311.

Licosa, 364.

Li Gresti, torre, III, 822.

Liguria (riviera di), II, 180.

Lilibeo, 8, 11, 94, 169, 205, 265, 467, 485; II, 431; III, 314, 339,
598.

Lilibetana, provincia, 417, 466, 467.

Limona, III, 247.

Linario, monte. II, 443.

Linguadoca, 125, 158.

Lione, III, 803.

Lipari, 356, 485, 486; II, 170, 305, 308, 338, 768, 775.

Liporaco, II, 407.

Lipsia, LI.

Lisbona, III, 16, 664.

Lo False, III, 71.

Lognina, III, 166.

Loira, 158; III, 16, 17.

Lombardia, Lombardi, 462; II, 161; III, 28, 34, 196, 216, 222, 223,
224, 225, 226, 252, 297, 325, 450, 486, 487, 499, 530, 546, 603, 608,
654.

Londra, XLV; III, 16.

Longobardia, 212; III, 8, 223.

Longobardo (porto di), III, 178.

Longobuco, II, 347.

Lorena, 377; II, 402.

Loristan, II, 31.

Louvre (museo del) III, 796.

Lucca, III, 803.

Lucera, XXXI, XXXVIII; 396; III, 253, 318, 538, 596, 598, 602, 603,
608, 611, 612, 616, 619, 620, 628, 654, 688, 689, 712, 791, 792, 867.

Ludd, III, 644.

Lugêrah, III, 598, _v._ Lucera.

Luhrostico, III, 877.

Luni, III, 4, 7, 8, 9, 13, 16, 22.

Luoghi Santi, III, 185, 189.


M

Macara (grotte di), 336.

Macasoli, fiume, II, 193.

Macedonia, 440; II, 250, 365, 367, 392, 394.

Madonie, 315, 322, 417; II, 192.

Madonna del Paradiso, chiesa, III, 794.

Madrid, 489.

Magagi e Maghâghi, II, 36.

Maghreb, 122, 127, 128; II, 535; III, 420, 517, 715, 716, 718.

Magione (chiesa della), III, 238, 857.

Magione (commenda della), II, 434.

Magnaura, 503, 504, 508, 509; II, 48.

Magnisi (penisola di), III, 213.

Maine, III, 151.

Majorca, XLIII; 125, 127; II, 529; III, 5, 10, 376, 377, 518, 519, 520,
530, 821.

Makara, III, 776.

Malaga, III, 173, 662, 663, 664.

Maletto, 311, 336.

Malfiteri, III, 330.

Màlis, II, 186.

Malta, XL, L; 12, 352, 408, 485; II, 208, 260, 329, 422, 448, 516; III,
116, 117, 177, 178, 179, 180, 213, 269, 296, 309, 318, 388, 536, 553,
598, 605, 606, 607, 684, 685, 751, 752, 762, 775, 787, 788, 810, 871,
872.

Mandanici, II, 85; III, 776.

Manfredonia, II, 164.

Mangiaba, III, 788.

Maniace, terra, II, 388; III, 71, 73, 77, 224, 257, 499, 776, 843.

Mansuria, II, 362, 432; III, 606, 760.

Marakia, III, 526.

Marca e Marka, 98, 99.

Marca Aleramica, III, 200, 225, 228, 230, 289.

Marca d’Ancona, III, 577.

Marca de’ Saraceni, III, 595.

Mare dolce, _v._ Favara.

Mare Rosso, 39; II, 413.

Marettimo, III, 770.

Margana, III, 311, 776.

Marge (Lu), III, 877.

Marigny, III, 38.

Marineo, 310; II, 186; III, 311.

Markab, castello, III, 526.

Marmara (mar di), 497.

Marmarica, 104.

Marmorea (Via) III, 501.

Mar Nero, 91, 510.

Marocco, XLVI, L; II, 36, 133, 137, 283, 363, 437; III, 373, 374, 422,
424, 475, 477, 483, 495, 496, 498, 516, 518, 553, 617, 622, 632, 662,
664, 739.

Marsala, 171, 467; II, 275, 420, 427, 431, 432, 434, 453; III, 339,
380, 772, 773, 774, 811.

Marsa-l-Kharez, II, 362, 465.

Marsa-s-Scegira, II, 435.

Marsa-s-Sceluk, 269.

Marsa-t-tin, 318, 319.

Marsa-z-Zeitûna, III, 427.

Marsiglia, Marsigliesi, III, 625, 671, 708, 810.

Martorana (chiesa e monastero della), XV, XVI, XVIII, XIX, XXVIII; 90,
100, 233, II, 13; III, 351, 353, 355, 592, 593, 656, 793, 843, 846,
856, 857.

Marzamemi, III, 881.

Mascali, II, 433, 438; III, 356.

Ma’skar, III, 137.

Massa, III, 257.

Matera, 377; II, 340.

Mattorium, 324.

Maurienne (contea di), III, 676.

Mauritanie, 104.

Mawkif, II, 522.

Mazar, II, 31.

Mazara, XXXVII, XLVII; 233, 265, 266, 267, 269, 274, 285, 286, 289,
294, 467; II, 35, 62, 143, 191, 192, 193, 207, 208, 212, 252, 275, 278,
420, 421, 427, 432, 433, 445, 455, 486, 501, 502, 504, 520, 539; III,
94, 133, 139, 147, 149, 150, 151, 164, 232, 269, 276, 291, 292, 305,
308, 309, 310, 312, 320, 341, 663, 771, 774, 791, 794, 795, 811.

Mazara (val di), 290, 311, 325, 334, 417, 465, 466, 467, 484; II, 24,
25, 35, 192, 216, 217, 239, 276, 277, 396, 397, 400, 403, 419, 420,
435; III, 109, 210, 264, 265, 266, 267, 536, 546, 547, 571, 575, 579,
591, 594, 595, 596, 616, 618, 773, 776, 787, 822.

Mazaro, fiume, II, 36; III, 771.

Me’arra, II, 101.

Mecca, XLIX; 39, 41, 46, 47, 49, 51, 55, 56, 57, 58, 65; II, 77, 117,
118, 120, 245, 286, 335, 477, 482, 487, 496; III, 264, 408, 668, 703,
704, 715, 716, 722, 829, 830, 837, 839, 840.

Mechinesi, II, 35.

Media, Medi, II, 308; III, 837.

Medina, 39, 56, 57, 59, 109, 110, 134, 253; II, 286, 475, 476, 504,
521; III, 210, 824, 829.

Mediterraneo, XLIV, LI, LIV; 75, 79, 80, 82, 95; II, 169, 170, 231,
295, 309, 332, 357, 362, 363, 386, 445, 450, 466, 501; III, 2, 12, 13,
109, 169, 323, 336, 337, 373, 374, 563, 625, 670, 675, 676, 678, 679.

Megara, 418.

Mehdia, XXIX, XXXVII, XXXVIII, XLIV, LIV, LVI; 379; II, 33, 139, 150,
171, 173, 179, 180, 190, 196, 199, 200, 201, 202, 203, 206, 207, 239,
241, 247, 249, 250, 254, 272, 278, 279, 280, 290, 291, 356, 360, 361,
362, 364, 420, 432, 449, 485, 499, 501, 528, 529, 530, 535, 546; III,
14, 24, 80, 81, 93, 136, 158, 168, 169, 170, 171, 172, 174, 190, 332,
361, 362, 366, 367, 368, 369, 370, 371, 372, 373, 379, 380, 381, 382,
383, 384, 386, 387, 399, 401, 402, 403, 404, 405, 406, 407, 410, 412,
413, 414, 415, 416, 417, 418, 419, 420, 421, 423, 425, 429, 430, 460,
472, 473, 474, 475, 476, 477, 478, 480, 481, 482, 483, 484, 489, 490,
496, 515, 516, 517, 622, 651, 716, 719, 746, 759, 764, 780, 802, 808,
841, 864.

Melfi, Melfitani, II, 389; III, 24, 27, 30, 31, 32, 34, 35, 37, 40, 46,
51, 141, 192, 211, 240, 393, 598, 648, 650, 696, 791.

Melgia-Khalîl, III, 776.

Melicocca, II, 410.

Melîla, _v._ Melilli.

Melilli, Melila, Melili e Melîla, II, 36; III, 212.

Melitene, III, 212.

Menâni, III, 463, 819, 820, 846, 847, 849, 850, 851.

Menasciin, _corr._ Monastir, II, 485.

Menfi, di Sicilia, III, 790.

Mengiaba, III, 776.

Mersebourg, II, 328; III, 8.

Mentana, III, 367.

Menzaleh, lago, III, 511.

Menzil-Jûsuf, III, 246, 311.

Menzil-Sindi, II, 34; III, 776.

Merhela Gulielm, III, 215.

Mernak, presso Tunis, II, 485.

Mertu, III, 285.

Merw, II, 33, 224, 498.

Mesîd-Bâlîs, II, 186.

Mesisino, II, 35.

Meskân, 314.

Mesopotamia, XLV, XLVI, XLVII; 31, 141; II, 33, 98, 278, 310, 513; III,
637, 639, 667, 825, 837, 844, 858, 879.

Messina, XXXI; 7, 15, 18, 19, 24, 91, 94, 100, 101, 280, 304, 305, 313,
314, 336, 363, 426, 427, 428, 465, 469, 485, 486, 489, 517; II, 35, 36,
70, 71, 72, 73, 89, 213, 214, 243, 244, 259, 263, 264, 266, 271, 313,
314, 315, 327, 382, 383, 390, 393, 394, 396, 397, 398, 400, 402, 421,
424, 432, 433, 435, 437, 443, 450, 453, 466, 467, 552; III, 55, 56, 57,
58, 59, 60, 61, 63, 64, 65, 66, 68, 69, 70, 71, 73, 75, 76, 78, 85, 86,
102, 109, 132, 133, 147, 161, 162, 166, 180, 192, 201, 202, 208, 209,
216, 218, 219, 220, 228, 229, 232, 233, 235, 254, 257, 269, 274, 275,
286, 288, 289, 290, 291, 295, 297, 298, 305, 308, 309, 310, 320, 330,
333, 339, 340, 346, 349, 350, 351, 353, 354, 359, 445, 463, 464, 487,
499, 500, 502, 536, 543, 544, 546, 547, 548, 550, 559, 564, 565, 566,
569, 570, 579, 582, 584, 590, 599, 609, 610, 627, 650, 656, 678, 696,
768, 776, 780, 792, 802, 811, 812, 813, 818, 843, 853, 883.

Messina (duomo di), III, 817.

Messina (museo di), II, 454.

Mezzoiuso, _v._ Menzil-Jûsuf.

Mezzomondo, nave, III, 651.

Mezzo Morreale, III, 554.

Michiken, 315; III, 264, 285.

Mico o Vico (Bikesc, Benfesc, Tifosc, Minisc, Minis, Mikosc, Mikos),
II, 85, 265, 266; III, 776.

Micolufa, III, 174, 175.

Migeti (terra di), III, 278.

Mihkàn, 315, _v._ Michiken.

Mikosc e Mikos, _v._ Mico.

Mîla, II, 123, 233, 335.

Milano, 20; II, 389; III, 672.

Milazzo, 21, 425, 426, 469; II, 432; III, 63, 64, 102, 338, 340, 784,
789, 811.

Milazzo (val di), 466, 467; III, 301, 312.

Mileto, II, 214, 261, 322, 552; III, 51, 57, 59, 60, 62, 78, 84, 87,
88, 151, 176, 177, 235, 273, 305, 314, 315, 349.

Milga, III, 286.

Mili, II, 265, 432, 433.

Militello, III, 822.

Millaga, monte, III, 605.

Mimnerno, _v._ Menàni.

Mineo, 278, 279, 280, 285, 286, 287, 288, 289, 291, 337; II, 432, III,
787.

Minisc e Minis, _v._ Mico.

Minorca, 125.

Minsciàr, II, 36; III, 573, 592.

Minzaro, _v._ Minsciàr.

Minzecio, III, 573.

Mirabella, III, 219.

Miragia, III, 776.

Mirto, III, 208, 282, 284, 286.

Misanelli, II, 408.

Miseno, 364.

Miserella, III, 592.

Misilmeri, II, 186; III, 108, 111, 113, 285, 292, 302, 311, 592, 843.

Mismar, III, 213.

Misr, II, 182, 488, 538; III, 737, _v._ Egitto.

Mistretta, II, 161, 229, 232, 233, 286.

Modica, 315.

Modiuni, fiume, II, 35.

Modone, 414, 508, 509; III, 435.

Moezzia, II, 259.

Mojo, II, 191.

Mola, 223.

Molise (contea di), III, 497.

Monakh-el-Bakar, II, 315.

Monastir, II, 474, 484, 485.

Mondello, 317, 318, 319.

Monembasia, 399; III, 434.

Monferrato, III, 197, 199.

Monforte e Monteforte, 470; II, 85, 265; III, 71.

Mongibello, II, 442; III, 881, 883.

Monopoli, III, 35, 521.

Monpileri, III, 215.

Montalbano, III, 71, 610, 788.

Monte di Abu-Malek, città, 343.

Monte Aperto, 311; III, 107.

Monte Cassino, 101, 102, 365, 368, 369, 373, 374, 376, 460; II, 87,
318, 392; III, 21, 24, 27, 28, 41, 45, 52, 123, 140, 141, 190, 398,
440, 853, 860.

Monte Cuccio, II, 67.

Monteleone, III, 616.

Monte Maggiore, III, 34.

Monte Negro, presso Antiochia, III, 784.

Monte Pellegrino, II, 443

Montepeloso, II, 342; III, 34, 35, 40, 397, 406, 688.

Monte San Girolamo, III, 210.

Monte di San Pietro, III, 340.

Monte Saraceno, II, 347.

Montescaglioso, II, 341.

Monte Scuderi, II, 85.

Monte delle Tarantole, III, 107.

Morreale, II, 34, 36, 300, 432, 434, 120; III, 215, 219, 251, 309, 312,
322, 324, 325, 494, 577, 580, 581, 582, 585, 595, 843, 849.

Morreale (monastero e arcivescovato di), III, 237, 238, 213, 246, 250,
310, 311, 322, 324, 341, 450, 451, 531, 536, 546, 574, 579, 587, 588,
778, 806, 874.

Morreale (duomo di), III, 514, 815, 862, 864, 870, 879.

Mortelleto, III, 152.

Mosa, III, 17.

Moschea (regione della), II, 297, 298.

Mosciàrra, 343.

Mosella, III, 650.

Mosul, XLVI, XLVII; II, 497.

Motta, III, 220.

Msila, II, 362, 444, 499; III, 212.

Mueli (monastero di), II, 282.

Muluia, III, 212.

Murcia, XLIX; III, 703, 704, 705.

Mussaro, III, 592, _v._ Muxaro.

Muta, 59.

Mutata, III, 340.

Muxaro, III, 174, _v._ Mussaro.

Muxaro (Sant’Angelo di), II, 36.


N

Nàiis, II, 186.

Napoli, XXXI, XXXII, XL; 183, 186, 187, 189, 193, 212, 216, 227, 239,
311, 312, 313, 314, 354, 355, 357, 364, 367, 369, 373, 375, 376, 379,
381, 385, 389, 413, 435, 437, 438, 443, 444, 445, 447, 448, 449, 450,
451, 452, 453, 454, 455, 457, 458, 459, 461, 462, 463; II, 90, 91, 92,
95, 161, 162, 163, 164, 166, 167, 175, 178, 236, 251, 253, 295, 299,
312, 315, 316, 340, 344, 376, 377, 445, 449, 450, 453, 458, 459, 460,
488; III, 28, 52, 112, 186, 196, 212, 235, 237, 238, 453, 461, 566,
579, 588, 608, 631, 698, 706, 708, 709.

Napoli, d’Affrica, III, 212.

Napoli (archivio di), III, 201, 202, 241, 613.

Napoli (museo di), III, 452, 814.

Napoli (università di), III, 707.

Nardò, II, 72; III, 672.

Narni, II, 164, 165.

Naro, III, 174, 791.

Naso, III, 282, 284, 286.

Naupactitesse (monastero detto delle), II, 298, 415, 416.

Nauplia, II, 367.

Nazareth, III, 644.

Nè (comune di), III, 221.

Negroponte, 414; III, 466, 467, 480, 679.

Nepi, II, 164, 165.

Neritinû, _v._ Nardò.

Neritum, _v._ Nardò.

Nesterawa, II, 275, 276.

Nettunii (monti), II, 264.

Nicea, 501; III, 664, 665.

Nicosia, III, 90, 135, 224, 225, 227, 229, 268, 278, 287, 288, 294,
295, 309, 338, 499, 584, 610.

Nicotra, III, 150, 151, 165, 257, 378, 379.

Nilo (Il), II, 122, 284, 418, 463, 500, 530, 548; III, 73, 80, 82, 92,
511, 515, 521.

Nini, fiume, 119.

Ninive, XXVII.

Nisapur, 253; II, 111, 507.

Nizza, 227.

Nocera, 462, 463; III, 611, 612, 620, 688.

Noja, II, 408.

Normandia, II, 343, 380, 413; III, 18, 20, 23, 27, 29, 37, 38, 39, 213,
214.

Norvegia, II, 380, 383, 384; III, 14, 15, 17, 19, 39.

Noto, 323, 324, 345, 346, 348, 467; II, 275, 433, 435; III, 167, 175,
176, 177, 269, 301, 306, 309, 314, 774.

Noto (val di), 315, 319, 323, 363, 417, 465, 466, 467, 484; II, 24,
213, 216, 255, 276, 396, 397, 435, 526; III, 85, 109, 149, 151, 153,
154, 210, 267, 314, 773, 822.

Novara, III, 220, 225.

Nozaba, III, 407.

Nûba, II, 77, 78.

Nubia, III, 681.

Numidia, 104.

Nuova Regione, II, 297, 298.

Nurembergh, III, 448, 589, 814.

N»zh»r»d, III, 316.


O

Obbiano, II, 345.

Occidente, II, 120, 140, 221, 231, 233, 282, 286, 309, 404, 461, 462,
499, 522, 528, 535; III, 13, 25, 303, 447, 454, 458, 490, 663, 664,
668, 669, 708, 711, 805, 811.

Oceano, II, 284; III, 16, 337, 374, 679.

Odesuer (Wadi-es-Sewâri), III, 884.

Ofanto, III, 34.

Oiûn-’Abbâs, II, 435.

Okâz, 41, 42.

Olivella (monastero dell’), III, 869.

Olivento, III, 31.

Oliveri, II, 433; 111, 102, 774, 783.

Oppido, III, 251, 282, 284.

Orano, 116, 122, 292; II, 362; III, 426.

Ordona, II, 312.

Oreto, fiume, L; II, 68, 299, 300, 301; III, 103, 118, 470, 580, 582,
785, 790, 849, 883.

Oria, II, 170, 171, 172, 175, 316.

Oriente, II, 100, 101, 102, 104, 134, 178, 221, 227, 255, 269, 278,
282, 286, 361, 362, 365, 404, 446, 474, 481, 495, 496, 498, 504, 518,
519, 522, 533; III, 14, 25, 315, 324, 328, 447, 513, 535, 541, 669,
694, 713, 728, 731, 732, 733, 774, 802, 807.

Orne (dipartimento dell’), III, 497.

Oronte, III, 634.

Orta, II, 164.

Ortigia, 7, 394, 395, 397; II, 259, 391.

Osero, 358.

Ostia, 365, 366, 367, 368, 444, 445, 446, 453, 454.

Osra (?), II. 185.

Otranto, 183, 185, 437; II, 171, 172, 177, 243, 244, 252, 316, 431;
III, 108, 116, 609.

Oxford, XLIII, XLIV, XLV, XLVI, XLVIII, XLIX, LIII; II, 467.

Oxford (biblioteca Bodlejana di), III, 701.


P

Pace (porta della), II, 156.

Pachino, 100; II, 435, 448.

Padova, III, 803.

Paesi Bassi, III, 1.

Paflagonia, III, 672.

Palagio comunale di Palermo, II, 69.

Palagio nuovo, _v._ Halka.

Palagio reale di Palermo, III, 138.

Palagonia, 311.

Palasciano, II, 345.

Palazzolo, di Sicilia, 269, 336; III, 220.

Palazzuolo, presso Firenze, III, 220.

Palermo, XL, XLI, XLIV, L; 8, 11, 13, 15, 21, 94, 205, 206, 232, 240,
248, 271, 274, 290, 291, 293, 294, 299, 302, 304, 305, 307, 308, 309,
315, 317, 318, 319, 320, 323, 324, 325, 326, 327, 328, 329, 330, 333,
335, 336, 337, 344, 345, 348, 349, 350, 351, 352, 354, 359, 364, 371,
378, 379, 392, 399, 407, 412, 413, 414, 417, 422, 423, 424, 425, 426,
440, 465, 467, 485, 486, 487, 489, 493, 516; II, 5, 12, 24, 32, 33, 34,
35, 36, 37, 43, 48, 64, 65, 67, 68, 70, 71, 72, 77, 78, 79, 96, 140,
141, 144, 145, 147, 150, 151, 152, 155, 157, 158, 159, 160, 172, 177,
178, 179, 184, 185, 186, 187, 188, 189, 191, 192, 193, 195, 204, 205,
206, 207, 208, 209, 210, 212, 214, 215, 216, 222, 225, 236, 239, 240,
241, 242, 243, 244, 250, 251, 252, 257, 263, 266, 269, 270, 272, 274,
278, 292, 293, 295, 296, 297, 298, 299, 300, 301, 302, 303, 304, 305,
306, 307, 308, 309, 320, 329, 333, 335, 337, 338, 349, 350, 373, 375,
387, 388, 390, 391, 392, 394, 396, 402, 403, 412, 414, 415, 416, 418,
419, 420, 421, 422, 425, 426, 427, 428, 431, 432, 433, 434, 435, 436,
437, 442, 443, 449, 452, 454, 455, 465, 467, 481, 486, 498, 501, 506,
513, 516, 518, 524, 535, 547, 548, 549, 551, 552; III, 14, 66, 69, 73,
75, 76, 78, 79, 80, 92, 93, 94, 96, 97, 100, 101, 102, 103, 106, 108,
109, 110, 111, 112, 113, 114, 115, 116, 117, 118, 119, 120, 121, 122,
123, 125, 128, 129, 132, 133, 134, 136, 137, 138, 139, 140, 141, 142,
147, 148, 149, 150, 153, 159, 160, 164, 173, 176, 185, 204, 205, 207,
209, 210, 212, 214, 216, 217, 218, 219, 225, 226, 228, 229, 230, 232,
233, 236, 237, 245, 248, 251, 253, 254, 256, 257, 261, 262, 263, 266,
267, 269, 275, 277, 285, 286, 287, 290, 292, 297, 298, 299, 300, 308,
309, 310, 311, 315, 316, 317, 320, 321, 322, 323, 324, 327, 330, 331,
334, 335, 339, 340, 341, 343, 349, 350, 351, 353, 358, 359, 365, 368,
370, 388, 389, 390, 392, 393, 394, 395, 401, 409, 415, 420, 422, 423,
425, 426, 427, 430, 434, 438, 439, 448, 450, 451, 459, 460, 468, 469,
470, 471, 474, 475, 476, 484, 485, 486, 487, 490, 494, 496, 497, 500,
504, 505, 506, 515, 517, 520, 525, 531, 534, 535, 536, 544, 545, 547,
548, 551, 552, 558, 560, 561, 564, 565, 566, 567, 570, 571, 572, 577,
579, 581, 582, 583, 584, 586, 587, 589, 592, 594, 595, 597, 599, 600,
609, 610, 614, 615, 617, 618, 655, 656, 657, 662, 665, 670, 672, 676,
678, 680, 683, 684, 689, 690, 698, 700, 709, 711, 713, 722, 752, 754,
756, 757, 763, 764, 766, 768, 773, 774, 776, 785, 786, 797, 798, 800,
801, 802, 811, 812, 813, 815, 816, 818, 819, 820, 840, 841, 842, 843,
855, 856, 864, 866, 868, 874, 893, 894.

Palermo (archivio di), III, 203, 215, 234, 246, 291, 318, 635, 806, 872.

Palermo (cappella Palatina di), III, 463, 475, 492, 684, 792, 793, 831,
842, 843, 845, 847, 848, 856, 857, 861.

Palermo (duomo di), III, 463, 793, 801.

Palermo (museo di), III, 792, 795, 869.

Palermo (università degli studi di), II, 69; III, 869.

Palestina, III, 346, 522, 529, 530, 563, 608, 640, 652, 811.

Palici (lago dei), 5, 279.

Palma, di Calabria (_corr_. Palmi), II, 317.

Palma (spiaggia di) sotto Roccalumera, in provincia di Messina, III,
795.

Palma, in Majorca, III, 821.

Palmi, 517; II, 410; III, 57.

Palmira, 31; III, 825.

Paludi Meotidi, 221.

Panaria, III, 769.

Paniças, III, 631.

Pantalica, 311; III, 180, 181.

Pantelleria, 111, 112, 165, 166, 304; II, 367, 448, 508; III, 81, 82,
169, 381, 382, 415, 536, 553, 598, 626, 627, 628, 631, 632, 770, 774,
783, 787, 809, 870.

Panteon di Roma, 94.

Paola, di Calabria, II, 314.

Paolotti (chiesa de’), in Palermo, III, 121.

Papireto, III, 138.

Papireto, fiume, II, 158, 299, 501.

Parco, III, 779, 849, 850.

Parigi, XVII, XXI, XXV, XXX, XXXIII, XXXIV, XXXV, XXXVI, XLI, XLII,
XLIII, XLIV, XLV, XLVI, XLVII, XLVIII, XLIX, L, LI, LII, LIV, LV; II,
51, 272, 467, 484; III, 16, 17, 213, 230, 700, 797.

Parigi (biblioteca nazionale di), II, 272; III, 698. Parigi (museo di),
II, 456, 457, 458.

Parigi (università di), III, 707.

Parma, III. 694.

Partanna, III, 776.

Partinico, II, 86, 432; III, 460, 301, 317, 784.

Patané, II, 86.

Paterno, III, 220.

Paternò, III, 72, 73, 150, 152, 220, 226, 268, 301, 311, 312, 783.

Patitelli (porta dei), II, 303.

Patrasso, 508, 547.

Patria (lago di), 373.

Patti. 469; II, 432; III, 56, 220, 221, 225, 232, 236, 278, 296, 308,
309, 331, 340, 356, 378, 387, 768.

Pavia, 212; III, 590.

Pellegrino, monte, 318.

Peloponneso, 176, 328, 401, 414, 442, 502, 508; II, 169; III, 413, 434.

Peloriade, 422; II, 79.

Pentapoli, 91, 180.

Pentidattolo, 516.

Perche (contea di), III, 497.

Pergusa, lago, 311, 330; III, 75.

Persepoli, XL.

Persia, Persiani, XLV, XLVI; 31, 39, 53, 56, 58, 59, 60, 62, 64, 72,
74, 77, 94, 138, 142, 515, 517; II, 4, 17, 31, 32, 33, 37, 66, 98, 99,
100, 105, 108, 109, 110, 111, 114, 115, 116, 117, 118, 140, 173, 269,
278, 490, 492, 493, 544; III, 36, 639, 649, 668, 679, 729, 732, 741,
824, 825, 837, 840.

Persico (golfo), 80.

Petra, III, 825.

Petra de Zineth, II, 36.

Petracucca, II, 246, 247.

Petralia, II, 397; III, 85, 86, 112, 281, 285, 315, 340, 341.

Petralia Soprana, III, 85.

Petralia Sottana, III, 85.

Petrazzi, II, 67.

Pettinengo, III, 220.

Pettineo, III, 220.

Phinthia, 269.

Piana de’ Greci, III, 159, 779, 850.

Piazza, 311, 336; III, 220, 223, 225, 226, 227, 229, 268, 269, 309,
488, 822.

Piazza della Marina, in Palermo, II, 158.

Piemonte, II, 167, 225.

Pietà (monastero della), in Palermo, III, 128.

Pietrapennata, II, 247.

Pietraperzia, 330; II, 275; III, 311.

Pietra di Roseto, II, 407.

Pietra di Serlone, III, 135.

Pietroburgo, XXXIV, XXXIX, XLIII; II, 383.

Piramitana (Massa), 12.

Pirenei, 125, 158, 159.

Pisa, Pisani, 364; II, 311, 313, 500, 504; III, 1, 2, 3, 4, 7, 8, 9,
10, 11, 13, 14, 16, 97, 101, 102, 103, 158, 168, 169, 170, 171, 172,
190, 223, 232, 260, 277, 341, 367, 376, 377, 379, 404, 429, 465, 466,
467, 513, 515, 518, 519, 522, 523, 530, 550, 558, 577, 580, 581, 584,
588, 601, 606, 625, 633, 692, 774, 810, 849.

Pisana (torre), in Palermo, III, 218.

Pitirrana, III, 262, 270, 311, 776.

Pizzuto (contrada del), II, 158.

Platanella, II, 193.

Platani, 310, 334, 335, 337; II, 193, 194, 195; III, 174, 266, 573,
586, 588.

Platani, fiume, III. 174, 596, 604, 605.

Platano, monte, III, 604, 605, 776.

Po, 358; II, 394; III, 34, 198, 222, 672.

Poitiers, 158.

Policastro (golfo di), II, 339.

Polizzi, 416, 417, 419, 422; II, 33, 285; III, 275, 592.

Pollina, III, 595.

Polluce (torre di), 237.

Polonia, II, 384, 679.

Pommersfeld, III, 696.

Ponente, _v._ Occidente, III, 379, 420, 424, 425, 544, 625, 686, 701,
718, 739, 805.

Ponte dell’Ammiraglio, III, 785.

Ponte della Grazia, III, 580.

Pontevico, III, 641, 712.

Ponza, 228, 364; III, 226.

Porri (isola dei), 270.

Porta Negra, torre, II, 413.

Porta Nuova, in Palermo, III, 120, 121, 128, 137.

Portella di Mare, III, 844.

Portici, 457.

Porto di Ali, 467; II, 431, _v._ Marsala.

Portoferraio, III, 672.

Portogallo, II, 505; III, 414, 735.

Porto Palo, III, 790.

Potenza, III, 221.

Pozzolo Superiore, II, 85.

Pozzuoli, 373; II, 453; III. 467.

Praroli, o Tre Laghi, III, 63.

Principato, III, 612, 625.

Principato Ulteriore, III, 37, 45.

Prizzi, II, 443, III, 311.

Puglia, e Puglia (ducato di), XXXI; 165, 328, 336, 359, 360, 371, 372,
373, 435, 437, 438, 441, 442, 443, 468; II, 153, 168, 175, 176, 244,
245, 311, 313, 314, 345, 316, 345, 346, 365, 380, 389, 392, 416, 784,
798; III, 14, 22, 23, 25, 26, 27, 30, 31, 33, 35, 36, 37, 40, 41, 43,
45, 46, 47, 48, 53, 61, 63, 66, 69, 78, 94, 100, 102, 104, 106, 112,
123, 136, 146, 147, 162, 165, 183, 185, 214, 226, 233, 237, 271, 272,
274, 277, 302, 309, 315, 338, 342, 348, 351, 366, 391, 392, 394, 395,
396, 431, 451, 464, 465, 466, 468, 481, 544, 548, 553, 563, 565, 567,
577, 590, 596, 601, 606, 611, 612, 616, 620, 625, 628, 648, 653, 654,
701, 867, 868.

Punta Saracena, II, 347.


Q

Quarnero, 359.


R

Raalginet e Ragalzinet, II, 36.

Racalmuto, II, 36.

Raccamo (via del), III, 870.

Raffadali, III, 594

Ragusa, di Dalmazia, 378; II, 367.

Ragusa (fiume di), II, 443.

Ragusa, di Sicilia, 319, 323, 337, 344, 346, 348; III, 212, 301, 771,
772, 784, 811.

Rahl, III, 174.

Rahl-el-Armel, III, 776.

Rahl-el-Asnâm, 237.

Rahl-Butont, III, 850.

Rahl-el-Kâid, III, 776.

Rahl-el-Mara, III, 776, _corr_. Merat.

Rahl-Menkûd, II, 275.

Rahl-el-Merat, III, 787, _v._ Rahl-el-Mara.

Rahl-es-Scia’rani, III, 312.

Rahl-ez-Zenati, II, 36.

Raia, II, 45, 370; III, 311, 776.

Rakal Stephani (_corr_. Rahl), III, 573.

Rakka, II, 33.

Rakkâda, 236; II, 49, 52, 53, 54, 55, 68, 129, 131, 134, 135, 136, 139,
141, 142, 151, 156, 285.

Ramelia, III, 575.

Rametta, 394, 423, 426, 470; II, 85, 86, 242, 247, 259, 260, 293, 265,
266, 269, 270, 271, 280, 290, 291, 308, 315, 322, 331, 382, 383, 400,
401, 414; III, 63, 64, 65, 70, 71, 206, 208, 284.

Ramla, di Siria, III, 644.

Ramla (Er-), presso Mehdia, III, 418.

Randazzo, 350; II, 184, 191, 433; III, 223, 224, 252, 269, 296, 499,
567, 582, 787, 791.

Rappaco, II, 408.

Rapolla, II, 407, 408.

Râs-el-Belât, 266; II, 435.

Rasigelbi, II, 435.

Raudha (nilometro di), III, 834, 836, 843.

Ravanusa, III, 174.

Ravello, 396.

Ravenna, 20, 78, 98, 180, 449; III, 696.

Rebî’ (porta di), 154; II, 197.

Rebuttone, III, 849.

Regalbuto, III, 285, 312, 321, 349.

Regensburg, III, 673.

Reggio, 230, 412, 415, 425, 426, 516, 517; II, 70, 71, 72, 73, 152,
154, 170, 171, 243, 246, 248, 251, 252, 271, 315, 329, 338, 339, 341,
346, 350, 365, 366, 381, 408, 410, 414, 449, 453; III, 2, 3, 31, 46,
47, 48, 50, 51, 52, 54, 55, 57, 61, 63, 64, 65, 66, 67, 68, 69, 116,
165, 257.

Reggio, dell’Emilia, III, 803.

Rekka-Basili, III, 776.

Rendag, _v._ Randazzo.

Resina, 457.

Ribât degli Almoravidi, III, 374.

Ribât, di Susa, 154.

Ribera, III, 605.

Rieti, II, 165.

Rif, del Marocco, II, 36, 285.

Rimini, III, 672.

Rocca (La), presso Morreale, III, 580.

Rocca d’Asino, III, 165.

Rocca Imperiale, II, 347.

Rocca del Legno, II, 177.

Roccamena, III, 779, 787.

Rocca Monte, 462.

Rocca di San Martino, III, 43.

Roccasecca, III, 565.

Roccella, 327; III, 776.

Rodano, 158; III, 16.

Rodi, 88, 85; III, 530.

Roma, XLI, XLIV, LI; 4, 6, 8, 14, 16, 22, 23, 24, 29, 71, 78, 86, 89,
94, 99, 179, 180, 183, 187, 191, 208, 230, 235, 318, 365, 366, 367,
368, 369, 389, 412, 435, 438, 443, 444, 445, 446, 448, 450, 451, 453,
454, 456, 457, 458, 497, 498, 516, 517, 519; II, 90, 161, 164, 165,
166, 169, 175, 278, 318, 327, 338, 399, 403, 406; III, 2, 16, 26, 31,
41, 44, 46, 143, 145, 146, 182, 184, 193, 417, 431, 450, 497, 530, 559,
569, 582, 588, 590, 621, 629, 645, 653, 654, 679, 680, 681, 701, 705,
811, 881.

Romania, III, 480.

Roseto, II, 247.

Rosetta, II, 182, 276; III, 426, 427.

Rossano, 183; II, 313, 315, 317, 319, 320, 322, 323, 326, 329, 336.

Rostoch, II, 455.

Rouen, II, 413; III, 17, 18, 21.

Ruga Keleb, III, 369.

Russia, Russi, XXXIV; 77; II, 261, 269, 365, 380, 383, 384, 385; III,
26.


S

Sabina, II, 164, 165.

Sabra, II, 362.

Sabratha, 109.

Ságana, II, 34, 277.

Saghâniân, II, 34.

Sâhel, III, 212.

Sahra, 130; III, 373, 374, 483.

Sa’îd, II, 285.

Saint-Clair sur Epte, III, 18.

Saint-Evrault (monastero di), III, 84.

Sakhra (cappella della), III, 644.

Sakhrat-el-Harîr, 327; III, 776.

Sala, III, 220.

Salemi, II, 36; III, 575.

Salerno, XL; 189, 240, 241, 354, 355, 356, 357, 362, 369, 370, 373,
375, 376, 381, 383, 385, 387, 388, 396, 397, 435, 436, 437, 438, 439,
444, 445, 448, 450, 452, 454, 455, 457, 461, 463, 464; II, 166, 168,
178, 241, 311, 312, 317, 321, 322, 329, 343, 344, 377, 380, 449, 450,
459, 488; III, 25, 27, 28, 29, 37, 38, 39, 45, 46, 47, 49, 52, 122,
142, 146, 193, 232, 274, 275, 280, 388, 392, 393, 398, 552, 554, 555,
577, 612, 697, 698, 788, 813.

Saline (valle delle), 516; III, 50, 51.

Salso, fiume, 269, 290, 315, 323, 417, 466; II, 192, 216, 427; III,
311, 595, 614, 773, 790.

Salvatore (braccio del), III, 57, 64, _v._ San Giacinto.

Salvatore (monastero del), in Messina, 489, 490; II, 400; III, 234,
463, 783.

Salvatore (chiesa del), III, 287, 288.

Salvezza (vicolo della), III, 128.

Samanteria, II, 433, _v._ Sementara.

Samarkand, II, 34.

Sambuca, III, 220.

Sambuco, III, 220.

Sambughetto, III, 220.

Sanâ, 46; II, 120.

Sanagi o Sinagia, II, 36.

Sant’Adriano (monastero di), presso Basidia, II, 407, 408.

Sant’Andrea degli Amalfitani, II, 297; III, 138.

Sant’Andrea, isola, 497.

Sant’Andronico (chiesa di), III, 65.

Santangelo (museo di casa), III, 344.

Sant’Angelo di Brolo (monastero di), III, 305.

Sant’Angelo de Lisico (monastero di), 469; II, 404.

Sant’Antonio (parrocchia di), II, 69.

Sant’Apollinare (chiesa di), in Bari, III, 36.

Santarem, XLIII; II, 505, 506.

San Barbaro di Demona (monastero di), 470; III, 208, 234, 313.

San Bartolommeo, di Capitanata, II, 347.

San Bertario (chiesa di), II, 92.

San Brunone (monastero di), III, 187, 196, 235, 241.

San Calogero (monastero di), 505.

San Carlo, comune, II, 431.

San Cataldo (chiesa di), III, 843, 856.

Santo Ciro (rupe di), III, 756.

San Cono (grotte di), 311.

Santo Carzio, presso Aversa, 462.

San Domenico (chiesa di), II, 158.

Sant’Elia d’Ambola o d’Eubulo (monastero di), III, 83, 340.

Sant’Elia, monte, 517.

Sant’Erasmo (piano di), III, 470.

San Felice (grotte di), II, 72; III, 95, 96.

San Filareto (monastero di), II, 317, 395, 410, 411, 412, 442.

San Filippo, d’Argira, 519; II, 399, 403, 406, 408, 410; III, 224, 269,
284, 301.

San Filippo di Demona (monastero di), 469, 470; II, 404; III, 282, 313.

San Filippo di Fragalà (monastero di), 505; III, 206, 208, 305.

San Francesco d’Assisi (chiesa di), in Palermo, II, 454.

San Francesco di Paola (monastero di), III, 120.

San Fratello, comune, III, 224, 227.

San Gennaro, comune, III, 396, 569.

San Giacinto (isola di), III, 57, 58, 64, v. Salvatore.

San Giacomo (quartiere di), III, 137.

San Giacomo la Marina (chiesa di), III, 793.

San Giacomo la Màzara (chiesa di), III, 856.

San Giorgio (chiesa di), III, 230.

San Giorgio dei Genovesi (chiesa di), II, 297.

San Giovanni, d’Acri, III, 508, 529.

San Giovanni degli Eremiti (monastero di), III, 138, 463, 594, 843, 856.

San Giovanni dei Lebbrosi, ospizio, II, 445; III, 118, 119, 593, 783,
821, 843.

San Giuliano (monastero di), II, 408.

San Giuseppe li Mortilli, in oggi San Giuseppe Jato, II, 36; III, 159,
779, 849.

San Gregorio (chiesa di), III, 117.

San Leonardo (fiume di), III, 147, _v._ Termini.

San Lorenzo di Cefalà, spedale, III, 615.

San Marco, comune, II, 445; III, 71, 75, 77, 78, 94, 102, 161, 164,
186, 206, 208, 221, 282, 284, 286, 293, 773, 774, 784, 787, 811.

San Marco di Venezia (campanile di), III, 687.

San Martino, presso Capua, 387.

San Martino, in Marsico, 462.

San Martino de Scalis (monastero di), 293; II, 413; III, 792, 795, 869.

San Matteo (chiesa di), III, 193.

Santo Mauro, comune, III, 776.

San Mercurio (monastero di), II, 317, 318, 319.

San Michele (chiesa di), II, 92, 95, 415.

San Michele (monastero di), III, 575.

San Michele Arcangelo (monastero di), II, 404; III, 305, 324.

San Nazario (monastero di), II, 317, 318.

San Niccolò (chiesa di), in Messina, III, 58, 161.

San Niccolò (chiesa di), in Reggio, III, 165.

Sannio, 443.

San Pancrazio (chiesa di), II, 92.

San Pietro e Paolo (monastero di), III, 305, 306.

San Pietro e Paolo (chiesa di), III, 139.

San Quirico, II, 408.

San Remo, III, 277.

Sansego, isolotto, 359.

Sanseverino, III, 148.

San Severo, di Puglia, III, 616.

Santo Stefano (chiesa di), 489.

San Vincenzo in Volturno (monastero di), 374, 375, 459, 460.

San Vito, presso Isernia, 368.

Sant’Agata (monastero di), III, 254, 550.

Sant’Agata la Guilla, II, 69.

Sant’Agata, di Reggio, II, 315.

Sant’Agata (ròcca di), II, 171.

Sant’Anastasia, III, 212, 311.

Santa Caterina (monastero di), II, 69, 415.

Santa Chiara (monastero di), II, 69.

Santa Ciriaca, III, 130, 339.

Santa Cristina, III, 779.

Santa Croce, di Firenze, III, 707.

Sant’Eufemia (monastero di), III, 84, 307.

Santa Lucia (chiesa di), III, 291.

Santa Lucia, comune, III, 223, 252, 296.

Santa Margherita, comune, II, 33.

Santa Maria dell’Ammiraglio, III, 592, v. Martorana.

Santa Maria, castello in Sicilia, 512, 513.

Santa Maria di Cammarata, terra, III, 251.

Santa Maria in Cingla, 368.

Santa Maria del Faro, III, 66.

Santa Maria della Grotta (chiesa di), III, 131, 138, 139, 355.

Santa Maria de Gurguro (monastero di), III, 324.

Santa Maria in Josaphat (monastero di), III, 239.

Santa Maria de Latina (monastero di), III, 547.

Santa Maria di Mili (monastero di), III, 305.

Santa Maria Vergine (chiesa di), III, 139.

Santa Maria di Rifesi (chiesa di), III, 594.

Santa Maria di Roccamadore (badia di), III, 67.

Santa Maria di Vicari (monastero di), II, 397, 403; III, 305.

Santa Maria Maddalena de Galca (via di), III, 138.

Santa Severina, 440, 451; II, 42, 406.

Santa Sofia (tempio di), III, 837.

Saponara, III, 220.

Sara, monte, III, 605.

Saracena, presso Castrovillari, II, 347.

Saraceno (monte), II, 347.

Saracinesco, presso Tivoli, II, 347.

Saragozza, II, 475, 476, 481; III, 450.

Sardegna, Sardi, XXXI; 18, 28, 95, 98, 124, 125, 168, 173, 175, 183,
184, 201, 204, 207, 226, 227, 366; II, 180, 181, 287, 433, 449; III, 2,
3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 367, 368, 679.

Sardegna, villa in Affrica, II, 287.

Sassonia Gotha, XLI.

Savona, III, 198, 199, 230, 288, 673.

Scalea, III, 87.

Scaletta, III, 220.

Scarpanto, III, 525.

Sceliata, III, 776.

Scerîk (penisola di), 111, 430, 431; III, 474, 598, _v._ Dakhel.

Schala di Lampheri, III, 875.

Schiavoni (quartiere degli), II, 158, 297, 298; III, 298, 614.

Sciacca, 505, 506; II, 35, 275, 420, 432, 434, 489; III, 176, 211, 301,
310, 313, 330, 338, 341, 602, 773, 775, 795, 811, 882.

Sciakâtis, XLV.

Sciarabbu, fonte, III, 870.

Sciarra (Butera?), 316.

Scicli, 345; III, 771, 811.

Scilla, II, 73, 271.

Sclafani, II, 192.

Scopa, III, 220.

Scopello, II, 432, 433; III, 220, 224, 592.

Scrible (castello di), III, 43, 107.

Scuteri (grotta dei), III, 877.

Sebeto, 373, 454.

Seffein, II, 103.

Segeballarath, II, 300, _v._ Ballarò.

Segelmessa, 129; II, 133, 134, 135, 136, 284, 363, 369.

Segesta, II, 31, 86; III, 775, 782.

Segestan, II, 31, 186.

Segestano (emporio), 8.

Selamîa, II, 116, 120, 132, 134.

Selinunte, 233, 236, 237; II, 33, 36, 435; III, 776.

Selinus, II, 36, _v._ Modiuni.

Sementara, II, 433, 490; III, 212.

Seminara, 231, 517; II, 317, 410; III, 257.

Senegal, III, 373.

Senem, II, 184.

Senna, III, 16, 18.

Sepiano, 455.

Sepino, 374.

Seracino, fiumicello, II, 347.

Seralcadi, quartiere, III, 298, 614, _v._ Schiavoni.

Serkland, II, 385.

Sessa, 452.

Setfura, II, 275.

Setif, II, 38, 121; III, 424.

Setra, II, 163.

Sette Dormienti (grotta dei), III, 664, 665.

Settentrione, III, 668, 823.

Sewâd, II, 17.

Sfax, 806; II, 151, 152, 362, 433, 449; III, 80, 92, 410, 419, 420,
421, 468, 469, 470, 472, 473, 477.

Sibilla, _v._ Zawila.

Sibkha, di Tunis, II, 75.

Sicchiaria, fonte, III, 870.

Sicilia (archivio regio di), III, 774.

Sicilia di qua e di là dal Salso, 417; III, 595.

Siciliane (Le), villa presso Damasco, 87; III, 736.

Sidone, III, 107, 640, 644, 645.

Simeto, _v._ Wadi-Musa, II, 387, 435, 448; III, 71, 72, 95, 96, 135,
790.

Sinagra, III, 250, 251.

Sinai, 515; II, 413; III, 859.

Sind, II, 186; III, 760, 762.

Sinopoli, II, 410.

Siponto, 362; II, 164, 176.

Siracusa, 7, 11, 12, 13, 15, 16, 21, 26, 86, 94, 95, 99, 100, 169, 174,
201, 212, 217, 230, 240, 247, 248, 252, 269, 271, 272, 274, 275, 278,
290, 291, 299, 300, 317, 323, 326, 328, 329, 333, 335, 344, 345, 346,
347, 348, 349, 351, 352, 392, 393, 394, 395, 397, 401, 404, 406, 410,
411, 432, 465, 471, 485, 486, 496, 499, 500, 501 a 513; II, 32, 35,
146, 216, 258, 263, 275, 293, 299, 382, 383, 387, 391, 396, 412, 413,
425, 433, 436, 437, 453, 474, 476, 525, 549; III, 56, 109, 151, 152,
163, 165, 166, 167, 168, 169, 174, 181, 208, 209, 213, 231, 251, 264,
269, 291, 297, 301, 305, 308, 309, 310, 312, 317, 318, 327, 338, 378,
388, 407, 536, 538, 574, 578, 583, 597, 601, 610, 614, 618, 689, 768,
771, 774, 776, 780, 781, 811.

Siracusana (provincia), 417, 466, 467.

Siria, Siri, XLV, XLVI; 31, 49, 62, 64, 66, 69, 79, 81, 82, 85, 86, 87,
88, 90, 128, 136, 138, 143, 477; II, 33, 88, 89, 100, 118, 131, 132,
133, 170, 180, 218, 278, 279, 281, 286, 301, 310, 312, 349, 369, 379,
404, 405, 406, 445, 450, 477, 490, 496; III, 211, 212, 362, 365, 414,
508, 523, 528, 609, 634, 639, 640, 643, 647, 649, 715, 717, 718, 721,
723, 732, 734, 740, 796, 811, 825, 858, 879.

Siviglia, XLII: II, 501, 508, 523, 524, 527, 529, 530; III, 16, 172,
686.

Slavi (quartiere degli), II, 179, _v._ Schiavoni.

Soiût, LV.

Solûk, in Affrica, III, 212.

Solunto, II, 48, 86.

Sommatino, III, 776.

Sordivolo, III, 221.

Sorelle (Le), isolotto, III, 382, 383, 384, 385, 387.

Sorrento, 183, 312, 357, 364, 367.

Sort, II, 284, 290.

Sortino, 311.

Spaccaforno, 311.

Spadafora, II, 265, 266, 267.

Spagna, Spagnuoli, XXXI, XXXIX, XLIII, XLIV, XLV, XLIX, L, LIII; 118,
119, 124, 125, 128, 135, 136, 137, 141, 144, 158, 159, 160, 161, 162,
165, 171, 226, 227, 228, 229, 230, 264, 286, 288, 290, 291, 295, 296,
304, 340; II, 4, 6, 10, 21, 22, 33, 97, 100, 101, 155, 167, 170, 186,
200, 210, 219, 220, 227, 233, 249, 250, 282, 283, 295, 302, 309, 355,
362, 369, 371, 405, 428, 442, 445, 447, 450, 453, 462, 471, 472, 476,
477, 481, 487, 491, 494, 496, 497, 499, 502, 508, 522, 523, 528, 530,
533, 535, 547, 548; III, 2, 3, 4, 5, 7, 11, 12, 16, 20, 75, 76, 78, 80,
106, 157, 169, 172, 173, 188, 211, 212, 217, 260; III, 261, 310, 337,
357, 365, 367, 373, 374, 377, 378, 379, 380, 388, 389, 390, 414, 432,
476, 490, 516, 517, 533, 591, 617, 622, 626, 662, 682, 684, 687, 705,
711, 712, 716, 738, 740, 741, 799, 805, 807, 810, 811, 823, 825, 830,
836, 852, 880, 889.

Spartivento (capo di), II, 246.

Spasimo (piazza dello), III, 821.

Spasimo (bastione dello), in Palermo, III, 128.

Spedal grande di Palermo, II, 69.

Spoleto, 187, 189, 369, 370, 388, 447, 454, 455, 462; II, 72, 89, 166,
312.

Squillaci, III, 52.

Squillaci (vescovado di), III, 245, 275.

Stiklestad, II, 384.

Stilo, 439; II, 324, 329, 372; III, 235, 241, 317.

Strobilo, II, 368.

Stromboli, II, 440, 441, 448; III, 769.

Sudân, 173; II, 363.

Suez, II, 286; III, 511, 836.

Suez (istmo di), III, 646.

Sufetula, 109.

Sus, 115; III, 374, 483.

Susa, 113, 154, 168, 262, 264, 277, 287; II, 48, 73, 77, 154, 188, 199,
200, 222, 223, 275, 280, 281, 334, 362, 421, 442, 449, 498, 550; III,
92, 212, 213, 419, 421, 472, 473, 474, 477, 490, 491, 751.

Sutera, 334, 337; III, 174, 882.

Sutri, II, 165.

Svezia, III, 14, 15.

Svizzera, II, 167.


T

Tabarca, II, 66, 465, 466.

Taberistân, II, 33; III, 212.

Tabor, 515.

Tâgi (Et), _v._ Aci.

Tahuda, 117, 118.

Taiort (Tahert, Tuggurt), 130; II, 135.

Taki-Kesra, III, 838.

Talavera, II, 528; III, 375.

Tâlis, II, 186.

Tanaro, III, 198.

Tanger, XXXIX; 115, 123, 127, 128, 129, 132; II, 226, 230.

Taormina, 7, 15, 299, 326, 347, 349, 350, 351, 394, 411, 412, 418, 422,
428, 432, 469, 485, 486, 487, 488, 491, 492, 495, 499, 516, 518; II,
69, 70, 73, 78, 80, 81, 82, 83, 85, 86, 87, 88, 148, 183, 184, 215,
216, 242, 255, 257, 258, 259, 263, 290, 291, 387, 400, 402, 414, 433,
438, 439; III, 56, 94, 147, 157, 159, 166, 269, 338, 772, 811.

Taranto, LII; 357, 358, 359, 360, 361, 362, 363, 364, 371, 377, 378,
379, 380, 385, 435, 436, 440, 451; II, 162, 172, 176, 177, 312, 315,
322, 323, 329, 340, 341, 433; III, 140, 560, 569, 579.

Targia, III, 881.

Tarso, 431, 438; II, 48.

Tartaria e Tartari, XXXVIII, LIII; 62; II, 32, 34, 109.

Taurasi, II, 164.

Taurga, II, 84.

Tauzer, XLV; II, 198, 515.

Tavi, III, 213, 776.

Teano, 374, 444, 452, 461, 462.

Tebaide, II, 406.

Tebala, 42.

Tebe, III, 434, 800.

Tefrica, 510.

Telal, XL, _v._ Kelâl.

Telemsen, LV; 128, 132, 175, 228.

Telese, 368, 374, 455.

Tenes, II, 362; III, 426, 427, 428.

Termini, 416, 485; II, 252, 263, 264, 266, 274, 275, 433, 452; III,
104, 112, 211, 263, 276, 310, 311, 315, 536, 765, 768, 772, 774, 783,
789, 811, 841.

Termini (fiume di), 111, 147, _v._ San Leonardo.

Termoli, II, 179.

Terra di Bari, III, 37.

Terracina, 187, 189; II, 406.

Terra di Lavoro, 373, 435, 459; III, 616, 701.

Terraferma d’Italia, II, 72, 160, 182, 292, 315, 316, 338, 346, 350,
365, 388, 390, 394, 396, 400, 406, 410, 415, 449; III, 9, 77, 92, 104,
108, 112, 119, 122, 123, 133, 141, 146, 147, 148, 163, 165, 176, 178,
184, 191, 192, 205, 206, 214, 218, 219, 222, 232, 234, 254, 259, 268,
273, 276, 279, 293, 303, 308, 323, 331, 365, 368, 384, 393, 395, 396,
400, 441, 464, 466, 484, 487, 500, 549, 560, 569, 582, 583, 588, 590,
603, 608, 610, 611, 792, 803.

Terranova, di Sicilia, 269; III, 616.

Terra d’Otranto, 183, 434; II, 171, 172, 316.

Terrasanta, II, 338, 386, 413, 523, 573, 578, 605, 635, 637, 641, 642.

Tessaglia, 502.

Tessalonica, 396, 414, 502, 578; II, 88, 89; III, 57, 223, 521, 526,
538, 688, 689.

Tevere, XXXI; 91, 389, 445; II, 164, 278, 346, 449; III, 182, 678, 680.

Teverone, 445.

Thoron, III, 643, 644.

Tîfesc, _v._ Mico.

Tigri, 79, 138, 176; II, 301, 404; III, 521, 837, 839.

Tindaro, 8, 18, 211, 305, 485; II, 86; III, 56, 63.

Tinnis, III, 426, 427, 467, 514.

Tiracia, 350.

Tiro, III, 107, 378, 522, 523, 524.

Tirreno, 364, 378, 417, 445; II, 162, 177, 264, 449; III, 3, 30, 71.

Titeri (montagne di), II, 362.

Tivoli, II, 347.

Tobna, 132; II, 128.

Tolceto, III, 221.

Toledo, 161; II, 303; III, 188.

Tolosa, III, 16.

Torino, 496; III, 199, 675.

Torino (università di), III, 803.

Torolts, III, 816.

Torre del Greco, 457.

Torre Saracena, II, 347.

Torretta, II, 67.

Torri (Le), II, 315.

Torto, fiume, I, 469; III, 309, 315, 340, 773.

Torti (dei), fiume, III, 875.

Tortona, III, 199.

Tortorici, III, 776.

Tortosa, 288; III, 414, 526.

Toscana, Toscani, 183, 187, 277, 443, 451; II, 371; III, 223, 433, 539,
544, 566, 653, 796.

Tournus (abbadia di), II, 299.

Tours, III, 16, 803.

Trabia, III, 311, 789, 790, 795, 809.

Trabla, _v._ Trapani, III, 154.

Tracia, Traci, 440; II, 250, 261, 367, 368; III, 33.

Traietto, 450, 458; II, 163, 164.

Traina, Trainesi, 347, 471; II, 385, 387, 388, 390, 391, 395, 396, 398,
404, 410, 418, 419; III, 82, 83, 85, 86, 89, 90, 92, 95, 96, 97, 100,
103, 104, 105, 117, 152, 158, 161, 164, 177, 186, 192, 208, 257, 269,
281, 282, 284, 285, 286, 289, 290, 291, 304, 305, 309, 311, 314, 315,
340, 348, 349, 353, 610, 616.

Trani, III, 36, 141.

Transoxiana, II, 110.

Trapani, 337, 485, 486; II, 35, 64, 66, 67, 78, 86, 157, 160, 275, 420,
421, 427, 433, 435, 454, 466, 467, 535, 541; III, 53, 56, 57, 78, 109,
133, 147, 154, 155, 159, 164, 210, 211, 213, 232, 269, 309, 318, 338,
520, 534, 536, 542, 577, 595, 599, 617, 770, 771, 772, 773, 776, 780,
788, 789, 795, 811.

Trebisonda, 510, 203.

Tre Fontane, II, 435.

Tre Laghi, _v._ Praroli.

Tremestieri, terra, III, 68.

Tremiti, II, 247.

Trento, III, 590.

Treveri, II, 412, 413; III, 16.

Trevi, II, 165.

Tribunali (palazzo de’), in Palermo, II, 158.

Tricarico, II, 407.

Trifels, III, 553, 561, 562.

Trinacria, Trinacrii, 174; III, 813.

Trinità (monastero della), III, 790.

Triocala, 485, 486.

Tripi, III, 71.

Tripoli, di Barbaria, 104, 109, 121, 131, 172, 225, 391; II, 57, 78,
84, 129, 130, 133, 141, 151, 152, 182, 188, 200, 228, 290, 294, 355 a
357, 362, 465, 466, 541; III, 24, 154, 408 a 411, 419 a 421, 424, 461,
462, 471, 472, 520, 526.

Tripoli, di Sicilia, II, 433.

Tripoli, di Siria, 88; II, 80, 327, 312; III, 523, 524, 526.

Troia, di Puglia, III, 62, 140, 392, 864.

Tronto, II, 339; III, 183.

Tropea, 441.

Tropici, II, 357; III, 676.

Tûb, castello, II, 518.

Tunis, VII, XXXIX, XLV, XLIX, L, LIII, LIV, LV, LVI; 104, 121, 124,
131, 132, 137, 145, 146, 155, 156, 157, 167, 168, 173, 225, 253, 287,
429, 520; II, 48, 53, 54, 57, 58, 66, 67, 74, 75, 123, 126, 127, 198,
199, 222, 224, 359, 465, 471, 484, 485, 513, 547; III, 80, 132, 158,
172, 212, 260, 332, 333, 408, 413, 416, 421, 428, 429, 430, 458, 472,
474, 476, 477, 496, 498, 553, 599, 622, 624, 625, 627, 628, 629, 631,
632, 693, 694, 698, 704, 722, 734, 774.

Tûr, III, 772.

Turi, II, 407, 408.

Tusa, II, 433; III, 94, 772.

Tusciano, fiume, 362.


U

Umbria, III, 672.

Ungheria, III, 315.

Upsal, LI, LIII.

Utica, 277.

Utrecht, III, 16, 673.


V

Vaccarizzo, II, 315.

Vado, III, 518, 519.

Valdemone, _v._ Demona (val di).

Valenza, XLVI, XLIX.

Valenza, sul Rodano, III, 16.

Valguarnera Ragali, presso Partinico, III, 779.

Valguarnera Caropipi, 270.

Valledolmo, III, 215.

Varano (lago di), II, 347.

Vaticana (biblioteca), 507; III, 838.

Velez Blanco, II, 186.

Velletri, 445.

Venafro (castel di), 374.

Venezia, 183, 216, 229, 278, 287, 357, 358, 376, 377, 379, 389, 438;
III, 432, 493, 504, 523, 530, 633, 803, 809.

Venosa, 377; II, 164; III, 31, 650.

Ventimiglia, III, 519.

Vergine Maria (spiaggia detta la), 319.

Vergini (monastero e chiesa delle), in Palermo, II, 69, 454.

Veroli, III, 600.

Verona, II, 326, 600, 602.

Verona (museo di), II, 453.

Verrua, III, 198.

Vesuvio, 458; II, 366.

Vicari, 418, 419; II, 36, 397, 403; III, 209, 213, 219, 224, 285, 292,
309, 311, 315, 340, 499, 573, 615, 616.

Vico, _v._ Mico.

Vienna, 496, 507; III, 448, 553, 798.

Viesti, II, 347.

Viilabate, III, 536, 843.

Villafranca, III, 179.

Villanuova, XLIII; II, 433.

Vindicari, 336.

Vittoria (chiesa della), III, 120, 126, 128, 129, 821.

Vittoria (piazza della), III, 128.

Vittoria (porta della), III, 128, 821.

Vizzini, 311; III, 822.

Volturno, 387, 447; II, 170, 186.

Vulcano, isola, 12; II, 438, 441; III, 770, 781.


W

Wadi-l-’Abbâs, _v._ Oreto.

Wadi-Musa, II, 435, _v._ Simeto.

Wadi-t-tîn, _v._ Dittaino.

Walhalla, III, 15.

Waset, II, 480; III, 383, 826, 828.

Wergla, III, 624.

Worms, 152, 153; II, 13, 20, 21.


X

Xalces, _v._ Halka.


Y

Yhale, III, 264.


Z

Zab, 144; II, 36.

Zaèra, III, 882, 883.

Zandewend, III, 826.

Zante, 414; III, 525.

Zânzûr, II, 357.

Zarchante, casale, III, 575.

Zarniwah (_erronea lezione di_ Otranto?), II, 177.

Zawila, II, 432; III, 170, 172, 384, 416, 418, 472, 473, 474, 475, 477,
478, 479, 490, 516.

Zecca di Palermo, II, 158.

Zemzem, 49.

Zisa (palagio della), II, 451, 452; III, 491, 492, 555, 617, 818, 819,
841, 843, 845, 846, 847, 849, 856, 861, 881.

Zotica, _v._ Iudica.

Zuagha, 109.

Zucac Almucassem, vicolo, III, 870.

Zucac Germes, vicolo, III, 869.



INDICE DE’ VOCABOLI.


A

Abbacari _sicil._, III, 886.

Abd-Allah _ar._ (uso di questo nome), II, 219.

Abuged _ar._, II, 468, 469.

Accanzari _sicil._, III, 885.

Acciacco, III, 887.

Adab _ar._, II, 483.

Addijri _sicil._, III, 885.

Agem _ar._, II, 269.

Aggibbari _sicil._, III, 886.

Ahl _ar._, II, 276.

Akbar-Allah _ar._, 73; II, 83.

Akila _ar._, 68.

Alâma _ar._, III, 449.

Alambicco, III, 887.

Alcali, III, 887.

Alliffari _sicil._, III, 886.

Almanacco, III, 887.

Almugaveri, II, 165.

Amân _ar._, II, 64, 72, 131, 258, 285, 400, 401, 415, 418, 420, 421.

’Amil _ar._, II, 185, 189.

Amira _lat._, II, 320, _v._ Emîr ed Ammiraglio.

’Aml _ar._, II, 275, 276.

Amlak _ar._, II, 371.

Ammiraglio, III, 351, segg., 887.

Annacari _sicil._, III, 886.

Annadarari _sicil._, III, 882, 886.

Arcon _gr._, III, 281.

Arcontia _gr._, III, 283.

Arcontichia _gr._, III, 283.

Arrâda _ar._, II, 260.

Arruciari _sicil._, III, 886.

Arsenale, III, 881, 882.

’Asr _ar._, II, 268.

Assammarari _sicil._, III, 886.

Awagi _ar._, II, 532.

Azeg _ar._, III, 827.

Azizzari _sicil._, III, 886.

Azzannari _sicil._, III, 886.

Azzeccare e Azziccari _sicil._, III, 886.

Azzurro, III, 887.


B

Balata _sicil._, 266; III, 881.

Barda, III, 887.

Bardadâr _pers._, II, 185.

Beiram _turco_, III, 534.

Beit-el-Mal-el-Ma’mur _ar._, III, 323.

Burgiu _sicil._, III, 881.

Burnîa _sicil._, III, 881.

Butteri, III, 887.


C

Cabella bueberie, III, 330.

Cadi, _v._ Kâdhi, 296; II, 7, 8.

Cafisu _sicil._, _v._ Kafiz, III, 890.

Cáida _tosc._, III, 886.

Cálega _tosc._, III, 886.

Cália _sicil._, III, 892.

Camálo genov., III, 886.

Camellotto, III, 892.

Camicia e Cammisa _sicil._, III, 887.

Canfora, III, 887.

Cangemia (diritto di), III, 330.

Canna _sicil._, e Kamah _ar._, III, 890.

Cantàro e Kintâr _ar._, III, 890.

Carato, III, 891.

Carcariari _sicil._, III, 886.

Carciofo, III, 887.

Cassata _sicil._, e Kas’at _ar._, III, 892.

Catusu _sicil._, III, 865.

Caudu di testa _sicil._, III, 886.

Ciaramiti _sicil._, III, 877.

Cifra, III, 887.

Collare (salpare), III, 887.

Cubbaita _sicil._, e Kobbeit _ar._, III, 892.

Cuccía _sicil._, e Kesc _ar._, III, 894.

Cuntari in aria _sicil._, III, 886.

Cuscusu _sicil._, III, 892.


D

Dagala _sicil._, III, 882.

Dâ’i _ar._, 140; II, 116, 118, 119, 120, 136.

Darâri _ar._ (_?_), sing. Dorrâ’ah (giubbone), II, 360.

Darbu _sicil._, III, 866, 881.

Darsena, _v._ Arsenale.

Dekka _ar._, III, 829.

Dewadâr _ar._ _pers._, III, 447.

Dhia’ _ar._, II, 22, 25.

Dica _sicil._, III, 882.

Difter, plur. Defêtir _ar._, III, 324.

Difter-el-Hodûd _ar._, III, 324.

Dinâr _ar._, 169; II, 50, 51, 334, 458.

Dirhem o Dirhim, _ar._, 65; II, 50, 256, 459, 460; III, 455.

Diwân-el-Khazânat-el-Ma’mûrah _ar._, III, 323.

Diwân-el-Mozâlim _ar._, III, 444.

Diwân-et-Tahkîk-el-Ma’mûr _ar._, III, 322, 323.

Dogana, III, 887.

Dhohâ _ar._, II, 245.

Dohana de Secretis _lat._, III, 323.

Dra, _v._ Dsira’.

Dsimmi _ar._, 292; II, 56, 255, 258, 276, 285, 397.

Dsira’ o Dra’ _ar._, II, 178; III, 828.

Dsui-l-Mekena _ar._, II, 10.


E

Elepoli, _gr._, 396.

Emîr _ar._, 147, 296; II, 2, 5, 6, 7, 8, 235, 236, _v._ Ammiraglio.

Emîr-el-Mumenîn _ar._, 70; II, 457.

Emîr-el-Omrâ _ar._, II, 331, 521.


F

Fakih _ar._, 149; II, 10.

Fei _ar._, 121; II, 27, 28, 30, 41, 152, 257, 292, 293, 370.

Ferrâsc _ar._, III, 447.

Fesifisâ _ar._, III, 830.

Fondaco, III, 887.

Fosus, sing. Fass _ar._, III, 842.


G

Gabella, III, 887.

Gaito o Caito, III, 262, 883.

Ganghi di lu sennu _sicil._, III, 886.

Garbo (bel modo), III, 887.

Gasena _sicil._, III, 881.

Gebda _ar._, 153.

Gelsomino, III, 887.

Gemâ’ _ar._, 148, 262; II, 9, 10, 11, 12, 38, 208, 296, 426, 427, 547,
549; III, 111, 130.

Gerâid _ar._, III, 246.

Gesia, _v._ Gezîa.

Gezîa _ar._, II, 27, 86, 255, 276; III, 132, 330.

Ghosn _ar._, III, 740.

Giâmi’ _ar._, XX: II, 190, 201, 228, 274, 275, 277, 301; III, 131, 855.

Giandâr _pers._, III, 444, 446.

Giânib _ar._, III, 443, 446.

Giarra _sicil._, III, 865, 881.

Ginn _ar._, 45.

Giubba, III, 881, 891, 892.

Giukandâr _pers._, III, 447.

Giulebbe, III, 887.

Giund _ar._, 132; II, 17, 25, 26, 27, 29, 62, 63, 128, 131, 132, 188,
256, 258, 267, 361, 369, 370, 423, 424, 546; III, 528.


H

Haggiâm o Haggêm _ar._, III, 330, 881.

Hâgib _ar._, III, 444, 446.

Hâkim _ar._, II, 7, 8, 208.

Hârat _ar._, II, 296.

Harbia _ar._, III, 369.

Harrâka _ar._, 302, 304; III, 776.


I

Idsân _ar._, II, 131.

Ienchi _sicil._, III, 877.

Iklîm _ar._, II, 274, 275, 277; III, 309.

Iktâ’ _ar._, 132; II, 28, 29, 276.

’Ilg, plur. ’Olûg _ar._, II. 269; III, 361.

Imâm _ar._, 149, 151; II, 117, 121.

Imâm mestûr _ar._, II, 116.

’Irâb _ar._, II, 475.

Islam _ar._, II, 58, 97, 111, 117, 119, 220, 221, 229, 231, 267, 269,
276, 277, 304, 334, 353, 370, 405, 462; III, 13, 108, 131, 255, 294,
394, 412, 481, 533, 598, 640.


K

Ka’ah _ar._, III, 847.

Kabîla, plur. Kabâil _ar._, II, 292.

Kâdhi _ar._ (cadi), II, 386.

Kâid _ar._, _v._ Gaito e Caito, 132, 145; II, 187, 386.

Kafîz _ar._, III, 330.

Kâil, plur. Akiâl _ar._, II, 39.

Kasîdah _ar._, II, 334, 335, 336, 517, 518, 520, 521.

Kasr-Ma’mur _ar._, III, 323.

Kâtib _ar._, II, 515.

Ke’k _ar._, III, 892.

Kelâm _ar._, II, 471, 483, 491, 498.

Khalîfa (califo), 70.

Kharâg _ar._, II, 18, 19, 20, 21, 22, 27, 28, 30, 37, 128, 255, 276,
289, 352, 353, 369, 370, 371, 374, 375, 421.

Khatîb _ar._, II, 277.

Khil’a _ar._, II, 254.

Khirka _ar._, II, 492, 493.

Khotba _ar._, II, 135, 150, 277, 285, 549.

Kibla _ar._, 114.

Kufiâ, Kefia, o Kefie _ar._, 37.


L

Lattata _sicil._, III, 886.

Liuto, III, 887.


M

Macráma _genov._, III, 886.

Magazzino, III, 881, 887.

Magistri Sorterii, _v._ Sciorta, II, 9.

Maks _ar._, III, 243, 250.

Mali suttili _sicil._, III, 886.

Malva siciliana, II, 447.

Maona e Magona _tosc. genov._, III, 886.

Marabutto, _v._ Morabit.

Marg _ar._, e Margiu _sicil._, III, 873, 877.

Maula _ar._, 68.

Mehallet _ar._, III, 243, 250.

Mésaro _genov._, III, 886.

Menzîl _ar._, 115.

Merhela _ar._, 330; II, 466, 467.

Me’sker _ar._, II, 297, 298.

Mezâlim _ar._, II, 7.

Mihrab _ar._, 154; III, 829, 830, 831, 833.

Milk o Molk _ar._, _v._ plur. Amlak.

Mithkâl _ar._, II, 269.

Mmalidittu _sicil._, III, 886.

Mohtesib _ar._, II, 8, 9, 11, 120.

Montezeh _ar._, II, 335.

Morabit _ar._ (Marabutto, Almoravidi), II, 374; III, 597.

Mosciaiad _ar._, II, 186.

Mote abbed _ar._, II, 229.

Motewalli _ar._, II, 204, 228.

Mowasceha, plur. Mowascehât _ar._, III, 739 segg., 889.

Muezzin _ar._, II, 248.

Mufti _ar._, II, 7.

Mulatto (Mowalled _ar._), II, 371.


N

Naca _sicil._, III, 886.

Nâib _ar._, III, 446.

Nahw _ar._, II, 475.

Ncarracchiari _sicil._, III, 886.

Nucatula _sicil._, III, 892.

Nzitari _sicil._, III, 886.


O

Ogive _fr._, III, 827, 858.

Olivastro, III, 877.

Ostadâr _pers._, III, 447.


P

Pani e Sputazza _sicil._, III, 886.

Petronciana _tosc._, III, 887.

Picchiu e Picchiuliari _sicil._, III, 886.


R

Rahaba (diritto di), III, 330.

Rahaba _ar._, III, 869.

Rahadina (diritto di), III, 330.

Rahl _ar._, III, 873.

Rebâ’i e Robâ’i _ar._, II, 178, 334, 457, 458, 459, 460.

Rekk, plur. Rokûk _ar._, II, 221.

Reticu _sicil._, III, 882.

Ribâ’ _ar._, II, 25.

Ribat _ar._, 133; II, 304.

Rotolo (Rolt e Ritl _ar._), III, 455, 890, 891.

Rubbio, III, 891.

Rûmi _ar._, II, 137, 442, 499.


S

Sâheb _ar._, 296, 360; II, 5, 236, 550.

Sâheb-el-Leil _ar._, II, 9.

Sâheb-el-Medina _ar._, II, 9.

Sâheb-es-Sciorta _ar._, II, 9, _v._ Sciorta.

Sâheb-Sikillia, II, 427.

Salma _sicil._, e Saum _ar._, III, 899.

Sammuzzari _sicil._, III, 886.

Sceikh _ar._, xix; 33, 34, 148; II, 10.

Sceikh dei Credenti, II, 198.

Sceikh-el-Beled _ar._, II, 11.

Sciabica _sicil._, III, 882.

Scialbo, III, 887.

Sciarr _ar._, Sciarra e Sciarriari _sicil._, III, 873, 886.

Sciddicari _sicil._, III, 883, 886.

Scikka o Sciukka _ar._, II, 448.

Sciorta, Sorta, Surta, o Xurta _sicil._, II, 9; III, 890.

Sciura _ar._, II, 10, 11.

Sebîl _ar._, III, 843.

Sedekât _ar._, II, 14.

Selâhia _ar._, III, 444, 446.

Semid e Semids _ar._, III, 893.

Senia _sicil._, III, 882.

Sensale, III, 887.

Sfinci _sicil._, III, 892.

Sicilia (falsa etimologia del nome), VII.

Simât _ar._, II, 302.

Simt _ar._, III, 740.

Soha _ar._, III, 718.

Sultân _ar._, 372; II, 239.

Sunna _ar._, 158; II, 128, 285.

Surta, _v._ Sciorta.


T

Tabakât _ar._, II, 224.

Tabardâr _pers._, III, 447.

Tabi’ _ar._, II, 436.

Taccuino, III, 887.

Taliari _sicil._, III, 882, 886.

Tareni, _v._ Tarì.

Tarì, II, 458, 459; III, 811.

Tarì-peso o Trappeso, II, 460.

Tariffa, III, 887.

Tarsia, III, 887.

Tarzanà _sicil._, _v._ Arsenale.

Terrieri, III, 276.

Thaghr _ar._, II, 275, 276.

Thaub _ar._, II, 178.

Tibu _sicil._, III, 892.

Tignusu _sicil._, III, 886.

Tirâz _ar._, II, 449; III, 447.

Trappeso, _v._ Tarì-peso.

Tremula _sicil._, III, 877.

Tumolo e Tumminu _sicil._, Thumn _ar._, III, 881, 890.


U

Ukîa _ar._, II, 460.

’Ulemâ _ar._, III, 455.


V

Vasca, III, 887.

Vattali _sicil._, III, 881.

Vava _sicil._, III, 881.


W

Wagîh _ar._, 148, 149; II, 10.

Wakf _ar._, II, 21.

Wâli _ar._, 147, 296; II, 5, 142, 235, 236.

Wark _ar._, II, 221.

Wâsita _ar._, II, 331; III, 454.

Wed e Wâdi _ar._, III, 873.

Wisciâh _ar._, III, 739.


Z

Zabara _sicil._, III, 882.

Zabbatiari _sicil._, III, 886.

Zágara _sicil._, 883.

Zaim _ar._, III, 264.

Zegel, plur. Azgiâl _ar._, III, 739, segg., 889.

Zekât _ar._, II, 14, 15, 22, 28, 30.

Zenit _ar._, III, 877.

Zero, III, 877.

Zeug e Zuigia _ar._, 153.

Zicca _sicil._, III, 882.

Zindîk _ar._, 153, 255, 256; II, 102, 112, 113.

Zizzu _sicil._, III, 881.

Zohr _ar._, II, 268.

Zotta _sicil._, III, 882.

Zubbiu _sicil._, III, 881.

Zuccu _sicil._, III, 882.

Zurriari _sicil._, III, 882, 886.



SOMMARIO DELLE MATERIE CONTENUTE NEL TERZO VOLUME.


LIBRO SESTO.

  Capitolo I.

  1101-1111. Reggenza di Adelaide                                 345
  1112-1118. Ruggiero, II conte, prende il governo.
               Morte di Adelaide                                  346
       »     Roberto di Borgogna                                  347
       »     Fanciullezza di Ruggiero II                          348
       »     Forte governo della reggenza. Sede trasferita
               in Palermo                                         349
       »     Ufizio del grande ammiraglio di Sicilia              351
     1108?   Giorgio di Antiochia fugge di Mehdia in Sicilia      361
       »     Abd-er-Rahmân-en-Nasrâui                             362
       »     La corte di Palermo                                  365
  1078-1116. I Ziriti di Mehdia                                   366
       »     Pratiche di Ruggiero contr’essi                      368
       »     Rafi’ governatore di Kâbes                           369
  1117-1118. Aiutato invano dal conte di Sicilia                  370
       »     Guerra coi Ziriti e accordo                          372
       »     Gli Almoravidi                                       373
       »     I Beni Meimùn, corsari                               ivi
     1122.   Assalgono Nicotra                                    378
       »     Ruggiero muove guerra a Mehdia                       380
       »     Sbarco al Capo Dimas                                 382
     1123.   Rotta                                                385
     1127.   Nuova scorreria dei Beni Meimùn                      387
     1127.   Ruggiero a Salerno                                   388
       »     Fa lega con Raimondo conte di Barcellona             ivi

  Capitolo II.

       »     Condizioni della Puglia                              391
       »     Ruggiero succede al duca Guglielmo                   392
     1130.   Prende la corona di re in Palermo                    393
  1130-1139. Sua guerra in Terraferma                             395
       »     Quale parte vi prendono i Musulmani di
               Sicilia                                            396
     1135.   Ruggiero aiuta gli Ziriti di Mehdia                  399
       »     Occupazione delle Gerbe                              400
     1142.   Trattati con Mehdia                                  401
       »     Come Ruggiero riscuote i suoi crediti contro
               quel principato                                    403
     1143.   Assalto a Tripoli e ad altri luoghi                  406
     1146.   Presa Tripoli                                        408
       »     Fame in Affrica                                      410
     1147.   Fatti di Kâbes                                       411
     1148.   Impresa contro Mehdia                                413
       »     Occupazione di quella città                          415
       »     Di Susa, Sfax e altri luoghi                         419
  1149-1150. Notizie arabiche su la morte di Giorgio
               d’Antiochia                                        421
       »     Conquisti degli Almohadi nello Stato di Bugia        422
     1152.   Pratiche di Ruggiero con le tribù arabiche           424
     1153.   Occupate Bona, le Gerbe e Kerkeni, e assalita
               Tenes o Tinnis                                     425
  1154-1157. Condizioni di Tunis                                  427

  Capitolo III.

  1139-1153. Accordo di re Ruggiero col papa contro
               Corrado III                                        430
       »     Guerra contro Emmanuele Comneno                      433
     1153.   Filippo da Mehdia arso per delitto d’apostasia       435
       »     Cagioni di cotesta persecuzione                      439
     1154.   Morte del re                                         440
       »     Sue qualità                                          441
       »     Riforme nell’amministrazione                         442
       »     Ufizi di corte a modo musulmano                      445
       »     Cancelleria arabica                                  449
       »     Trattato di geografia compilato da Edrîsi            452
       »     Accademia di Ruggiero                                460
       »     Altri dotti musulmani e greci presso Ruggiero        461
       »     Poeti arabi                                          462
       »     Monumenti                                            463

  Capitolo IV.

       »     Parti politiche alla esaltazione di
               Guglielmo I                                        464
       »     Relazioni estere                                     465
       »     Guglielmo reprime la ribellione nel regno e
               trionfa al di fuori                                466
     1156.   Insurrezione di Sfax. I due Forriani                 468
  1156-1158. Supplizio del padre                                  469
       »     Sollevazione di Tripoli                              471
       »     E di Zawila                                          472
       »     Preparamenti degli Almohadi                          475
     1159.   Abd-el-Mumen prende Tunis e altri luoghi e
               stringe Mehdia                                     477
       »     Battaglia navale                                     480
     1160.   Il presidio s’arrende                                481
       »     Si ridesta la rivoluzione feudale nel regno          483
       »     Ucciso Majone                                        484
     1161.   Preso re Guglielmo                                   485
       »     Liberato dai Palermitani                             486
       »     I Lombardi danno addosso ai Musulmani                487
       »     Reazione della Corte                                 488
     1163.   Assalti sulle costiere d’Affrica                     489
       »     Guglielmo fabbrica la Zisa                           491
     1166.   E muore                                              492

  Capitolo V.

       »     Esaltazione di Guglielmo il Buono;
               reggenza                                           493
       »     Fazioni che ne derivano                              494
     1167.   Ahmed-es-Sikilli, forse lo stesso che il
               gaito Pietro                                       495
       »     Il cancelliere Stefano, creatura de’
               cattolici oltramontani                             497
       »     Suoi primi atti                                      498
       »     Reazione de’ regnicoli                               499
       »     E de’ Musulmani                                      500
     1168.   Tumulti: cacciata del Cancelliere                    501
     1171.   Governo di re Guglielmo, ossia di Gualtiero
               Offamilio e di Matteo da Salerno                   502
       »     Atti di politica esteriore                           504
     1174.   Cospirazione in Egitto                               506
       »     I Siciliani ad Alessandria                           507
       »     Sconfitta loro                                       511
  1175-1178. Altre ostilità in Egitto                             514
       »     Relazioni con la Barbaria                            515
     1180.   Pace di Guglielmo con gli Almohadi                   516
     1181.   Impresa delle Baleari                                518
     1185.   Guerra di Grecia                                     520
     1188.   L’ammiraglio Margarito da Brindisi alla Crociata     524
       »     Abboccamento di lui con Saladino                     527
     1189.   Nuove imprese di Margarito                           529
       »     Giudizio sul governo di Guglielmo il Buono           530
       »     I Musulmani perseguitati pian piano                  531
       »     Loro condizione sociale                              534
       »     Loro forze e disposizioni                            537

  Capitolo VI.

     1190.   Parti e condizioni del paese alla morte
               di Guglielmo II                                    543
       »     Eccidio de’ Musulmani e fuga loro alle montagne      545
       »     Tancredi, esaltato al trono, li rappacifica          548
     1194.   E muore                                              549
       »     Impresa di Arrigo VI imperatore                      550
       »     Combattimento di Catania                             ivi
       »     Occupazione di Palermo                               551
       »     Giardino regio detto Genoardo                        554
     1197.   Digressione su la tirannide di Arrigo                555

  Capitolo VII.

     1198.   Regno di Costanza                                    567
       »     Varii pretendenti alla reggenza di Federigo          568
       »     Avvertenze su la condotta d’Innocenzo III            569
       »     I Musulmani usciti di Palermo e raccolti ne’
               monti del Val di Mazara                            571
     1199.   Tentata proscrizione di questo popolo                573
       »     Il quale sta su le difese                            576
       »     E pende per Marcnaldo De Anweiler                    577
       »     Epistola di Innocenzo III a’ Saraceni di Sicilia     578
     1200.   Marcnaldo co’ Saraceni assedia Palermo               579
       »     È sconfitto                                          580
  1200-1208. Vicende dell’interregno                              582
       »     Educazione di Federigo                               583
       »     Condotta de’ Musulmani                               584
     1208.   Nuova epistola scritta loro dal Papa                 586
       »     Si chiariscono ribelli al tempo della
               emancipazione del re                               587
     1210.   Pratiche loro con Ottone imperatore                  588

  Capitolo VIII.

  1212-1218. Esaltazione di Federigo all’impero, e caduta
               di Ottone                                          589
     1220.   Federigo torna in Italia                             590
       »     Condizione de’ Musulmani di Sicilia                  591
     1221.   Infestano tutto il Val di Mazara                     593
       »     Numero loro                                          596
       »     Ordinamenti                                          597
       »     Mirabetto dei Beni ’Abs                              599
     1222.   Assedio di Giato e morte di Mirabetto                ivi
     1223.   I Musulmani della provincia di Girgenti
               deportati a Lucera                                 601
     1225.   Cacciati que’ delle isole adiacenti                  605
       »     Altri anco si sottomettono                           607
  1224-1228. Negoziati di Federigo col papa                       608
  1229-1242. Colonie musulmane di Terraferma                      611
       »     Condizione de’ Musulmani rimasti in Sicilia          613
  1245-1246. Sollevatisi, occupano Giato ed Entella               618
       »     E sono soggiogati e deportati                        619

  Capitolo IX.

     1241.   Relazioni di Federigo II co’ califi almohadi         621
     1228.   Origine della dinastia Hafsita di Tunis              622
     1231.   Trattato di Federigo con questi principi             623
       »     Condizioni di Pantelleria                            626
       »     Dissapori tra Federigo e gli Hafsiti                 628
       »     Del tributo di Tunis                                 630
     1217?   Ambasciatori di Federigo presso gli Aiubiti
               di Damasco e del Cairo                             633
     1226.   Pratiche per Gerusalemme                             637
     1228.   Crociata di Federigo                                 639
     1229.   Trattato                                             642
  1229-1241. Condizioni della Siria                               646
       »     Ambascerie e doni tra Federigo, gli Aiubiti
               e gli Ismaeliani                                   648
       »     Nuovo trattato con l’Egitto                          649
  1242-1250. Continuano le relazioni tra Federigo e i
               successori di Malek-Kàmil                          651
  1260-1265. E tra quelli e Manfredi                              654

  Capitolo X.

  Secoli XII
   e XIII.   Delle lettere in Sicilia allo scorcio
               dell’XI secolo                                     655
       »     Scienza arabica nella prima metà del
               secolo XII                                         657
       »     L’ammiraglio Eugenio; sua traduzione
               dell’Ottica di Tolomeo                             ivi
       »     E delle profezie della Sibilla Eritrea               660
       »     Notizie biografiche sopra Edrîsi                     662
       »     Studi geografici degli Arabi                         666
       »     Il Libro di re Ruggiero; sorgenti delle notizie      669
       »     Metodo della compilazione                            673
       »     Carte geografiche                                    677
       »     Descrizioni                                          679
       »     Vicende del libro                                    680
       »     Giudizio                                             682
       »     Meccanica. La clepsidra della reggia di Palermo      684
       »     L’ingegnere Abu-l-Leith                              686
       »     Ingegneri militari                                   688
       »     Astrologi. Mohammed-ibn-Isa                          689
       »     Stefano da Messina, Giovanni di Sicilia.
               Astrolabii                                         690
       »     Studi matematici. Fibonacci, Giovanni da
               Palermo, maestro Teodoro                           691
       »     Cenni su la Storia naturale e le scienze affini      695
       »     Medicina                                             697
       »     Traduzione dell’_Hawi_ del Razi                      698
       »     Studi filosofici                                     699
       »     I _Quesiti Siciliani_ d’Ibn Sib’In                   701
       »     Critica di Federigo sopra un passo di Maimonide      705
       »     Versione d’Aristotile                                706
       »     Letterati giudei                                     708
       »     Federigo poliglotta, influenza di lui su le
               lettere e le scienze                               709
       »     Qualità del suo intelletto                           710
       »     Elementi orientali della sua cultura                 711

  Capitolo XI.

       »     Decadenza di altri studi                             713
       »     Scienze coraniche. Vita ed opere d’Ibn Zafer         714
       »     Ibn-el-Bagi, Abd-el-Kerim ed altri tradizionisti     735
       »     Altri di famiglie emigrate                           736
       »     Ibn-el-Mo’allim, grammatico                          737
       »     Poesia. Metri detti _Mowascehe_ e _Zegel_            738
       »     Abu-l-Hesan-ibn-abi-l-Biscir                         742
       »     Abu-Musa-ibn-Abd-el-Mo’nim                           746
       »     Abu-Abd-Allah suo figliuolo                          748
       »     Ibn-es-Susi                                          751
       »     Elegia d’Abu-d-Dhaw-Serrag in morte d’un
               figliuolo di re Ruggiero                           752
       »     Lodatori del re. Abd-er-Rahmân da Butera             754
       »     Abd-er-Rahmân da Trapani                             756
       »     Abu-Hafs-Omar                                        758
       »     E Ibn-Bescrûn                                        759
       »     El Gâun-es-Sikîlli                                   761
       »     Abd-er-Rahmân-ibn-Ramadhân                           762
       »     Abd-el-Halim                                         763
       »     Ibn-es-Sebân                                         764
       »     Ibn-el-Barûn                                         765
       »     Ibn-Semoa e Abd-el-’Aziz l’aghlebita                 766
       »     Ibn-et-Teifasci da Kâbes, ucciso in Sicilia          767
       »     Ibn-Kalâkis d’Alessandria ed un poeta
               affricano da’ Beni-Rowaha                          768

  Capitolo XII.

       »     Geografia fisica della Sicilia nel XII secolo        769
       »     Porti                                                770
       »     La fonte di Donna Lucata e l’Amenano                 771
       »     Avanzi di antichità                                  772
       »     Geografia politica; divisione in province            ivi
       »     Numero di città importanti e fortezze                774
       »     Numero dei nodi di popolazione                       776
       »     Antichi territorii di Giato, Corleone e Calatrasi    778
       »     Produzioni minerali                                  780
       »     Dello zolfo in particolare e del petrolio            781
       »     Agricoltura; frumento                                782
       »     Orti e giardini                                      783
       »     Vite ed ulivo                                        ivi
       »     Frutta, cotone, henna                                784
       »     Palme, canne da zucchero                             785
       »     Boschi                                               786
       »     Agrumi. Pastorizia                                   787
       »     Corallo                                              788
       »     Tonni e altri pesci                                  789
       »     Paste lavorate                                       790
       »     Artigiani                                            791
       »     Tarsia                                               792
       »     Stoviglie                                            793
       »     Bronzi                                               796
       »     Drappi di seta e ricami                              798
       »     Tele di cotone                                       804
       »     Se la Sicilia abbia avute manifatture di carta       805
       »     Commercio                                            808
       »     Navigazione                                          810
       »     Monete                                               814

  Capitolo XIII.

       »     Architettura; supposti monumenti arabi;
               Annunziata de’ Catalani                            817
       »     Zisa, Cuba e Menâni                                  818
       »     Maredolce; Bagni di Cefalà                           820
       »     Porta della Vittoria; San Giovanni de’ Lebbrosi      821
       »     Calatamauro, Entella ed altre rovine                 822
       »     Origine dell’architettura siciliana del XII
               secolo                                             823
       »     Architettura degli Arabi                             824
       »     Cufa                                                 826
       »     Cupole                                               828
       »     Mosaici nelle moschee di Damasco, di Medina
               e della Mecca                                      829
       »     Marmi nella moschea del Kairewân                     831
       »     Monumenti d’Egitto; moschea d’Amr                    832
       »     E d’Ibn-Tulûn                                        833
       »     Altri monumenti                                      835
       »     Poco mutato lo stile in Egitto fino al XV secolo     836
       »     Levante, Affrica e Spagna                            ivi
       »     Architettura della Media e della Mesopotamia         837
       »     Influenza bisantina                                  ivi
       »     Ipotesi sul primo sviluppo dell’arco acuto           839
       »     Come venne in Sicilia                                840
       »     Rassomiglianza dell’arte arabica d’Egitto
               con quella di Sicilia                              843
       »     Giardini di sollazzo                                 846
       »     Fu arabica l’architettura siciliana del XII
               secolo                                             851
       »     Poche modificazioni fattevi                          854
       »     Origine dell’arco acuto nel settentrione d’Europa    858
       »     Arti accessorie. Mosaici                             860
       »     Dipinture                                            861
       »     Sculture in marmo e getti in bronzo                  862
       »     Sistema de’ condotti delle acque                     864
       »     Se rimangano vestigi della popolazione musulmana
               nelle schiatte odierne della Sicilia               866
       »     I Musulmani di Sicilia scemarono per emigrazioni,
               conversioni ed eccidii                             867
       »     Il parlare de’ Saraceni di Lucera                    ivi
       »     Mancò d’un subito la lingua arabica in Sicilia       868
       »     Saraceni del XIII secolo                             870
       »     Pantellaria e Malta                                  871
       »     Dell’idioma arabico che si parlava in Sicilia        872
       »     Pronunzia                                            873
       »     Dialetto italico di Sicilia avanti il conquisto
               musulmano                                          874
       »     E nel XII secolo                                     876
       »     Supposta scrittura volgare del 1153                  878
       »     Iscrizioni nella porta del Duomo di Morreale         879
       »     Vicende del parlare arabico ne’ paesi conquistati    ivi
       »     L’arabico lasciò deboli vestigi in Sicilia           880
       »     Difficoltà di un glossario etimologico               884
       »     Delle voci arabiche rimase nel siciliano,
               nell’illustre o in entrambi                        885
       »     Lingua cortigiana surta in Sicilia nel XII secolo    888
       »     Gli Arabi influirono nella nostra poesia col
               solo esempio                                       889
       »     Istituzioni ed usanze che risaliscono ai Musulmani   890
       »     Conchiusione                                         895

  Indice de’ nomi di persone                                      897

  Indice de’ nomi di luoghi                                       935

  Indice de’ vocaboli                                             961


  FINE DEL VOLUME TERZO ED ULTIMO.



Correzioni ed Aggiunte.


  Pag.  lin.

  361    4  n. 1. 352                 355

  435 18-19 n. 2. del quale il        del quale la cronica attribuita
                  Brompton            a Benedetto di Peterborough,
                                      edizione dello Stubbs, Londra,
                                      1867, II, 199 e indi il Brompton,

  455    1        distanza            linee itinerarie orientate

   »     6 n. 2.  itinerarie          itinerarie. Spiego più largamente
                                      il mio concetto nel cap. X, pag.
                                      673, 674, e nelle note
                                      corrispondenti

  462 22-23  ’Isa-Ibn-Abd-el-Moni’m   Abu-d-Dhaw-Serrâg

  491   13 n. 1.  xj                  xiij

  517    1 n. 1.  181                 182.

  536    4        quelle cento        que’ mille chilometri quadrati.
                  miglia quadrate

   »     1 n. 1.  volume.             volume, dove si è detto del
                                      territorio di Giato. Al quale
                                      aggiugnendo i territorii di
                                      Corleone e Calatrasi, conceduti
                                      insieme con esso al Monastero di
                                      Morreale pel diploma del 1182,
                                      si vede che lo stato del
                                      Monastero era circondato da’
                                      territorii di Palermo, Partinico,
                                      Alcamo, Masera, Calatamauro (oggi
                                      supplito da Contessa),
                                      Bisacquino, Prizzi, Chaso (oggi
                                      Ciminna) e Cefalà-Diana. Or nella
                                      carta di Sicilia, pubblicata non
                                      è guari dal nostro Stato
                                      Maggiore, la superficie dei tre
                                      territorii così determinata
                                      prende quasi tutto il foglio 41
                                      (Corleone) e quasi un quarto del
                                      31 (Palermo). Torna ciascun
                                      foglio di quella ottima carta
                                      topografica ad un rettangolo di
                                      chilometri 35X25=875; a’ quali
                                      aggiugnendo la quarta parte 218 e
                                      togliendone le diecine, per le
                                      frazioni di altri territorii
                                      compresi ne’ rettangoli, si vede
                                      che il numero di 1000, così in
                                      arcata, è piuttosto scarso che
                                      troppo. Oltre a ciò Guglielmo II,
                                      per altri diplomi del 1183 e
                                      1184, concedette il territorio di
                                      Bisacquino ed altri, che non
                                      mettiamo nel conto.

  582    8        frustati            frustrati

  669   18        Ahmed-ibn-el        Ahmed-ibn-Omar-el

   »    22        che l’ultimo        che il primo è citato dal Kazwini,
                                      e l’ultimo

  699    4        al quale            nel quale

  829   15        di marmo            di marmo. Nè erano poi rare così
                                      fatte costruzioni nell’Affrica
                                      settentrionale. Nella famosa
                                      moschea Zeituna di Tunis era
                                      stata innalzata una cupola, nella
                                      quale uno scrittore del
                                      diciassettesimo secolo[1366]
                                      affermava essere scritto il nome
                                      del califo Mosta’în e l’anno
                                      dugencinquanta dell’egira
                                      (864-5). E Scekr detto il
                                      Siciliano, che un tempo governò
                                      Tripoli d’Affrica, facea
                                      fabbricare, nel lato meridionale
                                      della moschea maggiore, una
                                      cisterna sormontata di cupola,
                                      della quale fu gittata la prima
                                      pietra il dugensessantanove
                                      (852-3), come riferisce il
                                      Tigiani.[1367]



NOTE:


[1] Intorno l’età dei due figliuoli di Adelaide, si vegga il libro
precedente, cap. vij, pag. 195 di questo volume.

Adelasia e Simone sono nominati ne’ seguenti cinque diplomi: anno
1101, ottobre, presso Spata, _Pergamene_, pag. 191; anno 1102, Pirro,
_Sicilia Sacra_, pag. 1028; anno 1105, Gregorio, _Considerazioni_, lib.
I, cap. ij, nota 30; anno 1105, maggio, due diplomi, Spata, op. cit.,
pag. 203 212. La data poi della morte di Simone si scorge da un diploma
presso Pirro, op. cit., pag. 697, dove l’anno 1108 è contato quarto del
consolato di Ruggiero. È da avvertire che nell’Ughelli, _Italia Sacra_,
ediz. Coleti, tomo IX, pag. 291, si trova un diploma di Ruggiero conte
di Calabria e di Sicilia del 1104, XIIª indizione. Forse l’anno è da
correggere 1119, poichè, oltre il nome di Ruggiero che non era per anco
salito al trono il 1104, v’ha quello di Goffredo vescovo di Messina,
il quale par sia stato promosso alla sede verso il 1108 e sia vissuto
fino al 1120: il Pirro, op. cit., pag. 385, reca un diploma del suo
predecessore Roberto, dato il 1106.

[2] Di Ruggiero secondo, con Adelaide o solo, abbiamo, oltre l’or
citato diploma del 1108, i seguenti: anno 1109, Spata, op. cit., pag.
214; anno 1110, febbraio, _Neapolitani Archivii Monumenta_, tomo VI,
pag. 180, e presso Ughelli, tomo citato, pag. 129 (erroneamente citato
dal Gregorio, _Considerazioni_, lib. I, cap. vj, nota 16, con la data
del 1113); anno 1110, aprile, Spata, op. cit., pag. 223; anno 1110,
Pirro, op. cit., pag. 1028; anno 1111, Pirro, op. cit., pag. 772; anno
1112, marzo, dato di Messina, Spata, op. cit., pag. 229; anno 1112
giugno, Pirro, op. cit., pag. 81; anno 1112, novembre, Spata, op. cit.,
pag. 233.

[3] Alberti Aquensis, lib. II, cap. 13, 14; Fulcherii Carnotensis, anni
1113, 1116, 1117; Anonymi _Historia, Hierosolimitana_, anni 1113, 1116;
Wilelmi, Arch. Tyrensis, lib. XI, cap. 21, 29; Odorici Vitalis, _Hist.
Eccles._, lib. XIII; Bernardi Thesaur., cap. 100, presso Muratori,
_Rer. Ital. Scr._, tomo VII; Sicardi Ep. Cremon. presso Muratori, tomo
cit., pag. 590, 591. La data della morte di Adelaide si ha dalla lapide
sepolcrale, presso Pirro, _Chronologia Regum Siciliæ_, pag. xiv, e
presso Gualterio, nella raccolta del Burmanno, tomo VII, pag. 1219, nº
lxxxiij.

[4] Anonymi _Historia Sicula_, presso Caruso, _Bibl. Sic._, pag. 856 e
versione francese, nella edizione dell’Amato, _Ystoire de li Normant_,
pag. 312. Replica coteste parole Romualdo Salernitano, negli annali,
presso Muratori, _Rer. Ital. Scr._, tomo VII.

[5] _Historia ecclesiastica_, lib. XIII, presso Duchesne, _Hist. Norm.
Script._, pag. 897. Si confrontino gli estratti di questa cronica
presso Caruso (_Bibl. Sic._, pag. 920) al quale parve cosa lodevole
mutilare il racconto, per toglier tutti i fatti e le parole che
potessero ingiuriare Ruggiero o la madre.

[6] Le cronache italiane non danno tal nome, nè lo troviamo nei
diplomi. Pur quello del maggio 1105, citato nella pagina precedente,
nota 1, contiene i nomi dei ministri di quel tempo, ossia gli Arconti:
Niccolò camarlingo, Leone logoteta, ed Eugenio, che potrebbe essere
per avventura l’ammiraglio di tal nome. Non è segnato nè anco Roberto
nell’importante diploma di giugno 1112, che ricordammo or ora, del
quale ci occorrerà dire più largamente. Un diploma del 1142, del quale
abbiamo uno squarcio dal Gregorio, _Considerazioni_, lib. I, cap. vj
nota 9, dà i nomi de’ commissarii deputati da Adelaide per decidere
una importante lite feudale, cioè Roberto Avenel, Ruggiero de Mombrai,
Raoul de Belbas e Roberto Berlais. La nota famiglia Avenel non ha che
fare co’ duchi di Borgogna; e Roberto era in Sicilia molto tempo pria
della reggenza, leggendosi il suo nome ne’ diplomi del primo conte.

[7] _Alexandri Abbatis_, etc. presso Caruso, _Bibl. Sic._, pag. 258,
259.

[8] Nel Gregorio si legge _Lieraris_. Questo è errore di trascrizione
del traduttore latino, poichè le copie del testo greco, hanno Αιεζερις,
Αιεζαρις. Probabilmente Liezeri è trascrizione del nome Eleazar che
portava il signore di Galati figlio di Guglielmo Mallabret, secondo
un diploma greco del 1116, presso Spata, _Pergamene_, pag. 241. Alla
forma, questo Eleazar si direbbe soprannome arabico, _el-Azhar_, ossia
“il risplendente:” e non sarebbe nuovo, dopo quello del Cid (Sid),
questo esempio d’una appellazione che i Cristiani avessero tolta dalla
lingua degli Arabi. Men verosimile parmi l’imitazione del nome giudaico
Eleazar.

[9] La versione latina di questo diploma, fu pubblicata in parte dal
Gregorio, _Considerazioni_, lib. I, cap. vj, nota 9. Noi n’abbiamo già
data notizia più largamente nel lib. V, cap. x, pag. 286 del volume,
nota 1.

[10] Si vegga il lib. V, cap. vj e x, pag. 161 e 305 segg. del volume.

[11] V’ha delle monete arabiche e latine dei re normanni di Sicilia,
battute in Messina, e delle arabiche battute “nella capitale di
Sicilia,” cioè Palermo. Messi dunque da canto i molti scritti
pubblicati in Sicilia ne’ secoli passati su questa materia, gli è certa
la coesistenza delle due zecche nel XIIº secolo.

[12] Oltre i diplomi del primo conte dati in Messina, uno del 1101,
presso Ughelli, _Italia Sacra_, tomo IX, pag. 429, dice di vescovi e
baroni convocati nella Cappella di Messina dalla contessa Adelaide e
dal figliuolo Ruggiero; un altro del 1126, presso De Grossis, _Catana
Sacra_, pag. 79, fa menzione di corte tenuta dal Gran Conte Ruggiero
nel palazzo di Messina, ec.

[13] Si vegga il lib. V, cap vij, pag. 185 del presente volume.

[14] Edrîsi nota espressamente che l’armata e gli eserciti, ai suoi
tempi, come ne’ tempi andati, moveano alla guerra da Palermo. Testo
nella _Bibl. Ar. Sicula_, pag. 28. Della Zecca abbiam detto nella nota
precedente e dei _diwani_ nel lib V. cap. x, pag. 322 segg.

[15] Presso Pirro, _Sicilia Sacra_, pag. 81, 82.

[16] Ἀμὲρ si legge nel mosaico della Chiesa della Martorana, pubblicato
dal Morso, _Palermo Antico_, pag. 78; ἀμιρᾶς, anche al nominativo,
presso Eustazio arcivescovo di Tessalonica, ediz. di Bonn, pag. 472.
Nei diplomi greci di Sicilia che citiamo nel presente capitolo, si
legge ἀμηρ, ἀμμήρας, ἀμμιρᾶς e al genitivo ἀμήραδος, ed ἀμμηρὰ. Si
vegga, del rimanente, cotesta voce nel Glossario greco del Ducange, il
quale la notò per la prima volta nella Continuazione di Teofane.

[17] Si vegga Ducange, Glossario latino, alle voci _amir, admiralius_,
etc. La voce _Amiratus_ fu usata, credo io, la prima volta da Einbardo,
Annales presso Pertz, _Scriptores_, tomo I, pag. 490, sotto l’anno 801,
dove è chiamato così Ibrahim-ibn-Ahmed, l’Aghlabita, emiro d’Affrica.
Sicardi vescovo di Cremona, presso Muratori, _Rer. Ital. Script_., tomo
VII, pag. 605, anno 1188, chiama _Admiratus_ il capitan del navilio
siciliano e _admirandus_ un emir di Saladino. Marangone, nell’Archivio
Storico italiano, tomo VI, parte ij, pag. 18, dà al capitano della
armata di Sicilia, l’anno 1158, il titolo di _Admiratus_ e poi di
_Almirus_; Pietro Diacono, lib. IV, cap. xj, presso Muratori, op. cit,
tomo IV, pag. 499, fa parola d’un _Ammirarius_ di Babilonia (ossia del
Cairo). Le traduzioni latine e italiane del secolo XV, che troviamo ne’
_Diplomi arabi dell’Archivio fiorentino_, danno le voci _Armiratus_,
pag. 353, 356 e _Armiraio_, pag. 347, 350 a 354, per significare l’emir
di Alessandria; e veggiamo anco in una traduzione del XII secolo, pag.
260, un _Admirator galearum_, musulmano. Si aggiungan questi al molti
esempii che porta il Ducange, e si vedrà che sempre _Amiratus_, con
le sue varianti, rispondeva ad emir. Si ricordin anco Ugo Falcando
e Romualdo Salernitano, i quali chiamano _Amiratus_ i dignitarii
siciliani di tal nome, ma il primo dà il titolo di _Magister Stolii_ ad
un kaid Pietro, che capitanò una volta l’armata siciliana.

[18] Libro V, cap. v. pag. 139 di questo volume.

[19] Libro III, cap. j, pag. 2 segg. del 2º volume.

[20] Il Pirro, _Sicilia Sacra_, pag. 1016-17, pubblicò due diplomi
risguardanti questo Eugenio. Nel primo, dato del 1093, egli è chiamato
notaio, che allor significava segretario. Il conte Ruggiero, a sua
domanda, gli concedette un monastero fuor la città di Traina, a fin
di riedificarlo, e gli conferì il patronato e il governo di quello.
Ciò condusse il Pirro a vestir Eugenio monaco basiliano e crearlo
abate. L’altro diploma di re Guglielmo, dato il 1169, trascrivendo
il precedente ed accordando anco altri beni al monastero, intitolò
Ammiraglio quell’Eugenio. Sembra dunque che il segretario del 1093, in
vece di chiudersi nel suo monastero, fosse stato mandato dal conte a
governare la città di Palermo. Non è inverosimile che questo Eugenio
sia il gran personaggio nominato senz’altro titolo che di Arconte
nel diploma del maggio 1105, presso Spata, _Pergamene_, pag. 263.
Più certa vestigia ne troviamo in un diploma greco del 1142, presso
Morso, _Palermo antico_, pag. 313 segg. e nel Tabulario della Cappella
Palatina di Palermo stessa, pag. 20 segg., donde si scorge come alcuni
discendenti di Eugenio ammiraglio, abbiano venduti alla Chiesa detta
in oggi della Martorana, degli stabili che la famiglia possedeva
in Palermo. Furono venduti da Niccolò ed Agnese monaca, figliuoli
dell’Ammiraglio Eugenio, Niceta moglie di Niccolò, e Giovanni,
Teodoro, Stefano ed Elena loro figliuoli; dichiarando tutti costoro che
fosse ricaduta a lor pro la parte di Teodicio figliuolo di Eugenio,
ereditata da Zoe figliuola di Teodicio la quale era morta anch’essa.
Togliendo dunque dal 1142 il corso ordinario di due generazioni, si
torna allo scorcio dell’XI secolo e si può supporre con fondamento che
quell’ammiraglio Eugenio fosse il medesimo del diploma del 1093.

Notisi che in due altri diplomi greci, pubblicati dal Morso, op. cit.,
pag. 345 e 353, il primo de’ quali senza data va riferito al 1143
(Cf. Mortillaro, _Catalogo del Tabulario_ della Cattedrale di Palermo,
pag. 23) e l’altro è dato del 1204, si trova il nome di un Giovanni,
figliuolo dell’ammiraglio Eugenio. Cotesti due ammiragli Eugenii mi
sembrano diversi. Il primo si può supporre contemporaneo del gran
conte Ruggiero, ma il secondo torna alla metà del XII secolo. A lui
credo sia da attribuire, più tosto che all’altro, la traduzione latina
dell’Ottica di Tolomeo e delle profezie della Sibilla Eritrea, di che
diremo nel seguito del presente libro.

[21] Abbiam testò citato questo diploma a pag. 346, nota 2, e avvertito
come presso il Gregorio porti una data erronea.

[22] Si vegga qui innanzi a pag. 351.

[23] Diploma del 1159, presso Pirro, _Sicilia Sacra_, pag. 98, e presso
De Vio, _Privilegia Panormi_, pag. 6. Cristoforo allor era morto.

[24] Si fa parola di una precedente donazione dell’_Admiratus domino
Christodulos_, nei diploma di Ruggiero conte, che l’Ughelli pubblicò
con la data del 1104 e che, supponendo esatta l’indizione XIII che v’è
scritta, va riferito al 1119; come abbiamo avvertito in principio di
questo capitolo, pag. 340, nota 1.

Cristodulo è detto protonobilissimo in un diploma del 1123, presso
Spata, _Pergamene_, pag. 410. Se il sig. Spata ha ben letta la sigla
del titolo onorifico e del nome, e se non v’ha errore nella data,
convien pur supporre che quel titolo fosse stato accordato pria del
notissimo diploma del 1139. In un diploma del 1126, tradotto dal greco,
pubblicato con molte varianti, o piuttosto in tenore assai diverso,
prima dal Pirro, _Sicilia Sacra_, pag. 326, e quindi dal De Grossis,
_Catana Sacra_, pag. 79, 80, si vede soscritto, pria di “Georgius de
Antiochia amiratus” e di “Admirati filius Gentilis (_sic_) Joannes,”
un “Chrisiodorus,” e secondo il De Grossis “Christodorus, amiratus
et Riodotus.” Quest’ultima lezione, sbagliata al certo, par che venga
da una sigla non capita dall’ignoto traduttore latino, e potrebbe per
avventura essere la medesima che fu letta Rozius in altro diploma; onde
il Pirro die’ tal casato a Cristodulo. Il Chrisiodorus o Christodorus
va corretto, secondo me, Christodulus; e il Rozius potrebbe essere,
nè più nè meno, che il notissimo nome di Ruggiero, poichè i Greci di
Sicilia soleano trascrivere la _g_ latina o arabica con le due lettere
τζ. Cristodulo, ammiraglio e protonotaro, è citato in un diploma greco
del 1130, presso Trinchera, _Syllabus_, pag. 138. Un altro diploma
greco del 1136, presso Spata, op. cit., pag. 266, fa menzione di
Cristodulo _già_ ammiraglio. In ultimo è da noverar quello del 1139,
che accorda il titolo di Protonobiiissimo, pubblicato dal Montfaucon
e poi dal Morso, e nel Tabulario della Cappella palatina di Palermo,
pag. 10. È superfluo di avvertire, dopo ciò ch’io ho detto, come non
si debba fare assegnamento su la lista delli ammiragli di Sicilia ne’
tempi Normanni, data dal Pirro, _Chronologia Regum Siciliæ_, pag. XXV.

[25] Si vegga il seguito del presente capitolo, a pag. 362, nota 3.

[26] Giorgio ha titolo di ammiraglio nel diploma del 1126 citato nella
nota 2, della pag. 351. In un diploma latino del 1132 presso Spata,
op. cit., pag. 426 segg. egli è detto dal re “amiratus amiratorum
qui praeerat toto regno meo”. In uno del 1133, tradotto dal greco,
presso Pirro, _Sicilia Sacra_, pag. 774, egli è detto Ammiraglio
delli ammiragli; è sottoscritto αμήρας in due diplomi del 1140 e
1143 nel Tabulario della Cappella Palatina di Palermo, pag. 13 e 16;
è intitolato ammiraglio in un diploma tradotto dal greco, di maggio
1142, presso Pirro, op. cit., pag. 390, e ammiraglio delli ammiragli
in uno latino della stessa data, op. cit., pag. 698. Nel mosaico della
Martorana ei prese il titolo di αμήρ soltanto, come ognun può vedere,
e leggesi in Morso, _Palermo Antico_, pag. 78. Pare che Giorgio,
per modestia o per amor di brevità, si contentasse ordinariamente di
questo. Di rado ei solea aggiugnere quello di Arconte degli Arconti; ma
un suo figliuolo lo nominava sempre con questo attributo.

È da ricordare la iscrizione greca che leggevasi a’ tempi del Pirro
in una Chiesa di Santa Maria _de Crypta_ in Palermo, nel sito dove
surse la “Casa Professa” de’ Gesuiti, della quale iscrizione il Pirro,
op. cit., pag. 300, 301, dà una traduzione latina. Era inciso il
testo su la sepoltura di Ninfa, madre di Giorgio, _primum principum
universorum_, (Ἀρχοντῶν ἄρχον) morta il 6648 (1140). Quivi non si fa
parola del padre dell’ammiraglio; ma il Pirro e con lui il Morso, op.
cit., pag. 108, 109, non hanno lasciata questa occasione di nominare
Cristodulo e di farlo marito della Ninfa.

[27] Così Giovanni ammiraglio, figliuolo, com’e’ pare, di Giorgio, nel
citato diploma del 1126 e nell’altro del 1142, presso Pirro, pag. 698.
Secondo un diploma del 1133, presso Gregorio, _Considerazioni_, lib. I,
cap. v, nota 4, l’ammiraglio Teodoro fu incaricato di decidere, insieme
con Guarino Cancelliere del re, una lite sorta tra il vescovo di Lipari
e i cittadini di Patti, suoi vassalli. Il citato diploma del 1126,
secondo il testo di De Grossis, fa menzione di un ammiraglio Niccolò,
il quale nel tempo che esercitava l’ufficio di Stratego, com’e’ pare,
di Mascali, era stato incaricato dal principe di descrivere i confini
di quel territorio.

[28] Lib. V, cap. ix, pag. 262-5.

[29] Abate di Telese, presso Caruso, _Bibl. Sicula_, pag. 267 et passim.

[30] Majone è soscritto in latino _Ammiratus Ammiratorum_, in un
diploma arabico del 1154, presso Gregorio, _De Supputandis_, pag. 38.
Ordinariamente lo chiamavano il grande ammiraglio, come si vede dal
Falcando e dagli altri cronisti; e questo titolo modificato era ormai
sì comune, che Giovanni figlio di Giorgio d’Antiochia lo riferì al
proprio padre soscrivendosi μεγάλου αμήραδος ὐίος, in un diploma del
1172, Tabulario della Cappella Palatina di Palermo, pag. 29. In un
diploma latino del 1157, presso Pirro, _Sicilia Sacra_, pag. 98, messo
fuori a nome del re da Majone “grande ammiraglio degli ammiragli” si
leggono, tra i testimonii dell’atto, Stefano ammiraglio figliuolo del
grande ammiraglio, un altro Stefano ammiraglio, che si sa dal Falcando
essere stato fratello di Majone, ed un Salernitano ammiraglio. Visse
inoltre in que’ tempi l’altro ammiraglio Eugenio, del quale si è fatta
menzione poc’anzi, pag. 353, nota. 1.

[31] È noto il diploma di febbraio 1177, per lo quale Guglielmo II di
Sicilia costituì il dotario alla sua sposa Giovanna d’Inghilterra. Tra
i grandi del regno soscritti in questo diploma secondo l’ordine di loro
dignità, si legge 25^mo, _Ego Walterus de Moac Regni_ (sic) _fortunati
stolii admiratus_; prima del quale vengono gli arcivescovi, i vescovi,
il vicecancelliere, i conti, e dopo Gualtieri si leggono i nomi del
siniscalco, del conestabile, del logoteta, di due maestri giustizieri
e d’un giustiziere. Seguiamo l’edizione di Rymer, _Foedera, etc._, tomo
I, pag. 17 (London, 1816).

Margaritone, celebre capitano navale di Sicilia alla fine del XII
secolo, è intitolato, senz’altro, ammiraglio del re di Sicilia, nella
Cronica di Sicardo vescovo di Cremona, anno 1188, presso Muratori,
_Rer. Italic. Script._, tomo VII, pag. 605.

[32] Par che i Genovesi l’abbiano usato i primi dopo la Sicilia.
Negli Annali del Caffaro e nelle continuazioni di quelli, si trova un
_admiratus_ di Genova il 1211 e quindi due _armiragii_ il 1263 etc.
presso Muratori, _Rer. Ital. Scr._, tomo VI, colonne 486, 530, ec. È
notevole che la prima nominazione d’ammiraglio fu fatta in Genova del
1241, quando Federigo II surrogò Ansaldo de Mari, genovese, al suo
ammiraglio Niccolò Spinola ch’era venuto a morte.

[33] Il Nowairi, citato da M. Reinaud, _Invasions des Sarrazins_,
pag. 69, nota 1, dice d’un _emir-el-ma’_ (emir dell’acqua) in Spagna.
Ma non posso assentire al mio maestro di arabico che sia questa
l’origine della voce ammiraglio, quando ne vediamo sì chiaramente le
successive mutazioni negli scrittori e ne’ diplomi europei. Per la
medesima ragione è da respingere la etimologia ammessa dal Dizionario
della Crusca, cioè da _emir-el-bachar_ (meglio bahr) ossia emir
del mare. Questa dignità non mi è occorsa mai negli scritti arabi.
Ibn-Khaldûn, nei _Prolegomeni_, testo di Parigi Parte II, pag. 32 e
traduzione francese del baron de Slane parte II, pag. 37, ignorando
l’etimologia della voce _almeland_, la suppone franca; e nella Storia
de’ Berberi par ch’ei prenda per nome proprio il titolo dell’ammiraglio
Ruggier Loria (leggasi _El miralia_ in luogo di _El-murakia_ che
non ha significato), testo di Algeri, tomo I, pag. 423, _Biblioteca
arabo-sicula_, pag. 492, e traduzione del Baron de Slane, tomo II, pag.
397. Non posso seguir l’opinione del dotto traduttore, il quale crede
Merakia alterazione di Marchese. Ruggier Loria non ebbe mai questo
titolo.

[34] Confermano questo fatto, nelle imprese di re Ruggiero in Affrica,
il Nowairi e Ibn-Abi-Dinar, nella _Biblioteca arabo-sicula_, pag. 534,
537.

[35] Edrîsi citato poc’anzi a pag. 350, nota 1.

[36] Credo si possa affermare la giurisdizione civile e penale del
grande Ammiraglio nella prima metà del XII secolo, ancorchè la non
si ritragga da documenti se non che a capo di cento anni. Ognun sa
che in generale l’Imperatore Federigo ristorò l’ordinamento dei re
normanni, anzichè rifarlo: e non v’ha ragione di supporre ch’egli
abbia innovato alcun che nella istituzione del grande ammiraglio. Or
il suo diploma, pubblicato per lo primo dal Tutini e ristampato dallo
Huillard-Bréholles nella _Historia Diplomatica Friderici secundi_, tomo
V, pag. 577 segg., anno 1239, per lo quale fu nominato, vita durante,
ammiraglio di Sicilia, Niccolò Spinola da Genova, dà a costui ampia
autorità: 1º di costruire e racconciare le navi dell’armata regia;
2º dar patenti di corsari e fare ristorare i danni recati da loro
a sudditi di nazioni amiche; 3º giudicare sommariamente, _secundum
statum_ (statutum?) _et consuetudinem armate_, le cause civili e
criminali delle persone appartenenti all’armata, agli arsenali regii
ed a’ legni corsari, e ciò con autorità di delegare altrui i giudizii;
4º dare in feudo gli ufici di comiti nell’armata quando venissero a
vacare; 5º prender danaro dalle casse regie pei bisogni dell’armata:
e seguono i diversi e grandissimi lucri accordati all’ammiraglio, in
guerra come in pace, su lo Stato e sui marinai e naviganti. Intorno
i tribunali dipendenti dall’ammiraglio e la legislazione eccezionale
di quelli, si vegga il Giannone, _Storia Civile del Regno di Napoli_,
libro XI, cap. vi, § 2, e le opere citate da lui.

[37] Si vegga la nota 3 della pag. 354. Questo casato non comparisce
in alcuno de’ diplomi dati dal Pirro ne’ quali sia nominato Cristodulo
o Giorgio; neppure nella iscrizione sepolcrale della madre di Giorgio
di che abbiam fatta parola poc’anzi nella pag. 352, nota 2. Romualdo
Salernitano, che forse lo conobbe di persona, non dice altro che:
_Georgium virum utique maturum, sapientem et discretum, ab Antiochia
abductum_. Presso Muratori, _Rer. Ital. Scr._ tomo VII, pag. 195.

[38] Il _Baiân_, testo di Leyde, pag. 322, e nella _Bibl. ar. sicula,_
pag. 373, dice che il padre di Giorgio era uno degli _òlûg_ (stranieri
o barbari) di Temîm.

[39] _Hisâb_.

[40] I testi dicono con Ruggiero; ma il seguito della narrazione mostra
che il principe non l’adoperò a prima giunta in affari gravi.

[41] Ibn-Khaldûn, nella Storia de’ Berberi, testo di Algeri, tomo I,
pag. 208, _Biblioteca arabo-sicula_, pag. 487, e versione francese
del baron de Slane, tomo II, pag. 26, aggiungeva il nome patronimico
d’Ibn-Abd-el’Azîz, all’Abd-er-Rahman che insieme con Giorgio capitanò
l’armata Siciliana, nell’impresa del 1126 contro l’Affrica. Io credo
che costui fosse quel medesimo che il Tigiani, dicendo de’ principii
di Giorgio l’Antiocheno, chiama Abd-er-Rahman-en-Nasrani, ossia il
Cristiano. Ma rifletto che il Tigiani, d’ordinario molto diligente,
non avrebbe qui omesso il nome patronimico onde cadea sul ministro
siciliano una macchia d’apostasia; e che al contrario Ibn-Khaldûn bada
alle cose più tosto che ai nomi, oltrechè i suoi scritti, copiati
e ricopiati per quattro secoli, ci sono pervenuti assai malconci.
Non vorrei che, saltando qualche rigo, com’avvien sovente là dove è
ripetuta la stessa voce, si fosse attribuito al ministro di finanze
di Ruggiero il nome patronimico di Abd-er-Rahman-ibn-Abd-el-Aziz,
il quale scrisse appunto di questa impresa del 1126, ed è citato
da Abu-s-Salt, e questi dal _Baiân_, pag. 317 del testo di Leyde e
372, della _Bibl. ar. sicula_. L’ufizio attribuito dal Tigiani ad
Abd-er-Rahman-en-Nasrani è di _Sâhib-el-Ascghal_, che nell’Affrica
propria e nel XII secolo, al quale luogo e tempo è da riferire
la cronica qui copiata o compendiata dal Tigiani, era il tesorier
generale o ministro di finanze che dir si voglia. Veggasi Ibn-Khaldûn,
_Prolegomènes_, traduzione del baron de Slane, Parte II, pag. 14-15.

[42] Si confrontino nella _Bibl. ar. sicula_: il Baiân, anno 543, pag.
373; Tigiani, pag. 392; Ibn-Khaldûn, pag. 487, 501. I particolari più
minuti si hanno dal Tigiani.

[43] Si vegga il lib. V, cap. v, pag. 332 di questo volume, e ciò che
diremo in appresso de’ traffichi di re Ruggiero in Affrica. Sono poi
noti quei dell’imperatore Federigo II.

[44] Diploma latino del 1133, presso Pirro, _Sicilia Sacra_, pag.
773-4. Il nome proprio è scritto una volta per sbaglio _Gregorius_,
e il topografico in luogo di _Catinae_ va letto _Jatinae_, come
abbiamo avvertito nel lib. V, cap. x, pag. 317 nota 2. Da questo atto
non si vede appunto in qual tempo Giorgio abbia preso quell’ufizio
in Giattini; ma fu di certo avanti il 1111, perchè egli nella detta
qualità descrisse i limiti di un podere donato quell’anno da Rinaldo
Avenel all’Abate di Lipari. Cf. Pirro, op. cit., pag. 772-3.

[45] Tigiani e Ibn-Khaldûn, nella _Bibl. ar. sicula_, testo, pag. 394,
487, e il primo anco nella traduzione francese di M. Rousseau, pag.
246, il secondo in quella del baron de Slane, _Histoire des Berbères_,
tomo II, pag. 26.

[46] Abbiamo citati poc’anzi questi due diplomi a pag. 354, nota 2, e
pag. 355, nota 2.

[47] L’uno è “Schiavo di Cristo” e l’altro “Schiavo del Misericordioso.”

[48] Il Gregorio, nel descrivere l’ordinamento del governo sotto re
Ruggiero e i sette grandi ufizii della Corona, si riferisce assai di
rado a documenti contemporanei. Prende quei della fine del XII secolo
ed anco del XIII; o argomenta su i detti del Falcando, che scrisse
allo scorcio del XII; e talvolta non allega altro che l’analogia col
suo favorito sistema di Guglielmo I, d’Inghilterra. Si veggano le
_Considerazioni_, lib. II, cap. ij, e particolarmente le note 37 segg.

[49] Abate di Telese.

[50] Romualdo Salernitano, presso Muratori, _Rer. Ital. Script._, tomo
VII, pag. 183, anni 1121-2.

[51] Si vegga il lib. IV, cap. viij e xv, pag. 355 segg. 364, 547 del
secondo volume, e lib. V, cap. iij e vj pag. 80, 158, 169 segg. di
questo terzo volume.

[52] Ibn-el-Athîr, anni 476, 482, 488, 489, 491, 493, edizione del
Tornberg, tomo X, pag. 85, 119, 164, 175 191 e 202. Si confronti
Ibn-Khaldûn, _Histoire des Berbères_, traduzione del baron de Slane,
tomo II, pag. 22 segg.

[53] _Baiân-el-Moghrib_, ediz. Dozy, tomo I, pag. 311 ed estratto nella
_Bibl. ar. sicula_, pag. 370. Il compilatore, che avea chiamati _Rûm_
gli assalitori del 1087, dà a quelli del 1105, il nome di _Rumâniûn_.
Se fossero stati Bizantini?

[54] Ibn-el-Athir, anni 501, 509 e 510, edizione del Tornberg, tomo X,
pag. 315, 359, 365, e Ibn-Khaldûn, vol. citato della traduzione, pag.
24, 25.

Secondo Ibn-el-Athir, anno 503, vol. citato, pag. 336, Iehia mandò
quell’anno quindici galee contro i Rûm, l’armata de’ quali le combattè
e ne prese ben sei. Secondo il _Baiân_, nella _Bibl. ar. sicula_, luogo
citato, e nella edizione del Dozy, vol. I, pag. 314, l’armata zirita,
di rebi’ secondo del 507 (mezz’ottobre a mezzo novembre 1113) riportò
in Mehdia gran numero di cattivi, presi nel paese di Rûm. E torna
forse alle scorrerie nel Salernitano, delle quali dicono gli annali
della Cava, an. 1113, presso Muratori, _Rer. Ital. Scr._, tomo VIII,
pag. 923. Ibn-Khaldûn, op. cit., tomo II, pag. 25 della traduzione di
Slane, dice che l’armata, della quale Iehia prendea cura particolare,
fece molte scorrerie contro i Cristiani francesi, genovesi e sardi, sì
che furono costretti a pagargli tributo. Il testo arabico pubblicato
dallo stesso dotto orientalista, tomo I, pag. 207 sembra guasto nella
voce che significherebbe tributo. In ogni modo, il nome di _Farangia_
(franchi) può significare i paesi cristiani della Spagna e quelli anco
d’Italia, e il tributo può essere stato pattuito temporaneamente con
qualche giudicato della Sardegna, più tosto che con Genova o Pisa.
Ibn-Khaldûn non bada alle minuzie.

[55] Questa è la prima volta, per quanto io sappia, che si fa menzione
appo i Musulmani d’Affrica del fuoco greco, o, come lo chiamano gli
Arabi, la _nafta_. I Musulmani di Sicilia l’adoprarono nella guerra
contro i Normanni, se ad un episodio di quella si riferiscono i versi
d’Ibn-Hamdis, ch’io ho citati nel lib. IV, cap. xiv, pag. 532 del
secondo volume, e lib. V, cap. vj, pag. 165, nota 3, del presente. In
Egitto era conosciuto di certo, poichè Makrizi nel _Kitâb-el-Mowâ’iz_,
testo di Bulâk, tomo I, pag. 424, raccontando l’incendio che consumò
una delle armerie del Cairo il 461 (1068-9), dice che v’arsero
diecimila _Kirbe_ (otri o vasi) di nafta e altrettante _zarrake_,
o vogliam dire tubi da lanciare quel combustibile. Nondimeno parmi
che l’effetto della nafta de’ Musulmani non fosse terribile quanto
quello del fuoco greco. Gli scrittori normanni non ne fanno mai parola
nella guerra di Sicilia, nè in quelle d’Affrica che noi trattiamo nel
presente capitolo; nè la vittoria arrise mai in quella età al navilio
zirita contro gli Italiani.

Ibn-Hamdis medesimo e qualche altro poeta che cantava nella povera
corte di Mehdia in sul tramonto della dinastia zirita, ricordano
la nafta, come orribile strumento di distruzione: “una maraviglia”
sclamava Ibn-Hamdis, senza aver letta la relazione della battaglia di
Mentana. Al dir di que’ poeti, la nafta: 1º galleggiava su l’acqua e
non si spegnea; 2º dava baleno, fumo, tuono e puzzo d’inferno; 3º era
lanciata in lingua di fiamma da tubi di rame o bronzo che fossero;
ovvero, 4º con dardi; e 5º cotesta nafta, o una specie di essa, era
bianca com’acqua. Ciò nei regni di Iehia, Alì, Hasan, ch’è a dire
nella prima metà del XII secolo. Si veggano i versi pubblicati nella
_Biblioteca arabo-sicula_, pag, 393 e 565 e altri inediti del Diwano
d’Ibn-Hamdis, nella copia del Ms. della Vaticana, fatta dal prof.
Sciahuan per uso del conte Miniscalchi, pagg. 75, 77, 118, 213, 241,
271, rime in _di, di, ri, mi, na_ e _sa_. Il Nowairi accenna anco alla
nafta dell’armata zirita, _Bibl. ar. sic._, pag. 456. Ho fatte queste
citazioni in aggiunta a’ fatti pubblicati nella dotta opera _Du feu
grégeois_, etc. par MM. Reinaud et Favé, Paris, 1845, in-8.

[56] Questo fatto, del quale non danno alcun cenno gli annali bizantini
nè i musulmani, si ritrae precisamente dal diwano d’Ibn-Hamdîs, nella
citata pag. 213, della copia del prof. Sciahuan, dove si legge che una
delle ragioni che mossero “il reggitore di Costantinopoli la maggiore
a schermirsi col calam dal taglio della spada zirita” fu il timore “di
quel dardo incendiario, che con maraviglioso effetto lanciava il fuoco
nell’onda agitata e ardeavi.”

Ibn-Hamdîs, oltre questa, scrisse a lode di Iehia altre otto lunghe
kaside, che leggonsi nella copia dello Sciahuan a pagg. 24, 49, 116,
169, 204, 208, 210, 267, rime in _ab, ah, ru, li, mi, im, ma, ka_, e la
prima, la sesta e l’ottava anco nel Ms. di Pietroburgo, fog. 62 recto
e verso e 63 recto. Della prima ho dati due versi nella _Bibl. ar.
sicula_, pag. 572, e sette versi della terza leggonsi in Ibn-el-Athîr,
anno 509, op. cit., pag. 280, e nella edizione del Tornberg, tomo X,
pag. 359.

[57] Si vegga il lib. V, cap. vj e x, pagg. 158, 168 e 332 di questo
volume.

[58] Lib. IV, cap. 50, presso Muratori, _Rer. Ital. Scr._, tomo IV,
p. 523. I Beni-Hammâd erano chiamati comunemente i signori della Cala
(kalà’t) dal nome della prima loro capitale, ancorchè avessero verso
il 1090 tramutata la sede in Bugia. Veggasi Ibn-Khaldûn, _Histoire des
Berbères_, traduzione de Slane, tomo II, pag. 43 segg.

[59] Il fatto è bene espresso dalle parole di Ibn-el-Athîr che, prima
del favore dato da Ruggiero a Rafi’-ibn-Makkan, era tra lui ed Alì
amistà e inganno. Cotesta disposizione d’animi si dee tirar su infino
al tempo di Iehia.

[60] È bene riferire testualmente l’affermazione degli scrittori
musulmani, che rischiara un punto importante del diritto pubblico del
tempo, in Affrica e fors’anco in Sicilia. Secondo Ibn-el-Athîr, Alì
dichiarò “Non abbia alcuno nell’Affrica (propria) a competer meco nella
spedizione di navi con mercanzie;” e secondo Tigiani, quel principe mal
soffriva che alcuno nell’Affrica (propria) rivaleggiasse con lui nella
spedizione di navi.

[61] Traduco “galea” secondo l’uso comune, la voce arabica sciana e
scenîa, e serbo l’altra nella forma arabica, non sapendo appunto a
quale specie di navi la risponda. Per ragione etimologica, _harbiia_
significherebbe “guerresca.” Il legno di Rafi’ è detto _Merkeb_, ossia
“nave” genericamente e in particolare “grossa nave” da Ibn-el-Athîr
e da Nowairi; ma il Tigiani la chiama _safina_, che vuol dir nave in
generale, e specialmente da corso.

[62] Questo diligente scrittore dice che i Siciliani, già seduti a
mensa, sapendo l’arrivo dell’armata affricana corsero a lor galee; ma
alla più parte fu tagliata la via del mare, e molti rimasero uccisi.
“E salvossi di costoro,” continua il Tigiani citando testualmente il
contemporaneo Abu-s-Salt, “chi si potè salvare, avendo volato nella
sua fuga, per paura della morte, non già per leggerezza di gamba.” Il
Tigiani infine dà alcuni versi scritti in questo incontro a lode di
Alì, da un Mohammed-ibn-Abd-Allah.

In cotesti versi, per vero, è detto della ritirata del naviglio
siciliano e della paura che gli avean fatta le navi zirite, ma non
si fa parola di zuffa, nè di sangue sparso. Similmente la kasida
d’Ibn-Hamdis che si legge nel solo Ms. della Vaticana, a pag. 127
della copia del professor Sciahuan, non allude menomamente a fazione
combattuta, ancorchè la si estenda di molto descrivendo il terribile
aspetto delle harbîe mandate dal signore di Mehdia contro le galee
venute di Sicilia a Kâbes (così va corretto il nome di Fas, ossia Fez),
l’anno 512. Dal silenzio de’ cronisti e sopratutto da quello de’ due
poeti, argomento che il Tigiani, avendo per le mani qualche racconto
non compiuto di Abu-s-Salt, abbia confusa la prima spedizione di cui
trattiamo, con qualche fazione della guerra che poi si combattè tra Alì
e Rafi’ aiutato da Ruggiero; forse la vittoria navale degli Ziriti alla
quale accenna Ibn-Khaldûn, con data che pare erronea.

[63] Ibn-el-Athîr, Nowairi e Ibn-Abi-Dinar.

[64] Ibn-Khaldûn non cita questo fatto.

[65] Poesia citata nella nota 2 della pagina precedente.

[66] Ibn-el-Athîr, Nowairi, Ibn-Khaldûn, Ibn-Abi-Dinar.

[67] Ibn-Khaldûn.

[68] Ibn-el-Athîr, _Baiân_, Nowairi, Tigiani, Ibn-Abi-Dinar.

[69] Si confrontino: Ibn-el-Athîr, anno 511, testo nella _Biblioteca
arabo-sicula_, pag. 280 seg. e nella edizione del Tornberg, vol.
X, pag. 370; Tigiani, testo nella Bibl. citata, pag. 382 segg., 392
segg. e traduzione francese di M^r. Rousseau, pag. 93 e 244 (ne’ quali
luoghi la traduzione va corretta per migliori lezioni di un altro Ms.
acquistato di poi da M^r. Rousseau); _Nowairi_, sotto gli anni 511
e 512, testo nella Bibl. citata, pag. 454; Ibn-Khaldûn, _Storia de’
Berberi_, testo nella _Bibl_. citata, pag. 486 e 488, testo di Algeri,
tomo I, pag. 208 e 215, e versione francese del baron de Slane, tomo
II, pag. 26 e 36; Ibn-Abi-Dinar, testo nella Biblioteca citata, pag.
535, e versione francese (_Histoire de l’Afrique de_.... Kaïrouani,
traduite par MM. Pellissier et Rémusat), pag. 152.

Ibn-Khaldûn, nel primo de’ luoghi citati, dice che l’armata siciliana
veniva in aiuto di Rafi’ per infestare la costiera ed _appostare_ il
naviglio zirita, e che Alì _rinnovò_ il suo navilio. Nell’altro luogo
accenna con pari laconismo ad una vittoria navale dagli Ziriti sopra
i Siciliani, ma aggiugne che Alì arruolò allora _tribù arabe e navi
e andò allo assedio di Kâbes il_ 511. La cronologia non è osservata
di certo in questo secondo frammento; nè lo si può mettere di accordo
col primo, se non che supponendo la guerra navale, condotta con
varia fortuna. Il _Baiân_, testo, ediz. del Dozy, pag. 316, e nella
_Bibl. ar. sic._ pag. 370, sotto l’anno 512 fa parola soltanto delle
ambascerie di Ruggiero a Mehdia.

[70] Cotesti fatti, d’altronde notissimi, sono raccontati, con qualche
diversità nelle date e ne’ particolari, da Ibn-el-Athîr, anno 448,
edizione del Tornberg, vol. IX, pag. 425 segg.; dagli _Annales Regum
Mauritaniæ_, edizione del Tornberg, vol. II, pag. 100 segg.; e da
Ibn-Khaldûn, _Histoire des Berbères_, traduz. del baron de Slane, tomo
II, pag. 67 seg. Secondo la traduzione degli _Annales_, per Tornberg,
pag. 106, il ribât sarebbe stato in mare. Ma il testo ha _bahr_, che
si dice anco di gran fiume, e così la tradizione s’accorderebbe con
quella, molto precisa d’Ibn-Khaldûn.

[71] Si vegga il lib. V, cap. I, pag. 12, del presente volume.

[72] Ibn-el-Athîr, testo, anno 407, edizione Tornberg, vol. IX, p. 205.
Si riscontri il Dozy, _Histoire des Musulmans d’Espagne_, tomo IV, pag.
304, e _Recherches_, etc. seconda edizione, tom. II, pag. XXIX XXX,
dove è notato un anacronismo d’Ibn-Khaldûn, _Histoire des Berbères_,
traduz. del baron de Slane, tomo II, pag. 79. L’occupazione di Denia
per Moktadir torna, secondo gli autori seguiti dal Dozy, al 1079,
ancorchè Ibn-el-Athîr la riferisca al 478 (1085-6).

[73] Abbiamo la narrazione di questa impresa per Lorenzo Vernese,
contemporaneo, il quale dà preziosissimi ragguagli, e più importanti
compariranno quando il Bonaini ristamperà, com’egli ha promesso, questa
cronica, sopra un Ms. ch’ei ne ha alle mani, molto migliore di quello
che servì al Muratori. Per ora usiamo la edizione del _Rerum Italic.
Script._, tomo VI, pag. 111, segg. Si confronti con la _Chronica
varia Pisana_, nello stesso tomo del Muratori, pag. 101 segg. e con
Marangone, nell’_Archivio Storico Italiano_, tomo VI, parte II, pag. 7
e 8. Degli Arabi si vegga il _Baiân-el-Moghrib_, testo, ediz. del Dozy,
tomo I, pag. 314, e Ibn-Khaldûn, _Histoire des Berbères_, traduz. de
Slane tomo II, pag. 206.

[74] Lorenzo Vernese, op. cit., pag. 154; Ibn-Khaldûn, _Histoire des
Berbères_, l. c., dice che Mobascer domandò gli aiuti ad Alì-ibn-Jûsuf.

[75] Ibn-Khaldûn, _Prolegomeni_, testo di Parigi, parte II, pag. 37, e
traduzione francese del baron de Slane, parte II, pag. 43. La data si
vede dalle scorrerie ne’ dominii di Ruggiero, le quali or or narreremo.

[76] Dozy, _Histoire des Musulmans d’Espagne_, tomo IV, pag. 263, nota
4.

In due elegie scritte da Ibn-Hamdis l’anno stesso ch’ei morì (527=
1132-3) per un kaîd Ibn-Hamdûn, si fa ricordo anco del trapassato kaîd
Abu-Mohammed-Meimûn; ma le vaghe lodi di virtù guerriera prodigate a
costui, non danno alcuno indizio ch’egli appartenesse alla famiglia
della quale noi trattiamo. Coteste elegie si trovano nel Diwan
d’Ibn-Hamdis, Ms. di Pietroburgo, fog. 60 verso e 61 verso; della prima
delle quali io ho dato il titolo nella _Bibliot. ar. sicula_, pag. 572.
Mancano entrambe nel Ms. della Vaticana.

[77] Il Marrekosci, testo, edizione del Dozy, pag. 149, narra che i
Musulmani di Almeria, disdetto il nome almoravide, voleano far principe
il kaîd-Abu-Abd-Allah-ibn-Meimûn, ma ch’egli ricusò dicendo: esser uomo
di mare, facessero assegnamento sopra di lui contro le armate nemiche,
ma dessero il principato ad un altro.

[78] La rivolta dell’ammiraglio è accennata da Ibn-Khaldûn, il quale
nella _Histoire des Berbères_, vol. II, pag. 183 della traduzione, gli
dà il nome di Ali-ibn-Isa-ibn-Meimûn; e ne’ _Prolegomeni_, l. c., parla
di tutta la famiglia de’ Beni-Meimûn “signori di Cadice.” Si vede ch’e’
stavano a cavallo sul mare, tra le Baleari, Denia, Cadice e Almeria.

[79] Mi par bene raccogliere qui i luoghi degli annali, ne’ quali si fa
menzione di questa famiglia:

1114. Alle Baleari, _Maymonus_, Lorenzo Vernese, e Ibn-Khaldûn, ll. cc.;

1122. A Nicotra, _Abu-Abd-Allah-ibn-Meimûn_, secondo il Baiân,
testo I, 317. Ibn-Khaldûn, _Berbères_, II, 26, traduzione, lo chiama
_Mohammed_: e pare lo stesso personaggio, sendo solito tra’ Musulmani,
ad onor del profeta, di porre il _keniet_, ossia soprannome, di
Abu-Abd-Allah, a chi si chiamasse Mohammed. Ma il Tigiani, nella
_Bibl. ar. sicula_, pag. 393, dà al capitano di questa correria il
nome di _Ali-ibn-Meimûm_, e potrebbe essere per avventura l’_Alas_
e all’accusativo _Alanta_, spagnuolo, che Lorenzo Vernese dice
rimaso capitano del castello di Majorca dopo la fuga di Burabe,
e scampato a nuoto quando i Pisani entravano nella fortezza. È
da avvertire che Tigiani, op. cit., pag. 398, accennando a quel
Meimûn-ibn-Mohammed-ibn-Meimûn che assalì la Sicilia dopo il 1123,
aggiugne “aver già fatta menzione di costui” Pare da ciò che nei Mss.
sia stato sbagliato il nome di Alì o quello di Mohammed.

Le sorgenti siciliane dicono Gaytus Maymonus, senz’altro.

1127. A Patti e Siracusa, _Meimûn-ibn-Mohammed-ibn-Meimûn_, capitano
dell’armata almoravide. Prendo il nome dal Tigiani, nella Bibl.
ar. sicula, pag. 398, quantunque la prima voce sia mutila, _Maimu_
e manchi altresì l’_ibn_ seguente. Indi si potrebbe supporre il
_Maimu_ scritto per sbaglio dal copista e non cancellato, e questo
personaggio tornerebbe a Mohammed-ibn-Meimûn, lo stesso capitano,
cioè, della correria sopra Nicotra del 1122. Ibn-Khaldûn, _Storia de’
Berberi_, testo nella _Bibl. ar. sic._, pag. 487, e traduzione francese
del baron de Slane, II, 27, dice di questa seconda scorreria di
Mohammed-ibn-Meimûn dopo l’impresa di Dimas, senza porre data precisa.
Gli altri autori arabi non fanno parola della impresa del 1127.

Ma parecchi de’ cristiani ne danno notizia. E primo, l’Appendice al
Malaterra, presso Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 249, porta che il 17
luglio 1027, il _Gaitus Maymonus_, saraceno spagnuolo, assalì Patti e
Siracusa, dievvi il guasto, uccise, arse, fe’ preda e riportò prigioni
uomini e donne. Lo stesso avvenimento, con le medesime parole e con
errori di copia, si trova nella Epistola di fra Corrado, presso Caruso,
op. cit., pag. 47, con un’aggiunta di fole, o fatti e nomi sì guasti
da non potersi ravvisare. La tradizione dell’assalto del Gaito Maimono
evidentemente è unica; e alla data scritta nelle due cronache non manca
altro che una C per fare 1127, in luogo di 1027, che fu probabilmente
cattiva correzione dei compilatori, entrambi del XIII secolo.

E così il fatto risponde a quello raccontato da Guglielmo arcivescovo
di Tiro, lib. XIII, cap. 22 (estratto presso Caruso, op. cit., pag.
1001), che avendo Ruggiero assalita invano l’Affrica con 40 galee,
gli Affricani, armatone 80, si vendicarono dando il guasto a Siracusa.
La data torna bene, poichè il cronista nel capitolo seguente nota la
primavera del quarto anno dalla espugnazione di Tiro, la quale avvenne
il 30 maggio 1124.

Negli atti della traslazione del Corpo di Sant’Agata, (1126) presso
il Gaetani, _Vitæ sanctorum siculorum_, tomo I, pag. 60, è attribuito
a quella Santa il miracolo che, un anno appresso il trasporto della
reliquia a Catania, i cittadini furono avvisati del prossimo assalto
di pirati di Spagna; onde il nemico, trovandoli preparati, voltò la
prora sopra Siracusa; dove uccise, fece prigioni “e portò via ogni cosa
fuorchè le mura” dice lo scrittore contemporaneo.

Sicardi, vescovo di Cremona, presso Muratori, _Rer. ital. Scr._, VII,
597, scrive sotto il 1127, _Barbari Syracusanam civitatem invadunt,
comburunt et cuncta diripiunt_.

1133 (1134 pisano). Pace fermata tra i Pisani, il re di Morroch,
(Marocco) il re di Tremisiana (Telemsen) et _Gaidum Maimonem_.
Marangone, nell’Archivio Storico ital., tomo VI, Parte II, pag. 8.

Il Makkari, testo di Leyde, vol. II, pag. 184, dice in generale delle
scorrerie del _Kaid-ibn-Maimûn_ sopra i Cristiani, e ch’egli stava in
Almeria.

1137. Ne’ mari di Spagna, 22 galee genovesi inseguono le 40 di Gaito
Maimone d’Almeria. Caffaro. _Ann. Januenses_, presso Muratori, _Rer.
Ital. Scr._, tom. VI, pag. 259.

1159. _Mohammed-ibn-Abd-el-Azîz-ibn-Meimûn_, capitano dell’armata
del principe almohade Abd-el-Mumen all’assedio di Mehdia, respinse
l’armata siciliana venuta in soccorso del presidio. Il nome è ricordato
dal Tigiani (Ms. di Parigi Supp. Arabe 911. bis, fog. 140 verso)
aggiugnendo ch’ei fosse “di quella casa sì celebre di capitani navali”;
ma queste parole mancano a lor luogo nella traduzione francese che fece
sopra altro Ms. M^r. Alphonse Rousseau, della quale si veggano le pagg.
262, 264. Il fatto di Mehdia è raccontato dallo stesso Tigiani nello
squarcio ch’io pubblicai nella _Biblioteca arabo-sicula_, testo pag.
402.

1161. Oberto Spinola, con 5 galee si presenta nel porto di Denia, dove
Lupo, re di Spagna, gli paga 10,000 _marabot_ (moneta degli almoravidi)
e gli concede libero il commercio. Caffaro, op. cit., pag. 267. Secondo
Ibn-Khaldûn, Berbères, traduz. II, 207, _Lob_ (Lupo) _ibn-Meimûn_ era
ammiraglio degli Almohadi in quel tempo. La pace fermata tra lui ed
i Genovesi è attestata anco da un diploma del 1162, nel _Liber Jurium
Reipubl. Januensis_, tomo I, pag. 210.

Si vegga anco, su i fatti de’ Beni Meimûn, il Gayangos, traduzione del
Makkari, _Mohammedan Dynasties in Spain_, tomo II, pag. 547, nota.
Non assento al dotto traduttore che cotesta famiglia fosse berbera,
della tribù di Lamtuna. Mi pare piuttosto spagnuola e forse di origine
cristiana. Meimûn era de’ nomi che i Musulmani solean dare a’ liberti.

[80] Valgano le autorità citate nella nota precedente sotto l’anno
1122. Si aggiunga Ibn-el-Athîr, anno 517, nella _Bibl. ar. sic._,
pag. 282, il quale, senza dare il nome d’Ibn-Meimûn, dice saccheggiata
Nicotra da un’armata degli Almoravidi.

[81] Ibn-el-Athîr, loc. cit.; _Baiân_, testo del Dozy, pag. 317 e della
_Bibl. ar. sic._, 371, anno 516; Ibn-Khaldûn, _Storia dei Berberi_,
testo, nella _Bibl. ar. sic._, pag. 487 e nella versione francese,
II, 27; Tigiani, _Rehela_, testo nella _Bibl. ar. sic._, pag. 394
segg. e nella versione francese, pag. 245 segg.; Ibn-Abi-Dinar, testo,
nella _Bibl. ar. sic._, pag. 536 e nella versione francese pag. 153.
Cotesti scrittori, che visser tutti dopo il XII secolo, par abbiano
compilata la guerra del 1123 sopra due o tre cronisti contemporanei e
su le relazioni ufiziali delle quali si farà menzione. De’ Cristiani
abbiam solo Guglielmo di Tiro, citato poc’anzi a pag. 378 in nota.
L’Abate di Telese allude alle conseguenze di questa impresa, quando,
nel raccontare fatti del 1127, ei dice: “_Cumque_ (_Rogerius_) _ad
alias iterum occupandas insulas terrasque attentius persisteret, etc._”
Presso Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 259.

[82] _Baiân_, Ibn-el-Athîr, Tigiani, Ibn-Khaldûn.

[83] Veggasi Romualdo Salernitano, anni 1121-1122, presso Muratori,
_Rer. Italic._ Scr., tomo VII, pag. 183.

[84] Si veggano le condizioni della corte di Mehdia in questo tempo dal
Nowairi, testo, nella _Bibl. ar. sic._, pag. 456.

[85] _Baiân_.

[86] Si confrontino Ibn-el-Athîr, il _Baiân_, e la Relazione ufiziale
trascritta in parte dal Tigiani.

[87] Tigiani e Ibn-Khaldûn.

[88] Ibn-el-Athîr, _Baiân_, Tigiani. È notevole che il _Baiân_ dica
delle _Kabile_ chiamate e degli _Arabi_ condotti. Evidentemente la
prima denominazione indica qui gli abitanti antichi, arabi e berberi.
Tigiani dice: le _Kabile_ di Arabi e altri. _Kabîla_ in arabico
significa tribù.

[89] _Baiân_.

[90] _Relazione_, presso Tigiani.

[91] Ibn-el-Athîr, _Baiân_.

[92] Si vegga il nostro lib. I, cap. v, vij, pagg. 111, 112, 165 del 1º
volume e il cap. ij del lib. V, pag. 81 del presente.

[93] Questo fatto non si ritrae da’ cronisti, ma da una kasîda
d’Ibn-Hamdîs, scritta a bella posta dopo il caso di Dimas. Nella quale
il poeta, vantando il conquisto musulmano della Sicilia e le scorrerie
nelle quali i Musulmani avean prese le donne dei Rûm, continua:

“E Cossira, dove si veggono i teschi degli avi loro; i teschi de’ cui
rottami è cosparso tuttora il terren brullo!”

[94] Così il Tigiani. E veramente il 21 luglio, secondo il calendario
cristiano, cadde in sabato. Questo prova che l’autore seguito dal
Tigiani abbia tenuto il conto civile dell’egira, non l’astronomico, che
comincia un giorno innanzi. Ibn-el-Athir dice negli ultimi di Giumadi
primo, senza specificare il giorno. Così anche il _Baiân_.

[95] Cotesto nome è dato dal _Baiân_ e dal Tigiani. La relazione
ufiziale, co’ suoi vezzi di prosa rimata, dice “un’isola piena di
_ahsau_.” Or, secondo i dizionarii, questo vocabolo è plurale di
_hisâ_, o _husâ_ “acqua che s’infiltra nella sabbia, e la sabbia
stessa:” mentre _huswa_, singolare di _ahasi_, vuol dire sorso o
centellino. Il Quatremère nella versione francese di Makrizi, _Sultans
Mamlouks_, tomo I, parte 1, pag. 19, nota 19, spiega, con moltissimi
esempii, _hisa_ “puits creusé dans le sable.” Io ritengo che i due
vocaboli siano stati usati promiscuamente, come sono simili le radici
e vicino il significato, e che l’isolotto fosse stato detto _Ahasi_ per
cagion de’ pozzi che vi si cavassero.

Più importante osservazione è che gli Arabi contemporanei abbian
parlato di un isolotto, mentre or ve n’ha due. Trascuraron essi il
minore: o ve n’era un solo che poi si è spezzato; oppure le sabbie
n’han formato un altro dal XII secolo in qua?

Nella carta di Smyth, nuova edizione del 1860, sono segnati a
settentrione del Capo Dimas i due isolotti Baltah, divisi dalla terra
ferma per uno strettissimo canale di basso fondo. I medesimi, col nome
di “Isole Sorelle,” si veggono nella bella carta del _Sahel_, ossia
costiera tunisina, pubblicata dal sig. Enrico De Gubernatis, nel primo
Fascicolo del Bollettino della Società geografica italiana, Firenze,
agosto 1868. Nella carta si vede il tratto di costiera da Mehdia a
Dimas, del quale noi parliamo nel testo; e le _Osservazioni_ aggiunte
a pag. 245, del Bollettino, §7, danno l’odierna larghezza dello Stretto
tra Dimas ed Ahasi.

[96] _Relazione._

[97] Il _Merâsid-el-Ittila’_, ediz. di Leyde, tomo I, 443, ricorda
de’ luoghi di questo nome a Waset e ad Ascalona, e dice che esso
significhi carceri. Si potrebbe supporre che il nome del Capo fosse
venuto da alcun edifizio romano che era o pareva una prigione, poichè
negli atlanti marittimi si vede il segno di antiche rovine sul lato
settentrionale del capo. In Makrizi, _Mowâ’iz_, ediz. di Bulâk, tomo I,
pag. 482, 483, è intitolata così una specie di navi. Questo vocabolo
poi par derivato dalla lingua greca e congenere a _Dâmâs_ e _Dâmûs_
“volta sotterranea.” Nel dialetto siciliano, “dammusu” vuol dire “tetto
a volta” ed anco “cella sotterranea di prigione.”

Secondo Ibn-el-Athîr, Dimas, terra murata, racchiudeva un castello
posto in riva allo Stretto; poi ch’egli dice che i Cristiani aveano
occupato il castello, e che i Musulmani lo assediavano.

[98] Tigiani.

[99] _Baiân_ e Tigiani.

[100] _Baiân_.

[101] _Baiân_ e Tigiani. Ma Ibn-el-Athîr dice che i Siciliani aveano
assalita la terra di Dimas ed erano stati respinti dagli Arabi.

[102] _Relazione_.

[103] Tigiani porta l’occupazione del castello il terzo giorno dallo
sbarco; il _Baiân_ a dì 28 giumadi primo, correggendosi il testo com’io
ho fatto nella _Bibl. ar. sic._, pag. 371, nota 4. Il primo aggiugne
che favorirono in questa fazione il nemico “alcuni Arabi corrotti da’
due capitani di Sicilia”. Secondo la _Relazione_ fu “un de’ ribelli
tiranni Arabi” che, per colpo di mano, fece entrare i Cristiani nel
castello. Ibn-Hamdîs, nel verso 25 della citata kasîda, esclama: “Lo
comperarono (il castello di Dimas) e vendettero alcune anime (de’
loro) alla distruzione. Dimmi s’essi hanno perduto o guadagnato in tal
baratto?”

[104] _Relazione_. In questo stesso documento, ridondante di figure,
si dice degli assediati che “il fuoco li arse, che sembrava quel
dell’inferno”. Se ne può dedurre che nell’assedio fosse stata adoperata
la nafta.

Le tribù di Arabi che segnalaronsi in queste fazioni, secondo i versi
51 a 58 della citata kasîda, furon quelle dei Riâh, Dahmân, Zeid e
Sakhr.

[105] Tigiani.

[106] _Baiân._

[107] Questo numero è dato dal solo Ibn-Abi-Dinar, compilatore moderno,
ma esatto e non tanto rettorico. Forse trovavasi in alcuna delle
relazioni ufiziali contemporanee; perocchè negli squarci serbati dal
Tigiani si legge lo stesso numero di centomila, erroneamente dato, e
forse per mero sbaglio di copista, al presidio cristiano del piccol
castello di Dimas. Si vegga nella _Bibl. ar. sic._ la nota 5 della pag.
397.

[108] Ibn-Hamdîs, nella kasîda citata, verso 35, dice “molti provarono
a riscattarsi dalla dura lor sorte con tant’oro quant’e’ pesavano; e
l’oro non fu accettato!”

[109] _Baiân_, senza dire il motivo al quale io attribuisco la
longanimità del governo zirita.

[110] Ibn-el-Athîr, porta la catastrofe il mercoledì 15 giumadi 2º;
il _Baiân_ il 15 giumadi; Tigiani il mercoledì 14 giumadi. I fatti
sono raccontati con poco divario in quelle tre opere. E lo stesso in
Ibn-Khaldûn e Ibn-Abi-Dinar.

[111] L’è data da Tigiani. Ibn-el-Athîr fa menzione di questa _Busera_,
“la grida” diremmo noi.

[112] Questa poesia, che manca nel Ms. di Pietroburgo, si legge in
quello della Vaticana, pag. 127 della copia del prof. Sciahuan. La
pubblicherò in appendice alla _Bibl. ar. sicula_.

[113] _Baiân_, testo, nella _Bibl. ar. sic._, pag. 382, e nella
edizione del Dozy, pag. 317. Si vegga il cenno biografico di
Abu-s-Salt, nella nostra Introduzione, vol. I, pag. xxxviij, n. IV.
Ibn-Khallikân, quivi citato, riferisce che Abu-s-Salt andò a Mehdia il
506.

[114] Si vegga la pag. 378, in nota, anno 1127.

[115] Alessandro di Telese, presso Caruso, _Bibl. sic._, pag. 259. Il
cronista dice che Ruggiero “si rammaricò del non aver saputo a tempo
la morte del Duca.” Or noi ritraggiamo da Falcone Beneventano e da
Romualdo Salernitano, che l’era seguìta il 20 luglio.

[116] Lettera di Ruggiero al conte di Barcellona e minuta della
risposta che gli si richiedea; chè tal è di certo sendo scritta a nome
del conte di Barcellona e data dal Palazzo di Palermo lo stesso giorno.
La copia è cavata dall’Archivio regio di Barcellona, come si scorge
dalla sottoscrizione dello archivario del tempo. Io la tolgo dalla
Biblioteca comunale di Palermo, volume segnalo Q. 9. G. 1. ch’è de’
manoscritti di Antonino Amico il quale riportò di Spagna in Sicilia
preziosissima raccolta di documenti storici. A questi due diplomi si
riferì, al certo, il Di Biasi (_Storia del Regno di Sicilia_, libro
VII, cap. xvi) chiamandoli “Monumenti tratti dal Regio Archivio”, senza
dir di qual paese.

La data dal 1127 dell’Incarnazione, torna al 1128, poichè si tratta del
mese di gennaio. Se pur non ci fosse per dimostrarlo la indizione 6ª,
basterebbe il titolo di Duca di Puglia dato a Ruggiero, il quale nol
potea prendere innanzi l’agosto 1127. Lascio da canto il mese di marzo,
scritto per sbaglio, quando il XV. _Kal. februarii_ indica precisamente
il gennaio. La _prossima state_ riferita alla 7ª indizione, mentre
correa la 6ª, mi fa supporre usata qui per anomalia, l’indizione che
si rinnovava il 25 marzo, di che v’ha esempii appo la stessa corte di
Roma, nell’XI e nel XIIº secolo. Del resto, la cancelleria siciliana
adoperava ordinariamente la indizione costantinopolitana. Ei non è
verosimile che l’impresa fosse stata proposta per la state della 7ª
indizione 1129, a capo, cioè, di 17 mesi dalla data del diploma.

Su i combattimenti che seguirono allora in Catalogna, si vegga il
Surita, _Anales de la corona de Aragon_, lib. I, cap. xlix.

Or ecco i due diplomi:

I. Ego R (Rogerius) Dei gratia Princeps, et Dux Apuliae, Siciliae,
et Calabriae Comes, concedo tibi Domino R (Raimundo) eadem gratia
Comiti Barcinonensi, per honestissimos legatos tuos, videlicet Petrum
Archidiaconum; et Raimundum, venientes ad nos Panormum, gratia (?)
requirendi auxilium, et consilium propter guerras, et multiplices
incursus Saracenorum in partibus Hispaniae, hanc subscriptam pactionem.
Concedo tibi per securitatem baronum meorum, videlicet Roberti de
Terona, et Roberti de Miliaco, quia si in praesentia legatorum meorum,
videlicet Guilelmi de Pincinniaco, et Samsonis de Surda-valle, ad
praesentiam tuam proficiscentium, iuraveris, infra octo dies eorum
aduentus ad te, cartulas praesentes mearum pactionum, legatis tuis,
vel legato, pro hoc negotio ad me venturis, vel venturo, iurabo quia in
futura aestate septimae indictionis, in mense Julii, vel ante, galeas
quinquaginta in servitium Dei, et auxilium exercitus, ad exercitum in
Hispaniam, excepta occasione, quae propter hoc non sit reperta, mittam.
Facta Panormi in palatio Domini Ducis, anno Dominicae Incarnationis M
centesimo XXVII, Mense Martii (Januarii) XVº Kal. Februarij, indictione
sexta.

II. Ego R (Raimundus) Dei gratia Barcinonensis Comes iuro, et assecuro
tibi Domino Rogerio eadem gratia duci, quod ibo in Kal. Julij septimae
Indictionis, vel ante, cum exercitu meo in Hispania, in servitium Dei,
et auxilium tuum, et adiuvabo homines tuos terra, et mari per fidem: et
in auxilio tuo, et hominum tuorum permanebo quandiu classis tua, quae
Extolyum dicitur, terra, et mari Hispaniae fuerit. Ego galeis tuis,
et aliis navibus tuis, et hominibus Extolij tui, et rebus eorum secura
receptacula in mari, et in terra, in Civitatibus, Castellis, et Villis
dabo ad posse meum, et liberam victualium, et stipendiorum emptionem:
et assecuro tibi de universa adquisitione nostra, tempore exercitus
lui, terra, et mari in partibus Hispaniae, scilicet Civitatum,
Castellorum, Castrorum, burgorum, casalium, villarum, omnium denique
terrarum, hominum, auri, argenti, et rerum omnium, tam mobilium, quam
etiam stabilium, integram medietatem habendam tibi, et hominibus tuis
super hanc causam tua illusione ordinatis, sine contrarietate, vel
contradictione, vel vi eis illata; ei non queram, neque querere faciam,
neque consentiam quomodo eam perdas. Et adiuvabo tibi eam tenere,
defendere, et hominibus, et baiulis tuis per fidem, sine fraude, et
ingenio, contra omnes homines, et foeminas, qui praedictam partem
tibi, vel hominibus tuis ad tollendum invaserit. Quod si forte de his
praedictis pactionibus aliquid minus factum in exercitu tuo factum
fuerit. Infra octo dies emendabo, vel emendari faciam per iustitiam,
si inde requisitus fuero, vel per concordiam, quae sit grata illi, vel
illis, cui, vel quibus, minus facium fuerit factum, si ex eo, vel ex
eis, qui recipere debet non remanserit. Haec attendam, et observabo per
fidem sine fraude, et ingenio tibi, et baiulis tuis, et hominibus tuis;
sicut supra scriptum est in praesenti cartula. Facta Panormi in palatio
Domini Ducis, anno Dominicae Incarnationis M centesimo XXVII, mense
Martij (Ianuarij) XV. Kal. Februarij, indictione sexta.

_A carta recondita in scrinio mensae Aulae inferioris Regij Archivij._

Michel Bernardo Archivario del Regio Archivio de Barcelona. Raphael de
Dominic.

[117] Presso Caruso, _Bibl. Sicula_, pag. 257, 258. La Cronica di
Falcone Beneventano e gli Annali di Romualdo Salernitano mostrano i
particolari di questo brutto quadro.

[118] Si vegga il Libro V, cap. X, pag. 271 segg. di questo volume.

[119] Nel Capitolo 1º del presente libro, pag. 347, abbiamo accennato
ad alcuni casi sotto la reggenza. Romualdo Salernitano, _Annali_, 1126,
dice espressamente che i baroni seminavano zizzanie tra Guglielmo e
Ruggiero.

[120] Romualdo Salernitano, op. cit., dal 1121 al 1127.

[121] Alessandro abate di Telese.

[122] Falcone Beneventano.

[123] Si confrontino: Alessandro abate di Telese, lib. I, e Falcone
Beneventano, anni 1127 a 1129, presso Caruso, _Bibl. Sicula_, pag.
259 segg. 329 segg.; e Romualdo Salernitano, anni 1126 a 1130, presso
Muratori, _Rer. Ital. Script._, VII, pag. 184 segg. Lascio da parte le
dispute che si son fatte su l’assentimento dell’antipapa Anacleto, su
la doppia incoronazione del re, ecc.

[124] Le scarse sorgenti istoriche di questo fatto non ci permettono
di ritrarre precisi i particolari. Abbiamo in primo luogo la bolla
dell’antipapa Anacleto, data il 27 settembre 1130, pubblicata in parte
dal Baronio e poi dal Pirro, _Chronologia_, pag. XV e XVI, per la
quale concedeasi a Ruggiero la corona _del regno_ di Sicilia, Calabria
e Puglia, dichiarandone _capo_ la Sicilia. Ma noi non sappiam se
questa bolla sia stata mai spedita, e sopratutto se Ruggiero l’abbia
accettata. L’abate di Telese, scrittor di corte, non ne fa parola. Ei
narra il fatto come proceduto dal solo voto del Parlamento e limita il
titolo regio alla Sicilia. Ma questo abate cortigiano scrisse dopo la
pace del re con Innocenzo II; onde si potrebbe supporre ch’egli avesse
trascurata ad arte la concessione dell’antipapa e ridotto il titolo
regio ne’ termini che poi assentì Innocenzo. La bolla, in fine, di
questo papa, data il 27 luglio 1139, pare una transazione, ammettendo
il titolo di re per la Sicilia e mantenendo quel di duca per la
Calabria e la Puglia, pretesi feudi della Santa Sede.

Ho detto transazione, perchè il titolo usato da Ruggiero tra il 1130
e il 1139 fu _Sicilie atque Italie rex_, come si legge nei diplomi di
settembre 1131, presso Pirro, _Sic. Sacra_, pag. 386, 387; del 1133
e 1137, presso Ughelli, _Italia Sacra_; e vedeasi a rilievo in una
campana del duomo di Palermo, detta _la Guzza_, gittata in Palermo
il 1136, indiz. xiv, della quale il Pirro, _Chronologia_, pag. XVI,
riferisce la leggenda. Occorre anco in un diploma di Ruggiero, dato
di novembre 1137 e trascritto da Falcone Beneventano, presso Caruso,
_Bibl. Sic._, pag. 367. Cotesto titolo ricomparisce talvolta nei
diplomi de’ due Guglielmi: ma più ordinariamente fu usato quello di
re di Sicilia, del Ducato di Puglia e di Calabria, e del Principato
di Capua. Si corregga con questi particolari il saggio storico ch’io
scrissi nella mia prima gioventù, stampato il 1835 nelle _Effemeridi
scientifiche e letterarie per la Sicilia_, fasc. 35, sotto il titolo di
_Osservazioni intorno un’opinione del Signor Del Re_, ecc.

[125] Si confrontino: Alessandro abate di Telese, lib. II, III; Falcone
Beneventano, anni 1130 segg.; Romualdo Salernitano, negli stessi anni.
Marangone, nell’_Archivio Storico Italiano_, tomo VI, parte II, pag. 9,
dice dell’armata di Ruggiero. L’abate di Telese, presso Caruso, _Bibl.
Sic._, pag. 282 e 295, fa menzione delle compagnie stanziali. La bolla
d’Innocenzo II è stata già citata nella pag. precedente, in nota.

[126] Alessandro abate di Telese, presso Caruso, op. cit., pag. 274.

[127] Otone di Frisingen, _Chronicon_, lib. VII, cap. 20.

[128] Abate di Telese, nell’op. cit., pag. 275, 276.

[129] Anno 1133.

[130] Anno 1133, presso Caruso, op. cit., pag. 351.

[131] Anno 1127.

[132] Falcone Beneventano, presso Caruso, op. cit., pag. 345.

[133] Epistole, presso Martene e Durand, _Veterum Scriptorum_, ecc.
tomo II. Parigi, 1724, pag. 183, 186 segg.

[134] Si confrontino: Ibn-el-Athîr, anno 529; Tigiani, Ibn-Khaldûn,
e Ibn-Abi-Dinâr, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 284, 398,
487 e 536. Nessuno di questi compilatori ci dice appunto in qual mese
dell’anno musulmano fossero succeduti gli avvenimenti ch’e’ narrano.
La durata dell’assedio e i due fatti che seguono, sono riferiti dal
solo Ibn-Abi-Dinâr, nell’op. cit., pag. 537. Tutti pongono l’assedio
di Mehdia prima del saccheggio delle Gerbe, del quale abbiamo la data
precisa dall’Edrîsi.

Al citato luogo d’Ibn-Khaldûn risponde la versione francese di M.
De Slane, vol. II, pag. 27; la quale, nello stile scorrevole e netto
dell’egregio traduttore, dà talvolta ai fatti quella precisione che
lor manca nel testo e li ravvicina l’uno all’altro e connette più
strettamente che non abbia fatto l’autore. Così il passo “Roger prit
_aussitôt_ la résolution, etc.” rappresenta come avvenuti entro pochi
mesi, due fatti tra i quali corsero nove anni, cioè dal 1127 al 1135.

[135] Ho dati alcuni ragguagli su le cose di questa isola nella _Storia
del Vespro Siciliano_, edizione del 1866, tomo I, pag. 309 segg. e
in una lettera indirizzata al signor Federigo Odorici, tra gli _Atti
e memorie delle regie deputazioni di storia patria per le province
modenesi e parmensi_, vol. III. N’ho fatta anco menzione nel presente
lavoro, libro III, cap. X, vol. II, p. 197.

[136] Si confrontino: Edrîsi; Ibn-el-Athîr, anno 529; _Baiân_, anno
530; Tigiani; Abulfeda, anno 529; Nowairi; Ibn-Khaldûn e Ibn-Abi-Dinâr,
nella _Bibl. arabo-sicula_, pag. 73, 286, 372, 384, 415, 456, 494
segg. 498 e 537. La versione e il testo di Edrîsi si veggan anco nella
_Description de l’Afrique et de l’Espagne_ par MM. Dozy et de Goeje,
Leyde, 1866, pag. 151-152; quella d’Ibn-Khaldûn, nella _Histoire des
Berbères_, per M. De Slane, tomo I, 245; II, 397, 427; III, 63 segg.
87, 122; e quella di Tigiani, per M. Rousseau, nel _Journal Asiatique_,
Aôut-sept. 1852, pag. 170 segg. Debbo avvertire il lettore che il
paragrafo d’Ibn-el-Athîr su le Gerbe ed alcuni altri citati nel corso
del presente capitolo, sono stati tradotti dal baron De Slane, in
appendice al II volume della _Histoire des Berbères, par Ibn-Khaldoun_,
pag. 578 segg. anni 529, 537, 541, 543, 544, 546, 547.

Fuorchè il _Baiân_, gli altri portano il fatto nel 529, e l’Edrîsi,
ch’è il solo contemporaneo e lo potea ben sapere, lo riferisce allo
scorcio dell’anno. Ibn-Khaldûn, in un luogo, dice l’occupazione
avvenuta il 529 e in un altro il 530.

[137] Ibn-Abi-Dinâr, compilatore, com’ho avvertito altre volte,
moderno ma diligentissimo, il quale, senza dubbio, copiò questo
squarcio da qualche cronista contemporaneo, scrive che il re “pose i
Gerbini superstiti nella condizione di _Khewel_ suoi.” Questa voce
significa “famigliari, servi, uomini che lavorano pel padrone.”
Ibn-Khaldûn, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 498, dice che
gli abitatori furono lasciati nell’isola e sottoposti alla gezìa. Lo
stesso autore, narrando in altro luogo (_Bibl. arabo-sicula_, testo,
pag. 496) che l’isola si ribellò e fu ripigliata il 1153, dice che i
Siciliani adoperarono al lavoro i _raia’_ (infime classi del popolo)
e i contadini: le quali parole il dotto baron De Slane ha tradotte
(_Histoire des Berbères_, tomo III, pag. 64) “et [les Siciliens] y
établirent des agents chargés d’administrer les gens du peuple et les
cultivateurs.” Anco il Tigiani, nel luogo citato, fa supporre diversa
la condizione de’ Gerbini avanti e dopo la ribellione; poich’ei dice
del conquisto del 1135, che gli avanzi della popolazione rimasero sotto
il dominio de’ Siciliani, e di quello del 1153 che gli abitatori furono
la più parte menati prigioni in Sicilia e non rimase nella Gerbe se non
che la gente da nulla. Anco Edrîsi parla della cattività in Palermo il
1153.

E questa parmi la principale differenza de’ provvedimenti dati nelle
due imprese. Nell’occupazione del 1135, confiscati i possessi, ma
lasciata nel paese la gente, che non fu menata in cattività prima che
si promulgasse l’_amân_. In quella del 1153, fatti schiavi quanti non
furono uccisi e lasciato un pugno d’uomini, sì poco da non potersene
temere altra sollevazione.

[138] Si veggano i _Diplomi Arabi dell’Archivio fiorentino_,
Introduzione, § XVII, pag. xxxix, segg. e Mas-Latrie, _Traités de paix,
etc., au moyen-âge_, Paris, 1866, in 4. Introduzione, pag. 83 segg.

[139] Si riscontri il capitolo precedente, pag. 372.

[140] N’abbiam fatta parola nel Libro V, cap. VI, pag. 156, di questo
volume.

[141] Nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 536.

[142] Op. cit., pag. 537.

[143] Si riscontri ciò che abbiam detto nel Lib. V, cap. X, pag. 332,
sul commercio de’ grani con l’Affrica. Ibn-el-Athîr, anno 536 (1141-2)
nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 286, narra che Hasan, dopo le
prede fatte a Mehdia dall’armata siciliana, mandò a implorare pace da
Ruggiero, “per aver grani dalla Sicilia; perocchè la fame era orribile
quell’anno e grande la mortalità.” Noi abbiam notato più volte che la
carestia e quindi il bisogno dei grani di Sicilia, era ormai permanente
nell’Affrica propria. Sappiamo inoltre da Ibn-Abi-Dinâr, citato nel
seguito di questa narrazione, che Hasan, lo stesso anno 536, dovea a
Ruggiero grosse somme di danaro.

[144] Nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 537-8.

Questo del 536 dell’egira (1141-2) par sia stato l’ultimo trattato.
Come si è detto altre volte, tali patti erano sempre temporanei, e
nel XII secolo soleano stipularsi per dieci anni. Or Ibn-el-Athîr, il
quale narra cotesti fatti più largamente che ogni altro compilatore,
dice in principio del capitolo su la presa di Mehdia il 543, che il
trattato durava allora per altri due anni. Ammettendo, com’io fo,
cotesta lezione, si riterrebbe che il trattato fosse stato stipulato
il 1141-2, per dieci anni. Ma il duale _sanatein_ del testo si può
supporre scritto per isbaglio, con lievissima mutazione, in luogo del
plurale _sanîn_, che significherebbe alcuni anni e lascerebbe perciò
indeterminata la data del trattato più recente.

[145] Si vegga il nostro Libro II, cap. XII, pag. 476, del volume I.

[146] Il _Baiân_, testo del Dozy, tomo I, pag. 322 e nella _Bibl.
arabo-sicula_, pag. 373, dice che Giorgio “conosceva appunto i lati
deboli di Mehdia e degli altri paesi” (dello Stato); il Tigiani nella
_Bibl. arabo-sicula_, testo, a pag. 399, ch’ei “conoscea di Mehdia ogni
cosa: l’abitato come la campagna” ed a pag. 398, ch’egli tenea spie in
Mehdia.

[147] Si confrontino: Ibn-el-Athîr, anno 536; il _Baiân_, sotto
lo stesso anno; Tigiani; e Ibn-Abi-Dinâr, tutti nella _Bibl.
arabo-sicula_, pag. 286, 372-3, 388-9 e 537. Ancorchè questi
compilatori narrino diversamente alcuni particolari e il Tigiani non
ponga data, evidentemente trattano tutti dello stesso avvenimento.

[148] Tigiani nell’op. cit., pag. 399. Un altro _Mezzo Mondo_, carico
di merci, fu mandato di Sicilia ad Alessandria d’Egitto, il 1242,
dall’imperator Federigo.

[149] Ibn-Abi-Dinâr nell’op. cit., pag. 537-8.

[150] Ibn-Abi-Dinâr, l. c.

[151] Ibn-el-Athîr, anno 537; _Baiân_ nello stesso anno; Abulfeda,
idem; Ibn-Khaldûn; e Ibn-Abi-Dinâr, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo,
pag. 287, 373, 415, 498, 538.

[152] Le stesse autorità, fuorchè il _Baiân_ e Abulfeda. Gigel rimase
mezzo abbandonata e al tutto impoverita fino al tempo in cui scrisse
Edrîsi. Veggasi questo autore, nella _Bibl. arabo-sicula_, pag. 72, e
nella edizione de’ sigg. Dozy e De Goeje, _Description de l’Afrique_,
ec., pag. 114, della versione.

[153] Ibn-el-Athîr, e Abulfeda, anno 539, nell’op. cit., pag. 287 e 415.

[154] Ibn-el-Athîr, anno 540, e Ibn-Abi-Dinâr, nella _Bibl.
arabo-sicula_, testo, pag. 288 e 538. Ibn-Abi-Dinâr, porta questo fatto
nell’anno 537, ma forse è errore del manoscritto.

[155] Si vegga il Capitolo precedente, pag. 388.

[156] Si ritrae da un aneddoto che Ibn-el-Athîr riferisce sotto l’anno
539, nel capitolo su la occupazione di Edessa per Zengui, nella _Bibl.
arabo-sicula_, testo, pag. 288, e nella edizione del Tornberg, tomo XI,
pag. 66.

[157] Confrontinsi: Edrîsi; Ibn-el-Athîr, anno 541; Tigiani; Abulfeda,
Nowairi, Ibn-Khaldûn, Ibn-Abi-Dinâr, Ibn-Khallikân, nella _Bibl.
arabo-sicula_, testo, pag. 73, 289, 388, 415, 457, 500, 538, 642.
L’Edrîsi e il Tigiani portano il fatto nel 540; ma la differenza
sarebbe di pochissimi giorni, poichè le ostilità cominciarono il terzo
giorno del 541. Il Tigiani, per manifesto sbaglio, dice presa Tripoli
dopo Mehdia e Sfax. Il codice d’Ibn-Khaldûn del quale ho fatta speciale
menzione, è quello seguito dal Tornberg, _Ibn-Khaldûni_, ecc., _de
Expeditionibus Francorum_, Upsal, 1840, pag. 37. L’Anonimo Cassinese,
presso Caruso, _Bibl. Sicula_, pag. 510, registra la presa di Tripoli
nel 1145, contando forse l’anno dell’èra volgare sopra la indizione,
senza badare al mese. Roberto abate del Monte di San Michele, presso
Pertz, _Scriptores_, tomo VI, pag. 497, la porta il 1146.

[158] Ibn-el-Athîr, anno 542, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag.
292, ed anno 543, testo, del Tornberg, tomo XI, pag. 90. Ho usata la
moderna appellazione di Barbarìa, come quella che meglio rende, in
questo caso, il _Maghreb_ de’ testi. L’Affrica propria non n’era che la
parte orientale.

[159] Ibn-el-Athîr, loc. cit., e tutte le altre autorità arabiche che
noi citeremo or ora pei fatti di Kâbes e di Mehdia.

[160] Nel Capitolo precedente, pag. 369.

[161] Cotesto abituro degli Arabi, ch’era nella parte più alta
dell’antica città, fu chiamato la _Moa’llaka_, che vuol dir la
“sospesa in alto.” Si vegga Edrîsi, edizione de’ sigg. Dozy e De
Goeje, _Description de l’Afrique_, ec., pag. 112 del testo, e 131 della
versione.

[162] Si confrontino: Ibn-el-Athir, anno 542, Tigiani; Ibn-Khaldûn e
Ibn-Abi-Dinâr, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 290 segg. 384,
489, 500 e 538.

[163] Citerò gli scrittori contemporanei nel capitolo seguente dove
occorrerà dare un cenno della guerra di Ruggiero contro Emmanuele
Comneno. Basti qui ricordare che la cronologia degli avvenimenti,
incerta presso gli annalisti bizantini, è bene determinata da Le
Beau, _Histoire du Bas Empire_, lib. LXXXVII, § 22 a 39, e dal
Muratori, _Annali_, 1146 a 1149. La cronaca della Cava, presso Pertz,
_Scriptores_, tom. III, pag. 192 e presso Muratori, _Rer. Ital.
Script._, tom. VII, porta appunto nel 1147, le prime ostilità contro
l’impero bizantino.

[164] Tigiani, loc. cit.

[165] Non occorrono citazioni pei fatti notissimi della Crociata. Le
pratiche de’ Gesuiti di quel tempo con re Ruggiero si rivelano in una
epistola che scrivea a questo principe Pietro il Venerabile, abate di
Cluny, la quale è stata ristampata dal Caruso, _Bibl. Sicula_, pag.
980.

[166] Tigiani.

[167] Ibn-el-Athir, anno 513, nella _Bibl. arabo-sicula_, pag. 205.

[168] Il Tigiani dice seguito lo sbarco sette ore dopo l’arrivo
dell’armata. Secondo Ibn-el-Athir, eran corsi due terzi della giornata.
Or, nel giugno, il sole spunta in Mehdia verso le cinque del mattino e
tramonta poco dopo le sette della sera: onde la giornata dura 14 ore.
Ambo le relazioni si accordano, dunque, a porre lo sbarco tra le 2 e
le 3 dopo mezzogiorno, se noi contiamo le sette ore del Tigiani, non
dall’alba quando si videro i primi legni, ma dalla riunione di tutto il
navilio, per la quale dovettero passar due o tre ore.

[169] I Cristiani di Mehdia in questo tempo erano, com’e’ mi sembra, in
parte indigeni dell’Affrica propria e in parte stranieri. Chi voglia
notizie più particolari su’ Cristiani dell’Affrica settentrionale
nell’XI e XII secolo, potrà consultare la introduzione storica
dell’opera del signor Mas-Latrie, intitolata _Traités de paix_, ecc.,
pag. 7 ed 11 e 67 segg. Ancorchè io ritenga lontani dal vero alcuni
particolari, quivi narrati, delle guerre che seguirono tra gli italiani
e i Musulmani d’Affrica nell’XI secolo, (pag. 7, 8, 9,) ed ancorchè
l’autore, per troppa tenerezza, esageri qui i meriti della Corte
romana, mi piace pur di attestare la diligenza delle ricerche, la copia
della erudizione e il bell’ordine di tutto il lavoro.

Oltre i fatti citati dal signor Mas-Latrie su quel favorito argomento,
va ricordata una testimonianza di cronisti arabi su le chiese
dell’Affrica propria nel 955. (_Storia de’ Musulmani di Sicilia_,
tomo II, pag. 248, lib. IV, cap. II) e il detto del continuatore di
Sigiberto da Gembloux: che Ruggiero, nel 1148, rimandò libero alla sua
sede il vescovo di Affrica, il quale era ito da servo a consecrarsi in
Roma, (presso Caruso, _Bibl. Sicula_, pag. 950). Ci occorrerà anco nei
capitoli seguenti di aggiugnere qualche altro particolare su questo
subietto.

[170] Quelle del sabato e del venerdì, il 558, e il 573, dell’egira,
secondo il Baiân, ediz. del Dozy, tomo I, pag. 326, e nella _Bibl.
arabo-sicula_, testo, pag. 374. Edrîsi descrive cotesto piano che
dividea le due città e chiamavasi Er-Ramla, ossia “La Sabbia;” presso
Dozy et De Goeje, _Description_, ec., pag. 128.

[171] In linguaggio legale sono chiamate _Omm-walid_, ossia “madre di
figlio.”

[172] Confrontinsi: Ibn-el-Athîr, anno 543; _Baiân_, stesso anno;
Tigiani; Abulfeda, stesso anno; Ibn-Khaldûn; Ibn-Abi-Dinâr, nella
_Bibl. arabo-sicula_, pag. 292 segg. 373, 399, 416, 500 segg. 539.
Abulfeda, per errore, com’ei pare, avendo del resto compendiato o
piuttosto mutilato il racconto d’Ibn-el-Athîr, dice che la fuga fu
consigliata ad Hasan dagli ottimati. Negli scrittori cristiani si fa
un cenno appena della occupazione di questa città, alla quale è dato,
al solito, il nome d’Affrica. Così Romualdo Salernitano e il Dandolo,
anno 1148, presso Muratori, _Rer. Ital._, tomo VII, pag. 191, e XII,
pag. 283. Si veggan anco: Continuazione di Sigeberto da Gembloux, anno
1148; Appendice al Malaterra, luglio 1149; Ugo Falcando, presso Caruso,
_Bibl. Sicula_, pag. 950, 250, 410. La continuazione di Sigeberto è
stata ultimamente ristampata dal Pertz, _Scriptores_, tomo VI, pag.
453-4, dove i nomi delle città prese sono scritti: Africa, Suilla,
Asfax, Clippea.

[173] Stesse autorità citate nella nota precedente. Edrîsi dice anco
presa Sfax il 543, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 72, e nella
_Description_, ecc. di Dozy e De Goeje, traduzione, pag. 126.

[174] Ibn-el-Athîr, loc. cit.

[175] Il capitolo d’Ibn-el-Athîr citato dianzi a questo proposito
(_Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 297) ha un passo che va
corretto secondo la copia litterale che ne fece il Nowairi (_Bibl.
arabo-sicula_, testo, pag. 458, nota 1): “Il dominio de’ Franchi si
stese da Tripoli del Garbo fin presso Tunisi, e dai deserti del Maghreb
a quelli di Kairewâu.” Deserto del _Maghreb_ pare che qui significhi
quello di Barca.

[176] Si confrontino gli stessi autori citati per l’occupazione di
Mehdia nella pag. 418, nota 3. I Cristiani, dicendo dei conquisti di
Ruggiero in Affrica, danno, oltre il nome di Mehdia, que’ di Susa,
Bona, Cafsa, Sfax e Tripoli.

Chi legga gli _Annali Musulmani_ del Rampoldi, crederà ch’io qui
defraudi il pubblico d’un tesoro di fatti storici. Il Rampoldi, portata
nel 1149 la presa di Mehdia, aggiunge di capo suo che 60 mila crociati
francesi e italiani sbarcarono in Libia; che Ruggiero li seguì per
visitare i recenti acquisti delle sue armi; ch’ei volea varcare il
deserto per andare in Egitto; che Hasan signore di Bugia si oppose
(!!), ma che costui fu sconfitto e i Cristiani, lasciato presidio a
Bugia, passarono veramente in Egitto, ecc.

[177] Ibn-el-Athîr, anno 544, nella _Bibl. arabo-sicula_, pag. 297;
Sefedi, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 657. Il proverbio ch’è
nel testo di Sefedi, si legge con poche varianti nel Meidani, ediz. di
Freytag, tomo II, pag. 588, ed anco nel Dizionario dello stesso dotto
orientalista, tomo II, pag. 517.

[178] Ibn-el-Athîr, anno 543, nella _Bibl. arabo-sicula_, pag. 295, 296.

[179] Il Kartâs, pag. 126 del testo e 169 della traduzione latina, ha
ch’ei fosse andato a Genova. Nella Storia de’ Berberi, per Ibn-Khaldûn,
testo arabico, tomo I, pag. 231, e versione francese, tomo II, pag.
58, è un luogo che M. De Slane ba tradotto: “Yahya s’embarqua pour la
Sicile, afin de se rendre, de là, à Baghdad. Au lieu de pousser jusqu’à
cette île, il alla débarquer à Bòne, etc.” Or l’autore, nella sua
concisione, spesso frettolosa ed oscura, ha qui litteralmente: “Jehia
s’imbarcò per la Sicilia, proponendosi di passare indi a Baghdad; poi
si volse a Bona,” ecc. in guisa da far capire più tosto, che, arrivato
in Palermo ei fosse ito a Bona, in vece di Baghdad; il qual significato
ed esce più spontaneo dalle parole dell’autore, e s’adatta meglio agli
altri fatti che noi conosciamo, cioè i fratelli di Jehia venuti in
Sicilia; la lega proposta da Ruggiero agli emiri arabi, ecc. L’andata
a Genova, nè la sembra inverosimile, nè incompatibile col viaggio in
Sicilia; poichè gli Hammaditi, a Bugia a Bona e in altri loro porti,
praticavano co’ Liguri, sì come co’ Siciliani, e conosceano per prova
la potenza navale degli uni e degli altri nel XII secolo.

Il Marrekosci, testo arabico, pag. 147, raccontando alla grossa,
dice che Abd-el-Mumen, il 540, assediò Bugia e che Jehia, vedendo non
potersi difendere, fuggì sin ch’ei venne a Bona e di là a Costantina.

[180] Ibn-el-Athîr e Ibn-Khaldûn, ll. cc. Il soggiorno di questo
Abd-Allah in Sicilia è attestato anco da Ibn-Bescirûn, il quale dà
alcuni versi di Abu-Hafs-Omar-Ibn-Fulfûl, recitatigli dall’Hammadita
quando s’incontrarono in Sicilia. Veggasi la _Kharîda_ di Imâd-Eddîn,
nella _Bibl. arabo-sicula_, pag. 599, 600.

[181] Gli Arabi correvano quasi sino ai limiti occidentali dell’odierna
provincia di Costantina. Si vegga Edrîsi, _Description de l’Afrique_,
ec., traduz. de’ sigg. Dozy e De Goeje, pag. 92 a 97 del testo, e 107 a
114 della versione.

[182] Ibn-el-Athîr, anni 547, 548, nella _Bibl. arabo-sicula_, pag.
297, segg. e nel testo del Tornberg, tomo XI, pag. 103, 122.

[183] Ibn-el-Athir, anno 548, e Ibn-Khaldûn, nella _Bibl.
arabo-sicula_, testo, pag. 299, 502. Ne fa un cenno l’Anonimo
Cassinese, anno 1151, presso Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 510.

[184] Edrîsi, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 73 e nella
_Description de l’Afrique_ ecc. traduzione de’ sigg. Dozy e De Goeje,
pag. 136. Il prudente geografo, che pubblicò il suo libro poco appresso
il supplizio di Filippo, si limita a dire che Bona fu conquistata “da
uno degli uomini del gran Re.” Si vegga anco Ibn-Khaldûn, op. cit.,
pag. 491.

[185] Confrontinsi: Edrîsi, Tigiani e Ibn-Khaldûn, nella _Bibl.
arabo-sicula_, pag. 74, 384, 385 e 496; il primo anco nella citata
versione de’ sigg. Dozy e De Goeje, pag. 151, e l’ultimo nella versione
del baron De Slane, _Histoire des Berbères_, tomo III, pag. 64.

La verosimiglianza e il positivo attestato del Tigiani, portano a
riconoscer buona nell’Edrîsi la lezione _medinat_, che torna a Palermo,
ed esclude il dubbio espresso dall’erudito traduttore di Edrîsi nella
nota 2.

Del rimanente si vegga qui sopra la nota a pag. 400.

[186] Edrîsi, nella _Bibl. arabo-sicula_, pag. 73, e nella
_Description_ ecc., pag. 150, della versione.

[187] Ibn-el-Athîr, anno 548, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag.
300, e nella edizione del Tornberg, tomo XI, pag. 125. Abulfeda lo
copia.

[188] Presso Muratori, _Rer. ital. script._, tomo VII, pag. 191.

[189] _Kitâb-el-Mowâ’iz_, testo di Bulâk, tomo I, pag. 214, 215,
nel capitolo di Damiata. Si riscontri il capitolo di Tinnis, a pag.
179-180, dello stesso volume. Egli è da notare che il Makrizi, a pag.
180, registra un assalto dell’armata di Sicilia a Tinnis l’anno 348;
e che non è da supporre sbaglio di cifra nelle centinaia, poichè dopo
quel fatto di cronica municipale, il Makrizi ne porta altri del quarto
e del quinto secolo dell’egira e poi, venendo al sesto secolo, descrive
l’assalto dato a tutta la costiera il 571, del quale diremo a suo
luogo.

[190] Nella _Bibl. ar. sicula_, testo, pag. 72 e nella _Description_,
ecc., dei sigg. Dozy e De Goeje, pag. 114, 120.

È da avvertire che nel Ms. B dell’Edrîsi si attribuisce a
Marsa-ez-Zeitûna ciò che il Ms. A dice più correttamente di Koll.
Seguasi pertanto il testo della _Description_, pag. 102, ultimi due
righi e primo della pag. 103, che rispondono alla pag. 120 della
versione francese.

[191] _Tunetam urbem maximam in Africa_, si legge senza varianti nella
edizione del Pertz, _Scriptores_, tomo VI, pag. 503. Questo passo,
copiato con gran parte della cronica di Roberto, si trova a pag.
977 della _Chronica Normanniæ_, pubblicata dal Duchesne, _Historia
Normannorum Scriptores_, con la variante _Tonisam_ in luogo di
_Tunetam_. Evidentemente è questo il frammento stesso della _Chronica
Normanniæ_, ristampato dal Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 921. Or
la variante Tonisam, ch’era senza dubbio in uno de’ manoscritti di
Roberto, ben si adatterebbe a Tenes: e l’_urbem maximam in Africa_,
potrebbe essere supposizione di Roberto, o anco aggiunta del copista.
D’altronde Tenes era città importante pel suo commercio, come afferma
Edrîsi, edizione del Dozy e De Goeje, _Description de l’Afrique_, ec.
pag. 96 della versione.

[192] Nel testo di Dozy, pag. 162 segg. e nella _Bibl. arabo-sicula_,
testo, pag. 318 segg. L’autore qui nota ch’ei scrive il 621 (1224).

[193] Presso il Muratori, _Rer. Ital. Script._, tomo XII, pag. 283.

[194] Si confrontino: _Baiân_, testo del Dozy, tomo I, pag. 323 a 326,
del quale io ho ristampato uno squarcio nella _Bibl. arabo-sicula_,
testo, pag. 373; Ibn-Khaldûn, _Histoire des Berbères_, traduzione
del baron de Slane, tomo II, pag. 29 segg. Sembra errore del Tigiani,
_Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 399, che Tunis fosse tenuta da un
Ibn-abi-Khorasân quando l’assediavano le milizie di Mehdia, mandate
da Hasan poco avanti la occupazione de’ Siciliani. La vittoria sopra
gli Almohadi fu significata da Abd-Allah ai Pisani, per una carta
bilingue del 10 luglio 1157, ch’io ho pubblicata ne’ _Diplomi Arabi
dell’Archivio Fiorentino_, Nº I, della prima serie e VI della seconda.
Si vegga l’_Introduzione_ a quella raccolta, § XXII, dove io ho
corretto il casato di questi principi secondo il testo del diploma.

[195] Questo fatto si ritrae da Romualdo Salernitano, il quale sotto
l’anno 1146, da correggersi 1149, nota la conceduta consacrazione,
presso Muratori, _Rer. Italic._, VII, 193. Non occorrono citazioni per
gli altri avvenimenti notissimi ai quali io accenno.

[196] Lo suppongo dall’accordo che poi fu fatto, secondo Ottone di
Frisingen, di che alla nota 3 di questa pagina.

[197] I sussidii al duca Guelfo sono attestati da Goffredo di Viterbo,
presso Muratori, op. cit., VII, 460. Quelli ad altri feudatarii
tedeschi si leggono nella epistola di Giovanni notaio a Wibaldo,
abate di Stavelot e di Corvey, data del 1151, presso Martene e Durand,
_Veterum Scriptorum_, Parigi, 1724, tomo II, pag. 422.

[198] Epistola, presso Ottone di Frisingen, _Gesta Frider._, lib. I,
cap. 28.

[199] Epistola citata di Giovanni Notaio.

[200] Ibid.

[201] Si vegga, per questo Abate di Cluny, l’_Histoire littéraire de la
France_, tomo XIII, pag. 241 segg.

[202] Epistole del 1139, 1145, 1150, ristampate dal Caruso, nella
_Bibl. sicula_, pag. 977 a 980.

[203] Si vegga Guglielmo di Tiro, lib. XIV, cap. 9 e 20, su coteste
pratiche, alle quali ho voluto accennare perchè le veggo trascurate
dagli storici di Sicilia.

[204] Ottone di Frisingen, _Gesta Frider._, lib. I, cap. 63.

[205] Si vegga il capitolo precedente, pag. 421 di questo volume.

[206] Si confrontino: Niceta Coniate e Cinnamo, presso il Caruso,
_Bibl. sicula_, pag. 1159, segg. 1174 segg.; Ottone di Frisingen, op.
cit., lib. I, cap. 33; _Continuazione della Cronica di Sigeberto_,
presso Pertz, _Scriptores_, VI, 453, 454 (anni 1147 a 1149); _Cronica
della Cava_, anno 1147, presso Pertz, _Scriptores_, III, 192; Romualdo
Salernitano e Dandolo, presso Muratori, _Rer. Italic._, VII, 191; XII,
282 segg.

Di cotesti scrittori i bizantini e Ottone non portan data. Gli altri
pongono i fatti nel 1147. Io credo incominciate le ostilità nel mese
di settembre, perchè i due scrittori bizantini le fanno coincidere col
passaggio de’ Crociati; e Niceta aggiugne che allora in Costantinopoli
si sospettò un accordo tra’ Siciliani e i Tedeschi. Or noi sappiamo
da Ottone, op. cit., lib. I, cap. 45, che questi ultimi si trovarono
presso Costantinopoli nel mese di settembre. La critica del Muratori e
del Le Beau, i quali ho citati nel capitolo precedente, pag. 413, nota
2, accerta del resto le date delle due imprese dell’armata siciliana
in Levante, quella cioè del 1147, segnalata per la occupazione di Corfù
e le scorrerie nel golfo di Corinto e quella condotta dal 1149 in poi,
più gloriosa quantunque men felice. Credo sia da riferire alla prima il
guasto dato a Modone del quale il Brompton, nell’_Historiae Anglicanae
Scriptores_, tomo I, pag. 1218.

Quanto alla prigionia e liberazione di Lodovico VIII, si vegga il
Muratori, _Annali_, 1149, e il Di Blasi, _Storia di Sicilia_, lib.
VIII, cap. xxj. Si aggiunga la testimonianza del continuatore di
Sigeberto, loc. cit., e la epistola di Lodovico VII a Guglielmo
il Buono, data del 1169, pubblicata il 1839, nella _Collection de
Documents inédits sur l’Histoire de France_, tomo I, pag. 3. Non so
come l’erudito editore, Champollion-Figeac, seguendo i pregiudizii di
molti compilatori francesi, abbia allegate le parole di Lodovico per
oppugnare l’opinione del Muratori, che anzi me ne pare confermata.

[207] _Considerazioni_, lib. II, cap. ij, alla nota 34.

[208] Confrontinsi: Ibn-el-Athîr, anno 548, e Ibn-Khaldûn, testo, nella
_Bibl. ar. sicula_, pag. 299, 300, 503, e Romualdo Salernitano, presso
Muratori, _Rerum Italic._, VII, 194, 195, e presso Pertz, _Scriptores_,
XIX, 426.

Il dottor Arndt, editore di Romualdo nella raccolta del Pertz, ha
eliminato dalla cronica il presente capitolo, non trovandolo nel testo
del codice vaticano. Ei confessa, per altro, non saper conghietturare
l’origine di questa interpolazione; mentre di tutte le altre l’ha
ritrovata o supposta con fondamento. E che il capitolo sia stato
aggiunto dopo il primo dettato del cronista, ognun lo vede leggendo
la fine di quello che precede nella edizione del Muratori e il
principio di quel che segue, tra i quali due luoghi non si può supporre
interruzione. Ciò mal si scorge nella edizione del Pertz, poichè
il dott. Arndt, non badando alla data dell’impresa di Bona, riferì
il capitolo al tempo di quelle d’Affrica, notate tutte insieme, per
un’altra inavvertenza, con l’anno 1146. Il capitolo a me pare estratto
dalla originale sentenza della corte de’ Pari, e però non oserei dir
che non l’avesse inserito lì lo stesso arcivescovo di Salerno; ancorchè
di certo non vi si scorga il suo stile, nè la tiepidezza religiosa
d’un uom di Stato par suo, il quale nelle gare della corte di Palermo
pendè pur troppo a parte musulmana. Ma cosifatti ostacoli vengon meno
ove si consideri che l’autore avrebbe copiata qui una sentenza, dove
l’ampollosità delle parole corrisponde all’atrocità del fatto. Che che
sia, opera di Romualdo o di altro statista contemporaneo, o foss’anco
più moderno che avesse avuta alle mani la sentenza, il ricordo è da
tenere genuino e preziosissimo, trapelandone perfino i dubbii che
correano su l’ortodossia del re.

[209] Romualdo Salernitano, presso Muratori, vol. citato, pag. 193, 194.

[210] Si riscontri Romualdo Salernitano, presso Muratori, _Rer.
Italic._, VII, 196, e l’obituario di Monte Cassino, pubblicato dal
Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 523.

[211] Non occorre ch’io replichi i titoli delle sorgenti cristiane
citate in questo capitolo e nel precedente. Le sorgenti musulmane
contemporanee, sono Edrîsi ed un cronista seguito da’ compilatori i
quali io nomino nel testo. Forse egli è quell’Ibn-Sceddâd, di cui feci
parola nella Introduzione, vol. I, pag. xxxviij, N. VII. Edrîsi dice
di re Ruggiero in due luoghi della Prefazione della sua geografia, i
quali si leggono nella _Bibl. ar. sicula_, testo, pag. 15, 16. Gli
squarci de’ compilatori si trovano nella stessa mia raccolta, cioè
Ibn-el-Athîr, a pag. 278, 279, 300; Scehâb-ed-dîn Omari, a pag. 152;
Abulfeda, pag. 114; Nowairi, pag. 448; Ibn-Khaldûn, pag. 498, 503;
Ibn-Abi-Dinâr, pag. 534; Sefedi, pag. 657, 658.

[212] Presso Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 410.

[213] Letteralmente: “e i sonni suoi (eran come le) veglie della
gente.” Nella _Bibl. ar. sicula_, testo pag. 16.

[214] Romualdo Salernitano, Falcando, ec.

[215] Alessandro di Telese, lib. IV, presso Caruso, op. cit., pag. 294.

[216] Alessandro di Telese; Pietro il Venerabile, nelle epistole che
abbiam citate in questo capitolo.

[217] Nella _Bibl. ar. sicula_, testo, pag. 15.

[218] Op. cit., pag. 27. Ho tradotto _regoli_ il plurale _Molûk_, che
propriamente significa re. Gli Arabi dell’XI e XII secolo lo dissero
anco dei grandi baroni cristiani, ed inoltre fu titolo dato a grandi
personaggi musulmani che non vantavan punto diritti di sovranità.

[219] Falcando, l’Abate di Telese e tutti gli altri contemporanei.

[220] Falcando, presso il Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 410.

[221] Ibn-el-Athîr, anno 484, nella _Bibl. ar. sicula_, testo, pag. 278.

[222] Alessandro di Telese, lib. I, presso Caruso, op. cit., pag. 266.

[223] Gregorio, _Considerazioni_, lib. II, cap. ij.

Il Wenrich, _Rerum ab Arabibus_, etc., pag. 309, scorge in questo
titolo il _wâli_ arabico. Non è mestieri ch’io ricorra alle leggi
di permutazione per provare l’error di cotesta etimologia. La voce
Βαίουλος e _bajulus_ è usata dagli scrittori greci e latini molto
innanzi l’XI secolo; tra gli altri da Ammiano Marcellino. Veggasi il
Ducange, Glossario latino. Io feci già questa osservazione nel _Journal
Asiatique_ del marzo 1846, pag. 230, nelle note a Ibn-Giobair.

[224] Gregorio, loc. cit. Su la circoscrizione provinciale si vegga il
nostro libro V, cap. X, pag. 313, 314 del presente volume.

[225] Quantunque l’ufizio della corte suprema di giustizia preseduta
dall’imperatore, fosse di dettar secondo i casi novelle norme di
diritto, essa pure giudicava cause speciali. Si vegga Mortreuil,
_Histoire du droit byzantin_, tomo III, pag. 83, 84.

[226] Si vegga il nostro libro III, cap. primo, pag. 7, 8 del 2º vol.

[227] Ibn-el-Athîr, nell’anno 484, testo, nella _Bibl. ar. sicula_,
pag. 278, è il più antico che noi conosciamo de’ copisti di quella
tradizione. Il Gregorio la cavò, come ognun sa, dal Nowairi, _Rerum
Arabicarum_, pag. 26, e _Considerazioni_, lib. II, cap. ij, nota 30.

[228] _Considerazioni_, cap. cit.

[229] Qui innanzi a pag. 437.

[230] Nelle Costituzioni del Regno di Sicilia, promulgate da
Federigo II imperatore, alcune leggi portano il nome di re Ruggiero;
ma non è indizio certo. Si vegga a questo proposito il Gregorio,
_Considerazioni_, lib. II, cap. viij.

Son usciti alla luce, in questi ultimi tempi, i frammenti delle Assise
dei re di Sicilia (Hall, 1856, in 4^to) che il Merkel trovò in un
codice vaticano; i quali sono stati riferiti da alcuno a re Ruggiero,
da altri a Guglielmo II. Si vegga la _Storia della Sicilia sotto
Guglielmo il Buono_, per Isidoro la Lumia; la critica di Otto Hartwig,
nell’Archivio storico del Sybel, band xx, e la risposta del La Lumia
nella _Rivista Sicula_ di febbraio 1869 (Palermo, 1869). Quanto a
me, il preambolo di que’ frammenti mi conduce più tosto a riferirli a
Guglielmo I, alla quale opinione pendeva il Merkel.

[231] Gregorio, _Considerazioni_, lib. Il, cap. ij.

[232] Si vegga il cap. I del presente libro, pag. 351 segg. del volume.

[233] Libro V, cap. ix e lib. VI, cap. primo, pag. 262. seg. e 365 di
questo volume.

[234] Pag. 443, 444. Si noti che il Gregorio, non comprendendo coteste
denominazioni, ch’ei trovava nel Nowairi e che M^r. Caussin avea
saltate per la stessa cagione nella traduzione francese, suppose che le
fossero predicati dei principi Musulmani presi ad esempio da Ruggiero;
onde tradusse come gli parve “comitate, benevolentia et patrociniis
insignium,” _Rer. Arabic._, pag. 26.

[235] Ne fa parola Ibn-Giobair, testo arabico del Wright, pag. 328 e
nella _Bibl. ar. sicula_, pag. 83. Ho data la traduzione francese di
questo squarcio nel _Journal Asiatique_ di dicembre 1845, pag. 539, e
l’italiana nell’_Archivio Storico_, Appendice N. 16 (1847), pag. 26.

L’_hâgib_, primo servitore a corte degli Abbasidi, fu primo ministro
degli Omeiadi di Spagna; fu primo dopo il _nâib_ appo i Sultani di
Egitto e via dicendo; poichè l’autorità degli ufiziali così chiamati
variò di molto secondo le dinastie e i tempi. Ne tratta Ibn-Khaldûn,
nei _Prolegomeni_ (testo di Parigi, parte II, pag. 14, e traduz.
francese, pag. 17); De Sacy nella _Chrestomathie arabe_, tomo II, pag.
157, 159; Gayangos nella versione di Makkari, _Mohammedan dynasties in
Spain_, tomo I, pag. 102, seg. 397 e XXIX.

[236] Significa literalmente chi sta allato. Si dice anco de’
cavalli di ricambio, menati a guinzaglio. Risponderebbero i _giânib_,
per avventura, ai protospatarii della corte bizantina. Un Niccolò
protonotaro, camerlingo e protospatario, è citato in un diploma greco
di Ruggiero il vecchio, dato del 1090, ch’è trascritto in uno di
Ruggiero, secondo conte, dato del 1147, presso Spata, _Pergamene_, pag.
247.

[237] Altrimenti detti _selâhdâr_, ossia “porta armatura,” dall’arabico
_selâh_ armi e dal persiano _dâr_, portatore. Si vegga Quatremère,
nella versione di Makrizi, _Sultans Mamlouks_, tomo I, parte I, pag.
159.

[238] Il testo ha _giandâr_, voce composta di due, persiane entrambe,
che significherebbe carnefice, o, per eufemismo, littore. Si vegga
del resto una nota del Sacy, op. cit., tomo II, pag. 178, 179, e
Ibn-Khaldûn, loc. cit.

_Giamdâr_, con una _m_, composta dello stesso vocabolo _dâr_ e di
_giameh_ anche persiano, suona tenitore degli abiti, come dice il
Quatremère, op. cit., tomo I, parte I, pag. 11. Può darsi che, col noto
scambio di consonanti, sia stato usato il primo di questi vocaboli per
indicare i vestiarii.

[239] Al Cairo e in Oriente era il _dewadâr_ “porta-calamaio” ossia
primo segretario; l’_ostadâr_, “maggiordomo;” il _tabardâr_ “porta
scure;” il _giukandâr_, “porta-racchetta” pel gioco della palla a
cavallo, ec. Si vegga la citata opera del Sacy, II, 178, 179, 268, 269
e la citata del Quatremère, I, I, pag. 25 segg, 121 segg.

[240] Il diploma del 1167, che abbiano citato nel lib V, cap. ix, pag.
263. In nota, ha la soscrizione di un _Gaytus Maranus, domini regis
magister et familiaris_.

Il Gregorio, _Considerazioni_, lib. II, cap. ij, non cita documenti
del tempo di Ruggiero pel gran siniscalco; nè trovonne il laborioso Di
Biasi, il quale scrisse lungamente de’ grandi ufizi della corona. Si
vegga la sua _Storia di Sicilia_, libro VI, capo xxiij, articolo 3º. Ma
il primo conte Ruggiero ebbe un siniscalco.

[241] De’ capitani degli arcieri sono soscritti nel diploma del 1172,
che abbiam citato nel libro V, cap. ix, pag 262, nota 3. Un capitano
de’ Negri della corte è nominato, con parecchi altri ufiziali, da
Ibn-Giobair nello squarcio che citammo poc’anzi.

[242] Diploma del 1172 citato nella nota precedente.

[243] Ibn-Giobair, loc. cit. e propriamente a pag. 539. del _Journ.
Asiat._ di dicembre 1845, ed a pag. 26 della Appendice dell’_Archivio
storico italiano_.

[244] Si vegga il Sacy, _Chréstomathie arabe_, tomo II, pag. 287, 305.
Noi abbiam fatto cenno di questa divisa nel libro IV, cap. i ed viij,
pag. 240 e 356 del 2º volume.

[245] Capitolo ij del presente libro, pag. 411.

[246] L’ultima e più splendida pubblicazione di questo pallio, che
chiamavasi di Nuremberg dal luogo dove fu tenuto infino al XVIII
secolo, è stata fatta dall’abate Bock nell’opera intitolata: _Die
Kleinodien des heil. röm. Reichs_, Vienna, 1864.

In vece di questo libro, ch’è rarissimo per cagion del prezzo, citerò
il Gregorio, _Rerum Arabicarum_, pag. 172, il quale die’ il disegno
della iscrizione e il Reinaud che rifece, correggendola alquanto, la
trascrizione e traduzione, nel _Journal Asiatique_ di aprile 1846, pag.
583.

[247] Si vegga qui sopra la pag. 434.

[248] Ibn-Giobair, testo, ediz. del Wright, pag. 325 e _Bibl. ar.
sicula_, pag. 84. Io ne detti la traduzione francese nel _Journ.
Asiat._ di dic. 1845, pag. 541, e l’italiana nell’_Archivio storico_,
Appendice cit., pag. 27. Si confronti il nostro Libro IV, cap. xiij,
pag. 448 del 2º vol.

[249] Ibn-Hammâd, nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 317.

[250] Diploma greco-arabico della Cappella palatina di Palermo, dato
del 6651 (1143) e soscritto da Giorgio d’Antiochia. Il Morso che
lo pubblicò nel _Palermo antico_, pag. 302 e il Caruso che aiutò il
Garofalo a ristamparlo nel _Tabularium_ della stessa Cappella, pag. 13,
lesser male le due ultime parole; e però tradussero _Laus Deo, excelso,
magno_. Correggo su l’originale ch’io riscontrai nell’ottobre 1860.

La diplomatica e la storia ci hanno serbati gli _’alâma_ di
molti principi musulmani. Si vegga a questo proposito Reinaud,
_Monuments,.... du Musée Blacas_, tomo I, pag. 109, e _Documents
inédits sur l’Histoire de France_, Mélanges, tomo II, p. 52;
Ibn-Khaldoun, _Histoire des Berbères_, versione del baron de Slane,
tomo I, pag 27, 31, 42; II, 92, 197, 356; Tigiani, nel _Journ.
Asiatique_ di agosto e settembre 1852, pag. 163; il _Kartâs_, ediz.
del Tornberg, pag. 190, 202, della traduzione latina, ec. Io ho dato un
altro _’alâma_ nelle note a Ibn-Giobair, _Journal Asiatique_ di marzo
1846, pag. 214, e dettone anco ne’ _Diplomi arabi di Firenze_, pag.
lxviij e ne’ luoghi quivi citati in nota.

[251] Diplomi arabo-greci della Chiesa di Catania, dati di settembre e
marzo 6653, de’ quali ho avuta copia per cortesia del prof. Cusa.

[252] Sangiorgio Spinelli, _Monete Cufiche_, pag. 41, 43, 47, N.
clxxxij, cc, ccxxvij, e molte altre. Ve n’ha anco nelle raccolte di
Adler, Pietrazewschi, Castiglioni, Marsden; e molte ne ho viste inedite
nel Gabinetto di Parigi. Si confronti Mortillaro, _Opere_, tomo III,
pag. 406 a 410, dove nella moneta inedita, N. cij, a pag. 408, è
sbagliato al certo il titolo di Ruggiero dal principio alla fine.

[253] Sangiorgio, op. cit., pag. 47, 48, N. ccxxviij e ccxxix.

[254] _El Moktader bi-kodratih._ Il titolo di Moktader fu portato da un
califo abbasida, da un principe di Saragozza, ec.

[255] Edrîsi, testo, nella _Bibl. ar. sicula_, pag. 15. Ho aggiunta
tra parentesi, innanzi _imâm di Roma_, la voce _sostegno_, che fu
evidentemente dimenticata dal copista. La si trova in un titolo analogo
di Guglielmo II, nel diploma arabico della cattedrale di Palermo dato
il 6677 (1169) ed è replicata in un diploma della Chiesa di Morreale
del 6686 (1178) e 6691 (1183) l’ultimo de’ quali fu pubblicato da M.
Des Vergers, nel _Journ. Asiat._ di ottobre 1845, e de’ primi due ho
avute copie dal prof. Cusa lodato di sopra.

[256] Nella _Bibl. arabo-sicula_, testo pag. 584.

[257] Ρογέριος ἐν χριζῶ τῶ θεῶ εὐσεβὴς κραταιὸς ρὶξ καὶ Χριζιανῶν
βοηθὸς, soscrizione dello splendido diploma della Cappella palatina di
Palermo, pubblicato dal Monfaucon e ristampato nel Tabulario di essa
Cappella, pag. 10 e altrove. La stessa soscrizione si legge ne’ diplomi
pubblicati dallo Spata, _Pergamene greche_, pag. 224, 430, (veggasi a
pag. 411, il titolo di Conte di Calabria e di Sicilia e difensore de’
Cristiani, in un diploma del 1133); in que’ del Trinchera, _Syllabus
graecarum membran._, p. 138, 155, 182, (veggasi a pag. 101, un diploma
del 1115, col titolo di Conte di Calabria Sicilia e _paese italico_ e
difensore de’ Cristiani); e similmente nei diplomi arabo-greci delle
Chiese di Catania, Morreale e Cefalù del tempo di Ruggiero, dei quali
ho avute copie dal prof. Cusa. Si veggano anco i documenti citati dal
Di Blasi, _Storia di Sicilia_, lib. VII, cap. xxij.

[258] Diploma della Trinità della Cava, dato il 1130, allegato dal
Di Blasi loc. cit., ed altro del 1137, nella cronica di Falcone
Beneventano, presso Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 367. Si vegga anche
qualche altro diploma originale latino nel Pirro. Ma il gran suggello
latino del re, com’ egli è noto, avea soltanto: _Rogerius Dei gratia
rex Sicilie ducatus Apulie et principatus Capue_.

[259] Edrîsi, nella _Bibl. ar. sicula_, testo pag. 27, dice che alla
morte del malek Ruggiero figlio di Tancredi, ereditò lo stato il suo
figliuolo, il malek Ruggiero secondo.

Lasciando da parte, come ho avvertito nel lib. V, cap. x, pag. 342 e
segg. di questo volume, le monete attribuite al primo conte Ruggiero,
a Roberto Guiscardo e al duca Ruggiero figliuolo di costui, le quali,
secondo me, van tutte rivedute, v’ha non poche monete arabiche
appartenenti senza alcun dubbio a re Ruggiero, le quali si posson
supporre battute prima della coronazione. Dico quelle che hanno da una
faccia la formola musulmana e dall’altra un T rabescato, da un lato del
quale si legge _biamr_, sopra _Rogiâr_ e dall’altro lato _eth-thâni_,
ossia “per comando di Ruggiero secondo:” monete d’oro non rare, delle
quali io ho viste parecchie nel gabinetto numismatico di Parigi. La
stessa leggenda e lo stesso tipo di T un po’ svariato, si scerne nelle
figure dell’opera di Sangiorgio Spinelli, tavola V, N. 4 a 9; VI, N.
1 a 14; VII, N. 1 a 7, 24, 25, 26; XXIV, N. 20, 21; XXVII, N. 3, fino
all’ultimo e XXVIII, N. 1 a 9. Lo stesso ho letto distintamente in
tre impronte di monete del museo di Napoli mandatemi non è guari dal
Fiorelli; le quali pur ignoro se trovinsi tra quelle pubblicate del
Sangiorgio. Credo non sian punto diversi il N. cxviij del Museo Naniano
di Assemani, nè i N. lxiv, lxv, e lxvj del Borgiano di Adler. Di questo
lxv, posso poi affermarlo, avendo attentamente osservata nell’ottobre
1864 la moneta, che serbasi nel museo di Parma. In generale e’ mi
sembra che la voce _biamr_ letta _amir_ e il _thâni_. che spesso è
mutilato ed è stato interpretalo a vanvera, abbiano prodotte molte
delle erronee interpretazioni che son corse, come quella di _emîr_ o
l’altra di _en nâr_ “Normanno” che ha messa fuori il Mortillaro nel
_Medagliere arabo-siculo_, pag. 51. I principi di Sicilia che dettero
il titolo d’_amir_ ad un ministro loro, nol presero al certo per se
stessi, e molto meno egli è verosimile che abbiano storpiato così
sconciamente il nome di loro schiatta.

[260] Falcone Beneventano, presso Caruso, _Bibl. Sicula_, pag. 380.

[261] Testo nella _Bibl. ar. Sicula_, pag. 16, segg. Una parafrasi, non
sempre esatta, di questa parte della prefazione si legge nella versione
francese di M. Jaubert, tomo I, pag. xvj a xviij.

[262] _Riiâdhiiât_ e _’amaliiât_. Secondo i bibliografi arabi,
la prima di coteste classi conteneva l’aritmetica, la geometria,
l’astronomia e la musica; la seconda la morale, l’economia domestica,
l’amministrazione pubblica, i doveri dei re e de’ ministri e l’arte
della guerra. M. Jaubert, pag. xviij, tradusse questa seconda classe
_littérature_, sbaglio sì grosso che parmi da attribuirlo a lezione
erronea del Mss.

[263] _Defêtir_, sul qual vocabolo si vegga il nostro libro V, cap. x,
pag. 324 del presente volume.

Questa voce insolita, e non usata qui per necessità della rima, mi fa
pensar che l’autore abbia voluto anco accennare alle carte geografiche.
E però ho tradotto servilmente “pergamene” anzi che “registri” ovvero,
più genericamente “scritti.”

[264] Il significato litterale sarebbe che i chiamati eran tutti
sudditi di Ruggiero e che lor si domandavano le notizie de’ proprii
paesi. Ma evidentemente si tratta di viaggiatori qualunque, o per lo
meno d’Italiani, e di relazioni su tutte le regioni ch’e’ conoscessero.
Edrîsi che scrivea pel mondo musulmano, affigurava Ruggiero come re di
tutta Italia, anzi come una specie d’imperatore di Occidente.

Ho tradotta genericamente “ministro” la voce _wasitah_ che significa
propriamente “intermediario” e che M. Jaubert rese _interprète_. Ma nè
i dizionarii, nè il fatto speciale, nè l’uso degli scrittori moderni
confermano questo arbitrio di versione. Un passo di Makrizi e una nota
di M. De Sacy (_Chrestomathie Arabe_, tomo I, p. 94 e 126) provano
che sotto i Fatemiti d’Egitto il _wasitah_ era segretario di Stato e
che talvolta fu chiamato così il primo ministro. In ogni modo, qui si
tratta manifestamente d’un direttore di statistica nella segreteria del
re; se pure Edrîsi non era egli stesso il _wasitah_, e non usò a bello
studio questo vocabolo che non rispondeva ad alcun ufizio costituito.

[265] Letteralmente “le lunghezze delle distanze e le larghezze di
esse;” ossia le distanze in dirittura dei meridiani e de’ paralelli.
E in vero, i pratici de’ luoghi non poteano dar che le distanze
secondo le vie conosciute e la direzione delle stesse vie secondo
la rosa de’ venti; e questo appunto è ciò che noi troviamo nella
geografia di Edrîsi; ma i gradi di longitudine e latitudine, si
doveano domandare agli astronomi antichi o a’ viventi. Montava poi di
verificare reciprocamente le tavole di longitudine e latitudine e le
distanze riferite da’ pratici: e questo è appunto ciò che Edrîsi dice
essere stato praticato quando il re fece riportare col compasso quelle
distanze sopra un planisfero graduato, e ricercare da qual parte fosse
l’errore, nel caso di discrepanza tra le tavole e gli itinerarii.
Pertanto non mi sembra precisa la traduzione francese, pag. xx:
“Ensuite il voulut savoir d’une manière positive les longitudes, les
latitudes” etc.

[266] “Planche à dessinner” mi pare espressione troppo vaga. Il testo
ha “tavola del _tarsîm_, o, diremmo noi dell’abozzo, dello schizzo o
simili.” Come ognun vede, non si trattava di un foglio _da disegno_,
ma di un foglio già delineato, una mappa, sia che fosse graduata
soltanto per costruirvi le figure geografiche, sia che vi fosser anco
delineati i contorni e segnati i punti principali, per verificarli,
confrontandoli con le distanze itinerarie.

[267] _Mofassel_ significa propriamente diviso in pezzi, o composto di
varii pezzi. Però mi discosto dall’opinione del mio dotto maestro Mr.
Reinaud, che credea meramente diviso in gradi il disco d’argento, nel
quale doveasi incidere il planisfero. Edrîsi stesso dà alla seconda
forma del verbo _fazel_ il significato di tagliare, adoperandola
nel descrivere il lavorio del corallo a Ceuta (Dozy et de Goeje,
_Description de l’Afrique_, etc., par _Edrîsi_, pag. 168 del testo,
201 della versione). D’altronde il planisfero d’un pezzo d’argento che
pesava 150 chilogrammi ed avea per diametro poco men che due metri, non
sarebbe stato punto maneggevole.

[268] Il peso chiamato _dirhem_, variò e varia tuttavia ne’ paesi
musulmani: la media tra i _dirhem_ odierni di Egitto, Aleppo, Algeri,
torna, evitando le frazioni troppo minute, a grammi 3,35; moltiplicato
il qual numero per 112, si avrebbe il _rotl rumi_, ossia libbra
italiana, poco oltre i grammi 375, cioè 13 grammi più della libbra di
Bologna e 26 più di quella di Roma e Firenze: e il peso del planisfero
monterebbe a 150 chilogrammi. Supponendolo grosso cinque millimetri e
ritenendo la qualità di argento data da Edrîsi, il diametro tornerebbe
a metro 1,90, secondo il calcolo che ha fatto a mia richiesta l’amico
senatore Brioschi.

[269] Credo risponda precisamente a questo, nel presente luogo, la
voce _Khalk_ del testo, “creazione” e cose create in generale, e “cosa
ordinata, disposta ec.,” in particolare; sì che talvolta si ristringe
agli esseri ragionevoli, secondo le idee musulmane, cioè gli uomini e i
_ginn_.

[270] La prefazione si legge intera ne’ codici ch’io ho designati
con le lettere A. C. (Introduzione, vol. I, pag. xliv, e _Bibl.
arabo-sicula_, testo, pagina 14, nota 1) e ne avanzano pochi righi nel
D. Traduco ora le tre lezioni:

A. “.... il vestire, la lingua. E ho dato a questo (libro) il titolo
di _Nozhat_, ec. Esso è stato messo insieme, coordinato, licenziato e
connesso (rilegato?) verso lo scorcio di scewâl del 548. Comincio or a
trattar, la prima cosa, della figura della Terra, ec.”

C. “.... il vestire, la lingua; e (continua a reggere comandò il re)
che fosse posto a questo libro il titolo di _Nozhat_, ec. Ed ecco
che io ubbidisco a così fatto comando, e compio questa prescrizione,
cominciando la prima cosa, a trattar della figura della Terra, ec.”

D. Vi manca, coi primi fogli tutta la prefazione innanzi la voce
“questo” della quale si scerne qualche vestigio, e segue _“K « t »
b_ (il titolo) di _kitâb_ (libro) del _Nozhat_, ec. E ciò è stato
ne’ primi dieci (giorni) di ianîr, corrispondente al mese di scewâl,
dell’anno 548. Ed ecco ch’io ubbidisco a così fatto comando e compio
questa prescrizione, cominciando, la prima cosa, a trattar della figura
della Terra, ec.”

Riman qui a spiegare il vocabolo arabico che ho notato con le sole tre
lettere della radice, mancandovi le vocali; il quale per omissione se
mia o del tipografo non so, fu saltato nel testo della _Biblioteca_,
linea 10 della pag. 19. Non potendo suppor cotesto vocabolo scritto
erroneamente, in sì bel codice e in luogo sì cospicuo del testo, invece
di _Kitâb_ (libro), la qual voce viene immediatamente dopo, mi par sia
da leggere _Katb_, “scritto” onde il passo intero tornerebbe “ed (ha
comandato il re) che si desse a questo scritto il titolo di libro del
_Nozhat_, ec.”

Or ognun vede che i codici D e C appartengono a ramo diverso dal codice
A; che il più vicino al ceppo, per continuare la mia similitudine, è
D dove si legge il mese di gennaio; che questo vocabolo non arabico e
però mal compreso fu soppresso dal copista di C; e che il copista di
A seguì un testo diverso, dato fuori com’egli è verosimile, quando il
compilatore, fuggito ne’ tumulti della Sicilia, rivendicò, o si arrogò
l’invenzione del titolo. Se mai si pubblicherà il testo compiuto del
_Nozhat_, vedran più chiara i dotti la distinzione de’ tre citati
codici ed anco di quello designato con la lettera B, nel quale non si
può decifrare la prefazione. Duolmi che, confrontando i due Mss. della
Bodlejana, io non abbia potuto, incalzato sì com’era dal tempo, notare
le varianti di tutta l’opera o almeno di più lunghi squarci. Il mese di
scewâl 548 corre dal 20 dicembre 1153 al 17 gennaio 1154.

[271] Il più importante lavoro scientifico che abbia trattato di questa
geografia, quello cioè del Lelewel, _Géographie du moyen-âge_, tomo
I, pag. 92 a 107, §§ 54 a 64, vi ammette l’influenza delle dottrine
geografiche dell’Occidente e la partecipazione diretta di Ruggiero.

[272] Gli Arabi del medio evo chiamavan così il tratto della costiera
settentrionale d’Affrica che corre da Tunis a Capo Spartel.

[273] Non credo che Sefedi abbia confusa la sfera armillare, da lui per
altro descritta precisamente, col planisfero di che dice Edrîsi nella
prefazione. Secondo il biografo, il re mandò a Edrîsi, per costruire
la sfera, dei pezzi di argento del peso di 400,000 dirhem; del qual
metallo fu adoperata una terza parte e due terzi avanzarono. Ruggiero
ne fece dono a Edrîsi; aggiunse altri centomila dirhem e poi una nave
carica di merci latine preziosissime proveniente da Barcellona.

[274] Testo nella _Bibl. ar. sicula_, pag. 657, 658. Si trova una buona
traduzione francese di questo squarcio, nell’opera di M^r. Reinaud,
_Géographie d’Aboulféda_, tomo I, Introduzione, pag. cxlv e cxv.

[275] Scehâb-ed-dîn-Omari, grande erudito del XIV secolo, ricordando
il Nozhat come il miglior trattato di geografia ch’ei conoscesse,
loda Ruggiero di profonda dottrina in filosofia antica e in geometria
e dell’avere speso molto tempo e danaro nella compilazione di quella
grande opera. Nella _Bibl. arabo-sicula_, testo, pag. 152.

[276] Presso Muratori, _Rer. Italic._, tomo XII, pag. 283.

[277] Conferma l’accusa Goffredo da Viterbo (presso Caruso, _Bibl.
sicula_, pag. 947) dicendo: «Rogerius Paganus erat de more vocatus.»

[278] Annali, an. 539, testo nella _Bibl. ar. sicula_, pag. 288 e nella
edizione del Tornberg, tomo XI, pag. 66. Si vegga anco la traduzione
francese di M^r. Reinaud, negli _Extraits des auteurs arabes, etc.,
rélatifs aux Croisades_, pag. 77.

[279] Lascio come superflue le citazioni, fuorchè per questa briga con
l’Egitto. Si guardi ciò che io n’ho detto nel cap. II, del presente
libro, pag. 426, e i cenni che pria n’avea dati nei _Diplomi arabi del
reale Archivio fiorentino_, Introduzione, § XXX, diplomi II, III, IV
e V della seconda serie e note ai medesimi, dalla pag. 452 alla 458,
intorno le relazioni di Pisa con l’Egitto in questo tempo.

[280] Ibn-el-Athir, anno 547, nella _Bibl. ar. sicula_, testo, pag. 300.

[281] Limitando le citazioni com’ho fatto di sopra, le darò per
questa battaglia di Negroponto, le cui circostanze non sono state ben
determinate fin qui. Ne fanno parola Niceta Choniate e il Cinnamo,
presso Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 1163, 1176; la Continuazione
di Sigeberto da Gembloux e Romualdo Salernitano, presso Pertz,
_Scriptores_, VI, 455 e XIX, 429; e il Marangone, nell’_Archivio
Storico italiano_, tom. VI, parte II, pag. 18. I Bizantini, al solito,
trascuran la data; Romualdo non la dà precisa; la Continuazione di
Sigeberto (che il Caruso, op. cit., pag. 951, attribuisce a Roberto del
Monte) la segna con l’anno 1154 e aggiugne una circostanza riferita
altresì dal Cinnamo, cioè che l’armata siciliana ritornava appunto
dall’Egitto, carica di preda. Or come noi sappiamo dal Makrizi la
scorreria d’Egitto dell’agosto 1155, così parrebbe a prima vista che
star si dovesse alla data della Continuazione, differendola bensì d’un
anno. Ma il Marangone, il quale pon la battaglia nel 1158 pisano, dà su
la guerra di Guglielmo I nell’Adriatico e su questa di Negroponto tanti
e sì precisi particolari, da mostrar che in quel tempo i Pisani teneano
ben gli occhi aperti su i movimenti del navilio siciliano. D’altronde
tutte le narrazioni portano a credere che la battaglia di Negroponto
sia succeduta, non al principio ma allo scorcio della guerra.

Ritengo io pertanto, col Marangone, la data del 1157 comune. Quella
coincidenza con le depredazioni in Egitto si spiega benissimo
ammettendo due o più scorrerie dell’armata siciliana, delle quali i
cronisti d’Egitto avessero notata una sola, la più strepitosa. E così
anche si spiegherebbe l’error di data della Continuazione, il cui
autore avrebbe per avventura risaputa la grande scorreria d’Egitto
del 1151 o 1155 e la gran vittoria navale sopra i Greci al ritorno
dall’Egitto, onde avrebbe creduta identica la data.

[282] Makrizi, _Mowa’iz_, testo di Bulak, tomo I, pag. 214. Oltre la
data dell’anno e del mese, il compilatore dice ch’era califo Fâiz e
vizir Telai’-ibn-Ruzaik, del quale si sa essere entrato in ufizio il 1º
giugno 1154. Si vegga anco la Continuazione di Sigeberto testè citata,
la quale sembra molto bene informata degli avvenimenti dell’Egitto
in questo tempo. Infine il dispaccio di quel vizir ai Pisani, che si
legge ne’ _Diplomi del regio Archivio fiorentino_, nº V, della seconda
serie, pag. 253, il quale pare dell’anno 1156, dice espressamente della
recente scorreria de’ Siciliani in Tennis.

[283] Continuazione di Sigeberto, l. c. Masmudi eran detti gli Almohadi
dal nome della tribù che tenne l’egemonia di quella setta religiosa.
Gli assalitori eran dicerto pirati spagnuoli o della costiera d’Affrica
a ponente di Bugia.

[284] _Gesta Friderici_, lib. II, cap. 22.

[285] Cap. ij di questo libro, pag. 419, 420. Il dotto baron De Slane,
nella versione d’Ibn-Khaldûn, _Hist. des Berbères_, Appendice del vol.
II, 587, ha letto Ghariani, dopo aver seguita nelle pag. 37-38 dello
stesso volume la lezione Feryani. Non ostante l’autorità di un erudito
di tanto nome, parmi stare alla lezione _Foriâni_ ch’è nei Mss. citati,
raddoppiandovi la seconda radicale, come si legge nel _Lobb-el-Lobâb_,
parte I, pag. 196 e nel _Merasid-el-Ittila’_. Quel nome etnico si
riferisce a Forriana, villaggio presso Sfax.

[286] Non aggiungo una parola del mio in tutto questo racconto.

[287] Si confrontino: Ibn-el-Athîr, anno 551; Tigiani e Ibn-Khaldûn,
nella _Bibl. ar. sicula_, testo, pag. 300 segg., 381 segg., 490, 503,
504.

[288] Ibn-el-Athîr, l. c. Si ricordi ciò che abbiam detto nel cap. ij
di questo libro, pag. 425, 426 del volume, intorno le condizioni in cui
fu lasciata l’isola delle Gerbe il 1153.

[289] Si vegga il cap. ij del presente libro, pag. 409 del volume.

[290] Si confrontino Tigiani e Ibn-Khaldûn, nella _Bibl. ar. sicula_,
testo pag. 389, 489, 504. Ibn-el-Athîr, l. c., fa menzione della
ribellione di Tripoli, senza data, nè altri particolari; se non ch’ei
la dice seguita dopo quella di Sfax e pria che quella di Kabes.

Ibn-Khaldûn scrive che que’ di Tripoli dando addosso a’ Cristiani “li
bruciarono col fuoco.” Credo sia stato qualche stratagemma come quel
delle funi e travi apparecchiate al chiaro della luna, piuttosto che un
_auto da fe_ dei prigioni. I costumi de’ Musulmani non portavano queste
crudeltà.

[291] Ibn-el-Athîr, l. c. Ibn-Khaldûn nella citata pag. 504.

[292] Ibn-el-Athîr, l. c., e pag. 304. Questo capitolo degli annali,
ancorchè posto nel 551, contiene fatti posteriori, come quello di
Tripoli, di cui altri scrittori segnan la data precisa.

[293] Ibn-el-Athîr, cap. cit, pag. 301.

[294] Si confrontino: Ibn-el-Athîr, l. c.; Ibn-Khaldûn, testo nella
_Bibl. ar. sicula_, pag. 504 e il _Baiân_ nella stessa raccolta,
pag. 374, il quale porta soltanto le date della sollevazione contro i
Cristiani in Mehdia e della ricuperazione di Zawila, le quali mancano
nel racconto d’Ibn-el-Athîr. Questi narra la sollevazione di Zawila
innanzi il supplizio del Forriâni; ma non è verosimile che Guglielmo
abbia differita quella vendetta per un anno e qualche mese.

[295] Presso Caruso, Bibl. sicula, pag. 951, con l’anno 1158 e presso
Pertz, _Scriptores_, VI, 506, con l’anno 1157. Nella prima di coteste
edizioni il nome dell’isola di cui si suppone capitale Sibilla (Zawila)
è scritto Gerx; nella seconda Gerp, la quale lezione credo sia stata
preferita come vicina a Gerbe, della qual isola parve al dotto editore
si trattasse. Io credo che per isola si debba qui intendere penisola
(gli Arabi hanno un sol vocabolo per l’una e per l’altra), e che sia
da preferire la lezione Gerx, come quella che più si avvicina a Scerik,
nome della penisola che separa i golfi di Tunis e di Hammamet, la quale
oggi si chiama El-Dakhel, ma gli Arabi del medio evo or la dissero di
_Scerik_, da un nome proprio d’uomo, or di _Bâsciu _(Basso?) nome della
città principale. Non è verosimile che i Siciliani avessero ripigliata
allora cotesta penisola, ma pare che Mehdia o Zawila fosse considerata
allora come capitale di un piccolo stato che prendesse il nome dalla
penisola vicina. A me par certo che sendo padroni di Mehdia e di Susa,
i Siciliani lo fosser anco di una parte della costiera, e in ispecie
della penisoletta di Monastir, appendice di Mehdia. Si vegga, su la
topografia di cotesti luoghi, l’Edrîsi nella edizione dei sigg. Dozy e
De Gœje, pag. 108, 109, del testo, e 126-8, della versione. Edrîsi dice
che i tre villaggi o castelli di Monastir erano abitati da religiosi,
come d’altronde si può supporre da quel vocabolo.

[296] In primo luogo non mi par dubbio che il re di Sicilia credesse
allor appartenere alla sua corona il diritto d’istituire sedi
vescovili, come l’esercitarono gli imperatori bizantini. Si noti la
fondazione del vescovado di Cefalù e il titolo di _Arcivescovo di
Sicilia_, dato a quel di Palermo in un diploma di re Ruggiero, presso
il Pirro, _Sicilia Sacra_, pag. 95, 96.

In secondo luogo è da ricordare che, per antica costumanza, il
metropolitano di Palermo, ricordando solennemente ogni anno i suoi
suffraganei, solea nominare tra quelli il vescovo di Tripoli d’Affrica,
su di che si vegga il Pirro, op. cit., pag. 21.

Si consideri inoltre che tra i diplomi della Cappella Palatina di
Palermo, nel Tabulario di essa, pag. 34, seg. nº XV, è l’inventario
della suppellettile della Chiesa d’Affrica, nel quale si legge che una
parte era stata fatta a spese dell’_Arcivescovo_. Mi par si alluda più
tosto a quello d’Affrica che a quel di Palermo. D’altronde il fatto di
trovarsi quell’inventario nella Cappella Palatina, può indicare che la
Chiesa d’Affrica si volesse far dipendere dal Cappellano Maggiore, o
che per lo meno la suppellettile si conservasse a cura dì questo, come
proveniente da una regia fortezza.

[297] Ibn-el-Athîr, anno 551, testo del Tornberg, vol. XI, pag. 139,
140. Si confronti il Kariâs versione del Tornberg stesso, tomo I, pag.
170 a 173; Ibn-Khaldûn, _Histoire des Berbères_, traduzione del baron
De Slane, tomo I, 254 segg. e tomo II, 173, 190 segg.

[298] Il soggiorno d’Ibn-Sceddâd in Palermo l’anno 551 dell’egira, è
attestato dal Nowairi, in un luogo del quale diè la versione francese
M. Rosseeuw de Saint-Hilaire, _Histoire d’Espagne_, tomo III (Paris,
1838). _Pièces justificatives_, nº IV, par. 511. Questo squarcio,
tradotto da M. Vincent e tolto da un Ms. arabico di Parigi che non si
cita, contiene un aneddoto dì Abd-el-Mumen che il cronista riferiva
essergli stato raccontato da un mercatante musulmano di Mehdia, ch’egli
incontrò l’anno 551 nella capitale della Sicilia.

[299] Presso Tigiani, che abbiam citato di sopra, nel cap. ij, pag.
379, in nota. L’_Holâl-el-Mausciah_ dà il nome di Abd-Allah-ibn-Meimûn.

[300] Si confrontino: Ibn-Sahib-es-Selât; Ibn-el-Athîr, anno 554;
Marrekosci; Ibn-Khaldûn, nella _Bibl. ar. sicula_, testo pag. 197,
303-304, 319, 504. Non cito il Nowairi, perch’egli qui copia di parola
in parola Ibn-el-Athîr. Cotesti scrittori non son d’accordo sul tempo
della mossa da Marocco e si comprende benissimo.

[301] Secondo alcuni cominciò l’assedio il 18 regeb (5 agosto 1159).
Secondo altri tornerebbe al 12 luglio.

[302] Marrekosci.

[303] Ibn-el-Athir, Marrekosci, ec. dicono anche figliuoli di _Molûk_,
ch’è il plurale di _Mâlik_, re; ma diceasi anco de’ grandi feudatari,
come abbiamo avuta occasione di notare. Non mi par che meriti molta
attenzione un luogo di Marrekosci, compilatore del XIII secolo, nel
quale ei chiama i soldati del presidio “compagni del Duca.”

[304] L’autore anonimo dell’_Holâl-el-Mausciah_.

[305] Gli scrittori musulmani esprimono questo fatto al rovescio, cioè,
che la galea entrava nell’arsenale bella e armata senza mettere a terra
un sol uomo

[306] Macchine da lanciar sassi, più piccole che i mangani. Il Kartas,
in vero, ch’è qui il solo che faccia menzione di macchine oltre i
mangani, le chiama _ra’ade_, cioè “tonanti,” il qual nome fu dato alle
artiglierie. A me par che l’autore, il quale visse nel XIV secolo
e non conoscea per l’appunto quando fosse stato fatto il primo uso
della polvere nelle armi da gitto, abbia sostituito di capo suo quella
nota voce ad _’arrâde_ che al suo tempo e nel suo paese potea parere
antiquata. Forse fu errore dei copisti, e in ogni modo le lettere
radicali, che son le stesse, disposte sì in altro ordine, si prestavano
all’equivoco. Nello stesso modo va spiegato un luogo d’Ibn-Khaldûn,
autore anch’egli del XIV secolo, secondo il quale le “tonanti”
sarebbero state usate in Affrica nel XIII. Si vegga su questo dubbio il
bel trattato dei sigg. Reinaud et Favé, _Du feu grégeois_, Paris, 1845,
pag. 75 segg. e si confrontino: Dozy, _Historia Abbadidarum_, II, 202
e 264 e Ibn-Batuta, _Voyages_, Paris, 1853-58, tomo III, 148, 194, 238,
396.

[307] Ibn-el-Athîr, ec.

[308] Zerkesci.

[309] Questo fatto è riferito dal solo Marrekosci.

[310] Falcando.

[311] Secondo l’_Holâl-el-Mausciah_, sarebbero state una cinquantina,
poichè il numero totale delle navi si fa montare a dugento.

[312] Ibn-Sceddâd, presso il Tigiani.

[313] Si confrontino: Ibn-Sahib-es-Selât; Ibn-el-Athir; Marrekosci;
il _Baiân_; Tigiani; il _Kartâs_; Abulfeda; Ibn-Khaldûn; Zerkesci;
Ibn-abi-Dinâr, nella _Bibl. ar. sicula_, testo, pag. 197,
303-308, 319-320, 374, 401-402, 403-404, 417, 504-506, 523, 540,
e l’_Holâl-el-Mauscîah_ ec. (il Pallio variopinto che ricorda
gli avvenimenti di Marocco) compendio anonimo, scritto l’anno 783
dell’egira (1381-2) Ms. della Bibl. imp. di Parigi. _Ancien fonds_,
825, pag. 116. Non cito il Nowairi perch’egli copia letteralmente
Ibn-el-Athir in questi capitoli. Di cotesti scrittori ho notate
alcune differenze. L’_Holâl_ inoltre attribuisce agli ambasciatori
del presidio cristiano appo Abd-el-Mumen, l’adulazione di avergli
detto ch’egli era appunto il predestinato alla monarchia universale di
che parlavano i loro libri. Del racconto di Tigiani abbiam anco una
traduzione francese di M. Alph. Rousseau, nel _Journal Asiatique_ di
febbraio 1853, pag. 209 segg. I capitoli più importanti d’Ibn-el-Athir
sono stati tradotti in francese dal baron De Slane, nella _Histoire des
Berbères_ d’Ibn-Khaldûn, tomo II, Appendice, pag. 585 segg. Similmente
i luoghi d’Ibn-Khaldûn, che abbiam citati nel presente Capitolo, si
trovano nella citata versione di M. De Slane, tomo II, pag. 38, 39,
193. Il Conde, _Dominacion de los Arabes en España_, Parte III, cap.
xliv, narra distesamente questa impresa di Mehdia, con alcuni de’
particolari notati da noi ed altri che non troviamo ne’ nostri testi.
Ma la compilazione del Conde non può tener luogo de’ testi che ci
mancano.

Degli autori cristiani son da vedere il Falcando e Romualdo
Salernitano, sì discrepanti l’un dall’altro, il primo nel Caruso,
_Bibl. sicula_, pag. 420, 421, il secondo in Muratori, _Rer. Italic._,
VI, 199, e presso Pertz, _Scriptores_, XIX, 429.

[314] Si confrontino il Falcando e Romualdo Salernitano, presso Caruso,
Bibl. sicula, pag. 412 segg., 419, 421, 865, 866.

[315] Di questa sola ragione d’economia fa parola il Falcando, op.
cit., pag. 421.

[316] Questo rimprovero l’ho aggiunto io. Pietro era forse caduto in
disgrazia o tenuto com’oggi diremmo “in disponibilità.” Ma tornò ben in
favore a capo di due anni.

[317] Falcando, op. cit., pag. 135.

[318] Si confrontino sempre Falcando e Romualdo Salernitano.

[319] Si confrontino Falcando e Romualdo Salernitano, op. cit., pag.
434 segg., ed 866.

[320] Imâd-ed-dîn, nella _Kharida_, testo nella _Bibl. ar. sicula,_
pag. 599, dice che “l’ammazzarono i Franchi di Sicilia dopo l’anno
550 (1155-6) nella carnificina ch’ei fecero dei Musulmani.” Mi
pare da riferir questo caso alla sedizion di Palermo, piuttosto che
alla proscrizione che fecero non guari dopo i Lombardi nell’interno
dell’isola.

[321] Ibn-Bescrûn, citato da Reinaud, _Géographie d’Aboulfeda_,
Introduzione, pag. CXXI. Il titolo era: _Rudh-el-Uns wa
Nozhat-en-Nofs_, ossia “Giardini dell’Umanità e diletto dell’anima.”

[322] Si confrontino sempre il Falcando e Romualdo.

[323] Falcando, op. cit., pag. 440. Ne fa cenno appena Romualdo, op.
cit., pag. 868. Si ricordi ciò che abbiam detto di Ruggiero Schiavo e
delle popolazioni lombarde nel libro V, cap. viij, pag. 222 seg., 226
segg., di questo volume.

Si noti che Butera fu sempre feudale, e che Piazza era stata tenuta,
come qui dice il Falcando, dal padre di Ruggiero Schiavo, cioè il conte
Simone, figlio di Arrigo, dei marchesi Aleramidi.

[324] Falcando, op. cit., pag. 442.

[325] Op. cit., pag. 444-445.

[326] Nei principii del regno di Guglielmo il Buono, quand’egli arbitro
dello Stato se n’era fuggito in Affrica per paura de’ baroni nemici
suoi, il Conte di Gravina lo chiamò dinanzi la regina “servum saracenum
qui stolium dudum prodiderat.” Falcando, op. cit., pag. 454.

[327] Falcando, op. cit., pag. 448.

[328] Abd-el-Mumen fu dei più grandi uomini di Stato de’ suoi tempi;
dotto anco nelle scienze filosofiche e nelle matematiche, come
il prova una sua compilazione delle vere o supposte lezioni del
Mehedi, che fondò primo la potenza almohade; la quale opera si trova
manoscritta nella Biblioteca imperiale di Parigi, _Supplément arabe_,
n. 238. Abd-el-Mumen, presa Mehdia, fece fare un catasto dell’Affrica
settentrionale, misurar la superficie in parasanghe quadrate, dedurre
un terzo pei monti, i fiumi e le paludi, e impose, in ragione della
superficie rimanente, una tassa che le tribù dovean pagare in grano o
in moneta. Ei cominciò a tramutare in Spagna i feroci Arabi d’Affrica.
Fece allestire, dicono, 700 navi; fabbricare 10,000 quintali di saette
ogni dì; scrivere 500,000 uomini, ec. Su questi preparamenti si vegga
Ibn-el-Athîr, anni 555, 558, edizione del Tornberg, tomo XI, pag. 162
segg., 191 segg. del testo; Marrekosci, testo, pag. 168; _Kartâs_,
edizione del Tornberg, testo pag. 129, 131, 132, e versione, 174, 176,
177; e Ibn-Abi-Dinâr (El-Kairouani) versione francese, pag. 196.

[329] Si confrontino: il _Baiân_, anno 558, e Tigiani, entrambi nella
_Bibl. ar. sicula_, testo, pag. 374 e 378, 379.

Il primo pone la data, dice d’uno sbarco di Rûm in generale, del
novello “caso,” com’ei lo chiama, di Mehdia e dell’occupazione di Susa;
il secondo fa menzione del governatore che avean messo gli Almohadi
a Susa dopo che s’impadronirono di Mehdia, e poi accenna alle stragi,
rapine e cattività di que’ di Susa ed a’ prigioni riportati in Sicilia
dall’armata. Indi non è dubbia la identità del fatto.

[330] Falcando non dà il nome del palagio. Il testo di Romualdo ha
_Lisam_, nelle edizioni antiche; ma quella di Pertz, _Scriptores_,
XIX, 434, dà più correttamente _Sisam_, con l’avvertenza in nota
“Hodie Cisa,” la quale lezione rende forse la pronunzia all’orecchio
di qualche straniero, ma io non l’ho mai vista in alcuna scrittura
nostrale. Al contrario, i diplomi latini del XIII e XIV secolo
ed una cronaca anch’essa del XIV, hanno _Zisa_, e _Asisia_, ed un
diploma del 1238, presso Mongitore, _Sacrae domus Mansionis_....
Monumenta, contien la concessione d’un terreno _in regione Assisii_,
al mascolino. Finalmente avverto che l’aggettivo _El-’Azîz_, anche
al mascolino, poichè si sottintende _El-Kasr_ (il palagio), occorre
in fin della iscrizione arabica della sala terrena, pubblicata dal
Morso, _Palermo Antico_, 2ª edizione, pag. 184. Ma di ciò mi propongo
di trattar più lungamente nel Cap. xj del presente libro. Notisi
intanto che la lezione Sisa, risponde precisamente alla trascrizione
del nome Abd-el-’Azîz, il quale in un diploma del 1239, nel registro
dell’imperator Federigo II, ediz. del Carcani, pag. 398, è scritto
Abdellasis.

[331] Si confrontino sempre Falcando e Romualdo, nell’op. cit., pag.
448, 449 e 870, 871. Anche nelle piccole cose si dimostra la nimistà
dell’uno e lo studio cortigiano dell’altro. Falcando, per esempio,
si compiace a notare che Guglielmo non arrivò a veder finita l’opera
della Zisa; Romualdo la fa credere compiuta, e parla più largamente
delle acque e de’ giardini di quel sito reale, de’ mosaici aggiunti da
Guglielmo nella Cappella palatina, ec.

[332] Ho corretto il giorno della morte secondo la Cronica Cassinese
e il libro mortuario dello stesso monastero, presso Caruso, op. cit.,
pag. 512 e 522.

[333] La parte presa dalle donne, secondo il Falcando, nelle esequie di
Guglielmo I, somiglia perfettamente a quella che è attribuita loro nei
funerali di Malek Salih al Cairo (1249) in un luogo d’Abu-l-Mehasin,
del quale M. Quatremère ha dato testo e traduzione nella _Histoire des
Sultans Mamlouks_, tomo I, parte II, pag. 164. Per parecchi giorni le
schiave andavano per le strade battendo i cembali, e le gentil donne le
seguian senza velo, piangendo e picchiandosi il volto.

[334] Si veggano i fatti nel Falcando, presso Caruso, _Bibl. sic._,
pag. 451 a 453.

Non mi pare inverosimile che alcuno di cotesti provvedimenti sia stato
comandato nel testamento di Guglielmo I. Almeno un passo del Falcando,
op. cit., pag. 454, prova che l’eunuco Pietro era stato emancipato nel
testamento e che fu confermata la manomissione dai reggenti.

[335] Si vegga il cap. III di questo medesimo libro, pag. 432, 433, 439
del volume.

[336] I diplomi arabi e greci di Sicilia che stamperà il prof. Cusa
di Palermo, daranno larga materia ad osservazioni di questa natura.
Intanto io voglio notare un esempio, tolto dal diploma arabico di
Morreale del 1182, del quale mandommi copia il lodato professore, e la
traduzione latina si trova nel Lello (Michele del Giudice) _Descrizione
del real Tempio.... di Morreale_, Appendice dei _Privilegii e Bolle_,
pag. 8 e segg. In questo diploma la voce _hârik_, ordinariamente
usata in Sicilia col significato di collina, è tradotta “terterum”,
voce francese latinizzata; il nome di luogo _Descîsc_ è trascritto
“Dichichi”; _el-Andalusin_ (gli Spagnuoli) “Hendulcini”; _Giabkalîn_,
“Chapkalinos”, ec.

[337] Quello che or si dice dell’Albergaria.

[338] Presso Caruso, _Bibl. sicula_, pag. 454 e 872. L’arcivescovo,
ch’era partigiano dell’eunuco, confessa che costui insieme con
altri, fuggì “et ad regem de Maroccho veniens, multam secum pecuniam
transportavit.” Si vede dal Falcando che l’accusavan anco di aver
portato seco le insegne reali, ma la regina affermò non essere stato
tocco il tesoro regio.

[339] Ibn-Khaldûn, _Prolegomeni_, testo arabico di Parigi, parte II,
pag. 37, 38 e nella _Bibl. arabo-sicula_, pag. 462, e versione francese
del baron De Slane, parte II, pag. 43. Lo stesso autore, nella Storia
dei Berberi, testo arabico di Algeri, tom. I, pag. 326 e versione del
baron De Slane, II, 208, dice che il 581 (1185-6) il califo almohade
Jakûb, sapendo la mossa d’Ibn-Ghania sopra Costantina, mandò contro di
lui l’armata capitanata da Mohammed-ibn-Abi-Ishak-ibn-Giâmi’, insieme
con Abu-Mohammed-ibn-’Atusc, e con Ahmed-Sikilli, e che quest’ultimo
_kaid_, con la sua squadra prese Bugia.

[340] Applicato il diritto de’ tempi al racconto d’Ibn-Khaldûn, ognun
vede che il giovanetto Ahmed era venuto schiavo in Sicilia. Ora il
Falcando attesta precisamente ch’egli fosse tenuto tale a corte,
dicendo che il conte di Gravina, saputa la sua fuga, rimproverò
alla regina vedova la stoltezza d’avere innalzato a tanta potenza un
servo saraceno che aveva già tradita l’armata; ed aggiunse esser anzi
maraviglia ch’ei non avesse fatti entrare occultamente i Masmudi nella
reggia, per portar via il re con tutto il tesoro. Il conte di Molise
partigiano di Pietro, negava che costui fosse servo, quando Guglielmo
I l’aveva emancipato nel testamento e il nuovo re e la regina aveano
confermata l’emancipazione. Presso Caruso, _Bibl. sic._, pag. 454.

[341] Si vegga su questa nobile famiglia, Gilles Bry, _Histoire du pays
et comté du Perche_, Paris, 1620, in-4. Il territorio della contea di
Perche rispondea quasi a quello degli odierni dipartimenti di Orne ed
Eure et Loir.

[342] Si leggano: Petri Blesensis _Epistolæ_;, n^i 10, 46, 66, 90, 93,
alcune delle quali ristampò il Caruso, op. cit., pag. 489, 501; Thomæ
Canterburiensis _Epistolæ_, lib. I, ep. 56, 57, 58, della edizione
di Bruxelles, 1682; Epistole di Giovanni da Salisbury, dal Codice
Vaticano, lib. II, epistola 61 e lib. III, ep. 80, presso Baronio,
Annales, anno 1168, §62, e si confronti anno 1169, §2; Epistola nº 2
di Lodovico VII di Francia a Guglielmo II di Sicilia, anno 1169, nella
_Collection de Documents inédits sur l’histoire de France_, Série 1.
_Lettres des Rois_, etc., tomo I, Paris, 1839, pag. 3. Questa lettera
fu mandata alla corte di Palermo per un Teobaldo priore di Crépy,
_procuratore_ del _monistero di Cluny_, al quale dovea servire di
credenziale presso Guglielmo II.

[343] «Panormitani.... multos apud eum accusaverunt apostates de
Christianis Saracenos effectos, qui sub eunuchorum protectione diu
latuerant.» Così il Falcando, op. cit., pag. 461. Mi par si debba
intendere de’ Musulmani già fatti Cristiani, non già di Cristiani
nati, dei quali se alcuno mai si fece musulmano, il caso doveva essere
rarissimo in quel tempo.

[344] Op. cit., pag. 463.

[345] _Gaytum Sedictum_, nelle edizioni del Falcando. I buoni mss.
della Biblioteca imperiale di Parigi, _Mss. latins_, 5150 e 6262, e
_Saint-Victor_, 164, hanno “Se dictum.” Mi sembra migliore la prima
lezione che si avvicinerebbe ai nomi di _Siddik_ ovvero _Sadâka_, non
venendomi alla memoria alcuno che si potesse pronunziare _Se_.

[346] La via Marmorea è quasi la stessa ch’or si chiama il Cassaro; ma
nel XII secolo la parte più alta di quella tornava al tratto che corre
dal Collegio Nuovo all’odierno palagio arcivescovile, poichè la Piazza
della reggia era allora in gran parte occupata dall’_Halka_, della
quale si è detto nel lib. V, cap. V, pag. 136, 137, di questo volume.

La Via Coperta, che conducea dall’antica reggia all’antico duomo,
rispondeva alla contrada che or giace sotto il piano del Papireto.

[347] I fatti si ritraggono confrontando il Falcando, partigiano, non
cieco però, di Stefano, e Romualdo Salernitano che fu de’ congiurati.
Si vegga anco Guglielmo di Tiro, lib. XX, cap. 3.

[348] Op. cit., pag. 486.

[349] Romualdo Salernitano, presso Caruso, op. cit., pag. 898-899.

[350] Abu-Sciama-el-Mokaddesi, nella _Biblioteca arabo-sicula_, testo,
pag. 336. Si riscontri Reinaud, _Extraits.... relatifs aux Croisades_,
pag. 184, secondo il quale la epistola fu scritta il 1182.

[351] Confrontisi: Ibn-el-Athîr, anno 565, testo del Tornberg, tomo XI,
pag. 231 e Makrizi, _Mowa’iz_, testo di Bulâk, tomo I, pagina 214-215.
Compendiò entrambi il Reinaud, _Extraits.... relatifs aux Croisades_,
pag. 143-144.

[352] Questa impresa del Jemen è narrata da Ibn-el-Athîr, anno 569,
testo del Tornberg, XI, 260 segg.

[353] Si confrontino: Ibn-el-Athîr, anno 569, testo, nella _Biblioteca
arabo-sicula_, pag. 308 segg. e nell’edizione del Tornberg, tomo XI,
292; Ibn-Khaldûn, op. cit., pag. 506 segg.; Ibn-Khallikân nella vita di
questo Omâra, versione inglese del baron De Slane, tomo II, pag. 367.
M. Reinaud, negli _Extraits.... relatifs aux Croisades_, pag. 172, dà
la traduzione francese di uno squarcio d’Ibn-el-Athîr.

[354] Si vegga, per questa data, la nota che ponghiamo in fine del
racconto.

[355] Questa particolarità è aggiunta da Ibn-el-Athîr. Secondo Ducange,
quel vocabolo, composto del nome etnico e di ποῦλος che in greco de’
bassi tempi significò “figlio”, par abbia designato in origine i figli
de’ mercenarii turchi dell’impero bizantino. Poi si addimandarono così
i soldati palatini di Alessio Comneno; e i Cristiani di Siria dettero
tal nome a’ cavalleggieri. L’appellazione pareva appropriata, per tutti
i versi, a’ Musulmani che militavano sotto le bandiere della Sicilia.

[356] Lo stato delle forze si ritrae dalla lettera di Saladino.
Ibn-el-Athîr quasi la copia; Ibn-Khaldûn accresce i cavalli a 2500;
Makrizi dice le galee 260; il qual numero io accetto, per la grande
accuratezza di quello scrittore nelle cose dell’Egitto e perchè meglio
corrisponde ai 50.000 uomini.

[357] Behâ-ed-din, narrando l’assedio di San Giovanni d’Acri per
Barbarossa, descrive la _debbâba_ de’ Cristiani: grande struttura di
legno, vestita di lamine di ferro, mobile su ruote, montata da molti
combattenti, armata di una trave che terminava in un collo con capo
di ferro, e chiamavasi “montone”, la quale, mossa da molti uomini,
percotea le mura. Dice egli anco d’una macchina simile che consisteva
in una tettoia, sotto la quale gli uomini moveano una trave armata d’un
ferro in forma d’aratro; e questa chiamavasi “gatto.” _Vita Saladini_,
pag. 141, 143.

_Debbâba_ è traduzione di “testuggine.”

Si vegga anco Reinaud, _Extraits_, etc., pag. 291-292. Nell’impresa de’
Siciliani sopra Alessandria occorrono simili denominazioni. La somma
della lettera di Saladino, distinguendo i varii corpi dell’esercito
siciliano, nomina “gli artefici delle torri e delle _debbâba_.” Poi
nella narrazione dell’assedio leggiamo: “e rizzarono tre _debbâba_
coi loro _kebasc_ (che vuol dir “montone”).... le quali _debbâba_
somigliavano a torri, sì grosso era il legname, sì maravigliosa
l’altezza e la larghezza, e sì grande il numero degli uomini che le
montavano.”

[358] Nella somma della lettera di Saladino che ci dà
Abu-Sciama-el-Mokaddesi, leggiamo d’un Ibn-el-Bessâr ucciso nel primo
assalto da un dardo di _gerkh_. Op. cit., pag. 333-334. Nella vita di
Saladino occorre il plurale _giurûkh_.

[359] Ai tempi di Edrîsi, il faro sorgeva a un miglio dalla città per
mare e tre per terra. Versione de’ signori Dozy e De Goeje, pag. 166.

[360] La saldezza delle mura di Alessandria è attestata da Edrîsi, l. c.

[361] Le lasciaron chiuse, dice il sunto della lettera di Saladino, coi
_kosciûr_. Il singolare _kiscr_ significa “scorza, corteccia” e però ho
messo il significalo di “imposte” che non trovo ne’ dizionarii. Par che
abbiano alzate quelle che noi diciamo saracinesche, le quali si poneano
a varie distanze dentro la lunga volta d’una porta di città o fortezza,
ed abbian lasciata socchiusa la porta esteriore.

[362] Dalla somma della lettera di Saladino parrebbe ciò avvenuto
il secondo giorno di combattimento; ma di certo v’ha errore, poichè
nello stesso squarcio si dice che lo spaccio _era arrivato_ a Saladino
il _martedì_ che fu il _terzo_ giorno dello sbarco (e secondo di
combattimento) e il corriere di Saladino ad Alessandria il _quarto_
dello sbarco (e terzo di combattimento) che fu il _mercoledì_.
Ibn-el-Athîr dice espressamente fatta la sortita il terzo giorno di
combattimento.

[363] Ibn-el-Athîr, dal quale sappiamo la spedizione di questo
corriere, dice che arrivò “lo stesso giorno della partenza.”

Fâkûs giace sull’estremo braccio del Nilo verso levante, ai confini del
deserto di Suez, poco lungi dal lago Menzaleh.

[364] Si confrontino: Ibn-el-Athîr, anno 570, nella _Biblioteca
arabo-sicula_, testo, pag. 310 segg. e nella edizione del Tornberg,
XI, 272 seg.; Abu-Sciama-el-Mokaddesi, nella stessa _Biblioteca_, pag.
332 segg., il quale dà la somma di una lettera scritta da Saladino ad
un suo emir in Siria; Ibn-Khaldûn, op. cit., pag. 508; Makrizi nella
stessa _Biblioteca_, pag. 518 dove la prima data si corregga 569. Nel
_Mesciâri-el-Ascwâk_, ediz. di Bulâk 1242 (1826-7) pag. 196, 197, è un
compendio dello stesso racconto di Abu-Sciama e d’Ibn-el-Athîr. Ne fa
anche parola un contemporaneo, nell’opera geografica posseduta dalla
_Bibl._ imperiale di Parigi, _Suppl. Arabe_, 966 bis, foglio 47 verso.
Behâ-ed-din, _Vita Saladini_, edizione di Schultens, cap. XII, pag.
41, dà un cenno di questa impresa de’ Franchi, senza dir ch’e’ fossero
que’ di Sicilia. Aggiunge ch’essi ritiraronsi dopo tre giorni con gravi
perdite; dà loro 600 legni e trasporta la data al mese di sefer 570
(settembre 1174). Oltre le teride e le galee, l’autore qui nomina le
_botse_, ch’è alterazione della nostra voce “buzzo.”

Per lieve che sia, non è da passare sotto silenzio uno sbaglio di
cronologia de’ compilatori musulmani. Abu-Sciama, il quale trascrive il
testo perduto di ’Imâd-ed-din, dice in principio sbarcati i Siciliani
la domenica, 26 dsu-l-higgia 569 e rotti il 1º di moharrem 570. Lo
stesso scrive Ibn-el-Athîr; di modo che gli assedianti, escluso il
giorno dello sbarco, sarebbero stati sotto le mura di Alessandria per
cinque giorni interi, poichè, sendo il 569 dell’egira quel che noi
diremmo anno bisestile, il mese di dsu-l-higgia ebbe allora 30 giorni
invece di 29. Da un’altra mano, sendo incominciato quell’anno di
domenica e il mese di dsu-l-higgia, di mercoledì, il giorno 26 cadde in
sabato e non in domenica.

Ma la somma della lettera di Saladino come l’abbiamo da Abu-Sciama,
nota i soli giorni della settimana: cioè, sbarco la domenica, assalti
il lunedì e il martedì, sortita e rotta il mercoledì, ritirata